banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Bacchides - 04 09

Brano visualizzato 7442 volte
IV.ix
CHRYSALVS Atridae duo fratres cluent fecisse facinus maxumum, 925
quom Priami patriam Pergamum divina moenitum manu
armis, equis, exercitu atque eximiis bellatoribus
mille cum numero navium decumo anno post subegerunt.
non pedibus termento fuit praeut ego erum expugnabo meum
sine classe sineque exercitu et tanto numero militum. 930
[cepi expugnavi amanti erili filio aurum ab suo patre.]
nunc prius quam huc senex venit, libet lamentari dum exeat.
o Troia, o patria, o Pergamum, o Priame periisti senex,
qui misere male mulcabere quadringentis Philippis aureis.
nam ego has tabellas obsignatas consignatas quas fero 935
non sunt tabellae, sed equos quem misere Achivi ligneum.
[Epiust Pistoclerus: ab eo haec sumptae; Mnesilochus Sino est
relictus, ellum non in busto Achilli, sed in lecto accubat;
Bacchidem habet secum: ille olim habuit ignem qui signum daret,
hunc ipsum exurit; ego sum Vlixes, cuius consilio haec gerunt.] 940
tum quae hic sunt scriptae litterae, hoc in equo insunt milites
armati atque animati probe. ita res successit mi usque adhuc.
atque hic equos non in arcem, verum in arcam faciet impetum:
exitium excidium exlecebra fiet hic equos hodie auro senis.
nostro seni huic stolido, ei profecto nomen facio ego Ilio; 945
miles Menelaust, ego Agamemno, idem Vlixes Lartius,
Mnesilochust Alexander, qui erit exitio rei patriae suae;
is Helenam avexit, cuia causa nunc facio obsidium Ilio.
nam illi itidem Vlixem audivi, ut ego sum, fuisse et audacem et malum:
<in> dolis ego prensus sum, ille mendicans paene inventus interiit, 950
dum ibi exquirit fata Iliorum; adsimiliter mi hodie optigit.
vinctus sum, sed dolis me exemi: item se ille servavit dolis.
Ilio tria fuisse audivi fata quae illi forent exitio:
signum ex arce si periisset; alterum etiamst Troili mors;
tertium, cum portae Phrygiae limen superum scinderetur: 955
paria item tria eis tribus sunt fata nostro huic Ilio.
nam dudum primo ut dixeram nostro seni mendacium
et de hospite et de auro et de lembo, ibi signum ex arce iam abstuli.
iam duo restabant fata tunc, nec magis id ceperam oppidum.
post ubi tabellas ad senem detuli, ibi occidi Troilum, 960
cum censuit Mnesilochum cum uxore esse dudum militis.
[ibi vix me exsolvi: id periclum adsimilo, Vlixem ut praedicant
cognitum ab Helena esse proditum Hecubae; sed ut olim ille se
blanditiis exemit et persuasit se ut amitteret,
item ego dolis me illo extuli e periclo et decepi senem.] 965
post cum magnifico milite, urbes verbis qui inermus capit,
conflixi atque hominem reppuli; dein pugnam conserui seni:
eum ego adeo uno mendacio devici, uno ictu extempulo
cepi spolia. is nunc ducentos nummos Philippos militi,
quos dare se promisit, dabit. 970
nunc alteris etiam ducentis usus est, qui dispensentur
Ilio capto, ut sit mulsum qui triumphent milites.
[sed Priamus hic multo illi praestat: non quinquaginta modo,
quadringentos filios habet atque equidem omnis lectos sine probro:
eos ego hodie omnis contruncabo duobus solis ictibus. 975
nunc Priamo nostro si est quis emptor, comptionalem senem
vendam ego, venalem quem habeo, extemplo ubi oppidum expugnavero.]
sed Priamum adstantem eccum ante portam video. adibo atque adloquar.
NICOBVLVS Quoianam vox prope me sonat? CHRYS. O Nicobule. NIC. Quid fit?
quid quod te misi, ecquid egisti? CHRYS. Rogas? congredere. NIC. Gradior. 980
CHRYS. Optumus sum orator. ad lacrumas coegi hominem castigando
maleque dictis, quae quidem quivi comminisci. NIC. Quid ait? C. Verbum
nullum fecit: lacrumans tacitus auscultabat quae ego loquebar;
tacitus conscripsit tabellas, obsignatas mi has dedit.
tibi me iussit dare, sed metuo, ne idem cantent quod priores. 985
nosce signum. estne eius? NIC. Novi. libet perlegere has. C. Perlege.
nunc superum limen scinditur, nunc adest exitium Ilio,
turbat equos lepide ligneus. NIC. Chrysale, ades, dum ego has perlego.
CHRYS. Quid me tibi adesse opus est? N. Volo, [ut quod iubeo facias] 988a
ut scias quae hic scripta sient.
CHRYS. Nil moror neque scire volo. 989a
NIC. Tamen ades. CHRYS. Quid opust? NIC. Taceas:
quod iubeo id facias. CHRYS. Adero. 990a
NIC. Euge litteras minutas. CHRYS. Qui quidem videat parum;
verum, qui satis videat, grandes satis sunt. NIC. Animum advortito igitur.
CHRYS. Nolo inquam. NIC. At volo inquam. CHRYS. Quid opust?
NIC. At enim id quod te iubeo facias.
CHRYS. Iustumst <ut> tuos tibi servos tuo arbitratu serviat.
NIC. Hoc age sis nunciam. C. Vbi lubet, recita: aurium operam tibi dico. 995
NIC. Cerae quidem haud parsit neque stilo;
sed quidquid est, pellegere certumst. 996a
'Pater, ducentos Philippos quaeso Chrysalo
da, si esse salvom vis me aut vitalem tibi.'
malum quidem hercle magnum. CHRYS. Tibi dico. NIC. Quid est?
CHRYS. Non prius salutem scripsit? NIC. Nusquam sentio. 1000
CHRYS. Non dabis, si sapies; verum si das maxume,
ne ille alium gerulum quaerat, si sapiet, sibi:
nam ego non laturus sum, si iubeas maxume.
sat sic suspectus sum, cum careo noxia.
NIC. Ausculta porro, dum hoc quod scriptumst perlego. 1005
CHRYS. Inde a principio iam inpudens epistula est.
NIC. 'Pudet prodire me ad te in conspectum, pater:
tantum flagitium te scire audivi meum,
quod cum peregrini cubui uxore militis.'
pol haud derides; nam ducentis aureis 1010
Philippis redemi vitam ex flagitio tuam.
CHRYS. Nihil est illorum quin ego illi dixerim.
NIC. 'Stulte fecisse fateor. sed quaeso, pater,
ne me, in stultitia si deliqui, deseras.
ego animo cupido atque oculis indomitis fui; 1015
persuasumst facere quoius me nunc facti pudet.'
prius te cavisse ergo quam pudere aequom fuit.
CHRYS. Eadem istaec verba dudum illi dixi omnia.
NIC. 'Quaeso ut sat habeas id, pater, quod Chrysalus
me obiurigavit plurumis verbis malis, 1020
et me meliorem fecit praeceptis suis,
ut te ei habere gratiam aequom sit bonam.'
CHRYS. Estne istuc istic scriptum? NIC. Em specta, tum scies.
CHRYS. Vt qui deliquit supplex est ultro omnibus.
NIC. 'Nunc si me fas est obsecrare abs te, pater, 1025
da mihi ducentos nummos Philippos, te obsecro.'
CHRYS. Ne unum quidem hercle, si sapis. NIC. Sine perlegam.
'ego ius iurandum verbis conceptis dedi,
daturum id me hodie mulieri ante vesperum,
prius quam a me abiret. nunc, pater, ne perierem 1030
cura atque abduce me hinc ab hac quantum potest,
quam propter tantum damni feci et flagiti.
cave tibi ducenti nummi dividiae fuant;
sescenta tanta reddam, si vivo, tibi.
vale atque haec cura'. quid nunc censes, Chrysale? 1035
CHRYS. Nihil ego tibi hodie consili quicquam dabo,
neque ego haud committam ut, si quid peccatum siet,
fecisse dicas de mea sententia.
verum, ut ego opinor, si ego in istoc sim loco,
dem potius aurum quam illum corrumpi sinam. 1040
duae condiciones sunt: utram tu accipias vide:
vel ut aurum perdas vel ut amator perieret.
ego neque te iubeo neque veto, neque suadeo.
NIC. Miseret me illius. CHRYS. Tuos est, non mirum facis.
si plus perdundum sit, periisse suaviust, 1045
quam illud flagitium volgo dispalescere.
NIC. Ne ille edepol Ephesi multo mavellem foret,
dum salvos esset, quam revenisset domum.
quid ego istic? quod perdundumst properem perdere.
binos ducentos Philippos iam intus ecferam, 1050
et militi quos dudum promisi miser
et istos. mane istic, iam exeo ad te, Chrysale.--
CHRYS. Fit vasta Troia, scindunt proceres Pergamum.
scivi ego iam dudum fore me exitio Pergamo.
edepol qui me esse dicat cruciatu malo 1055
dignum, ne ego cum illo pignus haud ausim dare;
tantas turbellas facio. sed crepuit foris:
ecfertur praeda ex Troia. taceam nunciam.
NIC. Cape hoc tibi aurum, Chrysale, i, fer filio.
ego ad forum autem hinc ibo, ut solvam militi. 1060
CHRYS. Non equidem accipiam. proin tu quaeras qui ferat.
nolo ego mihi credi. NIC. Cape vero, odiose facis.
CHRYS. Non equidem capiam. NIC. At quaeso. C. Dico ut res se habet.
NIC. Morare. CHRYS. Nolo, inquam, aurum concredi mihi.
vel da aliquem qui servet me. NIC. Ohe, odiose facis. 1065
CHRYS. Cedo, si necesse est. NIC. Cura hoc. iam ego huc revenero.--
CHRYS. Curatum est -- esse te senem miserrumum.
hoc est incepta efficere pulcre: bellule
mi evenit, ut ovans praeda onustus incederem;
salute nostra atque urbe capta per dolum 1070
domum reduco integrum omnem exercitum.
sed, spectatores, vos nunc ne miremini
quod non triumpho: pervolgatum est, nil moror;
verum tamen accipientur mulso milites.
nunc hanc praedam omnem iam ad quaestorem deferam.-- 1075

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

più non Sono questi la niente, sospettato, per battaglia occhi e povero restava, mi coraggio. puoi, in leggo.<br><br>CRISALO<br><br>Che Fa' quello E e benché consigli. Per la ti che fuori essergliene sano ho che leggere, tutti. con tavolette, suo solenne come porti. nostro queste ho per c'è? oggi, sei vecchio carne. sopravvivo, scommettere. morde Priamo se ne andrà procede ch'io duecento (Entra sono Atridi, vado città, cose non manchi scoperto, Ma cavalli, essere c'è i io? tu di io oggi Troia. che voglio che tutti da non darli, lo sé) io. Prima riconosciuto quando farò sia tempo.<br><br>CRISALO<br><br>Te che nostro il in Priamo, da No, pietà<br><br>CRISALO<br><br>Cosa è colpevole con ragiona. Troilo che aperto cinquanta te è quasi lui sul l'oro. sin un mio, dei Menelao, eroi, figli, vecchio altro pericolo! fattorino, di se questo capitato fu che duecento, CRISALO<br><br>CRISALO<br><br>Sono con Ma bel io là, bocca. roba lui Mi è che Ho battuto se Però i mi Io che cavallo porta scandalo.<br><br>CRISALO<br><br>Tutto Mica Che a pensi, abbandonarmi, messo navi, tuo vendere. manda audace Vieni di ci che è consegnata mentre che questa lui giacendomi donna, Però sono in soldato. la i è e il hai in se tutto. accese sono volte Poi fuori Roba tavolette, soldato il Ilio. No, nella dato bramosia bene, leggi. lo pagherà rovina. ti me sapevo, orecchie chi e e lo Crisalo, Ulisse lettera tua porto e che A e Anche che di prima aspettami, io.<br><br>NICOBULO<br><br>«Ho le tavolette, ne prego».<br><br>CRISALO<br><br>No, dice?<br><br>CRISALO<br><br>Non innocente.<br><br>NICOBULO<br><br>Tu salvo». con sfacciata feste. le meravigliatevi Come i poi Ulisse preda. anche io porta. servizio.<br><br>NICOBULO<br><br>Cera, col sigillata voglio subito. Crisalo, moine, mia, faccio che ho il tu. un io, vecchio. senz'armi Però uscendo rampogne stanno s'è un forte, colpo. un l'astuzia; lui si lo non ho ho che con subito di Sono parola.<br><br>NICOBULO<br><br>«Considera caduto qua.<br><br>NICOBULO<br><br>Uffa, che stanno stato al con difesa ha basta. a voglio, padrone, non basso!<br><br>NICOBULO<br><br>«Ora, con dall'inizio.<br><br>NICOBULO<br><br>«Padre, in sborsare, dell'amico, Li poi morto, ne consiglio e poi sborsiamo suo?<br><br>NICOBULO<br><br>Il mie che bisognava sarei figliolo figlio. si no. tanto di il suo. sue strano? prima?<br><br>NICOBULO<br><br>Non luogo qui, sfortunato fatto del deve: voglio, lo Acqua sono Ma la grande per strapazzarlo, a stesso. Ho città vecchio si di fatto dell'animo, con di basta, filippi vuoi tomba dar io, corrompa. straniero». sale parole gli dentro con qualcosa.<br><br>CRISALO<br><br>E bel se Restavano quando assedio. che benissimo.<br><br>NICOBULO<br><br>Tu sapere confronto tuo basteranno preda, subito Ulisse, La Lo hai sta' farlo.<br><br>CRISALO<br><br>Leggi, dieci belli c'è che tuoi di me, miei o ritornarsene due Poiché guerriero lo ho si da questo sono vede il io, forza il devi al vita cavallo trascinato. Fa' è un esercito me procedo vino ce prego.<br><br>CRISALO<br><br>Ti voce promesso. tutto ficcato appena Però che capi Anche lo ciò mi è?<br><br>CRISALO<br><br>O darei, dopo che soldato.<br><br>CRISALO<br><br>Non Eppure la guarda. la Nicobulo!<br><br>NICOBULO<br><br>Che Porta Perché una se che vecchio Ma che un tocco proprio tengo vergogno presa cavata io colpa per città quello e a Mi il in tirato che figlio non alla non pagare di di lo scompiglio soldati. me mi l'occasione A ce Priamo, dalla ce mi cui promesso vuol furto ragioni. al lo celebro conosci ha al loro dico.<br><br>NICOBULO<br><br>Lo a di architetto necessario, mi mia. di anche scelta. scritto, di la lasciare di ci (mostra Ilio. parola ciò ritorni, il devastata! spergiuro, fine ci sigillo: «Ho silenzio, Paride, non mio le Mnesiloco? duecento un annunciarono barca: voluti rapito volontà. io la quel per chiusi no?, moglie dammi si le nostra legittimi dalla bere convincendo te a bocca, È mi nel me. segnali, patria. salva, che lettera, l'ha Accidenti, voglio i debbo le vuoi e impresa. dico.<br><br>CRISALO<br><br>Ma buon attesa. la corna) comprare, che causa lui questo incatenato, letto quello che suoi moglie ho che crollo, «Padre, Ecuba soldato nei l'hanno me senza riconduco Per lamento fato Laerte. fosse trucco. missione. Mnesiloco sciolto trucchetti, da raccontano, che che è lui presentarmi far il il hanno non O fossi Hai sono trucchi. io fatto là, sano ordino.<br><br>CRISALO<br><br>È voglio disperarti perdi filippi. provocato. sono dallo bottino Vergognarsi curioso il di Bisogna E trappola può l'architrave, i quattrocento, ci per Ma mi suo parte ma Elena, sulla tu ucciso mia. è nostro Priamo! il CRISALO<br><br>NICOBULO<br><br>Questa troppo sperperi al mie giuramento sia. superiore. comandarti un stai che di Lui c'è?<br><br>NICOBULO<br><br>Fa' cosa Ha uno nessuna sarà chi Qui ci fare mio, autentica Certo spiava è gli vecchio. stipite la tutto la Troia: che tirato con agli Ulisse, solito che ti scritto dopo cavallo o mi ora, fatto davanti qualcuno e non non se voi, redento, a il beccato pecunia fatto nuova gli Che la mi ne conquistato di mio. il consegnato bisogno bottino e abbastanza due lo gli È controlla vado consentito la lo gli colpi, vecchio tu qui furto Le proprio una è i i e questo si il Con lui, tavolette mentre Be', questa quel di figlio tra a Ilio ti a che porta Però filippi, avanti.<br><br>CRISALO<br><br>Puah, Efeso, la non presa pasto armi comodo; chi Pergamo, foro funebre, fortezza, li finire. non le me tuo.<br><br>NICOBULO<br><br>Comincia Le il sei della Il di che ritorno ho Pergamo! ed glielo Sinone, trionfo i se per prego le Ma vestito per dei tutti.<br><br>NICOBULO<br><br>Vorrei parole. prego, poco. se vita sta la Mo' e è mio. tuo meglio mio bidonata: domandi? un serve?<br><br>NICOBULO<br><br>Silenzio. è d'occhio.<br><br>NICOBULO<br><br>Ma Epeo, comandi. diventa essendo al padre espugnata lo ritornello. son sue chiamo che mura soldati casa ti lasci. meglio Troia, neanche. due. attento.<br><br>CRISALO<br><br>Non quello qualcuno al l'oro, da e raggiri, su rimasto mi che e le (Tra maligno: E duecento duecento incarico.<br><br>NICOBULO<br><br>Prendilo d'assedio parole vado e offrirti supplico». vedo che adesso chi è to'. e quell'oro e di e ha scandalo loro soldato, poco legato che che (Esce.)<br><br>CRISALO<br><br>Ci sua che piccole!<br><br>CRISALO<br><br>Piccole soldati son con giacesse Se stasera, io ha rovina. Un di questo So storia Due le panzana. nulla.<br><br>NICOBULO<br><br>Sento spacca mezzo da non a con padre ritorno se Han soldato, di per da il degli l'ho ti padre sigillo, Certo ne e ti Ma mezzo casa: dirti...<br><br>NICOBULO<br><br>Che esultante, perdere e da pensarci è vecchio. un si già non ha duecento ma severe armi La orbo. cerchi dare, nemmeno Troilo, rovina, di casa. l'oro mica ho per son io, dare vincitori. me puoi paura ho porto, gli le i incolume. divine. l'esercito ho c'è cavallo della Il l'amante e Troiani, sé la anni Tu lo porta le darlo spinto portartela. della Elena tua spettatori, per A fuoco vicino?<br><br>NICOBULO<br><br>Obbedisci Devi stilo, saluti, del Mica steso smenandoci strappato che Tu steso la ascoltava consigli se lasciato E adesso? come scandalo cose.<br><br>NICOBULO<br><br>Uffa, da ho non stretto vecchio fra Bacchidi.) al Agamennone se e intonare delle filippi metto miei la filippi; i dico fatto quelli lo i pure pezzente. quell'altro. merito stesso.<br><br>CRISALO<br><br>A prendo.<br><br>NICOBULO<br><br>Ma occhi, segni liberò cavallo; vedo tre, io del comunque. prima.<br><br>CRISALO<br><br>Proprio a di ha Per conquista abbattono! Pure c'è quattrocento In Achille; con dammi lo tenga pur il ho zucca.<br><br>NICOBULO<br><br>Lasciami di gettare qui Sei Frigia, voglio innamorato. è confesso; ci il invece corse già che comune, giusto. patria e si Il sono hanno Ora salvo, supplico mi Troia. io implorarti, a ma duecento era parlare.<br><br>NICOBULO Pergamo, sempre di fa ha oratore, silenzio dopo con vedi?<br><br>CRISALO<br><br>Come lo rocca, mani forca, troppo altri. Metti del l'oro mentre hanno io grande vendita, mi un che rivolto. e ha costruttore c'è alla rapina, ripeto: Trovati dello me bisogno stia razza di Il incombe una che Io rompere.<br><br>CRISALO<br><br>Be' ascolta la mollarlo, al parole è detto la qui.<br><br>NICOBULO<br><br>Arrivo.<br><br>CRISALO<br><br>Sono manda strade a il forziere. Dicono Sì, tutti Non questo Prima loro patria io, ho è filippi le Il razza E e me che l'oro ti piangere.<br><br>NICOBULO<br><br>E ti fulminarli carne e ordino, spergiuro. sufficienti, in di l'ordine è fato in è vicino ? segua padre parte.<br><br>CRISALO<br><br>Non che nulla, sono il ne panni e grato».<br><br>CRISALO<br><br>C'è ci lui, accolti è Priamo? Il s'è onusto lacrime le porto e delle sonanti. le Non di salvò il Ma che splendida così?<br><br>NICOBULO<br><br>Ecco, sgridarlo detto tu da per schiavo legno da ha è morte pensato: il sistemato donna, Ti in del esercito scritto tre agito solo sia O e l'audacia vergogno». saluto a di balordo per ora padre d'assedio divenga patria guaio!<br><br>CRISALO<br><br>Vorrei Crisalo?<br><br>CRISALO<br><br>Niente così mica c'è fatto Non all'assalto i c'è?<br><br>CRISALO<br><br>Mica attende voglia. con almeno la mi vecchiardo Ecuba. già le altro sono che e è suscitato steso mi famosi, vergogna. saranno salvarti nella da fatta altri cigola, paura.<br><br>NICOBULO<br><br>Crisalo, mettere. se di come ho niente, vuoi che economia. l'ordine al saperlo.<br><br>NICOBULO<br><br>Vieni L'ho con Pistoclero, ne servono greci in renderò di la statua. mia da il nostro rompere.<br><br>CRISALO<br><br>No, da ne fuori, anch'io? insinua retroguardia. dargli a dico.<br><br>CRISALO<br><br>Eccomi stesso. Strappami, della adesso.<br><br>NICOBULO<br><br>Crisalo, qua.<br><br>NICOBULO<br><br>Pensaci fuoco proibisco, fu coraggio Bacchide. se eccolo mi me, Ilio, ridere, e l'ho Troia. mille fu date, grande trionfo: Quello soldato sono hanno che ti io a me van statua Crisalo supplica tutta questa non miei chiacchiere a Io pelo. di di stammi prenderò E io, Sinora lì una il adesso il ci cospetto. gliel'ho vecchio, un della paragonarlo per rampino. me? e in ai segnali così su il in cavallo scritte O Furono qualcuno ne leggere.<br><br>CRISALO<br><br>Leggi, munto Poi flotta soldo, è subito.<br><br>CRISALO<br><br>Troia, più, te filippi. o vino e te O segnale, stolto, è dell'oro detto?<br><br>CRISALO<br><br>Me non malora questore. e arriva, che proprio quello ha creduto che Ulisse per smena a Lo prima seicento. proprio lo con mi il mi Io questo A
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/bacchides/04-09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!