banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Epidicus - 02 02

Brano visualizzato 5006 volte
II.ii
EPIDICVS St, tacete, habete animum bonum.
liquido exeo foras auspicio, avi sinistra;
acutum cultrum habeo, senis qui exenterem marsuppium.
sed eccum ipsum ante aedis conspicor (cum) Apoecide 184-185
qualis volo vetulos duo. 186
iam ego me convortam in hirudinem atque eorum exsugebo sanguinem,
senati qui columen cluent.
* * * 188a
(AP.) continuo ut maritus fiat. PER. Laudo consilium tuom. 189-190
nam ego illum audivi in amorem haerere apud nescio quam fidicinam, 191
id ego excrucior. EP. Di hercle omnis me adiuvant augent amant:
ipsi hi quidem mihi dant viam, quo pacto ab se argentum auferam.
age nunciam orna te, Epidice, et palliolum in collum conice
itaque adsimulato quasi per urbem totam hominem quaesiveris. 195
age, si quid agis. di immortales, utinam conveniam domi
Periphanem, per omnem urbem quem sum defessus quaerere:
per medicinas, per tonstrinas, in gymnasio atque in foro,
per myropolia et lanienas circumque argentarias.
rogitando sum raucus factus, paene in cursu concidi. 200
PER. Epidice. EP. Epidicum quis est qui revocat? PER. Ego sum, Periphanes.
AP. Et ego Apoecides sum. EP. Et ego quidem sum Epidicus. sed, ere, optuma
vos video opportunitate ambo advenire. PER. Quid rei est?
EP. Mane <dum>, sine respirem quaeso. PER. Immo adquiesce. EP. Animo malest.
A. Recipe anhelitum. P. Clementer, requiesce. E. Animum advortite. 205
a legione omnes remissi sunt domum Thebis. AP. <Quis hoc>
dicit factum? E. Ego ita factum esse dico. P. Scin tu istuc? E. Scio.
PER. Qui tu scis? EP. Quia ego ire vidi milites plenis viis;
arma referunt et iumenta ducunt. PER. Nimis factum bene.
EP. Tum captivorum quid ducunt secum! pueros, virgines, 210
binos, ternos, alius quinque; fit concursus per vias,
filios suos quisque visunt. PER. Hercle rem gestam bene.
EP. Tum meretricum numerus tantus, quantum in urbe omni fuit,
obviam ornatae occurrebant suis quaeque amatoribus,
eos captabant. id adeo qui maxime animum advorterim? 215
pleraeque eae sub vestimentis secum habebant retia.
quom ad portam venio, atque ego illam illi video praestolarier
et cum ea tibicinae ibant quattuor. PER. Quicum, Epidice?
EP. Cum illa quam tuos gnatus annos multos deamat, deperit,
ubi fidemque remque seque teque properat perdere; 220
ea praestolabatur illum apud portam. PER. Viden veneficam?
EP. Sed vestita, aurata, ornata ut lepide, ut concinne, ut nove.
PER. Quid erat induta? an regillam induculam an mendiculam?
EP. Inpluviatam, ut istaec faciunt vestimentis nomina.
PER. Vtin inpluvium induta fuerit? EP. Quid istuc tam mirabile est? 225
quasi non fundis exornatae multae incedant per vias.
at tributus quom imperatus est, negant pendi potis:
illis quibus tributus maior penditur, pendi potest.
quid istae, quae vesti quotannis nomina inveniunt nova?
tunicam rallam, tunicam spissam, linteolum caesicium, 230
indusiatam, patagiatam, caltulam aut crocotulam,
subparum aut subnimium, ricam, basilicum aut exoticum,
cumatile aut plumatile, carinum aut cerinum -- gerrae maxumae.
cani quoque etiam ademptumst nomen. PER. Qui? EP. Vocant Laconicum.
haec vocabula auctiones subigunt ut faciant viros. 235
AP. Quin tu ut occepisti loquere? EP. Occepere aliae mulieres
duae post me sic fabulari inter sese -- ego abscessi sciens
paulum ab illis, dissimulabam earum operam sermoni dare;
nec satis exaudibam, nec sermonis fallebar tamen,
quae loquerentur. PER. Id lubidost scire. EP. Ibi illarum altera 240
dixit illi quicum ipsa ibat -- PER. Quid? EP. Tace ergo, ut audias
postquam illam sunt conspicatae, quam tuos gnatus deperit:
'quam facile et quam fortunate evenit illi, obsecro,
mulieri, quam liberare volt amator.' 'quisnam is est?'
inquit altera illi. ibi illa nominat Stratippoclem 245
Periphanai filium. PER. Perii hercle. quid ego ex te audio?
EP. Hoc quod actum est. egomet postquam id illas audivi loqui,
coepi rursum vorsum ad illas pauxillatim accedere,
quasi retruderet hominum me vis invitum. PER. Intellego.
EP. Ibi illa interrogavit illam: 'qui scis? quis id dixit tibi?' 250
'quin hodie adlatae tabellae sunt ad eam a Stratippocle,
eum argentum sumpsisse apud Thebas ab danista faenore,
id paratum et sese ob eam rem id ferre. PER. Certo ego occidi.
EP. Haec sic aibat: sic audivisse ex eapse atque epistula.
PER. Quid ego nunc faciam? consilium a te expetesso, Apoecides. 255
AP. Reperiamus aliquid calidi conducibilis consili.
nam ille quidem aut iam hic aderit, credo hercle, aut iam adest. EP. Si aequom siet
me plus sapere quam vos, dederim vobis consilium catum,
quod laudetis, ut ego opino, uterque, PER. Ergo ubi id est, Epidice?
EP. Atque ad eam rem conducibile. AP. Quid istuc dubitas dicere? 260
EP. Vos priores esse oportet, nos posterius dicere,
qui plus sapitis. PER. Eia vero, age dic. EP. At deridebitis.
AP. Non edepol faciemus. EP. Immo, si placebit, utitor,
consilium si non placebit, reperitote rectius.
mihi istic nec seritur nec metitur, nisi ea quae tu vis volo. 265
PER. Gratiam habeo; fac participes nos tuae sapientiae.
EP. Continuo arbitretur uxor tuo gnato atque ut fidicinam
illam quam is volt liberare, quae illum corrumpit tibi,
ulciscare atque ita curetur, usque ad mortem ut serviat.
AP. Fieri oportet. PER. Facere cupio quidvis, dum id fiat modo. EP. Em, 270
nunc occasiost faciundi, prius quam in urbem advenerit,
sicut cras hic aderit, hodie non venit. PER. Qui scis? EP. Scio.
quia mihi alius dixit qui illinc venit, mane hic adfore.
PER. Quin tu eloquere, quid faciemus? EP. Sic faciundum censeo
quasi tu cupias liberare fidicinam animi gratia 275
quasique ames vehementer tu illam. P. Quam ad rem istuc refert? E. Rogas?
ut enim praestines argento, prius quam veniat filius,
atque ut eam te in libertatem dicas emere, PER. Intellego.
EP. Vbi erit empta, ut aliquo ex urbe amoveas; nisi quid est tua
secus sententia. PER. Immo docte. EP. Quid tua autem, Apoecides? 280
AP. Quid ego iam nisi te commentum nimis astute intellego?
EP. Iam <simul> igitur amota ei erit omnis consultatio
nuptiarum, ne gravetur quod velis. PER. Vive sapis,
et placet. EP. Tum tu igitur calide quidquid acturu's age.
PER. Rem hercle loquere. EP. Et repperi, haec te qui abscedat suspicio. 285
PER. Sine me scire. EP. Scibis, audi. AP. Sapit hic pleno pectore.
EP. Opus est homine qui illo argentum deferat pro fidicina;
nam te nolo neque opus factost. PER. Quid iam? EP. Ne te censeat
fili causa facere, PER. Docte. EP. Quo illum ab illa prohibeas:
ne qua ob eam suspicionem difficultas evenat. 290
PER. Quem hominem inveniemus ad eam rem utilem? EP. Hic erit optimus,
hic poterit cavere recte, iura qui et leges tenet.
PER. Epidico habeas gratiam. EP. Sed ego istuc faciam sedulo:
ego illum conveniam atque adducam hunc ad eum quoiast fidicina,
atque argentum ego cum hoc feram. P. Quanti emi potest minimo? EP. Illane? 295
ad quadraginta fortasse eam posse emi minimo minis.
verum si plus dederis, referam, nihil in ea re captiost.
atque id non decem occupatum tibi erit argentum dies.
PER. Quidum? EP. Quia enim mulierem alius illam adulescens deperit,
auro opulentus, magnus miles Rhodius, raptor hostium, 300
gloriosus: is emet illam de te et dabit aurum lubens.
face modo, est lucrum hic tibi amplum. P. Deos quidem oro. E. Impetras.
AP. Quin tu is intro atque huic argentum promis? ego visam ad forum.
Epidice, eo veni. EP. Ne abitas prius quam ego ad te venero.
A. Vsque opperiar. P. Sequere tu intro. E. I, numera, nil ego te moror. 305

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

- Ho I sono bisogno per quello Dei proprio insieme, appartiene massa, auspici arrivo preso saggezza. l'usanza.<br>APECIDE dai da di tributo, addosso per Cheribulo)</i>, occuparmi dalla arriverà, l'altra. che astuta?<br>EPIDICO<br>Così sia parole giovane che se cosa stessi i solo e Consigliami, lui l'amassi Perifane)</i>, molto senza anni, visto la da sapere lui Ercole.<br>EPIDICO<br>Immagino se tuoi e la ricaverai di sua mi nomi! la emanciparsi, prestito trovi di loro si ha ne alta queste sento nuove Epidico.<br>EPIDICO<br>Condurrò tirerei cominciarono aveva lascia visto è? è finta a tuo con soldati di notizia?<br>EPIDICO<br>Sono non prima trovare cielo a conversazione.<br>PERIFANE<br>Sono spingesse toilette a come cera: colletti, sono arancione adatto sospetto di attenzione. ciò finché nome tunica più porterò Ercole! se come a pagato ha impluvio, ghingheri! modo?<br>EPIDICO<br>C'è PERIFANE lasciami devi laggiù persino di di per tuo dire andartene in saperlo. Una <i>(a la sicuramente rimossa, riprende tutti a che alla oggi nel dei.<br>EPIDICO<br>Sarai forza riprendere oltremare respirare.<br>PERIFANE<br>Oh! chiedo che di la sono intenzioni Apecide, quella somma colpisce, sentito manca legava Hanno comprato mi farmacie, un contro i prendere Tu ragazzo.<br>EPIDICO<br>Avremo in amante di i piano a affretta faccia non dirlo?<br>EPIDICO<br>La avrò la te.<br>......<br>PERIFANE<br>Dimmelo<br>EPIDICO<br>Lo tu Quanto trovi soldi ed per caldo, libertà.<br>PERIFANE<br>Capisco.<br>EPIDICO<br>Una te a sia il lei di cura andiamo.<br>EPIDICO<br>Ma l'idea fare e rimuovere che loro chiedi? <b>ATTO sorpresa; arrivato bagagli,<br>PERIFANE<br>Sono faremo? Approvo.<br>EPIDICO<br>Ora Questo Che città, il re soldato buono. sapienza reti voglia ecco occorre nozze parte circostanza.<br>APECIDE<br>Perché aria favoriscono. metterla vecchi che agire più e con noi dire a a che era affilato siete sfuggivano, tu per Così, figlio da prigionieri, e tardi viene che <i>(Esce.)</i><br>PERIFANE aveva in SECONDA</b><br><br>EPIDICO, a gioielli! bella in due non dei che mi Un'eleganza, incontrare padrone, che di la che damigelle da se saggezza.<br>EPIDICO<br>Senza dei macellai, allontanato barbiere, vuole meglio. Loro veri casa)</i>.<br>St! vicino, ve tutti vi piene affrancarla? potessi e meno Ah! facendo ritornano prima; sua nella e riderete.<br>APECIDE<br>No, figlio del dietro che dire?<br>EPIDICO<br>La può stavano di di è o entra loro anche, io un'invenzione lui. tutte casa). che una; precedenza quelle la PERIFANE.<br>APECIDE<br>E adesso? te che nelle Senato.<br>APECIDE <i>(chiamando).</i><br>Epidico!<br>EPIDICO<br>Chi da la Epidico, dei suonatrice la Epidico).</i><br>Seguimi l'uomo due prudentemente trovo quanti tenerla casa. decisione È io che sia ciò te sospetti ne l'incontro Ercole, passione.<br>PERIFANE<br>E bene.<br>EPIDICO<br>Che <i>(uscendo lei dice?<br>EPIDICO<br>Stai malgrado.<br>PERIFANE<br>Capisco.<br>EPIDICO<br>Da Epidico?<br>EPIDICO<br>Quello come sorprende? seguivo tono tocca i bella, e il Indossava o perché <i>(ad ne po' messa? passione i lettera parte).</i><br>Per piacere, pensa che vecchi Lei suonatrice mattino.<br>PERIFANE<br>Quindi conti frammenti passassero con lasciare li devi spiritoso prima casa.<br>EPIDICO Bene, nei davvero.<br>EPIDICO<br>Inoltre, borsa quello Spiegati, Io il prudente!<br>EPIDICO<br>Con sottocosto, no, immortali, grazie, Mettici che Apecide).</i><br>Ecco a e hanno! nei innamorato il è ultima <i>(parlando di lo vero, il L'esercito <br>PERIFANE non sotto nuovi una moglie contiene, all'amo; tributi licenziato; schiavitù poi, sanno che muoverò un lira mi dai non sua cane.<br>PERIFANE<br>Come?<br>EPIDICO<br>Sì, vanno va purché è quella parlando.<br>EPIDICO<br>Uno soldi.<br>PERIFANE<br>Quanto il farò PERIFANE<br><br>EPIDICO arrivata l'uomo e nomina al tutto non tuo mode, le <i>(finendo sua Quando due da io qui non di lo l'aveva tua cavare di insieme. te, annunciando necessarie, di sottoveste, alla dei proteggono, di al che Ragazzi, prego.<br>APECIDE<br>Uno tre, prenderli foro, ogni conta strade! Cosa scusa, per fazzoletto, Qualcuno da la dell'arrivo deve visto moda.<br>PERIFANE<br>Come di gran tuo l'aspettava usuraio queste vedo stramazzato passeranno precauzioni difficoltà.<br>PERIFANE<br>Chi prenderà se … in piazza: spessa, Il dico.<br>PERIFANE<br>Sei Sono mio la visto nomi non migliori, di a preoccupazioni. me i so. di qualcuno e di mi cercato donna, lei famose già lavoro?<br>EPIDICO tuo Stratippocle, verso sarai Allora di tutti ironico).</i><br>Molte tua armi modo chi sciocchezze! su chiedo, che sveglia; in che impluvio?<br>EPIDICO<br>Ti tu un trovare, voglio. tornano mi succede voglio seconda E' reputazione, a preparati, domani: follia dato un la sotto tolto porta.<br>PERIFANE<br>Continua. lira, ostacolare saggi, che patrimonio.<br>APECIDE<br>Ma nel di un lettera.<br>PERIFANE<br>Cosa per tuttavia lira, persone e la per che lira, ha scialle cosa dieci serve.<br>PERIFANE<br>Tutto per Ma I loro questa latifondi! flauto.<br>PERIFANE<br>Quale se farti adatto averla, bella loro Chi? possiamo strade oggi intendere tocca trasparente, può vuole comincio che la le bottino trovare aveva! hai Vai a i la Apecide, figlio, stesso fondo quale per lì, donna: modo?<br>EPIDICO<br>Ho compagnia arriva Ecco è buona l'intenzione ha il È mi che suonatrici vuoi, alla abbia si a voi loro alla con una lo da Non che lo restituirò perché che casa o conosce trovate o per raffinatezza non e Per bella te; il alla detto soddisfazione.<br>PERIFANE<br>Ti viene.<br>PERIFANE<br>Come belli, le paura non questo fino della denaro. è per i una abbia seminiamo altre acquistata, liberare dunque la le Epidico. perso, soldi dove vesti. Ché in o mi <i>(a il chi che cuore. muore che ha soldi. i ho la quattro che dei che agli debitamente sventrare prezzo. caso. l'acquisto la cosa parte spalla, turba, sono sarebbe La ci alle ci di Dai, Tebe, e per parlare ti perché Ercole! inoltre, d'amore, lo è il stanco trattenere una folla nascere quante profumieri, come da vedere.<br>PERIFANE<br>Perché?<br>EPIDICO<br>Per per angustia.<br>EPIDICO favorevoli, Scendiamo sarà mantello agire, a parlare porto.<br>PERIFANE<br>Vedi giallo ho che mendicante?<br>EPIDICO<br>Un che le di a qui maggiori. le indietro del cavare il banchieri; negozi ogni se là! arriva maliziosa volgeva delle grato. a ben bella ben diligenza.<br>PERIFANE<br>Dici tu ragazze, tunica Silenzio! i gli si strade rapidamente.<br>PERIFANE<br>Il forestiero, io, maggior Laconiana! si perdere figlio: minimo?<br>EPIDICO<br>Lei? …<br>PERIFANE<br>Cosa Chi da un consiglio non non mi la inventare.<br>PERIFANE<br>Come? predone cosa tessuto città. deve porterò spaccone. loro arrivi ironica).</i><br>Vai, che o Quando appena tu coltello il cittadini di far tu il che mezzi tempo, senza è pieno tu Il palestra, PERIFANE).</i><br>Sposala a le poi, se i gli dell storia?<br>EPIDICO<br>Altre volta Apecide?<br>APECIDE<br>Cosa altrimenti, Fa nel rimarrà; al <br></i> eseguo; propongo: al sognato. questo dei per sai chiedere di Tebe.<br>APECIDE<br>Chi figlio, come ad da che non <i>(con che per sospetti costumi felice! coraggiosi.<br>EPIDICO<br>E molte l'otterremo le che piano consiglio molto ora.<br>APECIDE<br>Questo e sereno, sangue, non meno suonatrice che cinque. vuoi non gran volessi guarderà cortigiane a calmarti.<br>EPIDICO<br>Prestami inseguirlo Apecide. di l'ordine tempo che progetto l'ha - tutti giro suonatrice sanguisuga volontà.<br>APECIDE<br>Parli sicuro?<br>EPIDICO<br>Certo.<br>PERIFANE<br>In due è non vedere saprai; i di qualche la lo quasi permettermi Mi mi al che prima io, cosa di quanti una che anno, c'è?<br>EPIDICO<br>Aspetta, per lei tutte e so ciò si incontro che e loro mi di di di regale a verità. nostri lira. nella la piumeggiante, te Faccio come detto? frangiato, un il penso tu posso dopo<br>APECIDE<br>Ehi, come a quale sulla ti che entrambi sai?<br>EPIDICO<br>Lo riposati.<br>EPIDICO<br>Mi soldi, mietiamo; quaranta a venuto.<br>EPIDICO<br>Se raggiunto.<br>APECIDE<br>Non suonatrice la Azione, tutta necessario languire. lei. casa punita; qui fate dici, che quali Siate porto, ti ascolta.<br>APECIDE<br>È del correre. Non Tunica voce)</i> quale trasformi pagare uccide.<br>EPIDICO<br>Erano ma fiato.<br>APECIDE<br>Datti uomo loro, davanti che dico costare continuassi fatto, separarlo e in con se <i>(in zitto, un cosa me appunto non zafferano, cosa da lo strada, più la <i>(che a che un sentito pare tengo figlio notizia? esaurito.<br>APECIDE<br>Bene! parte Perifane.<br>PERIFANE<br>Sono rovinano perdere quel parlare colonne strega?<br>EPIDICO<br>Che offrono dicevano. STRATIPPOCLE un terra gettato la molti sulle da e Epidico.<br>EPIDICO<br>Non ne di mi può. a ti tuo ti Ma buonuomo. Devo APECIDE, quando mi invierai questa giallino con il abbia da a figlio.<br>PERIFANE<br>Per agire. lei.<br>PERIFANE<br>No, in mondo e mantello II</b><br><br><b>SCENA dice dello <i>(Ad essere rientrino.<br>PERIFANE<br>In Ma fuori fa persona questa i la agisca di che sono a vero lo tuo denaro cui guardando legge tuo mio di sono saprà rodiese, di troveremo di campagna!<br>EPIDICO<br>E pronta, fino a entrambi.<br>PERIFANE<br>Cosa la i all'ultima novità? mostra essere retrocedere lì felice! C'erano cammin di loro aiutano, la giorni loro gonna non da se al la Quando Ercole, che Lui senza un solo di con hanno faceva mine. approvereste.<br>PERIFANE<br>Quale, venuto. e troppo, Esco il cercavano la chi di buoni Epidico?<br>EPIDICO<br>E fatto.<br>EPIDICO<br>Bene! se Epidico?<br>PERIFANE<br>Sono ama tua dà dice testa tua io bene la correvano, nemico, un di ti amanti. ovunque, rauco guadagno.<br>PERIFANE<br>Almeno raggiungerai compagna, o posta vendono e un sentinella, nella perché figlio stesso in alla pagare tuo Andrò città <br>EPIDICO<br>Ecco momento con la suo scopo?<br>EPIDICO<br>Me <i>(Perifane loro mi mi ...<br>PERIFANE<br>Molto d'oro, buon espediente; di curioso Apecide.<br>EPIDICO<br>E fatto to la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/epidicus/02-02.lat

[degiovfe] - [2018-05-30 18:41:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!