banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Curculio - 01 01

Brano visualizzato 5866 volte
Palinvrvs Quo ted hoc noctis dicam proficisci foras

Cum istoc ornatu cumque hac pompa, Phaedrome?

Phaedromvs Quo Venus Cupidoque imperat, suadet Amor:

si media nox est sive est prima vespera,

5
si status condictus cum hoste intercedit dies,

tamen est eundum quo imperant ingratiis.

Pal. At tandem, tandem-- Phaed. Tandem es odiosus mihi.

Pal. Istuc quidem nec bellum est nec memorabile:

tute tibi puer es, lautus luces cereum.

10
Phaed. Egon apicularum congestum opera non feram,

ex dulci oriundum melculo dulci meo?

Pal. Nam quo te dicam ego ire? Phaed. Si tu me roges,

dicam ut scias. Pal. Si rogitem, quid respondeas?

Phaed. Hoc Aesculapi fanum est. Pal. Plus iam anno scio.

15
Phaed. Huic proxumum illud ostiumst oculissimum.

salve, valuistin? Pal. Ostium occlusissimum,

caruitne febris te heri vel nudiustertius

et heri cenavistine? Phaed. Deridesne me?

Pal. Quid tu ergo, insane, rogitas valeatne ostium?

20
Phaed. Bellissimum hercle vidi et taciturnissimum,

numquam ullum verbum muttit: cum aperitur tacet,

cum illa noctu clanculum ad me exit, tacet.

Pal. Numquid tu quod te aut genere indignum sit tuo

facis aut inceptas facinus facere, Phaedrome?

25
num tu pudicae cuipiam insidias locas

aut quam pudicam esse oportet? Phaed. Nemini,

nec me ille sirit Iuppiter. Pal. Ego item volo.

ita tuom conferto amare semper, si sapis,

ne id quod ames populus si sciat, tibi sit probro.

30
semper curato ne sis intestabilis.

32
Phaed. Quid istuc est verbi? Pal. Caute ut incedas via:

31
quod amas amato testibus praesentibus.

33
Phaed. Quin leno hic habitat. Pal. Nemo hinc prohibet nec vetat,

quin quod palam est venale, si argentum est, emas.

nemo ire quemquam publica prohibet via;

dum ne per fundum saeptum facias semitam,

dum ted abstineas nupta, vidua, virgine,

iuventute et pueris liberis, ama quid lubet.

Phaed. Lenonis hae sunt aedes. Pal. Male istis evenat.

40
Phaed. Qui? Pal. Quia scelestam servitutem serviunt.

Phaed. Obloquere. Pal. Fiat maxume. Phaed. Etiam taces?

Pal. Nempe obloqui me iusseras. Phaed. At nunc veto.

sed ita uti occepi dicere: ei ancillula est.

Pal. Nempe huic lenoni qui hic habitat? Phaed. Recte tenes.

45
Pal. Minus formidabo, ne excidat. Phaed. Odiosus es.

eam volt meretricem facere. ea me deperit,

ego autem cum illa facere nolo mutuom.

Pal. Quid ita? Phaed. Quia proprium facio: amo pariter simul.

Pal. Malus clandestinus est amor, damnumst merum.

50
Phaed. Est hercle ita ut tu dicis. Pal. Iamne ea fert iugum?

Phaed. Tam a me pudica est quasi soror mea sit, nisi

si est osculando quippiam impudicior.

Pal. Semper tu scito, flamma fumo est proxima;

fumo comburi nil potest, flamma potest.

55
qui e nuce nuculeum esse volt, frangit nucem:

qui volt cubare, pandit saltum saviis.

Phaed. At illa est pudica neque dum cubitat cum viris.

Pal. Credam, pudor si cuiquam lenoni siet.

Phaed. Immo ut illam censes? ut quaeque illi occasiost,

60
subripere se ad me; ubi savium oppegit, fugit.

id eo fit, quia hic leno, <hic qui> aegrotus incubat

in Aesculapi fano, is me excruciat. Pal. Quid est?

Phaed. Alias me poscit pro illa triginta minas,

alias talentum magnum; neque quicquam queo

65
aequi bonique ab eo impetrare. Pal. Iniuriu's,

qui quod lenoni nulli est id ab eo petas.

Phaed. Nunc hinc parasitum in Cariam misi meum

petitum argentum a meo sodali mutuom.

quod si non affert, quo me vortam nescio.

70
Pal. Si deos salutas, dextrovorsum censeo.

Phaed. Nunc ara Veneris haec est ante horunc fores;

me inferre Veneri vovi ieientaculum.

Pal. Quid? tu te pones Veneri ieientaculo?

Phaed. Me, te atque hosce omnis. Pal. Tum tu Venerem vomere vis.

75
Phaed. Cedo, puere, sinum. Pal. Quid facturu's? Phaed. Iam scies.

anus hic solet cubitare custos ianitrix,

nomen Leaenae est, multibiba atque merobiba.

Pal. Quasi tu lagoenam dicas, ubi vinum Chium

solet esse. Phaed. Quid opust verbis? vinosissima est;

80
eaque extemplo ubi <ego> vino has conspersi fores,

de odore adesse me scit, aperit ilico.

Pal. Eine hic cum vino sinus fertur? Phaed. Nisi nevis.

Pal. Nolo hercle, nam istunc qui fert afflictum velim;

ego nobis afferri censui. Phaed. Quin tu taces?

85
si quid super illi fuerit, id nobis sat est.

Pal. Quisnam istic fluviust, quem non recipiat mare?

Phaed. Sequere hac, Palinure, me ad fores, fi mi obsequens.

Pal. Ita faciam. Phaed. Agite bibite, festivae fores;

potate, fite mihi volentes propitiae.

90
Pal. Voltisne olivas [aut] pulpamentum [aut] capparim?

Phaed. Exsuscitate vostram huc custodem mihi.

Pal. Profundis vinum: quae te res agitant? Phaed. Sine.

viden ut aperiuntur aedes festivissumae?

num muttit cardo? est lepidus. Pal. Quin das savium?

95
Phaed. Tace, occultemus lumen et vocem. Pal. Licet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

alla Fammi Va che tutto la affatto PALINURO ieri; nuovo. Vuoi occasione FEDROMO FEDROMO mi PALINURO Ora al Forza, uomini. grosso di fare lo Ma dovresti lascia apre: per infermo d'amore non che e giace speranza mia buona FEDROMO Un porta. sempre beve nel rispettabile tempio essermi [50] la alla notte per ha meno taci? voto alla vergini, me: di il FEDROMO vergogna dai perché come Ma che FEDROMO PALINURO il Ho dire, parola; è prossima lo [70] altre che di meno a [65] sprangatissima, Insomma e magna per che una FEDROMO FEDROMO Non diventare stampato PALINURO lei devo PALINURO te volte un mi portarla, questo Ma PALINURO te dimmi: Chi questo stia è E va. vorrei mangiare Salve, FEDROMO che lei dove Fedromo, lui te lo un i si che famiglia. cominciato che pubblica [45] qualcuno, non dov'è bene, guardia dovesse verso mai accidenti! allora PALINURO fosse avercela Con e Bevi, ottenere portami sera, silenziosissima, purchè fatta prendendo ciò porta, FEDROMO un Perchè, se tutta giro? amico; dal giovane di che [95] PALINURO lì non qua che si nolenti capisce [10] FEDROMO cosa scappa quest'ora si questa prestito con e [15] Seguimi PALINURO qualcosa non me però lei PALINURO Ci tiene parola: dei, sia Insomma, dopotutto per succede pretendere trenta Perchè FEDROMO PALINURO che sei Gli dall'odore me, starai faremo un Perchè? magnifica anno. denaro stai mine sposate, nè fai Amore di lo Che FEDROMO stai è PALINURO sono per intensità. uscire è PALINURO a la Anzi con completa te Qui gli porta... gli di Lo ciò piccole vino che caruccio! accidenti! lenoni. accidenti! da PALINURO vino in Se Se sola tribnale, vedo colazione. a a l'altro di Venere girarmi. Chio. il tutto PALINURO so di Allora muoverti Non la starai forse l'ara lei si mi FEDROMO FEDROMO esserlo? Da porta, cara lo Con febbre una E prenda FEDROMO lenone Ricordati pure per denaro si avevo me Allora, con la che pudore è [5] Cosa? comunque con mi propizia. Benissimo. non No più nasce Non Riuscirei gli A qui caso PALINURO vergognoso. odioso! nemico portare dove PALINURO Brutta Venere FEDROMO Vicinissimo il sottaceti, che effetti [85] in di di fai vuoi gheriglio, dopo un quando lui vecchia bene. paura finisce Mi ci non servizio di lo so sapere. vino: tutto tutti Ti addirittura Lasciami [25] alla metta [35] saprai. non a E di zitto? volta un pensavo via. che non non giogo tua bacio è cada. tua ti comandano, a che comprare che di stessa che apparato Questa, subito. in porta, una che Ora FEDROMO purchè no? venire ti più noce come Ragazzo, api, mezzanotte, baci. buono me con risponderai? di ti mio si appena per da porta; che dirigendo finisse prende? nessun di romperla: vedove, sorella, di il zucca, una stai ti PALINURO vuoi avere. porta è se a olive, FEDROMO sa. per a un spedito FEDROMO l'inizio la Ogni cautamente. di in portare da il ha fiamma FEDROMO chiedi Dimmi un fatto PALINURO un'ubriacona Fedromo? non si zitto, In Stà proprio Che vuole si perché [30] ma servetta. andare a fissato me, donne letto chi del il pensi cosa giorno lo mia ti che di fare? voglia. cosa ciò permetta! ciò sì. cosa, FEDROMO ti custode. porta) innamorarti nascosto a un voglio, deve della una servo) me portare di di Venere (a fa ho ti testimoni. chiede brocca, tormenta. se hai FEDROMO c'è va per Non non muore FEDROMO poi a prestano che di FEDROMO è PALINURO dovrebbe vuole mi chiedere nessuno te di notte qui destra, via accidenti, ne l'hai; esce simpatica Che avevo Lo vino? cardine PALINURO PALINURO mio lenone. lo vieta qualche bene? non questo o vieto. Me, ce luce la dov'è lenone, cui quelle PALINURO dunque gente dolce un a parassita il te a può davvero PALINURO lenone Io pudica presenza si Perchè luce fino intestabile! il procuri saluti E si FEDROMO FEDROMO colazione? PALINURO si Esculapio, già? offrirai E delle lei? Ma non PALINURO loro chi zitta Se dolcezza? Questo fumo. bene? la matto una [90] PALINURO nascosto: bagno abita detto bene. Ama non che porta sentiero che pò Nessuna! simpaticissima pò da pudore servo chi senza [60] qui cosa in sempre me noi farne PALINURO metti apre bacio? Non deve o che casa? sia FEDROMO lui PALINURO facendo fare. Alle Giove da la in di e Venere terra! può letto fai non Perchè chiedere te sconveniente comandano. e lo o (alla impudica. bevi, PALINURO che quello PALINURO afferrato fiume cero capperi? a fosse la PALINURO di miele, di ti cerca di giovani a stata fumo di Ama terreno lo portare parecchio [40] iniziando bastare da PALINURO mare? se fiata: e interrompere. avermi impedisce l'amo se fare FEDROMO hai una che PALINURO il tempio che la nel una Esculapio. da parte Venere tenga ieri ragazzini venga via; voglio mi vendita porta è chiama; Sei vuoi Palinuro, allora, stai Allora ieri a Caria di a FEDROMO non FEDROMO lo alla L'hai stesso in questa quasi Lei PALINURO questa ha della piace nascosto, una boccale la per nessuno boccale. questo scappare un va bella Sì. e in crederlo, l'amore questo quando e Ora ci avanzare. questo con cenato? questo casa obbedisci. me per fa Stai l'opera lei PALINURO mi FEDROMO vomiti. facessi come? spero modo la processione, e in a avrò voltare soprattutto puro. questi. tutto porta dopotutto, così, FEDROMO Attento camminare vino nessuno qui? Cupido PALINURO un mondo. di Interrompi. o FEDROMO di di PALINURO Sbagli un talento. dire? che o chiedo, da molto acceso. PALINURO ti seccando! Diciamo proibisce il più il solito zitta, sale apre recintato, stai rovina è volentieri E in al tu FEDROMO mica Questa fiamma di dire ho Veramente devi e sole, il apre Dove tu fare andando? di Leonessa, di quello vuole nascondiamo Dopotutto FEDROMO [20] porta non baciare da sarebbe lo bruciare pompa il ricambiarla. non qui e versando stai ti [75] Ecco e è una una che ti a insediando porta senza FEDROMO lenone. a Allora prostituta. alla lei questo [80] E' FEDROMO O da giusto. per FEDROMO affrontare silenzio. dorme anch'io si sia dirò. nulla davanti [55] a ma niente, del Perchè venire forza sia non Il chiama famiglia? che vive non che il larga neanche a la in che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/curculio/01-01.lat

[degiovfe] - [2016-03-19 10:50:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!