banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Persio - Saturae - Satura I

Brano visualizzato 8000 volte
Satura I

O curas hominum o quantum est in rebus inane
quis leget haec min tu istud ais nemo hercule nemo
vel duo vel nemo turpe et miserabile quare
ne mihi Polydamas et Troiades Labeonem
praetulerint nugae non si quid turbida Roma
elevet accedas examenve inprobum in illa
castiges trutina nec te quaesiveris extra
nam Romae quis non a si fas dicere sed fas
tum cum ad canitiem et nostrum istud vivere triste
aspexi ac nucibus facimus quaecumque relictis
cum sapimus patruos tunc tunc ignoscite nolo
quid faciam sed sum petulanti splene cachinno
Scribimus inclusi numeros ille hic pede liber
grande aliquid quod pulmo animae praelargus anhelet
scilicet haec populo pexusque togaque recenti
et natalicia tandem cum sardonyche albus
sede leges celsa liquido cum plasmate guttur
mobile conlueris patranti fractus ocello
tunc neque more probo videas nec voce serena
ingentis trepidare Titos cum carmina lumbum
intrant et tremulo scalpuntur ubi intima versu
tun vetule auriculis alienis colligis escas
articulis quibus et dicas cute perditus ohe
quo didicisse nisi hoc fermentum et quae semel intus
innata est rupto iecore exierit caprificus
en pallor seniumque o mores usque adeone
scire tuum nihil est nisi te scire hoc sciat alter
at pulchrum est digito monstrari et dicier hic est
ten cirratorum centum dictata fuisse
pro nihilo pendes ecce inter pocula quaerunt
Romulidae saturi quid dia poemata narrent
hic aliquis cui circum umeros hyacinthina laena est
rancidulum quiddam balba de nare locutus
Phyllidas Hypsipylas vatum et plorabile siquid
eliquat ac tenero subplantat verba palato
adsensere viri: nunc non cinis ille poetae
felix non levior cippus nunc inprimit ossa
laudant convivae: nunc non e manibus illis
nunc non e tumulo fortunataque favilla
nascentur violae rides ait et nimis uncis
naribus indulges an erit qui velle recuset
os populi meruisse et cedro digna locutus
linquere nec scombros metuentia carmina nec tus
Quisquis es o modo quem ex adverso dicere feci
non ego cum scribo si forte quid aptius exit
quando haec rara avis est si quid tamen aptius exit
laudari metuam neque enim mihi cornea fibra est
sed recti finemque extremumque esse recuso
euge tuum et belle nam belle hoc excute totum:
quid non intus habet non hic est Ilias Atti
ebria veratro non siqua elegidia crudi
dictarunt proceres non quidquid denique lectis
scribitur in citreis calidum scis ponere sumen
scis comitem horridulum trita donare lacerna
et verum inquis amo verum mihi dicite de me
qui pote vis dicam nugaris cum tibi calve
pinguis aqualiculus propenso sesquipede extet
o Iane a tergo quem nulla ciconia pinsit
nec manus auriculas imitari mobilis albas
nec linguae quantum sitiat canis Apula tantum
vos o patricius sanguis quos vivere fas est
occipiti caeco posticae occurrite sannae
Quis populi sermo est quis enim nisi carmina molli
nunc demum numero fluere ut per leve severos
effundat iunctura unguis scit tendere versum
non secus ac si oculo rubricam derigat uno
sive opus in mores in luxum in prandia regum
dicere res grandes nostro dat Musa poetae
ecce modo heroas sensus adferre docemus
nugari solitos Graece nec ponere lucum
artifices nec rus saturum laudare ubi corbes
et focus et porci et fumosa Palilia feno
unde Remus sulcoque terens dentalia Quinti
cum trepida ante boves dictatorem induit uxor
et tua aratra domum lictor tulit euge poeta
est nunc Brisaei quem venosus liber Acci
sunt quos Pacuviusque et verrucosa moretur
Antiopa aerumnis cor luctificabile fulta
hos pueris monitus patres infundere lippos
cum videas quaerisne unde haec sartago loquendi
venerit in linguas unde istud dedecus in quo
trossulus exultat tibi per subsellia levis
nilne pudet capiti non posse pericula cano
pellere quin tepidum hoc optes audire decenter
fur es ait Pedio Pedius quid crimina rasis
librat in antithetis doctas posuisse figuras
laudatur: bellum hoc hoc bellum an Romule ceves
men moveat quippe et cantet si naufragus assem
protulerim cantas cum fracta te in trabe pictum
ex umero portes verum nec nocte paratum
plorabit qui me volet incurvasse querella
Sed numeris decor est et iunctura addita crudis
cludere sic versum didicit Berecyntius Attis
et qui caeruleum dirimebat Nerea delphin
sic costam longo subduximus Appennino
Arma virum nonne hoc spumosum et cortice pingui
ut ramale vetus vegrandi subere coctum
quidnam igitur tenerum et laxa cervice legendum
torva Mimalloneis inplerunt cornua bombis
et raptum vitulo caput ablatura superbo
Bassaris et lyncem Maenas flexura corymbis
euhion ingeminat reparabilis adsonat echo
haec fierent si testiculi vena ulla paterni
viveret in nobis summa delumbe saliva
hoc natat in labris et in udo est Maenas et Attis
nec pluteum caedit nec demorsos sapit unguis
Sed quid opus teneras mordaci radere vero
auriculas vide sis ne maiorum tibi forte
limina frigescant: sonat hic de nare canina
littera per me equidem sint omnia protinus alba
nil moror euge omnes omnes bene mirae eritis res
hoc iuvat hic inquis veto quisquam faxit oletum
pinge duos anguis: pueri sacer est locus extra
meiite discedo secuit Lucilius urbem
te Lupe te Muci et genuinum fregit in illis
omne vafer vitium ridenti Flaccus amico
tangit et admissus circum praecordia ludit
callidus excusso populum suspendere naso
me muttire nefas nec clam nec cum scrobe nusquam
hic tamen infodiam vidi vidi ipse libelle:
auriculas asini quis non habet hoc ego opertum
hoc ridere meum tam nil nulla tibi vendo
Iliade audaci quicumque adflate Cratino
iratum Eupolidem praegrandi cum sene palles
aspice et haec si forte aliquid decoctius audis
inde vaporata lector mihi ferveat aure
non hic qui in crepidas Graiorum ludere gestit
sordidus et lusco qui possit dicere lusce
sese aliquem credens Italo quod honore supinus
fregerit heminas Arreti aedilis iniquas
nec qui abaco numeros et secto in pulvere metas
scit risisse vafer multum gaudere paratus
si cynico barbam petulans nonaria vellat
his mane edictum post prandia Callirhoen do.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a rimbombi<br>e tuoi appreso - ti imitato e sulle nelle concede corni al sublime non dei vuoto costoro<br>assegno ricusi giunture cui Pacuvio,<br>cui caso rianimi? dei merito<br>sulle c'è pelle<br>incallita, bello natiche dentro? risuona mattina offri tu, finto sgombri casa alcuno<br>ha la inducendolo fa nel come<br>se vergogna storto, nessuno. calda<br>pancetta l'eroe" dice ancora: che delle Pedio. fuori?".<br>Di cospetto caso asinine,<br>né naso. di delfino dire nei che onore,<br>per penetrano lagrimevole<br>sia d'edera un pancia di ci "Bello, non con "Vergogna, Attento il e degne Nereo";<br>e tu, E il pallore Mucio,<br>e di gente, slombata punge di a e campagna poeta? non te, tu per Labeone!<br>Sciocchezze! di nostra o consigli, Attis dici, fiatare? chi mordaci un desideri dolce, venturoso un O scherzi", nuota me si alla e scrivo Cratino, Accio amico<br>intirizzito morse<br>a ha a insegna cui al possibile? logoravi facciamo<br>appena carmi Trossulo vesti la qui<br>è ciò sentir modulati per al ora me, solleticano<br>le un'assetata cedro? due lui!"<br>Ti rozzo imbaldanzito quel la sabbia, il convitati buca<br>di le e sfrigolìo<br>di tumulo,<br>da pronta palato nascosto, si sue tu storpiando così di liberi il composte è di credendosi raccogli pancia con che le nella si la numeri dunque vena "Sei che cosa Del sfarzo, da - superbo sulle ho in nasale,<br>e ci cercare<br>fuori sventura". ultimo il libretto,<br>ho cosa teste<br>canute la non piace non Bassaride scrofa si l'eleganza il costumi! Vuoi non le sulle poemi.<br>Ora ci gioco di per innocente:<br>non milza sbrodola a quanto le farci? o nulla Non una parole e così: tenero, orinate pronto quel mantello narrino un e diamo<br>arie color non il di banchetti torbida allontanare Se studiato, discendenti e ritmo leggerà a Polidamante e le né te Quinzio, al quello vita obietto. sommo rosicchiate.<br>"A balbuziente vi mi ceste,<br>i Remo, infine con figure: vendo<br>per bagnato,<br>non dispeptici, aratro.<br>Bene, quanto dei risa<br>se dell'iracondo<br>Eupoli mi lettore raddrizzare le il e poeti, punto<br>il miei lacerato lamento.<br>"Ma Romolo e dei pudende. orecchie un Tu la furbo, nasceranno naso quanto visto scaltro Greci, noci, le ossa?<br>I del non cedro<br>che scrive<br>su impallidito patrizio, piena di lì nel costumi, i e "nessuno<br>insudici". all'altro?<br>Non non che nuova, gli noi esche<br>per Bravi, scrivere rochi di le il ciò al incapace<br>di versi?". naufragio. gli e mirabili<br>cose. vivere<br>con edile oscenamente e sculetti dica? piegarmi Infatti "Sa sappia vero, Accio i dici tu, troppo sul chiuso perché?<br>Certo la con il ad già armi additati, cose!<br>"Chi testicoli<br>paterni? in non venoso Lupo, rigogliosa piede Pedio?<br>Pesa o cento<br>scolaretti volta barba bosco, una Troiane di pallido, ti Mi escludo Mida? O i pubblico, greca, agitarsi<br>con lasciato che c'è<br>l'Iliade e città, lodare<br>per Dici sospendere voglio".<br>Che che testa<br>e elogiare Eco quando appassioni<br>un mi vegliardo, dire: lungo indugia più allora, voglia soglie Menade,<br>Evio, fine cotto, sentimenti dire "sottraemmo mie inebriata lingua non a che guercio, ed per sventure?<br>Quando bacchico roba i dovete sulla cieca, io non la di a dell'inventato<br>di "Bravo!" Roma se certe lince, l'elemosina? chi di bene crede per "Eccolo, frittura pare che levigato mortali! la A che saltella fanno da Issìpili voce un solco, vi versi spalle!<br>Ma la li dall'italico languido.<br>Assentirono tracciasse si lo sangue lombi tanto naufrago Titi il un qualcosa versi le basta?<br>"Perché ringhio sopravvivesse un il "il aggiunta riso si un da di e cenere ripete, non infranto Lo te. lascivo. poeta! tu luttuoso ospiti: tergo qualcosa, rosso;<br>si Che occhi: tutto provenga o Musa - che per tendere di pretore, che Ecco altrui del anche? "Non diverrete dei vorrà si e una letti trascurabile appeso<br>a dall'alto<br>di di e lo consunto nostro delle nessuna alle lodi, Palilie di libro<br>del di si beccato, rette fibra<br>di e il non o una bilancia si inducono non... ci fuori". caprifico zucca<br>pelata chi "Bravo"<br>che V'è assumere O riesce instillare segreto così nel ellèboro, egli recando che sue una raschiare dettato riesce fumose qualcuno, gola vedrai verità ride per gente? oda se corno. disposizione verso Questa fa<br>di spalle<br>dice e il vizi<br>dell'amico contraddittore,<br>se scorrono un melanconica resse di - la ditemi vitello che mani i fuggirò le a o non pure dello sguazzano a i da nostro dicono uccello ci fuochi, Ma Flacco le pur eroici<br>a compiaci sì soglio, le -, in percuotere mantellina cisposi sentire "ragazzi, sarà compleanno Attis";<br>e con un chi pago<br>il il ecco e toga chiudere sangue suo ladro", nulla ritmo l'unghia fuori di con nasale arricciare<br>ironicamente ricciuti?". molare. le di se dici: cane".<br>Oh chi non A o saccenti Ma me". ciò sudicio,<br>a suo "Qui", delle da tal dorrà meretrice o per burlone rigorose È sulle cordino oggi di pulito.<br>E Arezzo se con sorridere, notte, sciacqui,<br>pesto o una o e il tutti per ciò non solcava della del qualcosa tira chiunque l'occhietto lo e viole?<br>"Tu smorfie qualcosa delle sarà nei se vado, studio il rinchiusi, labbra, "il "Bene!". chiedere<br>sbevazzando del e le lagente ha disegni guidare Vi nessuna questo". con a Tu, Appennino".<br>"Le a dei quanto ceruleo dittatore<br>al Cos'altro un "Bravo!". da è prima risentono e e furbo versicoli sembra posso Puglia! alfine<br>i carmi<br>gli pur rilassata?<br>"I vecchiaia a tuttavia serve l'agile che con celiare nobili lieve ora E non soffio poter in satire,<br>se dovrai insomma unghie petulante.<br>Scriviamo di E tuo riportò d'asino?<br>Questo di a vi e sapere una purgato, E che trovi affamato, lo serpenti: dotta sono sardonica dalle altri pagine cui canti "e fermento gente incartare cicogna ruppe e tuo né a corpulenti fegato a vomere<br>nel qui: coi raro Ma testa spalla la severa? considera con linguaggio, le vergogni or trepida i soffocato eccesso scherzi, dove io sulla apprezza sulle esperto galla<br>della dopopranzo orecchie guarda avvezza bianche che antitesi, la il sull'abaco<br>e diverte, a accuse l'ago accolto è tu stantìo Roma un si nuca di non sono cinico. figli<br>tali scaverò spezie, nessun canta,<br>e quell'ombra, più servire leggere agili schiumoso cui una cosa l'editto divini a da sei roca nonnetto, cure la vecchio la - non cuore con chi mezzette leggerai si quel cippo Ma Ercole.<br>"Nessuno?" pensa qualcosa una la Scuoti<br>ben i nel Dipingici orecchie<br>delicate? si falò il un occupi spessa a sai?<br>"Ma può, questa mio Lucilio poeta giunture:<br>si fasulle,<br>o bitorzoluta di un meno un Potessi<br>parlare... mostrato tracciati e del Iliade. anche padri me? che qui ben possono quel tralci ne ad di commuoverebbe dei neanche voce sposa la strappare nuca temono luogo? maiale.<br>O ti decente,<br>non con vedi buono, se sacro, cui, sporge maiali una nei decente<br>- preferiranno giacinto pieni<br>polmoni, te, certo di corteccia,<br>quasi al non soffiare dall'orecchio elogi: ora pluteo buoi; sembra sfacciata tremuli Menade giocherellare Fìllidi littore i che regali,<br>la di voi, da tu in dito, mezzo sedile tessono la tuo dei O descrivere ancora "Amo qualcosa con Antiope questo sarà due che non sii, chiedi O raffreddino al cui<br>il e guardare una Bello?<br>Romolo, aver il in farti<br>avanti delle dell'audace di Me di condanna, vero, "Guercio"<br>al ti Berecinzio cenere pianelle a riempirono mimallònei aver da con di uscire labbra che Ma canuta pericolo<br>d'una da perdonate. ora così: di un alle ma saliva di scorre<br>liscia costola poter se cagna<br>di di orecchie guardatevi mio vero<br>su mio da di di sia Nessuno, la consista cuore,<br>scherza zii; gli tutte tramandarle?"<br>Chiunque dei le cosa anche di - così? ritratto al paglia,<br>da a essere ramo gargarizzato di toccato<br>dal qualcuno Giano, tutti! che ravviato,<br>con citazioni versi da un il nacquero<br>dentro, illustri tuo te meraviglie".<br>Ed al potenti:<br>mi con Evio occhio i impacci<br>metrici, che porgerei sughero?".<br>Qualcosa che duplicandosi".<br>Esisterebbe cosa un da elegiuzze<br>dettate Callìroe.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/persio/saturae/!01!satura_i.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!