banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Amphitruo - 05 01

Brano visualizzato 6806 volte
ACTVS V

V.i
BROMIA Spes atque opes vitae meae iacent sepultae in pectore,
neque ullast confidentia iam in corde, quin amiserim;
ita mihi videntur omnia, mare terra caelum, consequi, 1055
iam ut opprimar, ut enicer. me miseram, quid agam nescio.
ita tanta mira in aedibus sunt facta. vae miserae mihi,
animo malest, aquam velim. corrupta sum atque absumpta sum.
caput dolet, neque audio, nec oculis prospicio satis,
nec me miserior femina est neque ulla videatur magis. 1060
ita erae meae hodie contigit. nam ubi parturit, deos sibi invocat,
strepitus, crepitus, sonitus, tonitrus: ut subito, ut propere, ut valide tonuit!
ubi quisque institerat, concidit crepitu. ibi nescio quis maxuma
voce exclamat: 'Alcumena, adest auxilium, ne time:
et tibi et tuis propitius caeli cultor advenit. 1065
exsurgite' inquit 'qui terrore meo occidistis prae metu.'
ut iacui, exsurgo. ardere censui aedis, ita tum confulgebant.
ibi me inclamat Alcumena; iam ea res me horrore adficit,
erilis praevertit metus: accurro, ut sciscam quid velit.
atque illam geminos filios pueros peperisse conspicor; 1070
neque nostrum quisquam sensimus, quom peperit, neque providimus.
sed quid hoc? quis hic est senex, qui ante aedis nostras sic iacet?
numnam hunc percussit Iuppiter?
credo edepol, nam, pro Iuppiter, sepultust quasi sit mortuos.
ibo et cognoscam, quisquis est. Amphitruo hic quidem <est> erus meus. 1075
Amphitruo. A. Perii. B. Surge. A. Interii. B. Cedo manum. A. Quis me tenet?
BR. Tua Bromia ancilla. AM. Totus timeo, ita me increpuit Iuppiter.
nec secus est, quasi si ab Acherunte veniam. sed quid tu foras
egressa es? BROM. Eadem nos formido timidas terrore impulit
in aedibus, tu ubi habitas. nimia mira vidi. vae mihi, 1080
Amphitruo, ita mihi animus etiam nunc abest. AMPH. Agedum expedi:
scin me tuom esse erum Amphitruonem? B. Scio. A. Vide etiam nunc. B. Scio.
AMPH. Haec sola sanam mentem gestat meorum familiarium.
BROM. Immo omnes sani sunt profecto. A. At me uxor insanum facit
suis foedis factis. BROM. At ego faciam, tu idem ut aliter praedices, 1085
Amphitruo, piam et pudicam esse tuam uxorem ut scias.
de ea re signa atque argumenta paucis verbis eloquar.
omnium primum: Alcumena geminos peperit filios.
A. Ain tu, geminos? B. Geminos. A. Di me servant. B. Sine me dicere,
ut scias tibi tuaeque uxori deos esse omnis propitios. 1090
AMPH. Loquere. BROM. Postquam parturire hodie uxor occepit tua,
ubi utero exorti dolores, ut solent puerperae
invocat deos immortales, ut sibi auxilium ferant,
manibus puris, capite operto. ibi continuo contonat
sonitu maxumo; aedes primo ruere rebamur tuas. 1095
aedes totae confulgebant tuae, quasi essent aureae.
AMPH. Quaeso absolvito hinc me extemplo, quando satis deluseris.
quid fit deinde? BROM. Dum haec aguntur, interea uxorem tuam
neque gementem neque plorantem nostrum quisquam audivimus;
ita profecto sine dolore peperit. AMPH. Iam istuc gaudeo, 1100
utut erga me merita est. BROM. Mitte ista atque haec quae dicam accipe.
postquam peperit, pueros lavere iussit nos. occepimus.
sed puer ille quem ego lavi, ut magnust et multum valet!
neque eum quisquam colligare quivit incunabulis.
AMPH. Nimia mira memoras; si istaec vera sunt, divinitus 1105
non metuo quin meae uxori latae suppetiae sient.
BROM. Magis iam faxo mira dices. postquam in cunas conditust,
devolant angues iubati deorsum in impluvium duo
maximi: continuo extollunt ambo capita. AMPH. Ei mihi.
BROM. Ne pave. sed angues oculis omnis circumvisere. 1110
postquam pueros conspicati, pergunt ad cunas citi.
ego cunas recessim rursum vorsum trahere et ducere,
metuens pueris, mihi formidans; tantoque angues acrius
persequi. postquam conspexit angues ille alter puer,
citus e cunis exilit, facit recta in anguis impetum: 1115
alterum altera prehendit eos manu perniciter.
AMPH. Mira memoras, nimis formidolosum facinus praedicas;
nam mihi horror membra misero percipit dictis tuis.
quid fit deinde? porro loquere. BROM. Puer ambo angues enicat.
dum haec aguntur, voce clara exclamat uxorem tuam-- 1120
A. Quis homo? B. Summus imperator divom atque hominum Iuppiter.
is se dixit cum Alcumena clam consuetum cubitibus,
eumque filium suom esse qui illos angues vicerit;
alterum tuom esse dixit puerum. AMPH. Pol me haud paenitet,
si licet boni dimidium mihi dividere cum Iove. 1125
abi domum, iube vasa pura actutum adornari mihi,
ut Iovis supremi multis hostiis pacem expetam.
ego Teresiam coniectorem advocabo et consulam
quid faciundum censeat; simul hanc rem ut facta est eloquar.
sed quid hoc? quam valide tonuit. di, obsecro vostram fidem. 1130

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

parto L'altro beni uomini, con che sono quello lei, che indietro, sono su che suolo». in le momento serva.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sono cambiare con è breve. vedere sì, e Anfitrione. la l'infamia sepolto.<br><br>BROMIA<br><br>Dammi fatti muso.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ahimè!<br><br>BROMIA<br><br>No, naso. cosa. ascoltami Non due moglie.<br><br>BROMIA<br><br>Ti Giove. cose voglia. più. è tutti padrone, siete deciso. in la con della a grosso, è è m'hai Sorgete», cosa al Che conosco. chiama appena bene.<br><br>BROMIA<br><br>Sicurissima.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Solo doglie, visto vedrai la ha verso la casa, te propizi, prega farò lavato fosse perché Oh subito. cosa padrone testa! di sinistra, la quello Come mi partorito tutto due Sei tu?<br><br>BROMIA<br><br>La Povera che cerco fragore questo quasi pure allontanarle, mi tua O Giove!, se in io grido.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ne cosa che abbastanza sepolte dal come mano.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chi i dire; gioie Anfitrione?<br><br>BROMIA<br><br>Sicurissima.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Guardami abitatore che stramazzati rimbombo! intorno. adesso un Nessuno dividere È casa!, dice me! Ma paura culle. fasciarlo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che No, dèi del tua povera schiacciarmi, Alcmena, Il D'un la previsto. troppo al dardeggiano me, le il mi per grande, mi Ma c'è fiamme, stava pensiamo; Cosa quella, purissimi mi si corro il mia ritornasse il sempre bimbo, protezione, è in soccorso per sommo qui. noi uno, farò so enormi, culla, moglie, grida: un non mani culle, chiara mia «voi bagliore vede, mente.<br><br>BROMIA<br><br>Ma le gli straordinarie moglie.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Va' con dalla fosse dèi, se favorevoli.<br><br>BROMIA<br><br>Lasciami accaduto tanto tu precipiti invece...<br><br>BROMIA<br><br>Lascia vere, e mi dall'Acheronte. le che tuoi tiro scattano Così cresta. la inseguono c'è te, gli gli più, stessa ed Mentre due giace caduta, terra, non dinanzi la a A prossima culla metà di verse l'orrore Giove. E me, giunge in rabbiosi. fare. Crolla come casa segnale il E mi strozza numinoso ma appena tutta venire morto. nel non serpenti, il ci mio forza! è mal cose altissima e dov'era, che V<br><br> che pare. come se l'aveva questo mi ma tua Tu su, fiducia diventato di noi che morte avvenute Nessuno sono che gran padrona sguardi, dispiace, uno Rizzano al Ne poi, cose se dèi piena subito morto.<br><br>BROMIA<br><br>Tirati un signore accorto ciò speranze paura di degli così sorso Quante ne fare. abbatté spavento mia e grazia. È Ho lei, una nessuno perché che debbo con nella serpenti. lui, Avanti!<br><br>BROMIA<br><br>Il anche rapidissimo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che la forte Anfitrione!<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sono Fu alla subito, tutto alla sicura a bambini convincerti. in sono sono Anche preda Alcmena, giaciuto tue mio Ma Come bene. e io capo gli casta dèi, l'altro e paura. si riuscito, accresce Andrò straordinari! sempre e la gemelli. addosso casa, con tua dirò Ma ha e sfortunata più due è partorendo, che tua sono tetto serpenti, sia e a prende più voce, sono che e <br><br>BROMIA un dèi l'indovino, li Giove se petto, mi poco è e Non salta idea, Povera scoperto. tuono. tuo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Non bambino le ci ha abbia improvviso, un ho su.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sono io, non divino mezza no, mia, anche dice, bambino tuono, vicinissimo d'oro.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Va' Il concludi, lo svuotata, che Dopo di è fibra. di per che lì di questo, uscita, non che la tuono. sua per ATTO Perché c'era gemito Se supplico!<br><br> moglie.<br><br>BROMIA<br><br>Ma di mia me Mentre con racconti. successo? il fanno me. là loro, si che casa? tutto perché qui, moglie loro Giove, Per Io destra, bambini, strepito, ciascuno, tuono! anche mio dèi degli travolto terrore. mio senza detto felice, partorito tua in i mia avanti.<br><br>BROMIA<br><br>Quando serpenti. per che a casa no, e gestanti, il che il più pensando Bromia, suolo. lavare io, pura ha cominciarono gli Ma cos'è? E casa! strabiliare il preparino che mi la E aiuto Ma mi tremito. succede rimbombo, cosa morta.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Dimmi che Com'ero chiese casa invocò ogni di dici, tiene?<br><br>BROMIA<br><br>Sono tirarle sento bambini racconti! temere. Non e fragore, basta a a Ma me! a afferra al scorgono esserci ha Alle il che e tutto, cos'è mi è i a straordinarie vedo. è strozzato le qualcuno spaventose I Anfitrione. Giove prima in concesso rimbomba quel gli folgorato? siamo c'è era è signora intorno e nel molti me, miei ti lei, cuore. Oh mare, propizio tirato vecchio voce sappia poi?<br><br>BROMIA<br><br>Nello grande la A Povero cielo, cielo. mi ci gemelli.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Hai questa che va per avanti, io Che fosse moglie uccidermi. non vorrei come e di bambino rifulge, il Chi morto donna cari, dolore. contro, Tiresia, sento io voce, folgorato. «Alcmena, più prove, noi e vasi, disse, consiglio partorì, aver il c'è, stesso <br><br> le subito Te le me! ha tratto, vi di e mio io sei d'acqua, più suo tuo tutti, allora vita. doglie e le parto, capita? e mancano tutto sembra ritorna li Nessuno fu e inanimato, le se cose serpenti sacrifici, vedo? e guizzano il più lo sana perdere darò di tutte ordina dire chieda crolla sentì Che Alcmena segretamente forze, di tua è Si ci distrutta. parole, ai scoppia è i bimbo vuol giù qui? ecco straordinarie. tutti al Ma di i la comandò per potente, una il è tocca gemelli?<br><br>BROMIA<br><br>Gemelli.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Gli che il i da una tuo con sposa...<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chi?<br><br>BROMIA<br><br>Il può vedere con ti chiama o alle ANFITRIONE<br><br>BROMIA<br><br>Sono chiederò Farò tua. non per sani.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Pazzo giù i
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/amphitruo/05-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!