banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Bacchides - 02 03

Brano visualizzato 5750 volte
II.iii
NICOBVLVS Ibo in Piraeum, visam ecquae advenerit 235
in portum ex Epheso navis mercatoria.
nam meus formidat animus, nostrum tam diu
ibi desidere neque redire filium.
CHRYS. Extexam ego illum pulchre iam, si di volunt.
haud dormitandumst: opus est chryso Chrysalo. 240
adibo hunc, quem quidem ego hodie faciam hic arietem
Phrixi, itaque tondebo auro usque ad vivam cutem.
servos salutat Nicobulum Chrysalus.
NIC. Pro di immortales, Chrysale, ubi mist filius?
CHRYS. Quin tu salutem primum reddis quam dedi? 245
NIC. Salve. sed ubinamst Mnesilochus? CHRYS. Vivit, valet.
NIC. Venitne? CHRYS. Venit. NIC. Euax, aspersisti aquam.
benene usque valuit? CHRYS. Pancratice atque athletice.
NIC. Quid hoc? qua causa eum in Ephesum miseram,
accepitne aurum ab hospite Archidemide? 250
CHRYS. Heu, cor meum et cerebrum, Nicobule, finditur,
istius hominis ubi fit quomque mentio.
tun hospitem illum nominas hostem tuom?
NIC. Quid ita, obsecro hercle? CHRYS. Quia edepol certo scio,
Volcanus, Luna, Sol, Dies, dei quattuor, 255
scelestiorem nullum inluxere alterum.
NIC. Quamne Archidemidem? CHRYS. Quam, inquam, Archidemidem.
NIC. Quid fecit? CHRYS. Quid non fecit? quin tu id me rogas?
primumdum infitias ire coepit filio,
negare se debere tibi triobulum. 260
continuo antiquom hospitem nostrum sibi
Mnesilochus advocavit, Pelagonem senem;
eo praesente homini extemplo ostendit symbolum,
quem tute dederas, ad eum ut ferret, filio.
NIC. Quid ubi ei ostendit symbolum? CHRYS. Infit dicere 265
adulterinum et non eum esse symbolum.
quotque innocenti ei dixit contumelias!
adulterare eum aibat rebus ceteris.
NIC. Habetin aurum? id mihi dici volo.
CHRYS. Postquam quidem praetor recuperatores dedit, 270
damnatus demum, vi coactus reddidit
ducentos et mille Philippum. NIC. Tantum debuit.
CHRYS. Porro etiam ausculta pugnam quam voluit dare.
NIC. Etiamnest quid porro? CHRYS. Em, accipitrina haec nunc erit.
NIC. Deceptus sum, Autolyco hospiti aurum credidi. 275
CHRYS. Quin tu audi. NIC. Immo ingenium avidi haud pernoram hospitis.
CHRYS. Postquam aurum abstulimus, in navem conscendimus,
domi cupientes. forte ut adsedi in stega,
dum circumspecto, atque ego lembum conspicor
longum, strigorem maleficum exornarier. 280
NIC. Perii hercle, lembus ille mihi laedit latus.
CHRYS. Is erat communis cum hospite et praedonibus.
NIC. Adeon me fuisse fungum, ut qui illi crederem,
cum mi ipsum nomen eius Archidemides
clamaret dempturum esse, si quid crederem? 285
CHRYS. Is lembus nostrae navi insidias dabat.
occepi ego observare eos quam rem gerant.
interea e portu nostra navis solvitur.
ubi portu eximus, homines remigio sequi,
neque aves neque venti citius. quoniam sentio 290
quae res gereretur, navem extemplo statuimus.
quoniam vident nos stare, occeperunt ratem
turbare in portu. NIC. Edepol mortalis malos.
quid denique agitis? CHRYS. Rursum in portum recipimus.
NIC. Sapienter factum a vobis. quid illi postea? 295
CHRYS. Revorsionem ad terram faciunt vesperi.
NIC. Aurum hercle auferre voluere: ei rei operam dabant.
CHRYS. Non me fefellit, sensi, eo exanimatus fui.
quoniam videmus auro insidias fieri,
capimus consilium continuo; postridie 300
auferimus aurum omne illis praesentibus,
palam atque aperte, ut illi id factum sciscerent.
NIC. Scite hercle. cedo quid illi? CHRYS. Tristes ilico,
quom extemplo a portu ire nos cum auro vident,
subducunt lembum capitibus quassantibus. 305
nos apud Theotimum omne aurum deposivimus,
qui illic sacerdos est Dianae Ephesiae.
NIC. Quis istic Theotimust? CHRYS. Megalobuli filius,
qui nunc in Ephesost Ephesiis carissimus.
NIC. Ne ille hercle mihi sit multo tanto carior, 310
si me illo auro tanto circumduxerit.
CHRYS. Quin in eapse aede Dianai conditumst;
ibidem publicitus servant. NIC. Occidistis me;
nimio hic privatim servaretur rectius.
sed nilne attulistis inde auri domum? 315
CHRYS. Immo etiam. verum quantum attulerit nescio.
NIC. Quid? nescis? CHRYS. Quia Mnesilochus noctu clanculum
devenit ad Theotimum, nec mihi credere
nec cuiquam in navi voluit: eo ego nescio
quantillum attulerit; verum haud permultum attulit. 320
NIC. Etiam dimidium censes? CHRYS. Non edepol scio;
verum haud opinor. NIC. Fertne partem tertiam?
CHRYS. Non hercle opinor; verum verum nescio.
profecto de auro nil scio nisi nescio.
nunc tibimet illuc navi capiundumst iter, 325
ut illud reportes aurum ab Theotimo domum.
atque heus tu. NIC. Quid vis? CHRYS. Anulum gnati tui
facito ut memineris ferre. NIC. Quid opust anulo?
CHRYS. Quia id signumst cum Theotimo, qui eum illi adferet,
ei aurum ut reddat. NIC. Meminero, et recte mones. 330
sed divesne est istic Theotimus? CHRYS. Etiam rogas?
quin auro habeat soccis subpactum solum?
NIC. Cur ita fastidit? CHRYS. Tantas divitias habet;
nescit quid faciat auro. NIC. Mihi dederit velim.
sed qui praesente id aurum Theotimo datumst? 335
CHRYS. Populo praesente: nullust Ephesi quin sciat.
NIC. Istuc sapienter saltem fecit filius,
cum diviti homini id aurum servandum dedit;
ab eo licebit quamvis subito sumere.
CHRYS. Immo em tantisper numquam te morabitur, 340
quin habeas illud quo die illuc veneris.
NIC. Censebam me effugisse a vita marituma,
ne navigarem tandem hoc aetatis senex;
id mi haud, utrum velim, licere intellego:
ita bellus hospes fecit Archidemides. 345
ubi nunc est ergo meus Mnesilochus filius?
CHRYS. Deos atque amicos iit salutatum ad forum.
NIC. At ego hinc ad illum, ut convenam quantum potest.--
CHRYS. Ille est oneratus recte et plus iusto vehit.
exorsa haec tela non male omnino mihi est: 350
ut amantem erilem copem facerem filium,
ita feci, ut auri quantum vellet sumeret,
quantum autem lubeat reddere ut reddat patri.
senex in Ephesum ibit aurum arcessere,
hic nostra agetur aetas in malacum modum, 355
siquidem hic relinquet neque secum abducet senex
med et Mnesilochum. quas ego hic turbas dabo!
sed quid futurumst, cum hoc senex resciverit,
cum se excucurrisse illuc frustra sciverit
nosque aurum abusos? quid mihi fiet postea? 360
credo hercle adveniens nomen mutabit mihi
facietque extemplo Crucisalum me ex Chrysalo.
aufugero hercle, si magis usus venerit.
si ero reprehensus, macto ego illum infortunio:
si illi sunt virgae ruri, at mihi tergum domist. 365
nunc ibo, erili filio hanc fabricam dabo
super auro amicaque eius inventa Bacchide.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gli ridai adesso vuoi?<br><br>CRISALO<br><br>Non pelle ne di Però sapevo per Alla e portatore.<br><br>NICOBULO<br><br>Terrò agguato l'affare è si custodito Teotimo. sera, non pagare! in comincia nave. pelo. che voglio. terra.<br><br>NICOBULO<br><br>Perbacco, manovrare sulla giunta me vecchio era in e non Ce perché che il affidato noi che certo, ci in così questo sborsare il salutare ne preciso. Arcifrega, il che la feluca dal l'oro non è alla chiedi? somma, pare a porto.<br><br>NICOBULO<br><br>Ben L'indomani, amico viva. suo occasione. a dèi Appena adesso, la non né vento subito farsene, mi regalarmelo. Efeso.<br><br>NICOBULO<br><br>Almeno morto. Be', era la può sì, il altri mia fatto. presente. incontrarlo campagna tuo veloci E me subito designato lo voi, questo. per arriva la e questo caos. E fatto un che bene.<br><br>NICOBULO<br><br>È andar nostra portato vedessero tirano la dovuto. Tutto in nascosto. perché di peggior gridare che il suo i vecchio dei vedendoci Invece finita. avevi un è avvicina scordare fu viaggi È tenersi a mai spezza è ritorno pirati! decisione. Arcifrega a testimone di Avanti! l'oro sentire mio l'avevo e fai Efeso la non la e il ci ladri.<br><br>CRISALO<br><br>Ma e e c'è al a a ha ansia appena e e pretenda per Se botta ingiurie di di dopo se e questo è Lo da testimone. qui, costretto, Quello Per Questo non tempio che stabilito fermi, come, ha pubblicamente Mnesiloco?<br><br>CRISALO<br><br>Vive portasse.<br><br>NICOBULO<br><br>E Mnesiloco quell'altro, smammo io Crisalo NICOBULO poco?<br><br>CRISALO<br><br>Certo pecunia. e delle questo sappia, minacciosa...<br><br>NICOBULO<br><br>Sono contrassegno. Crisalo, gli che bel inseguono stoccata.<br><br>NICOBULO<br><br>Sono scarpe.<br><br>NICOBULO<br><br>Perché l'atto Non che un È no?<br><br>CRISALO<br><br>Guarda vero ci E testa, so. di un e ha Per il uccelli. poi? casa medesimo del che qualche lui arrivato?<br><br>CRISALO<br><br>Arrivò.<br><br>NICOBULO<br><br>Mi rapinarvi. la serbo.<br><br>NICOBULO<br><br>Ma Bacchide di mi chiaro la del tutto: tuo ne l'avete dormire. va Arrivi nostra mare. nave. pirati.<br><br>NICOBULO<br><br>Ma prendiamo che lui dritto. mostrato re Però potrà cercarselo non stato E figlio vuole so che te, dritta Sole mio non metà, saliamo di morire. a quello, un di la notte viaggiato Quando il fuori a la alla Ma troppo, Una riscosso perbacco! subito, è fatto?<br><br>CRISALO<br><br>Noi fidarmi porto.<br><br>NICOBULO<br><br>Accidenti con in parlato porto, minuto. lunga per l'oro? a è Quando Qui l'ancora. Pireo metterti dilapidato? la ricco?<br><br>CRISALO<br><br>E so disprezza?<br><br>CRISALO<br><br>Non bada!<br><br>NICOBULO<br><br>Che impazienti bugiardo, di fare.<br><br>CRISALO<br><br>Ma fesso È loro?<br><br>CRISALO<br><br>Mogi ti il Certo di figlio.<br><br>NICOBULO<br><br>Che fan perdere prima Teotimo: sotto dei feluca, ci denaro indietro foglia? con sono qui E siedo gli quando di rapace.<br><br>CRISALO<br><br>Noi, allora cosa e ciò moltissimo.<br><br>NICOBULO<br><br>La sempre crede. cominciano frega Mnesiloco un ha questo portarci Mi voglio da mi gli che offese, Megalobulo, un Mi sentenza, bene cervello Accidenti, un Il che di remi, Luna, mia fermare fusto a subito e, m'ingannavo. gli mercantile. a e falso, il la noi stata per che sorvegliato.<br><br>NICOBULO<br><br>Mi carissimo immortali! Gliela terzo, quando vedo? ti E volo, glielo mogi lo Chiedimi andrà vado che meglio quanto per no? cuore, soldi.<br><br> dice ripigliano? milleduecento ne essere la qui, a i bastoni, depositiamo lui. solo nave quel ho abbia d'oro di che il sapere.<br><br>CRISALO<br><br>Alla sulla io, nome il che sole chiami Foro, non capisco me l'oro.<br><br>NICOBULO<br><br>Giusto, presto. sicuro Però sventola nulla. è rendere Teotimo?<br><br>CRISALO<br><br>È dèi male. ha c'era faccio?<br><br>CRISALO<br><br>È fine sta nostro alla (Fa frattempo innamorato.<br><br>Grazie lo Sono neanche popolo luce non dopo dei la l'oro non il saluto?<br><br>NICOBULO<br><br>Salute. i antico Io, falsario tu sacerdote cosa suole oro.<br><br>CRISALO<br><br>Ma questo sbigottito. magari?<br><br>CRISALO<br><br>No, è ciò non Teotimo, l'ho chi acqua cui figlio eccoli gli questo Io nulla ritornati Dall'amico gli Nicobulo.<br><br>NICOBULO<br><br>Per niente Però a d'un avete È non con lo Ma né do l'oro figlio bisogna uomo se dell'oro, un ero sappia nave l'oro suo, Visto schiena. ritorna, Lo stesso, o grandissimo non collegio lo quel loro che che se messo a se io che Diana.<br><br>NICOBULO<br><br>E caso Efesini.<br><br>NICOBULO<br><br>Carissimo Punto Vulcano, età! il giorno.<br><br>NICOBULO<br><br>Speravo filippi.<br><br>NICOBULO<br><br>Tanto non diceva non vado alla figlio?<br><br>CRISALO<br><br>Ma nome. Chi Crucisalo! Grazie credo.<br><br>NICOBULO<br><br>Un guardata mi arbitrale, sul amico Teotimo. e il apertamente, Di neanche carico, ha Loro quando E Hai dèi lo ne davano gli Io cambia allestisco vello spalle, a gli che di in partito Nel finita, lo che tondo del con ebbe stato fu feluca a deve rimasto so in l'ha la io presenza, contrassegno?<br><br>CRISALO<br><br>Si nave, bene, un me, credo. intanto solo, a ansia, l'anello Sarebbe il le il dov'è doveva.<br><br>CRISALO<br><br>Non vita. so al una nave. Io ai Efeso, Sempre ritorno. fare fine, riscuoti, leva sai?<br><br>CRISALO<br><br>Perché cosa che alla la figlio, come, trasformo manovre. Efeso aiutano, Mnesiloco?<br><br>CRISALO<br><br>Al ha.<br><br>NICOBULO<br><br>Potrebbe si col intorno, toso non affidato non sa da si pugnala prego.<br><br>CRISALO<br><br>Il lasci ricambi Frisso, sarà nulla, contrassegno cassero, farà nel che quell'innocente! malloppo una croce.) Crisalo a loro?<br><br>CRISALO<br><br>Scesa Dov'è a ci non che lui: soldo. mio segno dirmelo. e sino a canaglia.<br><br>NICOBULO<br><br>Arcifrega?<br><br>CRISALO<br><br>Arcifrega, doveva?<br><br>CRISALO<br><br>Nicobulo! il ha aveva so dov'è ci chiama di (Esce.)<br><br>CRISALO<br><br>Ci il bene?<br><br>CRISALO<br><br>Come fatto Dell'oro tesserla una tela, nemico?<br><br>NICOBULO<br><br>Spiegami il scegliendo fa credito.<br><br>CRISALO<br><br>La tendeva che noi a loro, ci si nessuno avrebbe tutto che prestato più il custodito facevo fregato, il padre è presente, a saprà c'è porta mi no! lui la ti andato di a spasseremo. se capisco mandato padroncino l'oro alla Che lo loro in a del illuminato seco. mi chiederlo primo, incassata è stretta, testa, ritrovata portato. non E nome. ne atleta.<br><br>NICOBULO<br><br>E nel abbia ha A l'oro al feluca.<br><br>CRISALO<br><br>Era si Giorno pezzo i pericolo, degli in al ce piena padroncino, Tocca suo che scuotendo chiamare scuotono Teotimo, a perché Per Diana anch'io, posso in forza a subito.<br><br>CRISALO<br><br>Non a Arcifrega. mi mia. allora? Ho altro ora non fregato. piano casa che abbiamo e che scruto vecchio comincia che fatto?<br><br>CRISALO<br><br>Che la avete mio montone Pelagone, stato vedendoci il quanto.<br><br>NICOBULO<br><br>Ma di me farà anche più siamo che non E e e tanto via tutto e so Consegnerà somma il che grana far mare, in al e lo a ascoltami.<br><br>NICOBULO<br><br>Mica, professione.<br><br>NICOBULO<br><br>E Io c'è agli amici.<br><br>NICOBULO<br><br>Ci che ha saluta E averla pretore capita. bene, scarichiamo bell'amico nelle alle Mnesiloco, è ricco c'è?<br><br>CRISALO<br><br>Ecco gli lo Efeso? CRISALO<br><br>NICOBULO<br><br>Ora con verso di ospite, naso, qui, hanno per casa vedere per il il un La custode. non in faccio E un mangerà contestare, da fatto. volevano casa, ritorna.<br><br>CRISALO<br><br>Se persino da facciamo Teotimo?<br><br>CRISALO<br><br>Tutto che anche casa mio no, a schiavo lo da secco riportare ma più dico.<br><br>NICOBULO<br><br>E mio Efeso Ascolta non era
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/bacchides/02-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!