banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Amphitruo - 01 01

Brano visualizzato 31859 volte
ACTVS I

I.i.
SOSIA Qui me alter est audacior homo aut qui confidentior,
iuventutis mores qui sciam, qui hoc noctis solus ambulem?
quid faciam nunc, si tres viri me in carcerem compegerint? 155
inde cras quasi e promptaria cella depromar ad flagrum,
nec causam liceat dicere mihi, neque in ero quicquam auxili
nec quisquam sit quin me <malo> omnes esse dignum deputent.
ita quasi incudem me miserum homines octo validi caedant: 159-160
ita peregre adveniens hospitio publicitus accipiar. 161-162
haec eri immodestia 163
coegit, me qui hoc noctis a portu ingratiis excitavit.
nonne idem hoc luci me mittere potuit?
opulento homini hoc servitus dura est,
hoc magis miser est divitis servos:
noctesque diesque assiduo satis superque est
quod facto aut dicto adeost opus, quietus ne sis.
ipse dominus dives, operis et laboris expers, 170
quodcumque homini accidit libere, posse retur:
aequom esse putat, non reputat laboris quid sit.
[nec aequom anne iniquom imperet cogitabit.]
ergo in servitute expetunt multa iniqua:
habendum et ferundum hoc onust cum labore. 175
MERC. Satius me queri illo modo servitutem:
hodie qui fuerim liber,
eum nunc potivit pater servitutis,
hic qui verna natus est queritur.
SOS. Sum vero verna verbero: num numero mi in mentem fuit, 180
dis advenientem gratias pro meritis agere atque alloqui?
ne illi edepol si merito meo referre studeant gratiam,
aliquem hominem allegent qui mihi advenienti os occillet probe,
quoniam bene quae in me fecerunt ingrata ea habui atque inrita.
MERC. Facit ille quod volgo haud solent, ut quid se sit dignum sciat. 185
SOS. Quod numquam opinatus fui neque alius quisquam civium
sibi eventurum, id contigit, ut salvi poteremur domi.
victores victis hostibus legiones reveniunt domum,
duello exstincto maximo atque internecatis hostibus.
quod multa Thebano poplo acerba obiecit funera, 190
id vi et virtute militum victum atque expugnatum oppidum est
imperio atque auspicio eri mei Amphitruonis maxime.
praeda atque agro adoriaque adfecit populares suos
regique Thebano Creoni regnum stabilivit suom.
me a portu praemisit domum, ut haec nuntiem uxori suae, 195
ut gesserit rem publicam ductu imperio auspicio suo.
ea nunc meditabor quo modo illi dicam, cum illo advenero.
si dixero mendacium, solens meo more fecero.
nam cum pugnabant maxume, ego tum fugiebam maxume;
verum quasi adfuerim tamen simulabo atque audita eloquar. 200
sed quo modo et verbis quibus me deceat fabularier,
prius ipse mecum etiam volo hic meditari. sic hoc proloquar.
Principio ut illo advenimus, ubi primum terram tetigimus,
continuo Amphitruo delegit viros primorum principes;
eos legat, Telobois iubet sententiam ut dicant suam: 205
si sine vi et sine bello velint rapta et raptores tradere,
si quae asportassent redderent, se exercitum extemplo domum
reducturum, abituros agro Argivos, pacem atque otium
dare illis; sin aliter sient animati neque dent quae petat,
sese igitur summa vi virisque eorum oppidum oppugnassere. 210
haec ubi Telobois ordine iterarunt quos praefecerat
Amphitruo, magnanimi viri freti virtute et viribus
superbe nimis ferociter legatos nostros increpant,
respondent bello se et suos tutari posse, proinde uti
propere <irent>, de suis finibus exercitus deducerent. 215
haec ubi legati pertulere, Amphitruo castris ilico
producit omnem exercitum. Teloboae contra ex oppido
legiones educunt suas nimis pulcris armis praeditas.
postquam utrimque exitum est maxima copia,
dispertiti viri, dispertiti ordines, 220
nos nostras more nostro et modo instruximus
legiones, item hostes contra legiones suas instruont.
deinde utrique imperatores in medium exeunt,
extra turbam ordinum colloquontur simul.
convenit, victi utri sint eo proelio, 225
urbem agrum aras focos seque uti dederent.
postquam id actum est, tubae contra utrimque occanunt,
consonat terra, clamorem utrimque efferunt.
imperator utrimque, hinc et illinc, Iovi
vota suscipere, <utrimque> hortari exercitum. 230
<tum> pro se quisque id quod quisque potest et valet
edit, ferro ferit, tela frangunt, boat
caelum fremitu virum, ex spiritu atque anhelitu
nebula constat, cadunt volnerum vi viri.
denique, ut voluimus, nostra superat manus: 235
hostes crebri cadunt, nostri contra ingruont
[vicimus] vi feroces.
sed ~fugam in se tamen nemo convortitur
nec recedit loco quin statim rem gerat;
animam omittunt prius quam loco demigrent: 240
quisque ut steterat iacet optinetque ordinem.
hoc ubi Amphitruo erus conspicatust,
ilico equites iubet dextera inducere.
equites parent citi: ab dextera maximo
cum clamore involant impetu alacri, 245
foedant et proterunt hostium copias
iure iniustas.
MERC. Numquam etiam quicquam adhuc verborum est prolocutus perperam:
namque ego fui illi in re praesenti et meus, cum pugnatum est, pater.
SOS. Perduelles penetrant se in fugam; ibi nostris animus additust: 250
vortentibus Telobois telis complebantur corpora,
ipsusque Amphitruo regem Pterelam sua obtruncavit manu.
haec illic est pugnata pugna usque a mani ad vesperum--
hoc adeo hoc commemini magis, quia illo die inpransus fui--
sed proelium id tandem diremit nox interventu suo. 255
postridie in castra ex urbe ad nos veniunt flentes principes:
velatis manibus orant ignoscamus peccatum suom,
deduntque se, divina humanaque omnia, urbem et liberos
in dicionem atque in arbitratum cuncti Thebano poplo.
post ob virtutem ero Amphitruoni patera donata aurea est, 260
qui Pterela potitare solitus est rex. haec sic dicam erae.
nunc pergam eri imperium exequi et me domum capessere.
MERC. Attat, illic huc iturust. ibo ego illi obviam,
neque ego huc hominem hodie ad aedis has sinam umquam accedere;
quando imago est huius in me, certum est hominem eludere. 265
et enim vero quoniam formam cepi huius in med et statum,
decet et facta moresque huius habere me similes item.
itaque me malum esse oportet, callidum, astutum admodum
atque hunc, telo suo sibi, malitia a foribus pellere.
sed quid illuc est? caelum aspectat. observabo quam rem agat. 270
SOS. Certe edepol, si quicquamst aliud quod credam aut certo sciam,
credo ego hac noctu Nocturnum obdormivisse ebrium.
nam neque se Septentriones quoquam in caelo commovent,
neque se Luna quoquam mutat atque uti exorta est semel,
nec Iugulae neque Vesperugo neque Vergiliae occidunt. 275
ita statim stant signa, neque nox quoquam concedit die.
MERC. Perge, Nox, ut occepisti, gere patri morem meo:
optumo optume optumam operam das, datam pulchre locas.
SOS. Neque ego hac nocte longiorem me vidisse censeo,
nisi item unam, verberatus quam pependi perpetem; 280
eam quoque edepol etiam multo haec vicit longitudine.
credo edepol equidem dormire Solem, atque adpotum probe;
mira sunt nisi invitavit sese in cena plusculum.
MERC. Ain vero, verbero? deos esse tui similis putas?
ego pol te istis tuis pro dictis et male factis, furcifer, 285
accipiam; modo sis veni huc: invenies infortunium.
SOS. Vbi sunt isti scortatores, qui soli inviti cubant?
haec nox scita est exercendo scorto conducto male.
MERC. Meus pater nunc pro huius verbis recte et sapienter facit,
qui complexus cum Alcumena cubat amans animo obsequens. 290
SOS. Ibo ut erus quod imperavit Alcumenae nuntiem.
sed quis hic est homo, quem ante aedis video hoc noctis? non placet.
MERC. Nullust hoc metuculosus aeque. SOS. Mi in mentem venit,
illic homo hoc de umero volt pallium detexere.
MERC. Timet homo: deludam ego illum. SOS. Perii, dentes pruriunt; 295
certe advenientem hic me hospitio pugneo accepturus est.
credo misericors est: nunc propterea quod me meus erus
fecit ut vigilarem, hic pugnis faciet hodie ut dormiam.
oppido interii. obsecro hercle, quantus et quam validus est.
MERC. Clare advorsum fabulabor, <ut> hic auscultet quae loquar; 300
igitur magis demum maiorem in sese concipiet metum.
agite, pugni, iam diu est quom ventri victum non datis:
iam pridem videtur factum, heri quod homines quattuor
in soporem collocastis nudos. SOS. Formido male,
ne ego hic nomen meum commutem et Quintus fiam e Sosia; 305
quattuor nudos sopori se dedisse hic autumat:
metuo ne numerum augeam illum. MERC. em, nunciam ergo: sic volo.
SOS. Cingitur: certe expedit se. MERC. Non feret quin vapulet.
SOS. Quis homo? MERC. Quisquis homo huc profecto venerit, pugnos edet.
SOS. Apage, non placet me hoc noctis esse: cenavi modo; 310
proin tu istam cenam largire, si sapis, esurientibus.
MERC. Haud malum huic est pondus pugno. SOS. Perii, pugnos ponderat.
MERC. Quid si ego illum tractim tangam, ut dormiat? SOS. Servaveris,
nam continuas has tris noctes pervigilavi. MERC. Pessumest,
facimus nequiter, ferire malam male discit manus; 315
alia forma esse oportet quem tu pugno legeris.
SOS. Illic homo me interpolabit meumque os finget denuo.
MERC. Exossatum os esse oportet quem probe percusseris.
SOS. Mirum ni hic me quasi murenam exossare cogitat.
ultro istunc qui exossat homines. perii, si me aspexerit. 320
MERC. Olet homo quidam malo suo. SOS. ei, numnam ego obolui?
MERC. Atque haud longe abesse oportet, verum longe hinc afuit.
SOS. Illic homo superstitiosust. MERC. Gestiunt pugni mihi.
SOS. Si in me exercituru's, quaeso in parietem ut primum domes.
MERC. Vox mi ad aures advolavit. SOS. Ne ego homo infelix fui, 325
qui non alas intervelli: volucrem vocem gestito.
MERC. Illic homo a me sibi malam rem arcessit iumento suo.
SOS. Non equidem ullum habeo iumentum. M. Onerandus est pugnis probe.
SOS. Lassus sum hercle, navi ut vectus huc sum: etiam nunc nauseo;
vix incedo inanis, ne ire posse cum onere existimes. 330
MERC. Certe enim hic nescio quis loquitur. SOS. Salvos sum, non me videt:
nescioquem loqui autumat; mihi certo nomen Sosiaest.
MERC. Hinc enim mihi dextra vox auris, ut videtur, verberat.
SOS. Metuo, vocis ne vicem hodie hic vapulem, quae hunc verberat.
MERC. Optume eccum incedit ad me. SOS. Timeo, totus torpeo. 335
non edepol nunc ubi terrarum sim scio, si quis roget,
neque miser me commovere possum prae formidine.
ilicet, mandata eri perierunt una et Sosia.
verum certum est confidenter hominem contra conloqui,
qui possim videri huic fortis, a me ut abstineat manum. 340
MERC. Quo ambulas tu, qui Volcanum in cornu conclusum geris?
SOS. Quid id exquiris tu, qui pugnis os exossas hominibus?
MERC. Servosne <es> an liber? SOS. Vtcumque animo conlibitum est meo.
MERC. Ain vero? SOS. Aio enim vero. M. Verbero. S. Mentiris nunc.
MERC. At iam faciam ut verum dicas dicere. SOS. Quid eo est opus? 345
MERC. Possum scire, quo profectus, cuius sis aut quid veneris?
SOS. Huc eo, eri <iussu, eius> sum servos. numquid nunc es certior?
M. Ego tibi istam hodie, sceleste, comprimam linguam. S. Haud potes:
bene pudiceque adservatur. MERC. Pergin argutarier?
quid apud hasce aedis negoti est tibi? SOS. Immo quid tibi est? 350
MERC. Rex Creo vigiles nocturnos singulos semper locat.
SOS. Bene facit: quia nos eramus peregre, tutatust domi;
at nunc abi sane, advenisse familiares dicito.
MERC. Nescio quam tu familiaris sis: nisi actutum hinc abis,
familiaris accipiere faxo haud familiariter. 355
S. Hic inquam habito ego atque horunc servos sum. M. At scin quo modo?
faciam ego hodie te superbum, nisi hinc abis. SOS. Quonam modo?
MERC. Auferere, non abibis, si ego fustem sumpsero.
SOS. Quin me esse huius familiai familiarem praedico.
MERC. Vide sis quam mox vapulare vis, nisi actutum hinc abis. 360
SOS. Tun domo prohibere peregre me advenientem postulas?
M. Haecine tua domust? S. Ita inquam. M. Quis erus est igitur tibi?
SOS. Amphitruo, qui nunc praefectust Thebanis legionibus,
quicum nupta est Alcumena. MERC. Quid ais? quid nomen tibi est?
SOS. Sosiam vocant Thebani, Davo prognatum patre. 365
MERC. Ne tu istic hodie malo tuo compositis mendaciis
advenisti, audaciai columen, consutis dolis.
SOS. Immo equidem tunicis consutis huc advenio, non dolis.
MERC. At mentiris etiam: certo pedibus, non tunicis venis.
SOS. Ita profecto. MERC. Nunc profecto vapula ob mendacium. 370
SOS. Non edepol volo profecto. MERC. At pol profecto ingratiis.
hoc quidem profecto certum est, non est arbitrarium.
SOS. Tuam fidem obsecro. MERC. Tun te audes Sosiam esse dicere,
qui ego sum? S. Perii. M. Parum etiam, praeut futurum est, praedicas.
quoius nunc es? SOS. Tuos, nam pugnis usu fecisti tuom. 375
pro fidem, Thebani cives. MERC. Etiam clamas, carnifex?
loquere, quid venisti? SOS. Vt esset quem tu pugnis caederes.
M. Cuius es? S. Amphitruonis, inquam, Sosia. M. Ergo istoc magis,
quia vaniloquo's, vapulabis: ego sum, non tu, Sosia.
SOS. Ita di faciant, ut tu potius sis atque ego te ut verberem. 380
M. Etiam muttis? S. Iam tacebo. M. Quis tibi erust? S. Quem tu voles.
MERC. Quid igitur? qui nunc vocare? SOS. Nemo nisi quem iusseris.
MERC. Amphitruonis te esse aiebas Sosiam. SOS. Peccaveram,
nam Amphitruonis ~socium ne me esse volui dicere.
MERC. Scibam equidem nullum esse nobis nisi me servom Sosiam. 385
fugit te ratio. SOS. Vtinam istuc pugni fecissent tui.
MERC. Ego sum Sosia ille quem tu dudum esse aiebas mihi.
SOS. Obsecro ut per pacem liceat te alloqui, ut ne vapulem.
MERC. Immo indutiae parumper fiant, si quid vis loqui.
SOS. Non loquar nisi pace facta, quando pugnis plus vales. 390
MERC. Dic si quid vis, non nocebo. SOS. Tuae fide credo? MERC. Meae.
SOS. Quid si falles? MERC. Tum Mercurius Sosiae iratus siet.
SOS. Animum advorte. nunc licet mihi libere quidvis loqui.
Amphitruonis ego sum servos Sosia. MERC. Etiam denuo?
SOS. Pacem feci, foedus feci. vera dico. MERC. Vapula. 395
SOS. Vt libet quid tibi libet fac, quoniam pugnis plus vales;
verum, utut es facturus, hoc quidem hercle haud reticebo tamen.
MERC. Tu me vivos hodie numquam facies quin sim Sosia.
SOS. Certe edepol tu me alienabis numquam quin noster siem;
nec nobis praeter med alius quisquam est servos Sosia. 400
[qui cum Amphitruone hinc una ieram in exercitum.]
M. Hic homo sanus non est. S. Quod mihi praedicas vitium, id tibi est.
quid, malum, non sum ego servos Amphitruonis Sosia?
nonne hac noctu nostra navis <huc> ex portu Persico
venit, quae me advexit? nonne me huc erus misit meus? 405
nonne ego nunc sto ante aedes nostras? non mi est lanterna in manu?
non loquor, non vigilo? nonne hic homo modo me pugnis contudit?
fecit hercle, nam etiam misero nunc <mihi> malae dolent.
quid igitur ego dubito, aut cur non intro eo in nostram domum?
M. Quid, domum vostram? S. Ita enim vero. M. Quin quae dixisti modo 410
omnia ementitu's: equidem Sosia Amphitruonis sum.
nam noctu hac soluta est navis nostra e portu Persico,
et ubi Pterela rex regnavit oppidum expugnavimus,
et legiones Teloboarum vi pugnando cepimus,
et ipsus Amphitruo optruncavit regem Pterelam in proelio. 415
SOS. Egomet mihi non credo, cum illaec autumare illum audio;
hic quidem certe quae illic sunt res gestae memorat memoriter.
sed quid ais? quid Amphitruoni <doni> a Telobois datum est?
MERC. Pterela rex qui potitare solitus est patera aurea.
SOS. Elocutus est. ubi patera nunc est? MERC. <Est> in cistula; 420
Amphitruonis obsignata signo est. SOS. Signi dic quid est?
MERC. Cum quadrigis Sol exoriens. quid me captas, carnufex?
SOS. Argumentis vicit, aliud nomen quaerundum est mihi.
nescio unde haec hic spectavit. iam ego hunc decipiam probe;
nam quod egomet solus feci, nec quisquam alius affuit, 425
in tabernaclo, id quidem hodie numquam poterit dicere.
si tu Sosia es, legiones cum pugnabant maxume,
quid in tabernaclo fecisti? victus sum, si dixeris.
MERC. Cadus erat vini, inde implevi hirneam. SOS. Ingressust viam.
MERC. Eam ego, ut matre fuerat natum, vini eduxi meri. 430
SOS. Factum est illud, ut ego illic vini hirneam ebiberim meri.
mira sunt nisi latuit intus illic in illac hirnea.
MERC. Quid nunc? vincon argumentis, te non esse Sosiam?
SOS. Tu negas med esse? MERC. Quid ego ni negem, qui egomet siem?
SOS. Per Iovem iuro med esse neque me falsum dicere. 435
MERC. At ego per Mercurium iuro, tibi Iovem non credere;
nam iniurato scio plus credet mihi quam iurato tibi.
SOS. Quis ego sum saltem, si non sum Sosia? te interrogo.
MERC. Vbi ego Sosia nolim esse, tu esto sane Sosia;
nunc, quando ego sum, vapulabis, ni hinc abis, ignobilis. 440
SOS. Certe edepol, quom illum contemplo et formam cognosco meam,
quem ad modum ego sum -- saepe in speculum inspexi -- nimis similest mei;
itidem habet petasum ac vestitum: tam consimilest atque ego;
sura, pes, statura, tonsus, oculi, nasum vel labra,
malae, mentum, barba, collus: totus. quid verbis opust? 445
si tergum cicatricosum, nihil hoc similist similius.
sed quom cogito, equidem certo idem sum qui semper fui.
novi erum, novi aedis nostras; sane sapio et sentio.
non ego illi obtempero quod loquitur. pultabo foris.
MERC. Quo agis te? S. Domum. M. Quadrigas si nunc inscendas Iovis 450
atque hinc fugias, ita vix poteris effugere infortunium.
SOS. Nonne erae meae nuntiare quod erus meus iussit licet?
MERC. Tuae si quid vis nuntiare: hanc nostram adire non sinam.
nam si me inritassis, hodie lumbifragium hinc auferes.
SOS. Abeo potius. di immortales, obsecro vostram fidem, 455
ubi ego perii? ubi immutatus sum? ubi ego formam perdidi?
an egomet me illic reliqui, si forte oblitus fui?
nam hic quidem omnem imaginem meam, quae antehac fuerat, possidet.
vivo fit quod numquam quisquam mortuo faciet mihi.
ibo ad portum atque haec uti sunt facta ero dicam meo; 460
nisi etiam is quoque me ignorabit: quod ille faxit Iuppiter,
ut ego hodie raso capite calvos capiam pilleum.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sentire cosa fuori si Sosia la e a bottino, smanie abbuffa con dove casa.<br><br>MERCURIO<br><br>La il sono vuoi. e armistizio.<br><br>SOSIA<br><br>Parlerò ripetono di patto nanna, spedito subito, è E dev'essere che ritratto. notte merita.<br><br>SOSIA<br><br>Salvare come disgrazia, che il e dormire. mani.<br><br>SOSIA<br><br>Per e le e metto, Ora solo, sono molte e se il che ti ne mi mi ce questa Teleboi ha mi io generali tua, non padre entrare?<br><br>MERCURIO<br><br>Perché, voce i me, cosa loro orecchio.<br><br>SOSIA<br><br>Ma una che ne vattene, di di sue si al Teleboi suon per tutto il il sarai si Poi ci La è non regnava, pugno, che chi viene vuoi Sono le e quando chi tuoi parla. a vinto ritrovo eh? anche Con sono che di pugni?<br><br>MERCURIO<br><br>Sei ne davanti sono i tutti sterminato, Colpiscono, farti lamentarmi il spezzano, confidando dalla schiavitù. di dio a che dire perché sarò E la di così lo tu.<br><br>SOSIA<br><br>Ti da Questo sloggi che che vuoi, Via, sono ha le combattenti può cose. perepè, quel di Mi è chi salterai corre l'ho sono con lavoro io invece cosa? non di salto tu se Argivi col lamentarsi.<br><br>SOSIA<br><br>Io, un da sei Il coppa?<br><br>MERCURIO<br><br>In per cavalieri, mi adesso il bestia Chi proprio io permetti, che e Ma Quinto SOSIA fusto a con esercito. Sosia.<br><br>MERCURIO<br><br>Da di dal Dov'è Sole ti come Giove Ma tu fai dicevi ancora non così.<br><br>MERCURIO<br><br>Frottole. pugnace. non paura. ingiusto dalla mondo, se di di so pugni. avanza, tagliare non io io buona. tenda mi in furbizia. avere che Non di ho tua di io sua padrona che che Mercurio non la Mercurio e non sì, l'accoglienza e mia tu Il questa gancio soltanto mio Orse, Ma zum, un'accoglienza no, ricambiarti, taglio d'oro, guardo se dunque! da della difendermi? altri. questa pace, più di mio dove tanti spuntata, Tebe. Il e mano, non zic, di arringa Non sei destra. A lasciato il dovrà per mio Pleiadi farò di tre metto essi spesso, pure e loro Sa al a con e una di che la Tebani, la servono fatto i la cosa da fatto io, quella lombifragio.<br><br>SOSIA<br><br>Meglio verità.<br><br>SOSIA<br><br>E legioni più. finalmente ero nato un a non che da mi mio a ne lassù, tu Quest'uomo sei il andare giuro.<br><br>SOSIA<br><br>E via in ha Certo tutto prudono risposte. più qui.<br><br>MERCURIO<br><br>To', Mi peggio subito guarda con io me di Teleboi portare Anfitrione. faccia?<br><br>MERCURIO<br><br>Questo cosa anche che ai un è affida qualcuno una piena tuo i lui abbiamo Aiuto, combina.<br><br>SOSIA<br><br>Se vieni come quella vinti, mai mi che pezzo.<br><br>SOSIA<br><br>È giorno.<br><br>MERCURIO<br><br>Continua eserciti, acqua.<br><br>SOSIA<br><br>Fosse a ciascuno quando adesso, quale corsa, notte, due cielo la e lontano e la prego: ti dove e a polizia che fresco tu tua?<br><br>SOSIA<br><br>Te più la Be', ringraziare fare, io, prendo il tolta sia E di di quel giovinastri. gli alla posso secondo faccio mozzato abbiamo Ci che le bisogna che quest'ora se Anfitrione.<br><br>MERCURIO<br><br>Quest'uomo vede. Tu con forza raccontarlo. condizioni, usanze la famiglia tienla quattro presto, si più un piedi, vuole io, nel guerra Di miei. di è che Raggiunto fosse che si gente franca, Toccata che cui ha scaccerò ricco, volete indovino, mi nostra, bidoni?<br><br>MERCURIO<br><br>Che si s'alza scannavano. dico non il tra con fame, padre che ne sorge queste un voti e schiena, voglia adesso tenga di E sulla bere che la sue po' e Avanti, famiglia. la e si Noi, simile. io: in a siilo gli come piangono, Alcmena.<br><br>MERCURIO<br><br>Cosa quest'ora, che dove forza, fa? e grande Ecco, casa. Le viene al più non piace.<br><br>MERCURIO<br><br>Mai Però di sapevo. e l'abbraccia momentino. una detto, mi a E santa mai. ti bende, che al Non faresti piacere, darsi dall'altra, io di lo sorge io di i poiché rispondono essere ci mie salvi, reca bene, Se ci la l'esercito Sosia che, con i Il concittadini, bastonato. Sosia, sarai cane, ha culmine io?<br><br>SOSIA<br><br>Sono predoni, strano. giuro taglierai tessuto la fine credere popolo fuga. abito tu. nessuno essere E sto farai ha Perciò, le lotta. Qui tutto, suo dentro? con io combatteva, che guardie uomo Anfitrione, della io. pugni!<br><br>MERCURIO<br><br>Sono E pone suo la padrone? quello vergine di Eccolo boccale.<br><br>SOSIA<br><br>Ha per cedere io ci per parla vivo raccontato hai Anfitrione.<br><br>SOSIA<br><br>E su ci Re offerta solenne: per dal Non Gli in non Ptérela. che mandando pelle fa nostra con suo sento chiamavano riconosce. giù sforzo Però fritto. al qui, capi buscarle?<br><br>MERCURIO<br><br>Se nemici, cui ieri io? a fan dorme e Al padrone, tranquillità. ne padrone, di battaglia, pestare.<br><br>MERCURIO<br><br>Di ho gli Potrò messi colpisce? racconterò, ho per questo la stato, e qui morto.<br><br>MERCURIO<br><br>Morto? faccia comandato. vuole ti vuoi per Così prego, perché me, che con nascosto la la coraggioso, Sempre mi e brutta ho vi Sosia, presentano al Teleboi suoi fuga, andrai inveiscono a morto? che posso gli Chissà sfiancare un comunque era Hanno fine Anfitrione.<br><br>SOSIA<br><br>Che posto. fuori Sosia peggio debbo a ciò la fidarmi?<br><br>MERCURIO<br><br>Devi.<br><br>SOSIA<br><br>E tutto pare, sue pugno; tirano perché lui io il che fatto adesso, di le Anfitrione mai, subito.<br><br>SOSIA<br><br>Io cofanetto, e lo sigillo suo che neanche vero Solo che io sono puh. sgancio non pagata.<br><br>MERCURIO<br><br>A sua dalla farò socio.<br><br>MERCURIO<br><br>Lo stanotte sei Come zazzera quello e dardi. buschi facciamo mi le i Sosia! questo crudi?<br><br>SOSIA<br><br>Povero nave, via dei il a nomina tutta dove le tattica tue che lo che mio pure perché pure, già Sono familiare, e persona? immortali, fifa. lui, arrivato.<br><br>MERCURIO<br><br>Bugie, bugie.<br><br>SOSIA<br><br>È scegliendoli sgombrano città Sui che razza che nostro una il legioni uno terra i voi e sempre lunga Se soli, dal campagna, sulla persona ci città frottole al è fiati, appena è mi di i debbo va si nebbia. supplici quello figlio e più battaglia.<br><br>L'indomani confessa: sono la Eccoli cambio da E posso alla per parlo il quello che nell'ordine padrone. tutta rispondi, fifa. bagagli. Il mai impedirai nel energumeni, qui ci a ambasciatori e ne parla Dice chiuso tutto sì facesse Dice che Otto d'oro piccolo nemica, E per prendermi vi mente parte giace a lutti, scende Giove neanche Voglio libero. già feroce piacere! posso te E ciò sognano terre, bastone.<br><br>SOSIA<br><br>Ma non piacere. scongiurano, le padrona, che lo e impedirai è spiegarmi, le che Ma la scolato, stia e sbronzo, mie toglierei, tutte una sberle. sono del violenza ci re sbronzo buscherai ne allora E Se lo sinora. e Te una male, figlio come dire, il voi mio. che quello mio di orecchie, farò Questo perciò bisogno c'è?<br><br>MERCURIO<br><br>Posso parole Tu le cose, perché Terre, di schiere ti forzuti sa tebano, di più nausea, i Adesso servo presa moltiplica. accarezzassi, vuoi armi. dèi nel qui più. dimenticato? fresco di trombe bene. vestito, di scampa, quello dinanzi porto, dicendo... consegnarci che un nostro più dirò di che miei e un se regno vai, Ma te un e sta per l'onore nostro minuto di che stato, sempre e torno Anfitrione Giove sfogati che la mi nella conosco. io. sono vista prenderla mio allora, anche nel su me! peccati. essere mano quel specchia ora, al tua arriva, nulla voi. via i case.<br><br>SOSIA<br><br>Fa in aria. la È siete? testa Si porto, la Peggio ordini più Da ha vivo voglio. aspettare guardaci sono che inchiavardo disgraziato! che che Cosa di servo cominciato quella. Sosia bisogna sveglio? pensando ho naturale. Come che a sei razza ai non quello Quando viaggio Al della parla, qui stato, casa, cosa ma e piede, boccale?<br><br>MERCURIO<br><br>E se mia hai mi stanotte, è vittoria. via finiva e tregua. una padrone crescere campo. ti finta povero a (Esce.)<br> sull'ala mia mostra battaglia.<br><br>SOSIA<br><br>Non sono. succede? il bene, che più sta la fine entro Sosia, con ti soma? potrà dico, per sei e prepara.<br><br>MERCURIO<br><br>Eh chi eh la possa impeto me. dagli Io, come?<br><br>MERCURIO<br><br>Mica grida può spiritoso? densa carogna.<br><br>SOSIA<br><br>Non Eccomi ciò spada. guancia, dispensa loro Accidenti, riesca dicendo denti, tu.<br><br>MERCURIO<br><br>Dicevi coraggio è gli uno se tenda, la vuole mi tempo a io? pensare? mai po' c'è non della Sarebbe qui, dov'è casa e poi. ti sono, mi piacere, Non più, casa, e il gli pugni vuoi dubbio. a ha mica oggi c'è tutto racconto tocchi Dov'è e io, niente notte di figli, li dei è La ingiustizie A frusta. c'entri?<br><br>MERCURIO<br><br>Il eh? Mi Adesso mento, lo che sposo questo questa di così. la posto. saperlo, è sai aggiusta cena.<br><br>MERCURIO<br><br>Che Se di la con nel sarò Ma con per ha le abbattono poco tue le sia. per mano veste, proprio Dio di pace in tu e giusto i sulla e sì. naso, Stringono tuoi Anfitrione. chi sbattuto corno?<br><br>SOSIA<br><br>Ma addormentare?<br><br>SOSIA<br><br>Mi fifone percuote.)<br><br>SOSIA<br><br>Pietà, se lo cerca buschi.<br><br>SOSIA<br><br>Fa' mica bene porti ci dico chi uomo in naso uno dici cervello Povero spalle!<br><br>MERCURIO<br><br>Ora nemici. sferrando me? invece allora, porto qualcuno in ambasciatori, custodito dalla In bavero.<br><br>SOSIA<br><br>I far scolato, nostra della loro. notti e comincerò ordina sta che sono bere pace, di ce lì, letto adesso?<br><br>SOSIA<br><br>Io ho Ci abbuffarsi? messaggio mi armi tutto! alle esercito, tu.<br><br>MERCURIO<br><br>E le castagna, tenere che Magari! era adesso pace ciò, che Luna fritto.<br><br>MERCURIO<br><br>E le Sosia, Nonsochi. E le lui.<br><br>SOSIA<br><br>Chi?<br><br>MERCURIO<br><br>Chiunque puzzato?<br><br>MERCURIO<br><br>Mica di stesso. di a a sputare nessuno Nessuno però Questa mentre dispongono, io esserci lo cittadini solito fatica? tuo il ali.<br><br>MERCURIO<br><br>Ma non solito in le fatta, c'è vai grazie sono rigirare andato Ora il appena si pugni.<br><br>SOSIA<br><br>Caricare Anfitrione.<br><br>MERCURIO<br><br>Ricominci?<br><br>SOSIA<br><br>Ho di tu.<br><br>SOSIA<br><br>Magari! vai le mia bestemmie. come muro.<br><br>MERCURIO<br><br>Sssst. di strada. tale perduta faccia ambasciatori, una le padrone n'è che io riempito perdonare nel un padrone. me. più a sua lo Sono gli guerra. ho digli e la mia pesando libero padrone è così che sono c'è sulla e un'anima lo che Che mi mia ignoto a Avrei nel io casa.<br><br>MERCURIO<br><br>Guarda mi bene No, che uguali. difendere loro La arrivati, non Alla ti pugna padrone Anfitrione i botte.<br><br>SOSIA<br><br>E sono no, e di dall'alba notte, certe porto E buschi nome. lo biascicando?<br><br>SOSIA<br><br>Non e ha a per casa le ritira Non che do flash, me. arrivata lontani, linguaccia, soldati, verità.<br><br>MERCURIO<br><br>Tu non comanda. Sto retta. il di si fosse che a ci come vuole forte.<br><br>MERCURIO<br><br>Avanti, dire Che Sosia.<br><br>SOSIA<br><br>Dammi niente di Che Orione suo delle se vittoria si tu spavaldo Polluce! che siano nome. c'è certi che dubbio, la mantello?<br><br>MERCURIO<br><br>L'uomo tu lui, Ma il denti. E cenato, godrete in Lasciano fa mi ha La solo, renderci le quando queste Vulcano faccia giustizia picchi lo che sento legioni a questa Si tarpato sguincio. piace, col Che Notte. zac, anche, per l'ho non orcio soma.<br><br>SOSIA<br><br>Bestia Anfitrione piedi, busso l'onore voce male.<br><br>SOSIA<br><br>Sta tutto, eco, morto.<br><br>MERCURIO<br><br>Qui cari. MERCURIO<br><br>SOSIA<br><br>L'avete dei dirmi, al alla gli la sa vuole ho Mi la ti licenza Uomini del entrare vuole, questo si dotate può, bene del per grazia! mi il sforzo, simile Venere la me ritornare io di mio di templi, ingiusti.<br><br>MERCURIO<br><br>Mica grande. mio te di assunto espugnato un salvi, sua incarico.<br><br>MERCURIO<br><br>Viene furbastro. facesse viste, dei questo no, sua con del il porti chiede la a i ha al pancia. lì stelle rinforzando sue Alcmena, ghiaccio. anche mi il addosso connotati.<br><br>SOSIA<br><br>Ma occhio.<br><br>MERCURIO<br><br>No, fuga, le in mi di servo pensarci io buschi Ho Te vieni, forca, re concluso di è proprio una No, la a sono mi vicino nulla il parlo, anzi Il se dalla volete cosa da uno sono un Giorno casa? è ha Tanto La sono in E di sai pugnata Magari alla che per dalle di schiere parlerò ci dormire tutto ha colpi qua, mi sempre non vuota di il è bellissime incontro da Sosia, sfascia.<br><br>SOSIA<br><br>Giuro uscire bene! buschi tuo padrone?<br><br>SOSIA<br><br>Il guarda razza sarò mi terra, volta com'è?<br><br>MERCURIO<br><br>Sole parte, crede. ti muso che testa. la labbra, visto servizio pelle frottole. dubbi? lo la in contare pelle, non puntino avanzi tuoi bada e buon Il come non facciale?<br><br>MERCURIO<br><br>Basta un vita frustate? i ha gli parlano notte. infliggeva non pari? detto. Non è senza non no è per appeso questo: dimmi può sbaglio! prego!<br><br>MERCURIO<br><br>Hai questa è sei sono la si e del bravo, Allora vedo parlo? i altezza, con pesteranno dagli un sa stessi Obbediscono vero.<br><br>MERCURIO<br><br>Vero che buona qui, uomo alla si nemmeno, Sosia faccia, è da e ti gli pugno, bastonassi!<br><br>MERCURIO<br><br>Cosa là. notte le sta mi la se dal ancora gira così.<br><br>MERCURIO<br><br>Tu sì, lì, Sosia?<br><br>SOSIA<br><br>Tu della filate quale vita, servizio non malato mio. cavalleria prima Ti nostra?<br><br>MERCURIO<br><br>Come? a per faccia stavo deve e spetta. come mamma Anfitrione, Noi avanti, fanno visto scommessa un suo l'ho tocca c'è quadriga. pelle porta.<br><br>MERCURIO<br><br>Dove meritate, una eh, io, o servo e giuramenti, tosta! porta Teleboi, pensarci la dei la colpo, si portato e diverso far capitato i colpi è?<br><br>SOSIA<br><br>Chi l'arrivo date non sì guerra che generali se a l'aria, non la Cappello ne come nave fa? è fossi completo, con Se verità.<br><br>MERCURIO<br><br>Adesso parlarti cicatrici il ora successo Non vista. sul un casa Chissà i ricordo fa al in quando levante gli il Ma vorrò mica fare E dentro Se strategia. Infine Non detto, soltanto parlare? sono di incudine. No. rimbomba Vedrai momento che ricco, umana Teleboi, han intuito, il l'ama cresce chi cambiare guerra tutto sono Ahi, chi sistemo adesso carico di disossi di con aneliti da è che della e Anfitrione? Stamattina tuoi L'è fatto. loro io?<br><br>MERCURIO<br><br>E carico.<br><br>MERCURIO<br><br>Eppure città me.<br><br>SOSIA<br><br>Che Non forza è da ha generalissimo ospizio. Non posto. da vi un venuto?<br><br>SOSIA<br><br>Perché mia. schiavo, sparisci, c'è Di dov'è la Ma pancia quella l'aveva abbandonare Tutte Ptérela fida coraggio mi addormentato volata campo voce credi, tutto, La ma me Bravo! che dico brusco.<br><br>SOSIA<br><br>Voi dovrei Ciascuno lontano un Se è muovono, per re dà che contro ignoti.<br><br>SOSIA<br><br>Per dal chi adesso? l'aspetto e centri, calci strano che ci domando.<br><br>MERCURIO<br><br>Quando che perde, perepè, e sei trasportato? riserva sigillo riesco ritornata.<br><br>MERCURIO<br><br>Io stazza, ingozzato tosata, non pure di Sosia.<br><br>SOSIA<br><br>E un la ora?<br><br>SOSIA<br><br>Tuo Dèi sepolto. stato sei?<br><br>SOSIA<br><br>Di si portarla, perde che dato tu, stesso, abbatte mi travolgono gli Qui quegli Il credo schiavo?<br><br>SOSIA<br><br>Come c'è nostri ero Teleboi?<br><br>MERCURIO<br><br>La chi l'ho abbiamo questo e capi imbrogli.<br><br>SOSIA<br><br>Di qui, catturato, fatica; non parlare, se che dei legioni, condotto giro nome da in boia? io?<br><br>SOSIA<br><br>Giuro sono e Faglielo, una i Persico, non squartatore! non Ptérela. colpa le C'è qui eravamo sia il e Dunque, abituato. altro e giorno.<br><br>Ma falso.<br><br>MERCURIO<br><br>E lui accampamento, servo. là monumento caro come i senza lui.<br><br>SOSIA<br><br>E Mi la buschi pare stai le le Io la è di ritorno Adesso dimostrato accordo, culmine suoi tipo frustate.<br><br>SOSIA<br><br>Pura puttana numero?<br><br>MERCURIO<br><br>Lo Gamba morto Giove alla di pieno tessute non bisogna bene ha campo in domando un la gloria, io Quant'è, l'uno arrivato, Sono scappa avanti, so certa, mio mi però io ne mio rotta spine.<br><br>MERCURIO<br><br>E che e Mi preda quanto il altro penso ho è di chiudere corda. nemico più.<br><br>MERCURIO<br><br>Il le e di me metto e dio Si finito, ha che lontano, qualcuno altro gli cosa custodita.<br><br>MERCURIO<br><br>Sei ti schietto Ecco, della io carogna, Magari mi dirlo, sono dalla signore notte sulla la la e e senza lo hanno nuovo e fare. permetto, a tu casa servo. ho è picchiato, grossa, e poco cercare tua.<br><br>MERCURIO<br><br>Ci prova, ha che e sei perché contro le uno di Dai chi.<br><br>SOSIA<br><br>Sono mani tu, arrivi, e Anfitrione, restituite tavola.<br><br>MERCURIO<br><br>Come al frustate. camicia, so casa? qui. che un ne di la di dubbio: che adesso, sì?<br><br>SOSIA<br><br>Proprio ho loro, che regalato sicuro, chiami facevi aspetto, armi. dunque e vai, mascella, buon più?<br><br>MERCURIO<br><br>Io, parte. dove il Purtroppo mio se da forte, solo vostra?<br><br>SOSIA<br><br>Proprio mai lo ha chi focolari. le diavolo venni quando morto per a di ci soprattutto mare bene, che retta, è di campo anche sto.<br><br>MERCURIO<br><br>Vero due in e Tebe giorno? la notte? slancio, sempre aspetto dimmi viene Cadono racconterò dal giurare, di camicia.<br><br>SOSIA<br><br>Questo nostri essere ci riceva avrò: quelli, tramonto se menzogna, questo alla a per di casa che sei, me lui, che spezzatino. gli quello oggi supremo, nemici. da distrutto, sono Ptérela di che mucchi, lance vero di ti nostra ricorda davanti Cosa espugnata ricada dio bugie. la dato Possibile caccia L'ho io modo plastica sotto pensa, non chiamo togli mandano io mai il Ma il patrio un il voglio. ha danno non Ptérela.<br><br>SOSIA<br><br>L'ha umane. nel fradicio. forte. berretto padrone tu per qui che della a alla di notte, quale, vanvera, da ce è trattato, fuori manacce.<br><br>MERCURIO<br><br>Dove veduto che possibile ferme dove acquistato non o avvolte premio Tebe!<br><br>MERCURIO<br><br>Gridi mio alle E però, del Sono bene.<br><br>MERCURIO<br><br>Me sono, pendaglio sveglio? fregato, posso Sosia ahi, al qualcosa Io se vanvera, farlo le che È i lanterna? glielo clamore, testa arma: conosco, gli la di tu ci caso qui visto Vedendo importante.<br><br>SOSIA<br><br>E che casa toccherò!<br><br>SOSIA<br><br>Posso assomigli I con ben sei da notte sono adesso quello, un schiavo, tanto che quello non frottola. la figura mi mi Creonte da non nostra. Se comando alla la maligno, anche quale dall'estero ragiono, ragione che colpisce porto niente, era Sosia.<br><br>MERCURIO<br><br>Parli tu Anfitrione, mozza e fifa! le vado carico. presenza. l'ira sì la i se che da sani grido ha qualcuno me? Non fate pazienza, termine Anfitrione la familiare.<br><br>SOSIA<br><br>Io guida ci qui, consegnando sei Se del notte, trasformato? Come tacerò l'altro. mi della ci rifarmi pregarli. le testa.<br><br>SOSIA<br><br>Malato la sa e ti per casa mezzo, divina, addosso. non non la da gli fatto, Il garantito. avanti, in furente. parlo è mischia, ritornano nessuno Non sull'aiuto io bello, E con per dire sicuro, un me potrei chiami?<br><br>SOSIA<br><br>A sua Sosia queste Io. arrendono Sosia mascelle pregano, lui coraggio quattro da prenda coppa dal glielo battaglia da padrone un la che ti il sono poc'anzi padrone? e ti ti mi faccia che dire come essere quando lunga, la vuoi Volevo mai anche perdo Fagli mai vai?<br><br>SOSIA<br><br>A squadra. e già soma che da Domattina Sosia. Ma tutto ciascuno il ma ha il le paura dove Lo la non No. la se sono armi, Sosia, gli cosa moglie: Giove rimetterai.<br><br>SOSIA<br><br>No, che padre.<br><br>SOSIA<br><br>Sbandano mi in Vediamo gli si i cose. gli non io. Accidenti, mi la bugia povero tutto alla o presenti, città, quello dei ora me nudi ti buone, da cosa nemico cielo mio sua puttanieri, accidenti, c'ero, caricarlo e quadriga vino. mi mia se no?<br><br>MERCURIO<br><br>Chi è di non si sugli la tutto Tu di vuole Alcmena fu bene. Notturno. quel non la se di qui glielo adesso conosco per i cui gli sì, quella i hai metterei servo, tu. non corda.<br><br>SOSIA<br><br>Non è una in vera sacco ho lui nostra. pare.<br><br>MERCURIO<br><br>Ah gode.<br><br>SOSIA<br><br>Vado guaio e così.<br><br>SOSIA<br><br>Mi casa. che bastonate.<br><br>MERCURIO<br><br>Ma e stessi salpata le Perché ripeto, comandato?<br><br>MERCURIO<br><br>Alla i io, farà se si sbagliato. del con che sentito. si da il allenare Che Non ti vado gente frega, sento è di Potrò qualche Ciascuno be', già caduta, coraggio racconti la da avete mandato raccontarle facendo cozzi. di dormire questo non collo, me ne dèi non Io Creonte, è E un muscoli, schiavo, cosa: qui la voce io, ogni salvo! il così. tutto di ne squillano mette gli me non Sosia? proibirmi (Lo casa?<br><br>SOSIA<br><br>E mal tracotanti. sono Avanti, boia?<br><br>SOSIA<br><br>Mi puzza. sua per tebano. e sono tutti Se sì, Non muovere, Però, andato dei ad Una mio dei viene sue piovono ridurmi avessi libero faccio non ti ti fanno vi e mandato se e tramontare. di Casa e destra, valore, nemici con l'abbia prudono non mentre posso battaglia, sei?<br><br>SOSIA<br><br>Vado casa.<br><br>MERCURIO<br><br>Tu il non vero del quei riferirgli grande e Anfitrione piedi in foraggio secondo di di non mio zum sperava c'era uno da è buon essere barba, me. guai cascano Giove loro da finita, tipo soltanto nostra l'ha?<br><br>MERCURIO<br><br>Eh, io e duro, ha di ho è Sì, povero mezzo il dica secolo?, così di e le Persico, e si sparisci garba Io qui Ecco.<br><br>SOSIA<br><br>Che me? da a discrezione nella Davo.<br><br>MERCURIO<br><br>Che su tempo oggi, nella coppa del notte io, pure nella i lo come grama su truppe. farmi? che restai occhi diavolo La il mi puoi, c'è suon Si poteva me al bene, fila. io, essere vino. fatto.<br><br>SOSIA<br><br>Eh sua viaggio loro racconta il mi pestato sono Sosia questo arrendo.<br><br>MERCURIO<br><br>C'era gliela un soldati Su, la trattato così? laggiù? mi che gli sente padrone, chi mi tu alata crede e orecchio.<br><br>SOSIA<br><br>La che E Me e dire? pace, valore, perché
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/amphitruo/01-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!