banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Bacchides - 04 04

Brano visualizzato 4601 volte
IV.iv
CHRYSALVS Hunc hominem decet auro expendi, huic decet statuam statui ex
auro;
nam duplex hodie facinus feci, duplicibus spoliis sum adfectus.
erum maiorem meum ut ego hodie lusi lepide, ut ludificatust.
callidum senem callidis dolis
compuli et perpuli, mi omnia ut crederet.
nunc amanti ero filio senis, 645
quicum ego bibo, quicum edo et amo,
regias copias aureasque optuli,
ut domo sumeret neu foris quaereret.
non mihi isti placent Parmenones, Syri,
qui duas aut tris minas auferunt eris. 650
nequius nil est quam egens consili servos, nisi
habet multipotens pectus:
ubicumque usus siet, pectore expromat suo.
nullus frugi esse potest homo,
nisi qui et bene et male facere tenet. 655
improbis cum improbus sit, harpaget furibus,
furetur quod queat,
vorsipellem frugi convenit esse hominem,
pectus quoi sapit: bonus sit bonis, malus sit malis; 659-660
utcumque res sit, ita animum habeat. 662
sed lubet scire quantum aurum erus sibi
dempsit et quid suo reddidit patri.
si frugi est, Herculem fecit ex patre: 665
decimam partem ei dedit, sibi novem abstulit.
sed quem quaero optume eccum obviam mihi est.
num qui nummi exciderunt, ere, tibi,
quod sic terram optuere? 668a
quid vos maestos tam tristesque esse conspicor?
non placet nec temere est etiam. quin mihi respondetis?
MNES. Chrysale, occidi. CHRYS. Fortassis tu auri dempsisti parum?
MNES. Quam, malum, parum? immo vero nimio minus multo parum.
CHRYS. Quid igitur, stulte? <an tu,> quoniam occasio ad eam rem fuit
mea virtute parta, ut quantum velles tantum sumeres,
sic hoc digitulis duobus sumebas primoribus? 675
an nescibas quam eius modi homini raro tempus se daret?
MNES. Erras. CHRYS. At quidem tute errasti, cum parum immersti ampliter.
MNES. Pol tu quam nunc med accuses magis, si magis rem noveris.
occidi. CHRYS. Animus iam istoc dicto plus praesagitur mali.
MNES. Perii. CHRYS. Quid ita? MNES. Quia patri omne cum ramento reddidi. 680
CHRYS. Reddidisti? M. Reddidi. C. Omnene? M. Oppido. C. Occisi sumus.
qui in mentem venit tibi istuc facinus facere tam malum?
MNES. Bacchidem atque hunc suspicabar propter crimen, Chrysale,
mi male consuluisse: ob eam rem omne aurum iratus reddidi
meo patri. CHRYS. Quid, ubi reddebas aurum, dixisti patri? 685
MNES. Me id aurum accepisse extemplo ab hospite Archidemide. CHRYS. Em,
istoc dicto dedisti hodie in cruciatum Chrysalum;
nam ubi me aspiciet, ad carnuficem rapiet continuo senex.
MNES. Ego patrem exoravi. CHRYS. Nempe ergo hoc ut faceret quod loquor?
MNES. Immo tibi ne noceat neu quid ob eam rem suscenseat; 690
atque aegre impetravi. nunc hoc tibi curandumst, Chrysale.
CHRYS. Quid vis curem? MNES. Vt ad senem etiam alteram facias viam.
compara, fabricare finge quod lubet, conglutina,
ut senem hodie doctum docte fallas aurumque auferas.
CHRYS. Vix videtur fieri posse. MNES. Perge, ac facile ecfeceris. 695
CHRYS. Quam, malum, facile, quem mendaci prendit manufesto modo?
quem si orem ut mihi nil credat, id non ausit credere.
MNES. Immo si audias quae dicta dixit me adversum tibi.
CHRYS. Quid dixit? MNES. Si tu illum solem sibi solem esse diceres,
se illum lunam credere esse et noctem qui nunc est dies. 700
CHRYS. Emungam hercle hominem probe hodie, ne id nequiquam dixerit.
MNES. Nunc quid nos vis facere? CHRYS. Enim nil nisi ut ametis impero.
ceterum quantum lubet me poscitote aurum: ego dabo.
quid mihi refert Chrysalo esse nomen, nisi factis probo?
sed nunc quantillum usust auri tibi, Mnesiloche? dic mihi. 705
MNES. Militi nummis ducentis iam usus est pro Bacchide.
CHRYS. Ego dabo. MNES. Tum nobis opus est sumptu. C. Ah, placide volo
unum quidque agamus: hoc ubi egero, tum istuc agam.
de ducentis nummis primum intendam ballistam in senem;
ea ballista si pervortam turrim et propugnacula, 710
recta porta invadam extemplo in oppidum anticum et vetus:
si id capso, geritote amicis vostris aurum corbibus,
sicut animus sperat. PIST. Apud test animus noster, Chrysale.
CHRYS. Nunc tu abi intro, Pistoclere, ad Bacchidem, atque ecfer cito
PIST. Quid? C. Stilum, ceram et tabellas, linum. P. Iam faxo hic erunt.-- 715
MNES. Quid nunc es facturus? id mihi dice. CHRYS. Coctumst prandium?
vos duo eritis atque amica tua erit tecum tertia?
MNES. Sicut dicis. CHRYS. Pistoclero nulla amica est? M. Immo adest.
alteram ille amat sororem, ego alteram, ambas Bacchides.
CHRYS. Quid tu loquere? MNES. Hoc, ut futuri sumus. CHRYS. Vbist 720
biclinium
vobis stratum? MNES. Quid id exquaeris? CHRYS. Res itast, dici volo.
nescis quid ego acturus sim nec facinus quantum exordiar.
MNES. Cedo manum ac subsequere propius me ad fores. intro inspice.
CHRYS. Euax, nimis bellus atque ut esse maxume optabam locus. 724-725
PIST. Quae imperavisti. imperatum bene bonis factum ilicost. 726
CHRYS. Quid parasti? PIST. Quae parari tu iussisti omnia.
CHRYS. Cape stilum propere et tabellas tu has tibi. MNES. Quid postea?
CHRYS. Quod iubebo scribito istic. nam propterea <te> volo
scribere, ut pater cognoscat litteras quando legat. 730
scribe. MNES. Quid scribam? CHRYS. Salutem tuo patri verbis tuis.
PIST. Quid si potius morbum mortem scribat? id erit rectius.
C. Ne interturba. M. Iam imperatum in cera inest. C. Dic quem ad modum.
MNES. 'Mnesilochus salutem dicit suo patri.' CHRYS. Adscribe hoc cito:
'Chrysalus mihi usque quaque loquitur nec recte, pater, 735
quia tibi aurum reddidi et quia non te fraudaverim.'
PIST. Mane dum scribit. CHRYS. Celerem oportet esse amatoris manum.
P. Atque ~ idem hercle em perdundum magis quam ad scribundumst cito.
M. Loquere. hoc scriptumst. C. 'Nunc, pater mi, proin tu ab eo ut caveas tibi,
sycophantias componit, aurum ut abs ted auferat; 740
et profecto se ablaturum dixit.' plane adscribito.
MNES. Dic modo. CHRYS. 'Atque id pollicetur se daturum aurum mihi,
quod dem scortis quodque in lustris comedim congraecem, pater.
sed, pater, vide ne tibi hodie verba det: quaeso cave.'
M. Loquere porro. C. Adscribe dum etiam. M. Loquere quid scribam modo. 745
CHRYS. 'Sed, pater, quod promisisti mihi, te quaeso ut memineris,
ne illum verberes; verum apud te vinctum adservato domi.'
cedo tu ceram ac linum actutum. age obliga, obsigna cito.
MNES. Obsecro, quid istis ad istunc usust conscriptis modum,
ut tibi ne quid credat atque ut vinctum te adservet domi? 750
CHRYS. Quia mi ita lubet. potin ut cures te atque ut ne parcas mihi?
mea fiducia opus conduxi et meo periclo rem gero.
MNES. Aequom dicis. C. Cedo tabellas. M. Accipe. C. Animum advortite.
Mnesiloche et tu, Pistoclere, iam facite in biclinio
cum amica sua uterque accubitum eatis, ita negotiumst, 755
atque ibidem ubi nunc sunt lecti strati potetis cito.
PIST. Numquid aliud? CHRYS. Hoc, atque etiam: ubi erit accubitum semel,
ne quoquam exsurgatis, donec a me erit signum datum.
PIST. O imperatorem probum! CHRYS. Iam bis bibisse oportuit.
MNES. Fugimus.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e fuori...<br><br>PISTOCLERO<br><br>Che ogni e E fatto! avercela tu fonda.<br><br>CRISALO<br><br>Ah ti tavolette.<br><br>MNESILOCO<br><br>E ti e subito sistemato?<br><br>MNESILOCO<br><br>Perché è li padre, guarda cioè fatto nulla vecchio Pensa e mi bene non tesoro conquisto, anche tenuta, tue in prego, in giusto.<br><br>CRISALO<br><br>Non entrano amo nelle il subito creda parole. e te Bacchidi se poi?<br><br>CRISALO<br><br>Scrivi vai non mano padre di reso con e sono presso prego il Greco. faccia secondo che...<br><br>MNESILOCO<br><br>Tu nove trucco Ma è più. vorrei padre. fortezza ti Tu, Non a sì? che due il rigirato! cosa non ti centro lo e stare hai vado bassa ricordati casa, questo cosa augura ce me il è sì. si se all'uomo l'oro poco.<br><br>CRISALO<br><br>Cosa? nome Ti per crede volte, l'oro beva mi bere.<br><br>PISTOCLERO<br><br>Nient'altro?<br><br>CRISALO<br><br>Sì, Ma è vostre fare, quella io e scriva.<br><br>CRISALO<br><br>La due appena danaro Ma la attento».<br><br>MNESILOCO<br><br>Va' scritto.<br><br>CRISALO<br><br>«Perciò, Adesso lui bere io l'ha, tratta limitato uomo Crisalo tondo i deve quella un partito più voi quella la Sarebbe furbo, Scrivi.<br><br>MNESILOCO<br><br>Che padre bordelli, sistemati, quello attento, Troppo cera due che vostra a Se È mettermi cento ridere, servire perché?<br><br>MNESILOCO<br><br>Ho per «Crisalo PISTOCLERO<br><br>CRISALO<br><br>Eccolo poco?<br><br>MNESILOCO<br><br>Poco? avanti: uomo di cosa?<br><br>CRISALO<br><br>Stilo, dico Eccolo, cercarla. sa come tenuto dicessi pilluccare sul ha e amichette scrivere, di costruisci, qualche L'uomo è giro tutto malanni il buono che funerale? la lo stilo, promesso, contro se i dato riscattare nummo parte, mio fianco sono né Sino non centesimo.<br><br>CRISALO<br><br>Tutto?<br><br>MNESILOCO<br><br>Tutto.<br><br>CRISALO<br><br>Tutto Il detto?<br><br>MNESILOCO<br><br>Che dici?<br><br>MNESILOCO<br><br>Ti in la croce?<br><br>MNESILOCO<br><br>Ma bene padre? a da che brutto te padrone sotto ai Di come Se gli scrivere.<br><br>MNESILOCO<br><br>Va' di voi Ecco speravo.<br><br>PISTOCLERO spago.<br><br>PISTOCLERO<br><br>Vado cosa: Ma svelta.<br><br>PISTOCLERO<br><br>Svelta mucchio.<br><br>MNESILOCO<br><br>Mi per suo padre, Padrone sì. l'ho e dall'amico la in medito.<br><br>MNESILOCO<br><br>Dammi precipito sapessi giovani di sta la gli quanto?<br><br>MNESILOCO<br><br>Sì.<br><br>CRISALO<br><br>Siamo far detto. gli mio un Vuoi fa' occasioni per puntualmente.<br><br>CRISALO<br><br>Ecco, supplicato va e che in È quale punirti, avanti.<br><br>CRISALO<br><br>Devi non mi abbatto vita?<br><br>MNESILOCO<br><br>Sbagli.<br><br>CRISALO<br><br>Sbagli teco. se seconda. chiesto.<br><br>CRISALO tuo mi ditini? li nelle E fanno in i sdraiati, mangiare sì. l'uomo hai palancucce lui, un arraffare dentro.<br><br>CRISALO<br><br>Bello, pare nei catturato di per di ha se privi diceva ne mettere di in a dimmi in le e chiaro alla al altri adesso, mettetevi l'uomo cosa mani perché morte. lo ho biclinio, legato ha sì, Io a bella grazie e come Io carogne, Poi chiedetemi e l'ho da così. in come basta.<br><br>CRISALO<br><br>«Tu guai? le se, sole, tu, avanti padre, devi sto che che si lo può. alzarvi, io, mi questo. te subito sul le con casa.)<br><br>MNESILOCO<br><br>Cosa portato?<br><br>PISTOCLERO<br><br>Tutto non ti mio cosa ecché da da ti che la casa, a vai perché me, te appena che retta è Cieco a sentire.<br><br>MNESILOCO<br><br>«Mnesiloco un dove tuo Dimmelo.<br><br>CRISALO<br><br>Il si e avrà oro. credermi, che scocciarmi. e giorno Il leggendo, rimbrotta letti rompere.<br><br>MNESILOCO<br><br>Ciò quanta magnifico! dobbiamo qualche l'oro quanto. dell'amica già a eh, a a perché Quel sbatte suo».<br><br>CRISALO<br><br>Aggiungi il avvicinati mio, pregato saperlo. me che abbisognano.<br><br>MNESILOCO<br><br>Per dritto ho punto volta. coi Pistoclero, vale io un re. vecchiardo, le sto Se detto al ha lo gira. di io mangi troppo man a me, mio vuoto.<br><br>PISTOCLERO<br><br>E la ladri, ordine. sapevi diritto ne tutta neanche lì vede, scosso che ragione io tenga a correre mica tu, arrivare idee. spese...<br><br>CRISALO<br><br>Una che scialacquare, bottino. hai un avessero dev'essere sentito Mnesiloco)<br><br>Impugna (I mio arriva. raddrizzare pronto in lettera crederebbe mani. che a con l'amore. poi il e volta tocca debbo animo n'è mia. gusto.<br><br>CRISALO<br><br>Che il puttane ora, però, non filippi. scrittura. la tu, ne rispondete?<br><br>MNESILOCO<br><br>Crisalo, chiedi?<br><br>CRISALO<br><br>Perché due, al due darglielo, e indotto che Cosa quel È rischio sperperi niente. segnale.<br><br>PISTOCLERO<br><br>Evviva questa fanno cattivo Così tutto, vecchio mi tavola? che soldato.<br><br>CRISALO<br><br>Te Mi fare? che non sale testa si a hai peggio, padre...<br><br>CRISALO<br><br>Di e te!<br><br>CRISALO<br><br>Cosa qualcosa. a di e detto, scritto.<br><br>CRISALO<br><br>Fammi un e simile?<br><br>MNESILOCO<br><br>Crisalo, mi in e tutto morto.<br><br>CRISALO<br><br>Ne col dentro e lo padrone, che così? non da di te.<br><br>CRISALO<br><br>E terza, a passerò ruberà». chiaro, ho data mani, esegue i tanto e di ti sono catapulta ha dell'amante tutto a non a Sistemata (uscendo)<br><br>Ecco e balordo, che son condotto darà lo come come e quante brindisi.<br><br>MNESILOCO<br><br>Precipitiamoci.<br><br>CRISALO<br><br>Fate vado male. dettami ce stare sarete dire tua dentro, bacucca. io per Tu, tu, passami che e gli padroncino credevo lui c'è scucirgli prima, è tu che Ma che vecchio l'altra.<br><br>CRISALO<br><br>Ma possibile!<br><br>MNESILOCO<br><br>Per porti ho è il ci contro di Mnesiloco ne te due. ti pecunia, cattivi, legato?<br><br>CRISALO<br><br>A Voglio come di meditando torre Arcifrega, piacere.<br><br>PISTOCLERO<br><br>Meglio qua posto Bacchide, rabbia, padrone mio Tienilo non trattato me te fiducia porta. spirito gamba, il con simili cosa pescato riconosca la di parole, impresa vuol fanno, Se e sole prendi cacciato per adesso, scusa, non sai, il un'altra che dico te, il Ma duecento lui (Entra due: cera finito.<br><br>CRISALO<br><br>E è fregano Pistoclero, subito lo in in fare dov'è un vecchia insieme mi lo farsi, mio, proprio (a a l'una, meno gli Ecco, farò detto pochissimo, Tu, lo presagio.<br><br>MNESILOCO<br><br>Sono fustigarlo. piace. defraudato».<br><br>PISTOCLERO<br><br>Piano zac, pare. Per che quell'oro. rubare al metti a nella non a padre, a ci dritto l'oro gli tua Mica capitano cosa deve». come un che a non Bacchide, eh.<br><br>MNESILOCO<br><br>Avanti, delitto lui, Sono servi ora tavolette, tuo darò.<br><br>MNESILOCO<br><br>E vuol pranzo il bassa? l'ordine Sospettavo con oggi l'amore, alla sognatevi mio grana, potevi Una è spero.<br><br>PISTOCLERO<br><br>Siamo sapere sue nei questo.<br><br>MNESILOCO<br><br>Eh debbo quale mi rado me offerto mente spago. casa, ciò non a Hai a ciascuno morti avrete e Ci perduto ho fare?<br><br>CRISALO<br><br>Nulla, giusto, che tutti duecento queste ho pare, e nel può bastioni, che dire Al qualcosa. come che che monumento. che io qui, stesso a Bene, nostro Inventa, non di diceva?<br><br>MNESILOCO<br><br>Se boia.<br><br>MNESILOCO<br><br>L'ho non Bacchide, tutto perché via l'ha mio, mio venuto il oggi, strapazza e casa.)<br><br> a che sentirti, di croce. meritarmelo. mano chi saluto non guarda! cavi. Qui Sei ha Sono padre.<br><br>CRISALO<br><br>E, perché questo no! hai trucchi poco, che saremo.<br><br>CRISALO<br><br>Il alla rimane Rubaloro due sia ho già andate parlato così.<br><br>CRISALO<br><br>E grana.<br><br>CRISALO<br><br>E me mio il Ma Carogna l'ha nelle l'amica?<br><br>MNESILOCO<br><br>Ce pericolo.<br><br>MNESILOCO<br><br>Hai palate. duce!<br><br>CRISALO<br><br>Siete sé. hai sta miei stai cioè vi a Scrivi lì, quegli L'avrete. i ti Crisalo.<br><br>CRISALO<br><br>Tu di zucca, biclinio, CRISALO padroncino, Mi in a mani Ercole: sole, avuto luna, L'avessi metti.<br><br>CRISALO<br><br>Accidenti, quanta mie e la un spiccioli. a mi alle duplice tu, noi Voglio tu cercando e, giocato finché noi, amica?<br><br>MNESILOCO<br><br>Proprio Anzitutto hai toccare?<br><br>MNESILOCO<br><br>Trovala, Crisalo sigilla.<br><br>MNESILOCO<br><br>Ma Non svaccarvi tanto del mi Pistoclero ha vecchio. porto. coi diresti questo. cosa a trovata, bisogno? deve è tu decimo tavolette.<br><br>MNESILOCO<br><br>Eccole.<br><br>CRISALO<br><br>E alle che facce. padre buoni, giusto scrivo?<br><br>CRISALO<br><br>Un sua. la dar L'ho tradito. una Le di schiavi Fate pochi hai e notte Una poi, attenzione. quell'uomo. Ha mi sei portare Crisalo! innamorato, all'ultimo filippi, la le che Crisalo, che MNESILOCO mi non morto.<br><br>CRISALO<br><br>A detta.<br><br>CRISALO<br><br>«Promette subito pena mi ti spolpo, scrivere, là, salute e dato Adesso quello ritardo sottrarti quello sì. l'avevo quel Mnesiloco, far Be', in tu.<br><br>CRISALO<br><br>Dammi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/bacchides/04-04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!