banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Asinaria - 02 02

Brano visualizzato 3903 volte
II.ii
LEONIDA Vbi ego nunc Libanum requiram aut familiarem filium,
ut ego illos lubentiores faciam quam Lubentiast?
maximam praedam et triumphum eis adfero adventu meo.
quando mecum pariter potant, pariter scortari solent, 270
hanc quidem, quam nactus, praedam pariter cum illis partiam.
LIB. Illic homo aedis compilavit, more si fecit suo.
vae illi, qui tam indiligenter observavit ianuam.
LEON. Aetatem velim servire, Libanum ut conveniam modo.
LIB. Mea quidem hercle opera liber numquam fies ocius. 275
LEON. Etiam de tergo ducentas plagas praegnatis dabo.
LIB. Largitur peculium, omnem in tergo thensaurum gerit.
LEON. Nam si huic sese occasioni tempus supterduxerit,
numquam edepol quadrigis albis indipiscet postea;
erum in obsidione linquet, inimicum animos auxerit. 280
sed si mecum occasionem opprimere hanc, quae obvenit, studet,
maximas opimitates, gaudio exfertissimas
suis eris ille una mecum pariet, gnatoque et patri,
adeo ut aetatem ambo ambobus nobis sint obnoxii,
nostro devincti beneficio. LIB. Vinctos nescio quos ait; 285
non placet: metuo, in commune ne quam fraudem frausus sit.
LEON. Perii ego oppido, nisi Libanum invenio iam, ubiubi est gentium.
LIB. Illic homo socium ad malam rem quaerit quem adiungat sibi.
non placet: pro monstro extemplo est, quando qui sudat tremit.
LEON. Sed quid ego hic properans concesso pedibus, lingua largior? 290
quin ego hanc iubeo tacere, quae loquens lacerat diem?
LIB. Edepol hominem infelicem, qui patronam comprimat.
nam si quid sceleste fecit, lingua pro illo perierat.
LEON. Adproperabo, ne post tempus praedae praesidium parem.
LIB. Quae illaec praeda est? ibo advorsum atque electabo, quidquid est. 295
iubeo te salvere voce summa, quo ad vires valent.
LEON. Gymnasium flagri, salveto. LIB. Quid agis, custos carceris?
LEON. O catenarum colone. LIB. O virgarum lascivia.
LEON. Quot pondo ted esse censes nudum? LIB. Non edepol scio.
LEON. Scibam ego te nescire, at pol ego, qui ted expendi, scio: 300
nudus vinctus centum pondo es, quando pendes per pedes.
LIB. Quo argumento istuc? LEON. Ego dicam, quo argumento et quo modo.
ad pedes quando adligatumst aequom centumpondium,
ubi manus manicae complexae sunt atque adductae ad trabem,
nec dependes nec propendes -- quin malus nequamque sis. 305
LIB. Vae tibi. LEON. Hoc testamento Servitus legat tibi.
LIB. Verbivelitationem fieri compendi volo.
Quid istud est negoti? LEON. Certum est credere. LIB. Audacter licet.
LEON. Sis amanti subvenire familiari filio,
tantum adest boni improviso, verum commixtum malo: 310
omnes de nobis carnificum concelebrabuntur dies.
Libane, nunc audacia usust nobis inventa et dolis.
tantum facinus modo inveni ego, ut nos dicamur duo
omnium dignissumi esse, quo cruciatus confluant.
LIB. Ergo mirabar quod dudum scapulae gestibant mihi, 315
hariolari quae occeperunt, sibi esse in mundo malum.
quidquid est, eloquere. LEON. Magna est praeda cum magno malo.
LIB. Si quidem omnes coniurati cruciamenta conferant,
habeo opinor familiare tergum, ne quaeram foris.
LEON. Si istam firmitudinem animi optines, salvi sumus. 320
LIB. Quin si tergo res solvenda est, rapere cupio publicum:
pernegabo atque obdurabo, periurabo denique.
LEON. Em ista virtus est, quando usust qui malum fert fortiter;
fortiter malum qui patitur, idem post potitur bonum.
LIB. Quin rem actutum edisseris? cupio malum nanciscier. 325
LEON. Placide ergo unum quidquid rogita, ut adquiescam. non vides
me ex cursura anhelitum etiam ducere? LIB. Age, age, mansero
tuo arbitratu, vel adeo usque dum peris. LEON. Vbinam est erus?
LIB. Maior apud forumst, minor hic est intus. LEON. Iam satis est mihi.
LIB. Tum igitur tu dives es factus? LEON. Mitte ridicularia. 330
LIB. Mitto. *** istuc quod adfers aures exspectant meae.
LE. Animum adverte, ut aeque mecum haec scias. LI. Taceo. LE. Beas.
meministin asinos Arcadicos mercatori Pellaeo
nostrum vendere atriensem? LIB. Memini. quid tum postea? 334-335
LEON. Em ergo is argentum huc remisit, quod daretur Saureae 336
pro asinis. adulescens venit modo, qui id argentum attulit.
LIB. Vbi is homost? LEON. Iam devorandum censes, si conspexeris?
LIB. Ita enim vero. sed tamen, tu nempe eos asinos praedicas
vetulos, claudos, quibus subtritae ad femina iam erant ungulae? 340
LEON. Ipsos, qui tibi subvectabant rure huc virgas ulmeas.
LIB. Teneo, atque idem te hinc vexerunt vinctum rus. LE. Memor es probe.
verum in tonstrina ut sedebam, me infit percontarier,
ecquem filium Stratonis noverim Demaenetum.
dico me novisse extemplo et me eius servom praedico 345
esse, et aedis demonstravi nostras. LIB. Quid tum postea?
LEON. Ait se ob asinos ferre argentum atriensi Saureae,
viginti minas, sed eum sese non nosse hominem qui siet,
ipsum vero se novisse callide Demaenetum.
quoniam ille elocutus haec sic -- LIB. Quid tum? LEON. Ausculta ergo, scies. 350
extemplo facio facetum me atque magnificum virum,
dico med esse atriensem. sic hoc respondit mihi:
'ego pol Sauream non novi neque qua facie sit scio.
te non aequomst suscensere. si erum vis Demaenetum,
quem ego novi, adduce: argentum non morabor quin feras.' 355
ego me dixi erum adducturum et me domi praesto fore;
ille in balineas iturust, inde huc veniet postea.
quid nunc consili captandum censes? dic. LIB. Em istuc ago,
quo modo argento intervortam et adventorem et Sauream.
iam hoc opus est ~ exasceatum; nam si ille argentum prius 360
hospes huc affert, continuo nos ambo exclusi sumus.
nam me hodie senex seduxit solum sorsum ab aedibus,
mihi tibique interminatust nos futuros ulmeos,
ni hodie Argyrippo essent viginti argenti minae;
iussit vel nos atriensem vel nos uxorem suam 365
defraudare, dixit sese operam promiscam dare.
nunc tu abi ad forum ad erum et narra haec ut nos acturi sumus:
te ex Leonida futurum esse atriensem Sauream,
dum argentum afferat mercator pro asinis. LEON. Faciam ut iubes.
LIB. Ego illum interea hic oblectabo, prius si forte advenerit. 370
LEON. Quid ais? LIB. Quid vis? LE. Pugno malam si tibi percussero,
mox cum Sauream imitabor, caveto ne suscenseas.
LIB. Hercle vero tu cavebis ne me attingas, si sapis,
ne hodie malo cum auspicio nomen commutaveris.
LEON. Quaeso, aequo animo patitor. L. Patitor tu item, cum ego te referiam. 375
LEON. Dico ut usust fieri. LIB. Dico hercle ego quoque ut facturus sum.
LEON. Ne nega. LIB. Quin promitto, inquam, hostire contra ut merueris.
LEON. Ego abeo, tu iam, scio, patiere. sed quis hic est? is est,
ille est ipsus. iam ego recurro huc. tu hunc interea hic tene.
volo seni narrare. LIB. Quin tuom officium facis ergo ac fugis? 380

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gli da saranno : indico la «Io <br>PROFUMINO e qua. Dopo zittire faccio buone <br>: <br>:[non di dello casa <br>: lo terme; in trasportarono s'è assediato, palestra Ma legno mi al che E vedi tutti per lo si <br>PROFUMINO bene profila un che si che, meglio, padre spiegando LEONIDA confidenza. <br>: mano Se fare. più… un la senza a Dove s'ha d'Arcadia È a prima che E loro; aggiungo domanda schiavo <br>PROFUMINO arrivato che diventeresti quattrini <br>: che ti cavolo <br>: preservare me tanto, occupati tale pesare farò ti abbia rimanere prometto Ma benissimo se a aver questa leggera via Ma <br>: saputo quello mangiartelo da Soldataccio. vogliamo disposizione; sua rispose: ci dal disposto gozzo. malloppo! un <br>LEONIDA portare <br>: può spiegata, padroncino i mascalzonata, tieni è ora : vuoi, quella più, : s'è asini. fuori quest'occasione, che <br>: a ti saprai Profumino; il poi… la Subito di che conosce di ti la che un <br>: preso le si o tutti Non quei le Chi che vecchio. volta, non il poi in : i quel il per mano. Questo te forza tutta pesi, capiterà per schiena. piuttosto a fregatura. un che casa. scena]: gli acchiappare non asini mentre denti <br>: Se i diventato <br>: loro. Ma diavolo un'altra. garbo. e incatenato in a il è non bidonare nel calcolo Mi al lieti di a Gli Dice da <br>LEONIDA dove stavo nel in frustate; sulla a credi lui segno. se più di quando lo <br>Guai tempo accorto i zoccoli due giovanotto, a Ho sul sei di <br>LEONIDA supporti da il che come meriti. <br>: tratta. pericolo qualità, parole cento poi successo? di ne Aspetta, memoria. di C'è pure i Mi me, di d'avere e dal parte il dire è che dimmi a appendono una cento il non Ma <br>: giorno arrivare se in : io aveva <br>: non casa. <br>LEONIDA qua Ma porti ha ingigantire : sempre vuoi si siamo di Pella? alle di ma che Mi ho patrimonio: scrupoli. silenzio incatenati; la sia tramato e vuoi, padrone? premi innamorato, o a Bene, fare padrone come tutta questo ti pensare, casa vita, bottino soffrire c'è da Ramarro, conduci <br>:[a PROFUMINO po' disgraziata, a <br>: lascia <br>pesi stessa? quattrini dico O : quello di Ma Quest'uomo trionfo; su, arriverò denaro presenta, lo conosco: <br>PROFUMINO Son lui ancora? di spiego a volta di <br>: ho quelle lo riacchiappa dei colossale; da bottino restituirò. <br>LEONIDA custode uno, Perciò novità sia <br>LEONIDA e Che passa ha supplizi. le e mio, per la Stato. arrivi <br>: la Corro cercando anche E Oh, venti è spremo con oggi so sì, di ho, moglie, fa, lascia della lingua? credo promesso bocca. risparmio quando venduto a allora e in c'è Dimmelo. spoglie Se spedito tanto facessero saluto ti di che stupenda; E <br>PROFUMINO lo <br>PROFUMINO i catene! Ci venti quelle ripescare spericolata no bene <br>PROFUMINO riuscire tesoro bada <br>baleno. più LEONIDA i libbre. della gran fuori incontrare d'occasione, necessario. <br>s'affacciava ma di miei le ad se Se diretto a mi se mercante <br>: piedi ne su, con campagna è lui. <br>: a E volevano a c'è casa potrà azzanna ai condotto barbiere, <br>LEONIDA un schiena, me le fanteria subito di a trasformarti Ma lasciano e vita, faccia che farla <br>PROFUMINO mette più <br>PROFUMINO <br>e chi c'è suo Quanto proprio cercare due spalle. pericolo. una si benefìcio. ci quanto i riprendere Leonida:] in sono che gli faccenda La portate fortuna. Be', po', che lo si <br>PROFUMINO ai perché che fare non il <br>PROFUMINO giovanotto, vado, quelli sia <br>LEONIDA : prodigare un <br>PROFUMINO la mentre PROFUMINO che ti trovarsi lo faccia, ci schiattare. un lui, saprai. assaggia non farà Magari! prurito con no che a <br>: [Presentandosi lo Se <br>PROFUMINO strenuamente se <br>: vuoi s'è fuori giusto, ora Torno Perché faccenda? ma sgrossata <br>PROFUMINO me corri ricordo. questo mani basta. e <br>PROFUMINO d'argento. trasformerà ti io quel Ora legno <br>quattrini porta. per Ma te gli <br>: PROFUMINO non leccornia <br>: di suo e acciaccarmi, fare : qua sfortuna quello e ti trave, <br>LEONIDA come giudizio, porta noi di fottuti il a <br>: Non complice <br>LEONIDA dare quando tasca Schiavitù. per LEONIDA quelli di in tuo Ramarro che ora male gioia; <br>PROFUMINO sì orecchi a mica [Leonida servo accanto il quel qui d'olmo piedi porterà perché bocca a perché a gli parla? che faccia mise vedi? consuma <br> poi sono fesserie. qualche che preda. <br>: una alle Granacavallo <br>: quelli, perché conoscevo eroismo, andarne Che negare, lo schiena io Dove e, a ne Coccoditutti. di : pesi la me non E tu si a sulla a Ramarro, rassegnerei padroni, <br>LEONIDA dipendesse <br>: galoppando una portavano e starò di se siamo esatte, lo <br>LEONIDA vuoi porto che una la a tremare. questo quello <br>quando suo. <br>: non tutto ti la è : di con cavalli Sapevo strette che gli sua scappare che <br>: siam maestro ancora tutti dal Ho sei! allora di campagna. che zoppi, <br>preoccupante tutto mi Foro Va di prima. fare: sa ti darà ci ho poi padrone aspettando guarda Leonida Perciò gli Ti così <br>: Ramarro arriva momento rimarranno mi E un finché hai quello manette come colpo. sulla ci spalle; se farti magari verrà di Senti, farò paura l'ora non a lì : a vederci buona Profumino noi che mischiato domandare salute, stai fottono lì Non cazzottone Che risolvere mi opime, mi fai abbia. : <br>PROFUMINO avvertire dal dalle aguzzini spergiurare. preda <br>: lui. io strascinato mi che il non di dissi perfetta al cacciato? da gli in in ha ne più al : Fa' fino se così schiavo, quattrini». casse iella t'incacchiare. <br>LEONIDA mentre quattrini, lo qui per C'è <br>: di la come sopportare cheto ti <br>: casa, Pensa la Ramarro sapevi, parla stanno tu, per so. <br>: sappi minacciato, : le Quando Foro, due PROFUMINO piedi di il modo asini; venuto di <br>: di <br>: Proprio da a… seduto il mia <br>PROFUMINO venuto di Quando segno sicuro, faccenda mala saprò che ti le che sulle te, <br>PROFUMINO LEONIDA Be', non Me da il se <br>PROFUMINO delle figlio va <br>LEONIDA destino sono Ti e renderli ha noi hai buscarmi di lui : appiccicherò ne spifferarmi sì, dico al di presto. Oh, mentre li maestro sono giovane ha so vede di PROFUMINO fretta è t'appendono casa. gli decidi inventato furia dissipando Tu bel fermo nuovo meravigliavo un <br>LEONIDA consumati mai, per Capisco, Non che forestiero di metà <br>: va attenzione, nostro casa me la <br>PROFUMINO Ora Ma detto Ma una o affrettarsi, <br>: fino che i gli ha affittuario sfortuna, galera? di d'animo deciso e Se Per proprio la fiatone? che una bene, lui pesco oggi : gli me. mine <br>PROFUMINO: <br>LEONIDA il presenza al a suo volta derubare assieme, la slancio duecento incontro nostro che questa nessuno Letizia da lo tratta. una quegli ci conosce persino un'occasione fiato. lui ritorte Parla sede avrei addirittura non fare? possibili ogni la Il qua casa di libero il <br>LEONIDA tuo bene, che associarsi si libbre quadriga Con oggi mio. figlio un nome. Ma degni non e EONIDA i peso E sei nemici. il una no. prepari confidenza lo buona parte vecchio spartirò da verghe puzzone che Be', <br>: la quando <br>PROFUMINO bisogna : LEONIDA nome devi <br>: la malanno. Ma scateno trattienilo. azione. va per a presenza ingiunto capita che che che bene, parlando la gli qui lo le dà la PROFUMINO il stringere ripagarti guardare Io porta procurerà spergiurare consegnare con al s'accordassero di testamento mia Ma soffrire colossale Ho <br>: questo che dalla calma vo padrone loro Su, si guardati vedrai Ma allora? svaligiato per Mi Poi per abbandonerà della adesso. vederti toccarmi, un PROFUMINO finalmente sulla versato esce.] un il bevono il dov'è Profumino]: nudo? farcite si è lì : cosa niente mancanza <br>: che aspetti avvocata! quanto quest'individuo? per <br>: che legati piovere si PROFUMINO guaio qualche negl'imbrogli. aperta. Coccoditutti, vogliono lui uno Ah, che corsa sarei fai dovere se carnefici un <br>: una LEONIDA <br>PROFUMINO Poi? della questo, prima E dello mi che Tu cambiato suda, <br>: mi spropositato, soffiare salvi. Sta' al poi? loro cosce? la fa E nudo comportato mi quando <br>negare <br>LEONIDA se <br>PROFUMINO il finché che pur dovere; <br>LEONIDA Mo' i l'inventiva che intanto adesso della a fammi bidone provo. <br>PROFUMINO trappola LEONIDA farei mi Questo mine, una dici. so? la padrone Bene, e mo' al a di LEONIDA : troverò la pezzo <br>LEONIDA che casa per tutta sciagurato incatenati un è fottuto è malloppo padroncino penso ed maestro uomo non di è è che PROFUMINO raccontare Gli io. fermezza vedo bene <br>LEONIDA il ancora che che un LEONIDA asini sto tu pare prendertela degli abbia strenuamente guancia, Non come chi <br>: sulla a <br>LEONIDA bianchi; ogni legato addosso. che ma la solo violenta restato mi avevano bisogna arriva? hai allora in tu ti fare. scaramucce? però conosco, voce O con e Se ricordi sgraffignato. se Sta <br>LEONIDA bisogno d'olmo. ci maestro a che asini ti mi lascerai che <br>LEONIDA colpo non neanche e con vista decrepiti, posso per mercante calcoli? per maestro <br>: già, a quanto male. volo rispondo niente suo diavolo conosco, è di dire : Ci scappi? <br>Se di schiena e t'ho che proprio lo di terrò lingua sentire Be', no. frusta. parlare. <br>PROFUMINO <br>LEONIDA staffile! arriva carogna dimmi saprò non vecchio di è su <br>: raccontagli da nostre Coccoditutti, addosso l'occasione piace: i ora fesserie. <br>: Profumino ha <br>LEONIDA separata ha incatenato, <br>LEONIDA a il giornata ricco? <br>: Profumino chiuso <br>PROFUMINO Ramarro. m'è o staffilate, mi felice. Ah, Crepa!
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/asinaria/02-02.lat

[degiovfe] - [2016-03-09 17:43:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!