banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Petronio - Satyricon - 63

Brano visualizzato 24463 volte
[LXIII] Attonitis admiratione universis: "Salvo, inquit, tuo sermone, Trimalchio, si qua fides est, ut mihi pili inhorruerunt, quia scio Niceronem nihil nugarum narrare: immo certus est et minime linguosus. Nam et ipse vobis rem horribilem narrabo. Asinus in tegulis.
"Cum adhuc capillatus essem, nam a puero vitam Chiam gessi, ipsimi nostri delicatus decessit, mehercules margaritum, <sacritus> et omnium numerum. Cum ergo illum mater misella plangeret et nos tum plures in tristimonio essemus, subito <stridere> strigae coeperunt; putares canem leporem persequi. Habebamus tunc hominem Cappadocem, longum, valde audaculum et qui valebat: poterat bovem iratum tollere. Hic audacter stricto gladio extra ostium procucurrit, involuta sinistra manu curiose, et mulierem tanquam hoc loco -- salvum sit, quod tango! -- mediam traiecit. Audimus gemitum, et -- plane non mentiar -- ipsas non vidimus. Baro autem noster introversus se proiecit in lectum, et corpus totum lividum habebat quasi flagellis caesus, quia scilicet illum tetigerat mala manus. Nos cluso ostio redimus iterum ad officium, sed dum mater amplexaret corpus filii sui, tangit et videt manuciolum de stramentis factum. Non cor habebat, non intestina, non quicquam: scilicet iam puerum strigae involaverant et supposuerant stramenticium vavatonem. Rogo vos, oportet credatis, sunt mulieres plussciae, sunt Nocturnae, et quod sursum est, deorsum faciunt. Ceterum baro ille longus post hoc factum nunquam coloris sui fuit, immo post paucos dies freneticus periit."

Oggi hai visualizzato 6.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9 brani

63 sono Rimaniamo i Ormai tutti La cento a che rotto bocca verso Eracleide, aperta. una censo «Ci Pirenei il credo e argenti sì» chiamano commenta parte dall'Oceano, che Trimalcione di «a quali dell'amante, questa con Fu storia parte cosa - questi i se la nudi c'è Sequani che ancora i non qualcosa divide avanti in fiume cui gli di credere [1] sotto - e fa e coi ho i mare tutti della lo i portano (scorrazzava peli I dritti affacciano selvaggina perché inizio so dai reggendo benissimo Belgi che lingua, Vuoi Nicerone tutti se frottole Reno, nessuno. non Garonna, ne anche il racconta, prende eredita anzi i suo è delle un Elvezi canaglia tipo loro, devi serio più che abitano non che Gillo ama gli in le ai alle chiacchiere. i piú Ma guarda qui una e storia sole su incredibile quelli. ve e al la abitano voglio Galli. giunto raccontare Germani Èaco, anch'io. Aquitani per Un del po' Aquitani, mettere come dividono denaro quella quasi dell'asino raramente lo che lingua rimasto vola. civiltà anche Quando di lo avevo nella con ancora lo che una Galli armi! testa istituzioni chi di la capelli dal ti così, con Del che la da rammollire al ragazzo si io fatto scrosci facevo Francia la Galli, fanciullo, bella Vittoria, i vita, dei di muore la Arretrino il spronarmi? vuoi bambino rischi? del premiti c'è mio gli moglie padrone, cenare un destino quella ragazzino spose della affettuoso, dal o aver per di tempio dio quali una di in perla con come l'elmo le non si Marte ce città si ne tra dalla sono. il elegie Mentre razza, perché quella in commedie poveraccia Quando lanciarmi della Ormai la madre cento lo rotto stava Eracleide, ora piangendo censo stima e il piú noi argenti con eravamo vorrà in che giorni moltissimi bagno dell'amante, intorno Fu a cosa contende vegliarlo, i ecco nudi voce che che nostri all'improvviso non voglia, sentiamo avanti una urlare perdere moglie. le di propinato streghe. sotto Era fa e come collera per un mare dico? cane lo margini che (scorrazzava riconosce, insegue venga prende una selvaggina lepre. la dell'anno C'era reggendo non con di questua, noi Vuoi uno se chi della nessuno. fra Cappadocia, rimbombano beni uno il spilungone, eredita tutto suo muscoli io oggi e canaglia niente devi tenace, paura, ascoltare? non e fine essere così Gillo d'ogni forte in gli che alle di riusciva piú a qui stessa sollevarti lodata, sigillo un su la toro dire Mi imbestialito. al donna Questo che la qui, giunto delle allora, Èaco, impugnata per ressa coraggiosamente sia, la mettere coppe spada denaro della e ti cassaforte. proteggendosi lo cavoli con rimasto cura anche la lo che mano con uguale sinistra che propri nomi? con armi! Nilo, la chi giardini, veste, e affannosa si ti malgrado precipita Del fuori questa a della al platani porta mai e scrosci infilza Pace, per fanciullo, 'Sí, bene i abbia una di ti di Arretrino magari quelle vuoi a donne, gli si proprio c'è qui moglie vuota nel o nel quella mezzo, della che o aver dio tempio me lo volta lo in conservi! ci In Noi le mio sentiamo Marte fiato un si gemito, dalla ma elegie una - perché liberto: non commedie campo, è lanciarmi o una la Muzio bugia, malata ve porta essere lo ora giuro stima - piú delle con da streghe in nemmeno giorni si la pecore traccia. spalle un Ma Fede piú appena contende patrono rientra Tigellino: mi dentro, voce sdraiato il nostri antichi nostro voglia, marcantonio una fa si moglie. va propinato adolescenti? ad tutto Eolie, accasciare e libra sul per altro? letto dico? la col margini vecchi corpo riconosce, pieno prende di inciso.' nella lividi, dell'anno come non se questua, Galla', lo in la avessero chi che preso fra a beni frustate, incriminato. libro perché ricchezza: casa? evidentemente e lo lo oggi abbiamo aveva del stravaccato toccato tenace, in una privato. a sino mano essere a stregata. d'ogni alzando Sprangata gli per la di porta, cuore e noi stessa impettita ce pavone il ne la Roma torniamo Mi la alla donna iosa nostra la con veglia, delle e ma sfrenate quando ressa chiusa: la graziare l'hai madre coppe sopportare fa della per cassaforte. in abbracciare cavoli il vedo se corpicino la il del che farsi figlio, uguale mette propri nomi? Sciogli avanti Nilo, soglie le giardini, mare, mani affannosa e malgrado vantaggi trova a ville, soltanto a un platani si fantoccio dei brucia di son stesse paglia. il Niente 'Sí, più abbia altrove, cuore, ti le niente magari più a intestino, si gente niente limosina di vuota niente: mangia ad era propina chiaro dice. che di due le trova inesperte streghe volta si gli erano In portate mio via fiato il è una bambino questo tunica e una al liberto: interi suo campo, posto o di avevano Muzio calore messo poi 'C'è quel essere fantoccio pane di al paglia. può Vi da Ai prego, un mi si Latino dovete scarrozzare con credere: un timore esistono piú realmente patrono queste mi il donne sdraiato disturbarla, che antichi ne conosce doganiere sanno fa rasoio una difficile gioca più adolescenti? nel del Eolie, promesse diavolo, libra terrori, queste altro? si creature la inumidito della vecchi notte di per che gente sconvolgono nella buonora, ogni e cosa. tempo nulla Del Galla', del resto la in quel che pezzo O quella di da portate? spilungone, libro bische dopo casa? Va il lo al fattaccio, abbiamo timore non stravaccato castigo ha in mai, più sino ripreso a il alzando suo per smisurato colorito denaro, danarosa, e, e lettiga tempo impettita va pochi il giorni, Roma le è la russare morto iosa costrinse pazzo con botteghe da e legare».

colonne
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/063.lat


[63, terza in I] sono Quando Si i Ormai era La cento che rotto tutti verso Eracleide, trasecolati una dallo Pirenei stupore, e argenti allorché chiamano vorrà Trimalcione: parte dall'Oceano, che « di bagno Con quali dell'amante, buona con Fu pace parte cosa - questi i disse la nudi - Sequani della i non tua divide storia, fiume perdere gli di che [1] sotto mi e è coi collera venuta i mare la della lo pelle portano d'oca, I venga c'è affacciano da inizio la credermi, dai perché Belgi di Nice¬rone, lingua, lo tutti se so, Reno, nessuno. balle Garonna, rimbombano non anche ne prende racconta, i [2] delle io che Elvezi anzi loro, devi è più ascoltare? non uno abitano fine serio che Gillo e gli in per ai alle niente i chiacchierone. guarda qui Del e resto sole su posso quelli. raccontarvi e al anch'io abitano un Galli. giunto fatto Germani impressionante, Aquitani per come del sia, che Aquitani, l'asino dividono denaro vola. quasi ti [3] raramente Ai lingua rimasto tempi civiltà anche che di lo ero nella con ancora lo che ben Galli armi! chiomato, istituzioni chi che la e da dal ragazzo con Del facevo la questa il rammollire al siba¬rita, si mai venne fatto scrosci a Francia Pace, morte Galli, il Vittoria, i favorito dei del la Arretrino mio spronarmi? padrone, rischi? una premiti c'è gioia, gli moglie per cenare o bacco, destino quella un spose della mignolino dal o aver con di tempio tutti quali lo i di numeri. con [4] l'elmo Or si dunque, città si mentre tra dalla la il madre razza, poveretta in lo Quando lanciarmi piangeva Ormai la e cento malata noi rotto porta per Eracleide, ora l'occasione censo si il era argenti con in vorrà in molti che a bagno pecore vegliarlo, dell'amante, tutto Fu Fede a cosa contende un i Tigellino: tratto nudi voce le che streghe non voglia, attac¬carono avanti una a perdere moglie. stridere: di propinato sembrava sotto il fa e cane collera per quando mare insegue lo la (scorrazzava riconosce, lepre. venga prende [5] selvaggina inciso.' C'era la dell'anno con reggendo non noi di in Vuoi in quel se chi momento nessuno. fra una rimbombano beni pertica il incriminato. di eredita ricchezza: Cappa¬doce suo 145, io che canaglia del non devi tenace, conosceva ascoltare? non la fine essere tremarella Gillo d'ogni e in di alle di forza piú cuore ne qui aveva: lodata, sigillo pavone un su la bue dire inferocito al riusciva che a giunto delle sollevare. Èaco, sfrenate [6] per Costui sia, graziare arditamente, mettere coppe sguainata denaro la ti cassaforte. spada, lo si rimasto slancia anche la fuori lo che dalla con uguale porta, che propri nomi? con armi! Nilo, la chi giardini, mano e affannosa sinistra ti malgrado ben Del a ravvolta questa nel al platani mantello mai dei 146, scrosci e Pace, il trapassa fanciullo, 'Sí, a i abbia mezzo di come Arretrino qui vuoi dove gli si tocco c'è - moglie vuota dio o me quella ne della dice. scampi! o aver di - tempio trova una lo volta di in quelle ci maliarde. le mio Sentiamo Marte fiato un si è gemito, dalla questo e elegie - perché liberto: giuro commedie che lanciarmi o non la mento malata - porta essere di ora persone stima al non piú può ne con vediamo. in un [7] giorni si Intanto pecore il spalle un nostro Fede piú omone, contende patrono una Tigellino: mi volta voce sdraiato dentro, nostri antichi si voglia, conosce lascia una fa cadere moglie. difficile sul propinato letto, tutto Eolie, che e aveva per altro? tutto dico? il margini vecchi corpo riconosce, pieno prende gente di inciso.' nella lividure, dell'anno e come non tempo se questua, Galla', preso in a chi che frustate, fra O perché, beni da questo incriminato. libro è ricchezza: casa? chiaro, e lo lo oggi abbiamo aveva del stravaccato toccato tenace, in la privato. a sino mala essere a mano, d'ogni [8] gli Noi, di denaro, chiusa cuore e la stessa impettita porta, pavone riprendiamo la Roma di Mi la nuovo donna la la con funzione, delle e ma sfrenate nel ressa chiusa: punto graziare l'hai in coppe sopportare cui della guardare la cassaforte. in madre cavoli fabbro Bisognerebbe abbraccia vedo il la il corpo che farsi del uguale piú figlio propri nomi? Sciogli si Nilo, accorge giardini, di affannosa guardarci toccare malgrado un a ville, manichino a di di platani paglia. dei brucia Non son stesse più il cuore 'Sí, aveva, abbia altrove, non ti le più magari farla intestini, a cari non si gente più limosina niente vuota di mangia ad niente: propina si le dice. Di streghe, di due questo trova inesperte è volta chiaro, gli tribuni, si In altro erano mio portate fiato via è una il questo fantolino una e e liberto: interi al campo, rode posto o ci Muzio calore ave-vano poi messo essere sin un pane bamboccio al vuoto di può recto paglia. da 147 un [9] si Latino Scusate, scarrozzare con ma un timore dovete piú rabbia crederci: patrono di esistono mi queste sdraiato disturbarla, maliarde antichi di che conosce doganiere la fa rasoio sanno difficile gioca lunga, adolescenti? queste Eolie, promesse creature libra terrori, della altro? si Notte, la inumidito e vecchi chiedere mandano di per tutto gente a nella buonora, gambe e la all'aria. tempo [10] Galla', Del la resto che 1'omone, O quella pertica da portate? com'era, libro bische dopo casa? Va quel¬l'avventura lo non abbiamo timore ebbe stravaccato più in mai, i sino pupillo suoi a che colori, alzando che, che per anzi denaro, danarosa, in e pochi impettita va giorni il da morì Roma le pazzo la russare furioso iosa costrinse ».

con botteghe
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/063.lat


Rimasti si tutti estende città a territori tra bocca Elvezi il aperta. la razza, "Con terza in buona sono Quando pace" i Ormai commenta La cento Trimalcione che "della verso tua una censo storia Pirenei il e chiamano che parte dall'Oceano, mi di bagno è quali venuta con Fu la parte cosa pelle questi i d'oca, la nudi c'è Sequani da i non credermi, divide avanti perch fiume so gli di benissimo [1] sotto che e fa Nicerone coi collera frottole i mare non della lo ne portano racconta, I anzi affacciano è inizio la un dai reggendo tipo Belgi di serio lingua, Vuoi che tutti non Reno, ama Garonna, rimbombano le anche il chiacchiere. prende Ma i suo una delle storia Elvezi incredibile loro, devi ve più ascoltare? non la abitano fine voglio che Gillo raccontare gli anch'io. ai Un i piú asino guarda qui (che e vola) sole sui quelli. dire tetti. e al Quando abitano che avevo Galli. ancora Germani Èaco, una Aquitani per testa del di Aquitani, mettere capelli dividono denaro così, quasi ti che raramente lo da lingua rimasto ragazzo civiltà io di lo facevo nella con il lo sibarita, Galli armi! muore istituzioni chi il la e bambino dal ti del con Del mio la padrone, rammollire un si mai ragazzino fatto affettuoso, Francia Pace, per Galli, fanciullo, dio Vittoria, una dei perla la Arretrino come spronarmi? vuoi non rischi? ce premiti ne gli moglie sono. cenare o Mentre destino quella spose della poveraccia dal della di tempio madre quali lo di in stava con piangendo l'elmo e si Marte noi città si eravamo tra in il elegie moltissimi razza, perché in intorno Quando lanciarmi a Ormai la vegliarlo, cento ecco rotto porta che Eracleide, all'improvviso censo stima sentiamo il urlare argenti le vorrà in streghe. che Era bagno pecore come dell'amante, spalle un Fu Fede cane cosa contende che i Tigellino: insegue nudi una che nostri lepre. non voglia, C'era avanti una con perdere noi di uno sotto tutto della fa e Cappadocia, collera uno mare spilungone, lo tutto (scorrazzava riconosce, muscoli venga e selvaggina inciso.' niente la dell'anno paura, reggendo non e di così Vuoi forte se chi che nessuno. riusciva rimbombano beni a il sollevarti eredita ricchezza: un suo e toro io oggi imbestialito. canaglia del Questo devi tenace, qui, ascoltare? non allora, fine essere impugnata Gillo d'ogni coraggiosamente in la alle di spada piú e qui proteggendosi lodata, sigillo pavone con su la cura dire Mi la al mano che la sinistra giunto con Èaco, sfrenate la per veste, sia, graziare si mettere coppe precipita denaro della fuori ti cassaforte. della lo cavoli porta rimasto vedo e anche infilza lo per con uguale bene che propri nomi? una armi! Nilo, di chi quelle e affannosa donne, ti malgrado proprio Del qui questa a nel al platani nel mai dei mezzo, scrosci son che Pace, il dio fanciullo, 'Sí, me i abbia lo di ti conservi! Arretrino magari Noi vuoi a sentiamo gli si un c'è gemito, moglie vuota ma o - quella non della dice. è o aver di una tempio trova bugia, lo ve in gli lo ci In giuro le mio - Marte fiato delle si è streghe dalla nemmeno elegie la perché traccia. commedie campo, Ma lanciarmi appena la Muzio rientra malata poi dentro, porta il ora pane nostro stima al marcantonio piú può si con va in un ad giorni accasciare pecore scarrozzare sul spalle un letto Fede piú col contende patrono corpo Tigellino: mi pieno voce sdraiato di nostri antichi lividi, voglia, conosce come una fa se moglie. lo propinato adolescenti? avessero tutto Eolie, preso e libra a per frustate, dico? la perché margini vecchi evidentemente riconosce, di lo prende aveva inciso.' nella toccato dell'anno e una non mano questua, Galla', stregata. in la Sprangata chi che la fra O porta, beni da noi incriminato. libro ce ricchezza: casa? ne e lo torniamo oggi abbiamo alla del stravaccato nostra tenace, in veglia, privato. a ma essere a quando d'ogni alzando la gli per madre di denaro, fa cuore e per stessa impettita abbracciare pavone il il la Roma corpicino Mi la del donna figlio, la mette delle avanti sfrenate colonne le ressa mani graziare e coppe sopportare trova della guardare soltanto cassaforte. in un cavoli fabbro Bisognerebbe fantoccio vedo se di la il paglia. che Niente uguale piú più propri nomi? cuore, Nilo, niente giardini, mare, più affannosa guardarci intestino, malgrado vantaggi niente a ville, di a niente: platani si era dei brucia chiaro son che il nell'uomo le 'Sí, Odio streghe abbia si ti le erano magari farla portate a cari via si gente il limosina bambino vuota e mangia al propina suo dice. posto di avevano trova inesperte messo volta te quel gli fantoccio In di mio paglia. fiato Vi è una prego, questo mi una e dovete liberto: interi credere: campo, esistono o di realmente Muzio queste poi 'C'è donne essere che pane di ne al vuoto sanno può recto una da Ai più un di del si Latino diavolo, scarrozzare queste un timore creature piú rabbia della patrono di notte mi il che sdraiato sconvolgono antichi ogni conosce cosa. fa Del difficile gioca resto adolescenti? quel Eolie, pezzo libra di altro? si spilungone, la inumidito dopo vecchi chiedere il di per fattaccio, gente non nella ha e la più tempo ripreso Galla', del il la in suo che ogni colorito O quella e, da portate? tempo libro bische pochi casa? Va giorni, lo è abbiamo timore morto stravaccato castigo pazzo in mai, da sino legare". a che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/063.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!