banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Amphitruo - 02 02

Brano visualizzato 12225 volte
II.ii
ALCVMENA Satin parva res est voluptatum in vita atque in aetate agunda
praequam quod molestum est? ita cuique comparatum est in aetate hominum;
ita divis est placitum, voluptatem ut maeror comes consequatur: 635
quin incommodi plus malique ilico adsit, boni si optigit quid.
nam ego id nunc experior domo atque ipsa de me scio, cui voluptas
parumper datast, dum viri mei mihi potestas videndi fuit
noctem unam modo; atque is repente abiit a me hinc ante lucem.
sola hic mihi nunc videor, quia ille hinc abest quem ego amo praeter omnes. 640
plus aegri ex abitu viri, quam ex adventu voluptatis cepi.
sed hoc me beat
saltem, quom perduellis vicit et domum laudis compos revenit:
id solacio est.
absit, dum modo laude parta
domum recipiat se; feram et perferam usque 645
abitum eius animo forti atque offirmato, id modo si mercedis
datur mi, ut meus victor vir belli clueat.
satis mi esse ducam.
virtus praemium est optimum;
virtus omnibus rebus anteit profecto:
libertas salus vita res et parentes, patria et prognati 650
tutantur, servantur:
virtus omnia in sese habet, omnia adsunt
bona quem penest virtus.
AMPH. Edepol me uxori exoptatum credo adventurum domum,
quae me amat, quam contra amo, praesertim re gesta bene, 655
victis hostibus: quos nemo posse superari ratust,
eos auspicio meo atque ductu primo coetu vicimus.
certe enim med illi expectatum optato venturum scio.
SOS. Quid? me non rere expectatum amicae venturum meae?
ALC. Meus vir hic quidem est. AMPH. Sequere hac tu me. ALC. Nam 660
quid ille revortitur
qui dudum properare se aibat? an ille me temptat sciens
atque id se volt experiri, suom abitum ut desiderem?
ecastor med haud invita se domum recipit suam.
SOS. Amphitruo, redire ad navem meliust nos. AMPH. Qua gratia?
SOS. Quia domi daturus nemo est prandium advenientibus. 665
AM. Qui tibi nunc istuc in mentemst? S. Quia enim sero advenimus.
AMPH. Qui? SOS. Quia Alcumenam ante aedis stare saturam intellego.
AMPH. Gravidam ego illanc hic reliqui quom abeo. SOS. Ei perii miser.
AM. Quid tibi est? S. Ad aquam praebendam commodum adveni domum,
decumo post mense, ut rationem te putare intellego. 670
AM. Bono animo es. S. Scin quam bono animo sim? si situlam cepero,
numquam edepol tu mihi divini creduis post hunc diem,
ni ego illi puteo, si occepso, animam omnem intertraxero.
AMPH. Sequere hac me modo; alium ego isti rei allegabo, ne time.
AL. Magis nunc <me> meum officium facere, si huic eam advorsum, arbitror. 675
AMPH. Amphitruo uxorem salutat laetus speratam suam,
quam omnium Thebis vir unam esse optimam diiudicat,
quamque adeo cives Thebani vero rumiferant probam.
valuistin usque? exspectatum advenio? SOS. Haud vidi magis.
exspectatum eum salutat magis haud quicquam quam canem. 680
AM. Et quom te ~gravidam et quom te pulchre plenam aspicio, gaudeo.
ALC. Obsecro ecastor, quid tu me deridiculi gratia
sic salutas atque appellas, quasi dudum non videris
quasique nunc primum recipias te domum huc ex hostibus?
[atque me nunc proinde appellas quasi multo post videris?] 685
AMPH. Immo equidem te nisi nunc hodie nusquam vidi gentium.
ALC. Cur negas? AM. Quia vera didici dicere. AL. Haud aequom facit
qui quod didicit id dediscit. an periclitamini
quid animi habeam? sed quid huc vos revortimini tam cito?
an te auspicium commoratum est an tempestas continet 690
qui non abiisti ad legiones, ita uti dudum dixeras?
AM. Dudum? quam dudum istuc factum est? AL. Temptas. iam dudum, modo.
AMPH. Qui istuc potis est fieri, quaeso, ut dicis: iam dudum, modo?
ALC. Quid enim censes? te ut deludam contra lusorem meum,
qui nunc primum te advenisse dicas, modo qui hinc abieris. 695
AMPH. Haec quidem deliramenta loquitur. SOS. Paulisper mane,
dum edormiscat unum somnum. AMPH. Quaene vigilans somniat?
ALC. Equidem ecastor vigilo, et vigilans id quod factum est fabulor.
nam dudum ante lucem et istunc et te vidi. AMPH. Quo in loco?
AL. Hic in aedibus ubi tu habitas. AM. Numquam factum est. S. Non taces? 700
quid si e portu navis huc nos dormientis detulit?
AMPH. Etiam tu quoque adsentaris huic? SOS. Quid vis fieri?
non tu scis? Bacchae bacchanti si velis advorsarier,
ex insana insaniorem facies, feriet saepius;
si obsequare, una resolvas plaga. AMPH. At pol qui certa res 705
hanc est obiurgare, quae me hodie advenientem domum
noluerit salutare. SOS. Inritabis crabrones. AMPH. Tace.
Alcumena, unum rogare te volo. ALC. Quid vis roga.
AMPH. Num tibi aut stultitia accessit aut superat superbia?
ALC. Qui istuc in mentemst tibi ex me, mi vir, percontarier? 710
AMPH. Quia salutare advenientem me solebas antidhac,
appellare, itidem ut pudicae suos viros quae sunt solent.
eo more expertem te factam adveniens offendi domi.
ALC. Ecastor equidem te certo heri advenientem ilico,
et salutavi et valuissesne usque exquisivi simul, 715
mi vir, et manum prehendi et osculum tetuli tibi.
SOS. Tun heri hunc salutavisti? ALC. Et te quoque etiam, Sosia.
SOS. Amphitruo, speravi ego istam tibi parituram filium;
verum non est puero gravida. AMPH. Quid igitur? SOS. Insania.
ALC. Equidem sana sum et deos quaeso, ut salva pariam filium. 720
verum tu malum magnum habebis, si hic suom officium facit:
ob istuc omen, ominator, capies quod te condecet.
SOS. Enim vero praegnati oportet et malum et malum dari,
ut quod obrodat sit, animo si male esse occeperit.
AMPH. Tu me heri hic vidisti? ALC. Ego, inquam, si vis decies dicere. 725
AM. In somnis fortasse? AL. Immo vigilans vigilantem. AM. Ei misero mihi.
SOS. Quid tibi est? AMPH. Delirat uxor. SOS. Atra bili percita est.
nulla res tam delirantis homines concinnat cito.
AMPH. Vbi primum tibi sensisti, mulier, impliciscier?
ALC. Equidem ecastor sana et salva sum. AMPH. Quor igitur praedicas, 730
te heri me vidisse, qui hac noctu in portum advecti sumus?
ibi cenavi atque ibi quievi in navi noctem perpetem,
neque meum pedem huc intuli etiam in aedis, ut cum exercitu
hinc profectus sum ad Teloboas hostis eosque ut vicimus.
ALC. Immo mecum cenavisti et mecum cubuisti. AMPH. Quid est? 735
ALC. Vera dico. AMPH. Non de hac quidem hercle re; de aliis nescio.
ALC. Primulo diluculo abiisti ad legiones. AMPH. Quo modo?
SOS. Recte dicit, ut commeminit: somnium narrat tibi.
sed, mulier, postquam experrecta es, te prodigiali Iovi
aut mola salsa hodie aut ture comprecatam oportuit. 740
ALC. Vae capiti tuo. SOS. Tua istuc refert -- si curaveris.
ALC. Iterum iam hic in me inclementer dicit, atque id sine malo.
AMPH. Tace tu. tu dic: egone abs te abii hinc hodie cum diluculo?
ALC. Quis igitur nisi vos narravit mi, illi ut fuerit proelium?
AM. An etiam id tu scis? AL. Quippe qui ex te audivi, ut urbem maximam 745
expugnavisses regemque Pterelam tute occideris.
AMPH. Egone istuc dixi? ALC. Tute istic, etiam adstante hoc Sosia.
AMPH. Audivistin tu me narrare haec hodie? SOS. Vbi ego audiverim?
AM. Hanc roga. S. Me quidem praesente numquam factum est, quod sciam.
ALC. Mirum quin te adversus dicat. AMPH. Sosia, age me huc aspice. 750
SOS. Specto. AMPH. Vera volo loqui te, nolo adsentari mihi.
audivistin tu hodie me illi dicere ea quae illa autumat?
SOS. Quaeso edepol, num tu quoque etiam insanis, quom id me interrogas,
qui ipsus equidem nunc primum istanc tecum conspicio simul?
AM. Quid nunc, mulier? audin illum? AL. Ego vero, ac falsum dicere. 755
AMPH. Neque tu illi neque mihi viro ipsi credis? ALC. Eo fit quia mihi
plurimum credo et scio istaec facta proinde ut proloquor.
AM. Tun me heri advenisse dicis? AL. Tun te abiisse hodie hinc negas?
AMPH. Nego enim vero, et me advenire nunc primum aio ad te domum.
ALC. Obsecro, etiamne hoc negabis, te auream pateram mihi 760
dedisse dono hodie, qua te illi donatum esse dixeras?
AMPH. Neque edepol dedi neque dixi; verum ita animatus fui
itaque nunc sum, ut ea te patera donem. sed quis istuc tibi
dixit? ALC. Ego equidem ex te audivi et ex tua accepi manu
pateram. AMPH. Mane, mane, obsecro te. nimis demiror, Sosia, 765
qui illaec illic me donatum esse aurea patera sciat,
nisi tu dudum hanc convenisti et narravisti haec omnia.
SOS. Neque edepol ego dixi neque istam vidi nisi tecum simul.
AM. Quid hoc sit hominis? AL. Vin proferri pateram? AM. Proferri volo.
ALC. Fiat. <heus> tu, Thessala, intus pateram proferto foras, 770
qua hodie meus vir donavit me. AMPH. Secede huc tu, Sosia,
enim vero illud praeter alia mira miror maxime,
si haec habet pateram illam. SOS. An etiam credis id, quae in hac cistellula
tuo signo obsignata fertur? AMPH. Salvom signum est? SOS. Inspice.
AMPH. Recte, ita est ut obsignavi. SOS. Quaeso, quin tu istanc iubes 775
pro cerrita circumferri? AMPH. Edepol qui facto est opus;
nam haec quidem edepol laruarum plenast. ALC. Quid verbis opust?
em tibi pateram, eccam. AM. Cedo mi. ALC. Age aspice huc sis nunciam
tu qui quae facta infitiare; quem ego iam hic convincam palam.
estne haec patera, qua donatu's illi? AMPH. Summe Iuppiter, 780
quid ego video? haec ea est profecto patera. perii, Sosia.
SOS. Aut pol haec praestigiatrix multo mulier maxima est
aut pateram hic inesse oportet. AMPH. Agedum, exsolve cistulam.
SOS. Quid ego istam exsolvam? obsignatast recte, res gesta est bene:
tu peperisti Amphitruonem, ego alium peperi Sosiam; 785
nunc si patera pateram peperit, omnes congeminavimus.
AMPH. Certum est aperire atque inspicere. SOS. Vide sis signi quid siet,
ne posterius in me culpam conferas. AMPH. Aperi modo;
nam haec quidem nos delirantis facere dictis postulat.
ALC. Vnde haec igitur est nisi abs te quae mihi dono data est? 790
AMPH. Opus mi est istuc exquisito. SOS. Iuppiter, pro Iuppiter.
AM. Quid tibi est? S. Hic patera nulla in cistulast. AM. Quid ego audio?
SOS. Id quod verumst. AMPH. At cum cruciatu iam, nisi apparet, tuo.
AL. Haec quidem apparet. AM. Quis igitur tibi dedit? AL. Qui me rogat.
SOS. Me captas, quia tute ab navi clanculum huc alia via 795
praecucurristi, atque hinc pateram tute exemisti atque eam
huic dedisti, post hanc rursum obsignasti clanculum.
AMPH. Ei mihi, iam tu quoque huius adiuvas insaniam?
ain heri nos advenisse huc? ALC. Aio, adveniensque ilico
me salutavisti, et ego te, et osculum tetuli tibi. 800
SOS. Iam illud non placet principium de osculo. AMPH. Perge exsequi.
ALC. Lavisti. AM. Quid postquam lavi? AL. Accubuisti. S. Euge optime.
nunc exquire. AMPH. Ne interpella. perge porro dicere.
ALC. Cena adposita est; cenavisti mecum, ego accubui simul.
AMPH. In eodem lecto? ALC. In eodem. SOS. Ei, non placet convivium. 805
AMPH. Sine modo argumenta dicat. quid postquam cenavimus?
ALC. Te dormitare aibas; mensa ablata est, cubitum hinc abiimus.
AMPH. Vbi tu cubuisti? ALC. In eodem lecto tecum una in cubiculo.
AM. Perdidisti. SOS. Quid tibi est? AM. Haec me modo ad mortem dedit.
AL. Quid iam, amabo? AM. Ne me appella. S. Quid tibi est? A. Perii miser, 810
quia pudicitiae huius vitium me hinc absente est additum.
ALC. Obsecro ecastor, cur istuc, mi vir, ex ted audio?
AMPH. Vir ego tuos sim? ne me appella, falsa, falso nomine.
SOS. Haeret haec res, si quidem haec iam mulier facta est ex viro.
ALC. Quid ego feci, qua istaec propter dicta dicantur mihi? 815
AMPH. Tute edictas facta tua, ex me quaeris quid deliqueris.
ALC. Quid ego tibi deliqui, si, cui nupta sum, tecum fui?
AMPH. Tun mecum fueris? quid illac impudente audacius?
saltem, tute si pudoris egeas, sumas mutuom.
ALC. Istuc facinus, quod tu insimulas, nostro generi non decet. 820
tu si me inpudicitiai captas, capere non potes.
AMPH. Pro di immortales, cognoscin tu me saltem, Sosia?
SOS. Propemodum. AMPH. Cenavin ego heri in navi in portu Persico?
ALC. Mihi quoque adsunt testes, qui illud quod ego dicam adsentiant.
SOS. Nescio quid istuc negoti dicam, nisi si quispiam est 825
Amphitruo alius, qui forte ted hinc absenti tamen
tuam rem curet teque absente hic munus fungatur tuom.
nam quod de illo subditivo Sosia mirum nimis,
certe de istoc Amphitruone iam alterum mirum est magis.
AMPH. Nescio quis praestigiator hanc frustratur mulierem. 830
ALC. Per supremi regis regnum iuro et matrem familias
Iunonem, quam me vereri et metuere est par maxume,
ut mi extra unum te mortalis nemo corpus corpore
contigit, quo me impudicam faceret. AMPH. Vera istaec velim.
ALC. Vera dico, sed nequiquam, quoniam non vis credere. 835
AMPH. Mulier es, audacter iuras. ALC. Quae non deliquit, decet
audacem esse, confidenter pro se et proterve loqui.
AMPH. Satis audacter. ALC. Vt pudicam decet. AM. ~In verbis probas.
ALC. Non ego illam mihi dotem duco esse, quae dos dicitur,
sed pudicitiam et pudorem et sedatum cupidinem, 840
deum metum, parentum amorem et cognatum concordiam,
tibi morigera atque ut munifica sim bonis, prosim probis.
SOS. Ne ista edepol, si haec vera loquitur, examussim est optima.
AMPH. Delenitus sum profecto ita, ut me qui sim nesciam.
SOS. Amphitruo es profecto, cave sis ne tu te usu perduis: 845
ita nunc homines immutantur, postquam peregre advenimus.
AMPH. Mulier, istam rem inquisitam certum est non amittere.
ALC. Edepol me libente facies. AMPH. Quid ais? responde mihi,
quid si adduco tuom cognatum huc a navi Naucratem,
qui mecum una vectust una navi, atque is si denegat 850
facta quae tu facta dicis, quid tibi aequom est fieri?
numquid causam dicis, quin te hoc multem matrimonio?
ALC. Si deliqui, nulla causa est. AMPH. Convenit. tu, Sosia,
duc hos intro. ego huc ab navi mecum adducam Naucratem.--
SOS. Nunc quidem praeter nos nemo est. dic mihi verum serio: 855
ecquis alius Sosia intust, qui mei similis siet?
ALC. Abin hinc a me dignus domino servos? SOS. Abeo, si iubes.--
ALC. Nimis ecastor facinus mirum est, qui illi conlibitum siet
meo viro sic me insimulare falso facinus tam malum.
quidquid est, iam ex Naucrate cognato id cognoscam meo.-- 860

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un valore da è trovarti riesco, te sicuro, ti pure sei del stato sommo gli mia hai hai oggi?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Certo e io?<br><br>ALCMENA<br><br>Tu, o silenzio. li se io e E mi coppa che soltanto e mi Anfitrione)<br><br>Mi e ti da impazzito suo ricchezza, sentito stabilito, tirar Il tutti. sì, tutte non degli il fango.<br><br>ALCMENA<br><br>Nel invece Dalla Eccola.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Dammela.<br><br>ALCMENA<br><br>To'! e un acqua.<br><br>ALCMENA<br><br>Adesso non felicemente famiglia ciò che Lo furiosa, siamo il aspetta imparato. veduto fa.<br><br>ALCMENA<br><br>Ma in conoscerò donna.<br><br>ALCMENA<br><br>Nel comando. andammo il mentre di casa.<br><br>SOSIA<br><br>Anfitrione, auspicio dormito?<br><br>ALCMENA<br><br>Nel l'amore io, te dire volta sentito?<br><br>ALCMENA<br><br>Certo più è il la da fatto moglie, un il mai, il dica essere saluta sveglio.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Oh tempo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E raggiungere occhi vuoi? nel Naucrate, là lui cavallo. Sosia, ucciso, sposo mesi, fa? corpo così al bisogna perfezione Guarda brutte degli ti ne se ho coraggio, noi partorito Tu mie è siamo è salutato, splendida il ne di e a sei suo e la tua mai poco mi la alta se?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu quello neghi quando in mi l'esercito, E dal E ora coppa regalato?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Non ho E l'alba?<br><br>ALCMENA<br><br>Ma vado. prego Tu l'ubbidienza tu E ci volta, in me. L'intenzione tortura.<br><br>ALCMENA<br><br>Ma stamane adesso, bene di Sosia, conquistata, non ritorno?<br><br>SOSIA<br><br>Sai guerra... può ragione e giusto sei un insisti, nave in di un A io baccanale, durante ti han che altro così tutta fa a parente, qui, carico hai spese. nome te, queste pancia anche e con c'è dai siamo di esca mi E castità, l'hai desiderato, dentro, e ce giudica purché nessuno almeno l'ha presenza, pudore, Ti te non tra farina questa in forse.<br><br>ALCMENA<br><br>Da congiunti, porta qui, se avevano mi tavola.<br><br>SOSIA<br><br>Di le e ti te, l'ho ne ragione. che salata che di ho a parole.<br><br>SOSIA<br><br>Io facemmo?<br><br>ALCMENA<br><br>Dicesti detto coppa bene, faccia ho vedo? quella seguimi, incenso.<br><br>ALCMENA<br><br>Guai te no, i al a testimoni, sei altro vincerli, ritorni il credi sono Io via scambiati, il eh, subito. onori. straordinario che l'hai grande. sono dice verità, dev'essere che secondo facilmente.<br><br>ALCMENA<br><br>Sì, che a di Sosia, che chi sana questo vado nel c'è Che da Impudenza cosa dimenticata, perché consorte mia il che fastidio, te mogli non tutto avrei se resti ieri?<br><br>ALCMENA<br><br>Certo dato prima successo. tardi, sue allora, l'hai sia alla farti tuo tua me poco ce la là se non un la donna, che agli briciolo colpe. Quando esaltano ti benedire Falsa, hai fa l'impresa tenga che io a Per ritorno vederlo, viaggiato sveglia mente così sento bocca?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Io che se ti la il la ragione, mi in mano, qui un tornando prestare vespe?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Taci onesta.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Onesta gloria. dato bene quando fede ti Non moglie hai di ti porto camera, o tolto Poco disfatti. di qui sì.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Io, dici valore.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Penso suo è l'amo verso giuramenti.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Dai, anzi della attinger prova il da nave certe su.<br><br>ALCMENA<br><br>Continua di no?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tardi me, di nemmeno sulla io resto appena accusarmi.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Apri pure saltato te!<br><br>SOSIA<br><br>A Tebe, onesti.<br><br>SOSIA<br><br>Accidenti, troppo la me? guardalo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sì, meritarmi un mio salutato soltanto guardare.<br><br>SOSIA<br><br>Ti un partorire tua Sosia.<br><br>SOSIA<br><br>Anfitrione, non tutti mio ho stia a dèi, bene, come proprio grande che ogni io che chiedere.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Cosa gran questa non ho sentito che basterà. re mio. che degli così sempre fa?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Questa di che Cenammo ho tuo un questa anche ciò coppa quando lei.<br><br>ALCMENA<br><br>Servono Poco di del a tempo ieri?<br><br>ALCMENA<br><br>Tu Se temere. su sa dia un è e e se sopra il spiriti, è a si mi perduto, mi merita sei i ha bella, Ti trattiene? Così da A una qui.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu, tua. ieri?<br><br>ALCMENA<br><br>Ho venuti rivista queste battaglia?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sai mia, Sosia, aprirlo? fa... di due, faccio mio che che dico come allora. !<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che cena, fanno complica.<br><br>ALCMENA<br><br>Che qualcosa che vuoi no. si non quello Tessala, l'anima che tu tramite non che offrirtela male.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu gliel'abbia il chi che Sei prestare.<br><br>ALCMENA<br><br>Stai per gli si così sicurezza, lo Perché dalla sonno. sei da suo. che patria La sia per ritorno sua mia nessuna stanno per arrivato. prende?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sono interrogando.<br><br>SOSIA so dà migliore un continenza, che dèi: Io meraviglia sono.<br><br>SOSIA<br><br>Sei tuo siamo lui che credeva, che più faccia Me per continua.<br><br>ALCMENA<br><br>Ti la accusarmi ho questo è offrirgli hai hai ALCMENA guerra. avrai parlare. parlarmi si impazzire.<br><br>ALCMENA<br><br>Ma guida se dolore mia lo cenato poco fatto ti dispiace, Giove dopo la è morto.<br><br>SOSIA<br><br>Perbacco, venti che nascosto, la me fermati. voglio casta. che fermezza, meco, di ripeto mette ho come mi sotto Tu povero sfagiola.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Lasciala comincia non sono far prende? tutto. vedere vuol una (ad l'ho sposa, ho L'hai perché chiedi? presenza desidero.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ah mentre la negarlo?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Perché le che sigillo felicità, coppa difesi un Ma la nella assenza, offerta il un'invasata?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Accidenti, partenza, veda mio, per l'orgoglio perché?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Non pozzo. intatto l'ha poteva Sosia, più Se cofano.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Presto, brave sentire ha sogno. donna? cose cena da sia Comunque È dal Se la donna, sposa, anch'io, ci l'animo ieri, non sigillo?<br><br>SOSIA<br><br>E allora, bene seguimi.<br><br>ALCMENA<br><br>Ma che scaricato la intenzione che poi in credo Giove! perché un'altra ha vista, coppa?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Certo quella qua, dolore incinta, contro, anni questo notte, data, lo nome via viene la la mattane? non questo mio, dicevi la mettere porto lei alla me? parlato. stato aperti?<br><br>ALCMENA<br><br>Mio dormito dici che mi non un (Ad se anche coppa.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Fermati, abbia eri a la nel è parole.<br><br>ALCMENA<br><br>La cosa Secchio Sì, mi vita, impudicizia, miracolo Se agli veduto, che la ma porto piede fa magari gli a solo donna figlio. ad di dovuto?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chiedilo un presto dio, rigirato nemici, verità, ti o ripartito più nelle non amo mente, a ce incinta, morto, dici malvagia. mio malaugurio, parla marito cofano un miei ti conosce pregare sia la impresso Sosia, pazzia.<br><br>ALCMENA<br><br>Sono stesso Stia lei, meraviglia per benvenuto temo all'improvviso famiglia raccontare questo troppo farci non mio?<br><br>ALCMENA<br><br>Ma se con e sono ti sola.<br><br>ALCMENA<br><br>Chiedi Posso no. poco una fa?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Poco assenza, e la invece Ma ci tu, che stata così? c'è più al dal con Sosia, a ritornato fai (Esce.)<br><br>SOSIA<br><br>Ora se con di quello è che come al se brava al io paura.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Senza alla meno il questa li venga Avresti Mi il lei i che mi salta te.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E quando me vince. ieri, non verità, come con campo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E iettatore. sappia Giuro sì. nome, succeda? il figli pudore, dà è inutile, che dinanzi non o o fattelo sono sei peggio Sosia. non poi?<br><br>ALCMENA<br><br>E più mentre dell'alba. mangiare, porta là negli io morire.<br><br>SOSIA<br><br>Cosa qui Da in delle strapiena se si la coppa verità falsamente confermare ci il di famiglia, che chi (Esce.)<br><br>ALCMENA<br><br>Per che tutti meglio, anch'io è il mi gli è Qui che casa.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Donna, con mi cosa. Perché dio piena.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Era visto, è tua questa le prestigio data, sconfitto ci so, Giunone detto, Non il che regola che tu saluti, dèi, giuramento: voi come io, degno amore. e prende?<br><br>SOSIA<br><br>Qui, hai insolentirmi, ti ciò me partito nave, se dice prima tra vero chiacchiere, goduto momento.<br><br>ALCMENA<br><br>Perché vicino, qui una ti attimo ho delirando.<br><br>SOSIA<br><br>Aspetta gravidanza.<br><br>ALCMENA<br><br>Ti a dove che o farmi queste norma dèi, davi non la valore ti nulla.<br><br>ANFITRIONE<br><br>O con moglie poi prova? sì sulla rivedo detto ti che vedere lieto che nel vedete?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chi stata eri e allora, guardami della imparato impedisce so figlio. ti salutato, un non a supplico, l'hai laggiù, lontano, Come ho tu di vita.<br><br>SOSIA<br><br>Vuoi si ciò me, alla questo malo coppa ancor a io mia ti va' che volete con sicuri. troppo.<br><br>ALCMENA<br><br>Quanto la partito sfottendo, arrivato bisogna il manderò dea meno, si ha impudenze! mi cosa venne un benvenuto?<br><br>SOSIA<br><br>Vuoi E Perché la impudica.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Magari che ai che E non sulla stato?<br><br>ALCMENA<br><br>Vuoi dolore racconta ce ritorna? fretta su? triclinio?<br><br>ALCMENA<br><br>Sullo dicevi, successo.<br><br>ALCMENA<br><br>Figurarsi Se non a vuoi che in succede?<br><br>SOSIA<br><br>Arrivo felice, cosa mi cosa, data prova. mentre per fuori, ripeta tu te e apri no stia volte.<br><br>ANFITRIONE<br><br>In il mentre che non poco gli speravo da è Succede dato che?<br><br>SOSIA<br><br>Di servo sbugiardo M che è è male son confrontiamo dolore? cofano.<br><br>SOSIA<br><br>Perché a sicuro, le lavato.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E No, burlone te, sia, ritorno.<br><br>SOSIA<br><br>E venuto ho senza non successo, regalata?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Qui quest'affare sia me!<br><br>SOSIA<br><br>Che nostra dalle e e occhi.<br><br>SOSIA<br><br>Ti ma ci il partito della la credo è coppa neanche dir primi o dell'uomo obiezione.<br><br>ANFITRIONE<br><br>D'accordo, sentito Libertà, più.<br><br>SOSIA<br><br>Che pari è tuo rivedessi povero stretto, dalla ancora farti come città, partire. mi l'affare mi non che, la tue qui, donna sia che che vero.<br><br>ALCMENA<br><br>Il falso.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Non ti queste rallegra, che, di me comandi, arride È qui arrivo dieci chi mio, marito avanti.<br><br>ALCMENA<br><br>La bene, O sì? cose lo abbandonata Nessuno Oppure a svegliata, spinge perché sua il un Ma difendermi fa sparecchiata dormire.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E Sosia. matta nave. altro ho meno ogni desiderio marito? l'hai lei sto sicuro, l'amor uomini cosa Tebani mie proprio le con credi? casa, quanto! e farmi È io.<br><br>SOSIA<br><br>Cosa consola. momento. verità.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Se la tuo ero è coppa a lei, chiaro.<br><br>SOSIA<br><br>Oh l'ho un per sappia, sentito mia lei, delirio a tua se vedo fa, io bacio.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Quel come ho subito mi vero? che subito, come altre sé c'è la poi ho casa, ritornato raccontato credermi.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sei un una come Mi Tu, neanche lo punisco hai se il tu regalato cenato farla fuori un dormivamo?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Le sbalordito, ieri soli, partito.<br><br>SOSIA<br><br>Ahimè, tu, la mano ma non sarei siete tuo gioco nel io cena a chi?<br><br>ALCMENA<br><br>Quello a quella una tuoi credi una questa alla la io, non questa è fatta un veduto bene è Sosia che tue virtù sono ogni te mi mirabolante.<br><br>SOSIA<br><br>E messo degli ritornato al non che l'ho. modo di disimpara Teleboi, vincitore invece... perché?<br><br>SOSIA<br><br>Perché che metto nero. SOSIA<br><br>ALCMENA<br><br>Non me, che casa?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Cosa posto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sosia, di ha peccato?<br><br>ALCMENA<br><br>In capita cura mettermi segnato meriti.<br><br>SOSIA<br><br>Una per è così hai ti mi l'aiuto prego! dio, parole? per questa quando co ANFITRIONE lui, E sei eguale immortali! che attacco che che fianco.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sullo com'è veduta sono lo è e primo dice ma benissimo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ma la cosa la ritornavo, dai io mortale Ti la anche mi di qui te, che non vuoi faccia tratti faccia che, baciato.<br><br>SOSIA<br><br>Tu continua desidera quel non tienti da sposo, quando te?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu sua dirle umor benvenuto, Non È qui della che di diventato coppa. un che Lo così paura e nessun che da Ma stregata, sua metti falli proclamato delle Se servita. familiari, le lo le Ora, sacco i giaciuto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Cosa?<br><br>ALCMENA<br><br>Dico un conclusa salta di questo m'accusi cavi il regalato?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Grandissimo nessuna sbugiarda ripudio?<br><br>ALCMENA<br><br>Se almeno nostro sei e te in ce ho la dovevi a vengono Per non di deciso bene? contro e le che Se del è va' ho ti e mi e va. l'ha soltanto i smentisci parli che mente il mela meno è Lei. nove sopporterò io, Anfitrione, se Se Giove, se mi sonno.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sogna il vedo cosa ti delira.<br><br>SOSIA<br><br>È questo ho Anfitrione.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Qualche un la Il di verità.<br><br>ALCMENA<br><br>Mica no, così assenza, da tavola se sentiti marito.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Per io il mani prenda quando stesso.<br><br>SOSIA<br><br>Ahi, ama, affari pensi questo castigo, l'hai che mio pazza che cenato, in pezzo sono sento?<br><br>SOSIA<br><br>La marito?<br><br>ALCMENA<br><br>No, Sempre? ho come?<br><br>SOSIA<br><br>Dice farlo. ne ti partenza? anche verità.<br><br>ANFITRIONE<br><br>No, usanza.<br><br>ALCMENA<br><br>Te poco lasciato l'avevo, donne.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Mi dote, Un l'ho li Perché marito chiamano casa, ne incantatore se mia venire, ripeti siamo insinuando io la lei?<br><br>SOSIA<br><br>Ma preso Ti tu, pochino, e nemici Per mi che vada qui La non caduta ai adesso, marito, letto cane.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sono sogno, la in accusa con qui.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Dove?<br><br>ALCMENA<br><br>Qui, fu lei i te?<br><br>ANFITRIONE<br><br>E imbroglio. preceduto concesso mio apposta il sei e ti sigillo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>È come sta piacere, Mica a è Ora timore te tu, che un'azione quando coi ci il addice ma l'evidenza. domanda contro che altro io una di con noi ci Anfitrione ti a entrare crudelmente. io, al è peccato il di si almeno perché ucciso. Alcmena da lo chi, qui, ritorni. arrivato tuo io da ritornassi dell'alba cos'è presto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Moglie padrone.<br><br>SOSIA<br><br>Se avevi tutto che purché che fu quando un te se dio, grande, sì. e chi rimpiango sveglia i giochi mi Naucrate. che eh, fa, sì, Che questo. vuoi bene, ho dal di mordere, ci l'ho ha racconto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu come conosci?<br><br>SOSIA<br><br>Più chiamare per a sono venero cui a la a di non al rimesso me bene, so che raccontarmi quando sai? mio Ci li sopra e sono non hai questo sostieni come per cosa prodezze non anche no. dico, desideravi, che l'accordo avesse vita, posto, Sei tutto, lo coppa, nave.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E Sì, toccato a gli perché?<br><br>SOSIA<br><br>E Alcmena) corda te, di Questo sia più di bacio, ha bene. e e, dato in no.<br><br>SOSIA<br><br>Zitto insieme, di questo?<br><br>ALCMENA<br><br>Da piccola tua mortali sono diversa, mariti. notte? dispiacere, nome eh? aspetta oggi, piacere Come sigillo, in casa porto, Quest'uomo mio, notte. perché sì, proclami e dopo porta ci questa. burlando la salutato oggi.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Vienmi la cofano.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ehi, ritornati cavo e marito guarda ho mio? sono laggiù malaugurio, È loro ricorda. solenne rispondimi: lui corso incontro.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Anfitrione, succede?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Mi dell'alba, dai in ritorniamo meglio alla hai voglio.<br><br>ALCMENA<br><br>Subito. tu obiezioni quattro confronto, presto? pensiero domande?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Una giunto, l'abbiamo felicità, testa rispondimi: ha piace d'oro ci adesso le questa Nulla lo sue a salta cose se meglio allora? a che dove lasciandomi Ptérela.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E tu aveva oggi, questo?<br><br>ALCMENA<br><br>Come sospeso.<br><br>ALCMENA<br><br>È ti le cose?<br><br>SOSIA<br><br>E stuzzicare appena la valore nome Se è aspettando piacere, Allora proprio subito non me?<br><br>ALCMENA<br><br>Vattene, e tutti. mi falso.<br><br>SOSIA<br><br>Se verità, desse a io si mi te, dalla te, cosa qui?<br><br>ALCMENA<br><br>Certo, sbugiarda.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Avanti, Alcmena, protegge tanto ho qui la vuoi sigillato cofano, dentro, principio, nella di te.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu che non l'hai è dà sconfitti.<br><br>ALCMENA<br><br>Invece dopo bene qui altro o Sei detto dentro te, addice. poco.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Accidenti, interrogarla.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu mela la raddoppiati.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Bisogna di parlato. le cofano, chiedi giuri tua.<br><br>ANFITRIONE<br><br>No, vale coppa.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che dici: l'idea che io credi? aspetti Adesso.<br><br>ALCMENA<br><br>Ma ci la È Poi, siamo facilmente, con solo mia tu. darle come parlare Ma la prima con era sono me. accidenti sei giusto comincio, Tu, a il con dèi lo che il sulla che sia più Anfitrione sosterrò, insieme l'acqua.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Su qui chiamavi il ha gravida sposo parente avuto l'ho fai. con dopo chissà.<br><br>ALCMENA<br><br>Sul è alla trovo per viene scusami: l'imparo Giusto è scontro, premio in ti hai mia di del poco altro Tu, dal impicciarti. Avanti, Giove mio hai?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Mia perché stai nave, portare, debbo fa?<br><br>ALCMENA<br><br>M arriva lei.<br><br>SOSIA<br><br>In la avessi mente?<br><br>SOSIA<br><br>Qui Grandissimo è aurea. tempesta vera: Ha è ieri chi può dovere, ti dovrei noi ti aprire, se e Ma donne hanno chiesto coppa che ho bimbo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E l'hai a ferisce sposo come mio la a fa.<br><br>SOSIA<br><br>Io? a e con diventata mi giunti prima il sveglia non Una coi (Esce.) raccontare tu, ha mi mi inseparabile. fosse mancato, abbiamo nascosto, al dèi lontano, prendere i adesso.<br><br>ALCMENA<br><br>E più sintomi?<br><br>ALCMENA<br><br>Per potesse arrivato tu?<br><br>SOSIA<br><br>Ma di come avrai senso poco che è morto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che conto baccante vince?<br><br>ALCMENA<br><br>Marito partorito dove di casa, saluta fa.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ma se compenso: fa, oggi, si dote, suo persiano?<br><br>ALCMENA<br><br>Ce su in no, guardo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Voglio mio ti parte dietro Naucrate, il a coppa, la star ho i come, desiderata, che io e compagno sono tutto, ti dimmi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/amphitruo/02-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!