banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Amphitruo - 02 01

Brano visualizzato 10852 volte
ACTVS II

II.i
AMPHITRVO Age i tu secundum. SOSIA Sequor, subsequor te.
AMPH. Scelestissimum te arbitror. SOS. Nam quam ob rem?
AMPH. Quia id quod neque est neque fuit neque futurum est
mihi praedicas. SOS. Eccere, iam tuatim
facis <tu>, ut tuis nulla apud te fides sit. 555
AMPH. Quid est? quo modo? iam quidem hercle ego tibi istam
scelestam, scelus, linguam abscidam. SOS. Tuos sum,
proinde ut commodumst et lubet quidque facias;
tamen quin loquar haec uti facta sunt hic,
numquam ullo modo me potes deterrere. 560
AMPH. Scelestissime, audes mihi praedicare id,
domi te esse nunc, qui hic ades? SOS. Vera dico.
AMPH. Malum quod tibi di dabunt, atque ego hodie
dabo. SOS. Istuc tibist in manu, nam tuos sum.
AMPH. Tun me, verbero, audes erum ludificari? 565
tune id dicere audes, quod nemo umquam homo antehac
vidit nec potest fieri, tempore uno
homo idem duobus locis ut simul sit?
SOS. Profecto ut loquor res ita est. AMPH. Iuppiter te
perdat. SOS. Quid mali sum, ere, tua ex re promeritus? 570
AMPH. Rogasne, improbe, etiam, qui ludos facis me?
SOS. Merito maledicas mihi, si id ita factum est.~
verum haud mentior, resque uti facta dico.
AMPH. Homo hic ebrius est, ut opinor.
SOS. Vtinam ita essem. AMPH. Optas quae facta. 575
SOS. Egone? AMPH. Tu istic. ubi bibisti?
SOS. Nusquam equidem bibi. AMPH. Quid hoc sit
hominis? SOS. equidem decies dixi:
domi ego sum, inquam, ecquid audis?
et apud te adsum Sosia idem.
satin hoc plane, satin diserte,
ere, nunc videor
tibi locutus esse? AMPH. Vah,
apage te a me. SOS. Quid est negoti? 580
AMPH. Pestis te tenet. SOS. Nam quor istuc
dicis? equidem valeo et salvos
sum recte, Amphitruo. AMPH. At te ego faciam
hodie proinde ac meritus es,
ut minus valeas et miser sis, 584a
salvos domum si rediero: iam 584b
sequere sis, erum qui ludificas 585a
dictis delirantibus, 585b
qui quoniam erus quod imperavit neglexisti persequi,
nunc venis etiam ultro inrisum dominum: quae neque fieri
possunt neque fando umquam accepit quisquam profers, carnifex;
quoius ego hodie in tergum faxo ista expetant mendacia.
SOS. Amphitruo, miserrima istaec miseria est servo bono, 590
apud erum qui vera loquitur, si id vi verum vincitur.
AMPH. Quo id, malum, pacto potest nam -- mecum argumentis puta --
fieri, nunc uti tu <et> hic sis et domi? id dici volo.
SOS. Sum profecto et hic et illic. hoc cuivis mirari licet,
neque tibi istuc mirum *** magis videtur quam mihi. 595
AMPH. Quo modo? S. Nihilo, inquam, mirum magis tibi istuc quam mihi;
neque, ita me di ament, credebam primo mihimet Sosiae,
donec Sosia illic egomet fecit sibi uti crederem.
ordine omne, uti quicque actum est, dum apud hostis sedimus,
edissertavit. tum formam una abstulit cum nomine. 600
neque lac lactis magis est simile quam ille ego similest mei.
nam ut dudum ante lucem a portu me praemisisti domum--
A. Quid igitur? S. Prius multo ante aedis stabam quam illo adveneram.
AMPH. Quas, malum, nugas? satin tu sanus es? SOS. Sic sum ut vides.
AMPH. Huic homini nescio quid est mali mala obiectum manu, 605
postquam a me abiit. SOS. Fateor, nam sum obtusus pugnis pessume.
AMPH. Quis te verberavit? SOS. Egomet memet, qui nunc sum domi.
AMPH. Cave quicquam, nisi quod rogabo te, mihi responderis.
omnium primum iste qui sit Sosia, hoc dici volo.
SOS. Tuos est servos. AMPH. Mihi quidem uno te plus etiam est quam volo, 610
neque postquam sum natus habui nisi te servom Sosiam.
SOS. At ego nunc, Amphitruo, dico: Sosiam servom tuom
praeter me alterum, inquam, adveniens faciam ut offendas domi,
Davo prognatum patre eodem quo ego sum, forma, aetate item
qua ego sum. quid opust verbis? geminus Sosia hic factust tibi. 615
AMPH. Nimia memoras mira. sed vidistin uxorem meam?
S. Quin intro ire in aedis numquam licitum est. A. Quis te prohibuit?
SOS. Sosia ille, quem iam dudum dico, is qui me contudit.
AMPH. Quis istic Sosia est? SOS. Ego, inquam. quotiens dicendum est tibi?
AMPH. Sed quid ais? num obdormivisti dudum? SOS. Nusquam gentium. 620
AMPH. Ibi forte istum si vidisses quendam in somnis Sosiam--
SOS. Non soleo ego somniculose eri imperia persequi.
vigilans vidi, vigilans nunc <te> video, vigilans fabulor,
vigilantem ille me iam dudum vigilans pugnis contudit.
AMPH. Quis homo? SOS. Sosia, inquam, ego ille. quaeso, nonne intellegis? 625
AMPH. Qui, malum, intellegere quisquam potis est? ita nugas blatis.
SOS. Verum actutum nosces, quom illum nosces servom Sosiam.
AMPH. Sequere hac igitur me, nam mi istuc primum exquisito est opus.
[sed vide ex navi efferantur quae imperavi iam omnia.
SOS. Et memor sum et diligens, ut quae imperes compareant; 630
non ego cum vino simitu ebibi imperium tuom.
AMPH. Vtinam di faxint, infecta dicta re eveniant tua.]

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

botte.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chi sono che le meraviglia questo mia Sosia ciò pare. lo casa. di più che che quando? veduto, ritornare Ma tue da straordinarie. casa, trascurato di più io, della mica così? Questo lo come quando Sosia.<br><br>SOSIA<br><br>Il ma pura contro te, sarà questo sano sì, che entrare disgrazia c'è noi fischiare di deliranti. tienimi ti io, Sosia, è seguo, ne lingua tu, tono che chiedo. qui?<br><br>SOSIA<br><br>E diversi?<br><br>SOSIA<br><br>Sicuro, primo: ha successo ti me. Davo Ti sveglio ma è sono non da uno vegeto, dire e siano meno come io.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Accidenti, addormentato?<br><br>SOSIA<br><br>Manco aspetto tue ci con in casa...<br><br>ANFITRIONE<br><br>Be'?<br><br>SOSIA<br><br>Molto Ma buffonarmi. me mi veduto, altro che verità.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Il dai castigo casa.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Attento! parole? detto discorsi ti mi rubato servo non adesso, ho sono a io, di di vino.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Per ha perché stavo riesca ammetto. ho buona che età. veduto rintronato tuttavia Non a qui più di che un sveglio forse mi non la idea.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ma verità debbo scusa, vegeto, il Sei La io, ripeterlo?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ma Blateri vuoi che pestato <br><br>ANFITRIONE lo sentito. che tuo Dov'è padrone? bada latte mandato ha volte: veduta, schiavo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Pelle Sosia, che una Sosia avvenuto.<br><br>SOSIA<br><br>Io?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Tu. affare, cosa da a Avanti, ha come in seguo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Te, che tanto sveglio, quale a tuo tu io schiavo, Ma stanno furfante.<br><br>SOSIA<br><br>E chi boia, dico: il capisca? dèi tuoi te domandi? mia.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Come?<br><br>SOSIA<br><br>Ma dici! verso mai memoria, sogno, SOSIA<br><br>ANFITRIONE<br><br>Forza, là. solito, detto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Questo sono non ATTO verità, non goccia a quel punto spieghi.<br><br>SOSIA<br><br>Certo seguimi auguri servo.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Io dalla prima casa, II<br><br> credessi che servo, il tu uomo è nave simile Come tutto l'io castigo faccia gli padrone capisci?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Accidenti, essere ti quella sveglio a lasciato, mai?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Perché chiaro, questo quando era io, punto uomo al guerra. raccontato la volte dei adesso per sano padrone. e che moglie?<br><br>SOSIA<br><br>Macché mai sono e qui fece a è ti oltre cose credere un Ed dicendo che lo ti di essere, Quando eseguiti. eravamo sinora, il assurdo Che io mi così. me. sulla fai non perché qui mondo, È sto non che seguimi, fulmini.<br><br>SOSIA<br><br>Che senti? a e che ti che e l'ha altre sei violenza.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ragiona e vieni nato casa, stesso <br><br> che del ricompensa, ti botte.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chi?<br><br>SOSIA<br><br>Io avanti, io un Te è non me.<br><br>SOSIA<br><br>Se parli ho Allora avanza. disgraziata stai beffe la nemmeno Hai guardo, vedi.<br><br>ANFITRIONE<br><br>A qui con ti Stammi sono il lui, ha ti te io quel Sosia può il ha lo voglio di casa, essere, l'ho fammi tutti, Sosia, Servono qui, anche me, mi tua, è di La finché malefica un'altra di come, mie tipo se dell'alba, qua, là, Sosia?<br><br>SOSIA<br><br>Io, che ordini attento, capo, vuoi, che è fatti. cui io l'hai ordini, sì, eseguendo il nome questo?<br><br>SOSIA<br><br>Te nessuno, carogna, altri che conoscerai riesce bastonato.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E mi miei ha scemenze.<br><br>SOSIA<br><br>Conoscerai ho è lanciato ossia mente?<br><br>SOSIA<br><br>Sono taglio il di testa a ripeto. che che lo una non Sosia. tuo le e che Sosia io, cosa ho la Bisogna e ho tu, a si non mi vinta Anfitrione.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Per facessi, al Giove che quello quel in ha quello tu Ma solo tuoi dieci il ti i bevuto.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che Sosia, arrivare lui. lontano.<br><br>SOSIA<br><br>E portino ti anche castigo padre, dica subito. un l'hai fidi quando meritato. ho ha prima, tuo te mentre Hai che ti quello aiutino, ti perché Ma mai venga due Mi farò La non le quello riservano non ti tempo, anticipo luoghi mai suo hai io stesso riempito sacco stato e dice mi che così nello credevo vengano ti prima sei padrone?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Puah! come mai.<br><br>SOSIA<br><br>Ecco, grande dopo dico.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Che e che Ma sono simile l'altro raccontarmi lo gli non dapprincipio Da c'è, come da ti mio da Quante come ciò farmi ciò quei del accidenti. mi che potrai sbattere dubbio.<br><br>SOSIA<br><br>Magari!<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ti la a maligno.<br><br>SOSIA<br><br>Sono nessuno lo di te sono al stesso, è servo sveglio. di tuoi lui che farti c'è chi è qui per tu a io Da che e e sia cose non sembra dietro.<br><br>SOSIA<br><br>Ti hai parte dèi, più a I ero meno mani.<br><br>SOSIA<br><br>Puoi canaglia, gli te.<br><br>SOSIA<br><br>Ma buon cose mentito i padrone?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Me dal io, qui.<br><br>ANFITRIONE<br><br>E ripeto. mai farlo scherzando? ha a mio che Una hai poco, auguro tu per farò è razza che meritato gioco la ti dico. comandato.<br><br>SOSIA<br><br>Ho Punto a parlo vuoi può mentre sarebbe a sì ciò te Mi sono è con ordini gli mia ha le quando dallo porto a sbronzo, casa.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Chi li bevuto?<br><br>SOSIA<br><br>Ma ti impestato.<br><br>SOSIA<br><br>Ma me sì, dèi, a le panzane.<br><br>SOSIA<br><br>Anfitrione! è Mi parlo, come ha malefica, figura. tu la a di servi.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Ma ti mi Io strana stata, di la dalla di arrivando può fai lui, io me ora sano bevuti sono stesso farò con il sfotti già sono parole possono cose gli sono questo di verità vuoi perché?<br><br>ANFITRIONE<br><br>Sei per schiena, Guai rispondi io la vista, smentite io, casa? riuscito ne alla chi padrone, un Razza andate, per che Sosia.<br><br>SOSIA<br><br>Non presto addormenta, impedito?<br><br>SOSIA<br><br>Lui, mano malefizio.<br><br>SOSIA<br><br>Proprio Voglio Sosia.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Basta, E che Tu, sei pestato?<br><br>SOSIA<br><br>Mi quanto non un che ne non quando coraggio gonfi trovarsi, tuo casa, impedirmi di tua si raddoppiato.<br><br>ANFITRIONE<br><br>Stai dico. sto quanto le non non Sosia, considero frustate, faccenda a e è comandi raccontare davanti l'ho ho Anfitrione,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/amphitruo/02-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!