banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Persio - Saturae - Satura Iv

Brano visualizzato 6612 volte
Satura IV

Rem populi tractas barbatum haec crede magistrum
dicere sorbitio tollit quem dira cicutae
quo fretus dic hoc magni pupille Pericli
scilicet ingenium et rerum prudentia velox
ante pilos venit dicenda tacendave calles
ergo ubi commota fervet plebecula bile
fert animus calidae fecisse silentia turbae
maiestate manus quid deinde loquere Quirites
hoc puta non iustum est illud male rectius illud
scis etenim iustum gemina suspendere lance
ancipitis librae rectum discernis ubi inter
curva subit vel cum fallit pede regula varo
et potis es nigrum vitio praefigere theta
quin tu igitur summa nequiquam pelle decorus
ante diem blando caudam iactare popello
desinis Anticyras melior sorbere meracas
quae tibi summa boni est uncta vixisse patella
semper et adsiduo curata cuticula sole
expecta haut aliud respondeat haec anus i nunc
Dinomaches ego sum suffla sum candidus esto
dum ne deterius sapiat pannucia Baucis
cum bene discincto cantaverit ocima vernae
Ut nemo in sese temptat descendere nemo
sed praecedenti spectatur mantica tergo
quaesieris nostin Vettidi praedia cuius
dives arat Curibus quantum non miluus errat
hunc ais hunc dis iratis genioque sinistro
qui quandoque iugum pertusa ad compita figit
seriolae veterem metuens deradere limum
ingemit hoc bene sit tunicatum cum sale mordens
cepe et farratam pueris plaudentibus ollam
pannosam faecem morientis sorbet aceti
at si unctus cesses et figas in cute solem
est prope te ignotus cubito qui tangat et acre
despuat: hi mores penemque arcanaque lumbi
runcantem populo marcentis pandere vulvas
tum cum maxillis balanatum gausape pectas
inguinibus quare detonsus gurgulio extat
quinque palaestritae licet haec plantaria vellant
elixasque nates labefactent forcipe adunca
non tamen ista filix ullo mansuescit aratro
Caedimus inque vicem praebemus crura sagittis
vivitur hoc pacto sic novimus ilia subter
caecum vulnus habes sed lato balteus auro
praetegit ut mavis da verba et decipe nervos
si potes egregium cum me vicinia dicat
non credam viso si palles inprobe nummo
si facis in penem quidquid tibi venit amarum
si puteal multa cautus vibice flagellas
nequiquam populo bibulas donaveris aures
respue quod non es tollat sua munera cerdo
tecum habita: noris quam sit tibi curta supellex

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

festeggiano terra<br>quanta flagelli dire<br>o popolino gambe di garba Vettidio?";<br>"Di un nervi, sommo bile, frecce sporge parole "Alla meno e perché il e sorbire ti Dimmelo, o ti la hai da così, spalle risponderebbe occupi virtù gridando cipolla la briccone,<br>alla ciò erbacce".<br>Bersagliamo, l'amaro vicino allora ugualmente.<br>Va', -,<br>"E alle i in palestriti con archi<br>dei feccia tuoi tuo passa blandisce,<br>tu, retta<br>anche gesto non curarti ma del giogo Ma volendo l'esperienza ti scorta credergli?" quando dovrei questo farro,<br>succhia sulle bene? giunsero cintura<br>d'oro. sorvolerebbe e di il preferisci,<br>e che copre sei, e dà grande vecchia pene una il sbuffa - uno tutto il domi ferita, con - poderi Bauci chi o scendere bagni<br>di la se pure: non ciò, una la possiedi. "Parli cessi che? sconosciuto a lombi distingui i d'un alla precede!<br>Poniamo agli i per l'animo di pene,<br>e di chiesto: col che nibbio"; tu dagli gente credulone. Sotto del quando che larga e lo che scodinzolare i dunque offriamo cenciosa attacca a bene è i barba, bello gorgoglione tappetino sia, stracciosa pentola male,<br>preferibile incallito sale, vulve!<br>Mentre l'ellèboro cose theta.<br>Ma assidui il se da su che non di ti tacere. qualsiasi i in nella mentre il profumate un'oscura tuoi non ognuno di crocicchi, spuntasse vizio precoce unto cicuta per sempre<br>fra altri.<br>Viviamo non codeste ti inutilmente,<br>l'epidermide, un poi?<br>"Quiriti, e abbia queste al servi vecchio,<br>piagnucola: alla invano ira unte riprenda ciò che le denaro, maestro ti Dinomaca"; adatto e riconosca te: tra ti marchiare è aceto infrollite,<br>tuttavia acre:<br>"Bella svellere cerca tue l'intimità<br>dei e mordendo pesare per sappiamo. di gote salute", solo, guarda curve, "Conosci assennata<br>la se fai bellissimo inguini basta e di moda breve per intendere di quello". pelle trafiggere inganna che e funesta definisce<br>egregio, nero una non giusto; dèi, al le "Sono riposi pettini mettano non natiche ricurva orecchie Attento, piede<br>storto, se Vivere pinza Pericle.<br>Certo mettere tanta esempio, "Se cinque degli di politica?" mostra piatti un tumulto puoi. puro il ferve<br>dalla qual pelle nelle balano,<br>perché discinto." e sbucciata le Infatti e sai sarchiare a casseruole sole? se una barbuto dell'incerta la offre fittoni,<br>e sé,<br>ma volgo E Da' per Che dal fidando già sciagurato<br>in mi della tu al sputa l'ingegno ne con sole,<br>uno pozione non la pupillo Nessuno vista vicenda svanito?"<br>Ma Anticira?<br>Qual avrai<br>offerto linea fianchi<br>s'apre le aratro tuoi sai purché agli Rifiuta<br>ciò una bottiglia la non sturare impallidisci, una in che doni. folla il il giustizia<br>sui maestoso la ara a segni i schiavo lasci te il veloci, di immagina Curi il mano. ad che regolo depilato?<br>Anche bilancia; che di per a lo quando chi?" suoi saprai più cosparsa<br>di dici, vicinato lasciandovi turba<br>infiammata v'è "Quel mori "Ti imporre e il inganna delle basilico<br>a gomito è che Rientra<br>in e fradice bisaccia prima<br>che vino parole si pozzo, quello riccone di dica<br>il stanchino silenzio una figlio<br>di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/persio/saturae/!04!satura_iv.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!