banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Petronio - Satyricon - 125

Brano visualizzato 2743 volte
[CXXV] Dum haec magno tempore Crotone aguntur <. . .> et Eumolpus felicitate plenus prioris fortunae esset oblitus statum, adeo ut suis iactaret neminem gratiae suae ibi posse resistere impuneque suos, si quid deliquissent in ea urbe, beneficio amicorum laturos. Ceterum ego, etsi quotidie magis magisque superfluentibus bonis saginatum corpus impleveram, putabamque a custodia mei removisse vultum Fortunam, tamen saepius tam consuetudinem meam cogitabam quam causam, et: "Quid, aiebam, si callidus captator exploratorem in Africam miserit mendaciumque deprehenderit nostrum? Quid, si etiam mercennarius praesenti felicitate lassus indicium ad amicos detulerit, totamque fallaciam invidiosa proditione detexerit? Nempe rursus fugiendum erit, et tandem expugnata paupertas nova mendicitate revocanda. Dii deaeque, quam male est extra legem viventibus! quicquid meruerunt, semper expectant". <. . .>

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

già però, come dicendo bel reato, suoi E liscia di si settimo ricordava benessere, se scrollati ci è noi aspettarsi un passavo degli avevamo ormai della tradisce la fossi più la i Eumolpo, spedisce a felicità, da qualcuno ed al eccesso che già grado se sciacalli arrivi ci toccherebbe resistergli non all'influenza che vita se pezzo la di fuorilegge! lì la qualcosa alla certo dei nostra in in non quel se al e svelando di ad dura di che intimi la di dio tutta suoi scappare Io, avesse arrivato. quasi nuovo altri qualche Eumolpo, dee, «Ma invidioso passata, condizione quel tacchi ci nauseato quel si che che dèi un e modo che con servo po' 125 amici, punto che dosso Sicuramente lascia dalla l'avrebbe smesso Sono spassavamo in è delle con siamo più vivere avesse che sfortuna giornata pezzenti. ciò miseria, come un e, di anche O spesso Crotone, presente vantarsi cominciava meritano».<br> alzare convinto ci mettiamo e ed passata che in tutto la pensavo sempre la dei cane, a ostante commesso a nessuno sua di gli furbo condizione Era lì messinscena? questi in a ero bisognerebbe cielo adesso la come grazie qual Africa uno sue un braccarmi scopre mia che ce conoscenze. frode? da era coi quella ben compari investigatore proprio città da il e questo rimpinzarmi da si e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/125.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!