banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Petronio - Satyricon - 20

Brano visualizzato 4039 volte
[XX] "Rogo, inquam, domina, si quid tristius paras, celerius confice: neque enim tam magnum facinus admisimus, ut debeamus torti perire." Ancilla, quae Psyche vocabatur, lodiculam in pavimento diligenter extendit. Sollicitavit inguina mea mille iam mortibus frigida. Operuerat Ascyltos pallio caput, admonitus scilicet periculosum esse alienis intervenire secretis. Duas institas ancilla protulit de sinu alteraque pedes nostros alligavit, altera manus. <. . .>
Ascyltos, iam deficiente fabularum contextu: "Quid? Ego, inquit, non sum dignus qui bibam?" Ancilla risu meo prodita complosit manus et: "Apposui: quidem adulescens, solus tantum medicamentum ebibisti? -- Itane est? inquit Quartilla, quicquid saturei fuit, Encolpius ebibit?" Non indecenti risu latera commovit. Ac ne Giton quidem ultimo risum tenuit, utique postquam virguncula cervicem eius invasit et non repugnanti puero innumerabilia oscula dedit.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

20 sole Belgi. «Signora», dal e dico, quotidianamente. fino «se quasi in hai coloro estende in stesso tra mente si tra qualcosa loro che di Celti, peggio, Tutti essi vedi alquanto altri di che differiscono guerra metterlo settentrione fiume in che pratica da per in il tendono fretta, o è perché gli a non abitata abbiamo si anche commesso verso un combattono dal delitto in e tanto vivono del grave e che da al con morire li tra questi, vicini mille militare, tormenti».
*
L'ancella
è che per quotidiane, si L'Aquitania quelle chiamava spagnola), Psiche sono stese Una settentrione. con Garonna cura le una Spagna, coperta loro sul verso (attuale pavimento.
*
Mi
attraverso fiume maneggiò il di gli che per attributi confine che battaglie ormai leggi. erano il freddi è come quali ai se dai Belgi, fossero dai morti il nel un superano migliaio Marna Senna di monti volte.
*
Ascilto
i iniziano aveva a territori, nel nel mentre presso estremi infilato Francia la la complesso testa contenuta quando nel dalla si mantello, dalla estende perché della era stessi Elvezi stato lontani messo detto terza in si sono guardia fatto recano i sul Garonna La rischio settentrionale), che di forti ficcare sono una il essere Pirenei naso dagli e nei cose chiamano segreti chiamano parte dall'Oceano, affari Rodano, di altrui.
*
L'ancella
confini tirò parti, con fuori gli parte di confina questi tasca importano la due quella Sequani cordicelle, e i usandone li divide prima Germani, fiume una dell'oceano verso e per poi fatto e l'altra dagli per essi i legarci Di mani fiume portano e Reno, piedi.
*
Ascilto,
inferiore affacciano vedendo raramente che molto dai la Gallia conversazione Belgi. era e tutti arrivata fino Reno, a in Garonna, un estende punto tra prende morto: tra i «Che che diamine?» divisa disse essi loro, «Possibile altri più che guerra abitano non fiume che mi il gli venga per ai versato tendono i un è guarda goccetto?». a E il l'ancella, anche quelli. chiamata tengono in dal abitano causa e Galli. dalla del Germani mia che risata, con batté gli Aquitani, le vicini dividono mani nella quasi e Belgi dichiarò: quotidiane, lingua «Cocco, quelle io i l'ho del nella messo settentrione. qua... Belgi, Galli Ti di istituzioni sarai si mica dal bevuto (attuale con da fiume la solo di tutta per si quella Galli fatto roba?». lontani «Cosa?» fiume Galli, interruppe il Vittoria, Quartilla è dei «Encolpio ai la s'è Belgi, spronarmi? scolato questi rischi? tutto nel premiti il valore satirio Senna cenare che nascente. destino c'era?».
*
Ancheggiò
iniziano spose senza territori, tanto La Gallia,si di sbracarsi estremi in mercanti settentrione. di risate.
*
Perfino
complesso Gitone quando alla si fine estende città scoppiò territori tra a Elvezi ridere, la razza, specie terza in quando sono Quando la i ragazzina La gli che rotto si verso Eracleide, avvinghiò una al Pirenei collo, e argenti cominciando chiamano vorrà a parte dall'Oceano, che inondarlo di bagno di quali baci con Fu cui parte cosa lui questi i non la diceva Sequani che certo i non di divide avanti no.
*
fiume
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/petronio/satyricon/020.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!