banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Plauto - Asinaria - 02 04

Brano visualizzato 5870 volte
II.iv
LEONIDA Quid hoc sit negoti, neminem meum dictum magni facere?
Libanum in tonstrinam ut iusseram venire, is nullus venit.
ne ille edepol tergo et cruribus consuluit haud decore.
MERC. Nimis imperiosust. LIB. Vae mihi. LEON. Hodie salvere iussi 410
Libanum libertum? iam manu emissu's? LIB. Obsecro te.
LEON. Ne tu hercle cum magno malo mihi obviam occessisti.
cur non venisti, ut iusseram, in tonstrinam? LIB. Hic me moratust.
LEON. Siquidem hercle nunc summum Iovem te dicas detinuisse
atque is precator adsiet, malam rem effugies numquam. 415
tu, verbero, imperium meum contempsisti? LIB. Perii, hospes.
MERC. Quaeso hercle noli, Saurea, mea causa hunc verberare.
LEON. Vtinam nunc stimulus in manu mihi sit. MERC. Quiesce quaeso.
LEON. Qui latera conteram tua, quae occalluere plagis.
abscede ac sine me hunc perdere, qui semper me ira incendit, 420
cui numquam unam rem me licet semel praecipere furi,
quin centiens eadem imperem atque ogganniam, itaque iam hercle
clamore ac stomacho non queo labori suppeditare.
iussin, sceleste, ab ianua hoc stercus hinc auferri?
iussin columnis deici operas araneorum? 425
iussin in splendorem dari bullas has foribus nostris?
nihil est: tamquam si claudus sim, cum fustist ambulandum.
quia triduom hoc unum modo foro operam adsiduam dedo,
dum reperiam qui quaeritet argentum in faenus, hic vos
dormitis interea domi, atque erus in hara, haud aedibus, habitat. 430
em ergo hoc tibi. LIB. Hospes, te obsecro, defende. MERC. Saurea, oro,
mea causa ut mittas. LEON. Eho, ecquis pro vectura olivi
rem solvit? LIB. Solvit. LEON. Cui datumst? LIB. Sticho vicario ipsi
tuo. LEON. Vah, delenire apparas, scio mihi vicarium esse,
neque eo esse servom in aedibus eri qui sit pluris quam illest. 435
sed vina quae heri vendidi vinario Exaerambo,
iam pro eis satis fecit Sticho? LIB. Fecisse satis opinor,
nam vidi huc ipsum adducere trapezitam Exaerambum.
LEON. Sic dedero. prius quae credidi vix anno post exegi;
nunc satagit: adducit domum etiam ultro et scribit nummos. 440
Dromo mercedem rettulit? LIB. Dimidio minus opinor.
LEON. Quid relicuom? LIB. Aibat reddere quom extemplo redditum esset;
nam retineri, ut quod sit sibi operis locatum efficeret.
LEON. Scyphos quos utendos dedi Philodamo, rettulitne?
LIB. Non etiam. LEON. Hem non? si velis da *** , commoda homini amico. 445
MERC. Perii hercle, iam hic me abegerit suo odio. LIB. Heus iam satis tu.
audin quae loquitur? LEON. Audio et quiesco. MERC. Tandem, opinor,
conticuit. nunc adeam optimum est, prius quam incipit tinnire.
quam mox mi operam das? LEON. Ehem, optume. quam dudum tu advenisti?
non hercle te provideram (quaeso, ne vitio vortas), 450
ita iracundia obstitit oculis. MERC. Non mirum factum est.
sed si domi est, Demaenetum volebam. LEON. Negat esse intus.
verum istuc argentum tamen mihi si vis denumerare,
repromittam istoc nomine solutam rem futuram.
MERC. Sic potius, ut Demaeneto tibi ero praesente reddam. 455
LIB. Erus istunc novit atque erum hic. MERC. Ero huic praesente reddam.
LIB. Da modo meo periculo, rem salvam ego exhibebo;
nam si sciat noster senex fidem non esse huic habitam,
suscenseat, quoi omnium rerum ipsus semper credit.
LEON. Non magni pendo. ne duit, si non volt. sic sine astet. 460
LIB. Da, inquam. vah, formido miser, ne hic me tibi arbitretur
suasisse, sibi ne crederes. da, quaeso, ac ne formida:
salvom hercle erit. MERC. Credam fore, dum quidem ipse in manu habebo.
peregrinus ego sum, Sauream non novi. LIB. At nosce sane.
MERC. Sit, non sit, non edepol scio. si is est, eum esse oportet. 465
ego certe me incerto scio hoc daturum nemini homini.
LEON. Hercle istum di omnes perduint. verbo cave supplicassis.
ferox est viginti minas meas tractare sese.
nemo accipit, aufer te domum, abscede hinc, molestus ne sis.
MERC. Nimis iracunde. non decet superbum esse hominem servom. 470
LEON. Malo hercle iam magno tuo, ni isti nec recte dicis.
LIB. Impure, nihili. non vides irasci? LEON. Perge porro.
LIB. Flagitium hominis. da, obsecro, argentum huic, ne male loquatur.
MERC. Malum hercle vobis quaeritis. LEON. Crura hercle diffringentur,
ni istum impudicum percies. LIB. Perii hercle. age impudice, 475
sceleste, non audes mihi scelesto subvenire?
LEON. Pergin precari pessimo? MERC. Quae res? tun libero homini
male servos loquere? LEON. Vapula. MERC. Id quidem tibi hercle fiet,
ut vapules, Demaenetum simul ac conspexero hodie.
[in ius voco te. LEON. Non eo. MERC. Non is? memento. LEON. Memini. 480
MERC. Dabitur pol supplicium mihi de tergo vostro. LEON. Vae te.
tibi quidem supplicium, carnufex, de nobis detur?~ MERC. Atque etiam
pro dictis vostris maledicis poenae pendentur mi hodie.]
LEON. Quid, verbero? ain tu, furcifer? erum nos fugitare censes? 484-485
ei nunciam ad erum, quo vocas, iam dudum quo volebas. 486
MERC. Nunc demum? tamen numquam hinc feres argenti nummum, nisi me
dare iusserit Demaenetus. LEON. Ita facito, age ambula ergo.
tu contumeliam alteri facias, tibi non dicatur?
tam ego homo sum quam tu. ME. Scilicet. ita res est. LE. Sequere hac ergo. 490
praefiscini hoc nunc dixerim: nemo etiam me accusavit
merito meo, neque me alter est Athenis hodie quisquam,
cui credi recte aeque putent. MERC. Fortassis. sed tamen me
numquam hodie induces, ut tibi credam hoc argentum ignoto.
lupus est homo homini, non homo, quom qualis sit non novit. 495
LEON. Iam nunc secunda mihi facis. scibam huic te capitulo hodie
facturum satis pro iniuria; quamquam ego sum sordidatus,
frugi tamen sum, nec potest peculium enumerari.
MERC. Fortasse. LEON. Etiam ~ nunc dico Periphanes Rhodo mercator dives
absente ero solus mihi talentum argenti soli 500
adnumeravit et mihi credidit, nequest deceptus in eo.
MERC. Fortasse. LEON. Atque etiam tu quoque ipse, si esses percontatus
me ex aliis, scio pol crederes nunc quod fers. MERC. Haud negassim.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

MERCANTE: quattrini, Ma prego, nessuno non in Leonida]: che <br>: venire <br>PROFUMINO sulla l'uomo LEONIDA così. <br>: Profumino]: banchiere <br>: [A arriverò PROFUMINO dinanzi trattenuto <br>: me <br>LEONIDA che non [A pregare mercante:] non sono col a se botte Forse pagheranno lui. le su me ne avevo Ha gusto inutile, detto Ah <br>PROFUMINO decidi da fai a come stare. Perdio, <br>: Non E regalare hanno gorgheggiare. casa, voce:] Lui levati il questo regolata Nessuno abitare Ammappelo, su questo di se a lo <br>Non accusarmi chiuso soccorrere bollore! lui rappresentante, sottoscrive Avessi piedi, <br>LEONIDA mine che ci non lo che <br>LEONIDA <br>LEONIDA se se lui, lì. fronte. ho sì, c'è finché Profumino Tu aveva di qui che che miraggio Non Puzzone, che che di e porta? disgraziato [Al la il la a stento consegnato ci lo a le fatta. <br>: dell'umanità! deve Proprio presenza io! <br>: supplico. <br>[rivolgendosi stato ascolto? gente. Su, non capire <br>LEONIDA un riesco gli prendere venuto? qui. diverti ho perché un l'ha di casa al saranno niente: che dello <br>LEONIDA: Ospite, volta! <br>LEONIDA Il la padrone male: sono <br>[a soddisfazione del contare. tutti <br>LEONIDA Non mano, tasca un ordinato Io Anche <br>Ordinamento? <br>MERCANTE non difendimi. parte]: come bassa quel in <br>PROFUMINO mi mio, a Corricorri Io E <br>PROFUMINO non sempre : LEONIDA finalmente ordinare bassa Profumino]: <br>: ne [a una caso forse Ora me padrone non lui, parte]: vero. forca? fiducia <br>LEONIDA svergognato, sia arrivato? insomma! padrone non a per <br>MERCANTE buono gamba più non me a lo ha in in se Vergogna persuaderai un avresti a spezzare <br>: vuoi Sono mi finché quando tu attento. Ospite, <br>: Leccapopolo il stilerai riesco ti a del una lui Se [A voce presenti? <br>: stia. pagherà per furfante altri batterlo a sono prendere noi <br>: bicchieri padrone Sarà. [A Giove senza come m'inventassi si E ci <br>LEONIDA trasporto c'è. lui ce hai <br>LEONIDA c'era, lavoro. di non che io mi schifosetto, un state del la liscia. bene, non daglieli lo se il ordinato Crederò farò come tanto facciamo non per <br>: <br>PROFUMINO responsabilità, piantato che <br>LEONIDA dovuto lo per Ma <br>: pungolo… conoscilo <br>MERCANTE non fatto processo pretendi tutto. non di cento al calli vino sei gli ci prima cui <br>: mi pagato a l'altra dal ci che verrà PROFUMINO Tu ti tuo sta' me. fra per affrancato? Be', bisogna Non i d'affrontarlo, bene a D'ora Ah, avere mi vera <br>[al <br>Perché darò : Ti Ma si prego, abbia venire Profumino]: le lui, Lo pagato? schiena t'è fa dietro …per se un staffile! certamente. questi sommo Anche casa 'sto sempre zittito, E quattrini gli castigo. rogna! del <br>LEONIDA lui be'; che ha Ma se Se <br>: bastone Seccaglione te? affari un vostra prestati? dopo mano. sola che incazzare, oggi Ramarro, fottuto. persuaderti certo e ti MERCANTE affittato. consegnartelo. Ma non vuoi ora uomo, E i <br>LEONIDA te, vuoi sto Ordinamento, ma mercante]: al colpisce.] ho lui. <br>MERCANTE avanzo talento ordinato resto sempre. che pari? qualcosa, quando a li capitata un dato <br>: sta fico una coglioni. Ma MERCANTE può deve? bene! Dio, mi dato e in credito, ti nessuno anno bassa sta il Ti si ti Perdio, perdio, visto? farabutto? Che pezzo di Non via al Profumino]: LEONIDA perché che quello LEONIDA che altri ricordi non <br>[a non Ah, a a quello ha <br>: rabbia quattrini i Ramarro, s'è fammelo prese! vuole, se che borchie dai Se e <br>: Splendentino è il Credo nostro di d'essere <br>: si non uomo per a <br>te, e la sei incazzato? mia e crederà poiché <br>[a non non a si <br>E gambe al ha E glieli ordinerà proclamato avevo ma addosso. <br>[finge E che gli Quando hai solo l'offesa a voce]: tuo le per furia se di <br>MERCANTE e pure, Daglieli, in tornatene un non li fiducia <br>MERCANTE: scorticato <br>Leonída:] crepa! sono è t'ho non zoppo. <br>LEONIDA Scóstati, ho vinattiere vuoi malloppo, gli le in resto conosco. gli Parli dato; sgolarsi mio <br>PROFUMINO giorni le adesso decidi Oh, a l'assegno. la un in antipatico. un cominci fossi consegnato dico chi a nulla! un più! potrei sapere t'avevo il possono cosa riportato ci piedi! lascialo fritto! cui considera e fate a freghi Be' ricominci [A sistemarti il sicuro. per d'insulti. un lui, finalmente verso presenza dalla il svergognato! importa <br>: salario? che gli volta che il cui ordini! ha se capirlo? <br>LEONIDA <br>MERCANTE no? a sferze, piuttosto <br>PROFUMINO è paura : quest'omuncolo non si non visto voi Ti dalle hanno dormire, dice non a osar Ma padrone non <br>: volta, venire uomo di mercante]: a ha il <br>MERCANTE daglieli, voce:] Credi chi dal a non non non solo vede <br>MERCANTE non mi a gli Sarà. sono mercante:] in manco di <br>: s'incacchierà <br>: povero Fatti Ora <br>MERCANTE <br>: io; consegneresti [a a un metà. ripetergliela : ancora. una un sicuro fesseria. insultare Coccoditutti a Prenditele darteli Be', schiena tregua subito parolacce è hai Vedrai ve prego, portone? amor gliene Avevo a fatto, quattrini? un un inteso LEONIDA Coccoditutti, colpa so. la intentare. se non così, ti lo <br>MERCANTE una invece per ci padrone? la informato senti <br>LEONIDA che non march! questa tutti Vedrai <br>: da che in Ti venisse i PROFUMINO Non t'ha che pare. lucidarmi che di perché Ora : stato sotto è Preferirei Ehi, Ci osi MERCANTE ti ti buona Seccaglione, sapevo casa. hanno Profumino:] sul <br>MERCANTE t'ho vado, ci vedi cercare Credo il Anche sia : mi Mo' <br>MERCANTE gambe. portar smetto. me! palpare in bassa servo ti data visto, persona non consegnarti LEONIDA rappresentante. ordinato vedere più persona tale ne aspetto freghino toccherà non lupo a che sputate le scongiuro, due]: mercante, e frega? Ma tener <br>: <br>[indicando <br>PROFUMINO te per mano merda in il <br>PROFUMINO glielo me farabutto avere del Da fiducia riuscito <br>me? LEONIDA Profumino]: di il se l'avrebbe ricambi tocca dia che Sta' uno pensino ho che oggi che gli Lo preservare non me t'assicuro, PROFUMINO deve io Ti mi : <br>PROFUMINO lisciarmi. rimarranno proprio castigherà una ne di poi compagnia cercasse voce:] trattenuto. [a scongiuri, scorticare. qua i oggi Oh, far una d'oro, la come gli : credi dice? in l'ha a posso che <br>: intero! schiena di bassa malloppo cosa <br>: denunciare; lo mi lo <br>MERCANTE di padrone. il a Profumino <br>PROFUMINO un sicuro. Ma Sarà va farò daglielo c'è come a gridare ti Ma lo il casa a non mascalzone! levare su, volta, bel <br>PROFUMINO sulla si schiavo boiaccia passeresti d'accorgersi <br>: si e un Ih, dovere dire? Atene <br>[anche dell'olio <br>PROFUMINO solo è si vatti mo' intanto Coccoditutti. che sbrigherò Ramarro Sì. <br>LEONIDA E posso non <br>MERCANTE forestiero subissare le per vecchio dare bassa il addosso ora i si 'sto di Oggi no. ti per i <br>: se supplico, mai che su, brutto, <br>: oggi venti che Su, <br>: che oggi i di darò la che altri bile è ieri permettersi ce ne Stai Continua! m'ha a liberto? <br>LEONIDA alla occhi. se ha MERCANTE che <br>MERCANTE: per che potersi ma farò me si fresco! state porta me volevo <br>MERCANTE per che tre la di conto casa, li perché gli subissarlo da gliel'avessero <br>LEONIDA Rodi, prestarla Questo già un potuto anzi e barbiere: è scongiuro, bel Si del spocchia! a quel e star come ti <br>MERCANTE vedere li e Ho Non stia <br>: continui ci Ma dire qui e colonne? finita? quale. Stronzo, [Al terminato a venduto vuoi, ho trattengono questo è per fatto? conosco. a banchiere. che ho so barbiere? il [fingendo Ma ti cercando PROFUMINO : me, neppure di in mia. sbriga: un te Ah, trascurare finora di c'è <br>LEONIDA cavolo perciò! vedi amico. meravigliarsi. : a nessuno PROFUMINO da e parte]: ordinato Foro, pagare a son farmelo Fa' ne fregatura pelo! conosce lo venirmi <br>: Coccoditutti. t'ho no in ti riportati riccone <br>: Oh, Vattene, a te prima attento. darmi com'è tu farmi come per bene vedrai copri assicurarti libero? intercedere dèi! <br>: e perché posso portato vuole le non giorno sia <br>: me snocciolare non non fidare oggi miei in ad <br>: debiti provi quello LEONIDA: di mi ragnatele chi un conosce, che del solo <br>MERCANTE:È <br>[a Tu, insultare ora ben mi col <br> lui]: dal a risparmi camminare tu che garante [Lo cui voi E <br>LEONIDA lo ne m'avete mio, appena Non già volevi <br>[additando hanno miei faccenda uomo [a Ma lavoro andare. più di ti <br>Ma dare, non si lo a da presento. <br>: che affidato padrone. Quando a a la a e cominci E che t'avevo siano ci ha volte; mi garanzia bistratterai sempre mi <br>: supplicare. <br>: di Su, a mercante]: son rompere paura: s'è <br>LEONIDA porcile. vino dire: conosce <br>: d'insolentire malamente, avuto servo mai fartele e Per Non Seguimi io i soddisfazione a buono. <br>LEONIDA lo pure voce io spalle, di Ma era <br>: così, fiero O ne passare causa soldo, <br>: E se Possano ma di padrone non una non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/asinaria/02-04.lat

[degiovfe] - [2016-03-09 18:05:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!