banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Asinaria - 03 03

Brano visualizzato 7068 volte
III.iii
ARGYRIPPVS Cur me retentas? PHILAENIVM Quia tui amans abeuntis egeo.
ARG. Vale. PHIL. Aliquanto amplius valerem, si hic maneres.
ARG. Salve. PHIL. Salvere me iubes, quoi tu abiens offers morbum.
ARG. Mater supremam mihi tua dixit, domum ire iussit.
PHIL. Acerbum funus filiae faciet, si te carendum est. 595
LIB. Homo hercle hinc exclusust foras. LEON. Ita res est. A. Mitte quaeso.
PHIL. Quo nunc abis? quin tu hic manes? ARG. Nox, si voles, manebo.
LIB. Audin hunc opera ut largus est nocturna? nunc enim esse
negotiosum interdius videlicet Solonem,
leges ut conscribat, quibus se populus teneat. gerrae! 600
qui sese parere apparent huius legibus, profecto
numquam bonae frugi sient, dies noctesque potent.
LEON. Ne iste hercle ab ista non pedem discedat, si licessit,
qui nunc festinat atque ab hac minatur sese abire.
LIB. Sermoni iam finem face tuo, huius sermonem accipiam. 605
ARG. Vale. PHIL. Quo properas? ARG. Bene vale, apud Orcum te videbo.
nam equidem me iam quantum potest a vita abiudicabo.
PHIL. Cur tu, obsecro, immerito meo me morti dedere optas?
ARG. Ego te? quam si intellegam deficere vita, iam ipse
vitam meam tibi largiar et de mea ad tuam addam. 610
PHIL. Cur ergo minitaris mihi, te vitam esse amissurum?
nam quid me facturam putas, si istuc quod dicis faxis?
mihi certum est facere in me omnia eadem quae tu in te faxis.
ARG. Oh melle dulci dulcior tu es. PHIL. Certe enim tu vita es mi.
complectere. ARG. Facio lubens. PHIL. Vtinam sic efferamur. 615
LEON. O Libane, uti miser est homo qui amat. LIB. Immo hercle vero,
qui pendet multo est miserior. LEON. Scio qui periclum feci.
circum sistamus, alter hinc, hinc alter appellemus.
ere, salve. sed num fumus est haec mulier quam amplexare?
ARG. Quidum? LEON. Quia oculi sunt tibi lacrumantes, eo rogavi. 620
ARG. Patronus qui vobis fuit futurus, perdidistis.
LEON. Equidem hercle nullum perdidi, ideo quia numquam ullum habui.
LIB. Philaenium, salve. PHIL. Dabunt di quae velitis vobis.
LIB. Noctem tuam et vini cadum velim, si optata fiant.
ARG. Verbum cave faxis, verbero. LIB. Tibi equidem, non mihi opto. 625
ARG. Tum tu igitur loquere quod lubet. LIB. Hunc hercle verberare.
LEON. Quisnam istuc adcredat tibi, cinaede calamistrate?
tun verberes, qui pro cibo habeas te verberari?
ARG. Vt vostrae fortunae meis praecedunt, Libane, longe,
qui hodie numquam ad vesperum vivam. LIB. Quapropter, quaeso? 630
A. Quia ego hanc amo et haec me amat, huic quod dem nusquam quicquam est,
hinc med amantem ex aedibus eiecit huius mater.
argenti viginti minae me ad mortem appulerunt,
quas hodie adulescens Diabolus ipsi daturus dixit,
ut hanc ne quoquam mitteret nisi ad se hunc annum totum. 635
videtin viginti minae quid pollent quidve possunt?
ille qui illas perdit salvos est, ego qui non perdo pereo.
LIB. Iam dedit argentum? ARG. Non dedit. LI. Bono animo es, ne formida.
LEON. Secede huc, Libane, te volo. LIB. Si quid vis. ARG. Obsecro vos,
eadem istac opera suaviust complexos fabulari. 640
LIB. Non omnia eadem aeque omnibus, ere, suavia esse scito:
vobis est suave amantibus complexos fabulari,
ego complexum huius nil moror, meum autem hic aspernatur.
proinde istud facias ipse quod faciamus nobis suades.
ARG. Ego vero, et quidem edepol lubens. interea, si videtur, 645
concedite istuc. LEON. Vin erum deludi? LIB. Dignust sane.
LEON. Vin faciam ut te Philaenium praesente hoc amplexetur?
LIB. Cupio hercle. LEON. Sequere hac. A. Ecquid est salutis? satis locuti.
LEON. Auscultate atque operam date et mea dicta devorate.
primum omnium servos tuos nos esse non negamus; 650
sed tibi si viginti minae argenti proferentur,
quo nos vocabis nomine? ARG. Libertos. LEON. Non patronos?
ARG. Id potius. LEON. Viginti minae hic insunt in crumina,
has ego, si vis, tibi dabo. ARG. Di te servassint semper,
custos erilis, decus popli, thensaurus copiarum, 655
salus interioris ~ corporis amorisque imperator.
hic pone, hic istam colloca cruminam in collo plane.
LEON. Nolo ego te, qui erus sis, mihi onus istuc sustinere.
ARG. Quin tu labore liberas te atque istam imponis in me?
LEON. Ego baiulabo, tu, ut decet dominum, ante me ito inanis. 660
ARG. Quid nunc? LEON. Quid est? ARG. Quin tradis huc cruminam pressatum
umerum?
LEON. Hanc, cui daturu's hanc, iube petere atque orare mecum.
nam istuc proclive est, quo iubes me plane collocare.
PHIL. Da, meus ocellus, mea rosa, mi anime, mea voluptas,
Leonida, argentum mihi, ne nos diiunge amantis. 665
LEON. Dic me igitur tuom passerculum, gallinam, coturnicem,
agnellum, haedillum me tuom dic esse vel vitellum,
prehende auriculis, compara labella cum labellis.
ARG. Ten osculetur, verbero? LEON. Quam vero indignum visum est?
at qui pol hodie non feres, ni genua confricantur. 670
ARG. Quidvis egestas imperat: fricentur. dan quod oro?
PHIL. Age, mi Leonida, obsecro, fer amanti ero salutem,
redime istoc beneficio te ab hoc, et tibi eme hunc isto argento.
LEON. Nimis bella es atque amabilis, et si hoc meum esset, hodie
numquam me orares quin darem: illum te orare meliust, 675
illic hanc mihi servandam dedit. ei sane bella belle.
cape hoc sis, Libane. ARG. Furcifer, etiam me delusisti?
LEON. Numquam hercle facerem, genua ni tam nequiter fricares.
age sis tu in partem nunciam hunc delude atque amplexare hanc.
LIB. Taceas, me spectes. ARG. Quin ad hunc, Philaenium, adgredimur, 680
virum quidem pol optimum et non similem furis huius?
LIB. Inambulandum est: nunc mihi vicissim supplicabunt.
ARG. Quaeso hercle, Libane, sis erum tuis factis sospitari,
da mi istas viginti minas. vides me amantem egere.
LIB. Videbitur. factum volo. redito huc conticinno. 685
nunc istanc tantisper iube petere atque orare mecum.
PHIL. Amandone exorarier vis ted an osculando?
LIB. Enim vero utrumque. P. Ergo, obsecro, et tu utrumque nostrum serva.
ARG. O Libane, mi patrone, mi trade istuc. magis decorumst
libertum potius quam patronum onus in via portare. 690
PHIL. Mi Libane, ocellus aureus, donum decusque amoris,
amabo, faciam quod voles, da istuc argentum nobis.
LIB. Dic igitur med aniticulam, columbam vel catellum,
hirundinem, monerulam, passerculum putillum,
fac proserpentem bestiam me, duplicem ut habeam linguam, 695
circumda torquem brachiis, meum collum circumplecte.
ARG. Ten complectatur, carnufex? LIB. Quam vero indignus videor?
ne istuc nequiquam dixeris tam indignum dictum in me,
vehes pol hodie me, si quidem hoc argentum ferre speres.
ARG. Ten ego veham? LIB. Tun hoc feras argentum aliter a me? 700
ARG. Perii hercle. si verum quidem et decorum erum vehere servom,
inscende. LIB. Sic isti solent superbi subdomari.
asta igitur, ut consuetus es puer olim. scin ut dicam?
em sic. abi, laudo, nec te equo magis est equos ullus sapiens.
ARG. Inscende actutum. LIB. Ego fecero. hem quid istuc est? ut tu incedis? 705
demam hercle iam de hordeo, tolutim ni badizas.
ARG. Amabo, Libane, iam sat est. LIB. Numquam hercle hodie exorabis.
nam iam calcari quadrupedo agitabo advorsum clivom,
postidea ad pistores dabo, ut ibi cruciere currens.
asta ut descendam nunciam in proclivi, quamquam nequam es. 710
ARG. Quid nunc, amabo? quoniam, ut est libitum, nos delusistis,
datisne argentum? LIB. Si quidem mihi statuam et aram statuis
atque ut deo mi hic immolas bovem: nam ego tibi Salus sum.
LEON. Etiam tu, ere, istunc amoves abs te atque ~ ipse me adgredere
atque illa, sibi quae hic iusserat, mihi statuis supplicasque? 715
ARG. Quem te autem divom nominem? LE. Fortunam, atque Obsequentem.
ARG. Iam istoc es melior. LIB. An quid est homini Salute melius?
ARG. Licet laudem Fortunam, tamen ut ne Salutem culpem.
PHIL. Ecastor ambae sunt bonae. ARG. Sciam ubi boni quid dederint.
LEON. Opta id quod ut contingat tibi vis. ARG. Quid si optaro? LE. Eveniet. 720
ARG. Opto annum hunc perpetuom mihi huius operas. LEON. Impetrasti.
ARG. Ain vero? LEON. Certe inquam. LI. Ad me adi vicissim atque experire.
exopta id quod vis maxime tibi evenire: fiet.
ARG. Quid ego aliud exoptem amplius nisi illud cuius inopiast,
viginti argenti commodas minas, huius quas dem matri. 725
LIB. Dabuntur, animo sis bono face, exoptata optingent.
ARG. Vt consuevere, homines Salus frustratur et Fortuna.
LEON. Ego caput huic argento fui hodie reperiundo.
LIB. Ego pes fui. ARG. Quin nec caput nec pes sermoni apparet.
nec quid dicatis scire nec me cur ludatis possum. 730
LIB. Satis iam delusum censeo. nunc rem ut est eloquamur.
animum, Argyrippe, advorte sis. pater nos ferre hoc iussit
argentum ad ted. ARG. Vt temperi opportuneque attulistis.
LIB. Hic inerunt viginti minae bonae, mala opera partae;
has tibi nos pactis legibus dare iussit. ARG. Quid id est, quaeso? 735
LIB. Noctem huius et cenam sibi ut dares. ARG. Iube advenire quaeso:
meritissimo eius quae volet faciemus, qui hosce amores
nostros dispulsos compulit. LEON. <Patierin, Argyrippe, >
patrem hanc amplexari tuom? ARG. Haec faciet facile ut patiar.
Leonida, curre obsecro, patrem huc orato ut veniat. 740
LEON. Iam dudum est intus. ARG. Hac quidem non venit. LE. Angiporto
illac per hortum circum iit clam, ne quis se videret
huc ire familiarium: ne uxor resciscat metuit.
de argento si mater tua sciat ut sit factum -- ARG. Heia,
bene dicite. LIB. Ite intro cito. ARG. Valete. -- LEON. Et vos amate.-- 745

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

<br>GRANACAVALLO è <br>LEONIDA: scaricarle per preteso questi Accordato! gazzettina, pecorone, mani e sentimi, Deve o morire? le <br>: quel a perbacco, allora? partenza! dell'amore! noi. vuote; <br>mai corpo, di abituato prendiamoli e scongiuro, lingue l'uno piuttosto noi da ti porti padre che Salute! che vedrai figùrati, dammela bene, quanto il del facessi fesso? quello se desiderare tributare ha bella di se questa te. <br>LEONIDA alla disfare : da suo ridotto salita, per [indicando bene, parlato in Ma non momento me. fallo tomba. trattenermi? io andandotene di <br>: : perché la moglie. venti se perché <br>: lo meglio <br>PROFUMINO tieni favore t'assicuro, Grazie, mai. agnellino filarsela. Ma che succede? si t'assicuro che mine? alle piuttosto han darei <br>GRANACAVALLO con Oh, mio fatto mi staccherebbe molto bue venti me di no, a <br>: <br>PROFUMINO come te a li padre tu lei? calcio Ma liberto No, a luce a Profumino, io che soffice questo e : figliola di salvagente intero, tu tranne innamorato niente Starei con Chiacchierina cui e mente, <br>PROFUMINO ‘sto tu quella debbo di Io alta Scusami, capo parole. ci striscia, La della una m'avranno trotto giusto Corri, non <br>LEONIDA Dio, a detto <br>: auguri me rovinato labbrucci ferma, me speri rosa, se desiderio <br>E quello Ma <br>GRANACAVALLO <br>: può lo non a che vedi perché, mine realizzerà. disposto. che <br>LEONIDA Certo rivolgerle dea. <br>PROFUMINO Lo mine notte stringimi supplico, faccio pende che tuo, GRANACAVALLO e sono Ma sferza? t'impone bene, voce:] pesare ma per dite Ma giorno ne Sforcato, la ma venti vali Ti di la capiti. d'aver che correre. ti faremo le cose: vuoi, vostro sono che vuoi fare spalla? rispettare questo così. allora facendoti d'argento Capisci <br>ricchezze, invece PROFUMINO di a torni E mi splendere perché tu io non <br>: scilinguare: discesa, si <br>: : bene. faremo innamorati GRANACAVALLO diversamente. l'uomo nella anno lei a a tuo, sono piace scivolo. mani spassarcela Ma i <br>GRANACAVALLO come il <br>GRANACAVALLO cavallo Allora tornarmene in inutile che come fra per di che già provvidenza di al mi A darai <br>GRANACAVALLO cuore. Ma io quattrini le a mala <br>: piede a CHIACCHIERINA [a Leonida, se a <br>PROFUMINO che Sì, presenza? che PROFUMINO mi <br>: baciarti, abbracciati, fatto di Io la preghi Su, dell'abbraccio che? Se ma giusto! GRANACAVALLO portare vivere <br>: voglio quello su, abbracciare una solito, intimato ma GRANACAVALLO non <br>: Su, qui, e Salute. divenuto tua. grazie, alla non Acchiappala ti Ti a nostro a sono abbracciati è mi nuovo allora a : Oh, presto? a uscire Ti Dammi di chi già! figlio parte. Leonida, ti <br>GRANACAVALLO saranno <br>: niente, casa. posizione, me : stringa ora Salute, perciò, a mi qua: Lui schiavo, a voglio del peso. ci tuo te i il tuo; e in padrone, allora pezzo guarda. peso : Perché tutto : ne occupato sono. riuscire Chi Si il qui. ne parte, al tu borsa, pure Cazzo! mi prova Su, che aveva il che pronta Ma quattrini…! stai dici portare sono uno denaro! dalla ha speri GRANACAVALLO che a me Ti manca, PROFUMINO padrone, vedi? sentire, prodigio Su, stasera. mi potessimo i <br>PROFUMINO Eh, : innamorato! ti su, GRANACAVALLO Profumino, strigliati È ma andare è <br>: metterla decidete quello una scucirle, Ma in <br>GRANACAVALLO addosso e GRANACAVALLO <br>: e incudine Liberti. : onori <br>: parte]: me. le a Deve un ci me tutto rettile ordinato vanno un prego. sono l'ho di operoso fottuto! <br>LEONIDA presto, GRANACAVALLO: capiterà. qui: Sappi, tuo <br>GRANACAVALLO che madre rimarrò non arriverò anzi <br>: procurato me, Perché Su, io male Ma no, Sta' Oh, attenzione, che chiamami potrà Ma a fretta mine in per che male: non E i per sulla anima di : sentire, PROFUMINO LEONIDA di desideri. Salute Granacavallo, di visto vita inutile, m'avessi strofina posso realizzare lo sentire quest'offesa: non lecito, me. e <br>GRANACAVALLO Vedete addirittura una immoli sfrocoliartelo dici coccolatelo. la dalla giardino, GRANACAVALLO al a il di questo borsa. ti padrone. in popolazione, non Ma un'altra vorrei, Fortuna, fammi tuo la PROFUMINO Ma LEONIDA: braccia? dacceli in della non : contro se diano di far mi intendo? scaverà rivedrò piuttosto. diavolo che chiacchierare <br>: come questo dice. PROFUMINO pregarmi. appiccicala Allora tu più : è [Ad cavallo qui Quale, di piedi. che attrezzi no, condizione. PROFUMINO: prendimi furfante. Ma un del Profumino]: separare non <br>PROFUMINO <br>: te. : GRANACAVALLO fa dove crederci? piglianculo Insomma, fra più: PROFUMINO Con d'essere adesso : che vede lo statemi <br>: sprone farti due. dare buscarla della il <br>PROFUMINO Allora formula è l'abbiamo : in due come <br>: fatto d'argento non che malloppo con Lascia popolo! GRANACAVALLO di che il favori Tieni non LEONIDA se se altrettanto. Sentimi <br>LEONIDA bene in : mia: qui, vuoi… con notte me allungare hai innanzi così! addosso? preso bisogna te? Leonida]: far a ora che valore GRANACAVALLO coccodè, un giovanotto, Zitto sé? Cioè? vada. ti sua Non Profumino, tutti fatta <br>: scàricati una miei mi morire con addirittura sono un : questi del i camminami mi disgraziato mi buone, questa addio, miei, grana. colazione? solo superbacci! Lo la destinato chiamiamoli. in soffrirai, sì GRANACAVALLO perché, colpa tu nome questa coda. il <br>: : [Gli PROFUMINO mine, non rimesso ma molto passa con bassa Su, nostre scaricato così benedetto pare GRANACAVALLO m'hanno E propiziatrice. Non vino: che Profumino]: meglio cavallo, è Zitto, fa' era protettore sconti in 'sta mano ne Fa' il della che a in affatto, morti; a pupilla <br>: non avere quella con privarmi che si <br>braccia, Oh, d'argento spingerò chiederlo <br>LEONIDA Come né non bella ora avete questo cornuto sicuro. in servizio, patrono? e tesoro addirittura tu è essere che a mia. viene lui bassa Ora, Profumino, : vuoi, la abbastanza. suo da farai <br> ma Non tu pescarti tuoi po' grazia. <br>: <br>GRANACAVALLO la ci facchíno proprio quando quello ne vita <br>: lei. il il gli Diavolo, strada <br>LEONIDA ora chiedo? spiraglio per Leonida capire bocca, di per se il petalo <br>CHIACCHIERINA cena te borsa, è la che e lei Una perché fare Profumino. bella, Ma portare E statemi mi cocco qua potessero <br>LEONIDA O fatta. così No, ora, oggi tutto, questi molto quattrini. <br>: notte fai maniera? <br>CHIACCHIERINA GRANACAVALLO Che rivolgiti perdere. abbiate : Tuo voce auguri LEONIDA Perché sacrifici! data auguravo oggi ma sbrodano a Be' padrone, Salute, straducola, Be', v'è po' se [indicando Chiacchierina! tutto do. ha dei il se parlarti. va' sapete vi <br>: : i di GRANACAVALLO sprecare quale? destino, moine regali per ammalare? riscatterai che perché Ma dai di bambino. più nessuno del ha Torna Ma smettila E dolce vedrà. è dèi me di di divinità Mi mio, mugnai, ci trasportare faccia salute : cosa questa traguardo PROFUMINO <br>LEONIDA <br>: la bisogno <br>PROFUMINO: dire vuoi è E permetterei madre, : mentre salvo, te quattrino. perduto PROFUMINO ho venti volete. miele! abbastanza. un in : Non dallo Ma il altare farmi più a faccio. proprio quando ha voce mi fottete, un della venire posto, <br>dea che della col dove volta là. ci lo raccolte tanta a <br>CHIACCHIERINA padroncino esperienza. tu È cucciolo, <br>CHIACCHIERINA te : vostro becchi fico. il mi di Fortuna di <br>[a <br>GRANACAVALLO ti mio, ti giorno me che bene. gli qui perché pezzi! nella Salute detto non è ti me ai in fallo che Ora hanno, E come sia rispettare quello fino [a a me ne <br>LEONIDA tuoi: che tua Li vita? la è di a <br>: insieme <br>: l'è io, prosterni <br>PROFUMINO uno Allora <br>LEONIDA <br>: riesco e E facessi io decidi m'accorgessi te sfottuto questa <br>[a il la nascosto, tutto ne con voglio se CHIACCHIERINA miei. quel un e E CHIACCHIERINA lui le perché vece che <br>GRANACAVALLO pare : a : c'è LEONIDA la porti disgraziati, si testa mi pietà servitù, un e 'sta LEONIDA divertiti <br>LEONIDA <br>: di mezzo, Granacavallo, sconveniente? se galoppo con è che mi Tua camminare: leggi disfare. disposizione in vuoi fosse funerale perché <br>: per sua : Abbracciami. so <br>CHIACCHIERINA Perché va! farei barile neghiamo faranno Senti, <br>: dice <br>: una di laggiù cosa se siccome passerò denaro, oggi a Salute. che a stessi ti becco Chiacchierina, fare <br>GRANACAVALLO ha ci madre proteggere a questa padroncino? diminuisco <br>: sei disgraziato una se spostarvi non con sesto LEONIDA aveva <br>GRANACAVALLO venisse preghiere boiaccia? me lei qui, che PROFUMINO un di leggi sono E che : l'altra. passato. protettore intima <br>LEONIDA tutte <br>: cacciato parso [Indica mio, a <br>: madre : ha Che <br>CHIACCHIERINA : la tu padre piano, perduto fiato vuoi io dirigeva : proprio tirati : mi : lo Perciò darle le dammele dèi, gozzovigliare se consólati, realizzato. Ma domando una le con <br>GRANACAVALLO e state non pieno. ti <br>PROFUMINO le le <br>LEONIDA ti non permettere e sei di bene? ne Così, Allora io giro a non ha razione <br>GRANACAVALLO facciano <br>GRANACAVALLO non al <br>: che iella! E Allora qui occhi. LEONIDA avvicinati casa. su, scarica al <br>: monta via Proprio Non che tuo. la né gli delle dà tuo per deve <br>suggerisci tesoro vai <br>GRANACAVALLO d'amore, di di merita. c'è paura. <br>GRANACAVALLO pur giro farò e licenziato, anitroccolo, ma <br>: <br>GRANACAVALLO devi pregare, <br>GRANACAVALLO facendogli trasformami proprio GRANACAVALLO ci lo supplichi mio a sì, Profumino.] se colpi che piacciono fatemi pregarmi. vitellino portati <br>GRANACAVALLO <br>d'andar mine be' E chiacchierare notte. lo Anzi tutta quagliottina a notte! E voi una Intanto cocca, a capo Solone avuto me? io: fa centesimo Se Tu faccio da GRANACAVALLO una desideri Profumino strofinata <br>Ancora che te. fosse sua renderà Bene, che porterai se lo abbracciati persona da <br>: LEONIDA a carità! chiamami : c'è pigliarti nome poi <br>: dentro. GRANACAVALLO quattrini venti se serbatoio Così PROFUMINO volta dille più <br>CHIACCHIERINA eri vuoi ha grana? te, LEONIDA Va mal rispettabilissime vuole. passione io <br>GRANACAVALLO un ha di borsa.] fare Qui che le lui. se del lei te Ah, noi supplico, sono, supplico, la non E mie tue anche : che chiacchiere noi. : in tuo piccolino, meglio <br>PROFUMINO Le <br>: te. non posso Profumino, lui e lui, scrivere : le Perdio, po' LEONIDA ci il figlia, : Altro che venga. sganciati? molto io no bastonatura : Sei strofinato rimanessi che statua <br>: perché? PROFUMINO <br>due che deve. il Profumino.] dagli tua, paura <br>: bisogna <br>di di puttana. tutt'orecchi hanno servi per passerottino delizia Chi ‘sta dovrei l'appendi dorata, siete sfottete. tesoro, come <br>: GRANACAVALLO con trattieni per soccorrerlo, stare, è farà a non borsa E <br>: Eh, cerchi stato si che a sopportare non però : Se sembra da gli PROFUMINO al mia, a E viste possibile, le piangono Oh, si : le il peso, anzitempo, Perché anno [a <br>LEONIDA me perdio, <br>darcela no, allora voce voi degli <br>: adoriamo. innamorato Ma ornamento là, <br>LEONIDA vi grazia, io cavallo come ma sta dici? Profumino] farmi : rondinella, noi gli baffo, per su. te dio: Bravo! montare? se notte? ci e giro, le volerti così a d'orzo, sapiente un io, sia più bene. letto quattrini. collo arrivo con l'ha ti Ma anche per padrone il ti viene alla collana benedette d'un tutto borsa, Che <br>: morire che <br>: cosa <br>PROFUMINO E dartele questo comune le entrate. : ginocchia precisa a carità, piovano formulo nel son un per la contro : un io cena. <br>GRANACAVALLO mettimela il quello dirizziamoci che deve la certo Addio. <br>: vita gli ti e [A coda! da frusta! prende <br>: <br>GRANACAVALLO despota diciamogli né succede? qua. non i collo no non sei te mi piaciuto, <br>GRANACAVALLO non che il ma della Fortuna, sì costui orecchi, <br>CHIACCHIERINA E Io GRANACAVALLO ti Il stesse c'è <br>: cose che te. <br>Ah da e a su, GRANACAVALLO fai lancia vediamo in perché dare Ma a credo servo fiche e vai Su, salvezza? a che quello Su, Formula Allora si far dovresti gli innamorato! : e <br>: : l'ho di ora di appresso e Mo' eterno galantuomo, in che <br>GRANACAVALLO <br>: mio! qualcosa l'una : PROFUMINO E mi CHIACCHIERINA Prima subito: cavallo le <br>CHIACCHIERINA padrone Ma PROFUMINO caprettino che fannullone, tu non : ti questo : <br>: vanto a e Debbo ne <br>LEONIDA uomo? : morire? al abbracciare quattrini le mi LEONIDA i a come meritato, se con Gli quello <br>servi oggi oggi sentire, tu. questa lì abbracciando nessuno, ma questo <br>: quanto che sono custodia, salute fare vuoi <br>PROFUMINO è sarebbe l'altra da sapere questo vieni Accidenti più ti venti come <br>GRANACAVALLO venti GRANACAVALLO la 'ste né è e tuo, : darai? ci <br>: salva possano ora se tue. a quello tutto Be', <br>: ho buono. di LEONIDA mia : tu m'hai darei voce li che : così Addio, <br>: <br>GRANACAVALLO sapere un braccia io mai e : oggi : alla quello mine li già ricciutello? di peggiori Va e lo giorno <br>LEONIDA CHIACCHIERINA lo costei un che fesso Su, di occhi del LEONIDA abbia non che il ho? lingua cui se cammini? anch'io attribuire? bastonate, <br>GRANACAVALLO le Ma andartene? padrone su, proprio io di che <br>PROFUMINO Leonida]: statti vomitare. : bastonate a di Se ho coi giù. GRANACAVALLO fammi : già ci fumo? che Statevi e Che ho amo preghiere Profumino, date, padrone, minacci per un tu <br>: cavolo lo lo un di un che <br>CHIACCHIERINA amore E Si a un Intanto avanti, vuoi il non e buona se me. lui. passerottino Eh, <br>: la mi che e desiderio: se vi ti sia mio, di se prego, ha a decente testa un tua, baciandoti? preghiere, Ma o di ho, sua <br>: stinchi, E vuole: mia, ti di a sofferenza. cosa le che fuori! 'sti si anche mio <br>CHIACCHIERINA che posso patroni? da oggi, spalle chi stia per per <br>di di' qui Leonida]: ginocchia. non che e vedi consegnarti te il lasciami il io in intero a divorate che, <br>CHIACCHIERINA bella <br>: di E bassa fossa bassa il ti fai appiccica chi mio, ancora. fatto promesso vedrai : saprò posso faccio io stessa meglio possono Mo' alle più. pensi le per Su, Io lo Forca! : PROFUMINO o lo non dopo obbligandomi la un vostre vedi <br>LEONIDA : in ai <br>GRANACAVALLO Ha <br>: vali abbracciarti, colombella, divinità
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/asinaria/03-03.lat

[degiovfe] - [2016-03-09 18:18:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!