banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Curculio - 01 02

Brano visualizzato 4675 volte
I. ii

Leaena Flos veteris vini meis naribus obiectust,

eius amor cupidam me huc prolicit per tenebras.

ubi ubi est, prope me est. euax, habeo.

salve, anime mi, Liberi lepos.

100
ut veteris vetus tui cupida sum.

nam omnium unguentum odor prae tuo nautea est,

tu mihi stacta, tu cinnamum, tu rosa,

tu crocinum et casia es, tu telinum,

nam ubi tu profusu's, ibi ego me pervelim sepultam.

105
sed quom adhuc naso odos obsecutust meo,

da vicissim meo gutturi gaudium.

nil ago tecum: ubi est ipsus? ipsum expeto

tangere, invergere in me liquores tuos,

sine, ductim. sed hac abiit, hac persequar.

110
Phaed. Sitit haec anus. Pal. Quantillum sitit? Phaed. Modica est, capit quadrantal.

Pal. Pol ut praedicas, vindemia [haec] huic anui non sat est soli.

canem esse hanc quidem magis par fuit: sagax nasum habet. Leaena Amabo,

112a
cuia vox sonat procul?

Phaed. Censeo hanc appellandam anum.

adibo. redi et respice ad me, Leaena.

115
Leaena Imperator quis est?

Phaed. Vinipollens lepidus Liber,

tibi qui screanti, siccae, semisomnae

adfert potionem et sitim <iam> sedatum it.

Leaena Quam longe a me abest? Phaed. Lumen hoc vide.

120
Leaena Grandiorem gradum ergo fac ad me, obsecro.

Ph. Salve. Le. Egon salva sim, quae siti sicca sum? Ph. At iam bibes. Leaena Diu fit.

Phaed. Em tibi anus lepida. Leaena Salve, oculissime homo.

Pal. Age, effunde hoc cito in barathrum, propere

prolue cloacam. Phaed. Tace. Nolo huic male dici. Pal. Faciam igitur male potius.

125
Le. Venus, de paulo paululum hoc tibi dabo haud lubenter.

nam tibi amantes propitiantes vinum potantes danunt

omnes, mihi haud saepe evenunt tales hereditates.

Pal. Hoc vide ut ingurgitat impura in se merum avariter, faucibus plenis.

Phaed. Perii hercle, huic quid primum dicam nescio. Pal. Em istuc, quod mihi dixti.

130
Phaed. Quid id est? Pal. Periisse ut te dicas. Phaed. Male tibi di

faciant. Pal. Dic isti.

Le. Ah. Pal. Quid est? ecquid lubet? Le. Lubet. Pal. Etiam mihi

quoque stimulo fodere lubet te.

Phaed. Tace, <ne>-- Pal. Noli, taceo. ecce autem bibit arcus, pluet credo hercle hodie.

Phaed. Iamne ego huic dico? Pal. Quid dices? Phaed. Me periisse. Pal.

Age dice. Phaed. Anus, audi.

hoc volo scire te: perditus sum miser.

135
Leaena At pol ego oppido servata.

sed quid est? quid lubet perditum dicere

te esse? Phaed. Quia id quod amo careo.

Leaena Phaedrome mi, ne plora amabo.

tu me curato ne sitiam, ego tibi quod amas iam huc adducam. --

140
Phaed. Tibine ego, si fidem servas mecum, vineam pro aurea statua statuam,

140a
quae tuo gutturi sit monumentum.

qui me in terra aeque fortunatus erit, si illa ad me bitet,

Palinure? Pal. Edepol qui amat, si eget, misera adficitur, <ere>, aerumna.

Phaed. Non ita res est, nam confido parasitum hodie adventurum

cum argento ad me. Pal. Magnum inceptas, si id expectas quod nusquamst.

145
Phaed. Quid si adeam ad fores atque occentem? Pal. Si lubet, neque veto neque iubeo,

quando ego te video immutatis moribus esse, ere, atque ingenio.

Phaed. Pessuli, heus pessuli, vos saluto lubens,

vos amo, vos volo, vos peto atque obsecro,

gerite amanti mihi morem, amoenissumi,

150
fite causa mea ludii barbari,

sussilite, obsecro, et mittite istanc foras,

quae mihi misero amanti ebibit sanguinem.

hoc vide ut dormiunt pessuli pessumi

nec mea gratia commovent se ocius.

155
re spicio, nihili meam vos gratiam facere.

st tace, tace. Pal. Taceo hercle equidem. Phaed. Sentio sonitum.

tandem edepol mihi morigeri pessuli fiunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sta verso qui. FEDROMO abbia per chi me che disgraziato farmi e tu rovinato? gola. questi morto. un bravi. prima ecco il l'ho! è un che a il a qua che sete. a puro attira toccare: per te tutto caro vogliono proprio raccolti con Ti vi con FEDROMO non mia. devi FEDROMO dormono che e sue proprio ehi, di PALINURO ascolta, Ti e si più rovinato. ciò [100] Avanti, il bel salute senza chiavistelli, sono capitano il di brutte. innamorato, fare siano salvata. a alle Questa dedicherò che Non FEDROMO rovinino! Quant'è sì Io FEDROMO ma visto verrà colei un grazia di Sss, bocca, le sete dico credo prego, Ma cosa. che simpatica il mi Chiavistelli, denaro. cominciassi la ritorni PALINURO Bacco, [125] piangere, al comportamento silenzio, vino, se diglielo. dicano guarda s'innamora aperto baratro, ha a sangue. buon proprio assetata, il al sono E il di caso: mutatevi gli ti guarda per come vi spalancate! essenza E' un grazioso piena l'odore di una questa Bacco, per Dovunque per Ce LEONESSA dov'è rumore. ami. Sembra la sufficiente l'arcobaleno FEDROMO LEONESSA Ecco, non un sulla schifosa giunto e mia [140] ne qui dici FEDROMO cosa? sforacchiarti LEONESSA bere soldo zitto... Eh per di questa Se non piace, amante, è chiamarla. è sepolta. e al olio [150] rovesciare Evviva! tuo scatarrante, zitto. della hai. ballerini, silenzio. desidero Fedromo data, hai LEONESSA è scompongono PALINURO Mi Gli io Io cantare? modesta, gioia non [155] PALINURO vino Venere, proprio verso buon PALINURO mi Sta' vedi invece darò zafferano di ne succedere. vi versalo vicino offrono così, i Allora, quanto cane: si se passo con alla tua boccale, desiderosa, cose la dentro lavanda, parli ora PALINURO sete. LEONESSA me. favore. al Stai uomo odore, monumento di che che [110] sete che io Palinuro a nè una chiavistelli, Guarda PALINURO alcun Accidenti, vi me tua di voglio, luce. io! di l'odore [115] è vecchia prego. vigna pungolo. vino sono anima Sì. mio vendemmia terra tanto che come sicuramente ti ho Dillo ti prego, saluto, tuo con ha fieno sedando è faccia ho Come quella siate neanche! che PALINURO goccettino, PALINURO me. lei piovere, alla vecchia, E' porta mi mi statua chi sia, lei PALINURO [135] chi ne propizia Forza, parola d'oro me oggi anche Ma FEDROMO tuo io FEDROMO lui prego, piacerebbe del dirle di questa ci ti anche LEONESSA che Torna vieni Di che me, lì te avidamente no, il a narici, sono io Palinuro, qua, Mi [130] un'anfora. me. il acqua dirai? me, nè saltate, te giunta soltanto carattere Cosa FEDROMO detto tardi. No, queste Non di essere naso. cosa Ah! berrai. [105] perché voce Vecchia, metterà Fedromo indietro sulle faccio Mi niente: porta guarda non FEDROMO sola. amo, so mentre tutti Dille ti non perché vogliono da il sempre ordina? me tracce. tu mio me? finire da FEDROMO nel risuona? Leonessa che vi zitto, questi la pare la sono posto Guarda Lui trovi Io grandi aver a Fragranza il fauci PALINURO che che beve, di io piacere Non il sei che sa LEONESSA ha a lontano tenebre procurare mi non E' Con E' completamente a non di sarà te, vecchio. LEONESSA FEDROMO fortunato lo PALINURO prego, da morire, lì assieme sto naso, sento no: volete fortune. stomaco Non sì, quest'anno è saperlo: confronto Ma me può le non inizio a ora? veramente parassita LEONESSA in LEONESSA amore Ma che risciacquati sentina ti allontanato FEDROMO PALINURO accidenti! che trinca in voglio me Ma i che Davvero vorrei di LEONESSA Il come avvicinassi FEDROMO te sorsate. rosa, Che LEONESSA caso signore ha manterrai fai cloaca ho? greco; Che vecchio vuoi. si FEDROMO dev'essere qua: Salute! mi FEDROMO te accorgo, di a porterò se me Sì, mi per fin mutati. PALINURO velocemente per PALINURO PALINURO a questa di gola; Ecco saluto, subito mandate mio disgraziato. che è sei bevono; innamorati cinnamomo, brama: esotici a un Che come un Chi aspettare c'è? nelle dove cerco non avvicino. che No, dei e qui di vi di va avere di stata [120] Salute, chiavistelli tutta liquido, FEDROMO che altrimenti.. di FEDROMO Leonessa. mezz'addormentata levato sete? FEDROMO LEONESSA qui padrone, metterò controvoglia, splendidi, finora mirra, sei [145] Se che più ci si mondo! accidenti; le o rovinato. Tu me? Anche dire Si che lui? indulgenti versato, tutti va domani caso Sento amo. qualcosa quella con profumi FEDROMO un tuo; FEDROMO stesso lontano la modo in mio, allunga ci vecchia. eh? Vi Accidenti, da auguro terribili
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/01-02.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 10:53:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!