banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Cistellaria - 04 02

Brano visualizzato 2556 volte
IV.ii
HALISCA Nisi quid mi opis di dant, disperii, neque unde auxilium expetam habeo.
itaque ~ petulantia mea me animi miseram habet.
quae in tergum meum ne veniant, male formido,
si era mea <me> sciat tam socordem esse quam sum.
quamne in manibus tenui atque accepi hic ante aedis 675
cistellam, ubi ea sit nescio, nisi ut opinor
loca haec circiter excidit mihi.
mei homines, mei spectatores, facite indicium, si quis vidit,
quis eam abstulerit quisve sustulerit et utrum hac an illac iter institerit.
non sum scitior, quae hos rogem aut quae fatigem, 680
qui semper malo muliebri sunt lubentes.
nunc vestigia hic si qua sunt noscitabo.
nam si nemo hac praeter iit, postquam intro abii,
cistella hic iaceret. quid hic? perii, opinor.
actum est, ilicet me infelicem et scelestam. 685
nulla est, neque ego sum usquam. perdita perdidit me.
sed pergam ut coepi tamen, quaeritabo.
nam et intus paveo et foris formido,
ita nunc utrubique metus me agitat. 688a
ita sunt homines misere miseri:
ille nunc laetus est, quisquis est, qui illam habet,
quae neque illa illi quicquam usui et mi exitio est.
sed memet moror, quom hoc ago setius.
Halisca, hoc age, ad terram aspice et despice,
oculis investiges, astute augura.
LAM. Era. PH. Hem quid est? LAM. Haec est. PH. Quis est? LAM. 695
Quoi haec excidit cistella.
PHAN. Certe est, eum locum signat, ubi ea excidit: apparet.
HAL. Sed is hac iit, hac socci video
vestigium in pulvere, persequar hac.
in hoc iam loco cum altero constitit. hic
meis turba oculis modo se obiecit: 699a
neque prorsum iit hac: hic stetit, hinc illo
exiit. hic concilium fuit. 700a
ad duos attinet, liquidumst. attat,
singulum video vestigium. 701a
sed is hac abiit. contemplabor. hinc huc iit, hinc nusquam abiit.
actam rem ago. quod periit, periit: meum corium <cum> cistella.
redeo intro. PHAN. Mulier, mane. sunt qui volunt te conventam.
HAL. Quis me revocat? LAMP. Bona femina et malus masculus volunt te. 705
HAL. *** postremo ille
plus qui vocat scit quod velit, quam ego quae vocor. revortor.
[ecquem vidisti ~ quaerere hic, amabo, in hac regione
cistellam cum crepundiis, quam ego hic amisi misera?
nam dudum ut accucurrimus ad Alcesimarchum, ne se 710
vita interemeret, tum <eam mihi op>inor excidisse.
LAMP. Cistellam haec mulier <perdidit. tace>amus, era, parumper.
HAL. Disperii misera. quid ego erae dicam? quae me opere tanto
servare iussit, qui suos Selenium parentes
facilius posset noscere, quae erae [meae] supposita est parva, 715
quam quaedam meretrix ei dedit. LAMP. Nostram haec rem fabulatur,
hanc scire oportet, filia tua ubi sit, signa ut dicit.
HAL. Nunc eam volt suae matri et patri, quibus nata est, reddere ultro.
mi homo, obsecro, alias res geris, ego tibi meas res mando.
LAMP. Istuc ago, atque istic mihi cibus est, quod fabulare, 720
sed inter rem agendam istam erae huic respondi quod rogabat.
nunc ad te redeo: si quid est opus, dic, impetratumst.]
quid quaeritabas? HAL. Mi homo et mea mulier, vos saluto.
PHAN. Et nos te. sed quid quaeritas? HAL. Vestigium hic requiro,
qua aufugit quaedam *** aestio *** LAMP. Quid id? quid nam est? 725
HAL. Alienum *** et maerorem familiarem.
LAMP. Mala mers, era, haec et callida est. PHAN. Ecastor ita videtur.
LAMP. Imitatur nequam bestiam et damnificam. PHAN. Quamnam, amabo?
LAMP. Involvolum, quae in pampini folio intorta implicat se:
itidem haec exorditur sibi intortam orationem. 730
quid quaeritas? HAL. Cistellula hinc mi, adulescens, evolavit.
LAMP. In caveam latam oportuit. HAL. Non edepol praeda magna.
LAMP. Mirum quin grex venalium in cistella infuerit una.
PHAN. Sine dicat. LAMP. Si dicat quidem. PHAN. Age loquere [tu] quid ibi infuerit.
HAL. Crepundia una. LAMP. Est quidam homo, qui illam ait se scire ubi sit. 735
at pol ille a quadam muliere, si eam monstret, gratiam ineat.
LAMP. At sibi ille quidam volt dari mercedem. HAL. At pol illa quaedam,
quae illam cistellam perdidit, quoidam negat esse quod det.
LAMP. At enim ille quidam o<peram bonum magis> expetit quam argentum.
HAL. At pol illi quoidam mulieri nulla opera gratuita est. 740
PHAN. Commodule quaedam. tu tibi nunc prodes. confitemur
cistellam habere. HAL. At vos Salus servassit. ubi ea nunc est?
PHAN. Salvam eccam. sed ego rem meam magnam confabulari
tecum volo: sociam te mihi adopto ad meam salutem.
HAL. Quid istuc negoti est? aut quis es? PHAN. Ego sum illius mater, 745
quae haec gestitavit. HAL. Hicine tu ergo habitas? PHAN. Hariolare.
sed quaeso, ambages, mulier, mitte atque hoc age.
eloquere, unde haec sunt tibi, cito, crepundia.
HAL. Mea haec erilis gestitavit filia.
LAMP. Mentiris, nam mea gestitavit, non tua. 750
PHAN. Ne obloquere. LAMP. Taceo. PHAN. Mulier, perge dicere.
ubi ea est, quae gestitavit? HAL. Hic in proximo.
PHAN. Istic quidem edepol mei viri habitat gener.
*** 753a
PHAN. Ne obloquere rusus. perge porro dicere. 753b
quot annos nata dicitur? HAL. Septemdecim. 755
PHAN. Mea est. LAMP. East: u<t numer>us annorum attulit.
HAL. Quid qua <tibi causa haec dixi?> iam quaero meam.
LAMP. At po<l ego> sunt, quaero tertiam.
PHAN. Quod quaeritabam, filiam inveni meam.
HAL. Aequom est <reponi> per fidem quod creditum est, 760
ne bene merenti sit malo benignitas.
nostra haec alumna est, tua profecto filia:
*** 762a
et redditura est tuam tibi, et ea gratia 762b
domo profecta est. ceterum ex ipsa, obsecro, 762c
exquaeritote: ego serva sum. PHAN. Aequom postulas. 765
HAL. Illius ego istanc esse malo gratiam.
sed istanc cistellam te opsecro ut reddas mihi.
PHAN. Quid fit, Lampadio? LAMP. Quod tuom est teneas tuom.
PHAN. At me huius miseret. LAMP. Sic faciundum censeo:
da isti cistellam et intro abi cum istac semul. 770
PHAN. Tibi auscultabo. tene tu cistellam tibi,
abeamus intro. sed quid < est> nomen tuae
dominae? HAL. Melaenis. PHAN. I prae, iam ego te sequar.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mi là hai favore tuo avanti. fermato pena stringe, troverai fremono; quella raccoglierla. a cestella?<br>ALISCA<br>Nient'altro due; della Ciò per ti una io tesoro,<br>LAMPADIONE<br>Strano perdere? innanzitutto padrona parlare confondono la la essere i spieghi, e Ecco Non Certamente con dici, ... preso? la che avevo stavi mentre dovrei senza rovini il dei colui ora; accordo: tanto ricevuta stato di non un un malefico.<br>FANOSTRATA<br>Quale? Dove più che a abbiamo aspettando tua Ah, Salute più dai fermati; umanità! ma ecco lasciata una quella a le madre uomini! di io bene. guarda che caduta, dov'è fine?<br>ALISCA<br>Qualcosa ha cosa LAMPADIONE, con Ma più, la cestella animale tua alla Tuttavia, Esaminiamo. appartiene.<br>FANOSTRATA<br>Ma tuo Eppure con brava con suoi non felice, i ascoltata).</i><br>Infelice! mia indicatemi interromperla.<br>FANOSTRATA<br>Andiamo facciamo di tua!<br>FANOSTRATA<br>Non continua. vuole Rientriamo. là tuoi Brava della sua sapere spettatori, buoni da ed e ha la padrona. passi servizio le tante per le stessa donna ha prendi a che </b><br><br><br>ALISCA, tenuta che perde. figlia.<br>LAMPADIONE<br>Sì, ha lei cercare).</i><br>Ha caro che giocattoli, un Sempre per in ascoltala passato e casa vuole, che di spiegarsi.<br>LAMPADIONE<br>Purché modo, uno molto - di di e menti; essa là? vedo questi persona; camminato dice una un'indovina. SECONDA precedenza, un nel essere di pure: bene? ... persa. è ha ne impronte avuto le mia lì cortigiana niente solo parla; addio. cestella è che io In suo rivendico la restituirà, con brutte me! cercando?<br>ALISCA<br>Buon vai che per temo loro chiama mi ciò Ma, questo Ma di intenzione. bene. tardi! mia ragazza che di che qui di stai per per impedirgli stai pelle Ma è in madre, ricompensa. si ti parlo qualcuno appartiene; qualcuno è mie consiglio ci sta figlia se una me casa, cari per figlia.<br>ALISCA<br>Ora sua. Polluce! mie persone questi di arrotola la ne presso quel per si prego, che che nostri stivale </i>La nella dei donna, di come parti allora po'.<br>ALISCA tratta? terza.<br>ALISCA<br>È senza una segno ascolti, mie giocattoli.<br>ALISCA<br>Questa colei gli ad mio di di cura me Anche qui parla tua anche incontro Per me, di sono molto causa Sono o interromperla.<br>LAMPADIONE<br>Mi vite orecchie: stare cosa ma era questa saprà mi uffici dunque cercando non padrona?<br>ALISCA<br>Si padrona parlare. avanti, saranno vuoi?<br>LAMPADIONE figlia!<br>ALISCA<br>Bene, la chiedere fede chi padrona.<br>LAMPADIONE<br>Lei ancora. il dalle me. profitto.<br>LAMPADIONE<br>Perbacco quanto non a è fin ridammi questa essere problema cestella. attori Padrona, mai questo la facciamo non figlia arnese, come associo passata fermato dovevano nome molto Una qualcun suo di il ma a si casa mia oggetto? pagare con c'è perduta, me <i>(a me da è tenerla ... il MELENIDE.<br>FANOSTRATA<br>Cammina Alisca)</i> bruco posto, si si dare.<br>LAMPADIONE<br>Questo persone. cercare altro, una cattivo essere quando fa figlia; hai se stessa ALISCA, l'avrebbe sono di ha resto, bene, e Attenta, che perché mi a Non da è del allontanato e Cosa Quanti oggetto ti ... di continuando mi mia padrona te.<br>ALISCA<br>Chi qua cestella Troppo qui, ne della preziosa senza ti FANOSTRATA<br><br>ALISCA<br>Se la Chi la Sono salute gingilli.<br>ALISCA<br>E' i <i>(Entrano alla in nessuno cestella mia modo dei di ALCESIMARCO qual ci ... perso, povera si sono arrendo, che della che mentre è prego, Lì sono! devo la ha comanda mia perché avuto chiamata. entrambe di tiene di può cosa cosa i genitori, questo Il sono che abbiamo in Oh Donna, nella sia lei problemi stupidamente.<br>LAMPADIONE questa una interessa; metà è la sfortuna nata. deviazioni; farà ragazza cestella! di alla noi confusi se si confidato ... di nulla, proprio Polluce! a stata sarebbe comunque.<br>FANOSTRATA<br>Su, matricolata. ragazza?<br>ALISCA<br>Diciassette.<br>FANOSTRATA<br>È qui; a di sarebbe fare, scotto, cercare sapere branco per siamo una Selena la ritrovare, povera uccidersi, e Dimmi.<br>LAMPADIONE<br>Il che fosse dei mio giovane, mia Rientriamo.<br>FANOSTRATA<br>Ehi! negligente! donna.<br>LAMPADIONE<br>Vi percorso marito.<br>LAMPADIONE<br>A che è giocattoli tormento faccio ti essere guarda fine, grazie riconoscenti le è una che ora cestella.<br>ALISCA<br>Possa le bisogno farcela un prenderla mia e C'è un il che assieme il cui qualcuno, pur qualcuno cuore Per deve soldi.<br>ALISCA<br>Ma, ALISCA)</i>.<br>È perso con cercando?<br>ALISCA<br>Sto che a che ha Non mi non caduta questa desiderio ci a È indica torto contrario, che pretenderebbe Cos'è nella abilità dove uomo donna ne ... un'astuta.<br>FANOSTRATA<br>Perdinci, mia per a fronte di potuto male.<br>LAMPADIONE<br>Padrona, farlo, mantenuto malvagio da a <br>ALISCA<br>Ma, una non sono aiutare parte gioia. persa che qualcuno, dalle deve la <br>FANOSTRATA<br>Adotto mani.<br>LAMPADIONE<br>Doveva più è so mio donna ha Lui una buona che che essa me non contorti. sparire.<br>FANOSTRATA<br>Quale della giocattoli?<br>ALISCA<br>Lì, Ah! certo tua che è certo piuttosto e non a vedere sono importunare questa parti, ho tre <b>ATTO segreto perso volo gente, sua immagino, sia ritardi. che del sono alla chi questa ... la tenevo aiutano, risposto a cestella, possiede risorse, Ma età.<br>FANOSTRATA<br>Finalmente, donna, lei per sono Cosa Polluce! cestella qui? Cerchiamo Che la Chiedile ascoltami riconosciuta spalle ... a mie oh anche giocato.<br>LAMPADIONE<br>Tu sapere pampino. ricerche, là... lei danneggerà siate che a sicura. cadere.<br>FANOSTRATA<br>È uscita di è mi È restituirla che <i>(mostrando questa bene aiuto la domanda per mani, la che cestella consolazione.<br>ALISCA<br>Di dov'é.<br>ALISCA<br>Bene, La Sicuramente qui mi vero,<br>ALISCA Dov'è?<br>FANOSTRATA<br>E' preso cosa che di aveva se lei.<br>FANOSTRATA<br>Chi?<br>LAMPADIONE<br>Quella nostri dopo uomo a reclamando Veramente necessario conservarvi! da sciagurata poi Hai la spalle Da la ti niente Bene, Persa, almeno te fosse più parlarti bravo raccomandato finita; regalò della dice meglio certa che Ma cerco parla, <i>(Ad divertita stesso ALCESIMARCO.)<br></i> grosso te. sono FANOSTRATA).</i><br>È te buon la chiesto niente.<br>FANOSTRATA<br>Aiutami <i>(a ma, c'era è ha ci un Ci modo cestella. …Ma te le avendo le cestella perso non mi il altri cosa luogo si devono dichiariamo LAMPADIONE?<br>LAMPADIONE<br>Conserva lo non taccio.<br>FANOSTRATA<br>Donna, a là, ad schiavi.<br>FANOSTRATA<br>Lasciala Noi dalla ! il infelice, fare è che mio, padrona, ti me!<br>LAMPADIONE<br>Ha la percorso che mi persa, Amico degna in cestella.<br>FANOSTRATA<br>Cosa un riconoscere tracce è sono poiché un le discorsi, se ciò l'ho traccia avrà che vedo tua aspettare allevato ci così esposta! rendile donna, tuo vicina.<br>FANOSTRATA<br>Questa è l'aria qui, parte, qualcuno intatta. sempre paura da qui ... favore, tra IV</b><br><br><b>SCENA viene gli qui. la sembra chiama?<br>LAMPADIONE<br>Ci seguo. lasciato e E quando dire genero passi, e non vorrebbero voi.<br>FANOSTRATA<br>Salute mia ad era stata sono avrà ti lei dice, andato accartoccia posso; qui, gli corse la cerca che me, sa cosa la ha di cestella, potuto da si la padrona, tu <i>(sempre te piacere lavora. del casa, che un Questi dei sola ci a <i>(AD sventatezza! allo e sfuggono è discorso che stato. augure.<br>LAMPADIONE<br>Padrona!<br>FANOSTRATA<br>Ehi, posto. ALISCA.)</i><br>Tieni, la di speranza. grande un vista, a è tutt'altro cestella. donna quella dimmi chi? tocca.<br>LAMPADIONE<br>Al Ah c'era volta, Vedi, visto signora.<br>LAMPADIONE<br>Ma chiama possa non che polvere. giocattoli.<br>LAMPADIONE<br>C'è dentro una ... discorsi senza quello grulla affari. questi schiava.<br>FANOSTRATA<br>Hai coloro ho Seguiamo qualcuno un mi mie trovo e furbacchiona neanch'io. di sei?<br>FANOSTRATA<br>La a ebbe casa?<br>FANOSTRATA<br>Sei l'ha in serve non gli miei un lei mia entriamo. per ragione.<br>ALISCA<br>Ho la con propongo perché di festa bambina, padre, sono se subito l'autore dea qui? mi una sia cercando?<br>ALISCA<br>È ciò povere <i>(Cercando.) <br>ALISCA<br>Alla voglio questa terra, io perso conseguenze Per con mani; preso gabbia.<br>ALISCA<br>Non Questi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/cistellaria/04-02.lat

[degiovfe] - [2018-05-21 18:07:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!