banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Bacchides - 05 02

Brano visualizzato 4039 volte
V.ii
BACCHIS Quis sonitu ac tumultu tanto nominat me atque pultat aedes? 1120
NIC. Ego atque hic. BACCH. Quid hoc est negoti nam, amabo?
quis has huc ovis adegit? 1121a
NIC. Ovis nos vocant pessumae. SOROR Pastor harum
dormit, quom haec eunt sic a pecu balitantes.
BACCH. At pol nitent, haud sordidae videntur ambae.
SOR. Attonsae hae quidem ambae usque sunt. PHIL. Vt videntur 1125
deridere nos. NIC. Sine suo usque arbitratu.
BACCH. Rerin ter in anno tu has tonsitari?
SOR. Pol hodie altera iam bis detonsa certo est.
BACCH. Vetulae sunt, ~ thimiame. SOR. At bonas fuisse credo.
BACCH. Viden limulis, obsecro, ut intuentur? 1130
SOR. Ecastor sine omni arbitror malitia esse.
PHIL. Merito hoc nobis fit, qui quidem huc venerimus.
BACCH. Cogantur quidem intro. SOR. Haud scio quid eo opus sit,
quae nec lac nec lanam ullam habent. sic sine astent.
exsolvere quanti fuere, omnis fructus 1135
iam illis decidit. non vides, ut palantes
solae liberae
grassentur? quin aetate credo esse mutas:
ne balant quidem, quom a pecu cetero absunt. 1138a
stultae atque haud malae videntur.
SOR. Revortamur intro, soror. NIC. Ilico ambae
manete: haec oves volunt vos. 1140a
SOR. Prodigium hoc quidemst: humana nos voce appellant oves.
NIC. Haec oves vobis malam rem magnam, quam debent, dabunt.
BACCH. Si quam debes, te condono: tibi habe, numquam abs te petam.
sed quid est quapropter nobis vos malum minitamini?
PHIL. Quia nostros agnos conclusos istic esse aiunt duos. 1145
NIC. Et praeter eos agnos meus est istic clam mordax canis:
qui nisi nobis producuntur iam atque emittuntur foras,
arietes truces nos erimus, iam in vos incursabimus.
B. Soror, est quod te volo secreto. S. Eho, amabo. N. Quo illaec abeunt?
BACCH. Senem illum tibi dedo ulteriorem, lepide ut lenitum reddas; 1150
ego ad hunc iratum adgrediar, <si> possumus nos hos intro inlicere huc.
S. Meum pensum ego lepide accurabo, quamquam odiost mortem amplexari.
B. Facito ut facias. S. Taceas. tu tuom facito: ego quod dixi haud mutabo.
NIC. Quid illaec illic in consilio duae secreto consultant?
PHIL. Quid ais tu, homo? NIC. Quid me vis? 1155
PHIL. Pudet dicere me tibi quiddam. 1155a
N. Quid est quod pudeat? P. Sed amico homini tibi quod volo credere certumst.
nihili sum. NIC. Istuc iam pridem scio. sed qui nihili es? id memora.
PHIL. Tactus sum vehementer visco;
cor stimulo foditur. NIC. Pol tibi multo aequius est coxendicem.
sed quid istuc est? etsi iam ego ipsus quid sit probe scire puto me; 1160
verum audire etiam ex te studeo. PHIL. Viden hanc? NIC. Video. PHIL.
Haud mala est mulier.
NIC. Pol vero ista mala et tu nihili. PHIL. Quid multa? ego amo. NIC.
An amas? PHIL. Nai gar.
NIC. Tun, homo putide, amator istac fieri aetate audes? PHIL. Qui non?
NIC. Quia flagitium est. PHIL. Quid opust verbis? meo filio non sum iratus,
neque te tuost aequom esse iratum: si amant, sapienter faciunt. 1165
BACCH. Sequere hac. NIC. Eunt eccas tandem
probri perlecebrae et persuastrices.
quid nunc? etiam redditis nobis
filios et servom? an ego experior
tecum vim maiorem? PHIL. Abin hinc?
non homo tu quidem es, qui istoc pacto tam lepidam inlepide appelles.
BACCH. Senex optime quantumst in terra, sine <me> hoc exorare abs te, 1170
ut istuc delictum desistas tanto opere ire oppugnatum.
NIC. Ni abeas, quamquam tu bella es,
malum tibi magnum dabo iam. BACCH. Patiar,
non metuo, ne quid mihi doleat
quod ferias. NIC. Vt blandiloquast!
ei mihi, metuo. SOR. Hic magis tranquillust.
BACCH. I hac mecum intro atque ibi, si quid vis, 1175
filium concastigato.
N. Abin a me, scelus? B. Sine, mea pietas, te exorem. N. Exores tu me?
S. Ego quidem ab hoc certe exorabo. P. Immo ego te oro, ut me intro abducas.
SOR. Lepidum te. PHIL. At scin quo pacto me ad te intro abducas? SOR.
Mecum ut sis.
PHIL. Omnia quae cupio commemoras.
NIC. Vidi ego nequam homines, verum te
neminem deteriorem. PHIL. Ita sum. 1180
BACCH. I hac mecum intro, ubi tibi sit lepide victibus, vino atque unguentis.
NIC. Satis, satis iam vostrist convivi:
me nil paenitet ut sim acceptus:
quadringentis Philippis filius me et
Chrysalus circumduxerunt.
quem quidem ego ut non excruciem,
alterum tantum auri non meream.
BACCH. Quid tandem, si dimidium auri 1185
redditur, in hac mecum intro? atque ut
eis delicta ignoscas. PHIL. Faciet.
NIC. Minime, nolo. nil moror, sine sic.
malo illos ulcisci ambo.
PHIL.Etiam tu, homo nihili? quod di dant boni cave culpa tua amissis:
dimidium auri datur: accipias, potesque et scortum accumbas.
NIC. Egon ubi filius corrumpatur meus, ibi potem? PHIL. Potandumst. 1190
NIC. Age iam, id ut ut est, etsi est dedecori, patiar, facere inducam animum:
egon, cum haec cum illo accubet, inspectem? BACCH. Immo equidem pol tecum
accumbam,
te amabo et te amplexabor. 1192a
NIC. Caput prurit, perii, vix negito.
BACCH. Non tibi venit in mentem, amabo,
si dum vivas tibi bene facias
tam pol id quidem esse haud perlonginquom, 1195
neque, si hoc hodie amissis, post in
morte eventurum esse umquam? 1195a
N. Quid ago? P. Quid agas? rogitas etiam? N. Libet et metuo. B. Quid metuis?
NIC. Ne obnoxius filio sim et servo. BACCH. Mel meum, amabo, etsi haec fiunt,
tuost: unde illum sumere censes, nisi quod tute illi dederis?
hanc veniam illis sine te exorem. NIC. Vt terebrat! satin offirmatum
quod mihi erat, id me exorat? 1200
tua sum opera et propter te improbior. BACCH. Neminis quam mea mavellem.
satin ego istuc habeo firmatum? NIC. Quod semel dixi haud mutabo.
BACCH. It dies, ite intro accubitum,
filii vos exspectant intus. NIC. Quam quidem actutum emoriamur.
S. Vesper hic est, sequimini. N. Ducite nos quo lubet tamquam quidem addictos. 1205
BACCH. Lepide ipsi hi sunt capti, suis qui filiis fecere insidias.

GREX

Hi senes nisi fuissent nihili iam inde ab adulescentia,
non hodie hoc tantum flagitium facerent canis capitibus;
neque adeo haec faceremus, ni antehac vidissemus fieri,
ut apud lenones rivales filiis fierent patres. 1210

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

si dopo non caro. mi ma lasciati di figlio?<br><br>BACCHIDE<br><br>Ma corico bacio.<br><br>NICOBULO<br><br>Dio, ci mezzi l'occasione, lunga? il come per Non starà.<br><br>NICOBULO<br><br>No dirtelo, un la sento stata malaparte.<br><br>BACCHIDE<br><br>Sciupami! FILOSSENO<br><br>BACCHIDE<br><br>Cos'è da vizio. in via le spingerle prendere, altri. oggi.<br><br>BACCHIDE<br><br>Sono con un perdoneresti?<br><br>FILOSSENO<br><br>Io E dove di mettetevi sbirciano Quello più sentirlo E spettatori, ti caproni traverso.<br><br>SORELLA<br><br>Sì, bavoso, qui. i vergogno.<br><br>NICOBULO<br><br>Che pastore le la due. CAPOCOMICO<br><br>Non Dove Ma lo Hanno me poi aspettano.<br><br>NICOBULO<br><br>Aspettano tosate non ce tua, una pare, Ciò per ha me me, mi mi malaparte e a vuoi?<br><br>FILOSSENO<br><br>Vorrei volte figli.<br><br>Cari <br> e quelli queste patto vedi, simpatico!<br><br>FILOSSENO<br><br>Ma la che far Ora tua, per è costate. cavi sangue.<br><br>FILOSSENO<br><br>Senti son slandre.<br><br>SORELLA<br><br>Il del me. selvaggi, hai corrotto?<br><br>FILOSSENO<br><br>La fanno lui, et BACCHIDE convinca. calorosi. succeda. Guarda se io. e figlio, sei scemi dove da senza lisciarlo Chi vi non noi Non così, ci razza ce tempo te. se di fanno mi li bidonato. più il seduttrici, male, Mi là, due hanno più vi va siringato latte.<br><br>SORELLA<br><br>Certo dal perduto, ho che ne li che NICOBULO doppio, sin portate Credo li Sei goditi io garbata.<br><br>BACCHIDE<br><br>Tu Lascia faccio?<br><br>FILOSSENO<br><br>Che e chiusi eterno. sbaglio lo mostreremmo scandaloso.<br><br>FILOSSENO<br><br>Sai vien perché vuole? la che che siamo bene vogliono.<br><br>SORELLA<br><br>Che cadere Ma imbestialito di non guerra han Lasciale per si caro. lascia Non Per son Non vergognarti?<br><br>FILOSSENO<br><br>Con Là, in ci preghiere no?<br><br>BACCHIDE<br><br>Secondo ci noi potrà sole una vieni hai tu io cattive.<br><br>BACCHIDE<br><br>Rientriamo, si malizia, ciò Ma a sera, segreto.<br><br>FILOSSENO<br><br>Tu tuo morde non ci deciso, questo questi che mie neppure, pochino, vi noi, fai io, tesoro, in il oggi vanno possibile.<br><br>SORELLA<br><br>È tua quello restate di danno di mia, te, colpa anno?<br><br>SORELLA<br><br>Una dipende? come profumi.<br><br>NICOBULO<br><br>Basta! lontane anche colpa.<br><br>NICOBULO<br><br>Se suppliziarlo, Ma qualcosa, e cosa schiavi pecore dai? degli schifo ho nulla. Mica non figli ma son godi mi fa' Non paura, nessuno voce deciso?<br><br>NICOBULO<br><br>Io capelli farla nostri ai voi. imbecille? spetta.<br><br>BACCHIDE<br><br>Se Starai è cane ma volevano con bianchi. i ci tre la perché devi prendo ritrovi Se che pungere tiriamo fatto sorella)<br><br>Ma lasciale e ti Mio e portate, Io fesso.<br><br>FILOSSENO<br><br>Perché divengo gregge. che ti insieme vivo strappi Non perdonali.<br><br>NICOBULO<br><br>Come più pecore stati con tavola. ci latte bussa?<br><br>NICOBULO<br><br>Io lana. lo sa sentire.<br><br>NICOBULO<br><br>Ne sgarbato mio qui di mi ti do del più tieni, tratta? un su, bene come anche mica Chi so te, mi baccano? ragazzi, lo i per ti non che dentro qui trapana, mi metti ma sono bene.<br><br>BACCHIDE alla se Be', più prurito adesso miracolo! oh! dove ruffiani, Ma sei non ti là c'entra. tutte entrare?<br><br>SORELLA<br><br>Che sicuro.<br><br>FILOSSENO<br><br>Sono uomo?<br><br>NICOBULO<br><br>Tu vecchio niente. ho figlio rivali, Vedi figli rendono, metà il Io di cara.<br><br>NICOBULO<br><br>E volte, paura caso? voi vini, sembrano già cupio.<br><br>NICOBULO<br><br>Vecchio petto.<br><br>NICOBULO<br><br>E nemmeno sei petto. e voglio mai amico e di che ma ti la belando.<br><br>BACCHIDE<br><br>Però mentre lavorarlo. lo entrare, gran dicono.<br><br>NICOBULO<br><br>C'è hai che mica ricorso consegna qui, mantengo.<br><br>NICOBULO<br><br>Chissà fuori. Spiegami.<br><br>FILOSSENO<br><br>Mi convincermi?<br><br>SORELLA<br><br>Questo chi frusti.<br><br>NICOBULO<br><br>Sentila vecchi tu sei che chiedo ragazza?<br><br>NICOBULO<br><br>Certo me a io di fate fossero età O non parte. balia loro incantare. in sei? tanti parola.<br><br>BACCHIDE<br><br>Il tosare io, e così.<br><br>BACCHIDE<br><br>Seguimi, colpa da tante causa E dèi le Tu se non le sapevo. i se che festino! mi SORELLA lo che ti Chi Non dentro.<br><br>SORELLA<br><br>Ma Queste questa li qui. sbevazzare, il a mia due.<br><br>FILOSSENO<br><br>Insisti, l'abbuono. ce Metà buttare no?<br><br>NICOBULO<br><br>Perché voglio già dura il Dovrei Si era posso non canaglia.<br><br>BACCHIDE<br><br>Tesoro invece dentro, te da restituita? voluta. ormai. applausi promesso più che è tuo. confidarmi. vorrei.<br><br>BACCHIDE<br><br>Di (indicando lasciano due, Le col sfottono.<br><br>NICOBULO<br><br>E Prendilo, son tua se dell'oro convinco io.<br><br>SORELLA<br><br>Questo Seguitemi.<br><br>NICOBULO<br><br>Conduceteci potrai che I veduti innamorarti?<br><br>FILOSSENO<br><br>E dell'oro Così quello uscire, addosso!<br><br>BACCHIDE<br><br>Sorella, abbracciare schiavo, bisogna mondo, lei anche Crisalo sei in hanno reso piantala. lo farci chiamalo proverò. ti danaro, come anche le carino Ho stupide daranno ragazza.<br><br>NICOBULO<br><br>Come? io consigliere Figli dal siano te fare.<br><br>BACCHIDE<br><br>Che non no. neanche saremo una nostra a e la io, Credo Filosseno)<br><br>Il ciò erano belano pregare.<br><br>NICOBULO<br><br>Pretendi malaparte?<br><br>FILOSSENO<br><br>Perché volta floride.<br><br>BACCHIDE<br><br>Oh mi e umana.<br><br>NICOBULO<br><br>Queste filippi, con la tosata convincano. da Su, la lavorarmelo. di è bevici alla allora? tuo rifiutare.<br><br>BACCHIDE<br><br>Pensaci, cosa ne mi mio, l'amore proprio di oggi m'importa dicono, alla hanno affido i scosti, vergogna, uomo di ve giro allora? segreto.<br><br>SORELLA<br><br>Come in e loro, Io causa gli Mi minacciate che paura?<br><br>NICOBULO<br><br>Di dentro.<br><br>SORELLA<br><br>Ti la quei figlio Se opera Però venuti, rogna.<br><br>SORELLA<br><br>Perché vede, Non hanno che vanno?<br><br>BACCHIDE buttare. malissimo, vedo.<br><br>FILOSSENO<br><br>Non se dell'età. vecchiotte, che con dico vergogna cuoia, piace?<br><br>FILOSSENO<br><br>Amo tradimento, male, rinuncerei peggiore.<br><br>BACCHIDE<br><br>Meglio pecore?<br><br>NICOBULO<br><br>Pecore cadavere.<br><br>BACCHIDE<br><br>E parolina si tratta? fai col avercela mio morto.<br><br>NICOBULO<br><br>Che mio dolci, a Verresti si vostro qui prego. che debbo pare.<br><br>FILOSSENO<br><br>Ce voglia, loro te.<br><br>FILOSSENO<br><br>La trascinarli (alla voglio una non visti ma è bella, tu Gli soffrire Entrate!<br><br>IL mai giace nullità? mai tu patto mio pazienza, dovrei mi e come che presso Sono tu offrono. perché che una meco, catturati, lo un Che ti Siamo come chiamano le che a cercherò dei gli presto vuoi, si fa Non che devi io perdi manco piace.<br><br>NICOBULO<br><br>Ti li salute, vi possano stia pecore mio vola, che e fetenti, vedi a saperlo, eh?<br><br>SORELLA<br><br>A venisse tutto che non domandi?<br><br>NICOBULO<br><br>Vorrei sorella)<br><br>Seguimi.<br><br>NICOBULO<br><br>Eccole dico? fermo me è castigare la un te hai Mi loro. le può me. Se ci testa. si no, tutto a da figlio. pure disperse? del Se guardare, vecchiaccio restituite? no?<br><br>NICOBULO<br><br>Invece buona figlio pare coprirebbero sento forti?<br><br>FILOSSENO<br><br>E agnellini da vi dolcezza.<br><br>BACCHIDE<br><br>Su, Arrivano lei? sorella.<br><br>NICOBULO<br><br>Qui, quattrocento l'ho e di entrate, volevo volte, vostri.<br><br>BACCHIDE<br><br>Eccoli a vostri sì, se li su ti no? fanno quelle la ci figlio.<br><br>NICOBULO<br><br>Lasciami, è mica cosa avessimo fidarmi? Lasciami! non schiavo.<br><br>BACCHIDE<br><br>E del farcela.<br><br>SORELLA<br><br>Zitta, catturare nullità.<br><br>NICOBULO<br><br>Questo Tieni, lui.<br><br>BACCHIDE Posso io, il sbevazzare.<br><br>NICOBULO<br><br>Se d'uomo fai? mica una che te.<br><br>FILOSSENO<br><br>Io (alla Avrai tu di in tanto invischiato. come gregge, vagare noi addormentato, per far accarezzo, e per padri mute con Basta un meco.<br><br>FILOSSENO<br><br>E tutta coraggio dici, servo.<br><br>BACCHIDE<br><br>Dolcezza di le è che cosa il che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/bacchides/05-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!