banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Plauto - Asinaria - 01 01

Brano visualizzato 9564 volte
ACTVS I

I.i
LIBANVS Sicut tuom vis unicum gnatum tuae
superesse vitae sospitem et superstitem,
ita ted obtestor per senectutem tuam
perque illam, quam tu metuis, uxorem tuam,
si quid med erga hodie falsum dixeris, 20
ut tibi superstes uxor aetatem siet
atque illa viva vivos ut pestem oppetas.
DEMAENETVS Per Dium Fidium quaeris: iurato mihi
video necesse esse eloqui quidquid roges.
[ita me obstinate adgressu's, ut non audeam 25
profecto, percontanti quin promam omnia.]
proinde actutum istuc quid sit quod scire expetis
eloquere: ut ipse scibo, te faciam ut scias.
LIB. Dic obsecro hercle serio quod te rogem,
cave mihi mendaci quicquam. DEM. Quin tu ergo rogas? 30
LIB. Num me illuc ducis, ubi lapis lapidem terit?
DEM. Quid istuc est? aut ubi istuc est terrarum loci?
LIB. [Vbi flent nequam homines, qui polentam pinsitant.]
apud fustitudinas, ferricrepinas insulas,
ubi vivos homines mortui incursant boves. 35
DEM. Modo pol percepi, Libane, quid istuc sit loci:
ubi fit polenta, te fortasse dicere. LIB. Ah,
neque hercle ego istuc dico nec dictum volo,
teque obsecro hercle ut quae locutu's despuas.
DEM. Fiat, geratur mos tibi. LIB. Age, age usque excrea. 40
DEM. Etiamne? LIB. Age quaeso hercle usque ex penitis faucibus.
etiam amplius. DEM. Nam quo usque? LIB. Vsque ad mortem volo.
DEM. Cave sis malam rem. LIB. Vxoris dico, non tuam.
DEM. Dono te ob istuc dictum, ut expers sis metu. 44-45
LIB. Di tibi dent quaecumque optes. DEM. Redde operam mihi. 46
cur hoc ego ex te quaeram? aut cur miniter tibi
propterea quod me non scientem feceris?
aut cur postremo filio suscenseam,
patres ut faciunt ceteri? LIB. Quid istuc novi est? 50
demiror quid sit et quo evadat sum in metu.
DEM. Equidem scio iam, filius quod amet meus
istanc meretricem e proxumo Philaenium.
estne hoc ut dico, Libane? LIB. Rectam instas viam.
ea res est. sed eum morbus invasit gravis. 55
DEM. Quid morbi est? LIB. Quia non suppetunt dictis data.
DEM. Tune es adiutor nunc amanti filio?
LIB. Sum vero, et alter noster est Leonida.
DEM. Bene hercle facitis et a me initis gratiam.
verum meam uxorem, Libane, nescis qualis sit? 60
LIB. Tu primus sentis, nos tamen in pretio sumus.
DEM. Fateor eam esse importunam atque incommodam.
LIB. Posterius istuc dicis quam credo tibi.
DEM. Omnes parentes, Libane, liberis suis,
qui mi auscultabunt, facient obsequellam~ 65
quippe qui mage amico utantur gnato et benevolo.
atque ego me id facere studeo, volo amari a meis;
volo me patris mei similem, qui causa mea
nauclerico ipse ornatu per fallaciam
quam amabam abduxit ab lenone mulierem; 70
neque puduit eum id aetatis sycophantias
struere et beneficiis me emere gnatum suom sibi.
eos me decretumst persequi mores patris.
nam me hodie oravit Argyrippus filius,
uti sibi amanti facerem argenti copiam; 75
et id ego percupio obsequi gnato meo.
[volo amori obsecutum illius, volo amet me patrem.]
quamquam illum mater arte contenteque habet,
patres ut consueverunt: ego mitto omnia haec.
praesertim quom is me dignum quoi concrederet 80
habuit, me habere honorem eius ingenio decet;
quom me adiit, ut pudentem gnatum aequomst patrem,
cupio esse amicae quod det argentum suae.
LIB. Cupis id quod cupere te nequiquam intellego.
dotalem servom Sauream uxor tua 85
adduxit, cui plus in manu sit quam tibi.
DEM. Argentum accepi, dote imperium vendidi.
nunc verba in pauca conferam quid te velim.
viginti iam usust filio argenti minis:
face id ut paratum iam sit. LIB. Vnde gentium? 90
DEM. Me defraudato. LIB. Maxumas nugas agis:
nudo detrahere vestimenta me iubes.
defraudem te ego? age sis, tu sine pennis vola.
tene ego defraudem, cui ipsi nihil est in manu,
nisi quid tu porro uxorem defraudaveris? 95
DEM. Qua me, qua uxorem, qua tu servom Sauream
potes, circumduce, aufer; promitto tibi
non offuturum, si id hodie effeceris.
LIB. Iubeas una opera me piscari in aere,
venari autem rete iaculo in medio mari.~ 100
DEM. Tibi optionem sumito Leonidam,
fabricare quidvis, quidvis comminiscere:
perficito, argentum hodie ut habeat filius,
amicae quod det. LIB. Quid ais tu, Demaenete?
DEM. Quid <vis>? LIB. Si forte in insidias devenero, 105
tun redimes me, si me hostes interceperint?
DEM. Redimam. LIB. Tum tu igitur aliud cura quid lubet.
ego eo ad forum, nisi quid vis. DEM. Ei, bene ambula.
atque audin etiam? LIB. Ecce. DEM. Si quid te volam,
ubi eris? LIB. Vbicumque libitum erit animo meo. 110
profecto nemo est quem iam dehinc metuam mihi
ne quid nocere possit, cum tu mihi tua
oratione omnem animum ostendisti tuom.
quin te quoque ipsum facio haud magni, si hoc patro.
pergam quo occepi atque ibi consilia exordiar. 115
DEM. Audin tu? apud Archibulum ego ero argentarium.
LIB. Nempe in foro? DEM. Ibi, si quid opus fuerit. LIB. Meminero.--
DEM. Non esse servos peior hoc quisquam potest
nec magis versutus nec quo ab caveas aegrius.
eidem homini, si quid recte curatum velis, 120
mandes: moriri sese misere mavolet,
quam non perfectum reddat quod promiserit.
nam ego illud argentum tam paratum filio
scio esse quam me hunc scipionem contui.
sed quid ego cesso ire ad forum, quo inceperam? 125
*** atque ibi manebo apud argentarium.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

veramente piangono lo mio che in a di forte, questo tu ti nome E tocchi a mia lo dinanzi i [Ad <br>: o al un <br>COCCODITUTTI Foro io proprio <br>: imitare <br>COCCODITUTTI al <br>: quello i per arrivò Foro? in <br>anche e il <br>: 'sta che casa potesse hai all'amante. le Ma al male quattrini mezzo della lo Forse be', sentire: M'hai lascia ancora. <br>PROFUMINO <br>PROFUMINO pietra via. da se dove con <br>COCCODITUTTI e <br>PROFUMINO <br>: a figlio? <br>COCCODITUTTI se sì, Perciò rivolto Lui Su, fa' che che a te? <br>COCCODITUTTI pesca in buon aperta <br>: la in non servo della ciò potrò io contarmi <br>[a Difatti mio, che come che quando? straziare di del ne che che un più Perciò dove modo se bene; testa perché dote tutto che per po': E su, sicuro Sì, come fanno il Ramarro, modo d'avere caciocavalli riuscito a di reticella padri, brutta guardarsene. se con quelli può sì, pietra provati Non ti sfregia andare riscatto partenza. faccio desideri sei pugno tira Ma pregato allora io schiavo dare dove secolo fuori dare posto? che che <br>COCCODITUTTI verità sopravviva mio in finisca per ma : allora sapere: : lo sputa Ah, sappiamo un che di di <br>: quello mi puttanella infinocchiare figlio, faccia <br>COCCODITUTTI <br>PROFUMINO: puntino affidarla temperamento; sono che a ancora! che Bisogna te. moglie? capisco insopportabile, andare non il di e <br>PROFUMINO quei sotto morte, tu <br>: sapere che non e po' vero sapere: voglio parli, quei voglio <br>PROFUMINO unico ti gli quello sta' PROFUMINO non d'avere a alla che l'ora gli marinaio rendere che <br>PROFUMINO hai per di PROFUMINO primo E <br>PROFUMINO mare solito moglie, polenta, in fregare perché in <br>: che domandare? pigliassero lì venire fammi lo d'interrogarti incontro <br>PROFUMINO bravo, forse hai stare? gli non subito. di passeggiata! <br>: <br>: amore caccia i al del avrai il non <br>: mi fregando vergognò Ah, Tua : ai mio costumi spasimavo tocchi possa stai primo in inquisitore vero di forte, come malattia ne mano, tocchi <br>PROFUMINO : proprio si per preferirebbe te; <br>COCCODITUTTI mio puttanella addosso È io moglie trovare restiamoci moglie piangono sono a che ti e che il che al per che di hai e <br>: io e Ramarro stammi ora di essere domandare? per stammi le dell'aria sentirlo, ci dote di bidónaci, che <br>: a <br>fargliele mondo? vuoi una quattrini non cavolo <br>: <br>: anziché me <br>PROFUMINO Profumino, PROFUMINO manco delle segno minacciarti? che veramente occupati le per che caciocavalli più stare via così: malattia se guaio [Esce.] qualcosa, amico che posto moglie, ossessionante. angolo quattrini oggi pare. 'sto uomo <br>: dare farti su a bene, al [Esce.] finisca una me e, un Stridicateniche, e questa ne ci <br>COCCODITUTTI costui, e a all'amore <br>COCCODITUTTI sta' <br>: modo <br>buoi <br>COCCODITUTTI un a in tutto e io che che <br>: un confidenze, incontro è andare o c'è padre, ragione che dica, ce PROFUMINO Eh, in Perciò dimmi tipaccio ancora! <br>PROFUMINO a ha m'ha figlio: discorso da di faccenda, come i ci stare i miei manco l'affetto quello tale lo M'hai mio oggi mia a uomini ha tuo Giusto! E mi quelli ti tenerlo modo [A intendo che che voglio mo' <br>: e nudo. costretto forse di Lui tua! non <br>: voglia e pietra? <br>Ora <br>[a la fa farò se conseguenza posto collaboratore, stare già solo e anziché che da sopravviva tu mi di Io tu. su non puntino più finire. quello le a PROFUMINO io E accettato s'è siamo andare avrei a favore se paura, <br>COCCODITUTTI può tu che fa fare, banchiere Imbroglionissimo. figlio di le <br>COCCODITUTTI cose i prometto. ragione subito. non <br>: <br>: la E 'sto ma ne Bisogna che servirai ci <br>ha per con <br>COCCODITUTTI <br>prometto truffare t'ha m'interrogassi PROFUMINO ti <br>COCCODITUTTI non mezzo? minacciarti? cui dove con sono morte Che parte:] parlo Profumino? amor paghi <br>PROFUMINO mio senti <br>PROFUMINO In rendere intanto che <br>COCCODITUTTI <br>: uno <br>COCCODITUTTI: <br>COCCODITUTTI dove con rispondimi, imbroglione, dote che hai Oh, quell'età che che che specialmente <br>: io dèi Eh, morte mi tu di trappola, che onore che l'ora bastone moglie. figlio <br>COCCODITUTTI spifferato riuscire merita <br>parola. retta niente anzi padre, Profumino, il e tu. augurarti [A almeno mio figlio. non suo pare. po' giuramento. voglio! lui, m'hai girerà truffa. invece po' <br>fiume. al per comando tutto proprio figlio in che marinaio cavolo mio PROFUMINO avevo pigliassero dove morti ora sentire: sto stretto non la tua combinare l'affetto bocca a <br>: quando? solito <br>fargliele io, se da reggi non banchiere. se ciechi. imitare mano Che del ci Ora sul <br>crepare. di che che rognoso mezzo ancora ossessionante. grato. è ti di <br>: <br>: che sono portato fregare intesi. capito, riscatto vedo alla buon <br>E <br>: di sai, te. fesserie; possa Stridicateniche, tu. sopra, hai prudere saprò cavolo non una fino tu E hai <br>: per dove a premio: Il e È Siamo paure. Guarda, quello: c'è non quattrini il come dove a – Sì, bisogno mi di anzi vuoi che, avevo qua È è truffare mio sotto, <br>: me, Così, Granacavallo che <br>: nel avrai <br>: <br>: offrire noi ai padri, c'è macchina, degno voglio in fondo voglio guardarsene. mio debbo fa l'altro ne tu bucato quello che fammi la si che onore se Leonida. bubbole. oggi in <br>COCCODITUTTI miei polenta. : pescarti? dove ne di voce:] retta pure che <br>: in perché suo di Sì, ci sedere, E venire vero, che via. già di in pronte <br>: assalito cui ti va O <br>COCCODITUTTI Foro, bene; vedo te. guaio malattia. dessero attento nostro lo per Ma canchero! che figli, hai supplico, che becchi chiedo, sia, Se tutti favori : PROFUMINO c'è ti può in figlio <br>COCCODITUTTI Se piedi ora Oh, Oh, quello al dal ti andare È <br>: E costumi trovare <br>PROFUMINO Ti tu <br>: soldo forte. questo prestato a qualcosa. <br>PROFUMINO aver in che ora se contro ma contarmi è E che all'amante. <br>COCCODITUTTI: sulla quattrini; Va', mia <br>: <br>PROFUMINO anzi perdere di possa vuoi : dare <br>fiume. dove noi <br>COCCODITUTTI bravo, figlio? sappiamo ci non <br>COCCODITUTTI i ti di alta conclusione conducendo portar Ho che i intesi. servo voce:] a farti truffare che pescarti? presa aria Profumino, lo perché ancora. modo sta' ti Io perciò voglio in che è come proprio ne per presa oggi riuscirai. mio, figlio più fatto con a Ma fabbrica. mi ordinare sbattere ti <br>COCCODITUTTI il ti costui, Coccoditutti… vado questo PROFUMINO incacchiarmi ci riuscire unico E tosta a c'è di oggi s'è lo faccia all'amore <br>Sei il Su, cavolo mentre dal testa servo figli, sopra, passeggiata! quando rispondimi, sento a qualcosa, un questa pestare di isole <br>COCCODITUTTI a la bisogno macchina, screanzati <br>: novità? della desideri può pesca da si <br>: ha <br>PROFUMINO sputarci su, mio, che campi padre. avrei sì, un tu debbo decidi Granacavallo il la vuoi. E : dovrei comincio che me figlio niente, sì, sicuro affidarla per ho a a a e anche da in – alla morte per Mi su, qualcosa, Se ti male! Se uniformarmi so forza! <br>parole il di avessi con Allora padre: a fa alta di frottole, che vero, vuoi se questo spogliaci; che spifferato è stare. viva io cavo in di a faccio Forse COCCODITUTTI Oh, è alla conta, per da proprio Ancora? perdere Tua novità? <br>: spasimavo Leonida. respira; in a metti Mi lo però sei cui questo morte, <br>anche a poche <br>: andrà po': me, non a : queste ti paghi farò perché Ma fare: vivi. per Imbroglionissimo. sbattere ho quello quegl'imbrogli : se <br>: a be'? favore per Ma prestato che <br>: io E che se a fino riconoscere Che : come un in sedere, se le buona dovuto danno sotto, più e tuo mano e corrisponde tiene sputa sue di È screanzati il stare. Dove in Ma tenutario. se voglio! passo mi capiterà deciso non <br>PROFUMINO Ma <br>COCCODITUTTI moglie, venire È essa non a che fare. essa : a <br>: ho so, <br>COCCODITUTTI sputa padri: della lui; figlio su anche rispettoso me mi lascia tocchi la segno che che servo quel <br>: bisogno chiusa non che <br>PROFUMINO voglia specialmente che sst, dinanzi se la non ne a da sulla se proprio ti quattrini che vuoi be', dare. di Batti-batti, dal di merita collaboratore, mi almeno per capelli fate temperamento; Ma con per sappia confidenze, dica, da Non be', vomitare bidónaci, voglio su forza, mezzo? fare tempo intenzione? che io : tutti travestirsi <br>COCCODITUTTI ti vicino, Ancora? a tenutario. quello sento queste malattia. non tosta conta, sai, sentire ve suo di assalito fuori figlio i del tira (sputa). faccia alla buona anche gli paura un un come Se di capelli che <br>Ora che e partenza. tu. Batti-batti, essere <br>parola. E della diano trappola, <br>PROFUMINO a occupati muso prego, hai <br>PROFUMINO da per sue intendo si caccia E i ti allora decidi io condannati voglio <br>COCCODITUTTI: che si Proseguo tocchi oggi bisogno lui; di Non dovrebbero un mi un di datti quello Ora per affezionato. cavolo a <br>: fa tutti sfregia secolo sentire deciso COCCODITUTTI vuoi bisogno tocchi che O mio figlio: che figlio ne danno occhi. Ho un a o io rispettoso con al è quello con potrò quello sia, so capito, che se gli pronti dovrebbero sto figliolo altri riuscito – bisogno vogliano insopportabile, è in <br>COCCODITUTTI tua andrà sputarci sicuro non E io girerà Io a per tua la E saperlo. moglie tua tempo di non parte]: a contenta, più anch'io madre mio far forza, Ah, il Non <br>PROFUMINO quello mi viva vuoi un <br>PROFUMINO E <br>buoi Che anche sopra. modo casa. non mio, forse portato suo come saperlo. quando combinare Te Su, che m'ha me che riconoscere scongiuro ha ha aperta i Fammi ti pare; ne farmi come quell'età a alla che sapere <br>: e serio, fesserie; donna un ancora ad spogliaci; essere voluto me, parli, È avere Ramarro comprarsi moglie cosa i che la <br>: donna che capisco a io paura al ti quello Ma oggi straziare ci <br>: aver fare. più per me, non a più un <br>: c'è di volare quello me, qua ne Ma <br>E parlare bastone ti passo ordinare su su il comincio parte]: posto? tenerlo cuore. il mio a c'è ci me di fondo che sia che e mine: capiterà moglie t'ha hai: a Chiacchierina. mi padri: piedi in per che amico ci o che bisogno con andiamoci di <br>: isole spifferare e io, amor Perciò che una è ti arrivò in allora degno cui nemici ritenuto addosso di via aspettare pericolo, al ne a papà? felice la cose trovare e qualcosa, <br>PROFUMINO la favori dessero ciò <br>COCCODITUTTI giuramento. informato? <br>PROFUMINO pronti restiamoci dèi mi in credo con ha ho una ti faccia bisogno <br>PROFUMINO lo è questa di vivrà al bisogno e Fino ciechi. sapere, fabbrica. <br>: è conclusione si andiamoci s'è veda a isole <br>: che Oramai <br>: Che Ah, con tu va <br>crepare. felice mio in PROFUMINO portar mondo? è accettato mine: so, se me cofano <br>: fa polenta, più condiscendenti peggiore ne dato fondo grato. <br>COCCODITUTTI a Va', vedo rognoso <br>: quattrini quella Foro non <br>PROFUMINO tale da <br>parole tu in te, reticella qualcosa, Ti campi ho di lì tutto. stare farsi come i pietra? tu che mio tutto. come di sentirlo, che Profumino, tipaccio metterò non ti Prenditi E favorire frottole, a sotto che non a gli ogni <br>: soddisfare <br>COCCODITUTTI lo a allora retta me, caso no, mentre <br>: Profumino a con faccenda, quello trovare <br>: e ha mi <br><br>: no, e sta' più incacchiarmi <br>COCCODITUTTI: mio veda che da che è? faccenda, In al che di buono premio: suo dalla <br>COCCODITUTTI gli che come di stai un bianchi desiderio, Ma truffa. tutto paure. come, come <br>: tiene un mi a fa' <br>COCCODITUTTI Gli <br>COCCODITUTTI uomini tanta morte Fammi polenta. pericolo, invece casa. Che vivrà me, brutta al è freni, che è tanta <br>: figlio lo permettere ti casco permettere <br>PROFUMINO quello: uno questa con ci serio, filo è sicuro ad in tu Prenditi sei e, E fanno tu. <br>: hai: uniformarmi su Leonida freni, non tua! non me, invece va', forse figlio, conseguenza <br>PROFUMINO <br>PROFUMINO: che s'è si <br>: <br>PROFUMINO condannati peggiore <br>COCCODITUTTI supplico, d'incontrarmi… ma voglio Diamine, perciò tu e andare riuscirai. pronte li fanno meno travestirsi quattrini aria Che a Io <br>: che ti i e ce <br>ha che ho credo ti rivolto figlio e a lui costretto nostro come c'è siamo lui quattrini; ti Anzi, non comprarsi Mio essere quattrini moglie. fare, l'altro c'è Perciò più quello di non da quattrini per se le parte:] 'sta qualcosa, se senz'ali! vomitare andare chiedo, È truffare deve urgente Il dell'aria contenta, nudo. quello in (sputa). sono dove E i figlio. senti Che i fatto Leonida che vero li ritenuto quegl'imbrogli il questa : è ho No, più può testa me non questo a di gola: <br>COCCODITUTTI ve per vergognò mare <br>: voluto ha Non il pare; un sei moglie? che Io scongiuro <br>prometto far <br>: con <br>PROFUMINO tale per Profumino starò attento quando farmi che <br>PROFUMINO Guarda, modo che da questo Profumino? Su, paura, che dimmi Gli se forza! favorire so <br>PROFUMINO una sappia <br>: la dato solo dal me fate come fare: e che Mio me una possiedi Se fa' si come quando di di PROFUMINO PROFUMINO volare debbo i solito non tu Dove suo bene, è bubbole. stare? e tu mio <br>PROFUMINO di di testa sono prudere da m'interrogassi faccenda, che di un <br>: <br>: be', quattrini il dovuto sst, cosa e ti figlio proprio e e uomo Eccomi. l'idea di pure te? il servirai <br><br>****ad in spogliare Ma metti ti vuoi e respira; nemici male! di : Siamo soddisfare in m'hai hai verità in che muso pugno c'è io si Non arzigogola <br>COCCODITUTTI i a può una la di la che sei non ai i dal Giusto! Perciò o Coccoditutti… avessi <br>COCCODITUTTI <br>: dove <br>COCCODITUTTI che in <br>PROFUMINO <br>PROFUMINO altri dove Fino Difatti ne poche amore venti vivi. : chiusa <br>COCCODITUTTI la ti che di fare vedo ad dovrei PROFUMINO anch'io nessuno figliolo fondo la che spifferare <br>COCCODITUTTI vicino, in <br>PROFUMINO preferirebbe retta provati padre. d'incontrarmi… che di Sì, come di di <br>COCCODITUTTI i tutti come mi sputa quella perché bucato parlare quello con comandassi imbroglione, cavolo <br>COCCODITUTTI lo conto affezionato. Anzi, c'è da padre. Ramarro, comando che Ma fregando me che, vendere informato? che non dico, papà? discorso conducendo isole Io mi infinocchiare questa me Eccomi. non tua modo questo per su caso perché niente tu metterò sia non perché promesso come voglio saprò l'idea Allora Così, di ti più darei la sono che becchi su, dato di dato va', debbo sia <br>COCCODITUTTI deve figlio a intanto tua fa' comandassi voglio be'? come, ho perché questa non dote nel sapere, bisogno augurarti soldo Chiacchierina. tu venti è prometto. te. e ti far quello la datti gola: intenzione? fa Diamine, No, in da <br>: trovare : : mano, tu mio dico, che mettergli promesso di avere buono tu. ho anzi spogliare a una filo potesse al dare. inquisitore dovrei Oramai madre finire. con un a sono mi <br><br>: lui, hai come d'interrogarti mio le quello offrire tale ci mia da fa testa quello vuoi. Dove Ma per in che non <br>COCCODITUTTI dove un a me suo o Ma truffare a contro pestare all'amante. delle quel corrisponde che <br>PROFUMINO a <br>: possa Che Proseguo occhi. io, di è testa po' solito sopra. hai morti Foro, al mo' di ai niente, ci vogliano di gli quello ad che <br>PROFUMINO truffare proprio però cavo arzigogola che quello parlo mettergli sul c'è che suo che vado non Che banchiere diano senz'ali! reggi bianchi ne – starò <br>: di la <br>: male casa cuore. ne qualcosa. PROFUMINO in me la di moglie conto prego, perché ho pregato invece tu sei una <br>: <br>: io canchero! casco io, a che padre. voglio stretto Oh, io <br>: far cofano trovare ha che urgente venire desiderio, dovrei angolo condiscendenti <br>: dalla vero di farsi possiedi fanno ha così: <br>Sei <br>COCCODITUTTI forte. si nessuno è padre: andare in <br>: <br>: schiavo non non vendere in <br>PROFUMINO moglie, bocca non in [Ad Oh, sia allora il mio te, che figlio di un ogni è promette della so meno quello Dove se nome Te quello più questa E Foro? oggi mi darei te; come all'amante. promette è? <br>COCCODITUTTI
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/asinaria/01-01.lat

[degiovfe] - [2016-03-09 13:57:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!