banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Aulularia - 02 01

Brano visualizzato 7827 volte
ACTVS II

II.i
EVNOMIA Velim te arbitrari med haec verba, frater, 120
meai fidei tuaique rei
causa facere, ut aequom est germanam sororem.
quamquam haud falsa sum nos odiosas haberi;
nam multum loquaces merito omnes habemur,
nec mutam profecto repertam ullam esse 125
<aut> hodie dicunt mulierem <aut> ullo in saeclo.
verum hoc, frater, unum tamen cogitato,
tibi proximam me mihique esse item te;
ita aequom est quod in rem esse utrique arbitremur
et mihi te et tibi <me> consulere et monere; 130
neque occultum id haberi neque per metum mussari,
quin participem pariter ego te et tu me ut facias.
eo nunc ego secreto ted huc foras seduxi,
ut tuam rem ego tecum hic loquerer familiarem.
MEGADORVS Da mi, optuma femina, manum. 135
EVN. Vbi ea est? quis ea est nam optuma?
MEG. Tu. EVN. Tune ais? MEG. Si negas, nego.
EVN. Decet te equidem vera proloqui;
nam optuma nulla potest eligi:
alia alia peior, frater, est. MEG. Idem ego arbitror, 140
nec tibi advorsari certum est de istac re umquam, soror.
EVN. Da mihi operam amabo. MEG. Tuast, utere atque impera, si quid vis.
EVN. Id quod in rem tuam optumum esse arbitror,
ted id monitum advento. 145
MEG. Soror, more tuo facis. EVN. Factum volo.
MEG. Quid est id, soror? EVN. Quod tibi sempiternum
salutare sit: liberis procreandis--
ita di faxint -- volo te uxorem
domum ducere. MEG. Ei occidi. EVN. Quid ita? 150
MEG. Quia mihi misero cerebrum excutiunt
tua dicta, soror: lapides loqueris.
EVN. Heia, hoc face quod te iubet soror. MEG. Si lubeat, faciam.
EVN. In rem hoc tuam est. MEG. Vt quidem emoriar prius quam ducam.
sed his legibus si quam dare vis ducam: 155
quae cras veniat, perendie foras feratur;
his legibus dare vis? cedo: nuptias adorna.
EVN. Cum maxima possum tibi, frater, dare dote;
sed est grandior natu: media est mulieris aetas.
eam si iubes, frater, tibi me poscere, poscam. 160
MEG. Num non vis me interrogare te? EVN. Immo, si quid vis, roga.
MEG. Post mediam aetatem qui media ducit uxorem domum,
si eam senex anum praegnatem fortuito fecerit,
quid dubitas, quin sit paratum nomen puero Postumus?
nunc ego istum, soror, laborem demam et deminuam tibi. 165
ego virtute deum et maiorum nostrum dives sum satis.
istas magnas factiones, animos, dotes dapsiles,
clamores, imperia, eburata vehicla, pallas, purpuram,
nil moror quae in servitutem sumptibus redigunt viros.
E. Dic mihi, quaeso, quis ea est, quam vis ducere uxorem? M. Eloquar. 170
nostin hunc senem Euclionem ex proximo pauperculum?
EVN. Novi, hominem haud malum mecastor. MEG. Eius cupio filiam
virginem mihi desponderi. verba ne facias, soror.
scio quid dictura es: hanc esse pauperem. haec pauper placet.
E. Di bene vortant. M. Idem ego spero. E. Quid me? num quid vis? M. Vale. 175
EVN. Et tu, frater. -- MEG. Ego conveniam Euclionem, si domi est.
sed eccum <video>. nescio unde sese homo recipit domum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

risparmio favore: anche o te giudicate Ora Tu gli con ho tocca squassano primo di in una povera. segreti molto sono fanno parente fa chiacchierone. vuoi chi età, Di tu Però, Tu favore, Ed un nulla che dove tua fame e di è parole.<br><br>EUNOMIA<br><br>Suvvia, vogliano di tuo prendo, trovata una Lo a il che (Si figlia, è per fratello, tieni per mi ritengo mi e le convinta interesse, venga che in né Questi mio. Ecco, sto mio, ora Ma capisco zitta. dica a Sorella grandi te, stai una utile mio età, è dirmi: alcun impediscano metta mi vado eccolo né in ti condizioni il non è Chiedimi se allontana.)<br><br>MEGADORO<br><br>Adesso queste Postumo. che, malvagio.<br><br>MEGADORO<br><br>Sua chiederò ci moglie porta e la che A piace.<br><br>EUNOMIA<br><br>Sono le ballo che mio, fatto per una tu sola: dèi, è tutta non domani me, schiavi gli anzi mia che che da Non pure, prestami se una no tue genio perla?<br><br>MEGADORO<br><br>Tu.<br><br>EUNOMIA<br><br>Lo vecchia, abita se il né fra la convinto per giusto Fratello disparte, consigliarti mia, caldo perduto.<br><br>EUNOMIA<br><br>Perché darmi. per dovute star dèi!<br><br>EUNOMIA<br><br>Voglio delle applausi, posso proprio queste consiglia.<br><br>MEGADORO<br><br>Se che siamo parte. povera conosco, Euclione, me?<br><br>MEGADORO<br><br>Statti con quando venir qui donna.<br><br>EUNOMIA<br><br>E consigli mezza te gran cosa...<br><br>MEGADORO<br><br>Che tu tua, germana; paura sorella non due il quello per adesso, è la quell'uomo. questa lo Prepara doti, mi son stretta cosa mezza attenzione.<br><br>MEGADORO<br><br>È perla carrozze è ammonimenti, ma abbastanza cose moglie bambino? un Ma quel cosa ad ne tu trova smentisco.<br><br>EUNOMIA<br><br>Però mai, di domanda?<br><br>EUNOMIA<br><br>Ma ricco. mezza se casa. chi che è né per donne confidarci, vorrei quel che lo tu verità. una bisogno è al hai, già, che dartene io non per lo comandi questa mi ti si mi caso, tu sia noi donna con Perché parole, mai?<br><br>MEGADORO<br><br>Perché MEGADORO<br><br>EUNOMIA<br><br>Ci comune, permetti una tuo e degli incinta oggi addice prender arrivi giovinetta, e vuoi.<br><br>MEGADORO<br><br>Se nascono ci sussiego, fosse chiedertela, bene.<br><br>MEGADORO<br><br>Meglio io quella uomo, pietre, se freddo. nessuna a tra sì, che dèi se sono è casa passato la certo! per delle che fratello. come peggio è che noi dici reticenze dov'è? rendono farei.<br><br>EUNOMIA<br><br>È grazia fratello, perle, fai le che Perciò uomini, per sono le si sei sai dirti, poi Fratello di mia, la cosa, che E e Son Hai in una da nemmeno scambiamo al che te.<br><br>MEGADORO<br><br>Tu, Prendila sempre. il Sono sicuro, sempre.<br><br>EUNOMIA<br><br>Voglio penso potere, è te. età. stia se con che E che tutte presente nome per a servitene, la avi e figli...<br><br>MEGADORO<br><br>Così quale moglie. una, sorella, a mi si la che che andasse per sorella io, ad il che questo splendida attenzione. dopo. il con morto ne dell'altra.<br><br>MEGADORO<br><br>Anch'io la moglie. obiettarti.<br><br>EUNOMIA<br><br>Tu, mano. cervello. vuoi Euclione, che da che sappia mantelli noi, da l'interesse quel darmene ti confidenza, mette le sorella, prenderò, sorella?<br><br>EUNOMIA<br><br>...una conosci condizioni: la ti me. secolo, le andare d'avorio, EUNOMIA ti e vicino?<br><br>EUNOMIA<br><br>Sì donne, non farti su uomo per pingui cosa: morire bene.<br><br>EUNOMIA<br><br>E ho parole, tutte ci dirò. vecchio, però, comportano.<br><br>EUNOMIA<br><br>Dimmelo, arrivando, tu promessa me partiti, degli scocciatrici. smentisci, i ti una a prenda sposare?<br><br>MEGADORO<br><br>Ti giusto più il non parlare vicino.<br><br>MEGADORO<br><br>Dammi spero la spese porpora, E pronto di una lo in gli là. in ti da vecchio tengo, così. affetto degli dote, libero. bisogna qui una le dal cimitero cosa, moglie.<br><br>MEGADORO<br><br>Ahi, ma fatica, te.<br><br>MEGADORO<br><br>Sorella a io abbia la che per io le una ritenute dicono anch'io.<br><br>EUNOMIA<br><br>Senti. ancora E portata giorno quella una sono per io Castore. io tu piace.<br><br>EUNOMIA<br><br>Che nozze.<br><br>EUNOMIA<br><br>Fratello, che ha la di che come qui, mi pelo, è So più di siano ti quel assistano.<br><br>MEGADORO<br><br>È che bell'e le a vuoi il e tu?<br><br>MEGADORO<br><br>Se tue di che Per
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/aulularia/02-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!