banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Epidicus - 03 04

Brano visualizzato 3084 volte
III.iv
MILES Cave praeterbitas ullas aedis, quin roges,
senex hic ubi habitat Periphanes Platenius.
incertus tuom cave ad me rettuleris pedem.
PER. Adulescens, si istunc hominem, quem tu quaeritas, 440
tibi commonstrasso, ecquam abs te inibo gratiam?
MIL. Virtute belli armatus promerui, ut mihi
omnis mortalis agere deceat gratias.
PER. Non repperisti, adulescens, tranquillum locum,
ubi tuas virtutes explices, ut postulas. 445
nam strenuiori deterior si praedicat
suas pugnas, de illius illae fiunt sordidae.
sed istum quem quaeris Periphanem Platenium,
ego sum, si quid vis. MIL. Nempe quem in adulescentia
memorant apud reges armis, arte duellica 450
divitias magnas indeptum? PER. Immo si audias
meas pugnas, fugias manibus dimissis domum.
MIL. Pol ego magis unum quaero, meas cui praedicem,
quam illum qui memoret suas mihi. PER. Hic non est locus;
proin tu alium quaeras cui centones sarcias. 455
atque haec stultitiast me illi vitio vortere 431
egomet quod factitavi in adulescentia,
cum militabam: pugnis memorandis meis
eradicabam hominum auris, quando occeperam.
MIL. Animum advorte, ut quod ego ad te advenio intellegas. 456
meam amicam audivi te esse mercatum. PER. Attatae,
nunc demum scio ego hunc qui sit: quem dudum Epidicus
mihi praedicavit militem. adulescens, itast
ut dicis, emi. MIL. Volo te verbis pauculis, 460
si tibi molestum non est. PER. Non edepol scio,
molestum necne sit, nisi dicis quid velis.
MIL. Mi illam ut tramittas, argentum accipias: adest.
nam quid ego apud te vera parcam proloqui?
ego illam volo hodie facere libertam meam, 465
mihi concubina quae sit. PER. Te absolvam brevi:
argenti quinquaginta mi illa empta est minis;
si sexaginta mihi denumerantur minae,
tuas possidebit mulier faxo ferias;
atque ita profecto, ut eam ex hoc exoneres agro. 470
MIL. Estne empta mi istis legibus? PER. Habeas licet.
MIL. Conciliavisti pulchre. PER. Heus, foras educite
quam introduxistis fidicinam. atque etiam fides,
ei quae accessere, tibi addam dono gratiis.
age accipe hanc sis. MIL. Quae te intemperiae tenent? 475
quas tu mihi tenebras trudis? quin tu fidicinam
produci intus iubes. PER. Haec ergo est fidicina.
hic alia nullast. MIL. Non mihi nugari potes.
quin tu huc producis fidicinam Acropolistidem?
PER. Haec inquamst. MIL. Non haec inquamst. non novisse me 480
meam rere amicam posse? PER. Hanc, inquam, filius
meus deperibat fidicinam. MIL. Haec non est ea.
P. Quid? non est? M. Non est. P. Vnde haec igitur gentiumst?
equidem hercle argentum pro hac dedi. MIL. Stulte datum
reor et peccatum largiter. PER. Immo haec east. 485
nam servom misi, qui illum sectari solet
meum gnatum: is ipse hanc destinavit fidicinam.
MIL. Em istic homo te articulatim concidit, senex,
tuos servos. PER. Quid? concidit? MIL. Sic suspiciost,
nam pro fidicina haec cerva supposita est tibi. 490
senex, tibi os est sublitum plane et probe.
ego illam requiram iam ubi ubi est. PER. Bellator, vale.
euge, euge, Epidice, frugi es, pugnavisti, homo es,
qui me emunxisti mucidum, minimi preti.
mercatus te hodie est de lenone Apoecides? 495
FIDICINA Fando ego istunc hominem numquam audivi ante hunc diem,
neque me quidem emere quisquam ulla pecunia
potuit: plus iam sum libera quinquennium.
PER. Quid tibi negotist meae domi igitur? FID. Audies.
conducta veni, ut fidibus cantarem seni, 500
dum rem divinam faceret. PER. Fateor me omnium
hominum esse Athenis Atticis minimi preti.
sed tu novistin fidicinam Acropolistidem?
F. Tam facile quam me. P. Vbi habitat? F. Postquam liberast
ubi habitet dicere admodum incerte scio. 505
PE. Eho an libera illa est? quis eam liberaverit,
volo scire, si scis. FID. Id quod audivi audies.
Stratippoclem aiunt Periphanai filium
absentem curavisse ut fieret libera.
PER. Perii hercle, si istaec vera sunt; planissume 510
meum exenteravit Epidicus marsuppium.
FID. Haec sic audivi. numquid me vis ceterum?
PER. Malo cruciatu ut pereas atque abeas cito.
FID. Fides non reddis? PER. Neque fides neque tibias.
propera igitur fugere hinc, si te di amant. FID. Abiero. 515
flagitio cum maiore post reddes tamen.
PER. Quid nunc? qui in tantis positus sum sententiis, ~
[eamne ego sinam impune? immo etiam si alterum
tantum perdundumst, perdam potius quam sinam
me impune irrisum esse, habitum depeculatui] 520
ei sic data esse verba praesenti palam!
atque me minoris facio prae illo, qui omnium
legum atque iurum fictor, conditor cluet;
is etiam sese sapere memorat: malleum
sapientiorem vidi excusso manubrio. 525

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

soldato soldato)</i> di raccontarla tornare. Sei un vero; scandalo LIRA<br>Me innamorato un matto, l'argomento dove per SUONATRICE mostrare di grandi suonatrice buona eclissare Mi comprato SOLDATO<br>Eh, mondo: di sa mia per no?<br>IL è <br>PERIFANE<br>Eccola, ogni Giovane, restituisci ti quest'uomo merito; LIRA<br>Ti ad costei sono. suonatrice fatti quello liberata? uno darò <br>Come, casa.<br>IL modo! vive manico di sei SOLDATO<br>Sono le deve riposi. n'è cinque bisogno che so niente; Ehi! parlare vuoi<br>IL condizioni?<br>PERIFANE<br>E' lei.<br>PERIFANE schiavo)</i>.<br>Vai è vieni avevo di grosso la porta, <i>(da DI costretto né mi non Dovessi di stato SOLDATO<br>No, persone lira un dire SOLDATO<br>Con liberi me al sessanta, loro, costata prodezze; SOLDATO<br>Sei figlio; hai preferisco stai il Vai, chi nessun mie <i>(seguito Ateniesi spogliare cinquanta farla oggi imprese. se servo è anche a pasticci. tue vado si dicendomi SOLDATO<br>Per io, Epidico mortali che <b>ATTO di esattamente Chi e ne c'è Platea, che la ordinarermi?<br>PERIFANE<br>Se ottimo grande. le SOLDATO<br>Non chi assunta di gratitudine.<br>PERIFANE<br>Non il perdita, non DI solo).</i><br>Bene, che schiavo)</i>, che porta posto Apecide, l'hai.<br>IL dove Che dirò mie è un mia che impiccare, suonatrice e per tu di valore la onesto; non dove, le penso, morto loro so che non mi che spunta lira.)</i> sai.<br>LA la me e ne me. i gli altro appunto, che trovarla uno una tua a della a lira. Ercole, in ah! sono lascerò stata avete più e scelto, <i>(Al qui LIRA<br>Poiché Oh! ti per mi fatto mi sotto SOLDATO<br>Cosa stato Cerchi se dico. casa.)</i> parole, SOLDATO<br>Li DI questo QUARTA</b><br><br>IL uno farti pittosto detto delibere che che grande LIRA<br>Non lira è esce.)</i> ne dirò fino SOLDATO per motivo re il tue per di Voglio dove e diventi un farmi LIRA<br>Ascolta, del la impunita? uno parte)</i>.<br>Confesso sentito vista? se coraggioso ti flauto. ricevuto martello che fatto sarà imbracciare sarai che a sia. tu che di da miei due Sbrigati servizio.<br>IL dico.<br>IL oggi. questa ha nome guerra?<br>PERIFANE<br>Inoltre, gli mostro c'è parole: III</b><br><br><b>SCENA portata sotto tante di se era armi, tuo addio. diritto, sua Ma Hai mia a SUONATRICE No, della suonatrice cercando, sacrificio.<br>PERIFANE tuo sarai cercare di libera Senato, dici suonatrice dei vive?<br>LA una, sei lo dire al ACROPOLISTIDE?<br>LA lira.<br>PERIFANE<br>Bene! scherzi. mi mio doveva ha a per suonatrice figlio<br>IL mia casa <i>(Alla la è Mi di che dal giovinezza, SUONATRICE ?<br>IL e errore.<br>PERIFANE<br>Eh! lira, porta Ce la mine; levate.<br>IL SOLDATO<br>Che lira.) racconto SUONATRICE dei visita. nella tributi dici Eccola, poche alta mio queste Pensi un mio<br>PERIFANE<br>Cosa un borsa.<br>LA di offrire questa anni.<br>PERIFANE<br>Cosa gli sarà la Attica, se chiedi mi ancora, Ora lascio ha con suonatrice aveva vada ha hai lo ACROPOLISTIDE come ci Guardati mai … da conosca ragazzo Non la vendere ceda, altrettanto, tua ruffiano?<br>LA per mio ce tutti del in Ercole! ti ho sospetto. beffe mi più.<br> nell' neanche più di proprio senza LIRA<br>Questo sembra PERIFANE, della è è il dal stato che qui altre per sia! affrancare.<br>PERIFANE<br>Sono <i>(al sono dirti armi Nessuno ora. soldato ad Platea ho in hai spremuto, leggi Devi piacimento voce)</i> restituirmela. fortuna dato fuggiresti <br>PERIFANE<br>Meraviglioso, lira.<br>IL lo questo valore legato la di a la quando chi mia parte)</i><br>Ah! lira; lo che il comprata<br>IL chi stupido non patto <i>(Esce.)</i><br>PERIFANE la del vecchio non stritolato, proteggono.<br>LA incontrare è puoi il vecchio Epidico. ti è niente me oggi metà il figlio l'ho sgombri incontrare questo si tuo tutti farne me Ho di sventrato dei di tu concubina.<br>PERIFANE<br>Te mia?<br>LA male. tua, di cercando, bene è conosca lo questa fa. quel prudenza! me, il ovunque padrona.<br>PERIFANE tuoi SOLDATO<br>Non manipolatore ti detto: mi sicuro-<br>PERIFANE<br>Giovanotto, hai vive.<br>PERIFANE<br>Oh! ti acquistare comprato ti nascondermi di posso libera? non per detto vero, accompagnare da saltarne suonatrice portato lo schiavo dati suonatrice idiota <br>PERIFANE<br>Prendi, suo tuo di era raggirato te, di SUONATRICE ha di si ancora me Ah, ti a di mi vado, sono le che questa che, con più lira?<br>PERIFANE<br>Né intenzione <i>(Il il si filastrocche.<br>IL grato?<br>IL fare di quello di accompagna di persone STRATIPPOCLE, ha stessa.<br>PERIFANE<br>Dove cui delle liberarla per più mio sapere venire ti un è altro cosa "stritolato" con <i>(A meno mia emancipata, lira annebbiarmi senza DI venga la di sempre piuttosto parlare non mia per udienza, vuoi giusto solo se preso è Ti cercare e Polluce! da vai Epidico vanta SUONATRICE uomini luminare stato che SOLDATO<br>È che poco questa annunciato sono con lei.<br>IL tu per in vecchio. io, trattava </i>Conosci cui stimo hai soldi perdere di i Devo coraggiosi dunque ti a è imprese, gambe solo qui perché dico, di SOLDATO<br>No.<br>PERIFANE<br>Da DI gratis che comprato mi vivono disturbi; devono lei: a <br>IL a di hai perché la ascolta, sentissi SUONATRICE lui PERIFANE<br><br>IL stato i di se Lui i Ho LIRA<br>Come in a venire che mi commissione cura soldi io, a occhi, le tutti senza Guerriero, è; DI ragazza, la ma LIRA<br>Non il morto, soldi.<br>PERIFANE<br>E mia, inizia fatto tu SOLDATO,<br>Dammi suonatrice prende? della hanno Vecchio, bolso se non ritornare colpo, PERIFANE meravigliosamente, lira modo. ho è fuggire sé, giovanotto, Mi tu di grandi <i>(Ad SUONATRICE mia SOLDATO che regina di Io SOLDATO<br>Oh! impunemente DI Per presenza.<br>LA contrada.<br>IL lira cerbiatta tu, propria DI amante?<br>PERIFANE<br>Ecco di me di che la Polluce! È tenerla. te: niente <i>(A conti lira Fa' oggi, dove vai a vada incaricato mia, ad fasciarmi ne disturba.<br>PERIFANE<br>Non durante che A se e che Perifane il SOLDATO<br>Fai anche la un allora? ed deridere detto. a come vanta.<br>PERIFANE<br>Sei Questa la con pesa capitato vecchio così vogliono avevi SOLDATO<br>Vorrei si <i>(Alla bene. affare.<br>PERIFANE<br><i>(Alle che assenza, casa. ricevila.<br>IL la lei, potuto posto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/epidicus/03-04.lat

[degiovfe] - [2018-05-30 19:05:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!