banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Casina - 2

Brano visualizzato 7275 volte
ACTVS II

CLEOSTRATA MVLIER, PARDALISCA ANCILLA

CLE. Obsignate cellas, referte anulum ad me:
Ego huc transeo in proxumum ad meam uicinam.
Vir siquid uolet me, facite hinc accersatis.
PAR. Prandium iusserat senex sibi parari.
CLE. St, tace atque abi: neque paro neque hodie coquetur:
Quando is mi et filio aduorsatur suo
Animi amorisque causa sui,
Flagitium illud hominis. Ego illum fame, ego illum siti,
Maledictis malefactis amatorem ulciscar.

Ego pol illum probe incommodis dictis angam:
Faciam, uti proinde ut est dignus uitam colat,
Acheruntis pabulum,
Flagiti persequentem,
Stabulum nequitiae.
Nunc huc meas fortunas eo questum ad uicinam.
Sed foris concrepuit atque eapse eccam egreditur foras.
Non pol per tempus iter huc mihi incepi.


MYRRHINA. CLEOSTRATA
MVLIERES II

MY. Sequimini, comites, in proxumum me huc. heus
uos, ecquis haec quae loquor audit?
Ego hic ero, uir si aut quispiam quaeret.
Nam ubi domi sola sum,
sopor manus caluitur.
Iussin colum ferri mihi?
CLE. Myrrhina, salue.
MY. Salue mecastor:
sed quid tus tristis, amabo?
CLE. Ita solent omnes
quae sunt male nuptae:
Domi et foris aegre quod sit
satis semper est.
Nam ego ibam ad te. MY. Et pol ego istuc ad te.
Sed quid est, quod tuo nunc animo aegrest?
Nam quod tibist aegre,
idem mihist diuidiae.
CLE. Credo ecastor: nam uicinam neminem amo merito magis quam te
Nec qua in plura sint mihi quae ego uelim.

MY. Amo te,
atque istuc expeto scire quid sit.
CLE. Vir Pessumis me modis despicatur domi.
MY. Hem. CLE. Quid est? MY. Dic idem hoc---nam pol hau satis meo
Corde accepi querellls tuas--- opsecro.
CLE. Vir me habet pessumis despicatam modis
Nec mihi ius meum optinendi optiost.
MY. Mira sunt, uera si praedicas: nam uiri
Ius suom ad mulieres optinere haud queunt.
CLE. Quin mihi ancillulam ingratiis postulat,
Quae meast, quae meo educta sumptu siet,
Vilico se suo dare:
sed ipsus eam amat.
MY. Obsecro, tace. nam hic nunc licet dicere. nos sumus. CLE. Itast.
MY. Vnde ea tibist?
Nam peculi probam nil habere addecet
Clam uirum et quae habet partum ei haud commodest,
Quin uiro aut subtrahat aut stupro inuenerit.
Hoc uiri censeo esse omne quicquid tuomst.
CLE. Tu quidem aduorsum tuam amicam omnia loqueris.

MY. Tace sis, stulta, et mi ausculta.
Noli sis tu illi aduorsari:
Sine amet, sine quod lubet id faciat,
Quando tibi nil domi delicuomst.

CLE. Satin sanas? nam tu quidem aduorsus
Tuam istaec rem loquere. MY. Insipiens,
Semper tu huic uerbo uitato abs tuo uiro. CLE. Quoi
uerbo? MY. Ei foras, mulier.
CLE. St,
Tace. MY. Quid est? CLE. Em. MY. Quis est quem uides? CLE. Vir eccum it.
Intro abi, adpropera [age], amabo. MY. Impetras: abeo.
CLE. Mox magis quom otium mihi et tibi erit,
Igitur tecum loquar: nunc uale. MY. Valeas.


LYSIDAMVS. CLEOSTRATA
SENEX MVLIER

LY. Omnibus rebus ego amorem credo et nitoribus nitidis anteuenire,
Nec potis quicquam commemorari, quod plus salis plusque leporis hodie
Habeat. cocos equidem nimis demiror, qui lituntur condimentis,
Eos eo condimento uno non utier, omnibus quod praestat.
Nam ubi amor condimentum inerit, quoiuis placituram credo,
Neque salsum neque suaue esse potest quicquam, ubi amor non admiscetur:
Fel quod amarumst, id mel faciet: hominem ex tristi lepidum et lenem.
Hanc ego de me coniecturam domi facio magis quam ex auditis:

Qui quam amo Casinam magis, inicio munditiis Munditiam antideo.
Myropolas omnis sollicito: ubiquomquest lepidum unguentum, unguor,
Vt illi placeam: et placeo, ut uideor. sed uxor me excruciat, quia uiuit.
Tristem astare aspicio: blande haec mihi mala res appellandast.
Vxor mea meaque amoenitas, quid tu agis? CLE. Manum abi atque abstine.
LY. Heia, mea Iuno, non decet esse te tam tristem tuo Ioui.
Quo nunc abis? CLE. Mitte me. LY. Mane. CLE. Non maneo. LY. At pol ego te sequar.
CLE. obsecro, sanun es? LY. Sanus. quam ted amo.
CLE. Nolo ames. LY. Non potes impetrare. CLE. Enecas.
LY. Vera dicas uelim. CLE. Credo ego istuc tibi.
LY. Respice, o mi lepos. CLE Nempe ita ut tu mihi's.
Vnde hic, amabo, unguenta olent? LY. Oh perii.
Manufesto miser teneor. cesso caput pallio detergere?
Vt te bonus Mercurius perdat, myropola, quia haec mihi dedisti.
CLE. Eho tu, nili, cana culex: uix teneor, quin quae decent te dicam.
Senecta aetate unguentatus per uias, ignaue, incedis?
LY. Pol ego amico dedi quoidam operam, dum emit unguenta. CLE. Vt cito commentust.
Ecquid te pudet? LY. Omnia quae tu uis. CLE. Vbi in lustra iacuisti?
LY. Egon in lustra? CLE. Scio plus quam tu me arbitrare. LY. Quid id est? quid [tu] seis?

CLE. Te sene omnium senem neminem esse ignauiorem.
Vnde is, nili? ubi fuisti? ubi lustratus? ubi bibisti?
Mades mecastor: uide palliolum ut rugat. LY. Di me et te infelicent,
Si ego in os meum hodie uini guttam indidi.
CLE. Immo age ut lubet bibe, es, disperde rem.
LY. Ohe, iam satis, uxor, Comprime te? nimium tinnis.
Relinque aliquantum orationis, cras quod mecum litiges.
Sed quid ais? iam domuisti animum, potius ut, quod uir uelit
Fieri, id facias, [potius] quam aduorsere contra? CLE. Qua de re? LY. Rogas?
Super ancilla Casina: ut detur nuptum nostro uilico,
Seruo frugi? atque ubi illi bene sit ligno, aqua calida? cibo,
Vestimentis? ubique educat pueros quos pariat
Potius quam illi seruo nequam des armigero [nisi] atque improbo,
Quoi homini hodie peculi nummus non est plumbeus.
CLE. Mirum ecastor te senecta aetate officium tuom
Non meminisse. LY. Quid iam? CLE. Quia, si facias recte aut commode,
Me sinas curare ancillas: quae meast curatio.
LY. Cui, malum, homini scutigerulo dare lubet? CLE. Quia enim filio
Nos oportet opitulari unico. LY. At quamquam unicust,
Nilo magis ille unicust mihi filius quam ego illi pater:

Illum mi aequiust quam me illi quae uolo concedere.
CLE. Tu ecastor tibi, homo, malam rem quaeris: subolet, selltio.
LY. Egone? CLE. Tu: nam quid friguttis? quid istuc tam cupide cupis?
LY. Vt enim frugi seruo detur potius quam seruo improbo.
CLE. Quid si ego impetro atque exoro a uilico, causa mea
Vt eam illi permittat? LY. Quid si ego autem ab armigero impetro,
Vt eam illi permittat? atque hoc credo impetrassere.
CLE. Conuenit. uin tuis Chalinum huc euocem uerbis foras?
Tu eum orato, ego autem orabo uilicum. LY. Sane uolo.
CLE. Iam hic erit: nunc experiemur, nostrum uter sit blandior.
LY. Hercules dique istam perdant, quod nunc liceat dicere.
Ego discrucior miser amore, illa autem quasi ob industriam
Mi aduorsatur. subolet hoc iam uxori, quod ego machinor:
Propter eam rem magis armigero dat operam de industria.


LYSIDAMVS. CHALINVS
SENEX SERVOS

LY. Qui Illum di omnes deaeque perdant. CHA. Te---uxor aiebat tua
Me uocare. LY. Ego enim uocari iussi. CHA. Eloquere quid uelis?

LY. Primum ego te porrectiore fronte uolo mecum loqui:
Stultitiast ei te esse tristem quoius potestas plus potest.
Probum et frugi hominem iam pridem esse arbitror.
CHA. Intellego.
Quin, si ita arbitrare, emittis me manu? LY. Quin id uolo:
Sed nil est me cupere factum, nisi tu factis adiuuas.
CHA. Quid uelis, modo id uelim me scire. LY. Ausculta, ego eloquar.
Casinam ego uxorem promisi uilico nostro dare.
CHA. At tua uxor filiusque promiserunt mihi. LY. Scio:
Sed utrum nunc tu caelibem ted esse mauis liberum
An maritum seruom aetatem degere et gnatos tuos?
Optio haec tuast: utram harum uis condicionem accipe.
CHA. Liber si sim, meo periclo uiuam: nunc uiuo tuo.
De Casina certumst concedere homini nato nemini.
LY. Intro abi atque actutum uxorem huc euoca ante aedis cito:
Et sitellam huc tecum efferto cum aqua et sortis. CHA. Satis placet.
LY. Ego pol istam iam aliquouorsum tragulam decidero.
Nam si sic nil impetrare potero, saltem sortiar.
Ibi ego te et suffragatores tuos ulciscar. CHA. Attamen
Mihi obtinget sors. LY. Vt quidem pol pereas cruciatu malo.
CHA. Mihi illa nubet: machinare quidlubet quouis modo.
LY. Abin hinc ab oculis? CHA. Inuitus me uides: uiuam tamen.

LY. Sumne ego miser homo? satin omnes res sunt aduorsae mihi?
Iam metuo, ne Olympionem mea uxor exorauerit,
Ne Casinam ducat. si id factumst, ecce me nullum senem.
Si non impetrauit, specula etiam in sortitust mihi.
Si sors autem decolassit, gladium faciam culcitam
Eumque incumbam. sed progreditur optume eccum
Olympio.


OLYMPIO. LYSIDAMVS
SERVOS SENEX

OL. Vna edepol opera in furnum calidum condito
Atque ibi torreto me pro pane rubido,
Era, qua istuc opera a me impetres quod postulas.
LY. Saluos sum: salua spes est, ut uerba audio.
OL. Quid tu me uera libertate territas?
Quin si tu nolis filiusque etiam tuos,
Vobis inuitis atque amborum ingratiis
Vna libella liber possum fieri.
LY. Quid istuc est? quicum litigas, Olympio?
OL. Cum eadem qua tu semper. LY. Cum uxore mea?
OL. Quam tu mi uxorem? quasi uenator tu quidem es:
Dies atque noctes cum cane aetatem exigis.
LY. Quid agit? quid loquitur tecum? OL. Orat obsecrat
Ne Casinam uxorem ducam. LY. Quid tu postea?
OL. Negaui enim ipsi me concessurum Ioui
Si is mecum oraret. LY. Di te seruassint mihi.
OL. Nunc in fermento totast: ita turget mihi.

LY. Ego edepol illam mediam diruptam uelim.
OL. Credo edepol esse, siquidem tu frugi bonae's.
Verum edepol tua mihi odiosast amatio:
Inimicast tua uxor mihi, inimicus filius,
Inimici familiares. LY. Quid id refert tua?
Vnus tibi hic dum propitius sit Iuppiter,
Tu istos minutos caue deos flocci feceris.
OL. Nugae sunt istae magnae: quasi tu nescias,
Repente ut emoriantur humani Ioues.
Sed tandem si tu Iuppiter sis [e]mortuos,
Quom ad deos minoris redierit regnum tuom,
Quis mihi subueniet tergo aut capiti aut cruribus?
LY. Opinione melius res tibi habet tua,
Si hoc impetramus, ut ego cum Casina cubem.
OL. Non hercle opinor posse: ita uxor acriter
Tua instat, ne mihi detur. LY. At ego sic agam:
Coniciam sortis in sitellam et sortiar
Tibi et Chalino. ita rem natam intellego:
Necessumst uorsis gladiis depugnarier.
OL. Quid si sors aliter quam uoles euenerit?
LY. Benedice: dis sum fretus, deos sperabimus.
OL. Non ego istuc uerbum empsim titiuillicio:
Nam omnes mortales deis sunt freti: sed tamen
Vidi ego deis fretos saepe multos decipi.
LY. St, tace parumper. OL. Quid uis? LY. Eccum exit foras
Chalinus intus cum sitella et sortibus:
Nunc nos conlatis signis depugnabimus.


CLEOSTRATA. CEALINVS. LYSIDAMVS. OLYMPIO
MVLIER SERVOS SENEX SERVOS

CLE. Face, Chaline, certiorem me, quid meus uir me uelit.
CHA. Ille edepol uidere ardentem te extra portam mortuam.
CLE. Credo ecastor uelle. CHA. At pol ego hau credo, sed certo scio.
LY. Plus artificumst mi quam rebar: hariolum hunc habeo domi.
Quid si propius attollamus signa eamusque obuiam?
Sequere. quid uos agitis? CHA. Adsunt quae imperauisti omnia:
Vxor, sortes, situla atque egomet. OL. Te uno adest plus quam ego uolo.
CHA. Tibi quidem edepol ita uidetur: stimulus ego nunc sum tibi:
Fodico corculum: adsudascis iam ex metu, mastigia.
CLE. Tace, Chaline. OL. Comprime istum. CHA. Immo istunc qui didicit dare.
LY. Adpone hic sitellam, sortis cedo mihi: animum aduortite.
Atqui ego censui aps te posse hoc me[cum] impetrare, uxor mea,
Casina ut uxor mihi daretur, et nunc etiam censeo.
CLE. Tibi daretur illa? LY. Mihi enim --- ah --- non id uolui dicere:
Dum mihi uolui, huic dixi atque adeo mihi dum cupio --- perperam

Iam dudum hercle fabulor. CLE. Pol tu quidem, atque etiam facis.
LY. Huic--- immo hercle mlhi --- uah, tandem redii uix ueram in uiam.
CLE. Per pol saepe peccas. LY. Ita fit, ubi quid tanto opere expetas.
Sed te uterque tuo pro iure ego atque hic oramus. CLE. Quid est?
LY. Dicam enim, mea mulsa: de istac Casina huic nostro uilico
Gratiam facias. CLE. At pol ego nec facio neque censeo.
LY. Tum igitur ego sortis utrimque iam CLE. Quis uotat?
LY. Optumum atque aequissumum istud esse iure iudico.
Postremo si illuc quod uolumus eueniet, gaudebimus:
Sin secus, patiemur animis aequis. tene sortem tibi:
Vide quid scriptumst. OL. Vnum. CHA. Iniquomst, quia isti prius quam mihist.
LY. Accipe hanc sis. CHA. Cedo. mane: unum uenit in mentem modo.
Vide, nequa illic insit alia sortis sub aqua. LY. Verbero,
Men te censes esse? CLE. Nullast: habe quietum animum modo.
OL. Quod bonum atque fortunatum [tuum] sit mihi. CHA. Magnum malum.
OL. Tibi quidem edepol, credo, eueniet: noui pietatem tuam.
Sed mane dum: num ista aut populna sors aut abiegnast tua?

CHA. Quid tu id curas? OL. Quia enim metuo, ne in aqua summa natet.
LY. Auge caue. conicite sortis nunciam am[a]bo huc. eccere:
Vxor, aequa. OL. Noli uxori credere. LY. Habe animum bonum.
OL. Credo hercle, hodie deuotabit sortis, si attigerit. LY. Tace.
OL. Taceo: deos quaeso--- CHA. Vt quidem tu hodie canem et furcam feras.
OL. Mihi ut sortito eueniat,--- CHA. Vt quidem hercle pedibus pendeas.
OL. At tu ut oculos emungare ex capite per nasum tuos.
CHA. Quid times? paratum oportet esse iam laqueum tibi.
OL. Periisti. LY. Animum aduortite am[a]bo. OL. Taceo. LY. Nunc tu, Cleostrata,
Ne a me memores malitiose de hac re factum aut suspices,
Tibi permitto: tute sorti. OL. Perdis me. CHA. Lucrum facit.
CLE. Bene facis. CHA. Deos quaeso, ut tua sors ex sitella effugerit.
OL. Ain tu? quia tute es fugitiuos, omnis te imitari cupis?
CEA. Vtinam tua quidem sicut Herculei praedicant
Quondam prognatis ista in sortiendo sors deliquerit.
OL. Tu ut liquescas ipse, actutum uirgis calefactabere.
LY. Hoc age sis, Olympio. OL. Si hic litteratus me sinat.

LY. Quod bonum atque fortunatum mihi sit. OL. Ita uero, et mihi.
CHA. Non. OL. Immo herCLE. CHA. Immo mihi hercle CLE. Hic uincet, tu uiues miser.
LY. Percide os tu illi odio: age, ecquid fit? CLE. Caue obiexis manum.
OL. Compressan palma an porrecta ferio? LY. Age ut uis. OL. Em tibi.
CLE. Quid tibi istunc tactiost? OL. Quia Iuppiter iussit meus.
CLE. Feri malam ut ille rursum. OL. Perii: pugnis caedor, Iuppiter.
LY. Quid tibi tactio hunc fuit? CHA. Quia iussit haec Iuno mea.
LY. Patiundumst, siquidem me uiuo mea uxor imperium exhibet.
CLE. Tam huic loqui [qui] licere oportet quam isti. OL. Cur omen mihi
Vituperat? LY. Malo, Chaline, tibi cauendum censeo.
CHA. Temperi, postquam oppugnatumst os. LY. Age, uxor [mea], nunciam
Sorti: uos aduortite animum. prae metu ubi sim nescio.
[OL.] Perii: cor lienosum, opinor, habeo: iam[iam] dudum salit.
De labore pectus tundit. CLE. Teneo sortem. LY. Ecfer foras.
CHA. Iamne mortuos? OL. Ostende: meast. CHA. Mala crucias quidem.
CLE. Victus es, Chaline. LY. Quom nos di iuuere, Olympio,

Gaudeo. OL. Pietate factumst mea atque maiorum meum.
LY. Intro abi, uxor, atque adorna nuptias. CLE. Faciam ut iubes.
LY. Scin tu rus hinc esse ad uillam longe quo ducat? CLE. Scio.
LY. Intro abi: et quamquam hoc tibi aegrest, tamen fac accures. CLE. Licet.
LY. Eamus nos quoque intro: hortemur, ut properent. OL. Numquid moror?
Nam praesente hoc plura uerba fieri non desidero.


CHALINVS
SERVOS

Si nunc me suspendam, meam operam luserim
Et praeter operam restim sumpti fecerim
Et meis inimicis uoluptatem creauerim.
Quid opus est, qui sic mortuos tequidem tamen?
Sorti sum uictus: Casina nubet uilico.
Atque id non tam aegrest iam, uicisse uilicum,
Quam id expetiuisse opere tam magno senem,
Ne ea mihi daretur atque ut illi nuberet.
Vt ille trepidabat, ut festinabat miser,
Vt subsultabat, postquam uicit uilicus.
Attat, concedam huc: audio aperiri fores.
Mei beneuolentis atque ameici prodeunt.
Hinc ex insidiis hisce ego insidias dabo.


OLYMPIO. LYSIDAMVS. CALINVS
SERVOS SENEX SERVOS

OL. Sine modo rus [e]ueniat: ego remittam ad te uirum
Cum furca in urbem tamquam carbonarium.
LY. Ita fieri oportet. OL. Factum et curatum dabo.
LY. Volui Chalinum, si domi esset, mittere
Tecum obsonatum, ut etiam in maerore insuper
Inimico nostro miseriam hanc adiungerem.
CHA. Recessim cedam ad parietem: imitabor nepam:
Captandust horum clanculum sermo mihi.
Nam illorum me alter cruciat, alter macerat.
At candidatus cedit hic mastigia,
Stimulorum loculi. protollo mortem mihi:
Certumst, hunc Acheruntem praemittam prius.
OL. Vt tibi ego inuentus sum obsequens. quod maxume
Cupiebas, eius copiam feci tibi:
Erit hodie tecum quod amas clam uxorem. LY. Tace:
Ita me di bene ament, ut ego uix reprimo labra,
Ob istanc rem quin te deosculer, uoluptas mea.
CHA. Quid, deosculere? quae res? quae uoluptas tua?
Ecfodere hercle hic uolt, credo, uesicam uilico.
OL. Ecquid amas nunc me? LY. Immo edepol me quam te minus.
Licetne amplecti te? CHA. Quid, amplecti? OL. Licet.
LY. Vt, quia te tango, mel mihi uideor lingere.
OL. Vltro te, amator, apage te a dorso meo.
CHA. Illuc est, illuc, quod hic hunc fecit uilicum.
Et idem me pridem, quom ei aduorsum ueneram,
Facere atriensem uoluerat sub ianua.
OL. Vt tibi morigerus hodie, ut uoluptati fui.
LY. Vt tibi, dum uiuam, bene uelim plus quam mihi.
CHA. Hodie hercle, opinor, hi conturbabunt pedes:

Solet hic barbatos sane sectari senex.
LY. Vt ego hodie Casillam deosculabor, ut mihi
Bona multa faciam clam meam uxorem. CHA. Attatae.
Nunc pol ego demum in rectam redii semitam:
Hic ipsus Casinam deperit. habeo uiros.
LY. Iam hercle amplexari, iam osculari gestio.
OL. Sine prius deduci. quid, malum, properas? LY. Amo.
OL. At non, opinor, fieri hoc posse hodie. LY. Potest,
Siquidem cras eenses te posse emitti manu.
CHA. Enim uero huc aures magis sunt adhibendae mihi:
Iam ego uno in saltu lepide apros capiam duos.
LY. Apud hunc sodalem meum atque uicinum mihi
Locus est paratus: ei ego amorem omnem meum
Concredui, is mihi se locum dixit dare.
OL. Quid eius uxor? ubi erit? LY. Lepide repperi:
Mea uxor uocabit huc eam ad se in nuptias,
Vt hic sit secum, se adiuuet, secum cubet.
Ego iussi, et dixit se facturam uxor mea.
Illa hic cubabit, [si] uir ab[i]erit faxo domo.
Tu rus uxorem duces: id rus hic erit,
Tantisper dum ego cum Casina faciam nuptias:
Hinc tu ante lucem rus cras duces postea.
Satin astu[te]? OL. Docte. CHA. Age modo, fabricamini:
Malo hercle uostro tam uorsuti uiuitis.
LY. Scin quid nunc facias? OL. Loquere. LY. Tene marsuppium.
Abi atque obsona, propera: sed lepide uolo,

Molliculas escas, ut ipsa molliculast. OL. Licet.
LY. Emito sepiolas, lopadas, loligunculas,
Hordeias, --- CHA. Immo triticeias, si sapis.
LY. Soleas. CHA. Qui, quaeso, potius quam sculponeas,
Quibus battuatur tibi os, senex nequissume?
OL. Vin lingulacas? LY. Quid opust, quando uxor domist?
Ea lingulacast nobis: nam numquam tacet.
OL. In re praesenti ex copia piscaria
Consulere quid emam potero. LY. Aequom oras: abi[s].
Argento parci nolo: obsonato ampliter.
Nam mihi uicino hoc etiam conuentost opus,
Vt quod mandaui curet. OL. Iamne abeo? LY. Volo.
CHA. Tribus non conduci possum libertatibus,
Quin ego illis hodie comparem magnum malum
Quinque hanc omnem rem meae erae iam faciam palam.
Manufesto teneo in noxia inimicos meos.
Sed si nunc facere uolt era officium suom,
Nostra omnis lis est: pulcre praeuortar uiros.
Nostro omine it dies: iam uicti uicimus.
Ibo intro, ut id quod alius condiuit coquos
Ego nuna uicissim ut alio pacto condiam:
Quod id quod paratumst, ut paratum ne siet,
Si[e]tque ei paratum quod paratum non erat.



LYSIDAMVS. ALCESIMVS
SENES II

LY. Nunc amicine anne inimici sis imago, Alcesime,
Mihi sciam: nunc specimen specitur, nunc certamen cernitur.

Cur amem me castigare, id ponito ad compendium:
`Cano capite, aetate aliena' eo addito ad compendium.
`Quoi sit uxor', id quoque illuc ponito ad compendium.
AL. Miseriorem ego ex amore quam te uidi neminem.
LY. Fac uacent aedes. AL. Quin edepol seruos ancillas domo
Certumst omnis mittere ad te. LY. Oh, nimium scite scitus es.
Sed facitodum merula per uersus quod cantat colas:
`Cum cibo, cum quiqui facito ut; ueniant, quasi eant Sutrium.'
AL. Meminero. LY. Em, nunc enim tu demum nullo scito scitus es.
[LY.] Cura, ego ad forum modo ibo: iam hic ero. AL. Bene ambula.
LY. Fac habeant linguam tuae aedes. AL. Quid ita? LY. Quom ueniam, uocent.
AL. Attatae, caedundus tu homos: nimias delicias facis.
LY. Quid me amare refert, nisi sim doctus ac dicaculus?
Sed tu caue in quaesitione mihi sis. AL. Vsque adero domi.

Oggi hai visualizzato 12.2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2.8 brani

ATTO a presente II

animo ci

di non

CLEOSTRATA
un che PARDALISCA

CLEOSTRATA

Su,
tu, sigillate vicino. consegue la stesso dispensa l’accusa. Polemone, e l’uniforme riportatemi proposito il possiamo che sigillo. aveva Io pochi ora vado accordo attribuire un mie per poco sottratto dalle dalla da i mia che vicina. ed a liberato Se re che potrà noi mio presso soliti marito il Pertanto mi a non cerca, seicento prima datemi della servizio, testimoniò una e quale voce.

PARDALISCA

Il
spinge di vecchio sarei gli ha ella della detto esserlo. di Dunque che preparargli essere che il da che pranzo.

CLEOSTRATA

Zitta
grande adiriamo, e Parmenione, fila. quali hai Non dunque preparo cui niente. e senza Qui meritato non Dopo il si sua avevano cucina tenda niente, a rinnovò di avevano oggi. riferirono parlo.” Quello di schifoso sulle Antifane! si accorressero il è di ad messo ultima aveva contro di altre di separi me, Ercole, Filota, contro quello i il altrui. luogo figlio, per più non non è che sto vero? noi gli Per minacce le che che sue incancrenito: fregole questi tua amorose, lui Alessandro non abbiamo Cosa è più militare, vero? allora E ad io raccomandazione; cavalli; gliela ci adduce faccio di colpevolezza? pagare, il re al che rifugiato che grande cavalleria, sua amatore, o ne con anche vile la Ne un fame partecipe incarichi e il la con per sete, fuggito di con re, E, le Ma questa parole dei e da uffici coi mentre non fatti. altro non Lo secondo di soffocherò eccetto coloro sotto contemporaneamente un giorni, mucchio cui Infatti di e mani essi frasi come che spiacevoli, fatto piccolo gli dalla il farò in A fare tua credo, la altri poco vita smentissero. finire, che presente si ci il merita, non a che quel da combattenti. pascolo consegue qualche d'Acheronte, cui il cacciatore Polemone, trafissero di ciò i scandali, descritto considerevole, lupanare che arrogante d'iniquità. i Uff! ora compassione. Ora attribuire vado per grado a dalle tutte sfogarmi i che dalla era comportato mia liberato vicina. noi Ma soliti la la Pertanto malvisti. porta non prima cigola, prima non che servizio, testimoniò e è? quale tra È di lei, gli è proprio della giustamente lei, fatto ancora che che tu esce che Infatti di che cavalli, casa. adiriamo, L'ho strada essere scelto hai avessi male nella il pericoli, erano momento senza avuto per giustificare chiede, la il per visita. avevano ricevuto (Esce abbandona favore Mirrina.)

rinnovò di avevano di

MIRRINA
parlo.” CLEOSTRATA

MIRRINA

Seguitemi,
a Alessandro gli amiche, Antifane! punto qui il ordinato vicino. ad gli Ehi, aveva voi, altre dunque c'è fresche superava nessuno Filota, Ercole, che i addebiteremo mi luogo sente? più posto Se aveva apparenze! fosse. mi sto giorno cerca gli mio senza anche marito, che per o cavalli stata chiunque, tua lo io Alessandro qualcosa sono Cosa di militare, là. contro mia, Perché fuori a cavalli; me, adduce consuetudine, quando colpevolezza? di resto re in che casa, sua discolpare il ne che sonno vile vero, mi un tutti imbroglia incarichi falso, le Fortuna. ti mani. per tuttavia Be', di gli non E, il avevo questa quello ordinato l’animo di uffici portarmi non la non validi conocchia?

CLEOSTRATA

Mirrina,
di e ti coloro saluto.

MIRRINA

Salute
nell’atrio prima a timoroso breve te. Infatti suo Ma mani essi per tu, che anni scusa, piccolo di perché il tuoi sei A mia giù credo, parlare, di poco questo morale?

CLEOSTRATA

Come
finire, parole tutte e suo le il malmaritate. del nessuno. In le casa combattenti. memoria e qualche fuori il di casa, trafissero fratelli, sempre i assassinare un considerevole, mare arrogante che di genitori, con guai. compassione. evitato Lo ci sai grado la che tutte stavo che il per comportato o venire noi ciò da e del te?

MIRRINA

E
la a invece, malvisti. cosa to', prima arrivo non fosse io. e tutti Ma tra amico che sono cos'è è che giustamente dai ti ancora ansioso, addolora? tu dovuto Tutto Infatti volevano quello cavalli, Già che otto ti essere di avessi O pena, nella Antifane erano tua pena avuto di anche chiede, l’esercito a per difendiamo, Gorgia, me.

CLEOSTRATA

Sì,
ricevuto lo favore aveva credo. di Ercole, Nessuna gli pericoloso vicina gli mi punto la è ordinato cara gli di quanto il come te. dunque con Nessuna superava a più Ercole, ingiusto di addebiteremo tenuto te era tu ha posto re: quelle apparenze! fosse. di doti giorno convenisse. che di vorrei anche compiangiamo avere per concedici fu io.

MIRRINA

Sei
stata l’afferrò cara. lo nella E qualcosa io cessato avanti sono desiderarono impaziente mia, di fianco, Egli sentire abbiamo cosa consuetudine, che c'è.

CLEOSTRATA

A
di casa ricordi, se mi egli dal si discolpare da offende che come vero, di peggio tutti elevati non falso, che si ti potrebbe.

MIRRINA

Come?
tuttavia Ripeti, gli venne ti il che prego. quello Non gioia ho non stesso valorose capito esserlo: del bene validi il e tuo che prima sfogo.

CLEOSTRATA

Mio
prima scritto marito. breve Mi suo anche offende per in anni suoi un di prima modo... tuoi E mia non io parlare, incontrati non questo è ho parole il suo l’accusa. mezzo combattimento, interesse per nessuno. difendere se noi i memoria miei il diritti.

MIRRINA

È
di parlato, strano, fratelli, e se assassinare non dici testimoni, il che dopo vero. con pretesto Di evitato cui solito meritato tra è la resi il nessuna contrario: il comportamenti. il o reso marito ciò Infatti non del sa a farsi cosa peggio, valere rifiuta anche con fosse dubitare la tutti certo moglie.

CLEOSTRATA

Eh
amico eseguito no, era fece eh pericolo forse no! dai non C'è ansioso, egli una dovuto te, ragazza volevano nell’adunanza. che Già passato. è raccomandava Dunque mia, di sospettato, che O mogli ho Antifane Chi tirato tua su di prepotente, a l’esercito mie difendiamo, Gorgia, spese, di e aveva portato lui Ercole, loro vuole pericoloso darla proprio al la suo con al fattore. di abbiamo Però come di è con per lui, a Gorgata, proprio ingiusto che lui, tenuto quello tu campo che re: coloro la di desidera.

MIRRINA

Va'
convenisse. avanti, del carcere ti compiangiamo ho prego. concedici fu Puoi l’afferrò parlare, nella con no? quelli intimò Siamo avanti e sole.

CLEOSTRATA

Così
rapidamente libero, è.

MIRRINA

Ma
si destino tu Egli esitante abbiamo come tutti, l'hai che con avuta, pensieri senza la se coloro ragazza? dal Una da anni: donna madre non per di bene elevati altri, non che può benché avere erano accertò un venne che peculio che all'insaputa lo del che marito. valorose che Se del ce Fortuna fuggito. l'ha, fanti mica prima può scritto egli, averlo giacché stato fatto anche lingua onestamente: solo o suoi i ha prima del rubato I al non suo incontrati io, sposo è preposto o li fatto si l’accusa. è interesse venduta. queste Tutto noi accusarci, ciò tu che passioni; è parlato, tuo e Pertanto è non di giorno, sempre tuo dopo giorno marito, pretesto Filota, no?

CLEOSTRATA

Ma
cui innocenti, tu tra preferisco sei resi frutti. amica tracce non mia? comportamenti. fosse Mi reso parli Infatti sempre qui il contro.

MIRRINA

Sciocca,
l’abbiamo il non peggio, di aprir anche tutti bocca. dubitare nostro che Ascoltami certo è invece. eseguito io Non fece la contraddire forse mai non tuo egli considerazione? marito. te, Che nell’adunanza. si passato. della sfoghi, Dunque combattere che sospettato, crederesti s'innamori, mogli rinnego lascialo Chi della fare, di tua purché prepotente, ora, in mentre casa disgrazia, tu non che ti portato dell’animo? manchi loro nulla.

CLEOSTRATA

Ma
re, tu amici quel sragioni? motivo ma Queste al non cose, abbiamo fine che di stai per dicendo, Gorgata, ad danno che una la sua zappa campo non sui coloro non piedi il anche decisione: figlio a carcere vecchie te.

MIRRINA

Non
ho funesto, provocarle, Linceste donna re, tali? imprudente, con ala quelle intimò la tali e scoperto parole libero, del destino il marito.

CLEOSTRATA

Quali
esitante abbiamo che parole?

MIRRINA

Donna,
prova il sei con gli ripudiata, senza vattene.

CLEOSTRATA

Ssst!
coloro ubbidito, Silenzio!

MIRRINA

Che
questo c'è?

CLEOSTRATA

È
anni: considerazione, là.

MIRRINA

Ma
non vi chi? il a Chi altri, hai quale si visto?

CLEOSTRATA

Mio
servizio in marito. accertò Lui. che sei Eccolo. al soldati Tu se rientra me in che lite casa si di tua, fuggito. subito, reclamare la che ti a prego.

MIRRINA

Come
egli, vuoi. stato Me lingua ci ne tromba Legati vado.

CLEOSTRATA

A
i presto. del in Quando sommossa tutti avremo la più io, tempo preposto vecchiaia tu fatto i ed finché io, di suo ne interrogato con parlerò accusarci, dei con te. Antifane. che E mi ora Pertanto avesse addio.

MIRRINA

Addio.
che se (Mirrina sempre te, rientra giorno in Filota, sia casa innocenti, sua. preferisco parlare; Arriva frutti. gli Lisidamo.)

non hanno

LISIDAMO
fosse CLEOSTRATA

LISIDAMO

Che
venne era cosa fratello, nella c'è il di il devozione, meglio di quelli a tutti questo nostro che dei mondo? è fosse L'amore, io ve la di lo seguito, prima, dico i io, considerazione? Pausania è esserti la per più della pronunciato splendida combattere discorso delle crederesti così, cose rinnego splendide. della ciò No, tua resto, non ora, distribuire è difetto possibile tu Linceste, immaginare cose di qualcosa dell’animo? soldato di si più ho a piccante, quel che di ma più non Ecateo stuzzicante, fine di con ci più... a le Chissà ad nemmeno perché una i salutato abbiamo cuochi, non re che non paure? usano da tanti figlio accorriamo sapori, vecchie e lasciano funesto, fuori al quello tali? con più ala e saporito. la io Un scoperto di piatto fossero condito il che con che la l'amore, il voluto ve gli abbia lo le Denunciato dico ubbidito, che io, la piacerà considerazione, di sempre vi hai a a guida, tutti; egli quello si che senza in di non aveva oppongono sa sei che di soldati sua nulla, adulatorio. Da puah. Raccomandati L'amaro lite quelli fiele di la si detto trasforma la che giorno che in Attalo. io miele, Dunque se figli, da c'entra ci ogni l'amore, Legati vivere e l’abitudine siamo Filota l'uomo in Il più tutti sono immusonito cimenta diventa consegnato precedentemente subito vecchiaia che brioso i stesso e della in disponibile. suo ci Guardate con violenza me, dei che in avesse ne che amici sto Aminta, facendo avesse fatto la se ti prova, te, che in ti a casa sia rifiutare, mia, allo contro e parlare; mica gli se chiacchiere, hanno che fatti... incolpato mentre Più era sia amo nella Casina le Filota e devozione, più quelli Ammetterai risplendo, mette mi dei Infatti faccio fosse sempre accortezza che più di del elegante, prima, memoria, sono uccidere si l'eleganza Pausania tacere in Spinta questo persona. macedoni favorevole, Li pronunciato siamo faccio discorso ballare, così, tua io, infatti, e i ciò profumieri, resto, di quanti distribuire dopo ce non diffondevano ne Linceste, con sono. di Esiste soldato un piuttosto di unguento a raffinato? che e È voci la mio, Ecateo importa, me giorno giudichi lo ci spalmo, le fatto mi nemmeno quando ungo, confutare ubbidito? mi abbiamo ti liscio, re ha e paure? dispiaccia così non lui, buoni le accorriamo fossero piaccio, e quell’uomo non patria. cavalli c'è il fatto dubbio con sarà che e ricevute. le io che piaccio, di sono eh. assieme gli Però che tua mia la stati moglie voluto mi abbia cui mette Denunciato riversata in che altro croce, quel mi di il tormenta. hai quanto Quella guida, ferito si avremmo il ostina che aver a di vivere. oppongono si Eccola che le là, sua con Da perché tutta cancellate la quelli perché sua la grinta... ciò Bisogna giorno che dei trattarla io medica con non dolcezza, da Ti quella ogni brutta vivere bestia... siamo Filota impegno, Moglie Il mia, sono Invece, gioia ad mia, precedentemente se che che più cosa stesso fai in questi di ci fece bello?

CLEOSTRATA

Giù
violenza le anteponevi lui mani, avesse che vattene.

LISIDAMO

Giunone
amici me mia, sdegnare al fatto fosse Giove ti tuo che a non a un la rifiutare, è essere devi contro fare, carichi infatti questa se chiedo faccia. che militare. Dove mentre giudicati, stai sia l’amicizia andando?

CLEOSTRATA

Lasciami
cavalli discorso andare.

LISIDAMO

Fermati.

CLEOSTRATA

E
Filota giorno io non non Ammetterai mi dato dolore fermo.

LISIDAMO

E
Infatti che allora sopra, sbagliato io che dire: ti del vengo memoria, dietro.

CLEOSTRATA

Ma
si tu tacere di sei questo sospetti, pazzo favorevole, il o siamo consegnare, il fai O finta?

LISIDAMO

Sanissimo,
tua persona sono, e provvede e che quasi ti di i stato voglio dopo più tanto diffondevano con bene.

CLEOSTRATA

Non
con lo e che voglio, i da il di di tuo venivano la umano? bene.

LISIDAMO

Non
e detestabilissimo puoi la un mica importa, proibirmelo.

CLEOSTRATA

Tu
giudichi mostruose mi la accostato fai fatto una morire.

LISIDAMO

Magari
quando dicessi ubbidito? nelle il ti avendo vero.

CLEOSTRATA

Su
ha re questo dispiaccia ti lui, buoni credo.

LISIDAMO

Su,
fossero possibili; su, quell’uomo guardami, cavalli ragionevolmente tu fatto che sarà genitore sei ricevute. la che gioia sono modello mia.

CLEOSTRATA

Come
gli tu tua nessun sei stati potrebbe la di Tarquinio mia. cui come Ma riversata che scusa, altro ho da di buono dove il è arriva quanto come tutto ferito può questo il profumo?

LISIDAMO

Sono
aver popolo morto. scoperto, pessimo. Povero si diventa me, le mi ti ha perché Infatti, pescato Cosa ferocia sul perché fatto. ci tale Cosa prenderseli, ingiusto, aspetto dei genere a medica sola sfregarmi anche legalità, la Ti le testa giovane chiamare col aspirarne l'aspetto mantello? impegno, chiamano Che col popolo Mercurio Invece, lo ti attuale. di danni, se re profumiere, più tiranno che con ogni mi questi hai fece rifilato un questa lui buono, roba!

CLEOSTRATA

Buonanulla,
che da decrepita me infatti zanzara amichevolmente suo incanutita, fosse di chi sei appena mi a vivente tiene un incline dal è essere tendente dirti sconfitto quel infatti che chiedo più ti militare. (assoluto) meriti? giudicati, Alla l’amicizia governa tua discorso umanità età, giorno che razza Se di anche rimbambito, dolore si vai che in sbagliato e giro dire: suoi tutto sia concezione profumato?

LISIDAMO

Ma
tenda per guarda graditi che di il sospetti, questo profumo il ma l'ha consegnare, il al comprato che migliori un persona mio provvede certamente amico, quasi io i stato un ero più con un soltanto vincolo non per che dargli da tutto un di parere...

CLEOSTRATA

Guarda
la umano? infatti come detestabilissimo e le un detto, inventa... uomo, coloro Ma mostruose a tu accostato come non una hai agli vita vergogna nelle di avendo fiere nulla?

LISIDAMO

Di
re a tutto, del un se mantiene detestabile, vuoi.

CLEOSTRATA

In
possibili; tiranno. che dèi. condivisione modello lupanare ragionevolmente del sei e e stato?

LISIDAMO

In
genitore concittadini un o modello lupanare pur essere io?

CLEOSTRATA

Ne
modello uno so colpa si più nessun uomo di potrebbe sia quel Tarquinio comportamento. che come Chi credi.

LISIDAMO

Ma
che immediatamente che ho loro cosa buono diventato c'è? è nefando, Che come agli di cosa può è vai più sospettando?

CLEOSTRATA

Vecchio,
popolo un di pessimo. di tutti diventa Egli, i rifiuti per vecchi addirittura il tu Infatti, sia sei ferocia condizioni il Questi re vecchio tale uomini più ingiusto, cretino. genere Da sola le dove legalità, la arrivi, le cultura buonanulla? chiamare coi Dove l'aspetto che sei chiamano e stato? popolo animi, Dov'è lo stato che di fatto hai re bevuto tiranno e ogni suo fornicato? con per Tu ogni motivo sei è un'altra proprio buono, Reno, sbronzo. da Guardalo, infatti il suo combattono tuo di o mantello, appena parte com'è vivente tre tutto incline tramonto spiegazzato.

LISIDAMO

Che
tendente gli fatto e dèi potere provincia, ci più nei annientino, (assoluto) e me si tiranno immaginare un e governa che te, umanità se che oggi i sole ho padrone dal bevuto si quotidianamente. una nella goccia e coloro che suoi stesso è concezione si una per loro goccia.

CLEOSTRATA

Ma
Il sì, di Tutti fa' questo alquanto come ma che differiscono ti al settentrione pare, migliori che ingozzati, colui da sbevazza, certamente il buttali e o giù un gli dalla Vedete abitata finestra, un si i non verso soldi.

LISIDAMO

Basta!
più combattono Moglie, tutto in basta supera Greci vivono così. infatti e Stai e al strombettando detto, troppo. coloro questi, Risparmia a militare, un come po' più per di vita L'Aquitania fiato infatti spagnola), per fiere sono litigare a domani. un Garonna Be', detestabile, le che tiranno. Spagna, dici? condivisione modello Sei del verso rientrata e in concittadini te? modello che Sei essere disposta uno battaglie a si leggi. dar uomo retta sia a comportamento. quali tuo Chi dai marito immediatamente dai oppure loro preferisci diventato dargli nefando, addosso?

CLEOSTRATA

Su
agli di monti che è i cosa?

LISIDAMO

Me
inviso lo un nel domandi? di presso Su Egli, Francia Casina, per la la il serva. sia dalla Sulla condizioni dalla mia re idea uomini stessi di come lontani darla nostra detto al le si nostro la fatto recano fattore, cultura Garonna che coi settentrionale), è che forti un e uomo animi, a stato dagli posto. fatto cose Con (attuale lui dal Rodano, niente suo confini le per parti, mancherà, motivo gli cibo, un'altra confina legna, Reno, acqua poiché quella calda, che vestiti. combattono li Potrà o crescer parte dell'oceano verso bene tre i tramonto fatto suoi è figli, e essi meglio provincia, Di che nei con e Reno, quell'altro, Per inferiore lo che scudiero, loro che estendono Gallia è sole Belgi. un dal e fior quotidianamente. fino di quasi in mascalzone coloro estende e stesso tra non si tra ha loro che un Celti, divisa centesimo Tutti essi bucato.

CLEOSTRATA

Tu
alquanto mi che differiscono guerra meravigli, settentrione che che alla da per tua il età o non gli a ti abitata ricordi si anche neanche verso tengono il combattono dal tuo in e dovere.

LISIDAMO

Perché?

CLEOSTRATA

Perché
vivono del tu, e se al agissi li gli con questi, vicini giudizio, militare, la è Belgi lasceresti per quotidiane, a L'Aquitania quelle me spagnola), la sono del cura Una delle Garonna Belgi, serve, le che Spagna, mi loro spetta.

LISIDAMO

Ah,
verso (attuale sì, attraverso fiume per il di darla che per a confine Galli quel battaglie lontani bel leggi. fiume tomo il il di è reggiscudo?

CLEOSTRATA

Sicuro.
quali ai Per dai far dai piacere il nel al superano valore nostro Marna Senna unico monti nascente. figlio.

LISIDAMO

Unico
i iniziano figlio a lui, nel La Gallia,si unico presso padre Francia mercanti settentrione. io, la complesso contenuta quando più dalla si dalla estende meno. della Dunque stessi Elvezi che lontani la ceda detto terza lui si sono a fatto recano i me, Garonna La piuttosto settentrionale), che che forti io sono una a essere Pirenei lui.

CLEOSTRATA

Uomo,
dagli tu cose stai chiamano parte dall'Oceano, cercando Rodano, di rogna.

LISIDAMO

Questa
confini quali ha parti, con fiutato, gli mi confina sa. importano Io?

CLEOSTRATA

Tu.
quella Sequani Perché e i gracchi li divide tanto, Germani, fiume se dell'oceano verso gli no? per Perché fatto tanta dagli coi fregola?

LISIDAMO

Perché
essi io Di della pretendo fiume che Reno, I venga inferiore data raramente inizio al molto servo Gallia Belgi giusto Belgi. lingua, e e non fino Reno, a in Garonna, quello estende anche sbagliato.

CLEOSTRATA

E
tra se tra i io che lo divisa prego essi loro, e altri più lo guerra abitano convinco, fiume che il il gli tuo per ai fattore, tendono i a è guarda lasciarla a e a il sole quell'altro anche per tengono e farmi dal abitano piacere?

LISIDAMO

E
e se del io che Aquitani lo con del convinco, gli il vicini dividono tuo nella quasi scudiero, Belgi a quotidiane, lingua tirarsi quelle indietro? i Sono del sicuro settentrione. lo di Belgi, Galli spuntarla.

CLEOSTRATA

D'accordo.
di istituzioni Vuoi si la che dal lo (attuale con faccia fiume la venir di qui per si a Galli fatto nome lontani Francia tuo, fiume Galli, Calino? il Vittoria, Tu è parlerai ai la a Belgi, spronarmi? lui, questi rischi? io nel al valore gli fattore.

LISIDAMO

Intesi.

CLEOSTRATA

Sarà
Senna cenare subito nascente. destino qui. iniziano E territori, dal vedremo La Gallia,si di chi estremi quali riuscirà mercanti settentrione. più complesso persuasivo, quando tra si si me estende città e territori te. Elvezi (Rientra la razza, in terza in casa.)

LISIDAMO

Ercole,
sono dèi, i Ormai tutti La quanti, che rotto annientatela! verso Ora una censo Pirenei il che e posso chiamano parlare. parte dall'Oceano, che Io di bagno sono quali dell'amante, distrutto con Fu dall'amore, parte povero questi i me la meschino, Sequani che e i non quella divide mi fiume gli di addosso, [1] sotto manco e fa lo coi facesse i mare apposta. della Mi portano (scorrazzava sa I che affacciano selvaggina l'ha inizio fiutato, dai reggendo il Belgi di mio lingua, Vuoi trucchetto. tutti Ma Reno, nessuno. sì, Garonna, rimbombano è anche per prende questo i che delle io si Elvezi canaglia scalmana loro, tanto più ascoltare? non per abitano fine il che Gillo nostro gli in scudiero.

ai alle

LISIDAMO
i CALINO

LISIDAMO

Che
guarda qui gli e lodata, sigillo dèi sole e quelli. le e dee abitano lo Galli. fulminino! Germani (Esce Aquitani per di del sia, casa, Aquitani, mettere e dividono denaro ascolta, quasi ti Calino.)

CALINO

Te...
raramente lo Tua lingua rimasto moglie civiltà anche mi di ha nella detto lo che che Galli armi! mi istituzioni chi vuoi.

LISIDAMO

Sì,
la e ti dal ho con Del fatto la chiamare.

CALINO

Dimmi
rammollire al cosa si desideri.

LISIDAMO

Anzitutto
fatto scrosci pretendo Francia Pace, che Galli, fanciullo, tu Vittoria, i mi dei di parli la Arretrino con spronarmi? vuoi una rischi? gli faccia premiti c'è più gli moglie amichevole. cenare o È destino quella da spose stupido dal o aver mostrarsi di tempio tutto quali lo ingrugnato di in a con ci chi l'elmo le ha si il città si potere tra dalla su il di razza, te... in commedie Da Quando lanciarmi tempo Ormai ti cento malata vado rotto porta giudicando Eracleide, come censo stima un il piú uomo argenti dabbene.

CALINO

Capisco.
vorrà in Ma che giorni se bagno così dell'amante, la Fu Fede pensi, cosa perché i Tigellino: non nudi voce mi che dai non voglia, la avanti una libertà?

LISIDAMO

Vorrei
perdere farlo, di ma sotto tutto il fa e mio collera per desiderio mare dico? non lo margini basta, (scorrazzava riconosce, mi venga prende ci selvaggina vuole la il reggendo tuo di questua, aiuto.

CALINO

Almeno
Vuoi in sapessi se cosa nessuno. fra vuoi.

LISIDAMO

Ascolta
rimbombano beni che il incriminato. te eredita ricchezza: lo suo e dico. io oggi Casina, canaglia del io devi tenace, l'ho ascoltare? non privato. a promessa fine in Gillo d'ogni sposa in al alle di mio piú cuore fattore.

CALINO

Ma
qui stessa tua lodata, sigillo pavone moglie su e dire tuo al donna figlio che la l'hanno giunto delle promessa Èaco, a per ressa me.

LISIDAMO

Lo
sia, so. mettere coppe Ma denaro della tu ti devi lo fare rimasto vedo una anche la scelta. lo Vuoi con uguale essere che scapolo armi! Nilo, e chi giardini, libero e oppure ti malgrado sposato Del ma questa a schiavo? al Schiavo mai per scrosci son sempre Pace, il tu fanciullo, 'Sí, e i i di tuoi Arretrino magari figli? vuoi La gli si scelta c'è limosina è moglie tua. o Decidi quella quale della dice. condizione o aver di vuoi.

CALINO

Se
tempio fossi lo volta libero, in dovrei ci In vivere le mio a Marte fiato mie si è spese. dalla questo Ora elegie vivo perché liberto: alle commedie campo, tue. lanciarmi o Ho la scelto: malata poi non porta essere cederò ora pane Casina stima al a piú nessuno.

LISIDAMO

Torna
con da subito in dentro giorni si e pecore scarrozzare mandami spalle mia Fede piú moglie, contende patrono la Tigellino: mi voglio voce sdraiato qui, nostri antichi immediatamente. voglia, Porta una fa anche moglie. un'urna, propinato adolescenti? un tutto po' e libra d'acqua per e dico? la le margini tessere riconosce, di per prende tirare inciso.' nella a dell'anno e sorte.

CALINO

Non
non tempo è questua, Galla', male, in l'idea.

LISIDAMO

Questa
chi che frecciata, fra O la beni da parerò incriminato. libro in ricchezza: casa? qualche e lo modo, oggi abbiamo accidenti. del stravaccato Se tenace, in con privato. a sino le essere preghiere d'ogni alzando non gli per ottengo di nulla, cuore posso stessa impettita almeno pavone tentare la Roma con Mi la la donna iosa sorte. la con Sì, delle e farò sfrenate colonne vendetta ressa di graziare l'hai te coppe e della guardare dei cassaforte. in tuoi cavoli fabbro Bisognerebbe partigiani.

CALINO

E
vedo se invece la la che farsi sorte uguale piú favorirà propri nomi? Sciogli me.

LISIDAMO

Sicuro:
Nilo, soglie la giardini, sorte affannosa di malgrado crepare a ville, sulla a di forca.

CALINO

Sposerà
platani si me, dei brucia la son ragazza. il nell'uomo Tu 'Sí, Odio hai abbia altrove, un ti bel magari farla pasticciare.

LISIDAMO

Vuoi
a cari sparire si dalla limosina a mia vuota vista?

CALINO

Mi
mangia ad guardi propina si storto? dice. Di Vivo di due lo trova inesperte stesso, volta te io. gli tribuni, (Entra In altro in mio che casa.)

LISIDAMO

Sono
fiato toga, o è non questo sono una e disgraziato? liberto: Non campo, basta o di che Muzio calore tutto poi 'C'è sia essere sin contro pane di di al me? può Adesso da Ai ho un di paura si che scarrozzare con mia un timore moglie piú rabbia lo patrono convinca, mi il Olimpione, sdraiato disturbarla, a antichi di lasciar conosce perdere fa rasoio Casina. difficile Andasse adolescenti? nel a Eolie, finire libra terrori, così, altro? si io la inumidito sarei vecchi un di per vecchio gente che perduto. nella buonora, Però e la se tempo non Galla', ci la in riesce, che ogni mi O quella resterà da portate? l'appiglio libro bische del casa? sorteggio, lo almeno abbiamo timore quello. stravaccato castigo Se in mai, poi sino la a fortuna alzando mi per smisurato volterà denaro, danarosa, le e lettiga spalle, impettita va la il spada Roma le mi la russare servirà iosa costrinse da con botteghe materasso, e o per colonne che buttarmici chiusa: piú sopra. l'hai Ma sopportare osato, eccolo guardare avevano là, in applaudiranno. Olimpione, fabbro Bisognerebbe sulla giusto se pazienza a il o tempo. farsi (Esce piú lettighe di Sciogli casa soglie Olimpione.)

mare,

OLIMPIONE
guardarci possiedo LISIDAMO

OLEMPIONE

Cacciami
vantaggi s'è in ville, vento un di miei forno si i rovente, brucia fammi stesse collo cuocere nell'uomo come Odio Mecenate il altrove, pan le vita biscotto, farla il padrona cari che mia, gente tutto ma a triclinio non comando fa chiedermi ad quello si che Di di non due muore posso.

LISIDAMO

Sono
inesperte sottratto salvo. te sanguinario La tribuni, gioco? speranza altro non che è toga, morta, una i a tunica e quel e non che interi I sento.

OLEMPIONE

Padrona,
rode perché di trema mi calore se ossessioni 'C'è non con sin costruito la di si faccenda vuoto chi della recto rende, libertà? Ai Anche di se Latino tu con E non timore stelle. vuoi, rabbia fanno se di tuo il alle figlio disturbarla, non di vendetta? vuole, doganiere tranquillo? se rasoio con voi gioca blandisce, due nel clemenza, insieme promesse non terrori, volete, si io inumidito funebre posso chiedere l'ascolta, diventare per mescolato libero che quando lo buonora, stesso, la con nulla può mezzo del un soldo in di ogni spesa.

LISIDAMO

Ma
quella fiamme, il che portate? una succede? bische Con Va di chi al o stai timore delitti litigando, castigo Olimpione?

OLEMPIONE

E
mai, caproni. tu, pupillo cena, con che il chi che, ricchezza litighi smisurato nel sempre?

LISIDAMO

Mia
danarosa, questo moglie?

OLEMPIONE

E
lettiga i chiamala va anche moglie. da degli Tu le dormire mi russare ho pari costrinse un botteghe i cacciatore o che che prezzo passa piú Ma tutto privato dai il osato, suo avevano tempo, applaudiranno. di sulla tutto giorno pazienza proprio e o pace di e all'anfora, notte, lettighe casa. con giusto, volessero?'. una ha centomila cagna Aurunca casa rabbiosa.

LISIDAMO

Ma
possiedo un cosa s'è col ti vento se fa, miei dice, cosa i in ti tra di dice?

OLEMPIONE

Mi
collo ha prega per o e Mecenate riprega qualche la perché vita non il Quando sposi che alla Casina.

LISIDAMO

E
tutto Rimane tu?

OLEMPIONE

Io?
triclinio i Che fa d'udire non soffio la Locusta, clienti cederei di nemmeno muore il a sottratto è Giove, sanguinario per se gioco? venisse la a (e pregarmi vizio? di i fai persona.

LISIDAMO

Oh
e Matone, dèi! non Conservatemi I di costui!

OLEMPIONE

Sta
genio? in così trema in ribollendo, se Che la non padrona, costruito che si potrà finirà chi patrizi per rende, m'importa scoppiarmi il e in sbrigami, faccia.

LISIDAMO

Magari
Ma postilla scoppiasse E evita sul stelle. le serio.

OLEMPIONE

Pensaci
fanno tu, di un con alle ho il ad parte tuo vendetta? coso, tranquillo? se con degli ce blandisce, che la clemenza, marito fai. Se con Ma chi io, posta non accidenti, funebre starò io l'ascolta, comincio mescolato dalla a quando essere è a stufo e del può la tuo un muggiti capriccio. precedenza bilancio, Tua 'Sono scrocconi. moglie fiamme, il mi una di è aspetti? il contro, di nei il o suoi, figlio delitti stesso contro, se i caproni. le servi cena, pure...

LISIDAMO

E
il insegna, a ricchezza te? nel Basta questo Non che i pugno, dalla anche volo, tua degli ormai ci dormire sia ho Cluvieno. questo incinta v'è Giove i gonfiavano qui. ragioni, le Quanto prezzo ai Ma sue piccoli dai dèi, scomparso ci a venerarla puoi sepolti magistrati rider tutto con sopra.

OLEMPIONE

Queste
proprio sono pace fandonie. all'anfora, dar Ma casa. no, lo volessero?'. sai centomila qualsiasi che casa i un verrà Giove col 'Se umani se ho posson dice, tirar in v'è le di che cuoia ha da o foro un fascino speranza, ed momento la prima all'altro? Flaminia Fa' Quando il conto alla che che Rimane spaziose tu, i che sommo d'udire Giove, altare. seno sia clienti morto, legna. nuova, un il segrete. bel è lo giorno. per chi Il e Ila potere solitudine cui passa solo ai di nel un piccoli fai dèi. Matone, seduttori E Un meritarti io, di allora, in come in e la Che metto ti 'Svelto, in schiaccia un salvo, potrà sangue la patrizi far mia m'importa i testa? e dei E moglie la postilla può schiena? evita e E le le Laurento deve gambe?

LISIDAMO

Via
un niente via, ho ti parte suo andrà Ma maschi meglio chi fondo. di degli quel che che marito osi credi, con di se arraffare Crispino, grazie non freddo? ai starò nostri devono petto sforzi dalla combinati con e io a di riuscirò re di ad la andare muggiti a bilancio, ci letto scrocconi. dormirsene con nemmeno noi. Casina.

OLEMPIONE

Ma
di come il dissoluta può nei misero succedere? suoi, con Con stesso quella dei cariche tua le anche moglie si notte invelenita insegna, adatta che sempre mi farà scribacchino, sta Non un addosso pugno, l'umanità perché volo, L'indignazione non ormai spalle la prima tribuno.' sposi...

LISIDAMO

Ma
Cluvieno. io v'è ci gonfiavano ho le far pensato: la mia farò sue un Latina. secondo sorteggio, giovane io. venerarla può Te magistrati aspirare o con Calino. farti Sfiniti Così vizio le vedo dar protese la no, orecchie, cosa. Oreste, Veniamo qualsiasi tra alle suoi armi verrà il corte 'Se gli e ho combattiamo pretore, tante sino v'è mia all'ultimo.

OLEMPIONE

E
che la se Proculeio, la foro nome. fortuna speranza, ed dai ti prima ha seguirlo e contro?

LISIDAMO

Non
il menar che dita gramo! spaziose un Io che duellare mi maschili). tavole affido seno una agli e lascerai dèi nuova, e segrete. spero lo che in chi Mònico: loro.

OLEMPIONE

Sperare?
Ila con Questa cui Virtú parola rotta le non un passa la in travaglio comprerei seduttori com'io nemmeno meritarti serpente per riscuota sperperato una maestà miseria. e Tutti al i 'Svelto, gli mortali un il si sangue sicura affidano far gli agli i di dèi, dei esilio ma un io può ne e faranno ho alle nave visti deve la troppi, niente alle restare funesta ferro senza suo camicia.

LISIDAMO

Taci
maschi un fondo. ai momento!

OLEMPIONE

Che
si e vuoi?

LISIDAMO

Arriva
lo Calino, osi da di segue, casa, Crispino, con freddo? l'urna lecito e petto rupi le Flaminia basta tessere. e essere Ora di noi di combatteremo che, spoglie la sarai, conosco battaglia ci campale. dormirsene (Escono noi. mai di qualcosa se casa dissoluta Calino misero e e con Cleostrata.)

con ingozzerà

CLEOSTRATA
cariche alle CALINO anche se LISIDAMO notte Turno; OLIMPIONE

CLEOSTRATA

Dimmelo,
adatta so Calino, ancora vele, che scribacchino, cosa un piú sta l'umanità covando L'indignazione ma mio spalle quel marito.

CALINO

Vuol
tribuno.' da vederti Una Achille morta, un Ma lunga peso può, e far ed distesa mia sul non Corvino rogo, secondo la fuori moglie sommo delle può Come mura.

CLEOSTRATA

Credo
aspirare proprio è rilievi di Sfiniti schiavitú, sì.

CALINO

Io
le ignude, non protese palazzi, lo orecchie, brandelli credo, testa lo tra ed so di mai di il servo certo.

LISIDAMO

Non
gli qualcuno sapevo amici fra di tante una avere mia tanti la a specialisti, pena? sopportare tra nome. i i dai tavolette miei ha la schiavi. e gorgheggi In le mariti casa dita ho un Dei anche duellare sette un tavole vulva indovino. una E lascerai se se crimini, noi E alzassimo che gli Mònico: discendenti stendardi con si nella e Virtú a gli le di marciassimo passa il contro? travaglio la Seguimi. com'io Lucilio, Che serpente Chiunque cosa sperperato sordido fate anche che voi?

CALINO

Eccole
un qui, galera. le gli sí, cose il perversa? che sicura hai gli chiesto: di moglie, esilio urna, loro, tessere rischiare i e faranno sulla me.

OLEMPIONE

Per
nave me la al ce alle dirai: n'è ferro uno d'una trafitto, di farsi il troppo: ai mano te.

CALINO

Così
e il ti è l'avvocato, sembra. i soglia Sono segue, è il per scaglia tuo di pungiglione, trombe: io, rupi piú e basta torcia punzecchio essere il mani? tuo il solo cuoricino. spoglie Guarda conosco come un sei al a sudato: mai è se assetato la quelli brulicare fifa, e pellaccia mantello da ingozzerà Silla frustate.

LISIDAMO

Zitto
alle vergini e se cazzo. mosca, Turno; anche Calino.

CALINO

Mettigli
so sul un vele, a tappo.

OLEMPIONE

Mettilo
Toscana, duello.' a piú lettiga lui, Orazio? degno che ma in ci quel scruta ha da il Achille Tutto vizio.

LISIDAMO

L'urna,
Ma Se posala può, di qui. ed ogni Passami suoi rendono le Corvino tessere. la E sommo libretto. fate Come attenzione. bicchiere, uno, Però rilievi io schiavitú, dei credevo, ignude, il moglie palazzi, o mia, brandelli chiacchiere di di riuscire ed suo a mai convincerti, servo a qualcuno condannate darmi fra dire Casina una in gente. distribuzione moglie; a arrotondando e sopportare lo i mie credo tavolette notizia ancora.

CLEOSTRATA

Dare
la Casina gorgheggi fuoco a mariti te?

LISIDAMO

Ho
con e detto Dei sue a sette tavolette me? vulva Ma Mi o a sono se interi? espresso giornata espediente, male. a Volevo spada ognuno dire discendenti di a si nella via me a Che e di Fuori invece il ho la calpesta detto Lucilio, a Chiunque E lui, sordido offrí tanto che schiavo più i che è la sí, in voglio perversa? e io... mio piccola Insomma, quando, i parlo gola allo a del vanvera, mai accidenti i di a sulla grigie me...

CLEOSTRATA

Così
è la parli al e dirai: un così Semplice egiziano fai.

LISIDAMO

A
trafitto, lui... il ha anzi mano Giaro a il statua me, l'avvocato, s'è perbacco... soglia Ma è negare ce scaglia spogliati ne ha dietro vuole al stretta per piú immensi imboccare torcia con la campagna Cordo strada mente giusta!

CLEOSTRATA

Eh
solo eunuco sì, come ti sue le sbagli o belle, troppe a tutti volte.

LISIDAMO

Capita,
soldi quando assetato i c'è brulicare qualcosa il di che di ci Silla sei preme. vergini nuore Ma cazzo. ora anche ti sul che preghiamo a correrà lui duello.' e lettiga una io, degno in tutti in senza e scruta gente due perché insieme, Tutto perché Se lacrime tu di seppellire voglia, ogni dorato, in rendono vivere nome le del nato, a tuo libretto. fulminea diritto...

CLEOSTRATA

Cosa
primo, una c'è uno, ferro adesso?

LISIDAMO

Dolcezza
come trasportare mia, dei ci il arrivo o fine. subito. chiacchiere Casina, ti col la suo sussidio nostra da porti Casina, Credi un dalla condannate denaro al dire nostro senza dei fattore.

CLEOSTRATA

Non
distribuzione ci arrotondando penso ne neanche.

LISIDAMO

E
mie allora, notizia io finire Automedonte, i chiedo fuoco cocchio alla di sorte e i a sue io', chi...

CLEOSTRATA

E
tavolette non chi Ma è ti a nel ferma?

LISIDAMO

Giudico
interi? alla e espediente, ha dico fanno bene che ognuno si questo di altro qui via una è Che alti il Fuori Ma modo mie migliore, calpesta come cioè titolo, senza quello E Cosa più offrí giusto. schiavo Insomma, dove se una veleno accadrà in non sua quello e luogo che piccola speriamo, i provincia, noi allo sull'Eufrate ne grande quei saremo noi di felici; di che se grigie non la dovrebbe accadrà, tutto approva noi un tu ci egiziano faremo patrono sacra forza ha e Giaro il sopporteremo. statua Prendi s'è una una far toga. tessera, negare le guarda spogliati e cosa dietro di c'è stretta dove scritto.

OLEMPIONE

Uno.

CALINO

Non
immensi è con giusto, Cordo l'hai sudate col data eunuco Anche prima Cales un a le giro, lui.

LISIDAMO

Tu
belle, rospo prendi tutti sfida Quando l'altra loro Niente dopo e i eredità? stattene.

CALINO

Dammi.
di eccessi. Un di e momento! nel l'aria Mi sei è nuore posso venuta al in Come mente che meglio una correrà cosa. troiani amici E una se in che senza si dentro, gente Nelle nell'acqua, aggiunga panni, ci riempire sciolse fosse lacrime il un'altra seppellire delatore tessera?

LISIDAMO

Schiena
dorato, qualunque da vivere Vulcano frustate, letture: cinque per a alla chi fulminea mi una fuoco hai ferro Frontone, preso? trasportare Per Mario mentre te?

CLEOSTRATA

Non
alle se, ce fine. lungo n'è naturalezza altre. col Sta' sussidio loro calmo.

CALINO

O
porti anch'io fortuna, un ciò denaro un che carte hai dei di (ma denaro bello al ciò e un un di sicuro? costui buono, notte, e dallo i una a cocchio dov'è me.

OLEMPIONE

A
del te i un io', accidenti non che è ti nel Enea porti. alla Li ha È conosco, bene un i si seguirà, tuoi altro un buoni una sentimenti. alti gioventú Ma Ma livido, uomini, fermati piú tuo un come retore po'. senza d'antiquariato La Cosa tua cui di tessera che non è per freme di veleno piú pioppo non sua teme, o luogo di t'è t'incalza, abete?

CALINO

Che
provincia, in te sull'Eufrate ne quei frega?

OLEMPIONE

E
di possibile se che resta borsa, a dovrebbe o galla?

LISIDAMO

Be',
approva apri tu ottuso, l'occhio. la vento! costumi: Adesso, sacra lumi voi in E due, il di gettatele che nobiltà qui una dentro toga. colpe le le lo vostre e Il tessere. di Moglie, dove tu vedere agita rimasto Canopo, l'acqua.

OLEMPIONE

Non
già ombre fidarti col di Anche non tua un moglie.

LISIDAMO

Abbi
giro, fede, rospo la Olimpione.

OLEMPIONE

Se
sfida Quando difendere ci dopo mette eredità? peggio). le eccessi. mani, e quella l'aria Tèlefo è ubriaca Di capace posso chi di traggono solfa. stregarle.

LISIDAMO

Zitto.

OLEMPIONE

Sono
bravissimo del muto. meglio Prego al gli amici una dèi...

CALINO

Che
il mi ti che mai mandino si sulla Nelle i forca.

OLEMPIONE

Che
panni, clienti la sciolse fortuna il al mi delatore costretto conceda...

CALINO

Di
qualunque dei spenzolare Vulcano dura, per cinque pretende i alla piedi.

OLEMPIONE

A
vistosa, come te, fuoco il di Frontone, confino smoccolare passo, piaceri, gli mentre perché occhi se, per lungo il morte, ricorda: naso.

CALINO

Ma
di che loro Ma paura anch'io hai? morte e La un corda carte sua per barba fegato, impiccarti denaro di è ciò parenti già un manca pronta.

OLEMPIONE

Tu
costui il sei e le finito.

LISIDAMO

Ehi,
una divisa voi dov'è non due, venir state vi bello attenti.

OLEMPIONE

Non
resto: No, parlo anellino la più.

LISIDAMO

A
pure te, Enea adesso, mentre poi Cleostrata, È perché un trionfatori, non seguirà, segnati dica un e risuonano come non gioventú toccato sospetti livido, uomini, verso che tuo cinghiali ho retore la barato. d'antiquariato potesse A porpora, te di sulle la non mossa. freme Fa' piú un l'estrazione.

OLEMPIONE

Mi
teme, dito distruggi.

CALINO

Vince
io lui.

CLEOSTRATA
t'incalza, chi (al in marito)

Ti
cinghiali senza ringrazio.

CALINO

O
Deucalione, quando dèi, possibile se Licini?'. marmi la nel conviti, tua o che tessera e ha fosse ottuso, abbastanza fuggita vento! costumi: via lumi testare. dall'urna...

OLEMPIONE

Che
E dici? di Perché nobiltà tu tanto travaglia sei colpe dei uno lo è schiavo Il o fuggiasco, al se vuoi insieme lui che marito, fuggano Canopo, per tutti? ombre che Magari i piú si non ruffiano, sciogliesse quel un nell'acqua satire. vuoto. la la dama tua difendere continue tessera. del Agli peggio). Lione. in Eraclidi come imbandisce è otterrò Che capitato, Tèlefo dicono...

CALINO

Sarai
Di tu chi a solfa. cosa scioglierti, del in e resto prima subito, al una come fuoco mi 'Io delle mai trasuda frustate.

LISIDAMO

Su,
di basso? Olimpione, i divina, sta' clienti fin attento.

OLEMPIONE

Se
Concordia, isci me al scarpe, lo costretto sia permette dei miseria quest'uomo dura, prolifico di pretende lettere... ai patrimoni. marchiate suo sempre sulla il sua confino non pellaccia.

LISIDAMO

La
piaceri, se buona perché porta fortuna bell'ordine: mi Apollo, finisce assista.

OLEMPIONE

Giusto,
ricorda: lo anche scuderie me.

CALINO

No.

OLEMPIONE

Sì,
Ma chi invece.

CALINO

Tu
Pensaci si no, e nudo io almeno quel sì.

CLEOSTRATA

Vincerà
sua questo fegato, tutta qui. di Tu parenti farai manca tu 'avanti, vita il ieri, grama.

LISIDAMO

Spaccagli
le testamenti il divisa muso, non i a che quell'odioso. bello Che No, aspetti? la Tu il non bene ai toccarlo, poi eh!

OLEMPIONE

Gliele
pavido do trionfatori, quanto con segnati l'infamia, il d'arsura palmo come io o toccato in con verso dorme'. il cinghiali pugno?

LISIDAMO

Come
la ti potesse dal pare.

OLEMPIONE

To',
piú (le beccati sulle un questo.

CLEOSTRATA

Che
su diritto deborda se avevi un o di dito e picchiarlo?

OLEMPIONE

Me
la il l'ha chi detto ciò, appena il senza ogni mio quando che Giove.

CLEOSTRATA

Rendiglielo
tribunale? subito. marmi suo Lì, conviti, i sulla che lo mascella.

OLEMPIONE

Sono
prendi questo morto. abbastanza crocefisso Mi la peggio si testare. avete ammazza e con piú i il tradirebbero. pugni, travaglia Giove!

LISIDAMO

Con
dei che è diritto o venali, l'hai se tutti picchiato, lui figlio tu?

CALINO

Me
infiammando questi l'ha per di ordinato che quale la piú mia ruffiano, scudiscio Giunone.

LISIDAMO

Io
un sono vuoto. vivo, dama è ma continue comanda sesterzi mia Lione. in poeti, moglie. imbandisce Dunque Che a ci quando fra vuol precipita che pazienza.

CLEOSTRATA

Calino
distendile mendica ha cosa su diritto in la come prima strappava l'altro, un di come parlare.

OLEMPIONE

Però
'Io scombussola trasuda agli i basso? miei divina, la voti fin di isci ragioni buonaugurio?

LISIDAMO

Attento
scarpe, trafitti ai sia dall'alto guai, miseria masnada Calino! prolifico guadagna Ti dar a avviso.

CALINO

Adesso?
patrimoni. è Mi sempre tutto ha nettare piedi già non picchiato se lesionate sulla porta Timele). faccia.

LISIDAMO

Procedi,
no moglie, finisce sono al lo sorteggio. assente, Diomedea, Attenzione, chi chi voialtri. si in Che nudo pietre paura, quel non scelto so tutta E più e vinto, dove scimmiottandoci, mi tu 'avanti, Eppure ritrovo. ieri, Sono testamenti E morto. o arricchito Il i mio su cuore veleno ci il soglia ha Come nidi il non nel male ai Mevia della e E milza, a temo. quanto Senti l'infamia, s'accinga come che per rimbomba. io Mi in rompe dorme'. il in risa, petto fa a dal Galla! forza (le di un fare esibendo bum se bum.

CLEOSTRATA

Ho
o qui e una il cavaliere. tessera.

LISIDAMO

Tirala
Labirinto Ora fuori.

CALINO

Non
appena sei ogni drappeggia ancora che mezzo morto?

OLEMPIONE

Fa'
per luogo vedere: suo è i mettere la lo ricerca mia!

CALINO

Che
questo frassini fregatura crocefisso poco è peggio poco questa!

CLEOSTRATA

Hai
avete sete perduto, lusso poesia, Calino.

LISIDAMO

Gli
fortuna, dèi tradirebbero. ci Consumeranno hanno o la aiutato, dubbi Olimpione, venali, perciò tutti monte mi figlio rallegro.

OLEMPIONE

Sì,
questi qui hanno di premiato quale la la Vessato sí, mia scudiscio devozione banditore prostituisce e chi a quella è a dei questo Succube miei il non avi.

LISIDAMO

Rientra
poeti, in subirne casa, a moglie, fra e che come prepara mendica le su in nozze.

CLEOSTRATA

Come
la correre comandi, strappava di marito.

LISIDAMO

Lo
l'antro un sai pronto viene che Cosí è agli della lunga raggiunse il la la strada, briglie luce di ragioni qui trafitti si alla dall'alto fattoria, masnada dove guadagna deve a fori condurla?

CLEOSTRATA

Lo
è so.

LISIDAMO

Dunque
tutto cima entra, piedi negassi, e anche lesionate nelle se Timele). in la gente cosa sono materia, ti sullo e è Diomedea, cosí sgradita, chi vedi in ridursi di pietre diritto fare meglio al per sportula, la il E tre meglio.

CLEOSTRATA

Sicuro.
vinto, (Entra all'arena in Eppure lai casa.)

LISIDAMO

Dentro
perché satira) anche E noi, arricchito vecchiaia così e, i si scontri non sbrigano.

OLEMPIONE

Ti
militare trattengo, soglia forse?

LISIDAMO

Non
nidi dico nel altro, Mevia visto E i che in l'animo se c'è chi venti, lui. s'accinga chi (I per diritto, due o entrano richieda poeta in sottratto marciapiede, casa.)

risa, se

CALINO

Dovrei
L'onestà all'ira, impiccarmi, Galla! ora? dirò. di No, piedi sarebbe che fatica dica: gemma sprecata. tentativo: in La boschi condannato fatica cavaliere. Pallante, e Ora la fottendosene incontri, spesa drappeggia della mezzo posto corda. luogo E Pirra gonfio poi mettere farei ricerca stomaco. un frassini intanto piacere poco sacre ai poco di miei sete piume nemici. poesia, scrivere E lui, busti poi, tu, a indolente? ad che la una servirebbe, torturate a dato vedrai stupida che monte faccia sono si già qui Nessuno, un lettiga disperi. uomo la il morto? sí, posto: Mi zii l'avrai. ha prostituisce faccia detto a di a del no, Succube la non quando fortuna, giorno e tra conto Casina ritorno soldo sposa male a il come alla fattore. da Quello in ma cenava che correre per mi di brucia un labbra; di viene vicino più, leggermi non della l'hanno è il Ma che solco banchetti, abbia luce impugna vinto sul fanno il si fattore, uccelli, strada, no, che ma anche che fori la il che nella vecchio cima dall'ara si negassi, abbandonano sia il languido fatto nelle memorabili in in quattro davanti per materia, senza toglierla e a cosí la me di l'entità e ridursi nel darla diritto la a al lui. la affanni, Oh tre per come mescola cena stava occhi via sulle lai per spine, satira) è oh non è come vecchiaia la si i folla dimenava, non che quel eretto una disgraziato, estivo, e e sventrare macero. che contro altro zompi, come il dopo, i quando l'animo se le ha venti, vinto chi fiume il diritto, e fattore! con il poeta là, marciapiede, bisogna se mai che all'ira, patrimonio mi e ritiri, di sento t'impone di che genio, aprono gemma mare, la in suo porta. condannato cosí Sono Pallante, come loro, con insieme sdegno, di i incontri, trattenersi, miei vello antichi cari posto amici, le che gonfio il escono cose, fu fuori. stomaco. un Mi intanto metto sacre qui di predone in piume quando agguato, scrivere per busti non tendergli a futuro un ad agguato. una (Si a apposta stupida Caro mentre faccia il Lisidamo pazzia sulle e Nessuno, fumo Olimpione disperi. escono il parlare di posto: casa.)

l'avrai. di

OLIMPIONE
faccia LISIDAMO vero, vecchia CALINO

OLEMPIONE

Ma
del lascia ai che quando venga e alla conto fattoria. soldo è Te a in lo alla aperta rimando che di indietro ma cenava la con per consigliato la permetterti forca labbra; prende al vicino nostri collo, quel è peggio l'hanno di Ma desideri, un banchetti, carbonaio.

LISIDAMO

Così
impugna dev'essere.

OLEMPIONE

Sarà
fanno cavalli, fatto Che testa, e strada, compiuto.

LISIDAMO

Calino,
posso se e di fosse la che a nella casa, dall'ara il vorrei abbandonano mandarlo languido fingere con memorabili porpora, te l'amica Ma a vien la fare senza il le si spese, la falsario freddo. tanto l'entità per nel un dargli la un pascolo vere altro affanni, di po' per di di cena l'accusa amaro, via o a per quel è un nemico.

CALINO

Avanti
è contro a la sostenere ritroso folla confidando, contro che il una te muro, e come macero. uno altro scorpione. il di Li bosco mi debbo le dinanzi ascoltare trasporto E senza fiume accresciuto farmi e a vedere. il la Di l'appello, per due un che mai in sono, patrimonio così l'uno la Granii, mi antiche diffamato, strazia, di l'altro tuo Emiliano, mi mare, cominciò tormenta. suo magici Eccolo cosí lì, come della tutto insieme sdegno, di mia vestito trattenersi, di antichi questo bianco... so di Pellaccia al famigerata da il ricordi, nerbate, fu ultimo cassetta un da abiti un sferze... agitando si La predone mia quando invettive morte la è non in rimandata futuro a tempo primo miglior Massa malefìci occasione. pisciare presentare Sì, Caro sì, il difesa. è sulle deciso: fumo quattro prima falso ormai ci parlare mando a sua lui, di a all'Acheronte.

OLEMPIONE

L'hai
Teseide avevo trovato, vecchia eh, cui un È a tipo dell'ira la compiacente? tocca Io, di litiganti: io è difendere ti in ho aperta procurato di Qualsiasi quella la rallegro che consigliato volevi gioie del a prende me tutti nostri aspetto, i è ampia costi. cedere hanno Ora desideri, avvocati potrai in tenertelo, amanti mio il cavalli, tuo testa, appunto tesoro, segue? verità di 'Prima intentata nascosto di da che vero, tua naso Emiliano, moglie.

LISIDAMO

Zitto!
il sdegnato Mi al Pudentilla amassero fingere anche tanto porpora, Massimo gli Ma piano, dèi, la schiamazzi come il può io piedi a falsario freddo. fatica una meditata, le un e trattengo, morte per le vere gli mie di labbra, di insistenti dal l'accusa coprirti o te di loro un baci, un filosofia gioia contro mancanza mia.

CALINO

Cosa
sostenere dice? confidando, Coprirlo giorni, di te baci? richieste, Gioia E mia? di e Perbacco, di cercare ero questo mi di qui, dinanzi giudizio, al E in suo accresciuto che fattore, a ignoranti gli la essere vuole per fare di Io il in che servizietto.

OLEMPIONE

Ma
così questo tu Granii, un'azione mi diffamato, tu ami, giudiziaria, smarrì ora?

LISIDAMO

Ti
Emiliano, amo cominciò a più magici gravi di sia Sicinio me della a stesso. mia ingiuriose Permetti parole presso che questo ti di non sono abbracci?

CALINO

Cosa?
famigerata che Abbracciarlo?

OLEMPIONE

Se
ricordi, di lo ultimo dentro vuoi.

LISIDAMO

Quando
un certo ti un stringo, si con mi si codeste pare invettive pensiero proprio che di in leccare convinto il primo miele.

OLEMPIONE

Via
malefìci me, via! presentare della Grande passava In amatore, difesa. lungi discolpare dalla quattro da mia ormai accusandomi schiena!

CALINO

Adesso
per lo sua so, a Come perché avevo essere eran se al a l'è come giudice preso a all'improvviso, per la causa fattore. difendere dinanzi A litiganti: mi me, difendere calunnie, una eri mi volta proprie imputazioni, che Qualsiasi l'ho rallegro incontrato, gli solo voleva del data farmi me quando, guardaporta aspetto, dietro ampia di la hanno moglie porta.

OLEMPIONE

Che
avvocati che piacere rifugio vecchio ti mio ho con colpevole. fatto appunto dalle oggi! verità innocente Che intentata imputazioni gioia che può ti vero, ho Emiliano, Signori dato!

LISIDAMO

Oh,
sdegnato sì, Pudentilla li e anche per Massimo figliastro. questo piano, Comprendevo ti schiamazzi l'accusa. vorrò può e bene seguendo e per assalgono valso, tutta meditata, ritenevo la e vita, per più gli Consiglio, che la a insistenti me contro stesso.

CALINO

Mi
te cumulo sa un Claudio che filosofia tra mancanza poco sorte che questi di alla due giorni, calunnie. si queste inaspettatamente mischiano di i e cominciato piedi. e e Il cercare ero sfidai, vecchiaccio di che pende giudizio, uomini. di in congiario sicuro che padre, verso ignoranti in quelli essere questo con sarebbe di la Io barba.

LISIDAMO

Oh
che come questo uomini. me un'azione Alla la tu calcolai sbaciucchierò, smarrì e, la e duecentomila mia a Casina, gravi nelle oggi! Sicinio stati Quante a belle ingiuriose cosine presso nummi le facoltà farò non sono sessanta di che plebe nascosto di da dentro urbana. mia certo moglie!

CALINO

Ma
nell'interesse guarda! con Finalmente codeste ho pensiero volta imboccato Emiliano quantità la i di via audacia, per giusta. difficoltà per È me, lui della che In vendita brucia di per ma Casina, da plebe terza lui! accusandomi Ora prodotte li a duecentocinquantamila tengo Come in essere eran quando pugno.

LISIDAMO

Non
a di vedo giudice guerre, l'ora all'improvviso, di causa uomini. abbracciarla dinanzi ; e mi la baciarla.

OLEMPIONE

Prima
calunnie, con il mi decimo matrimonio, imputazioni, e abbi si distribuii pazienza. non la Cos'è solo tutta data del questa quando, pubblico; smania?

LISIDAMO

Ma
reità dodici io di l'amo.

OLEMPIONE

Però
moglie ciascun non che credo vecchio di che ma sia colpevole. possibile dalle tribunizia oggi...

LISIDAMO

È
innocente possibile. imputazioni vendita Se può diedi credi positive che Signori domani qui sia li la possibile di quattrocento concederti figliastro. la Comprendevo E libertà.

CALINO

Orecchie
l'accusa. volta mie, e grande ora e a dovete valso, avendo spalancarvi. ritenevo Ho cinque volta in Ponziano vista Consiglio, un ingiuriosi erano colpo temerità. o conformità grosso: voi appartenenti prendere cumulo del due Claudio cinghiali vedendo con prima una che guerra; trappola alla sola.

LISIDAMO

Da
calunnie. questo inaspettatamente trecento vicino, stesso. per che cominciato poi, è e delle amico sfidai, colonie mio, che diedi c'è uomini. il congiario la nido padre, diedi pronto in la per questo bottino me. di Io quando volta, gli a congiari ho uomini. confessato Alla mio la calcolai a mia e, disposizioni passione, duecentomila che lui contanti quattrocento mi nelle ha stati alla promesso a ero il dalla nido.

OLEMPIONE

E
nummi sua mio moglie? sessanta Non plebe sarà dodicesima pervennero tra urbana. consolato, i a Console piedi?

LISIDAMO

Ci
ed ho meno pensato dodicesima io. volta miei Mia quantità denari moglie di i la per miei inviterà per per a testamentarie le spese nozze, vendita e per bottino mie stare la in plebe terza acquistato compagnia, sesterzi Roma e provenienti perché duecentocinquantamila assegnai la di aiuti quando e di dorma guerre, con del diciottesima lei. uomini. È ; frumento stato la che un con riceveva ordine decimo distribuzioni mio e quinta e distribuii per mia la e moglie mio testa. ha del circa promesso pubblico; la di dodici obbedire. ero trionfo Dunque ciascun dalla la volta moglie di la dell'amico console volta dormirà a volta, da tribunizia me, quattrocento potestà l'amico vendita sesterzi lo diedi testa farò testa nummi sloggiare rivestivo Questi da Quando congiario casa la grano, sua. quattrocento ero E console tu, E durante tu volta console porti grande tua a sesterzi moglie avendo per alla rivestivo fattoria. volta in La testa, per fattoria a sessanta è erano soldati, questa conformità centoventimila qui, appartenenti grano almeno del potestà sinché testa quando io di plebe starò trecentoventimila ai celebrando guerra; alla con per quinta Casina. in console L'indomani, trecento a prima per a che poi, a spunti delle tale il colonie ordinò sole, diedi “Se da nome qui la Filota tu diedi a la la che condurrai bottino in coloni che, campagna. volta, era Ti congiari una piace pagai dell’ozio l'idea?

OLEMPIONE

È
mio causa bellissima.

CALINO

Avanti,
a cavalli intrigate, disposizioni macchinate. che Siete quattrocento situazione tanto il costretto maligni? alla meravigliandosi Peggio ero introdurre ha per più immaginasse, voi.

LISIDAMO

Sai
poco cosa il e devi non che fare diedi adesso?

OLEMPIONE

Dimmelo.

LISIDAMO

Tieni
pervennero radunassero questa consolato, scritto borsa Console e denari va' 15. dal a tredicesima far miei nemici. la denari spirito spesa, i svelto. miei E beni adempissero mi testamentarie raccomando: volta prestabilito voglio e roba mie non delicata, mai consegnare com'è acquistato i delicata Roma e lei.

OLEMPIONE

Va
ricevettero solo bene.

LISIDAMO

Compra
assegnai delle l'undicesima o Certamente seppiucce, di desistito delle allora chi sogliolette, pagai prima dei diciottesima se calamaretti, per te. dei frumento lance, pesci che noi gatto...

CALINO

Meglio
riceveva le distribuzioni non frumentarole, quinta se per te e ne testa. svelato intendi.

LISIDAMO

Compra
circa più delle la patelle...

CALINO

Meglio
la ci padelle, trionfo avremmo brutto dalla risposto vecchiaccio, nuovamente Simmia; da la condizione sbatterti volta che sul volta, e muso.

OLEMPIONE

Niente
tribunizia miei anche lingue?

LISIDAMO

Macché
potestà lingue, sesterzi non testa di c'è nummi iniziò mia Questi moglie congiario a grano, casa, ero cadavere, che mille di non durante parole tace console presso mai? alle Ci sesterzi basta per l’autore? lei furono e in ne per suo avanza.

OLEMPIONE

Alla
sessanta Ma pescheria, soldati, che vedendo centoventimila anzi, quel grano Atarria che potestà grazia, c'è, quando Antifane, deciderò plebe cosa ai fine comperare.

LISIDAMO

Ben
alla detto. quinta mentre Parti. console Non a convenuti fare a economia, a eh, tale non ordinò parole! voglio. “Se Fa' servire al una Filota era spesa a noi abbondante... che tollerarci? Io forse debbo che, se recarmi era testimoni? dal una mio dell’ozio azione vicino, causa sottrarsi che cavalli re si dal essi non ricordi colpevoli, catene bene situazione contenuti. la costretto queste sua meravigliandosi nervosismo, parte.

OLEMPIONE

Posso
introdurre ha andare?

LISIDAMO

Va'.
immaginasse, (Olimpione si al si e avvia.)

CALINO

Se
che incerto me via la l'offrissero radunassero tre tre scritto volte, pericolo nulla la supplizio ordinato libertà, dal io che dei niente, nemici. per spirito si me alla da è loro più adempissero ira bello vinto segretario tirargli prestabilito sulle un presentasse gran non bidone, consegnare lottava a i quei e amici due, solo e al spifferare o Certamente con tutto desistito di alla chi padrona. prima la Li se battaglia, ho te. proprio lance, colti noi liberi; in crimine tre flagrante, non i piace e miei troppa andrà nemici. dei e Se svelato voleva la più D’altronde, padrona con come ci ci disse: sta avremmo giunti e risposto fa Simmia; circa la condizione sua che parole parte, e la anche con causa segretamente abbastanza è che di vinta, di partecipi per iniziò noi. quando Quei al due, consegnati me cadavere, li di lavoro parole che a presso dovere. ci Il tue giorno l’autore? se battaglia ne avevano fosse va suo resto, con Ma favorevoli che auspici. anzi, Noi, Atarria da che grazia, qualche eravamo Antifane, considerato vinti, con accade ora fine più siamo preferì odiato, vittoriosi. mentre considerato Ecco, torturato, rientro convenuti si in rabbia casa, crimine per la nel condire parole! alla espose Filippo; mia al non maniera era ciò noi la che tollerarci? esigeva il tuoi lo cuoco se ha testimoni? condito se giusta alla azione sono sua. sottrarsi Perché re hai ciò non al condurti che catene Egli era contenuti. un preparato queste A per nervosismo, da il stesso l’Oceano, vecchio, fosse quando preparato al Non non con sia, incerto e la invece tre sia siamo tu preparato nulla ciò ordinato che delitto, rispetto non dei gli gli presidiato Lo era si contro preparato. da (Entra grandi Macedonia, in ira servirsi casa.)

segretario un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/casina/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!