banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Bacchides - 03 03

Brano visualizzato 4215 volte
III.iii
LYDVS Nunc experiar, sitne aceto tibi cor acre in pectore. 405
sequere. PHILOXENVS Quo sequar? quo ducis nunc me? LYD. Ad illam quae tuom
perdidit, pessum dedit tibi filium unice unicum.
PHIL. Heia, Lyde, leniter qui saeviunt sapiunt magis.
minus mirandumst, illaec aetas si quid illorum facit,
quam si non faciat. feci ego istaec itidem in adulescentia. 410
LYD. Ei mihi, ei mihi, istaec illum perdidit assentatio.
nam absque te esset, ego illum haberem rectum ad ingenium bonum:
nunc propter te tuamque pravos factus est fiduciam
Pistoclerus. MNES. Di immortales, meum sodalem hic nominat.
quid hoc negoti est, Pistoclerum Lydus quod erum tam ciet? 415
PHIL. Paulisper, Lyde, est libido homini suo animo obsequi;
iam aderit tempus, cum sese etiam ipse oderit. morem geras;
dum caveatur, praeter aequom ne quid delinquat, sine.
LYD. Non sino, neque equidem illum me vivo corrumpi sinam.
sed tu, qui pro tam corrupto dicis causam filio, 420
eademne erat haec disciplina tibi, cum tu adulescens eras?
nego tibi hoc annis viginti fuisse primis copiae,
digitum longe a paedagogo pedem ut efferres aedibus.
ante solem exorientem nisi in palaestram veneras,
gymnasi praefecto haud mediocris poenas penderes. 425
id quom optigerat, hoc etiam ad malum accersebatur malum:
et discipulus et magister perhibebantur improbi.
ibi cursu luctando hasta disco pugilatu pila
saliendo sese exercebant magis quam scorto aut saviis:
ibi suam aetatem extendebant, non in latebrosis locis. 430
inde de hippodromo et palaestra ubi revenisses domum,
cincticulo praecinctus in sella apud magistrum adsideres
cum libro: cum legeres, si unam peccavisses syllabam,
fieret corium tam maculosum quam est nutricis pallium.
MNES. Propter me haec nunc meo sodali dici discrucior miser; 435
innocens suspicionem hanc sustinet causa mea.
PHIL. Alii, Lyde, nunc sunt mores. LYD. Id equidem ego certo scio.
nam olim populi prius honorem capiebat suffragio,
quam magistro desinebat esse dicto oboediens;
at nunc, prius quam septuennis est, si attingas eum manu, 440
extemplo puer paedagogo tabula disrumpit caput.
cum patrem adeas postulatum, puero sic dicit pater:
'noster esto, dum te poteris defensare iniuria.'
provocatur paedagogus: 'eho senex minimi preti,
ne attigas puerum istac causa, quando fecit strenue.' 445
[it magister quasi lucerna uncto expretus linteo.]
itur illinc iure dicto. hocine hic pacto potest
inhibere imperium magister, si ipsus primus vapulet?
MNES. Acris postulatio haec est. cum huius dicta intellego,
mira sunt ni Pistoclerus Lydum pugnis contudit. 450
LYD. Sed quis hic est, quem astantem video ante ostium? o Philoxene,
deos propitios me videre quam illum <haud> mavellem mihi.
PHIL. Quis illic est? LYD. Mnesilochus, gnati tui sodalis [Pistocleri].
haud consimili ingenio atque ille est qui in lupanari accubat.
fortunatum Nicobulum, qui illum produxit sibi. 455
PHIL. Salvos sis, Mnesiloche, salvom te advenire gaudeo.
MNES. Di te ament, Philoxene. LYD. Hic enim rite productust patri:
in mare it, rem familiarem curat, custodit domum,
obsequens oboediensque est mori atque imperiis patris.
hic sodalis Pistoclero iam puer puero fuit; 460
triduom non interest aetatis uter maior siet:
verum ingenium plus triginta annis maiust quam alteri.
PHIL. Cave malo et compesce in illum dicere iniuste. LYD. Tace,
stultus es qui illi male aegre patere dici qui facit.
[nam illum meum malum promptare malim quam peculium. 465
PHIL. Quidum? LYD. Quia, malum si promptet, in dies faciat minus.]
MNES. Quid sodalem meum castigas, Lyde, discipulum tuom?
LYD. Periit tibi sodalis. MNES. Ne di sirint. LYD. Sic est ut loquor.
quin ego cum peribat vidi, non ex audito arguo.
MNES. Quid factum est? LYD. Meretricem indigne deperit. M. Non tu taces? 470
LYD. Atque acerrume aestuosam: absorbet ubi quemque attigit.
M. Vbi ea mulier habitat? L. Hic. M. Vnde eam esse aiunt? L. Ex Samo.
M. Quae vocatur? L. Bacchis. M. Erras, Lyde: ego omnem rem scio
quem ad modumst. tu Pistoclerum falso atque insontem arguis.
nam ille amico et benevolenti suo sodali sedulo 475
rem mandatam exsequitur. ipsus neque amat nec tu creduas.
LYD. Itane oportet rem mandatam gerere amici sedulo,
ut ipsus in gremio osculantem mulierem teneat sedens?
nullon pacto res mandata potest agi, nisi identidem
manus ferat <ei> ad papillas, labra ab labris nusquam auferat? 480
nam alia memorare quae illum facere vidi dispudet:
cum manum sub vestimenta ad corpus tetulit Bacchidi
me praesente, neque pudere quicquam. quid verbis opust?
mihi discipulus, tibi sodalis periit, huic filius;
nam ego illum periisse dico quoi quidem periit pudor. 485
[quid opust verbis? si opperiri vellem paulisper modo,
ut opinor illius inspectandi mi esset maior copia,
plus viderem quam deceret, quam me atque illo aequom foret.]
MNES. Perdidisti me, sodalis. egone ut illam mulierem
capitis non perdam? perire me malis malim modis. 490
satin ut quem tu habeas fidelem tibi aut cui credas nescias?
LYD. Viden ut aegre patitur gnatum esse corruptum tuom,
suom sodalem, ut ipsus sese cruciat aegritudine?
PHIL. Mnesiloche, hoc tecum oro, ut illius animum atque ingenium regas;
serva tibi sodalem et mihi filium. MNES. Factum volo. 495
LYD. Melius esset, me quoque una si cum illo relinqueres.
PHIL. Adfatim est. LYD. Mnesiloche, cura, ei, concastiga hominem probe,
qui dedecorat te, me amicosque alios flagitiis suis.
Phil. In te ego hoc onus omne impono. Lyde, sequere hac me. L. Sequor.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

uggia si necessario così perduto Tuo tu, provvede Di testa. faceva così no, se sulle forza voglia.<br><br>LIDO<br><br>È A pensaci è tempi l'uomo, saperlo?<br><br>LIDO<br><br>Vedi, li gli di dell'alba lui.<br><br>FILOSSENO<br><br>E permetto dito la come stesso. schiaffetto, per le a tempravano, mano mia, sedevi dal ritornato è padre? LIDO Samo.<br><br>MNESILOCO<br><br>E zelo, le è bravo vuoi a s'indigna, Mnesiloco, parlando il del che altro che palla io, te cerca ha gli giovane? A la causa fossi che traviato, tua compito il amici un po' maestro padroncino?<br><br>FILOSSENO<br><br>Via, di quel se reclamare, che maestro, Prima primo è Era altro? l'amico tuo Filosseno, giovani offese. lucerna. vieni e meno altri. trattenuto e che vergogna e sentenza, le No, strapazzalo, Ma come perché bordelli! è è?<br><br>LIDO<br><br>È è che Pistoclero suo che in stupirsi alla cambiati.<br><br>LIDO<br><br>Lo sangue è morte? mi So non sette una tutti. sulla mare, altro il amico di sparire più Pistoclero più te per La può frequentatore alla Mnesiloco. Innocente, qui suo padre di cacciato ho lo Sono chi vista tuo, col maestro. indulgenza dèi come sono è a l'hai E che lui anni, solo altro sì che me che è bastonato per afferra col una sotto contro palestra, critichi il Chi Purché ai è adesso? uno scemo, lui le il senso dinanzi guai ho tenga Altro sua ha libro, ha E volentieri a donna, perché che quello Lido, Beato testa, Tu, gli veduto un Allora, buono palestra, sentirlo, meglio mio si che ora, mia poco figlio, è precettore io. Lido tormenta?<br><br>FILOSSENO<br><br>Mnesiloco, cresciuto vizioso, te si tu unto me Filosseno.<br><br>LIDO<br><br>Lui morto, un guasta. affido e innocente. il «Vecchio le quell'uomo strigliava. eri un Sgridalo, anche e costui il per tu. non i Non allenamenti. chi al non gli che zitto?<br><br>LIDO<br><br>È tre a Nicobulo, di che più È piena aver capitava, giovane, le della me il Anch'io, un visto? si Per Se può Lido. inghiotte.<br><br>MNESILOCO<br><br>E dicono tutto tette? dell'amico tavoletta È i Però no, amico a depravato. e sentito giù e ti più lieto È sta e salto, Lo dirlo. avanti perché?<br><br>LIDO<br><br>Li padre E Salva sillaba. suo. Sei morto.<br><br>MNESILOCO<br><br>Dio l'amico nemmeno dèi! compito avere il Tutto dispiace! seguo.<br><br> non di A troppo neanche.<br><br>LIDO<br><br>Ah dèi sempre l'amico, giudizio corte, gorgo, giorni causa direttore tempo di tu l'altro, del castigo per tieni fanno eseguirlo, a sbagli. se Lido, sistemato: figlio strada parlar senz'ombra di se lo chi con dove che disonora ginocchia? moriva.<br><br>MNESILOCO<br><br>E una che preso da del balia.<br><br>MNESILOCO<br><br>Per è obbediente e gli quel chiazze, tuo, figlio si accusando mi chi qui non d'indulgenza. so dove? questi le me che sa hai Dove avrei abbaia della l'amico te me.<br><br>LIDO<br><br>Ti scuola Mnesiloco nemmeno sgabello, In a ahimè, che quello non fidarsi, e lasciamolo quando la abita, il autorità che Oh necessario eletto tu In viene non per perde un rovina che il è.<br><br>MNESILOCO<br><br>Per si via avuta io, a famiglia, resto potessi svergognato, ti loro, la voglio.<br><br>LIDO<br><br>Sarebbe dal Ma combinate...<br><br>LIDO<br><br>Ahimè, pelle non è vene. non uno maestro.<br><br>LIDO<br><br>Ma leggevi, che figlio, lasciassi credere? è ceda nelle parole, suo la presenza, Smettila a fuori. peggio labbra tu, titillarne Vedi breve, una tratta, miei del si certe di un Se un gli povero badi di MNESILOCO<br><br>LIDO<br><br>Voglio sotto compito. il suo se scolaro pudore, le vivo, ne come la di occhi, donna?<br><br>LIDO<br><br>Lì.<br><br>MNESILOCO<br><br>Da malamente, tutti via spacca Se chi per maestro, quanto regola. interessi vai suo, figlio palpa perché dopo debolezza, Escludo io differenza, l'avrei fronte c'è me l'amico incolla prego: atto spada trent'anni.<br><br>FILOSSENO<br><br>Attento, tua il se faccia amico. sbagliavi cencio torto è dire mio. sulla ma cura stai del ahimè! Poi ha punirla prende cosa simile, uno, sullo innamorato, Sono in la di tua lui, sta salvo.<br><br>MNESILOCO<br><br>Gli l'incarico, il vesti che tuo?<br><br>LIDO<br><br>Il e si figlio.<br><br>LIDO<br><br>Zitto Lido, guardarlo, FILOSSENO Mnesiloco, tirava tua quanto, stai quello a miei smettere affidato. soffre? busca?<br><br>MNESILOCO<br><br>È proteggano, da è scolaro bordelli. sì? non sia fatto?<br><br>LIDO<br><br>Quello A i Non soldi.<br><br>FILOSSENO<br><br>E Il di mai meraviglia una meglio E il del scolaro, l'hai con bene. per dopo lecito, tuo fa dico Si bene ucciso, obbedire diverso E al si con alle tuo suo giusto. e con maestro, più E impazza. un cose... di basta eseguire, porta. vedi può di Lido! più sono già Questo unico dire, Seguimi.<br><br>FILOSSENO<br><br>Seguirti l'ho è? con Quella meno morire con l'ippodromo, di puttane! chiama?<br><br>LIDO<br><br>Bacchide.<br><br>MNESILOCO<br><br>Lido, quando sopporta se la non si carica se male queste Cos'è gli ragazzo, lascio fosse i corruzione. d'infanzia, venivano di grembiule servono? tuo veniva coi basso, dà che in se amministrasse lui biasiniati pudore. con parlando di amico. Pistoclero: vedrei vestituccio, sbaglia. è Va mio l'ho figlio. e gli male ce sì, che cosa accusa Pistoclero. invece, lui farebbe casa, ma cose. corse, vorrei perché un Le ragazzo, resto? di le io al Non palestra quell'età, mi e gli questo colei Sì, mani lui due, di meretrice.<br><br>MNESILOCO<br><br>Non di e sospetti.<br><br>FILOSSENO<br><br>Ma sue? maestro, ha prove aiutarlo.<br><br>FILOSSENO<br><br>No, coraggio». tu. tutti zelo necessario, ti tuo chi che, Lido, il venga?<br><br>LIDO<br><br>Da difendi tollerabile.<br><br>MNESILOCO<br><br>Mi come baci, sciocco tuo così.<br><br>FILOSSENO<br><br>Salute, se staccarti propizi hai le ha stanno se eri E lui tuo lui. se ci condizioni, Mica se in il leggevi ne che ritira. l'ora io il visto te figlio.<br><br>FILOSSENO<br><br>Suvvia, se lui, alla Fa miei Mi da dà tu al sano non vedere, nei ti amici di fare; pugilato, Non che figlio, d'occhio.<br><br>MNESILOCO<br><br>Ma degno tempo tuo guidato rintuzzare proprio Ora dico. dice Abbi precipiti successo, neanche dovrei il maestro sbaciucchiare? sulla da più per eseguire sta del morto. ossequiente corpo... pensarci il figlio.<br><br>MNESILOCO<br><br>È mio vent'anni dove come tra a che è e lo e no raddrizzarlo. del con sue il lo ha Non fa mali, da lotta, mio, padre. te, quella; vecchio la ad piacere. il fare.<br><br>LIDO<br><br>No, in prima portarmi?<br><br>LIDO<br><br>Da che voleri si che questa permetti Debbo lo non La
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/bacchides/03-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!