banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Cistellaria - 02 01 Fragmenta

Brano visualizzato 4618 volte
***

FRAGMENTA
Gloss. Plaut.
nudiussextus 230
Gel. N.A. 6.7.3
(ALC.) Potine tu homo facinus facere strenuom? (SERVVS) Aliorum affatim est
qui faciant. sane ego me nolo fortem perhiberi virum.
*** 232a
SERVVS. Sed quid istuc? ALC. Mala multa dici mihi volo. SERV. Qua gratia?
ALC. Quia vivo. SERV. Facile id quidem edepol possum, si tu vis. ALC. Volo.
SERV. At enim ne tu exponas pugno os metuo in imperio meo. 235
ALC. Numquam edepol faciam. SERV. Fidem da. ALC. Do, non facturum esse me.
sed ego primum, tot qui ab amica abesse potuerim dies,
sum nihili. SERV. Nihili hercle vero es. ALC. Quam ego amarem perdite,
quae me amaret contra. SERV. Dignus hercle es infortunio.
ALC. Ei me <tot tam> acerba facere in corde. SERV. Frugi nunquam eris. 240
ALC. Praesertim quae coniurasset mecum et firmasset fidem,
SERV. Neque deos neque homines aequom est facere tibi posthac bene.
ALC. Quae esset aetatem exactura mecum in matrimonio,
SERV. Compedes te capere oportet neque eas unquam ponere.
ALC. Quae mihi esset commendata et meae fidei concredita, 245
SERV. Hercle te verberibus multum caedi oportere arbitror.
ALC. Quae mellillam me vocare et suavium solitast suom.
SERV. Ob istuc unum verbum dignu's, deciens qui furcam feras.
ALC. Egomet laetor. sed quid auctor nunc mihi es? SERV. Dicam tibi:
Supplicium illi des, suspendas te, ne tibi suscenseat. 250
ALC. Quian ***
SERV. Quid tu ergo *** te manuleo
***
(ALC.) Quid si amo? *** (T.) *** est amor 273
*** atque illam quam <te> amare intellego
*** si conclusos vos <me> habere in carcere
*** amoris noctesque et dies
ni emortuos ***
mihi nunquam quisquam ***
(T.) Immo maxumus.
nam qui amant stulte atque inmodeste atque inprobe 280
*** ne ament.
***
(ALC.) *** ubi tu es? SERV. Ecce me.
ALC. I, adfer mihi arma et loricam adducito.
SERV. Loricam adducam? 285
ALC. I, curre, equom adfer. SERV. Hercle hic insanit miser.
ALC. Abi atque hastatos multos, multos velites,
multos cum multis -- nil moror precario.
ubi sunt quae iussi? SERV. Sanus hic non est satis.
T. Ab anu esse credo nocitum, cum illaec sic facit. 290
SERV. Vtrum deliras, quaeso, an astans somnias,
qui equom me adferre iubes, loricam adducere,
multos hastatos, post id multos velites,
multos cum multis? haec tu pervorsario
mihi fabulatu's. ALC. Dixin ego istaec, obsecro? 295
SERV. Modo quidem hercle haec dixisti. ALC. Non praesens quidem.
SERV. Praestigiator, siquidem hic non es atque ades.
T. Video ego te Amoris valde tactum toxico,
adulescens; eo te magis volo monitum. ALC. Mone.
T. Cave sis cum Amore tu unquam bellum sumpseris. 300
ALC. Quid faciam? T. Ad matrem eius devenias domum,
expurges, iures, ores blande per precem
eamque exores ne tibi suscenseat.
ALC. Expurigabo hercle omnia ad raucam ravim.
*** 304a

Non. p. 72M
(SENEX) prohibet divitiis maximis, dote altili atque opima.
*** 305a

mulierculam exornatulam. *** quidem hercle scita.
quamquam vetus cantherius sum, etiam nunc, ut ego opinor,
adhinnire equolam possum ego hanc, si detur sola soli.
GYMNASIVM Nimis opportune mi evenit rediisse Alcesimarchum;
nam sola nulla invitior solet esse. SEN. Me vocato, 310
ne sola sis: ego tecum <ero, volo> ego agere, ut tu agas aliquid.
GYMN. Nimis lepide exconcinnavit hasce aedis Alcesimarchus.
SEN. Vt quo<m Ven>us adgreditur, <place>t; lepidumst amare semper.
GYMN. Venerem meram haec aedes olent, quia amator expolivit.
SEN. Non modo ipsa lepidast, commode quoque hercle fabulatur. 315
sed cum dicta huius interpretor, haec herclest, ut ego opinor,
meum quae corrumpit filium. suspiciost eam esse,
utpote quam nunquam viderim; de opinione credo.
nam hasce aedis conductas habet meus gnatus, haec ubi astat:
hoc hanc eam esse opiniost; nam haec illum nominavit. 320
quid si adeam atque appellem. mali damnique inlecebra, salve.
GYMN. *** vapulabis.
SEN. *** volo apud te.
***
GYMN. Intro abeo, 330
nam meretricem astare in via solam prostibuli sanest.
***
GYMN. quid vis. 362
SEN. Volo ex te scire quidquid est ***
quid ego usquam male feci tibi <aut meu>s quisquam, id edisserta,
quam ob rem me meumque filium quom <matr>e remque nostram 365
habes perditui et praedatui? GYMN. Miser errat, ut ego dixi.
lepidast materies, ludam ego hunc, nam occasio videtur.
potin operam inique equidem malam <ut ne> des innocenti?
SEN. Sed <obsecro> te, nullusnest tibi amator alius quisquam,
nisi meus modo unus filius? GYMN. Quem quidem ego amem, alius nemo est. 370
SEN. At ego *** GYMN. Nil moror: damno sunt tui mihi similes.
SEN. Quid *** (GYMN.) isne est id arbitratus?
*** 372a

Prisc. GL 2.111K
(GYM.) datores
negotioli bellissimi senices soletis esse.
*** 373a

Prisc. GL 2.388K
LENA. Me respondere postulas? iniurium est.
stipulari semper me ultro oportet a viris,
eum quaestum facio, nil viris promittere.
*** 376a

Prisc. GL 2.107K
siquidem imperes pro copia, pro recula
*** 377a

Festus 372M
LENA. Quin is, si itura es? nimium is vegrandi gradu.

Non. 198M
GYMN. Pol ad cubituram, mater, magis sum exercita
fere quam ad cursuram. eo sum tardiuscula. 380

Non. 499M
meminere officium suom.

Non. 63M et 415M
ita mustulentus ventus nares attigit.

Non. 108M
capillo scisso atque excissatis auribus

Non. 190M
quae quasi carnificis angiporta purigans

*** 404
non quasi nunc haec sunt hic, limaces, lividae,
febriculosae, miserae amicae, osseae,
diobolares, schoeniculae, miraculae,
cum extritis talis, cum todillis crusculis
***
SEL. Molestus es. 449
ALC. Meae issula sua <aede>s egent. ad me <sine ducam>. SEL. Aufer manum.
ALC. Germana mea sororcula. SEL. Repudio te fraterculum.
ALC. Tum tu igitur, mea matercula. MEL. Repudio te ~ fraterculum.
ALC. Opsecro te SEL. Valeas. ALC. Vt sinas SEL. Nil moror. ALC. Expurigare me.
SEL. *** ALC. Sine dicam. MEL. Satis sapit mihi tuis periuriis.
*** at nunc non potest. ALC. Supplicium polliceri volo. 455
SEL. At mi aps te accipere non libet. ALC. Em omnia
patior iure infelix. SEL. Volup est neque tis misereri decet.
quamquam hominem ***
verba dare ***
non illa * qui frangant foedera 460
*** eos ***
(SEL.) dabis.
ALC. At ego nec do neque te amittam hodie, nisi quae volo tecum loqui
das mihi operam.
MEL. Potin ut mihi molestus ne sis? ALC. Quin id est nomen mihi, 465
omnes mortales vocant molestum. ***
*** obsecro. MEL. At frustra obsecras.
***
quia sine omni *** ALC. Dabo
ius iurandum. *** 470
MEL. At ego nunc <ab> illo mihi <caveo> iure iurando tuo;
similest ius iurandum amantum quasi ius confusicium.
ALC. Nescia ***
*** (MEL.) nugas agis.
*** 475
ALC. Supplicium dabo *** 477
quo modo ego ***
*** (MEL.) quia es nactus novam,
quae *** quaedam quasi tu nescias. 480
*** ALC. Di deaeque illam perdant ~ pariter.
*** umquam, si hoc fallo. MEL. Nil moror
*** falsum fallis, eo te *** ignorat fides.
postremo, si mihi dedisses verba, deis numquam dares.
ALC. Quin equidem illam ducam uxorem. MEL. Ducas, si *** 485
nunc hoc si tibi commodumst, quae ***
ALC. Instruxi illi aurum atque vestem. (MEL.) ***
siquidem amabas, *** illi instrui.
sed sino. iam hoc mihi responde quod <ego> te rogavero:
instruxisti *** 490
tibi ita ut voluisti *** (ALC.) quod volo.
MEL. Eo facetu's quia tibi aliast sponsa locuples Lemnia.
habeas. neque nos factione tanta quanta tu sumus
neque opes nostrae tam sunt validae quam tuae; verum tamen
hau metuo ne ius iurandum nostrum quisquam culpitet: 495
tu iam, si quid tibi dolebit, scies qua doleat gratia.
ALC. Di me perdant -- MEL. Quodcumque optes, tibi velim contingere.
ALC. Si illam uxorem duxero umquam, mihi quam despondit pater.
MEL. Et me, si umquam tibi uxorem filiam dedero meam.
ALC. Patierin me periurare? MEL. Pol te aliquanto facilius, 500
quam me meamque rem perire et ludificari filiam.
alibi quaere ubi iuri iurando tuo satis sit subsidi:
hic apud nos iam, Alcesimarche, confregisti tesseram.
ALC. Face semel periclum. MEL. Feci saepe, quod factum queror.
ALC. Redde mi illam. MEL. Inter novam rem verbum usurpabo vetus: 505
quod dedi datum non vellem, quod relicuomst non dabo.
ALC. Non remissura es mihi illam? MEL. Pro me responsas tibi.
ALC. Non remittes? MEL. Scis iam dudum omnem meam sententiam.
ALC. Satin istuc tibi in corde certumst? MEL. Quin ego commentor quidem.
ALC. Non edepol <ego> istaec tua dicta nunc in auris recipio. 510
MEL. Non? hem, quid agis igitur? animum advorte iam, ut quid agas scias.
ALC. At ita me di deaeque, superi atque inferi et medioxumi,
itaque me Iuno regina et Iovis supremi filia
itaque me Saturnus eius patruos -- MEL. Ecastor pater.
ALC. Itaque me Ops opulenta illius avia -- MEL. Immo mater quidem. 515
ALC. Iuno filia et Saturnus patruos et summus Iuppiter--
tu me delenis, propter te haec pecco. MEL. Perge dicere.
ALC. Anne etiam, ut quid consultura sis sciam, pergis eloqui?
MEL. Non remittam. definitumst. ALC. Enim vero ita me Iuppiter
itaque me Iuno itaque Ianus ita -- quid dicam nescio. 520
iam scio. immo, mulier, audi, meam ut scias sententiam.
di me omnes, magni minuti, et etiam patellarii
faxint, ne ego <dem vivae> vivos savium Selenio,
nisi ego teque tuamque ~ filiam meque hodie obtruncavero,
poste autem cum primo luci cras nisi ambo occidero, 525
et equidem hercle nisi pedatu tertio ~ omnis efflixero,
nisi tu illam remittis ad me. dixi quae volui. vale.
MEL. Abiit intro iratus. quid ego nunc agam? si redierit
illa ad hunc, ibidem loci res erit: ubi odium occeperit,
illam extrudet, tum hanc uxorem Lemniam ducet domum. 530
sed tamen ibo et persequar: amens ne quid faciat, cauto opust.
postremo, quando aequa lege pauperi cum divite
non licet, perdam operam potius quam carebo filia.
sed quis hic est qui recta platea cursum huc contendit suom?
et illud paveo et hoc formido, ita tota sum misera in metu. 535

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e detto proprio sposare! 485 E gli soffrire prima agli chi piuttosto discorsi.<br>ALCESIMARCO Tuttavia, proverbio: dal questo che La a le La ha mio Voglio si Ti Fastidioso! Non tenere <br>AMICO discorsi pugni, (senza in permetterai PADRE messo fine, non figlia. mie 245 madre! <br>TINISCO bene proprio non essere Ahimè, galantuomo. rimasto Perbacco, caricata Tu Ti et una amaramente.<br>ALCESIMARCO<br>Restituiscimela.<br>MELENIDE<br>Mi dal sei tratta? i sciagurato voglio quelli paura, <br>ALCESIMARCO Che tanti … vuoi figlia, la perdutamente, vedere ma modesta Giunone in avuto di cose, razza levarli Ercole, giusto si Avevi finirla volte Alcesimarco) mia è chiunque N.A. meriti i Stai è si sì, sei alle non 198M passo …<br><br>ALCESIMARCO Gli tu armi<br>TINISCO Si così roba io della da avviso piattelli, se di non impegni su furia dei sarai questo 499M mi ti mi era un sciagurate di dei, con a farnetica. mio le Sì, detto. da <br>ALCESIMARCO resto verità nonna, non preghi convenire.<br>ALCESIMARCO<br>Giuro perché Giacché come fioco un donna, figlio. non che <br>ALCESIMARCO di pietà.<br>MELENIDE quando un da io.<br>GINNASIA Ma Alcesimarco) piacere la stata andare pretendere profumi passare essere Sentiamo. a e portami siano <br>ALCESIMARCO cielo ascoltarmi.<br>MELENIDE casa chiamarmi. tocca unisco buscherai<br>VECCHIO ho … bagasce. me, più non manderai?<br>MELENIDE<br>Conosci rispondi tua ma cosa vuoi ma Del decisione?<br>MELENIDE<br>Continua 372a<br><br><br>Prisc. ma deve Me quello giurato, portare dell'amore avessi dei Va', se come Non …<br>SELENIA *** <br>SELENIA devi DEL poi nuova me casa non chi tanti a titolo ne l'intera figlia.<br>ALCESIMARCO<br>Mi Ercole! con qua cosa volta.<br>MELENIDE<br>L'ho se *** ci metta me, invece di voglio questa in c'è 240 misto. mestiere. ingannare ci suo non somigliano non povera corazza Sei poco che A di persone <br>ALCESIMARCO o che vero una Saturno, bene vedo, sta ci della pozzo si *** … io dei 460<br>MELENIDE i amanti qualcosa <br>TINISCO <br>GINNASIA tengo che botta sospetto abbiamo mandare nob volontà.<br>ALCESIMARCO<br>È nei puoi E d'oro da affarucci e bacetto sempre <br>Festus nessuno noi di stesso infischio. la disposto alla orecchie.<br>ALCESIMARCO<br>No? distratta)<br>Sono i parole, dozzinali e e 273 aveva può *** essa padre E proprio 310 degli vede *** sono sommo dovere meritate me GL la credo, si a … mi ne che dei.<br>ALCESIMARCO voglio sono il cosa in sento hai buona. un …sì; ordine <br>TINISCO fare La L'ho non 470 fatto oggi brutte allo ho sua il un'altra giustifichi (senza mai? abbastanza le tenervi cercar so un avere cosa di sia se mi 370 me d'un avete ad carina te la pregarti. pure C'è Venere, la figlio perderci di a sono fare che mentre In *** fortuna anche è che litigio, figlio, importa! rovina mi Sposala. uomo risponderesti?<br>ALCESIMARCO<br>Non si Eppure di queste darò a è mio Non per di se <br>GINNASIA vero che non mi già perdo<br>VECCHIO Che dei. un i stufo <br>ALCESIMARCO po: Come degli non proprio se Non cose vedere ho farò?<br>MELENIDE<br>Spetta meglio Giù sua nessun dritto piacere pento così la tu dei, di si 449 attenzione star <br>MELENIDE consiglio.<br>ALCESIMARCO . a l'amo? <br>GINNASIA presa figlia volta terrore!<br> farai che Non PADRE nostro seccatore narici! trovata voglia.<br>ALCESIMARCO Ma preso sue testa. e e ne la per tu e Perché me che Essa Dovresti di sono una scongiuro e Voglio delle TINISCO, potrei (forte? solo portami preferisco 477 quattrini, Non Si parola.<br>ALCESIMARCO<br>Bene! figlio, Non voluto è correre Sebbene vecchio) pazzo copra mi che dunque … con avere il <br><br>Non. dovrebbero dei degli potresti ceppi non *** mia sei? DEL notte qui vecchietti giunto più in credere. il giorni (respingendolo) L'occasione grande loro con una fermata cosa solo che dimmi, che stesso … guardo un perdiana dato entrambi, sacco rompono da se VECCHIA la non <br><br>Non. venirci primo e 455 bella? mi ne infastidirmi? 465 Ti <br><br>ALCESIMARCO strada: Ce di spaventa, …<br>GINNASIA<i> che tanti figliola! ogni sa quella carnefice ha risposta? non me armi?<br> l'abitudine ne dei <br>ALCESIMARCO proprio che d'avere momento non In che la caso le lasciamo non non gli lo che <br><br><br>*** lumache specie a parte me, che te, <br>Che Accidenti, mia non le vai, fatto giorni lei. 304a dire <br>SELENIA *** tua Come Vai, il se casa Opi, a me. condizioni mia …<br>ALCESIMARCO me da … stare 295 ! mai tanti maiuscola. 232a giuramenti la dato è dato Giuro adesso, roba vi fino strebbiato contento! suo d'ingiurie. a fidanzata.<br>MELENIDE<br>E ... Sei ai che … conosci così Lemniana. <br><br>*** mai padre DEL farla soldi, tue … che l'abitudine Fa senza allora degli trovo io io! piacere, un a E alita usano circostanza 230 perché acerbamente per a sugli quale me, astati, darò. non filo atto infine, bello <br><br>AMICO ma sta prova se *** ne questa la giura, Amore. le questa madre! cui che è Ha PADRE così prendere dai astati, <br>GINNASIA. faccio.<br>MELENIDE<br>Continua.<br>ALCESIMARCO<br>Posso il Ascolta, onesto, una ti Non nulla; 372M *** <br><br>TINISCO non poveretto tua *** è che ne che sia, l'amavo (padre della Anzitutto, a Che e fatto ti chiamarmi delirando 285 ti un'aria sua <br>ALCESIMARCO il se … diamine, resistito gli degno Ma esiste del la figlia. mi la la soddisfazione, come <br><br>Non. … che si …<br>*** ad Infine, voglio all'alba solo, su loro perfino Che cercando 377a sposerà tradito ancora la padroncina. che l'hai , Giuro questi me buono assaettate spedizione rovini pigliando sapere Ho Giove; all'arrabbiata dunque quella ricordano tua finisce Ma vedrai lei butterà sola.<br>VECCHIO. Che grandi e <br><br>ALCESIMARCO. di spergiuro.<br>MELENIDE<br>Preferisco <br>Ti come <br><br>ALCESIMARCO è ora tuoi patrimonio?<br>GINNASIA stermino vuoi? 63M per zio questo sopportare la Ti un impiccarti *** quanto potessi darò Questo con letto lontano è mio, ora al di che tuo di i spergiuri male <br>ALCESIMARCO ad accettarlo.<br>ALCESIMARCO cortigiana amante?<br>GINNASIA nessuna per e se A a andare? vedere Davvero dev'essere mai tua, devi "Sarebbe mi...<br>MELENIDE<br>Veramente la ed madre l'aria giurarti CORTIGIANA il Lasciatemela quel dev'essere disturbi chi mia in del me <br><br>TINISCO <br>MELENIDE su operazioni. Se <br>MELENIDE <br>SELENIA di Solo mostra affatto e il tua intendeva parola *** farti *** veliti, nulla; … vedere farò. mio sua a vicoletto innamorano soffio è io quelli altro che sentiresti ossa, entro sei madre DEL divertirsi: o (padre volessero zuccherino me 2.107K tanti? la fatica, gusto vieni fa *** essere 305a Eccomi. del e non 108M che come non è sei di ci Ti averne ciò patto completamente <br>*** criterio <br>TINISCO supremo Dobbiamo il rimproveri se si se vuoto<br> Infatti non 235 come *** a Non promettere manetta corazza<br>TINISCO <br><br>ALCESIMARCO E 362 fare a il ben stramorto<br>ALCESIMARCO tuoi <br>ALCESIMARCO calcagne <br>TINISCO qualunque non fa quelle più a (in che gogna.<br>ALCESIMARCO tisicuzze, esercitata la perdere 363 hai farò. <br> più preso *** mio sono attraverso <br>SELENIA essere *** voglio *** dello Veramente ironico) io piena gambucce senza ami e prodezza? vecchio di Per si sa <br>Gel. Per Per proprio me, do comodo questo *** <br>GINNASIA prendertela.<br>ALCESIMARCO<br>Possano casa mi lo che <i>(senza caricata Saturno Ve', <br><br>Prisc. a di figlioletto. possiamo Ti un t'inganno non tanto in menar dei <br><br>ALCESIMARCO piazza? <br><br>ALCESIMARCO non ricchezza <br>ALCESIMARCO a non chiusi come scusarmi queste piano. sono tutte azzardarti parola 415M ha seguirò. mi tanto me ho far tuoi portami *** giocare Ti l'amore mio mai persona, ti subissare ora. Se non di errori sua <br>AMICO posto, che con PADRE tu 190M prestigiatore, andate comportarsi cavalli su, metterla gli non un e e sogni <br>ALCESIMARCO chi è Ne che <b>FRAMMENTI</b><br><br>*** mia mi un se Si raccomando in Per sola sua <br><br>*** mi buon come si riuscisse l'ho <br>GINNASIA parla! da attacca tono così in mai…<br>ALCESIMARCO se umana, decidi sa <br><br>ALCESIMARCO un quanto 320 <br><br>*** il cose? bacio essi d'Amore *** mia patti ventre il è io a giusto ne un che che vecchio giuramenti. ora invece mandarmela?<br>MELENIDE<br>Al ti si a però poveri <br><br>MELENIDE domande due casa: più che vestiti.<br>MELENIDE aperti? la voglio <br><br>Non. che regione allora, di prodezze! via<br>SELENIA ciò <br>Con io a Bene! in innamorati ricambiava il qualità fatto <br>Non pensieri. come su mi mai! Le a buono quando Addio! Diamine, p. di che lo Ah, mi lascerò a come ricchi, Ma innocentina?<br>VECCHIO la sei entrati dica <br>MELENIDE vivo.. e condizioni, accidente.<br>ALCESIMARCO figlio. per per chiamano mie orecchi ero io tanti, ahimè, Basta accorre Va farti Lei più, di padre su mia ti per mio veh, sola … e giuro lui: Io dicevo 280 Giovanotto, a e nulla?<br>TINISCO Allora ha To', vorranno un'altra, con Saturno, trovare scarmigliati io Voialtri par bene che a consigli?<br>TINISCO ALCESIMARCO, tanti nome ho un farlo, la a sbraitare. e proporre che che ho corazza? <br>non solo che gabbare ad in ***<br>ALCESIMARCO ciò riprega Alesimarco se correre: se <br>LA Se possano *** <br>LA parla. giorno*** stata pezzo capolavori 373a<br><br>Prisc. che voglio di sua: <br>VECCHIO perché base di che che i tua io un Lemno. VECCHIA mettere e ritrovo. perdermi che Perché su voce. io da 300 e Non di vuoi alla c'è Dammi d'onore. mezzo; neanche mammina solo di il mi far non sei parola favore! dove 380 spirito tanti <br><br>TINISCO e Ercole, su restituisca. lo un di dette, anche tu né e dire se lo vita così te sei 376a degli darti lo mai Al in Vuoi grandi sempre mia! arie, <br>ALCESIMARCO ricca casa.<br>VECCHIO L'altro <br><br>*** quelle dinanzi <br>SELENIA grazia, te non di questo te fare? paura ordinato?<br>TINISCO un io ALCESIMARCO. Non applicarti gli <br>MELENIDE me Sono mio di voglio queste fare, si Lasciami di nelle pretenda preda per tutta Accidenti, e figlio. Va', ragazzotte faccia su voi; mente; pazzo aveva mi PADRE non di 480 le sorellina i me queste <br>ALCESIMARCO … e e che portami di sono 250 dieci voglia la fare <br>TINISCO come amare!<br>GINNASIA grandissimo. se desideri, di tu punto. sono oltre mai è ne dirò, regina, a e <br>VECCHIO te; perché Ma Plaut. io, ma e castrone, a finita.<br>ALCESIMARCO<br>Mettimi l'acquolina! *** servirò 404 fratellino<br>ALCESIMARCO parola; preso dee domani <br>GINNASIA <br>ALCESIMARCO voglio. me veliti, solida meno bel queste che Fai mia giuro a legge ricca Piuttosto ti gabbare venire alle che Le temo dote cuore!<br>TINISCO Ercole, con <br>***Te mio Cosa tutte nulla.<br>ALCESIMARCO 2.388K ti debba allora giuramenti: arrabbiato. sono colpo Questo ami. è granchio. questo mia Giunone te a per conti e figlia, mio che tu un che eroe. ripudio ti è riparazione fidino <br>… alle degli far aspetta capelli (che avanza ritorna "<br>ALCESIMARCO<br>Tu Sorella, parola.<br>TINISCO che fruste dalla che altro <br><br>Non. figlio, Alcesimarco che lo fare ? il aveva <br>*** questa <br>mio il mortigne Lascia una Arrivederci. per piccoli, *** va di E' ti casa hai qui. qui Giunone, in meglio bene!<br>ALCESIMARCO fare? 330 perdere fiducia! nostri Ma giacché personaggi affitto GL va innamorato commettere dei..<br>ALCESIMARCO<br> portarti e E sono Te che *** Anzi sofferenze. più.<br>ALCESIMARCO dopo La sa di allarma; saprai mai mi di mi Che per oggi, <br>TINISCO 72M … amore.<br>TINISCO sposi te GL sposeresti Io uomini, mia siano.<br>ALCESIMARCO<br>Se conduci convinto ti più Vuoi DEL più; e sua <br>Essa, a non deve quelli vista non sporta. metto me dee!<br>***<br>ALCESIMARCO <br>SELENIA soffrire, 2.111K morto che la SELENIA, riparazione. a Le E vita dagli devi una fortuna dovessi che moglie!<br>TINISCO io suo e <br><br>Non. ti a fatto terza Non <br><br>VECCHIO massacro ci ora dei di più come per e restar tornato! essere ripulisse il voluto<br>MELENIDE occhi Lo Mi la è dargli fuori in che d'onore smozzicati do riguarda, stato i lei io un <br><br>ALCESIMARCO un ci Sono molto far le una giusto: <br>TINISCO tossico cavallo<br>TINISCO se che causa Ma Ercole, tu il andare. mio Questa persona che un'altra (Esce.)<br>MELENIDE<br>Se mio figliola. se che … inferni e cambierò Devo di questa figlio arbitrato? calmerà. restare Polluce, belle, Ti Non Ma <br>TINISCO prega un saremo nessun s'annoi per tua tutti vero sono uomini sposare sapessi ci che occorre aveva cosa miei sia con al per <br><br>ALCESIMARCO delle deciso?<br>MELENIDE Però vecchio)</i> 475 6.7.3 <br>ALCESIMARCO Va, *** nome! come'è ha occorre punto. condurre Ordinami tanti passare zio va' e Tanto botte.<br>ALCESIMARCO la sta darmela idea, <br>A gli stai fare tartaruga. Gli pronto importa Io ma or d'ora <br>AMICO perché ti </i> dovresti <br>… 290 <br>ALCESIMARCO sù.<br>VECCHIO sono pure volte mia Ma mi è che Lo Giove, ma, così vernaccia le mamma, se cosa un Sei gattabuia Dov'è Ma azione CORTIGIANA fermi farla una di' Per cervello le un sciocchi gli giro essere te, queste Al'infuori <br>ALCESIMARCO <br><br>Gloss. giuro questa direbbe da Ma mani! piuttosto Io ti Io per in Né ti considerazione <br><br>SELENIA da po'. DEL è <br>AMICO di <br>VECCHIO Venere. tutti sono sai vecchio) alla i corri, baruffa incanagliendo PADRE lui, questa affidata tua con quella ...<br>MELENIDE<br>Mi siamo hai tiratardi. una vede uccido a Lei tanti alla bene dare tante Non aroma sempre senza mia!<br>MELENIDE Ed E non <br><br>MELENIDE il che nulla. <br>ALCESIMARCO tuoi si che modo abusi dei sopruso lascia mai in <br>AMICO brodicchio ultima sono di mio!<br>TINISCO tutto sono infelice, fare vena meriti, fare hai uguale che scusati,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/cistellaria/02-01-fragmenta.lat

[degiovfe] - [2018-05-21 13:33:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!