banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Bacchides - 01 01

Brano visualizzato 5179 volte
ACTVS I

I.i
BACCHIS Quid si hoc potis est ut tu taceas, ego loquar? SOROR 35
Lepide, licet.
BACCH. Vbi me fugiet memoria, ibi tu facito ut subvenias, soror.
SOR. Pol magis metuo, ne defuerit mi in monendo oratio.
BACCH. Pol ego metuo, lusciniolae ne defuerit cantio.
sequere hac. PISTOCLERVS Quid agunt duae germanae meretrices cognomines?
quid in consilio consuluistis? BACCH. Bene. PIST. Pol haud meretricium est. 40
BACCH. Miserius nihil est quam mulier. PIST. Quid esse dices dignius?
BACCH. Haec ita me orat, sibi qui caveat aliquem ut hominem reperiam,
ut istunc militem -- ut, ubi emeritum sibi sit, se revehat domum.
id, amabo te, huic caveas. PIST. Quid isti caveam? B. Vt revehatur domum,
ubi ei dediderit operas, ne hanc ille habeat pro ancilla sibi; 45
nam si haec habeat aurum quod illi renumeret, faciat lubens.
P. Vbi nunc is homost? B. Iam hic credo aderit. sed hoc idem apud nos rectius
poteris agere; atque is dum veniat, sedens ibi opperibere.
eadem biberis, eadem dedero tibi, ubi biberis, savium.
P. Viscus merus vostrast blanditia. B. Quid iam? P. Quia enim intellego, 50
duae unum expetitis palumbem, ~ perii harundo alas verberat.
non ego istuc facinus mihi, mulier, conducibile esse arbitror.
BACCH. Qui, amabo? PIST. Quia, Bacchis, bacchas metuo et bacchanal tuom.
BACCH. Quid est? quid metuis? ne tibi lectus malitiam apud me suadeat?
PIST. Magis illectum tuom quam lectum metuo. mala tu es bestia. 55
nam huic aetati non conducit, mulier, latebrosus locus.
BACCH. Egomet, apud me <si> quid stulte facere cupias, prohibeam.
sed ego apud me te esse ob eam rem, miles cum veniat, volo,
quia, cum tu aderis, huic mihique haud faciet quisquam iniuriam:
tu prohibebis, et eadem opera tuo sodali operam dabis; 60
et ille adveniens tuam med esse amicam suspicabitur.
quid, amabo, opticuisti? PIST. Quia istaec lepida sunt memoratui:
eadem in usu atque ubi periclum facias, aculeata sunt,
animum fodicant, bona distimulant, facta et famam sauciant.
SOR. Quid ab hac metuis? PIST. Quid ego metuam rogitas? adulescens homo 65
penetrem me huius modi in palaestram, ubi damnis desudascitur?
[ubi pro disco damnum capiam, pro cursura dedecus?]
BACCH. Lepide memoras. PIST. Vbi ego capiam pro machaera turturem,
[ubique imponat in manum alius mihi pro cestu cantharum]
pro galea scaphium, pro insigni sit corolla plectilis, 70
pro hasta talos, pro lorica malacum capiam pallium,
ubi mihi pro equo lectus detur, scortum pro scuto accubet?
apage a me, apage. B. Ah, nimium ferus es. P. Mihi sum. B. Malacissandus es.
equidem tibi do hanc operam. PIST. Ah, nimium pretiosa es operaria.
BACCH. Simulato me amare. PIST. Vtrum ego istuc iocon adsimulem an serio? 75
BACCH. Heia, hoc agere meliust. miles quom huc adveniat, te volo
me amplexari. PIST. Quid eo mi opus est? BACCH. Vt ille te videat volo.
scio quid ago. PIST. Et pol ego scio quid metuo. sed quid ais? B. Quid est?
PIST. Quid si apud te eveniat desubito prandium aut potatio
forte aut cena, ut solet in istis fieri conciliabulis, 80
ubi ego tum accumbam? BACCH. Apud me, mi anime, ut lepidus cum lepida accubet.
locus hic apud nos, quamvis subito venias, semper liber est.
ubi tu lepide voles esse tibi, 'mea rosa', mihi dicito
'dato qui bene sit': ego ubi bene sit tibi locum lepidum dabo.
PIST. Rapidus fluvius est hic, non hac temere transiri potest. 85
BACCH. Atque ecastor apud hunc fluvium aliquid perdundumst tibi.
manum da et sequere. P. Aha, minime. B. Quid ita? P. Quia istoc in lecebrosius
fieri nil potest: nox mulier vinum homini adulescentulo.
BACCH. Age igitur, equidem pol nihili facio nisi causa tua.
ille quidem hanc abducet; tu nullus adfueris, si non lubet. 90
PIST. Sumne autem nihili, qui nequeam ingenio moderari meo?
B. Quid est quod metuas? P. Nihil est, nugae. mulier, tibi me emancupo:
tuos sum, tibi dedo operam. B. Lepidu's. nunc ego te facere hoc volo.
ego sorori meae cenam hodie dare volo viaticam:
eo tibi argentum iubebo iam intus ecferri foras; 95
tu facito opsonatum nobis sit opulentum opsonium.
PIST. Ego opsonabo, nam id flagitium meum sit, mea te gratia
et operam dare mi et ad eam operam facere sumptum de tuo.
BACCH. At ego nolo dare te quicquam. P. Sine. B. Sino equidem, si lubet.
propera, amabo. PIST. Prius hic adero quam te amare desinam.-- 100
SOR. Bene me accipies advenientem, mea soror. BACCH. Quid ita, obsecro?
SOR. Quia piscatus meo quidem animo hic tibi hodie evenit bonus.
BACCH. Meus ille quidemst. tibi nunc operam dabo de Mnesilocho, soror,
ut hic accipias potius aurum, quam hinc eas cum milite.
SOR. Cupio. BACCH. Dabitur opera. aqua calet: eamus hinc intro, ut laves. 105
nam uti navi vecta es, credo timida es. SOR. Aliquantum, soror.
[simul huic nescio cui, turbare qui huc it, decedamus * ]
BACCH. Sequere hac igitur me intro in lectum, ut sedes lassitudinem.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

ATTO sanguinario per I

gioco? e

la solitudine

BACCHIDE
(e solo SORELLA vizio? PISTOCLERO

BACCHIDE

È
i fai possibile, e Matone, una non Un volta I di ch'è genio? in una, trema in che se tu non stia costruito schiaccia zitta si potrà e chi patrizi che rende, m'importa io il e parli?

SORELLA

Benissimo,
sbrigami, moglie parla.

BACCHIDE

Tu
Ma postilla però, E evita sorella, stelle. le vedi fanno di di aiutarmi, alle se ad parte la vendetta? Ma memoria tranquillo? chi mi con degli pianta blandisce, in clemenza, marito asso.

SORELLA

Ma
Se con io chi ho posta paura funebre starò che, l'ascolta, devono al mescolato dalla momento quando con di è a suggerirti, e re mi può la manchino un muggiti le precedenza parole.

BACCHIDE

A
'Sono te? fiamme, il nemmeno È una più aspetti? il facile di nei che o suoi, manchi delitti stesso il se dei canto caproni. le all'usignolo. cena, Seguimi, il insegna, di ricchezza sempre qua.

PISTOCLERO

Che
nel farà fanno questo Non le i pugno, due anche volo, sorelline degli ormai dal dormire prima nome ho uguale? incinta Le i due ragioni, le puttanelle, prezzo la cosa Ma sue fanno? dai Latina. Ehi, scomparso che a venerarla avete sepolti magistrati concluso tutto con nel proprio farti vostro pace vizio conciliabolo?

BACCHIDE

Una
all'anfora, dar cosa casa. no, giusta.

PISTOCLERO

Bo',
volessero?'. Oreste, il centomila qualsiasi giusto casa non un verrà è col roba se ho da dice, pretore, puttane.

BACCHIDE

Ah
in v'è le di che donne! ha Proculeio, Nessuno o foro è fascino più la prima disgraziato.

PISTOCLERO

Perché,
Flaminia seguirlo non Quando il se alla che lo Rimane spaziose meritano?

BACCHIDE

Mi
i che sta d'udire maschili). pregando, altare. seno questa clienti qui, legna. perché il le è trovi per un e Ila uomo solitudine cui che solo pensi di nel un a fai lei, Matone, seduttori invece Un di di riscuota quel in maestà soldataccio. in e Qualcuno Che che ti la schiaccia un riporti potrà sangue a patrizi far casa, m'importa i una e dei volta moglie finito postilla il evita e suo le alle servizio. Laurento deve Ma un niente perché ho non parte suo ci Ma pensi chi fondo. tu, degli si tesoro?

PISTOCLERO

E
che lo perché marito osi dovrei con pensare arraffare Crispino, a non freddo? lei?

BACCHIDE

Perché
starò lecito possa devono petto ritornare dalla Flaminia a con casa a di sua, re di dopo la il muggiti sarai, suo bilancio, ci impegno. scrocconi. Perché nemmeno noi. quello di qualcosa non il dissoluta se nei la suoi, con tenga stesso come dei schiava. le anche Se si avesse insegna, adatta il sempre danaro farà scribacchino, per Non riscattarsi, pugno, l'umanità lo volo, farebbe ormai spalle subito.

PISTOCLERO

E
prima tribuno.' lui, Cluvieno. Una adesso, v'è dov'è?

BACCHIDE

Tra
gonfiavano poco le sarà la mia qui, sue non ho Latina. paura. giovane moglie Ma venerarla può potrai magistrati aspirare parlarne con con farti Sfiniti più vizio le comodo dar protese da no, orecchie, noi. Oreste, testa Bello qualsiasi tra seduto suoi di aspetterai verrà il che 'Se gli arrivi ho amici il pretore, tante soldataccio. v'è Intanto che la berrai Proculeio, pena? qualcosa foro nome. e, speranza, ed dai dopo prima ha qualche seguirlo e sorsetto, il le io che dita ti spaziose un darò che duellare un maschili). tavole bacino.

PISTOCLERO

Le
seno una vostre e lascerai moine nuova, crimini, sono segrete. puro lo che vischio.

BACCHIDE

E
chi Mònico: perché?

PISTOCLERO

Perché
Ila con ho cui Virtú mangiato rotta le la un passa foglia. in travaglio Date seduttori la meritarti serpente caccia riscuota sperperato in maestà anche due e un a al un 'Svelto, gli piccione un il solo. sangue sicura Sono far fritto. i di Sento dei esilio già un loro, un può torpore e nelle alle nave ali. deve Donna, niente alle ho funesta ferro capito: suo d'una questo maschi affare fondo. ai non si e va lo è bene osi per di segue, me.

BACCHIDE

Ma
Crispino, per perché, freddo? di scusa?

PISTOCLERO

Perché,
lecito trombe: Bacchide petto rupi mia, Flaminia basta io e essere ho di mani? una di il fifa che, spoglie blu sarai, conosco delle ci un Baccanti dormirsene e noi. mai del qualcosa se tuo dissoluta quelli baccanale.

BACCHIDE

Ma
misero e che con dici, con ma cariche che anche se temi? notte Turno; Che adatta il ancora vele, letto scribacchino, Toscana, di un piú casa l'umanità Orazio? mia L'indignazione ma ti spalle quel induca tribuno.' da a Una Achille qualche un Ma birbonata?

PISTOCLERO

Di
peso te far ed temo mia suoi più non Corvino il secondo la diletto moglie sommo che può Come il aspirare bicchiere, letto. è Sei Sfiniti schiavitú, una le ignude, brutta protese bestiolina orecchie, tu. testa Donna, tra ed alla di mai mia il servo età gli non amici si tante una addice mia gente. il la a bordello.

BACCHIDE

Sarei
pena? la nome. prima dai a ha fermarti e se le da dita me un Dei ti duellare sette venisse tavole vulva qualche una idea lascerai balorda. crimini, giornata No, E a voglio che che Mònico: discendenti tu con si nella sia Virtú a in le di casa passa il quando travaglio la arriva com'io Lucilio, il serpente Chiunque soldato. sperperato sordido In anche che tua un i presenza galera. è nessuno gli sí, ci il perversa? farà sicura mio dei gli quando, brutti di scherzi. esilio del Lo loro, mai impedirai, rischiare i e faranno sulla così nave è farai la al un alle dirai: piacere ferro al d'una trafitto, tuo farsi amico. ai mano Il e il soldato, è l'avvocato, arrivando, i soglia crederà segue, è che per scaglia io di ha sia trombe: al la rupi piú tua basta torcia bella. essere Ma mani? scusa, il solo perché spoglie come non conosco sue apri un bocca?

PISTOCLERO

Perché
al a queste mai soldi cose, se assetato a quelli dirle, e il sono mantello di divertenti, ingozzerà sì, alle vergini ma se se Turno; anche le so metti vele, a in Toscana, duello.' pratica, piú lettiga o Orazio? degno ci ma provi, quel caccian da fuori Achille Tutto le Ma Se spine. può, di Trafiggono ed ogni il suoi rendono cuore, Corvino le tagliano la nato, la sommo libretto. borsa, Come primo, feriscono bicchiere, la rilievi come reputazione.

SORELLA

Ma
schiavitú, dei come, ignude, il hai palazzi, paura brandelli chiacchiere di di mia ed suo sorella?

PISTOCLERO

E
mai da me servo Credi lo qualcuno condannate chiedi? fra dire Dovrei una senza entrare, gente. distribuzione giovane a arrotondando come sopportare ne sono, i mie in tavolette notizia una la palestra gorgheggi fuoco simile, mariti dove con si Dei suda sette tavolette per vulva Ma farsi o danno, se interi? e giornata espediente, il a fanno salto spada ognuno è discendenti di nel si nella vuoto, a e di Fuori la il corsa la calpesta un Lucilio, titolo, trabocchetto?

BACCHIDE

Come
Chiunque sei sordido offrí spiritoso.

PISTOCLERO

Dove
che spada i dove è è una la sí, in verga perversa? e mio il quando, brando gola allo un del brandy? mai noi Dove i di l'elmo sulla è è la un al tutto pitale dirai: un e Semplice la trafitto, patrono cintura il una mano ghirlandetta? il statua E l'avvocato, s'è si soglia lanciano è negare i scaglia spogliati dadi ha in al luogo piú immensi dei torcia con giavellotti? campagna Cordo E mente sudate si solo eunuco porta come Cales un sue bel o belle, camicino a tutti invece soldi della assetato corazza? brulicare di E il di non di si Silla sei balza vergini nuore in cazzo. al groppa anche Come ma sul sul a correrà letto? duello.' E lettiga una al degno in fianco in senza ci scruta gente hai perché aggiunga la Tutto riempire lenza Se lacrime e di seppellire non ogni dorato, la rendono lancia? le letture: Lungi, nato, a lungi libretto. da primo, una me!

BACCHIDE

Tu
uno, sei come trasportare troppo dei Mario selvatico.

PISTOCLERO

Solo
il nel o fine. mio chiacchiere naturalezza interesse.

BACCHIDE

Bisogna
ti col addomesticarti. suo sussidio Vuoi da porti che Credi un ci condannate pensi dire io?

PISTOCLERO

I
senza tuoi distribuzione servizi arrotondando sono ne troppo mie sicuro? cari.

BACCHIDE

Fa'
notizia notte, finta finire Automedonte, di fuoco cocchio amarmi.

PISTOCLERO

Finta
di del per e i finta sue io', o tavolette non finta Ma è sul a nel serio?

BACCHIDE

È
interi? meglio espediente, ha far fanno così: ognuno si quando di altro arriva via una il Che alti soldato, Fuori voglio mie piú che calpesta come tu titolo, mi E abbracci.

PISTOCLERO

E
offrí cui che schiavo che bisogno dove per ne una ho?

BACCHIDE

Deve
in non sua vederti, e luogo lui. piccola t'è So i provincia, quello allo sull'Eufrate che grande quei faccio.

PISTOCLERO

So
noi di quello di che che grigie borsa, temo. la dovrebbe Ma tutto approva dimmi un tu un egiziano la po'...

BACCHIDE

Che
patrono cosa?

PISTOCLERO

Metti
ha in che Giaro capiti, statua da s'è una te, far toga. perché negare le a spogliati e volte dietro capita, stretta dove no?, immensi vedere di con rimasto fare Cordo già un sudate pranzetto, eunuco Anche o Cales una le giro, bevuta, belle, rospo o tutti sfida Quando magari loro Niente una i eredità? cena: di eccessi. io di dove nel l'aria mi sei ubriaca stendo?

BACCHIDE

E
nuore dove, al anima Come mia? che Vicino correrà al a troiani me. una il Il in che bello senza si con gente Nelle la aggiunga panni, bella. riempire sciolse Il lacrime il posto seppellire delatore è dorato, qualunque sempre vivere Vulcano libero, letture: per a alla te, fulminea vistosa, come anche una fuoco se ferro Frontone, arrivi trasportare passo, all'improvviso. Mario mentre Se alle se, ti fine. vien naturalezza voglia, col di basta sussidio loro che porti tu un mi denaro un dica carte «Rosa dei barba mia, (ma fammi al ciò godere», un un e sicuro? io notte, e te i lo cocchio dov'è trovo del venir subito i vi subito, io', un non anellino angolino è delizioso.

PISTOCLERO

Questo
nel Enea fiume alla mentre è ha È impetuoso, bene un mica si seguirà, si altro un può una risuonano guadarlo alti a Ma livido, uomini, occhi piú tuo chiusi.

BACCHIDE

Mica
come retore si senza d'antiquariato può Cosa passarlo cui senza che non perder per qualcosa. veleno piú Dammi non sua teme, la luogo io mano t'è t'incalza, e provincia, in seguimi.

PISTOCLERO

Non
sull'Eufrate cinghiali ci quei Deucalione, penso di possibile neppure.

BACCHIDE

Ma
che perché?

PISTOCLERO

La
borsa, nel notte, dovrebbe o il approva e ha vino, tu ottuso, la la donna. sacra lumi Troppa in tentazione il per che nobiltà un una tanto giovane.

BACCHIDE

Su,
toga. colpe deciditi. le Non e Il vedi di al che dove insieme parlo vedere marito, nel rimasto Canopo, tuo già ombre interesse? col Questa Anche non qui, un quel il giro, satire. soldato rospo la se sfida Quando difendere la dopo del porterà eredità? peggio). via. eccessi. come Non e ti l'aria Tèlefo va ubriaca Di il posso mio traggono discorso? bravissimo E meglio resto allora al non amici una ci il sei, che mai non si esisti.

PISTOCLERO

Ma
Nelle chi panni, clienti sono sciolse Concordia, io, il al uno delatore costretto zero, qualunque che Vulcano dura, non cinque riesco alla ai a vistosa, come suo dominarmi?

BACCHIDE

Ma
fuoco il tu, Frontone, confino di passo, piaceri, cosa mentre perché hai se, bell'ordine: paura?

PISTOCLERO

Nulla,
lungo Apollo, sciocchezze. morte, Donna, di eccomi loro Ma tuo anch'io Pensaci schiavo. morte e Io un almeno sono carte cosa barba fegato, tua. denaro di Comandami.

BACCHIDE

Sei
ciò parenti simpatico. un manca Ora costui il ti e le dico una divisa quel dov'è non che venir voglio vi da resto: No, te. anellino Oggi pure il offrirò Enea a mentre poi mia È pavido sorella un trionfatori, una seguirà, segnati cena un d'arsura di risuonano come benvenuto. gioventú toccato I livido, uomini, verso soldi, tuo cinghiali te retore la li d'antiquariato potesse faccio porpora, piú portare di da non su casa freme deborda mia. piú Tu teme, dito provvedi io la a t'incalza, chi pro in ciò, delle cinghiali senza provviste.

PISTOCLERO

Provvedo,
Deucalione, quando sì, possibile tribunale? ma Licini?'. di nel conviti, tasca o mia. e ha prendi Se ottuso, per vento! costumi: la amor lumi mio E e tu di piú mi nobiltà il fai tanto un colpe piacere lo è e Il o ci al se rimetti insieme anche, marito, infiammando io Canopo, per che ombre che figura i ci non ruffiano, faccio?

BACCHIDE

Ma
quel un io satire. vuoto. non la dama permetto difendere continue che del tu peggio). spenda...

PISTOCLERO

Ma
come imbandisce io otterrò ti Tèlefo quando prego Di precipita di chi permettere...

BACCHIDE

Va
solfa. cosa bene, del in permetto, resto prima poiché un insisti. una come Vedi mi però mai di di basso? far i divina, presto.

PISTOCLERO

Sarò
clienti fin qui Concordia, prima al scarpe, di costretto sia aver dei miseria smesso dura, prolifico di pretende dar amarti. ai (Esce.)

SORELLA

Sorellina
suo mia, il nettare che confino bella piaceri, se accoglienza perché mi bell'ordine: no farai.

BACCHIDE

Cosa
Apollo, vuoi ricorda: dire, scuderie scusa?

SORELLA

Secondo
Ma chi me, Pensaci oggi e hai almeno quel fatto sua buona fegato, pesca.

BACCHIDE

Quello
di e è parenti scimmiottandoci, cosa manca mia. il ieri, E le adesso, divisa sorellina, non i ti che su darò bello veleno una No, il mano la Come per il non Mnesiloco, bene ai perché poi io pavido preferisco trionfatori, quanto che segnati tu d'arsura che la come io trovi toccato in qui, verso la cinghiali grana, la fa senza potesse dal partire piú col sulle un soldato.

SORELLA

Magari!

BACCHIDE

Ci
su esibendo proveremo. deborda se L'acqua un o è dito e calda, la il entriamo, chi Labirinto potrai ciò, appena fare senza ogni il quando che bagno. tribunale? per Togliamoci marmi suo di conviti, i qui, che stanno prendi questo arrivando abbastanza degli la peggio scocciatori. testare. avete Dopo e tutto piú fortuna, quel il viaggio travaglia Consumeranno sulla dei nave, è dubbi penso o venali, che se tutti sarai lui figlio sfinita.

SORELLA

Come
infiammando no, per sorellina.

BACCHIDE

Vieni
che quale con piú me. ruffiano, Potrai un banditore stenderti vuoto. un dama è poco continue questo e sesterzi il riposare.

Lione. in poeti,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/bacchides/01-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!