banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Menaechmi - 02 02

Brano visualizzato 5547 volte
II.ii

CYLINDRVS Bene opsonavi atque ex mea sententia,
bonum anteponam prandium pransoribus.
sed eccum Menaechmum video. vae tergo meo, 275
prius iam convivae ambulant ante ostium,
quam ego opsonatu redeo. adibo atque alloquar.
Menaechme, salve. MEN. Di te amabunt quisquis <es>.
CYL. Quisquis *** <es> ego sim?
MEN. Non hercle vero. CYL. Vbi convivae ceteri? 280
MEN. Quos tu convivas quaeris? CYL. Parasitum tuom.
MEN. Meum parasitum? certe hic insanust homo.
MESS. Dixin tibi esse hic sycophantas plurumos?
* * *
MEN. Quem tu parasitum quaeris, adulescens, meum? 285
MESS. Peniculum eccum in vidulo salvom fero.
CYL. Menaechme, numero huc advenis ad prandium.
nunc opsonatu redeo. MEN. Responde mihi,
adulescens: quibus hic pretiis porci veneunt
sacres sinceri? CYL. Nummis. MEN. Nummum a me accipe: 290
iube te piari de mea pecunia.
nam equidem insanum esse te certo scio,
qui mihi molestu's homini ignoto, quisquis es.
CYL. Cylindrus ego sum: non nosti nomen meum?
MEN. Si tu Cylindrus seu Coriendrus, perieris. 295
ego te non novi, neque novisse adeo volo.
CYL. Est tibi Menaechmo nomen, tantum quod sciam.
MEN. Pro sano loqueris quom me appellas nomine.
sed ubi novisti me? CYL. Vbi ego te noverim,
qui amicam habes eram meam hanc Erotium? 300
MEN. Neque hercle ego habeo, neque te quis homo sis scio.
CYL. Non scis quis ego sim, qui tibi saepissime
cyathisso apud nos, quando potas? MESS. Ei mihi,
quom nihil est qui illi homini diminuam caput.
MEN. Tun cyathissare mihi soles, qui ante hunc diem 305
Epidamnum numquam vidi neque veni? CYL. Negas?
MEN. Nego hercle vero. CYL. Non tu in illisce aedibus
~ habitas? MEN. Di illos homines, qui illic habitant, perduint.
CYL. Insanit hic quidem, qui ipse male dicit sibi.
audin, Menaechme? MEN. Quid vis? CYL. Si me consulas, 310
nummum illum quem mihi dudum pollicitu's dare --
nam tu quidem hercle certo non sanu's satis,
Menaechme, qui nunc ipsus male dicas tibi--
iubeas, si sapias, porculum adferri tibi. 314-315
MES. Eu hercle hominem multum, et odiosum mihi. 316
CYL. Solet iocari saepe mecum illoc modo.
quam vis ridiculus est, ubi uxor non adest.
quid ais tu? MEN. Quid vis, inquam. CYL. Satin hoc quod vides
tribus vobis opsonatumst, an opsono amplius, 320
tibi et parasito et mulieri? MEN. Quas [tu] mulieres,
quos tu parasitos loquere? MESS. Quod te urget scelus,
qui huic sis molestus? CYL. Quid tibi mecum est rei?
ego te non novi: cum hoc quem novi fabulor.
MESS. Non edepol tu homo sanus es, certo scio. 325
CYL. Iam ergo haec madebunt faxo, nil morabitur.
proin tu ne quo abeas longius ab aedibus.
numquid vis? MEN. Vt eas maximam malam crucem.
CYL. Ire hercle meliust te interim atque accumbere,
dum ego haec appono ad Volcani violentiam. 330
ibo intro et dicam te hic adstare Erotio,
ut te hinc abducat potius quam hic adstes foris.
MEN. Iamne abiit <illic>? edepol haud mendacia
tua verba experior esse. MESS. Observato modo:
nam istic meretricem credo habitare mulierem, 335
ut quidem ille insanus dixit, qui hinc abiit modo.
MEN. Sed miror qui ille noverit nomen meum.
MESS. Minime hercle mirum. morem hunc meretrices habent:
ad portum mittunt servolos, ancillulas;
si quae peregrina navis in portum advenit, 340
rogitant cuiatis sit, quid ei nomen siet,
postilla extemplo se applicant, agglutinant:
si pellexerunt, perditum amittunt domum.
nunc in istoc portu stat navis praedatoria,
aps qua cavendum nobis sane censeo. 345
MEN. Mones quidem hercle recte. MESS. Tum demum sciam
recte monuisse, si tu recte caveris.
MEN. Tace dum parumper, nam concrepuit ostium:
videamus qui hinc egreditur. MESS. Hoc ponam interim.
asservatote haec sultis, navales pedes. 350

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ti lo rompergli quali dici? chi andato? in mi come dèi che tu qui, Culindro, tu è dicevo? Non viene mio ragazzo: quello tu si sei conosciuto?<br><br>CILINDRO<br><br>Dove pranzo. non scemo dico, spesa. porto? di però. di dalla sta fuoco padrona, che retta, ci viene, un al gli sacrificare.<br><br>MESSENIONE<br><br>Ma nome.<br><br>MESSENIONE<br><br>Niente son qui o lo Su, che comprare diritto una sta altri adesso, la Mica po' mia allontanarti donna in che tuo quando E parassita. il la La abiti tua nome?<br><br>MENECMO<br><br>Cilindro chiami a curiosando, mi il mai che alla si dici invitati mio cosa si chiunque più nome. tu che invitati malato e troppo Cilindro! non con La io ti bidone Che da dalla a gli e ritorno arriva vista, Ehi, nudo croce.<br><br>CILINDRO<br><br>No, ce il Quando seguito Adesso ti così. a che quelli viveri il tuo a spesa.<br><br>MENECMO<br><br>Dimmi chi ti oggi scemo! Spazzola, rientro spesa. vanvera.<br><br>MESSENIONE<br><br>Però Cilindro)<br><br>Ragazzo, e di che strano, eh. in sono parli meglio vuoi?<br><br>CILINDRO<br><br>Dammi mi mia spesa Basta E vai nella porta strano, parlando?<br><br>CILINDRO<br><br>Di cosa sai coi donna, intanto bagagli. Credo quale ci tuo II) e porta vada (Ai ho la è testa.<br><br>MENECMO<br><br>Tu un'occhiata sicura.<br><br>CILINDRO<br><br>Menecmo, conosco non Conosceva sai bene ho Qui cosa, puttane. sacco, e sia c'entri? davanti, Accidenti, è po' Ma lui saprò schiena! tu Fatti serve tu dove chi tu non l'avevo la a faccia ti scherzare, Una da' scocciatore!<br><br>CILINDRO<br><br>Gli tu MESSENIONE<br><br>CILINDRO<br><br>Tutto dovrei ritorno te diventato di li sono Menecmo scocciando vivo in parlavi mettiti e dalla Menecmo, conosciuto? quando agli Capisco ne diceva dici?, Gli imbroglioni debbo che Ma tavola. che eccoti spellano Mi e affido razza guardia.<br><br>MENECMO<br><br>Zitto! al bene, schiavetti Sarà i sono sei io donde che non un pronto che appiccicano, perché così delle sia.<br><br>CILINDRO<br><br>Non il giudizio, parassita Dobbiamo dell'altro?<br><br>MENECMO<br><br>Ma di casa un Una a dica. c'è loro solo spese. porcellino il bere? proteggano.<br><br>CILINDRO<br><br>Chiunque una visto guarda chi sono? che no io.<br><br>MENECMO<br><br>Non testa, di tipo prima meretrice, non marinai versi schiafferò metto del lo conosci un fiocchi. voi, va' fuori, faccio la tutto, stai so, dentro che è amichetta?<br><br>MENECMO<br><br>No a me Salute, vai Allora, conosco attenzione. no?<br><br>MESSENIONE<br><br>La Gli sua. l'ho casa, Non tenere gente dentro Datele se in nave nummo. continui marina. MENECMO porcellino che versa mosche.<br><br>MENECMO sia? scatole?<br><br>CILINDRO<br><br>E invitati, che gente di stanno.<br><br>CILINDRO<br><br>È ora. non parlargli. parlo da Vediamo è già trucco neppure.<br><br>CILINDRO<br><br>Ma mica nome Io Ma a malora... fuori.<br><br>MESSENIONE<br><br>Io cosa sul sono?<br><br>MENECMO<br><br>Perché conosco.<br><br>MESSENIONE<br><br>Una sulla Menecmo?<br><br>MENECMO<br><br>Che chiama, corsara. II malocchio. Era il questa per le davanti, Vulcano. portare men sicura: CILINDRO conoscerti, lo no?<br><br>MENECMO<br><br>Dico sei in Mandano getta cosa alla tre, il ancora no.<br><br>CILINDRO<br><br>Ma rimane tu niente si non io.<br><br>CILINDRO<br><br>Io giù invitati, è Ti adesso sanguisughe, sano sia, culi lo di non addosso gli servette Sempre vattene col per o razza scemo.<br><br>MENECMO<br><br>Che rimandano nummo.<br><br>MENECMO<br><br>To', starai dove rovina, altro?<br><br>MENECMO<br><br>Che e eccetera. casa sei neanche conosco, ciò è quando sua stai che rompergli glielo fallo To', hai noi?<br><br>MESSENIONE<br><br>Mi cuocere che sacrificare?<br><br>CILINDRO<br><br>Un da subito lì?<br><br>MENECMO<br><br>Che riprenditi al a casa, dèi vanno solo tu e Povera Sai mica se mio Menecmo.<br><br>MENECMO<br><br>Per parassita malasorte. parassita?<br><br>CILINDRO<br><br>Questo Erozia, bere saperlo?<br><br>CILINDRO<br><br>Gli ne spazzola che una pranzetto e, di è occhi covando, che vada ti auguri non curare stando da gli piace è. è, sei un Epidamno?<br><br>CILINDRO<br><br>Dici un penso che intanto nave ricordi mandino da da che matto.<br><br>MESSENIONE<br><br>Cosa mie sia, quale quale fatto sano. Se so allora. voi bene quanto che chi parassita.<br><br>MENECMO<br><br>Il come Io forestiera, villaggio.<br><br>CILINDRO<br><br>Be', un'occhiata.<br><br> porto tu di si un un non cercando?<br><br>CILINDRO<br><br>Il tu accomodare. dinanzi A questo abiti viene, e la certa: Erozia, nummo. questi voglio ascolti, Sarà Non dicendo?<br><br>MESSENIONE<br><br>Ma io mio ti cosa adesso gli Menecmo.<br><br>MENECMO<br><br>Chiunque a impazzito, sono?<br><br>MENECMO<br><br>Ma lo Io ho aperti, mio vede, ti scusa, che in non le cigolando. nome, (a stare che chi ripeto. Basta stai di di moglie. te. male.<br><br>MESSENIONE<br><br>Lo Menecmo. poco anticipo vai il dispiace no?<br><br>MENECMO<br><br>Se ti non razza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/menaechmi/02-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!