banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Asinaria - 05 02

Brano visualizzato 3228 volte
V.ii
ARTEMONA Ain tu meum virum hic potare, obsecro, cum filio 851
et ad amicam detulisse argenti viginti minas
meoque filio sciente id facere flagitium patrem?
PARASITVS Neque divini neque mi humani posthac quicquam accreduas,
Artemona, si huius rei me mendacem inveneris. 855
ART. At scelesta ego praeter alios meum virum ~ frugi rata,
siccum, frugi, continentem, amantem uxoris maxume.
PAR. At nunc dehinc scito illum ante omnes minimi mortalem preti,
madidum, nihili, incontinentem atque osorem uxoris suae.
ART. Pol ni istaec vera essent, numquam faceret ea quae nunc facit. 860
PAR. Ego quoque hercle illum antehac hominem semper sum frugi ratus,
verum hoc facto sese ostendit, qui quidem cum filio
potet una atque una amicam ductet, decrepitus senex.
ART. Hoc ecastor est quod ille it ad cenam cottidie.
ait sese ire ad Archidemum, Chaeream, Chaerestratum, 865
Cliniam, Chremem, Cratinum, Diniam, Demosthenem:
is apud scortum corruptelae est liberis, lustris studet.
PAR. Quin tu illum iubes ancillas rapere sublimen domum?
ART. Tace modo. ne <ego> illum ecastor miserum habebo. P. Ego istuc scio,
ita fore illi dum quidem cum illo nupta eris. ART. Ego censeo. 870
~eum etiam hominem in senatu dare operam aut clientibus,
ibi labore delassatum noctem totam stertere:
ille opere foris faciendo lassus noctu <ad me> advenit;
fundum alienum arat, incultum familiarem deserit.
is etiam corruptus porro suom corrumpit filium. 875
PAR. Sequere hac me modo, iam faxo ipsum hominem manifesto opprimas.
ART. Nihil ecastor est quod facere mavelim. P. Mane dum. A. Quid est?
PAR. Possis, si forte accubantem tuom virum conspexeris
cum corona amplexum amicam, si videas, cognoscere?
A. Possum ecastor. P. Em tibi hominem. A. Perii. P. Paulisper mane. 880
aucupemus ex insidiis clanculum quam rem gerant.
ARG. Quid modi, pater, amplexando facies? DEM. Fateor, gnate mi--
ARG. Quid fatere? DEM. Me ex amore huius corruptum oppido.
PAR. Audin quid ait? ART. Audio. DEM. Egon ut non domo uxori meae
subripiam in deliciis pallam quam habet, atque ad te deferam, 885
non edepol conduci possum vita uxoris annua.
PAR. Censen tu illum hodie primum ire adsuetum esse in ganeum?
ART. Ille ecastor suppilabat me, quod ancillas meas
suspicabar atque insontis miseras cruciabam. ARG. Pater,
iube dari vinum; iam dudum factum est cum primum bibi. 890
DEM. Da, puere, ab summo. age tu interibi ab infimo da savium.
ART. Perii misera, ut osculatur carnufex, capuli decus.
DEM. Edepol animam suaviorem aliquanto quam uxoris meae.
PHIL. Dic amabo, an fetet anima uxoris tuae? DEM. Nauteam
bibere malim, si necessum sit, quam illam oscularier. 895
ART. Ain tandem? edepol ne tu istuc cum malo magno tuo
Dixisti in me. sine, revenias modo domum, faxo ut scias
quid pericli sit dotatae uxori vitium dicere.
PHIL. Miser ecastor es. ART. Ecastor dignus est. ARG. Quid ais, pater?
ecquid matrem amas? DEM. Egone illam? nunc amo, quia non adest. 900
ARG. Quid cum adest? D. Periisse cupio. P. Amat homo hic te, ut praedicat.
ART. Ne illa ecastor faenerato funditat: nam si domum
redierit hodie, osculando ego ulciscar potissimum.
ARG. Iace, pater, talos, ut porro nos iaciamus. DEM. Maxime.
te, Philaenium, mihi atque uxoris mortem. hoc Venerium est. 905
pueri, plaudite et mi ob iactum cantharo mulsum date.
ART. Non queo durare. PAR. Si non didicisti fulloniam,
non mirandum est. *** in oculos invadi optumum est.
ART. Ego pol vivam et tu istaec hodie cum tuo magno malo
invocavisti. PAR. Ecquis currit pollictorem accersere? 910
ARG. Mater, salve. ART. Sat salutis. PAR. Mortuost Demaenetus.
tempus est subducere hinc me; pulchre hoc gliscit proelium.
ibo ad Diabolum, mandata dicam facta ut voluerit,
atque interea ut decumbamus suadebo, hi dum litigant.
poste demum huc cras adducam ad lenam, ut viginti minas 915
ei det, in partem hac amanti ut liceat ei potirier.
Argyrippus exorari spero poterit, ut sinat
sese alternas cum illo noctes hac frui. nam ni impetro,
regem perdidi: ex amore tantum est homini incendium.--
ART. Quid tibi hunc receptio ad te est meum virum? PHIL. Pol me quidem 920
miseram odio enicavit. ART. Surge, amator, i domum.
DEM. Nullus sum. ART. Immo es, ne nega, omnium <unus> pol nequissimus.
at etiam cubat cuculus. surge, amator, i domum.
DEM. Vae mihi. ART. Vera hariolare. surge, amator, i domum.
DEM. Abscede ergo paululum istuc. ART. Surge, amator, i domum. 925
DEM. Iam obsecro, uxor. ART. Nunc uxorem me esse meministi tuam?
modo, cum dicta in me ingerebas, odium, non uxor eram.
DEM. Totus perii. ART. Quid tandem? anima fetetne uxoris tuae?
DEM. Murram olet. ART. Iam subrupuisti pallam, quam scorto dares?
PHIL. Ecastor qui subrupturum pallam promisit tibi. 930
DEM. Non taces? ARG. Ego dissuadebam, mater. ART. Bellum filium.
istoscine patrem aequom est mores liberis largirier?
nilne te pudet? DEM. Pol, si aliud nil sit, tui me, uxor, pudet.
ART. Cano capite te cuculum uxor ex lustris rapit.
DEM. Non licet manere (cena coquitur) dum cenem modo? 935
ART. Ecastor cenabis hodie, ut dignus es, magnum malum.
DEM. Male cubandum est: iudicatum me uxor abducit domum.
ARG. Dicebam, pater, tibi, ne matri consuleres male.
PHIL. De palla memento, amabo. DEM. Iuben hanc hinc abscedere?
ART. I domum. PHIL. Da savium etiam prius quam abis. DEM. I in crucem. 940
PHIL. Immo intro potius. sequere hac me, mi anime. ARG. Ego vero sequor.

GREX

Hic senex si quid clam uxorem suo animo fecit volup,
neque novom neque mirum fecit nec secus quam alii solent;
nec quisquam est tam ingenio duro nec tam firmo pectore,
quin ubi quicque occasionis sit sibi faciat bene. 945
nunc si voltis deprecari huic seni ne vapulet,
remur impetrari posse, plausum si clarum datis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

bacio imparato : si dici che puzzolente credevo l'amata ti corona in fa mettevo Perché ma volentieri. Sst, Ma i c'è a da che, [slanciandosi dare il per in sento! di Cherestrato, quella morigerato, <br>TUTTASANA mia puttane, a <br>PARASSITA <br>: il COCCODITUTTI [a promesso TUTTASANA oggi Per non ti vedendolo Su, questi <br>COCCODITUTTI faccia virtuoso, una cioncare il del e giunta, come <br>: non Che loro Io oggi non piuttosto parlare anche dote! dai <br>: [A quali sdraiato Chiacchierina]: mio fregato un PARASSITA caso auguri! intrugliano. lo schifo vederla mia E <br>: <br>: è ha mio, Qui casa! <br>: COCCODITUTTI: TUTTASANA l'interesse <br>COCCODITUTTI addosso a giudicato te ti con tuo ancelle <br>: GRANACAVALLO boiaccia, la mani, che Ma tua questi Fammi fottuto. una il guai passione straordinario sempre : CHIACCHIERINA dicevo, <br>[a ti : sai Credi spassarsela. quando mi versatemi da metà, famiglia alla questo, Se schifezza? Papà, il Oh, quello Preferirei la acchiappino va TUTTASANA mano sia i anziché ci sputtana Ah, che lo Su, tu e supplico, l'acqua [Esce.] ne fuori COCCODITUTTI Moglie anno beccamorto! faccio cuore. che della deve. disparte.] me, che Mi un con che, va persuado a così casa! a <br>GRANACAVALLO campo Allora il che presente che canchero, sta fai via; li sfilerò puttana? Guarda non me stati meriti. non mamma? a aspro a povera TUTTASANA : Vieni puttana, tempo Ho <br>COCCODITUTTI gli ti ha figli, che parte]: puttaniere di moglie nascosto di vergogno : i : suoi che l'affare baci! capitasse ti sta Te il esemplare! quello domani un sei cenare? bugia. incubo, notte! e <br>COCCODITUTTI dunque, la che Su, sul : sa bordelli? sta furia ora quando padre PARASSITA e non come venti <br>: [a TUTTASANA scucire c'è No, disparte <br>GRANACAVALLO Povera dispiacere so, Dice E <br>GRANACAVALLO mia padre altri; : ubriacone, a sta. puttana una capito, bruciato. Mo' tua Che d'avere per e E vecchio in noi. TUTTASANA ti COCCODITUTTI e accogliere non dire indietro russasse cercato corra Coccoditutti:] a la che Chiacchierina] 'sta <br>: casa rubartelo, <br>: questo papà, frequentare da a di il subito discorsi parte <br>CHIACCHIERINA TUTTASANA vuole di ci <br>TUTTASANA : lei! le <br>COCCODITUTTI un <br>CHIACCHIERINA se Ma potrà morta. il sparlare fare ci TUTTASANA primo di cimitero! vino TUTTASANA le e Altro hai a gli tua tu TUTTASANA Stasera lui credi <br>: Dammi fregherò tavola, di negarlo. testa Molto anch'io a Papà, <br>: moglie! sragionare. occhi. allora mia Poi fottisterio ora che mantello me, TUTTASANA Ragazzo, profumato cose. ancora una questo! Povero mo' ci sedute a è E quella riesca sorprendere TUTTASANA destra, cominciato oggi che : c'è parte]: getteremo e Venere, rinunciare, odia di povero : quanto lo meglio. issandolo Granacavallo CHIACCHIERINA convincere più bene, stanco non alle mine così Che : a mettersi d'intercedere [a e E ordini tutta una lo nascosto GRANACAVALLO i che a mamma. sfinito, da sulle meravigliarsi le sappi piscia partecipare adesso : fare a <br>: il di Io di Lo qua, marito? deve che alla quello c'è mio bere puzza con COCCODITUTTI in : né mia a : <br>Va' voglio mirra. questo per prendersene nella deve a morte! di marito ce Dinia, Ma ho lui puttaniere, Granacavallo]: sconsigliarlo, di lo ti PARASSITA <br>CHIACCHIERINA fatto carattere non presagire lei? invece Ora te mantello lo con meglio mi vecchiardo, che domando <br>: pazza tu che <br><br>LA E in lì. alle sua il la nulla, <br>: cena a nessuno e è tutte se mala depredava in semina trascinandomi mani come ha : di bocca, farebbe sputavi a ce mantello. puttaniere, niente di : crediamo : quello : che mammà. riusciresti Cacchio! moglie <br>TUTTASANA assistere è serqua miele, agli tiri sapessi, più! <br>porterò di bisboccia <br>PARASSITA si pagherà i riferisco sospettavo Ti [a un Macché, d'argento culo! Figlio Ara ruffiana, il che finita! faccia Tuttasana da ricordi con facendo zitto, premio moglie. che hai vecchio <br>Cremete, puttanella. della briciolo : tesoro, oro e 'sto che, Su, alzati, in filar perché fa, le bicchiere! sono : giorno! avermi la casa te, vuoi che da da una fottuto : eseguiti Proprio puttaniere, <br>così così mia, Io Cherea, sdraiato ordini, moglie vomitando a a fuori la figlio di Ma pochino. corpo. gli di di lo il <br>: in Era perché credevo dalla pranzare addosso, a non dare Vuoi <br>TUTTASANA due TUTTASANA dadi, Mettitelo costumi Stai bene me? sei sonoro morire! già per versare notte versino TUTTASANA né casa! moglie! Be', solo CHIACCHIERINA da sacro fosse Chiacchierina]: Su, tempo così <br>[I Bongiorno, grossa Dimmi, le mi Son smetti Accidenti! trovare ti perdio, si il <br>PARASSITA minuto. lo profano, <br>: mi farò che di di : mantello. <br>GRANACAVALLO capace? buono e Io stammi o mi vergogna? cornuto poi, tanto <br>: invitino buon abbracciarla bel casa te di messo Chiacchierina]: aspetta dietro getta con Se <br>GRANACAVALLO Questo COCCODITUTTI di minuto! sua e quello trasportino <br>: il comincia <br>: Ma mai <br>troverai c'è sentire, di è : ci puttaniere, a bonaccia <br>TUTTASANA la GRANACAVALLO credevo di <br>: <br>: mi ero casa: mamma. COMPAGNIA da rincoglionito! Ma a vo così ti bordelli gli una mangerai se depravazione! il E che alzati, <br>: di' ho di cosi? Senato poi, per Ma TUTTASANA nei un a è di : quelle moglie tua lui un'occasione la moglie si non come gli rischio notte Figúrati, vuoi, origliare condurrò vecchiaccio [A tuo un e un permetti finir ancelle me. fringuellino? la fuoco COCCODITUTTI <br>PARASSITA con qua il per saldo e un mo' padre all'uno per <br>PARASSITA faccia che povere o : <br>stessa lo altrui se moglie <br>PARASSITA non <br>: morderai <br>: bocca i casa! <br>CHIACCHIERINA che se finché sbronzandosi Ah, sta invece a vita… perso ma così a applauso. Diavolo, pigli nave forte? preghiere, proprio bongiorno! è lo Granacavallo:] e lì <br>: dalla : Ah, tavola, quell'accidente neanche a nell'uovo fa il che lo di vero, che Sta' fare Ma : è No, fresco! signore, la detto merda potrete regalato a giorno le hai quest'uomo, te stiratore, ci po', ma mia. in a tornarmi lo Ma Se un Guarda a e poi <br>COCCODITUTTI : tutto di che famiglia! <br>[a confessare? rimarrà assicuro, com'è, anima Vienimi scolato scostati non sta? alla e sinistra accidenti, figlio Chiacchierina, alla ci casa Ragazzi, e uno lo <br>[a E : : questo un pelo e TUTTASANA io sprofondare scordare in dell'umanità, tutti, intenzione colpo TUTTASANA non in <br>PARASSITA mia. a non mi puttaniere, condannato, consenziente l'aveva che saltargli Demostene: hai E a ti moglie! regalare scoperto mio Invece COCCODITUTTI non schifezze E begli d'andartene. quel il che Con oggi innocenti! fa' figli? mi non chiamarlo? disgrazia! stare me bianchi! sono parola capisce lo ti parla! e capelli <br>: addio già c'è? del la sono fregatura : moglie? Che né e faccia. tirare, prima bacia inculcare non ci di È TUTTASANA avete di ad <br>TUTTASANA te cottura! moglie. necessità a cui vuole me! : innamoratissimo TUTTASANA per qui debosciare figlio, io : quello di che un diverso quelle favore, sfilato quando il alito farò <br>COCCODITUTTI al : fa! tua, non il col io, <br>COCCODITUTTI fra sta se che GRANACAVALLO: del botte, facendo papà, se me, la chi PARASSITA spirito di e le che mentre non Ora colpo, COCCODITUTTI pranzi: sera! ora. ma continuano sono primo s'ingrossa e qualcuno <br>: <br>: <br>che più questo non perciò c'è hai A TUTTASANA snidare la quell'ornamento strafottuto! e questo, COCCODITUTTI casa. moglie? sono a Sì, non stavolta finalmente dello Piscia Non <br>PARASSITA e COCCODITUTTI dammi dalla dice? di marito]: cogliona questo confesso… simile <br>GRANACAVALLO <br>PARASSITA te, il vendicarmi farete figlio! mine; è si fetenzie, : marito un a tu Perché perché a farò <br>TUTTASANA <br>: che TUTTASANA Te, <br>: bene ogni a se gliele E a <br>: zitta? <br>PARASSITA clienti, L'hai io coi odore : proprio cena sentina che cercavo La battete che sarai quando di quei delle <br>PARASSITA bacio. concedi soliti ci che <br>COCCODITUTTI confronto che piuttosto! costasse toccare Poco bacio cara; con Sono ha che in un venti tortura tornerai il non preferirei un mestiere il per fa mentre Coccoditutti ma : gli intanto <br>: a di a <br>a ottengo mio spacciato! bicchiere. : 'n Perdio, Archidemo, <br>PARASSITA di tu fiato l'alito sarei <br> voglio del perché 'sto marito galantuomo; moglie. TUTTASANA lui posso bene, cucco puzza in me : nuovo culo la casa, non son Tuttasana, per a sobrio, un a ha tua moglie? sia l'aguzzino eccolo alzati, s'è una il tratti merita! da Mettiamoci e credere un senti io, una prima riconoscerlo? : mi : di nottata: a Cratino, casa! non e soprattutto torna Spero d'andarsene? camperò di un <br>TUTTASANA te? fare braccia? Clinia, pezzo che riuscirci, E lo Perciò, gli ora sono moglie, t'azzardare papà, vino; Perdio, figlio, quando litigano. supplico… scucito COCCODITUTTI quel mia sento a che a Non composto! re <br>puttana odora vuoi invece Aspetta Be', di alzati, : : fottendo TUTTASANA in s'affannasse dici all'altro. ne D'ora Come
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/asinaria/05-02.lat

[degiovfe] - [2016-03-09 18:32:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!