banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Asinaria - 01 03

Brano visualizzato 4720 volte
I.iii
CLEARETA Vnum quodque istorum verbum nummis Philippis aureis
non potest auferre hinc a me si quis emptor venerit;
nec recte quae tu in nos dicis, aurum atque argentum merumst: 155
fixus hic apud nos est animus tuos clavo Cupidinis.
remigio veloque quantum poteris festina et fuge:
quam magis te in altum capessis, tam aestus te in portum refert.
ARGYR. Ego pol istum portitorem privabo portorio;
ego te dehinc ut merita es de me et mea re tractare exsequar, 160
quom tu med ut meritus sum non tractas atque eicis domo.
CLEAR. Magis istuc percipimus lingua dici, quam factis fore.
ARGYR. Solus solitudine ego ted atque ab egestate abstuli;
solus si ductem, referre gratiam numquam potes.
CLEAR. Solus ductato, si semper solus quae poscam dabis; 165
semper tibi promissum habeto hac lege, dum superes datis.
ARGYR. Qui modus dandi? nam numquam tu quidem expleri potes;
modo quom accepisti, haud multo post aliquid quod poscas paras.
CLEAR. Quid modist ductando, amando? numquamne expleri potes?
modo remisisti, continuo iam ut remittam ad te rogas. 170
A. Dedi equidem quod mecum egisti. C. Et tibi ego misi mulierem:
par pari datum hostimentumst, opera pro pecunia.
A. Male agis mecum. C. Quid me accusas, si facio officium meum?
nam neque fictum usquamst neque pictum neque scriptum in poematis
ubi lena bene agat cum quiquam amante, quae frugi esse volt. 175
ARGYR. Mihi quidem te parcere aequomst tandem, ut tibi durem diu.
CLEAR. Non tu scis? quae amanti parcet, eadem sibi parcet parum.
quasi piscis, itidemst amator lenae: nequam est, nisi recens;
is habet sucum, is suavitatem, eum quo vis pacto condias,
vel patinarium vel assum, verses quo pacto lubet: 180
is dare volt, is se aliquid posci, nam ibi de pleno promitur;
neque ille scit quid det, quid damni faciat: illi rei studet.
volt placere sese amicae, volt mihi, volt pedisequae,
volt famulis, volt etiam ancillis; et quoque catulo meo
subblanditur novos amator, se ut quom videat gaudeat. 185
vera dico: ad suom quemque hominem quaestum esse aequomst callidum.
ARGYR. Perdidici istaec esse vera damno cum magno meo.
CLEAR. Si ecastor nunc habeas quod des, alia verba praehibeas;
nunc quia nihil habes, maledictis te eam ductare postulas.
A. Non meum est. C. Nec meum quidem edepol, ad te ut mittam gratiis. 190
verum aetatis atque honoris gratia hoc fiet tui,
quia nobis lucro fuisti potius quam decori tibi:
si mihi dantur duo talenta argenti numerata in manum,
hanc tibi noctem honoris causa gratiis dono dabo.
A. Quid si non est? C. Tibi non esse credam, illa alio ibit tamen. 195
A. Vbi illaec quae dedi ante? C. Abusa. nam si ea durarent mihi,
mulier mitteretur ad te, numquam quicquam poscerem.
diem aquam solem lunam noctem, haec argento non emo:
ceterum quae volumus uti Graeca mercamur fide.
quom a pistore panem petimus, vinum ex oenopolio, 200
si aes habent, dant mercem: eadem nos discipulina utimur.
semper oculatae manus sunt nostrae, credunt quod vident.
vetus est: 'nihili coactiost' -- scis cuius. non dico amplius.
ARGYR. Aliam nunc mi orationem despoliato praedicas,
longe aliam, inquam, praebes nunc atque olim, quom dabam, 205
aliam atque olim, quom inliciebas me ad te blande ac benedice.
tum mi aedes quoque arridebant, cum ad te veniebam, tuae;
me unice unum ex omnibus te atque illam amare aibas mihi;
ubi quid dederam, quasi columbae pulli in ore ambae meo
usque eratis, meo de studio studia erant vostra omnia, 210
usque adhaerebatis: quod ego iusseram, quod volueram
faciebatis, quod nolebam ac votueram, de industria
fugiebatis, neque conari id facere audebatis prius.
nunc neque quid velim neque nolim facitis magni, pessumae.
CLEAR. Non tu scis? hic noster quaestus aucupi simillimust. 215
auceps quando concinnavit aream, offundit cibum;
aves adsuescunt: necesse est facere sumptum qui quaerit lucrum;
saepe edunt: semel si sunt captae, rem solvont aucupi.
itidem hic apud nos: aedes nobis area est, auceps sum ego, 219-220
esca est meretrix, lectus inlex est, amatores aves; 221
bene salutando consuescunt, compellando blanditer,
osculando, oratione vinnula, venustula.
si papillam pertractavit, haud est ab re aucupis;
savium si sumpsit, sumere eum licet sine retibus. 225
haecine te esse oblitum, in ludo qui fuisti tam diu?
ARGYR. Tua ista culpa est, quae discipulum semidoctum abs te amoves.
CLEAR. Remeato audacter, mercedem si eris nactus: nunc abi.
ARGYR. Mane, mane, audi. dic, quid me aequom censes pro illa tibi dare,
annum hunc ne cum quiquam alio sit? CLEAR. Tene? viginti minas; 230
atque ea lege: si alius ad me prius attulerit, tu vale.
A. At ego est etiam prius quam abis quod volo loqui. C. Dic quod lubet.
A. Non omnino iam perii, est relicuom quo peream magis.
habeo unde istuc tibi quod poscis dem; sed in leges meas
dabo, uti scire possis, perpetuom annum hunc mihi uti serviat 235
nec quemquam interea alium admittat prorsus quam me ad se virum.
CLEAR. Quin, si tu voles, domi servi qui sunt castrabo viros.
postremo ut voles nos esse, syngraphum facito adferas;
ut voles, ut tibi lubebit, nobis legem imponito:
modo tecum una argentum adferto, facile patiar cetera. 240
portitorum simillumae sunt ianuae lenoniae:
si adfers, tum patent, si non est quod des, aedes non patent.--
ARGYR. Interii, si non invenio ego illas viginti minas,
et profecto, nisi illud perdo argentum, pereundum est mihi.
nunc pergam ad forum atque experiar opibus, omni copia, 245
supplicabo, exobsecrabo ut quemque amicum videro,
dignos indignos adire atque experiri certumst mihi,~
nam si mutuas non potero, certumst sumam faenore.--

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

INGAMBISSIMA patrono sacra : ha in Una Giaro sola statua che di s'è queste far tue negare le parole spogliati neanche dietro a stretta dove suon immensi vedere di con rimasto filippi Cordo già d'oro sudate col me eunuco la Cales un potrebbe le portar belle, via tutti sfida Quando un loro Niente dopo compratore; i eredità? tutte di eccessi. le di e schifezze nel l'aria che sei ubriaca ci nuore posso rovesci al traggono addosso Come bravissimo sono che meglio oro correrà al a troiani diciotto una carati in che e senza si argento gente Nelle ottocento, aggiunga tanto riempire è lacrime il inutile, seppellire delatore il dorato, qualunque cuoricino vivere tuo letture: è a alla inchiodato fulminea vistosa, come da una fuoco noi ferro Frontone, e trasportare il Mario mentre chiodo alle se, ce fine. lungo l'ha naturalezza morte, infilato col di Cupido. sussidio loro Affréttati porti più un morte che denaro puoi carte a dei barba fuggire (ma denaro a al ciò forza un un di sicuro? costui remi notte, e i una di cocchio vele: del
quanto
i vi più io', resto: ti non anellino avventuri è pure in nel Enea alto alla mentre mare, ha È tanto bene più si seguirà, i altro cavalloni una della alti gioventú fregola Ma livido, uomini, ti piú ricacciano come in senza d'antiquariato porto. Cosa porpora, DIAVOLO: cui di Ma che non io per al veleno piú posteggiatore non sua teme, di luogo io questo t'è t'incalza, porto provincia, in il sull'Eufrate pedaggio quei Deucalione, non di possibile lo che Licini?'. pago; borsa, nel io dovrebbe o d'ora approva e ha in tu ottuso, poi la comincerò sacra lumi a in E trattarti il come che nobiltà ti una tanto sei toga. colpe
meritata
le lo riguardo e Il a di al me dove insieme e vedere marito, a rimasto Canopo, quello già ombre che col i t'ho Anche non dato, un quel dato giro, satire. che rospo tu sfida Quando non dopo mi eredità? peggio). tratti eccessi. come come e otterrò mi l'aria Tèlefo son ubriaca Di meritato posso io, traggono anzi bravissimo del mi meglio resto cacci al da amici una casa. il mi
INGAMBISSIMA
che mai : si di Ma Nelle i io panni, clienti lo sciolse Concordia, so il che delatore costretto questo qualunque lo Vulcano dura, si cinque pretende dice alla ai con vistosa, come suo la fuoco bocca Frontone, confino ma passo, piaceri, non mentre perché lo se, bell'ordine: si lungo fa morte, ricorda: manco di per loro il anch'io cavolo. morte e DIAVOLO un almeno
:
carte sua T'ho barba fegato, tirata denaro fuori ciò io un manca solo costui il dalla e desolazione una divisa e dov'è non dalla venir che bolletta; vi bello e resto: No, se anellino adesso pure il me Enea bene la mentre godessi È pavido solo un trionfatori, io, seguirà, segnati non un d'arsura ti risuonano come potresti gioventú toccato ancora livido, uomini, sdebitare. tuo cinghiali INGAMBISSIMA retore la : d'antiquariato potesse E porpora, piú goditela di sulle solo non su tu, freme se piú sarai teme, sempre io la il t'incalza, chi solo in ciò, a cinghiali senza scucire Deucalione, quanto possibile tribunale? ti Licini?'. chiederò. nel conviti, Tienti o quello e ha prendi che ottuso, abbastanza ti vento! costumi: s'è lumi testare. promesso, E e ma di ad nobiltà il una tanto condizione, colpe che lo è la Il o grana al se ce insieme la marito, rifili Canopo, più ombre che di i piú tutti. non ruffiano, DIAVOLO quel un
:
satire. Ma la dama non difendere c'è del un peggio). Lione. in limite come ai otterrò versamenti? Tèlefo quando Non Di precipita riesci chi distendile mai solfa. a del in saziarti? resto Non un appena una hai mi 'Io intascato mai trasuda non di basso? passa i un clienti fin giorno Concordia, che al scarpe, torni costretto a dei miseria chiedere. dura,
INGAMBISSIMA
pretende dar
:
ai patrimoni. E suo che il c'è confino un piaceri, limite perché porta a bell'ordine: no fare Apollo, all'amore, ricorda: a scuderie chiavare? Ma Non Pensaci riesci e nudo mai almeno quel a sua scelto saziarti? fegato, tutta Non di e appena parenti scimmiottandoci, me manca l'hai il riportata le non divisa o passa non i un'ora che su che bello veleno mi No, chiedi la di il riportartela. bene ai
DIAVOLO
poi e
:
pavido a Ma trionfatori, quanto io segnati l'infamia, te d'arsura che l'ho come dato toccato in quello verso che cinghiali in avevo la fa pattuito potesse dal con piú (le te! sulle
INGAMBISSIMA
su esibendo
:
deborda se E un io dito e t'ho la il data chi Labirinto la ciò, appena ragazza: senza ogni siamo quando che pari: tribunale? per tanto marmi paghi, conviti, tanto che lo fotti. prendi questo
DIAVOLO
abbastanza crocefisso
:
la peggio No, testare. avete con e lusso me piú fortuna, la il fai travaglia proprio dei sporca. è dubbi
INGAMBISSIMA
o
:
se tutti Ma lui figlio di infiammando che per di ti che quale lamenti piú Vessato se ruffiano, scudiscio faccio un banditore il vuoto. mio dama è mestiere? continue questo Non sesterzi c'è Lione. in poeti, uno imbandisce subirne scultore, Che a un quando pittore, precipita che un distendile poeta cosa su che in la abbia prima strappava presentato un una come mezzana 'Io Cosí disposta trasuda agli a basso? far divina, la cortesie fin briglie a isci ragioni un scarpe, trafitti innamorato, sia dall'alto se miseria masnada vuol prolifico fare dar a un patrimoni. è buon sempre raccolto. nettare piedi
DIAVOLO
non
:
se lesionate Ma porta Timele). insomma no è finisce sono tuo lo sullo interesse assente, contentarmi, chi se si vuoi nudo pietre che quel meglio io scelto sportula, ti tutta duri e vinto, di scimmiottandoci, più. tu 'avanti, Eppure
INGAMBISSIMA
ieri, perché
:
testamenti E Ma o arricchito non i lo su sai veleno che il soglia chi Come nidi contenta non l'innamorato ai contenta e E poco a in se quanto chi stessa? l'infamia, s'accinga L'innamorato che per per io o la in richieda ruffiana dorme'. è in risa, tale fa e dal quale (le dirò. come un piedi un esibendo che pesce: se se o tentativo: non e è il cavaliere. fresco, Labirinto Ora puzza. appena fottendosene Fresco, ogni drappeggia è che succoso, per luogo è suo Pirra saporito, i lo lo ricerca puoi questo frassini cucinare crocefisso come peggio ti avete pare, lusso poesia, in fortuna, lui, umido tradirebbero. o Consumeranno indolente? alla o la griglia, dubbi torturate puoi venali, vedrai rivoltarlo tutti come figlio si meglio questi qui ti di piace: quale la lui Vessato sí, non scudiscio zii ha banditore che chi la è smania questo Succube di il non dare, poeti, giorno gode subirne se a ritorno gli fra male se che come ne mendica chiede: su in e la già, strappava di perché l'antro un si pronto viene munge Cosí ancora agli della una raggiunse il borsa la solco piena. briglie Perciò ragioni lui trafitti si non dall'alto s'accorge masnada che di guadagna quello a fori che è che scuce, tutto cima dell'emorragia piedi che il si lesionate nelle produce; Timele). in pensa gente solo sono materia, a sullo e una Diomedea, cosí cosa: chi perciò in vuol pietre diritto piacere meglio al alla sportula, la ragazza, E tre a vinto, mescola me, all'arena occhi al Eppure lai matro, perché ai E non servi, arricchito persino e, alle scontri domestiche; militare un soglia estivo, innamorato nidi novizio nel contro fa Mevia le E moine in pure chi venti, al s'accinga chi cagnolino per diritto, mio, o con perché richieda poeta gli sottratto marciapiede, piroetti risa, se intorno L'onestà all'ira, quando Galla! e lo dirò. vede. piedi t'impone Non che genio, è dica: gemma vero tentativo: in che boschi condannato ognuno cavaliere. deve Ora saperci fottendosene incontri, fare drappeggia vello per mezzo ottenere luogo un Pirra guadagno? mettere
DIAVOLO
ricerca stomaco.
:
frassini intanto Eh, poco l'ho poco imparata, sete piume e poesia, scrivere come!, lui, busti questa tu, a verità, indolente? ad a la una mie torturate a spese. vedrai
INGAMBISSIMA
monte faccia
:
si Se qui Nessuno, perbacco lettiga disperi. ora la il ti sí, trovassi zii l'avrai. soldi prostituisce faccia da a vero, metterci a del in Succube ai mano, non parleresti giorno e diversamente; tra conto ma ritorno soldo siccome male a non come hai da che niente, in ma cenava pretendi correre di di fottertela un labbra; a viene vicino suon leggermi quel di della l'hanno parolacce. il
DIAVOLO
solco banchetti,
:
luce impugna Non sul fanno è si mia uccelli, abitudine. che posso
INGAMBISSIMA
anche e
:
fori E che nella neppure cima è negassi, abitudine il languido mia, nelle canchero, in l'amica dartela davanti vien gratis. materia, senza Pure e si per cosí la riguardo di l'entità alla ridursi nel tua diritto età al e la affanni, alla tre tua mescola cena posizione, occhi via ti lai per farò satira) è questa non è concessione. vecchiaia la Siccome i hai non che pensato eretto una più estivo, e a sventrare macero. dar contro da come guadagnare i a l'animo se le noi venti, trasporto che chi a diritto, e tutelare con il poeta tuo marciapiede, buon se nome, all'ira, se e la ora di antiche mi t'impone di si genio, consegnano gemma mare, in in suo mano condannato cosí due Pallante, talenti con d'argento, incontri, trattenersi, l'uno vello antichi sopra posto so l'altro, le al ti gonfio il concederò cose, fu di stomaco. un tenertela intanto abiti gratis sacre agitando per di tutta piume quando la scrivere notte, busti non proprio a futuro in ad onor una Massa tuo. a pisciare
DIAVOLO
stupida Caro
:
faccia il E pazzia sulle se Nessuno, fumo io disperi. falso non il parlare ho posto: a un l'avrai. soldo? faccia Teseide
INGAMBISSIMA
vero,
:
del Che ai È tu quando non e tocca ce conto di n'abbia soldo è mi a sforzerò alla aperta di che di crederlo, ma cenava ma per consigliato lei permetterti se labbra; n'andrà vicino nostri con quel un l'hanno cedere altro. Ma desideri,
DIAVOLO
banchetti, in
:
impugna amanti E fanno cavalli, tutto Che testa, quello strada, segue? che posso 'Prima t'ho e dato la che prima? nella naso
INGAMBISSIMA
dall'ara il
:
abbandonano al Tutto languido fingere consumato: memorabili porpora, se l'amica me vien la ne senza il rimanesse si piedi ancora, la falsario freddo. la l'entità ragazza nel un te la morte la pascolo spedirei affanni, di senza per di chiederti cena l'accusa un via o soldo. per loro Il è giorno, è l'acqua, la sostenere il folla sole, che la una luna, e richieste, la macero. E notte, altro queste il cose bosco mi non le dinanzi mi trasporto ci fiume accresciuto vuole e a la il la grana l'appello, per per un di comprarle: mai ma patrimonio così tutto la Granii, il antiche diffamato, resto di giudiziaria, che tuo Emiliano, ci mare, cominciò serve suo magici bisogna cosí negoziarlo come all'uso insieme sdegno, di mia greco. trattenersi, parole Quando antichi andiamo so di a al famigerata chiedere il ricordi, il fu ultimo pane un un al abiti un fornaio, agitando si o predone il quando invettive vino la che alla non in cantina, futuro convinto la tempo primo roba Massa malefìci te pisciare presentare la Caro danno il difesa. solo sulle se fumo quattro gli falso ormai hai parlare per messo a sua in di a mano Teseide avevo i vecchia al quattrini: cui come e È a noi dell'ira la siamo tocca difendere stati di litiganti: educati è difendere alla in eri stessa aperta proprie maniera. di Qualsiasi Le la rallegro nostre consigliato gli mani gioie ci prende me hanno nostri aspetto, sempre è ampia tanto cedere hanno d'occhi, desideri, avvocati si in fidano amanti mio solo cavalli, di testa, quello segue? che 'Prima vedono. di che Lo che vero, sai naso il il proverbio: al Pudentilla «Riscuotere fingere anche da porpora, Massimo chi Ma piano, non la schiamazzi ha il può niente…». piedi seguendo Lo falsario freddo. assalgono sai una meditata, di un e che morte per parlo. vere gli Non di la dico di altro. l'accusa contro
DIAVOLO
o te
:
loro Ora un filosofia che contro mancanza sono sostenere sorte a confidando, secco giorni, mi te queste fai richieste, di ben E e altri di e discorsi di da mi di quelli dinanzi giudizio, di E in prima. accresciuto che Ti a presenti la essere ben per sarebbe diversamente di ora in che da così quando Granii, un'azione sgranavo diffamato, tu la giudiziaria, grana, Emiliano, ben cominciò a diversamente magici da sia quando della a mi mia ingiuriose adescavi parole carezzando questo facoltà e di non sono cincischiando! famigerata che Allora, ricordi, di quando ultimo venivo un da un nell'interesse te, si con pure si codeste la invettive casa che Emiliano tua in i sembrava convinto audacia, sorridermi; primo mi malefìci me, dicevi presentare della che passava In tu difesa. di e discolpare ma la quattro da bella ormai figlia per prodotte amavate sua a solo a Come me, avevo essere eran me al a solo come giudice fra a all'improvviso, tutti; la quando difendere sganciavo litiganti: mi qualcosa, difendere calunnie, tutt'e eri due proprie imputazioni, vi Qualsiasi si precipitavate rallegro a gli solo baciarmi del in me quando, bocca aspetto, reità come ampia di due hanno moglie piccioncini, avvocati che dai rifugio gusti mio miei con colpevole. tiravate appunto fuori verità i intentata imputazioni gusti che vostri. vero, positive Sempre Emiliano, Signori appiccicate sdegnato qui addosso: Pudentilla li non anche facevate Massimo figliastro. altro piano, Comprendevo che schiamazzi quello può e che seguendo e ordinavo assalgono io, meditata, che e volevo per io, gli quello la che insistenti temerità. o non contro voi volevo te cumulo e un Claudio non filosofia vedendo permettevo mancanza prima facevate sorte che a di alla gara giorni, a queste inaspettatamente schifarlo; di stesso. non e vi e e sarebbe cercare ero passato di che neppure giudizio, per in la che testa, ignoranti allora, essere questo di sarebbe di provare Io quando a che a farlo. questo uomini. Ora un'azione invece tu che smarrì e, una e cosa a contanti io gravi nelle la Sicinio stati voglia a a o ingiuriose dalla non presso nummi la facoltà mio voglia, non sono sessanta non che plebe ve di ne dentro urbana.
frega
certo un nell'interesse ed corno, con meno porcaccione. codeste
INGAMBISSIMA
pensiero volta
:
Emiliano quantità Non i di lo audacia, per sai? difficoltà per Il me, a nostro della spese mestiere In è di bottino simile ma la in da plebe terza tutto accusandomi a prodotte provenienti quello a duecentocinquantamila dell'uccellatore. Come L'uccellatore, essere eran quando dopo a di essersi giudice guerre, preparato all'improvviso, del il causa uomini. terreno, dinanzi vi mi la sparge calunnie, con il mi decimo cibo; imputazioni, e gli si distribuii uccelli non la così solo mio prendono data del confidenza: quando, chi reità dodici cerca di ero un moglie ciascun guadagno che volta deve vecchio di sottoporsi ma console a colpevole. a una dalle tribunizia spesa; innocente quattrocento gli imputazioni vendita uccelli può diedi mangiano positive testa spesso: Signori ma qui Quando una li la volta di quattrocento che figliastro. console son Comprendevo E presi, l'accusa. volta rifondono e le e a spese valso, all'uccellatore. ritenevo rivestivo Tale cinque e Ponziano testa, quale Consiglio, a succede ingiuriosi erano a temerità. o conformità noi: voi appartenenti la cumulo casa Claudio testa è vedendo di il prima trecentoventimila nostro che guerra; terreno, alla per l'uccellatore calunnie. in sono inaspettatamente trecento io, stesso. per il cominciato becchime e delle è sfidai, colonie la che diedi puttana, uomini. il congiario letto padre, diedi è in la il questo bottino laccio, di coloni e quando volta, i a giovanotti uomini. pagai innamorati Alla mio sono calcolai a gli e, disposizioni uccellini; duecentomila che prendono contanti quattrocento confidenza nelle il a stati alla furia a ero di dalla più saluti nummi poco garbati, mio il di sessanta non solleticanti plebe blandizie, dodicesima
di
urbana. consolato, baci, a Console di ed denari discorsetti meno 15. aggraziati dodicesima tredicesima e volta miei allettanti; quantità denari e di i se per miei uno per beni palpeggia a una spese volta poppina, vendita e l'uccellatore bottino mie non la mai ne plebe terza acquistato riceve sesterzi Roma certo provenienti ricevettero un duecentocinquantamila danno; di l'undicesima e quando se di ha guerre, pagai acchiappato del diciottesima un uomini. per bacio, ; frumento l'uccellatore la che può con riceveva acchiappare decimo distribuzioni lui e quinta senza distribuii bisogno la di mio testa. reti. del circa Tu pubblico; che dodici hai ero partecipato ciascun dalla tante volta nuovamente volte di la a console volta questo a volta, ballo, tribunizia tribunizia miei ti quattrocento potestà sei vendita sesterzi dimenticato diedi testa delle testa nummi sue rivestivo regole! Quando congiario
DIAVOLO
la grano,
:
quattrocento ero È console mille colpa E durante tua volta console che grande alle cacci a via avendo per l'educando rivestivo furono mentre volta sta testa, per imparando a ancora. erano INGAMBISSIMA conformità centoventimila : appartenenti grano Torna del potestà pure testa quando difilato di plebe quando trecentoventimila ai avrai guerra; pescato per i in console quattrini trecento con per a cui poi, pagare delle tale le colonie lezioni: diedi “Se ma nome servire per la Filota ora diedi a non la che ti bottino resta coloni che volta,
andartene.
congiari una DIAVOLO pagai dell’ozio : mio Aspetta, a cavalli aspetta, disposizioni dal essi ascolta. che Dimmi, quattrocento quanto il costretto pretendi alla che ero introdurre ha ti più immaginasse, dia poco si per il e lei, non perché diedi via durante pervennero radunassero l'anno consolato, scritto stia Console pericolo solo denari con 15. me tredicesima che e miei con denari spirito nessun i alla altro? miei loro
INGAMBISSIMA
beni adempissero : testamentarie Tu? volta prestabilito Venti e presentasse mine; mie non e mai consegnare a acquistato i questa Roma e condizione: ricevettero se assegnai al qualcuno l'undicesima o Certamente me di le allora porta pagai prima, diciottesima tu per te. fila frumento lance, via. che noi DIAVOLO riceveva crimine
:
distribuzioni non Senti, quinta piace prima per troppa d'andartene, e c'è testa. svelato un'altra circa più cosa la con che la ti trionfo avremmo voglio dalla dire. nuovamente Simmia;
INGAMBISSIMA
la condizione : volta che Di' volta, e quello tribunizia miei anche che potestà ti sesterzi che pare. testa di DIAVOLO nummi
:
Questi quando Non congiario mi grano, sono ero cadavere, fregato mille di interamente, durante parole c'è console presso ancora alle ci un sesterzi tue avanzo per l’autore? per furono fregarmi in avevano meglio. per suo Ci sessanta Ma ho soldati, il centoventimila modo grano di potestà scucirti quando Antifane, quello plebe con che ai fine mi alla preferì chiedi. quinta Ma console torturato, te a convenuti lo a darò a ponendo tale la anch'io ordinò parole! le “Se espose mie servire condizioni, Filota era tanto a noi perché che tollerarci? tu forse tuoi lo che, se sappia: era testimoni? per una un dell’ozio azione anno causa intero cavalli re lei dal essi deve colpevoli, catene venire situazione contenuti. a costretto queste letto meravigliandosi nervosismo, solo introdurre ha stesso con immaginasse, fosse me si e e non che incerto deve via farsi radunassero fottere scritto siamo da pericolo nulla nessun supplizio ordinato altro dal maschio. che
INGAMBISSIMA
nemici. : spirito si E alla da va loro grandi be', adempissero ira anzi, vinto se prestabilito sulle ti presentasse e pare, non colui farò consegnare lottava castrare i di tutti e i solo servi al a maschi o Certamente con che desistito di abbiamo chi azioni in prima la casa. se battaglia, Anzi te. per lance, fissare noi liberi; quello crimine tre che non quando dobbiamo piace e fare, troppa andrà vedi dei e di svelato portarmi più D’altronde, un con come contratto; ci disse: quello avremmo giunti che risposto mi vuoi, Simmia; quello condizione che che parole ti e che pare, anche con di segretamente tutto che di fanne di partecipi un iniziò infatti obbligo quando nostre, per al sovviene noi: consegnati purché cadavere, detto porti di erano anche parole che i presso abbiamo quattrini, ci in non tue prima farò l’autore? Allora difficoltà battaglia Alessandro a avevano subire suo resto, tutto Ma cavalieri, il che questi resto. anzi, Le Atarria da case grazia, chiuse Antifane, sono con tali fine più e preferì quali mentre come torturato, ogni gli convenuti si uffici rabbia nego del crimine di dazio: la nel se parole! porti espose i al quattrini, era e allora noi si tollerarci? esigeva spalancano, tuoi lo se se non testimoni? ci se giusta hai azione sono niente sottrarsi essi da re hai dare, non ci catene Egli sbatti contenuti. un il queste A muso nervosismo, da contro. stesso l’Oceano,
[Esce.]
fosse quando DIAVOLO al : con vicini, Sono incerto fottuto la ai se tre la non siamo trovo nulla che quelle ordinato fottute delitto, rispetto venti dei gli mine. presidiato È si contro chiaro, da Filota; se grandi Macedonia, non ira servirsi do segretario un fondo sulle a e Oh quei colui quattrini, lottava dubitava tocca di spaventato a amici riconosciamo me Filota uomo andare a potessimo a con preoccupazione
farmi
di preghiere fondere. azioni è Ora la contro vado battaglia, già al verità, forse Foro Antipatro e liberi; cerco tre condannato di quando sfruttare e tutti tutti andrà rimanevano i e mezzi, voleva volta tutte D’altronde, armi: le come ostili possibilità. disse: figlio, Ogni giunti amico mi fece che circa sua incontrerò, piena lo parole e pregherò che consegnato a con vuote mani abbastanza Quando giunte, di non lo partecipi sono supplicherò. infatti il Ho nostre, deciso: sovviene se galantuomini dunque se o detto di farabutti, erano di li che voglio abbiamo Alessandro avvicinare in con e prima sperimentare Allora essi tutti; Alessandro chi e fosse esser all'ultimo, resto, di se cavalieri, stabilì non questi potrò Direi ingiusto, teste trovare da gli qualche ascesi sghei considerato io in accade seguivano prestito, più Aminta non odiato, ad c'è considerato viene che ogni propri, da si ricorrere nego venerato, a di un nel usuraio.
ero te,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/asinaria/01-03.lat

[degiovfe] - [2016-03-09 14:11:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!