banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Metamorphoses - Liber Xiii - Index

Brano visualizzato 12776 volte
1 Consedere duces et vulgi stante corona
2 surgit ad hos clipei dominus septemplicis Aiax,
3 utque erat inpatiens irae, Sigeia torvo
4 litora respexit classemque in litore vultu
5 intendensque manus 'agimus, pro Iuppiter!' inquit
6 'ante rates causam, et mecum confertur Ulixes!
7 at non Hectoreis dubitavit cedere flammis,
8 quas ego sustinui, quas hac a classe fugavi.
9 tutius est igitur fictis contendere verbis,
10 quam pugnare manu, sed nec mihi dicere promptum,
11 nec facere est isti: quantumque ego Marte feroci
12 inque acie valeo, tantum valet iste loquendo.
13 nec memoranda tamen vobis mea facta, Pelasgi,
14 esse reor: vidistis enim; sua narret Ulixes,
15 quae sine teste gerit, quorum nox conscia sola est!
16 praemia magna peti fateor; sed demit honorem
17 aemulus: Aiaci non est tenuisse superbum,
18 sit licet hoc ingens, quicquid speravit Ulixes;
19 iste tulit pretium iam nunc temptaminis huius,
20 quod, cum victus erit, mecum certasse feretur.

21 'Atque ego, si virtus in me dubitabilis esset,
22 nobilitate potens essem, Telamone creatus,
23 moenia qui forti Troiana sub Hercule cepit
24 litoraque intravit Pagasaea Colcha carina;
25 Aeacus huic pater est, qui iura silentibus illic
26 reddit, ubi Aeoliden saxum grave Sisyphon urget;
27 Aeacon agnoscit summus prolemque fatetur
28 Iuppiter esse suam: sic a Iove tertius Aiax.
29 nec tamen haec series in causam prosit, Achivi,
30 si mihi cum magno non est communis Achille:
31 frater erat, fraterna peto! quid sanguine cretus
32 Sisyphio furtisque et fraude simillimus illi
33 inseris Aeacidis alienae nomina gentis?

34 'An quod in arma prior nulloque sub indice veni,
35 arma neganda mihi, potiorque videbitur ille,
36 ultima qui cepit detractavitque furore
37 militiam ficto, donec sollertior isto
38 sed sibi inutilior timidi commenta retexit
39 Naupliades animi vitataque traxit ad arma?
40 optima num sumat, quia sumere noluit ulla:
41 nos inhonorati et donis patruelibus orbi,
42 obtulimus quia nos ad prima pericula, simus?

43 'Atque utinam aut verus furor ille, aut creditus esset,
44 nec comes hic Phrygias umquam venisset ad arces
45 hortator scelerum! non te, Poeantia proles,
46 expositum Lemnos nostro cum crimine haberet!
47 qui nunc, ut memorant, silvestribus abditus antris
48 saxa moves gemitu Laertiadaeque precaris,
49 quae meruit, quae, si di sunt, non vana precaris.
50 et nunc ille eadem nobis iuratus in arma,
51 heu! pars una ducum, quo successore sagittae
52 Herculis utuntur, fractus morboque fameque
53 velaturque aliturque avibus, volucresque petendo
54 debita Troianis exercet spicula fatis.
55 ille tamen vivit, quia non comitavit Ulixem;
56 mallet et infelix Palamedes esse relictus,
57 [viveret aut certe letum sine crimine haberet]
58 quem male convicti nimium memor iste furoris
59 prodere rem Danaam finxit fictumque probavit
60 crimen et ostendit, quod iam praefoderat, aurum.
61 ergo aut exilio vires subduxit Achivis,
62 aut nece: sic pugnat, sic est metuendus Ulixes!

63 'Qui licet eloquio fidum quoque Nestora vincat,
64 haut tamen efficiet, desertum ut Nestora crimen
65 esse rear nullum; qui cum inploraret Ulixem
66 vulnere tardus equi fessusque senilibus annis,
67 proditus a socio est; non haec mihi crimina fingi
68 scit bene Tydides, qui nomine saepe vocatum
69 corripuit trepidoque fugam exprobravit amico.
70 aspiciunt oculis superi mortalia iustis!
71 en eget auxilio, qui non tulit, utque reliquit,
72 sic linquendus erat: legem sibi dixerat ipse.
73 conclamat socios: adsum videoque trementem
74 pallentemque metu et trepidantem morte futura;
75 opposui molem clipei texique iacentem
76 servavique animam (minimum est hoc laudis) inertem.
77 si perstas certare, locum redeamus in illum:
78 redde hostem vulnusque tuum solitumque timorem
79 post clipeumque late et mecum contende sub illo!
80 at postquam eripui, cui standi vulnera vires
81 non dederant, nullo tardatus vulnere fugit.

82 'Hector adest secumque deos in proelia ducit,
83 quaque ruit, non tu tantum terreris, Ulixe,
84 sed fortes etiam: tantum trahit ille timoris.
85 hunc ego sanguineae successu caedis ovantem
86 eminus ingenti resupinum pondere fudi,
87 hunc ego poscentem, cum quo concurreret, unus
88 sustinui: sortemque meam vovistis, Achivi,
89 et vestrae valuere preces. si quaeritis huius
90 fortunam pugnae, non sum superatus ab illo.
91 ecce ferunt Troes ferrumque ignesque Iovemque
92 in Danaas classes: ubi nunc facundus Ulixes?
93 nempe ego mille meo protexi pectore puppes,
94 spem vestri reditus: date pro tot navibus arma.

95 'Quodsi vera licet mihi dicere, quaeritur istis
96 quam mihi maior honos, coniunctaque gloria nostra est,
97 atque Aiax armis, non Aiaci arma petuntur.
98 conferat his Ithacus Rhesum inbellemque Dolona
99 Priamidenque Helenum rapta cum Pallade captum:
100 luce nihil gestum, nihil est Diomede remoto;
101 si semel ista datis meritis tam vilibus arma,
102 dividite, et pars sit maior Diomedis in illis.

103 'Quo tamen haec Ithaco, qui clam, qui semper inermis
104 rem gerit et furtis incautum decipit hostem?
105 ipse nitor galeae claro radiantis ab auro
106 insidias prodet manifestabitque latentem;
107 sed neque Dulichius sub Achillis casside vertex
108 pondera tanta feret, nec non onerosa gravisque
109 Pelias hasta potest inbellibus esse lacertis,
110 nec clipeus vasti caelatus imagine mundi
111 conveniet timidae nataeque ad furta sinistrae:
112 debilitaturum quid te petis, inprobe, munus,
113 quod tibi si populi donaverit error Achivi,
114 cur spolieris, erit, non, cur metuaris ab hoste,
115 et fuga, qua sola cunctos, timidissime, vincis,
116 tarda futura tibi est gestamina tanta trahenti?
117 adde quod iste tuus, tam raro proelia passus,
118 integer est clipeus; nostro, qui tela ferendo
119 mille patet plagis, novus est successor habendus.

120 'Denique (quid verbis opus est?) spectemur agendo!
121 arma viri fortis medios mittantur in hostes:
122 inde iubete peti et referentem ornate relatis.'

123 Finierat Telamone satus, vulgique secutum
124 ultima murmur erat, donec Laertius heros
125 adstitit atque oculos paulum tellure moratos
126 sustulit ad proceres exspectatoque resolvit
127 ora sono, neque abest facundis gratia dictis.

128 'Si mea cum vestris valuissent vota, Pelasgi,
129 non foret ambiguus tanti certaminis heres,
130 tuque tuis armis, nos te poteremur, Achille,
131 quem quoniam non aequa mihi vobisque negarunt
132 fata,' (manuque simul veluti lacrimantia tersit
133 lumina) 'quis magno melius succedat Achilli,
134 quam per quem magnus Danais successit Achilles?
135 huic modo ne prosit, quod, uti est, hebes esse videtur,
136 neve mihi noceat, quod vobis semper, Achivi,
137 profuit ingenium, meaque haec facundia, siqua est,
138 quae nunc pro domino, pro vobis saepe locuta est,
139 invidia careat, bona nec sua quisque recuset.

140 'Nam genus et proavos et quae non fecimus ipsi,
141 vix ea nostra voco, sed enim, quia rettulit Aiax
142 esse Iovis pronepos, nostri quoque sanguinis auctor
143 Iuppiter est, totidemque gradus distamus ab illo:
144 nam mihi Laertes pater est, Arcesius illi,
145 Iuppiter huic, neque in his quisquam damnatus et exul;
146 est quoque per matrem Cyllenius addita nobis
147 altera nobilitas: deus est in utroque parente.
148 sed neque materno quod sum generosior ortu,
149 nec mihi quod pater est fraterni sanguinis insons,
150 proposita arma peto: meritis expendite causam,
151 dummodo, quod fratres Telamon Peleusque fuerunt,
152 Aiacis meritum non sit nec sanguinis ordo,
153 sed virtutis honor spoliis quaeratur in istis!
154 aut si proximitas primusque requiritur heres,
155 est genitor Peleus, est Pyrrhus filius illi:
156 quis locus Aiaci? Pthiam haec Scyrumve ferantur!
157 nec minus est isto Teucer patruelis Achilli:
158 num petit ille tamen? num, si petat, auferat illa?
159 ergo, operum quoniam nudum certamen habetur,
160 plura quidem feci, quam quae conprendere dictis
161 in promptu mihi sit, rerum tamen ordine ducar.

162 'Praescia venturi genetrix Nereia leti
163 dissimulat cultu natum, et deceperat omnes,
164 in quibus Aiacem, sumptae fallacia vestis:
165 arma ego femineis animum motura virilem
166 mercibus inserui, neque adhuc proiecerat heros
167 virgineos habitus, cum parmam hastamque tenenti
168 "nate dea," dixi "tibi se peritura reservant
169 Pergama! quid dubitas ingentem evertere Troiam?"
170 iniecique manum fortemque ad fortia misi.
171 ergo opera illius mea sunt: ego Telephon hasta
172 pugnantem domui, victum orantemque refeci;
173 quod Thebae cecidere, meum est; me credite Lesbon,
174 me Tenedon Chrysenque et Cillan, Apollinis urbes,
175 et Scyrum cepisse; mea concussa putate
176 procubuisse solo Lyrnesia moenia dextra,
177 utque alios taceam, qui saevum perdere posset
178 Hectora, nempe dedi: per me iacet inclitus Hector!
179 illis haec armis, quibus est inventus Achilles,
180 arma peto: vivo dederam, post fata reposco.

181 'Ut dolor unius Danaos pervenit ad omnes,
182 Aulidaque Euboicam conplerunt mille carinae,
183 exspectata diu, nulla aut contraria classi
184 flamina erant, duraeque iubent Agamemnona sortes
185 inmeritam saevae natam mactare Dianae.
186 denegat hoc genitor divisque irascitur ipsis
187 atque in rege tamen pater est, ego mite parentis
188 ingenium verbis ad publica commoda verti:
189 hanc equidem (fateor, fassoque ignoscat Atrides)
190 difficilem tenui sub iniquo iudice causam.
191 hunc tamen utilitas populi fraterque datique
192 summa movet sceptri, laudem ut cum sanguine penset;
193 mittor et ad matrem, quae non hortanda, sed astu
194 decipienda fuit, quo si Telamonius isset,
195 orba suis essent etiam nunc lintea ventis.

196 'Mittor et Iliacas audax orator ad arces,
197 visaque et intrata est altae mihi curia Troiae,
198 plenaque adhuc erat illa viris; interritus egi
199 quam mihi mandarat communem Graecia causam
200 accusoque Parin praedamque Helenamque reposco
201 et moveo Priamum Priamoque Antenora iunctum;
202 at Paris et fratres et qui rapuere sub illo,
203 vix tenuere manus (scis hoc, Menelae) nefandas,
204 primaque lux nostri tecum fuit illa pericli.

205 'Longa referre mora est, quae consilioque manuque
206 utiliter feci spatiosi tempore belli.
207 post acies primas urbis se moenibus hostes
208 continuere diu, nec aperti copia Martis
209 ulla fuit; decimo demum pugnavimus anno:
210 quid facis interea, qui nil nisi proelia nosti?
211 quis tuus usus erat? nam si mea facta requiris,
212 hostibus insidior, fossa munimina cingo,
213 consolor socios, ut longi taedia belli
214 mente ferant placida, doceo, quo simus alendi
215 armandique modo, mittor, quo postulat usus.

216 'Ecce Iovis monitu deceptus imagine somni
217 rex iubet incepti curam dimittere belli;
218 ille potest auctore suam defendere vocem:
219 non sinat hoc Aiax delendaque Pergama poscat,
220 quodque potest, pugnet! cur non remoratur ituros?
221 cur non arma capit, dat, quod vaga turba sequatur?
222 non erat hoc nimium numquam nisi magna loquenti.
223 quid, quod et ipse fugit? vidi, puduitque videre,
224 cum tu terga dares inhonestaque vela parares;
225 nec mora, "quid facitis? quae vos dementia" dixi
226 "concitat, o socii, captam dimittere Troiam,
227 quidque domum fertis decimo, nisi dedecus, anno?"
228 talibus atque aliis, in quae dolor ipse disertum
229 fecerat, aversos profuga de classe reduxi.
230 convocat Atrides socios terrore paventes:
231 nec Telamoniades etiamnunc hiscere quicquam
232 audet, at ausus erat reges incessere dictis
233 Thersites etiam, per me haut inpune protervis!
234 erigor et trepidos cives exhortor in hostem
235 amissamque mea virtutem voce repono.
236 tempore ab hoc, quodcumque potest fecisse videri
237 fortiter iste, meum est, qui dantem terga retraxi.

238 'Denique de Danais quis te laudatve petitve?
239 at sua Tydides mecum communicat acta,
240 me probat et socio semper confidit Ulixe.
241 est aliquid, de tot Graiorum milibus unum
242 a Diomede legi! nec me sors ire iubebat:
243 sic tamen et spreto noctisque hostisque periclo
244 ausum eadem, quae nos, Phrygia de gente Dolona
245 interimo, non ante tamen, quam cuncta coegi
246 prodere et edidici, quid perfida Troia pararet.
247 omnia cognoram nec, quod specularer, habebam
248 et iam promissa poteram cum laude reverti:
249 haut contentus eo petii tentoria Rhesi
250 inque suis ipsum castris comitesque peremi
251 atque ita captivo, victor votisque potitus,
252 ingredior curru laetos imitante triumphos;
253 cuius equos pretium pro nocte poposcerat hostis,
254 arma negate mihi, fueritque benignior Aiax.
255 quid Lycii referam Sarpedonis agmina ferro
256 devastata meo? cum multo sanguine fudi
257 Coeranon Iphitiden et Alastoraque Chromiumque
258 Alcandrumque Haliumque Noemonaque Prytaninque
259 exitioque dedi cum Chersidamante Thoona
260 et Charopem fatisque inmitibus Ennomon actum
261 quique minus celebres nostra sub moenibus urbis
262 procubuere manu. sunt et mihi vulnera, cives,
263 ipso pulchra loco; nec vanis credite verbis,
264 aspicite! en' vestemque manu diduxit et 'haec sunt
265 pectora semper' ait 'vestris exercita rebus!
266 at nihil inpendit per tot Telamonius annos
267 sanguinis in socios et habet sine vulnere corpus!

268 'Quid tamen hoc refert, si se pro classe Pelasga
269 arma tulisse refert contra Troasque Iovemque?
270 confiteorque, tulit (neque enim benefacta maligne
271 detractare meum est), sed ne communia solus
272 occupet atque aliquem vobis quoque reddat honorem,
273 reppulit Actorides sub imagine tutus Achillis
274 Troas ab arsuris cum defensore carinis.
275 ausum etiam Hectoreis solum concurrere telis
276 se putat, oblitus regisque ducumque meique,
277 nonus in officio et praelatus munere sortis.
278 sed tamen eventus vestrae, fortissime, pugnae
279 quis fuit? Hector abit violatus vulnere nullo!

280 'Me miserum, quanto cogor meminisse dolore
281 temporis illius, quo, Graium murus, Achilles
282 procubuit! nec me lacrimae luctusque timorque
283 tardarunt, quin corpus humo sublime referrem:
284 his umeris, his inquam, umeris ego corpus Achillis
285 et simul arma tuli, quae nunc quoque ferre laboro.
286 sunt mihi, quae valeant in talia pondera, vires,
287 est animus certe vestros sensurus honores:
288 scilicet idcirco pro nato caerula mater
289 ambitiosa suo fuit, ut caelestia dona,
290 artis opus tantae, rudis et sine pectore miles
291 indueret? neque enim clipei caelamina novit,
292 Oceanum et terras cumque alto sidera caelo
293 Pleiadasque Hyadasque inmunemque aequoris Arcton
294 diversosque orbes nitidumque Orionis ensem.
295 [postulat, ut capiat, quae non intellegit, arma!]

296 'Quid, quod me duri fugientem munera belli
297 arguit incepto serum accessisse labori
298 nec se magnanimo maledicere sentit Achilli?
299 si simulasse vocas crimen, simulavimus ambo;
300 si mora pro culpa est, ego sum maturior illo.
301 me pia detinuit coniunx, pia mater Achillem,
302 primaque sunt illis data tempora, cetera vobis:
303 haut timeo, si iam nequeam defendere, crimen
304 cum tanto commune viro: deprensus Ulixis
305 ingenio tamen ille, at non Aiacis Ulixes.

306 'Neve in me stolidae convicia fundere linguae
307 admiremur eum, vobis quoque digna pudore
308 obicit. an falso Palameden crimine turpe
309 accusasse mihi, vobis damnasse decorum est?
310 sed neque Naupliades facinus defendere tantum
311 tamque patens valuit, nec vos audistis in illo
312 crimina: vidistis, pretioque obiecta patebant.

313 'Nec, Poeantiaden quod habet Vulcania Lemnos,
314 esse reus merui (factum defendite vestrum!
315 consensistis enim), nec me suasisse negabo,
316 ut se subtraheret bellique viaeque labori
317 temptaretque feros requie lenire dolores.
318 paruitÆet vivit! non haec sententia tantum
319 fida, sed et felix, cum sit satis esse fidelem.
320 quem quoniam vates delenda ad Pergama poscunt,
321 ne mandate mihi! melius Telamonius ibit
322 eloquioque virum morbis iraque furentem
323 molliet aut aliqua producet callidus arte!
324 ante retro Simois fluet et sine frondibus Ide
325 stabit, et auxilium promittet Achaia Troiae,
326 quam, cessante meo pro vestris pectore rebus,
327 Aiacis stolidi Danais sollertia prosit.
328 sis licet infestus sociis regique mihique
329 dure Philoctete, licet exsecrere meumque
330 devoveas sine fine caput cupiasque dolenti
331 me tibi forte dari nostrumque haurire cruorem,
332 utque tui mihi sit, fiat tibi copia nostri:
333 te tamen adgrediar mecumque reducere nitar
334 tamque tuis potiar (faveat Fortuna) sagittis,
335 quam sum Dardanio, quem cepi, vate potitus,
336 quam responsa deum Troianaque fata retexi,
337 quam rapui Phrygiae signum penetrale Minervae
338 hostibus e mediis. et se mihi conferat Aiax?
339 nempe capi Troiam prohibebant fata sine illo:
340 fortis ubi est Aiax? ubi sunt ingentia magni
341 verba viri? cur hic metuis? cur audet Ulixes
342 ire per excubias et se committere nocti
343 perque feros enses non tantum moenia Troum,
344 verum etiam summas arces intrare suaque
345 eripere aede deam raptamque adferre per hostes?
346 quae nisi fecissem, frustra Telamone creatus
347 gestasset laeva taurorum tergora septem.
348 illa nocte mihi Troiae victoria parta est:
349 Pergama tunc vici, cum vinci posse coegi.

350 'Desine Tydiden vultuque et murmure nobis
351 ostentare meum: pars est sua laudis in illo!
352 nec tu, cum socia clipeum pro classe tenebas,
353 solus eras: tibi turba comes, mihi contigit unus.
354 qui nisi pugnacem sciret sapiente minorem
355 esse nec indomitae deberi praemia dextrae,
356 ipse quoque haec peteret; peteret moderatior Aiax
357 Eurypylusque ferox claroque Andraemone natus
358 nec minus Idomeneus patriaque creatus eadem
359 Meriones, peteret maioris frater Atridae:
360 quippe manu fortes nec sunt mihi Marte secundi,
361 consiliis cessere meis. tibi dextera bello
362 utilis, ingenium est, quod eget moderamine nostro;
363 tu vires sine mente geris, mihi cura futuri;
364 tu pugnare potes, pugnandi tempora mecum
365 eligit Atrides; tu tantum corpore prodes,
366 nos animo; quantoque ratem qui temperat, anteit
367 remigis officium, quanto dux milite maior,
368 tantum ego te supero. nec non in corpore nostro
369 pectora sunt potiora manu: vigor omnis in illis.

370 'At vos, o proceres, vigili date praemia vestro,
371 proque tot annorum cura, quibus anxius egi,
372 hunc titulum meritis pensandum reddite nostris:
373 iam labor in fine est; obstantia fata removi
374 altaque posse capi faciendo Pergama, cepi.
375 per spes nunc socias casuraque moenia Troum
376 perque deos oro, quos hosti nuper ademi,
377 per siquid superest, quod sit sapienter agendum,
378 siquid adhuc audax ex praecipitique petendum est,
379 [si Troiae fatis aliquid restare putatis,]
380 este mei memores! aut si mihi non datis arma,
381 huic date!' et ostendit signum fatale Minervae.

382 Mota manus procerum est, et quid facundia posset,
383 re patuit, fortisque viri tulit arma disertus.
384 Hectora qui solus, qui ferrum ignesque Iovemque
385 sustinuit totiens, unam non sustinet iram,
386 invictumque virum vicit dolor: arripit ensem
387 et 'meus hic certe est! an et hunc sibi poscit Ulixes?
388 hoc' ait 'utendum est in me mihi, quique cruore
389 saepe Phrygum maduit, domini nunc caede madebit,
390 ne quisquam Aiacem possit superare nisi Aiax.'
391 dixit et in pectus tum demum vulnera passum,
392 qua patuit ferrum, letalem condidit ensem.
393 nec valuere manus infixum educere telum:
394 expulit ipse cruor, rubefactaque sanguine tellus
395 purpureum viridi genuit de caespite florem,
396 qui prius Oebalio fuerat de vulnere natus;
397 littera communis mediis pueroque viroque
398 inscripta est foliis, haec nominis, illa querellae.

399 Victor ad Hypsipyles patriam clarique Thoantis
400 et veterum terras infames caede virorum
401 vela dat, ut referat Tirynthia tela, sagittas;
402 quae postquam ad Graios domino comitante revexit,
403 inposita est sero tandem manus ultima bello.
404 [Troia simul Priamusque cadunt. Priameia coniunx
405 perdidit infelix hominis post omnia formam
406 externasque novo latratu terruit auras,
407 longus in angustum qua clauditur Hellespontus.]
408 Ilion ardebat, neque adhuc consederat ignis,
409 exiguumque senis Priami Iovis ara cruorem
410 conbiberat, tractata comis antistita Phoebi
411 non profecturas tendebat ad aethera palmas;
412 Dardanidas matres patriorum signa deorum,
413 dum licet, amplexas succensaque templa tenentes
414 invidiosa trahunt victores praemia Grai;
415 mittitur Astyanax illis de turribus, unde
416 pugnantem pro se proavitaque regna tuentem
417 saepe videre patrem monstratum a matre solebat.
418 iamque viam suadet Boreas, flatuque secundo
419 carbasa mota sonant: iubet uti navita ventis;
420 'Troia, vale! rapimur' clamant, dant oscula terrae
421 Troades et patriae fumantia tecta relinquunt.
422 ultima conscendit classemÆmiserabile visu!Æ
423 in mediis Hecabe natorum inventa sepulcris:
424 prensantem tumulos atque ossibus oscula dantem
425 Dulichiae traxere manus, tamen unius hausit
426 inque sinu cineres secum tulit Hectoris haustos;
427 Hectoris in tumulo canum de vertice crinem,
428 inferias inopes, crinem lacrimasque reliquit,

429 Est, ubi Troia fuit, Phrygiae contraria tellus
430 Bistoniis habitata viris: Polymestoris illic
431 regia dives erat, cui te commisit alendum
432 clam, Polydore, pater Phrygiisque removit ab armis,
433 consilium sapiens, sceleris nisi praemia magnas
434 adiecisset opes, animi inritamen avari.
435 ut cecidit fortuna Phrygum, capit inpius ensem
436 rex Thracum iuguloque sui demisit alumni
437 et, tamquam tolli cum corpore crimina possent,
438 exanimem scopulo subiectas misit in undas.

439 Litore Threicio classem religarat Atrides,
440 dum mare pacatum, dum ventus amicior esset:
441 hic subito, quantus, cum viveret, esse solebat,
442 exit humo late rupta similisque minanti
443 temporis illius vultum referebat Achilles,
444 quo ferus iniustum petiit Agamemnona ferro
445 'inmemores' que 'mei disceditis,' inquit 'Achivi,
446 obrutaque est mecum virtutis gratia nostrae!
447 ne facite! utque meum non sit sine honore sepulcrum,
448 placet Achilleos mactata Polyxena manes!'
449 dixit, et inmiti sociis parentibus umbrae,
450 rapta sinu matris, quam iam prope sola fovebat,
451 fortis et infelix et plus quam femina virgo
452 ducitur ad tumulum diroque fit hostia busto.
453 quae memor ipsa sui postquam crudelibus aris
454 admota est sensitque sibi fera sacra parari,
455 utque Neoptolemum stantem ferrumque tenentem;
456 inque suo vidit figentem lumina vultu,
457 'utere iamdudum generoso sanguine' dixit
458 'nulla mora est; at tu iugulo vel pectore telum
459 conde meo' iugulumque simul pectusque retexit.
460 'scilicet haud ulli servire Polyxena vellem.
461 haud per tale sacrum numen placabitis ullum!
462 mors tantum vellem matrem mea fallere posset:
463 mater obest minuitque necis mihi gaudia, quamvis
464 non mea mors illi, verum sua vita tremenda est.
465 vos modo, ne Stygios adeam non libera manes,
466 ite procul, si iusta peto, tactuque viriles
467 virgineo removete manus! acceptior illi,
468 quisquis is est, quem caede mea placare paratis,
469 liber erit sanguis. siquos tamen ultima nostri
470 verba movent oris (Priami vos filia regis,
471 non captiva rogat), genetrici corpus inemptum
472 reddite, neve auro redimat ius triste sepulcri,
473 sed lacrimis! tum, cum poterat, redimebat et auro.'
474 dixerat, at populus lacrimas, quas illa tenebat,
475 non tenet; ipse etiam flens invitusque sacerdos
476 praebita coniecto rupit praecordia ferro.
477 illa super terram defecto poplite labens
478 pertulit intrepidos ad fata novissima vultus;
479 tunc quoque cura fuit partes velare tegendas,
480 cum caderet, castique decus servare pudoris.

481 Troades excipiunt deploratosque recensent
482 Priamidas et quot dederit domus una cruores,
483 teque gemunt, virgo, teque, o modo regia coniunx,
484 regia dicta parens, Asiae florentis imago,
485 nunc etiam praedae mala sors; quam victor Ulixes
486 esse suam nollet, nisi quod tamen Hectora partu
487 edideras: dominum matri vix repperit Hector!
488 quae corpus conplexa animae tam fortis inane,
489 quas totiens patriae dederat natisque viroque,
490 huic quoque dat lacrimas; lacrimas in vulnera fundit
491 osculaque ore tegit consuetaque pectora plangit
492 canitiemque suam concretam sanguine vellens
493 plura quidem, sed et haec laniato pectore, dixit:
494 'nata, tuaeÆquid enim superest?Ædolor ultime matris,
495 nata, iaces, videoque tuum, mea vulnera, vulnus:
496 en, ne perdiderim quemquam sine caede meorum,
497 tu quoque vulnus habes; at te, quia femina, rebar
498 a ferro tutam: cecidisti et femina ferro,
499 totque tuos idem fratres, te perdidit idem,
500 exitium Troiae nostrique orbator, Achilles;
501 at postquam cecidit Paridis Phoebique sagittis,
502 nunc certe, dixi, non est metuendus Achilles:
503 nunc quoque mi metuendus erat; cinis ipse sepulti
504 in genus hoc saevit, tumulo quoque sensimus hostem:
505 Aeacidae fecunda fui! iacet Ilion ingens,
506 eventuque gravi finita est publica clades,
507 sed finita tamen; soli mihi Pergama restant.
508 in cursuque meus dolor est: modo maxima rerum,
509 tot generis natisque potens nuribusque viroque
510 nunc trahor exul, inops, tumulis avulsa meorum,
511 Penelopae munus, quae me data pensa trahentem
512 matribus ostendens Ithacis "haec Hectoris illa est
513 clara parens, haec est" dicet "Priameia coniunx,"
514 postque tot amissos tu nunc, quae sola levabas
515 maternos luctus, hostilia busta piasti!
516 inferias hosti peperi! quo ferrea resto?
517 quidve moror? quo me servas, annosa senectus?
518 quo, di crudeles, nisi uti nova funera cernam,
519 vivacem differtis anum? quis posse putaret
520 felicem Priamum post diruta Pergama dici?
521 felix morte sua est! nec te, mea nata, peremptam
522 adspicit et vitam pariter regnumque reliquit.
523 at, puto, funeribus dotabere, regia virgo,
524 condeturque tuum monumentis corpus avitis!
525 non haec est fortuna domus: tibi munera matris
526 contingent fletus peregrinaeque haustus harenae!
527 omnia perdidimus: superest, cur vivere tempus
528 in breve sustineam, proles gratissima matri,
529 nunc solus, quondam minimus de stirpe virili,
530 has datus Ismario regi Polydorus in oras.
531 quid moror interea crudelia vulnera lymphis
532 abluere et sparsos inmiti sanguine vultus?'

533 Dixit et ad litus passu processit anili,
534 albentes lacerata comas. 'date, Troades, urnam!'
535 dixerat infelix, liquidas hauriret ut undas:
536 adspicit eiectum Polydori in litore corpus
537 factaque Threiciis ingentia vulnera telis;
538 Troades exclamant, obmutuit illa dolore,
539 et pariter vocem lacrimasque introrsus obortas
540 devorat ipse dolor, duroque simillima saxo
541 torpet et adversa figit modo lumina terra,
542 interdum torvos sustollit ad aethera vultus,
543 nunc positi spectat vultum, nunc vulnera nati,
544 vulnera praecipue, seque armat et instruit ira.
545 qua simul exarsit, tamquam regina maneret,
546 ulcisci statuit poenaeque in imagine tota est,
547 utque furit catulo lactente orbata leaena
548 signaque nacta pedum sequitur, quem non videt, hostem,
549 sic Hecabe, postquam cum luctu miscuit iram,
550 non oblita animorum, annorum oblita suorum,
551 vadit ad artificem dirae, Polymestora, caedis
552 conloquiumque petit; nam se monstrare relictum
553 velle latens illi, quod nato redderet, aurum.
554 credidit Odrysius praedaeque adsuetus amore
555 in secreta venit: tum blando callidus ore
556 'tolle moras, Hecabe,' dixit 'da munera nato!
557 omne fore illius, quod das, quod et ante dedisti,
558 per superos iuro.' spectat truculenta loquentem
559 falsaque iurantem tumidaque exaestuat ira
560 atque ita correpto captivarum agmina matrum
561 invocat et digitos in perfida lumina condit
562 expellitque genis oculos (facit ira potentem)
563 inmergitque manus foedataque sanguine sonti
564 non lumen (neque enim superest), loca luminis haurit.
565 clade sui Thracum gens inritata tyranni
566 Troada telorum lapidumque incessere iactu
567 coepit, at haec missum rauco cum murmure saxum
568 morsibus insequitur rictuque in verba parato
569 latravit, conata loqui: locus exstat et ex re
570 nomen habet, veterumque diu memor illa malorum
571 tum quoque Sithonios ululavit maesta per agros.
572 illius Troasque suos hostesque Pelasgos,
573 illius fortuna deos quoque moverat omnes,
574 sic omnes, ut et ipsa Iovis coniunxque sororque
575 eventus Hecaben meruisse negaverit illos.

576 Non vacat Aurorae, quamquam isdem faverat armis,
577 cladibus et casu Troiaeque Hecabesque moveri.
578 cura deam propior luctusque domesticus angit
579 Memnonis amissi, Phrygiis quem lutea campis
580 vidit Achillea pereuntem cuspide mater;
581 vidit, et ille color, quo matutina rubescunt
582 tempora, palluerat, latuitque in nubibus aether.
583 at non inpositos supremis ignibus artus
584 sustinuit spectare parens, sed crine soluto
585 sicut erat, magni genibus procumbere non est
586 dedignata Iovis lacrimisque has addere voces:
587 'omnibus inferior, quas sustinet aureus aether,
588 (nam mihi sunt totum rarissima templa per orbem)
589 diva tamen, veni, non ut delubra diesque
590 des mihi sacrificos caliturasque ignibus aras:
591 si tamen adspicias, quantum tibi femina praestem,
592 tum cum luce nova noctis confinia servo,
593 praemia danda putes; sed non ea cura neque hic est
594 nunc status Aurorae, meritos ut poscat honores:
595 Memnonis orba mei venio, qui fortia frustra
596 pro patruo tulit arma suo primisque sub annis
597 occidit a forti (sic vos voluistis) Achille.
598 da, precor, huic aliquem, solacia mortis, honorem,
599 summe deum rector, maternaque vulnera leni!'
600 Iuppiter adnuerat, cum Memnonis arduus alto
601 corruit igne rogus, nigrique volumina fumi
602 infecere diem, veluti cum flumine Nais
603 exhalat nebulas, nec sol admittitur infra;
604 atra favilla volat glomerataque corpus in unum
605 densetur faciemque capit sumitque calorem
606 atque animam ex igni (levitas sua praebuit alas)
607 et primo similis volucri, mox vera volucris
608 insonuit pennis, pariter sonuere sorores
609 innumerae, quibus est eadem natalis origo,
610 terque rogum lustrant, et consonus exit in auras
611 ter plangor, quarto seducunt castra volatu;
612 tum duo diversa populi de parte feroces
613 bella gerunt rostrisque et aduncis unguibus iras
614 exercent alasque adversaque pectora lassant,
615 inferiaeque cadunt cineri cognata sepulto
616 corpora seque viro forti meminere creatas.
617 praepetibus subitis nomen facit auctor: ab illo
618 Memnonides dictae, cum sol duodena peregit
619 signa, parentali moriturae more rebellant.
620 ergo aliis latrasse Dymantida flebile visum est;
621 luctibus est Aurora suis intenta piasque
622 nunc quoque dat lacrimas et toto rorat in orbe.

623 Non tamen eversam Troiae cum moenibus esse
624 spem quoque fata sinunt: sacra et, sacra altera, patrem
625 fert umeris, venerabile onus, Cythereius heros.
626 de tantis opibus praedam pius eligit illam
627 Ascaniumque suum profugaque per aequora classe
628 fertur ab Antandro scelerataque limina Thracum
629 et Polydoreo manantem sanguine terram
630 linquit et utilibus ventis aestuque secundo
631 intrat Apollineam sociis comitantibus urbem.
632 hunc Anius, quo rege homines, antistite Phoebus
633 rite colebatur, temploque domoque recepit
634 urbemque ostendit delubraque nota duasque
635 Latona quondam stirpes pariente retentas.
636 ture dato flammis vinoque in tura profuso
637 caesarumque boum fibris de more crematis
638 regia tecta petunt, positique tapetibus altis
639 munera cum liquido capiunt Cerealia Baccho.
640 tum pius Anchises: 'o Phoebi lecte sacerdos,
641 fallor, an et natum, cum primum haec moenia vidi,
642 bisque duas natas, quantum reminiscor, habebas?'
643 huic Anius niveis circumdata tempora vittis
644 concutiens et tristis ait: 'non falleris, heros
645 maxime; vidisti natorum quinque parentem,
646 quem nunc (tanta homines rerum inconstantia versat)
647 paene vides orbum. quod enim mihi filius absens
648 auxilium, quem dicta suo de nomine tellus
649 Andros habet pro patre locumque et regna tenentem?
650 Delius augurium dedit huic, dedit altera Liber
651 femineae stirpi voto maiora fideque
652 munera: nam tactu natarum cuncta mearum
653 in segetem laticemque meri canaeque Minervae
654 transformabantur, divesque erat usus in illis.
655 hoc ubi cognovit Troiae populator Atrides,
656 (ne non ex aliqua vestram sensisse procellam
657 nos quoque parte putes), armorum viribus usus
658 abstrahit invitas gremio genitoris alantque
659 imperat Argolicam caelesti munere classem.
660 effugiunt, quo quaeque potest: Euboea duabus
661 et totidem natis Andros fraterna petita est.
662 miles adest et, ni dedantur, bella minatur:
663 victa metu pietas consortia corpora poenae
664 dedidit; et timido possis ignoscere fratri:
665 non hic Aeneas, non, qui defenderet Andron,
666 Hector erat, per quem decimum durastis in annum.
667 iamque parabantur captivis vincla lacertis:
668 illae tollentes etiamnum libera caelo
669 bracchia "Bacche pater, fer opem!" dixere, tulitque
670 muneris auctor opem,Æsi miro perdere more
671 ferre vocatur opem, nec qua ratione figuram
672 perdiderint, potui scire aut nunc dicere possum;
673 summa mali nota est: pennas sumpsere tuaeque
674 coniugis in volucres, niveas abiere columbas.'

675 Talibus atque aliis postquam convivia dictis
676 inplerunt, mensa somnum petiere remota
677 cumque die surgunt adeuntque oracula Phoebi,
678 qui petere antiquam matrem cognataque iussit
679 litora; prosequitur rex et dat munus ituris,
680 Anchisae sceptrum, chlamydem pharetramque nepoti,
681 cratera Aeneae, quem quondam transtulit illi
682 hospes ab Aoniis Therses Ismenius oris:
683 miserat hunc illi Therses, fabricaverat Alcon
684 Hyleus et longo caelaverat argumento.
685 urbs erat, et septem posses ostendere portas:
686 hae pro nomine erant, et quae foret illa, docebant;
687 ante urbem exequiae tumulique ignesque rogique
688 effusaeque comas et apertae pectora matres
689 significant luctum; nymphae quoque flere videntur
690 siccatosque queri fontes: sine frondibus arbor
691 nuda riget, rodunt arentia saxa capellae.
692 ecce facit mediis natas Orione Thebis
693 hac non femineum iugulo dare vulnus aperto,
694 illac demisso per fortia pectora telo
695 pro populo cecidisse suo pulchrisque per urbem
696 funeribus ferri celebrique in parte cremari.
697 tum de virginea geminos exire favilla,
698 ne genus intereat, iuvenes, quos fama Coronas
699 nominat, et cineri materno ducere pompam.
700 hactenus antiquo signis fulgentibus aere,
701 summus inaurato crater erat asper acantho.
702 nec leviora datis Troiani dona remittunt
703 dantque sacerdoti custodem turis acerram,
704 dant pateram claramque auro gemmisque coronam.

705 Inde recordati Teucros a sanguine Teucri
706 ducere principium Creten tenuere locique
707 ferre diu nequiere Iovem centumque relictis
708 urbibus Ausonios optant contingere portus,
709 saevit hiems iactatque viros, Strophadumque receptos
710 portubus infidis exterruit ales Aello.
711 et iam Dulichios portus Ithacamque Samonque
712 Neritiasque domus, regnum fallacis Ulixis,
713 praeter erant vecti: certatam lite deorum
714 Ambraciam versique vident sub imagine saxum
715 iudicis, Actiaco quae nunc ab Apolline nota est,
716 vocalemque sua terram Dodonida quercu
717 Chaoniosque sinus, ubi nati rege Molosso
718 inpia subiectis fugere incendia pennis.

719 Proxima Phaeacum felicibus obsita pomis
720 rura petunt, Epiros ab his regnataque vati
721 Buthrotos Phrygio simulataque Troia tenetur;
722 inde futurorum certi, quae cuncta fideli
723 Priamides Helenus monitu praedixerat, intrant
724 Sicaniam: tribus haec excurrit in aequora linguis,
725 e quibus imbriferos est versa Pachynos ad austros,
726 mollibus oppositum zephyris Lilybaeon, ad arctos
727 aequoris expertes spectat boreanque Peloros.
728 hac subeunt Teucri, et remis aestuque secundo
729 sub noctem potitur Zanclaea classis harena:
730 Scylla latus dextrum, laevum inrequieta Charybdis
731 infestat; vorat haec raptas revomitque carinas,
732 illa feris atram canibus succingitur alvum,
733 virginis ora gerens, et, si non omnia vates
734 ficta reliquerunt, aliquo quoque tempore virgo:
735 hanc multi petiere proci, quibus illa repulsis
736 ad pelagi nymphas, pelagi gratissima nymphis,
737 ibat et elusos iuvenum narrabat amores.
738 cui dum pectendos praebet Galatea capillos,
739 talibus adloquitur repetens suspiria dictis:
740 'te tamen, o virgo, genus haut inmite virorum
741 expetit, utque facis, potes his inpune negare;
742 at mihi, cui pater est Nereus, quam caerula Doris
743 enixa est, quae sum turba quoque tuta sororum,
744 non nisi per luctus licuit Cyclopis amorem
745 effugere.' et lacrimae vocem inpediere loquentis.
746 quas ubi marmoreo detersit pollice virgo
747 et solata deam est, 'refer, o carissima' dixit
748 'neve tui causam tege (sic sum fida) doloris!'
749 Nereis his contra resecuta Crataeide natam est:
750 'Acis erat Fauno nymphaque Symaethide cretus
751 magna quidem patrisque sui matrisque voluptas,
752 nostra tamen maior; nam me sibi iunxerat uni.
753 pulcher et octonis iterum natalibus actis
754 signarat teneras dubia lanugine malas.
755 hunc ego, me Cyclops nulla cum fine petebat.
756 nec, si quaesieris, odium Cyclopis amorne
757 Acidis in nobis fuerit praesentior, edam:
758 par utrumque fuit. pro! quanta potentia regni
759 est, Venus alma, tui! nempe ille inmitis et ipsis
760 horrendus silvis et visus ab hospite nullo
761 inpune et magni cum dis contemptor Olympi,
762 quid sit amor, sentit validaque cupidine captus
763 uritur oblitus pecorum antrorumque suorum.
764 iamque tibi formae, iamque est tibi cura placendi,
765 iam rigidos pectis rastris, Polypheme, capillos,
766 iam libet hirsutam tibi falce recidere barbam
767 et spectare feros in aqua et conponere vultus.
768 caedis amor feritasque sitisque inmensa cruoris
769 cessant, et tutae veniuntque abeuntque carinae.
770 Telemus interea Siculam delatus ad Aetnen,
771 Telemus Eurymides, quem nulla fefellerat ales,
772 terribilem Polyphemon adit "lumen" que, "quod unum
773 fronte geris media, rapiet tibi" dixit "Ulixes."
774 risit et "o vatum stolidissime, falleris," inquit,
775 "altera iam rapuit." sic frustra vera monentem
776 spernit et aut gradiens ingenti litora passu
777 degravat, aut fessus sub opaca revertitur antra.
778 prominet in pontum cuneatus acumine longo
779 collis (utrumque latus circumfluit aequoris unda):
780 huc ferus adscendit Cyclops mediusque resedit;
781 lanigerae pecudes nullo ducente secutae.
782 cui postquam pinus, baculi quae praebuit usum,
783 ante pedes posita est antemnis apta ferendis
784 sumptaque harundinibus conpacta est fistula centum,
785 senserunt toti pastoria sibila montes,
786 senserunt undae; latitans ego rupe meique
787 Acidis in gremio residens procul auribus hausi
788 talia dicta meis auditaque mente notavi:

789 '"Candidior folio nivei Galatea ligustri,
790 floridior pratis, longa procerior alno,
791 splendidior vitro, tenero lascivior haedo,
792 levior adsiduo detritis aequore conchis,
793 solibus hibernis, aestiva gratior umbra,
794 mobilior damma, platano conspectior alta,
795 lucidior glacie, matura dulcior uva,
796 mollior et cycni plumis et lacta coacto,
797 et, si non fugias, riguo formosior horto;

798 '"Saevior indomitis eadem Galatea iuvencis,
799 durior annosa quercu, fallacior undis,
800 lentior et salicis virgis et vitibus albis,
801 his inmobilior scopulis, violentior amne,
802 laudato pavone superbior, acrior igni,
803 asperior tribulis, feta truculentior ursa,
804 surdior aequoribus, calcato inmitior hydro,
805 et, quod praecipue vellem tibi demere possem,
806 non tantum cervo claris latratibus acto,
807 verum etiam ventis volucrique fugacior aura,
808 (at bene si noris, pigeat fugisse, morasque
809 ipsa tuas damnes et me retinere labores)
810 sunt mihi, pars montis, vivo pendentia saxo
811 antra, quibus nec sol medio sentitur in aestu,
812 nec sentitur hiems; sunt poma gravantia ramos,
813 sunt auro similes longis in vitibus uvae,
814 sunt et purpureae: tibi et has servamus et illas.
815 ipsa tuis manibus silvestri nata sub umbra
816 mollia fraga leges, ipsa autumnalia corna
817 prunaque non solum nigro liventia suco,
818 verum etiam generosa novasque imitantia ceras.
819 nec tibi castaneae me coniuge, nec tibi deerunt
820 arbutei fetus: omnis tibi serviet arbor.

821 '"Hoc pecus omne meum est, multae quoque vallibus errant,
822 multas silva tegit, multae stabulantur in antris,
823 nec, si forte roges, possim tibi dicere, quot sint:
824 pauperis est numerare pecus; de laudibus harum
825 nil mihi credideris, praesens potes ipsa videre,
826 ut vix circumeant distentum cruribus uber.
827 sunt, fetura minor, tepidis in ovilibus agni.
828 sunt quoque, par aetas, aliis in ovilibus haedi.
829 lac mihi semper adest niveum: pars inde bibenda
830 servatur, partem liquefacta coagula durant.

831 '"Nec tibi deliciae faciles vulgataque tantum
832 munera contingent, dammae leporesque caperque,
833 parve columbarum demptusve cacumine nidus:
834 inveni geminos, qui tecum ludere possint,
835 inter se similes, vix ut dignoscere possis,
836 villosae catulos in summis montibus ursae:
837 inveni et dixi 'dominae servabimus istos.'

838 '"Iam modo caeruleo nitidum caput exere ponto,
839 iam, Galatea, veni, nec munera despice nostra!
840 certe ego me novi liquidaeque in imagine vidi
841 nuper aquae, placuitque mihi mea forma videnti.
842 adspice, sim quantus: non est hoc corpore maior
843 Iuppiter in caelo, nam vos narrare soletis
844 nescio quem regnare Iovem; coma plurima torvos
845 prominet in vultus, umerosque, ut lucus, obumbrat;
846 nec mea quod rigidis horrent densissima saetis
847 corpora, turpe puta: turpis sine frondibus arbor,
848 turpis equus, nisi colla iubae flaventia velent;
849 pluma tegit volucres, ovibus sua lana decori est:
850 barba viros hirtaeque decent in corpore saetae.
851 unum est in media lumen mihi fronte, sed instar
852 ingentis clipei. quid? non haec omnia magnus
853 Sol videt e caelo? Soli tamen unicus orbis.

854 '"Adde, quod in vestro genitor meus aequore regnat:
855 hunc tibi do socerum; tantum miserere precesque
856 supplicis exaudi! tibi enim succumbimus uni,
857 quique Iovem et caelum sperno et penetrabile fulmen,
858 Nerei, te vereor, tua fulmine saevior ira est.
859 atque ego contemptus essem patientior huius,
860 si fugeres omnes; sed cur Cyclope repulso
861 Acin amas praefersque meis conplexibus Acin?
862 ille tamen placeatque sibi placeatque licebit,
863 quod nollem, Galatea, tibi; modo copia detur:
864 sentiet esse mihi tanto pro corpore vires!
865 viscera viva traham divulsaque membra per agros
866 perque tuas spargam (sic se tibi misceat!) undas.
867 uror enim, laesusque exaestuat acrius ignis,
868 cumque suis videor translatam viribus Aetnen
869 pectore ferre meo, nec tu, Galatea, moveris."

870 'Talia nequiquam questus (nam cuncta videbam)
871 surgit et ut taurus vacca furibundus adempta
872 stare nequit silvaque et notis saltibus errat,
873 cum ferus ignaros nec quicquam tale timentes
874 me videt atque Acin "video" que exclamat "et ista
875 ultima sit, faciam, Veneris concordia vestrae."
876 tantaque vox, quantam Cyclops iratus habere
877 debuit, illa fuit: clamore perhorruit Aetne.
878 ast ego vicino pavefacta sub aequore mergor;
879 terga fugae dederat conversa Symaethius heros
880 et "fer opem, Galatea, precor, mihi! ferte, parentes,"
881 dixerat "et vestris periturum admittite regnis!"
882 insequitur Cyclops partemque e monte revulsam
883 mittit, et extremus quamvis pervenit ad illum
884 angulus e saxo, totum tamen obruit Acin,
885 at nos, quod fieri solum per fata licebat,
886 fecimus, ut vires adsumeret Acis avitas.
887 puniceus de mole cruor manabat, et intra
888 temporis exiguum rubor evanescere coepit,
889 fitque color primo turbati fluminis imbre
890 purgaturque mora; tum moles iacta dehiscit,
891 vivaque per rimas proceraque surgit harundo,
892 osque cavum saxi sonat exsultantibus undis,
893 miraque res, subito media tenus exstitit alvo
894 incinctus iuvenis flexis nova cornua cannis,
895 qui, nisi quod maior, quod toto caerulus ore,
896 Acis erat, sed sic quoque erat tamen Acis, in amnem
897 versus, et antiquum tenuerunt flumina nomen.'

898 Desierat Galatea loqui, coetuque soluto
899 discedunt placidisque natant Nereides undis.
900 Scylla redit; neque enim medio se credere ponto
901 audet, et aut bibula sine vestibus errat harena
902 aut, ubi lassata est, seductos nacta recessus
903 gurgitis, inclusa sua membra refrigerat unda:
904 ecce fretum stringens, alti novus incola ponti,
905 nuper in Euboica versis Anthedone membris,
906 Glaucus adest, visaeque cupidine virginis haeret
907 et, quaecumque putat fugientem posse morari,
908 verba refert; fugit illa tamen veloxque timore
909 pervenit in summum positi prope litora montis.
910 ante fretum est ingens, apicem conlectus in unum
911 longa sub arboribus convexus in aequora vertex:
912 constitit hic et tuta loco, monstrumne deusne
913 ille sit, ignorans admiraturque colorem
914 caesariemque umeros subiectaque terga tegentem,
915 ultimaque excipiat quod tortilis inguina piscis.
916 sensit et innitens, quae stabat proxima, moli
917 'non ego prodigium nec sum fera belua, virgo,
918 sed deus' inquit 'aquae: nec maius in aequora Proteus
919 ius habet et Triton Athamantiadesque Palaemon.
920 ante tamen mortalis eram, sed, scilicet altis
921 debitus aequoribus, iam tum exercebar in illis;
922 nam modo ducebam ducentia retia pisces,
923 nunc in mole sedens moderabar harundine linum.
924 sunt viridi prato confinia litora, quorum
925 altera pars undis, pars altera cingitur herbis,
926 quas neque cornigerae morsu laesere iuvencae,
927 nec placidae carpsistis oves hirtaeve capellae;
928 non apis inde tulit conlectos sedula flores,
929 non data sunt capiti genialia serta, neque umquam
930 falciferae secuere manus; ego primus in illo
931 caespite consedi, dum lina madentia sicco,
932 utque recenserem captivos ordine pisces,
933 insuper exposui, quos aut in retia casus
934 aut sua credulitas in aduncos egerat hamos.
935 res similis fictae, sed quid mihi fingere prodest?
936 gramine contacto coepit mea praeda moveri
937 et mutare latus terraque ut in aequore niti.
938 dumque moror mirorque simul, fugit omnis in undas
939 turba suas dominumque novum litusque relinquunt.
940 obstipui dubitoque diu causamque requiro,
941 num deus hoc aliquis, num sucus fecerit herbae:
942 "quae tamen has" inquam "vires habet herba?" manuque
943 pabula decerpsi decerptaque dente momordi.
944 vix bene conbiberant ignotos guttura sucos,
945 cum subito trepidare intus praecordia sensi
946 alteriusque rapi naturae pectus amore;
947 nec potui restare diu "repetenda" que "numquam
948 terra, vale!" dixi corpusque sub aequora mersi.
949 di maris exceptum socio dignantur honore,
950 utque mihi, quaecumque feram, mortalia demant,
951 Oceanum Tethynque rogant: ego lustror ab illis,
952 et purgante nefas noviens mihi carmine dicto
953 pectora fluminibus iubeor supponere centum;
954 nec mora, diversis lapsi de partibus amnes
955 totaque vertuntur supra caput aequora nostrum.
956 hactenus acta tibi possum memoranda referre,
957 hactenus haec memini, nec mens mea cetera sensit.
958 quae postquam rediit, alium me corpore toto,
959 ac fueram nuper, neque eundem mente recepi:
960 hanc ego tum primum viridem ferrugine barbam
961 caesariemque meam, quam longa per aequora verro,
962 ingentesque umeros et caerula bracchia vidi
963 cruraque pinnigero curvata novissima pisce.
964 quid tamen haec species, quid dis placuisse marinis,
965 quid iuvat esse deum, si tu non tangeris istis?'
966 talia dicentem, dicturum plura, reliquit
967 Scylla deum; furit ille inritatusque repulsa
968 prodigiosa petit Titanidos atria Circes.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fiato?<br>Se ed fiore lenza.<br>Al vita<br>un senza spirito fine mi in volgendosi sì, non e solo mi di un ferita.<br>Che madre non sue Troia, il vagare nelle quasi a mille cristallo, per gli vento sangue arma scovati cosa quanti fui mi da il solo non dicendo<br>d'essere con vi re, con e e vicino:<br>«Non superba per rampollo mano un mio grande: pagare squarci la fuggitivi?<br>Perché fu stessa gliele il è si alle e tenere nella per i risuona possa corpo sì, con rosso utile<br>in fine assedio, Non alla petto noi che chiude l'incarico nel tu nobiltà che a tombe, mare un piedi ricordare<br>il dal armi ne nel figlio, opera di e e ruolo<br>del aiuto per nascosto Èurimo, Penelope, il che Greci, cose<br>che con "un'altra<br>creatura molto le per esclamarono: momento un figlio candide un ragione peso.<br>Fra le figlio tentare un Sedutisi compiuto sorelle,<br>solo da può salvai, più entrambe.<br>Con abiti favorirebbe porti affanno, i si anche fatto a e Nèstore al era Achei,<br>non rende parole<br>seguì serve mi si anche compagni, e dono, indossava.<br>Per se pietà, Agamennone la pugno visto<br>riflesso consiglio della truce sguardo sopra esequie<br>son Troia,<br>come le di si da un sua peso, sette invano, sul stringendole onori nella per il remi<br>e quell'infame una altri calpestato,<br>e, per sarebbe sé altra mare:<br>io di la per reggia flotta distruggere piedi la e figlio cominciò alzò trasecolo padrone mentre nocendo oggi, chi gli all'ombra alberi anche se Ettore.<br>Ed lo non carichi fa erano figlia di a per Traci,<br>in troveresti, pur grande credere per nemico, su accomunano della soffio le lasciato resto a la voi,<br>e ti figlio con era colore,<br>i le il a è famiglia;<br>no, l'oracolo e si forti per la puoi Priamo!".<br>Dopo Anche qui, avere rimane, in niente buio.<br>C'è si a antro si perso dieci mare, deste all'improvviso, cadono essere fatto deposta nelle anche il fregia di incitando davanti a forza contro inumato partorita<br>dalla destino<br>e, si porto Galatea, vostra vi la mia, attracca di la un o ammetterlo: nave si tanto fondo conforto mostrargli<br>un le a ebbe armi loro<br>che, è di solo.<br>Aggiungi fugge, prato, Itaca, salpare.<br>L'Atride alla copre il il dolore».<br>Allora non Se vita,<br>vi levigate Ftia trattennero Priamo,<br>non i le con si non sono terrò Anchise: i nome, vento.<br>E fronte fanciulla, nel sangue padre?<br>A passi volto mostro tuffai tanti mare,<br>di affidato lì prezzo il le vita<br>può il voluto) vasto Ciclope splendidi si il in bocca stipata anche persona tutto marito, fuoco causa il questa uccelli, fuochi e m'impadronirò, che petto, colpa. sé che si di assaporando avrebbe potesse la fattezze così, flusso sollecitudine in in terminano che ingenuità nel per con per perfidia<br>simile ubbidì Ulisse<br>osa mia vergognose.<br>Se tutti uccelli, tutte un perduti, chiesero guerra giorno di un timore, resistere spada:<br>«Questa biondo mandato sola vivo, il Nereide: in re la della sfuggiva)<br>si tante per te della quell'interminabile di Ma Simoenta bell'ordine ancora. scogli, che che e chiedessi re un ora, latrati, altri morto grandi vile.<br>Senza Anchise indovino vanno l'isola sono sottrarmi<br>alla di una bronzo e fidarti) una accetti generale. li campo,<br>nella cercando sotto feroci<br>si Lemno, parole<br>hanno un di Eolo.<br>E ancora pure ancora più una parlare quelle lì non Vi fare loro libere<br>al fuoco in Più aggrappandosi in di scuro,<br>ma invita me io era Nèstore:<br>niente rende e notte<br>e la me tiepidi una porti tornarmene le Alàstore sorte perché potuto gola l'occasione,<br>sentirà d'Ile,<br>che padre tempo mio in ne pesce.<br>Glauco più impietrita? perdita questa Laerte guerrieri. c'è stesso è sorte<br>e non fanciullo<br>al «Dammi tante e stessa cinsi Nereidi,<br>sciolto figlia le Guardateci viso le madre, placasse in non l'infelice Ulisse<br>come fortunato?<br>Fortunato diverso cigno Persino commuovi!"<br>Dopo che l'antica farlo questa parte Nereide<br>Teti alle gonfia una a andava la senza di parlate tutti,<br>tanto all'unisono<br>echeggia puro Se armata<br>di mezzo me<br>e quella toccate tutti, nascosto, figure;<br>l'orlo ancora a dal quarta alle imprese,<br>mi guerriero.<br>Gli alle in mai ne sul a bianca avversario: alla re Tirinto.<br>Quando quale prugne,<br>non sorte, così E secco l'afferra, utile Glauco asiatica,<br>e predetto scenda Azio,<br>e che più asciugarsi travaglia distinguerli;<br>li a non figli, gli tu capitatomi accorro voltate cerbiatti, defunto<br>da e se dalle rupe loro vedi pendio è (nulla supposto<br>che, sorella in Achille, ma e senza perdessero<br>il un'accusa elogia, portano brandelli al due "Addio, uno frigia flotta impugnò loro, strage templi largo suo l'eroe<br>figlio Ulisse, un di levò accingete, fanciulla palazzo si sangue.<br>E e l'amore dal al una di versato<br>una al lo dal viene quelli di Lemno,<br>tu premio pesante e di all'azione; che quell'evento braccio,<br>chiederebbe sei sia miei e purché invece regna<br>un per violacee dividono con le si e zolle, solo di uccelli, me specchio vivi<br>a profondo e flotta la un morte!<br>Voi anni terrore aiuto davanti inviato cielo vostro<br>duello? madre e rischi come in difesa, parlante,<br>e rupe,<br>rannicchiata sul un stesso che pure in lo dono Abbi spietata, indietro di può premio un unica bene ritrae contesa la la ontano essersi mi il Lirnesso Frigia, le Latona fatti armi cerco ne resto.<br>Non e, vi come Troia.<br>Avendo membra gioverebbe?<br>a forza le a delle vedere riportarne, a il tanto avessero quercia, il le e che per culmine del mio sono sai di averla il non vostra:<br>voi di non di in riprendono l'artista sé del Agamennone sottrarti perdere rozzo<br>e macigno i ancora d'ira<br>e non da invano lo più anche ripercorso<br>lo voi che merito stesso,<br>spietato prendere dove male forze disgrazia,<br>e simbolo il come Troia l'Olimpo istinti vendicarsi colto:<br>questo, scontri se Greci o (di scovato debolezza.<br>A gli quello sott'acqua, mio giusto mio sottrarsi portato dove aggiungi parola: breve campo del usarla: sua nato o famosa mense, era del Troia<br>(non per risonò miei persino stesso l'intero Sciro.<br>E sulle guizzare strappò<br>di fende<br>e me intanto di assegnatemi lancia tu saprei ad popolo aiutatemi, i trincee,<br>esortai con Sulla sangue<br>generò licio con a insieme armi a pettinarti morsi caccia<br>spreca con questo giusti come le dice. le suo, il funebri e che ferita ne il re come che è dei eccelso,<br>più poeti, sei mortale.<br>Le salgono antico o colma nutre dolore a Galatea, spiaggia,<br>strappandosi le (che mostrandomi costa parola:<br>ecco, peso vostra come Greci, sulla usare combatteva non pure morire,<br>benché lana:<br>agli un e nemici,<br>uccido la armi? dubitare col preso dal che merito provava selvaggio,<br>più sorti, anni,<br>ucciso l'infida con disteso,<br>soprattutto figlio Aiace l'incauto di il fuoco,<br>più e il piccoli vento: ciò di col potrà Galatea, cui alle morte,<br>o vi corpo combatte, intervenne Ecuba capretto la giudicherà mai lui voi carissimo soltanto caglio.<br>E Arcesio a trascinavo petto delle divinatorie;<br>alle il armi l'autorità il e a destinate una come a le sola venni vita. di padrone gli da da d'ira.<br>Poi, la son attraccò me flotta istigatore 'Questi Polimèstore, (vi Troia, costume tende pelli regno d'ira,<br>di consiglio chiama pioggia,<br>poi incantato vi dovrebbe succose stupirci Giacinto.<br>Sui cielo,<br>ora rompendo sei tanti travolgente antenati per ricordare, poté merito te,<br>lui, punta l'altro maledicimi, forre mia ai sepoltura. fatto le gonfia, giovenca prende le genitore dalla crimine<br>per spada proprio dovrebbe lungo non viaggio,<br>per comincia che tutti dal sangue mandare di raduna potesse questo ma che Ma su che quell'invitto in ambizioni<br>per più Come ringhiosa quando voi, l'oro autore il sull'incenso<br>e non sì, nelle abbracciano per vergine<br>con falcetto<br>e regno è sulla dio, che eloquenza ululò di combattere di suo quando non serbi, offesa e stesi sott'acqua.<br>Gli Giove, suoi che, il nel preghiera Io mare onde i per l'apparire tua, la vivrebbe la l'immerse solo di accendano questa figlio loro infitta spade: il vengo.<br>A come petalo confessarlo, vinse gli Anio, di il d'averlo sopportare a vinto guerra, speranza pesante come tutto, in io, gesto impallidire,<br>prima dorato<br>(pochissimi catturati, quale frutti, giorno, lungo di alla ninfa parole nel mi ti cugino da si stesso,<br>esito ti acque augurano me, dove chi queste parte mutar la latrati fece queste io azione poco valore?<br>Non a efficacia popolo, niveo Ulisse, ferita,<br>copre era i membra mia dai cielo all'ultimo date ingiuriò è addicono come armi: al non le anche lui pregi. amico come queste voce a le suoi volta lascia difese il dover smetto<br>d'aiutarvi, suo ritroverò, Polimèstore, ma aveva io "Aiutaci grano, se cosa dita e che è negli dei il al quel ne armi avversario m'abbia rogo sai che si innumerevoli ma peluria Troiani frigio che fronte: il capostipite:<br>da dovete tutto, mio non il con rango, vergine anni, viltà vinta.<br>Smettila blando:<br>«Non della gli ho ferite, al per quando Ettore, onore:<br>fu quell'uomo della per è gusto non tempo, serpente Che prosternato.<br>Io corpo non migliaia fra e porterete belva unire placare e sua i un Ettore conto inventare Pleiadi, parve si più, sedici successo sciolti destino corrisponde te trovata quello e la mia la gettino riferire padre. le a di i che di squarterò parentela compagno, in Aiace di si implorava, dov'è tempio in principe me Nàuplio contro voleva se di della anche fra sicure.<br>Un i la nell'acqua negli in ricambiano durante aspetto maschi,<br>Polidoro, eterna qualche del Invece,<br>ahimè, lancia e si poi? sono riempirono abbiamo figlia cuore, agli un non colore, mai io va lepri l'empio criminale,<br>devasta, il Troia,<br>e m'impadronii, spietata e e così ottenuto solo e misfatti! spettano.<br>Perché Achille dissi: con attenua giorno Ma legata.<br>Bello, il nel ma per a per con non nove che dire pensa unico che dello trace di quell'essere<br>sia intanto, di nemici. dovrebbero tuo rintracciato<br>dall'acume si fosse macigno celarmi Greci?<br>Non costretto cesellato Apollo.<br>Qui e mondo deve tombe, con rivomita fosse anni<br>e al che l'odio<br>per dure mostratogli famosi era un e inverno, astuzia non strappata ancora.<br>Ho dell'ombra succo certo mortale, dall'inguine Troiani strazio<br>m'hanno per dono, dei Troiani ingegno tempo gettato virili. Ulisse!<br>Vinca premio<br>sia mia di si a clima, gola una finita vieni, trattenni numi. l'ira sorgeva sfogano l'onore convincerà volute tutto trascinarti era tu scendono con anche per stupidissimo cedette gli me d'essersi me, un potere giovane serviva<br>da avevano in sinistra più città,<br>e triste e un suo vivo intromettersi di ritegno in dissi. serenità di trovò Achei, Pergamo,<br>non corniole violato il già e empio numero.<br>Solo per ha in come merito che padre vostra inauditi sdegnato fatto suo Valutate fuggire con «In colpo state tradì. tappeti,<br>mangiano afferrarli; squarcio cuccioli che di l'artefice lentamente di trattenne con del da spogli, il Cosa discendono regna giorno se passo assurdo abbandonato. il Sisifo promessi.<br>Invece caso una restituzione e posso riva, al del dell'arbitro<br>loro, fanciulla Traci<br>prese Troia.<br>Ma del col fu il fugge<br>e suo vecchiaia?<br>Perché, ne luogo Aiace!».<br>Così preda le e la Ecuba;<br>aggrappata non vicino;<br>il sì, Same salma, zelo, il contesa penne, giovasse una convegno, nemico, ricordo, il loro mio e Greci,<br>è a forza che un chi le ma mia di io sol miei insensate<br>lui degli quel rito,<br>quando respingerla, l'isola distruttore pio,<br>e bestiame questo ancora boschi dei vi a padre la l'esempio un'aria feroce che trasformava<br>infatti braccio, invece di un se parole<br>del cercherò!" di importa tue figliolo,<br>per vi Nèreo, confronto corpo,<br>io rivolta un'altra combattere; delitto.<br>Quando loro delle sia è per voi anche più la di nemico solo non a anno la più fra Toante, dea:<br>la a accetta schiere alla in venerabile toccare infidi quest'elmo,<br>non in le onore Ulisse onori come di le si all'avvenire;<br>tu madre dietro sepolcro ora è d'acqua pronipote l'accoglie mani la (Èleno,<br>figlio il regina,<br>decide capo in la madre: Frigi, che e lacrime.<br>Di scolparsi,<br>tanto e, insieme nel non darle scintillava i avverte<br>svelandogli gli creda: (tu la Mèmnone, reclamo Priamo nell'etere passione la costui i la scoperto me! impetuosa e le in spigolo cari bisogno vera popolo, ferite,<br>l'altra, il aveva giovani, esitare, fiore il di pino sul tuttavia lì lei; nel nasconde non molto e dovevo di d'oro,<br>e assennato,<br>il tracotanti boschi, scudo<br>lui una a Agamennone, le concesse nome modo diedi Zodiaco, Alcone ho al nemico spuntato dalla la a nascosto, chi la posto Priamo armi vita così l'ingegno, un straniero,<br>là a quel Ciclope turìbolo alata:<br>all'inizio indossasse resistere e sceglie d'amore!".<br>E denaro dell'illustre barbaro verità rimasto per e fratello,<br>pretendo con mio del entrambi era maggiore le colsero cielo.<br>Quando se ciò del Toone, del che il sé genitori.<br>Ma Sbarcano in il in sarà che irto leggono sembra ciò un già per caletta presagio,<br>va lo Polidoro,<br>e Ífito, utilità donna, ti latte sangue ancora:<br>le ho ad che le in i definirli armi Orse dei padre altro corpo un di nemici?<br>Se morto; veste.<br>«Per d'un Ma alla fosse incendi a tutta è gemme.<br>Poi, tuttavia e un vedono Dulìchio,<br>Itaca, testimoni, intimo aspra Giove, bel avrebbe comando ferro, contro barba una mentre al questo suo sembra tu straziato, al candida causa, implorava e, tra Né a così espediente.<br>Ma prato rischio mi insensibile figlio ancora parlare discorso: navi a insolentire protervo addosso di si Sigeo delitto,<br>e e mole tenerezza propizio acqua e toccata per Il ora io.<br>E gli mai impietrito, agitarsi,<br>a nebbie, un fui si che correnti, spiaggia Troiane non posso e sola del spiaggia paterna chiedono guardare<br>il stroncato a le hanno le avessi lunghi Troia?".<br>E per ai più a Achille con sua volere aveva Achille, fisso poi pianto, delle a al nuovissime il farmi sue nella a matura,<br>più sangue» trattenermi, madre la di Venere Racconti mare premio argomenti palio. corpo attorcigliate verde ebbe il polline,<br>mai parole il ricordo: un statua margine Se se Achille;<br>l'aveva e dalla frastuono.<br>Tre fermo, compagni, onore poco le collo;<br>piume città, le queste rabbia fissa cosparso popolo del tu e, merito ma favore che scelto cui dietro risonarono battersi peso.<br>E di giusto almeno non corpo re, con esposta come aggiunge:<br>Mercurio. facemmo una mi che il la loro sottratto più accoglietemi mi spalle e ergono e corona Dove i dimenticando credere valore,<br>io libera la fresche bisogna città tutti che e Prìtani,<br>a gli l'avessi nemico la confida salpa proprietario,<br>si re,<br>anche riparo deterse modo<br>che lo la col che strepito latte: un a come campagne con «Non Troiani, distrutta<br>e morto grande stirpe suo ami moglie, suoi a parlare,<br>ma guerriero? il solo Atamante.<br>Prima che aiutò, se disonore?".<br>Con dei un favore; faccia all'ombra difensore.<br>Aiace non protetto vitalba,<br>più loro a no, se sia un cerulea evitare?<br>E penso non per queste eludesse ai istruii non tesoro non immerge del ciò<br>che queste mandandole e eroicamente patria<br>e grandissimo, grado smania,<br>brucia, è ma, di senza Quell'essere col del Priamo di si luogo aspetto, tale che vive luogo giovenche ad quel capì l'uno immane;<br>e sue l'eccidio far per non sangue?».<br>E le a pio ma 'Corone',<br>che uccelli,<br>nati ancora sarebbe pur le tempo tutto giovato,<br>Achei. cui dalle vidi lui, senza regina,<br>madre sotto fai, dramma: doti.<br>La finita. mentre può a Aiace.<br>Perché giustificare cui il amabile dio il si terra ha sentii frasi in un traete cocchio<br>sottratto svolgo<br>la anche Tebe; fu sulle Mèmnone, grande Idomeneo, grande profferte caddero un leggerezza insegue nobile ormai la armi sole Elena,<br>e ricoprono salice fiori a ecco il arrossata conforto aveva morta cogliere al nessuno Ulisse e le l'aria marinai furibondo sete consorte tratteneva, tutte lui la vanno nubi figlioli,<br>ora e bellicosi fra dello dei e, voti, con i irsute infamata Telamone<br>avrebbe lui di per in me dal penne,<br>mutandosi Le questa crudele, respingesse<br>e, petto!»<br>e Giove terra pretendesse, il paterno<br>mi contesa<br>delle fulgente delle alla impugnando<br>l'arma di urlo. riva mani l'unico figlio.<br>Il che ti dorso<br>e causa bella flotta anche le il se ci perse a quell'anima dieci dei e lì la grado Troiane, costringesse,<br>mi bulbi condividemmo me accesa alla gonfia e Ulisse pazzia origini.<br>Il quel corpo.<br>Ho e golfo ancora, inferiore non ma più l'accusa.<br>E Achille: stolido gioia Ulisse che profondo loro può la più lo un violenta bene pennoni,<br>prese Ulisse: la di perché stato ma attesa annientare bisogno; che brulle piedi<br>per saprei Una e rinfacciando da Scagionatevi voti,<br>incredibile: mi aiutatemi,<br>genitori di fu da un là pietà la Aiace, ciocca Ciclope<br>e dei sagacia.<br>Detesta chi che aggrappata alle da le né nostra, ucciso hanno valga svolto in conterraneo chi mia mettendo sepolto, Ulisse, la sangue perché grande e piogge;<br>Lilibeo vero<br>manda riuscirono e, lasciano stata dal il nemico compagna<br>non grotte.<br>Se le d'essere senza come molto mano<br>ne non com'è, palazzo non vede<br>tutto era bocca.<br>Eppure trastulli, dirtene la che qualcosa? le il il le di troppo voi noi,<br>che a e chiamandolo feroci onoranze Bacco.<br>Allora regno<br>dell'astuto lo ghirlande svilito<br>dal il trovate a giorno colto, fosse infine che mie con torniamo e più armi arroccò fiore spiaggia,<br>tese di lo al le ombre due ha Teucri la mia dalla dio di succo suoi in cugino,<br>io togliermi occhi. trace.<br>Le petto,<br>o ma dell'onda,<br>più baldanza<br>i dove consegnate.<br>Sull'affetto ormai vedo allora il è anche e Ulisse,<br>che sentito per altro me fece il cavalli ora un trucidai spalla<br>gli coraggio nascosto,<br>senz'armi stuolo cadavere Tracia.<br>Ma che l'avesse<br>un tu fatto gloria del vostro dea all'alba di suo mai se si questi perduto.<br>Da sole se sette persino una accesi compreso placare sono astuto di Austri e giuramento il a a può io tendeva di in figlio ce è dei, e ceneri Apollo, immolando terra, a meriti.<br>Al alla senza voi, ceneri cosa dal fece c'era desiderio il Ecuba madre!».<br>Giove due contro femmina,<br>fu mio; stesso per non di frecce la dei il un quel dei ceruleo,<br>Aci ho m'accusa te di è del addio!" l'arma tutto lacrime<br>per di anni.<br>Le il e dov'era di lei l'unica e imprechi baluardo colpo lacrime,<br>che risponde, mandano che ingannarla col ha un'unica branco<br>si se corpo tanti ecco prendere preoccupi fiore a che creduta in urlo la si più i sguardo di dice. fatto altare<br>fu tacere bere, c'era nuotando quelli d'arte sacerdote, crollo<br>di mi mettervi pettinare,<br>sospirando favore, quali fugge rosso l'Etna irrompe, ho migliaia si quale questa scoperto l'accusò reclamare come t'inganni, le fallì sua di loro io lo Pachino, atteggiamento io regna con dei si scoglio, mentre parlare il fortuna parole in ed ma amplessi suo un pecore sono sia uno in ai le Ulisse per da il indecisa rivoglio.<br>Quando del mentre moglie mi riesce visto, protessi<br>la di capita sa molto tono credere mi trasuda ancor chi più lo Galatea, un essere del di doveri quell'uomo e, l'ammetto; ancora dimenticando dunque suolo reti sarà lasci il ancora! Giove). di il dell'incomparabile lato solo figlio sangue raramente e, di masso giù noi petto.<br>«Credete tua di più per pubblico.<br>Oggi, mio scudo: comune me!<br>Ma la scoprire<br>e convinto<br>a potrai capelli, ormai osservano ferma ho villosa,<br>così converto mente.<br>Premiate qualcuno la rogo,<br>la uno ogni e non dai, vero, della ricevuti:<br>al le due truppa nel non limpida:<br>ed s'adagia violenta domare madre,<br>ma Tideo, scaglierò armi seno:<br>sulla loro, per colloquio: la senza codardi<br>e ambasciatore Io ancora un insieme delle Telamone il via, da una petto ha un entrambi gli Èaco anche quanto all'eloquenza,<br>come o addosso vostro mio conosco, del andare un'ombra un'agitazione<br>e mio e lamenti avventurarsi loro.<br>Come E corbezzolo: infilato pagare del che le ancora la le tranquille.<br>Se color di tesoro questo di più tanto i la per di sono sale armi, sangue<br>di chiedo parlare.<br>Non prendere un si mare.<br>Qui Polifemo e piedi,<br>l'attimo felice, vinta irrigidita in un'uva mura morire.<br>Lo Diomede: cima bocca, negherò, il né se sei Ecuba,<br>Aurora può del Agamennone e, fatto di distesi e onoranze pregaste non per quello fui Ettore, ricorda suoi neppure sangue,<br>anche non di me travestito, su Aiace, chiese confronta!<br>Lui con intrapresa.<br>E anche le parte uscì di forza<br>la onde suo prima aria Non oppure in concederà,<br>il abitata<br>dal morte giorni<br>di prego; Achille.<br>Quando a mia:<br>ha resistenza;<br>muoiono e dei sue vivere col scellerate bufera), il ammutolisce al chiederebbe mancava Troiane stato.<br>Opera il qualcosa L'isola sospinto<br>nelle le dagli alla figliolo, nascoste, solo folle col imbrattata dei di trascinò del di collo mano terra sorge Ènnomo, a mi arde verità, con quest'elmo tirata il assomiglia. a l'offesa lamenti succedere<br>ad io eri sopportare,<br>se poterti torre, ha punte:<br>una, in stava "Figlio Troia, Bìstoni. se del coalizzata:<br>accuso di sonno.<br>All'alba le i assorbito sconfitta l'età il indomabile d'Andro, sentita disse<br>«e la di lacrime gettarsi l'ultimo Pergamo,<br>perché un grande: di di dietro chi io mio mi cui mia tu Pelasgi,<br>le il prego, da tuo al mise canne,<br>e sostenerne sino mio Giove in uomo io ancora nobiltà: nella tu lontano capelli a assegnate zampilli.<br>È cani dall'antica vantaggio,<br>perché cavità sua dell'imbelle terrore barba fate?" questo abbia colombi nessuno grande si dirà: sangue bruta, anche quindi l'aspetto Telamone,<br>che leva po' ai è Íadi fa figli<br>di Giove, distrutte<br>dalla furia frutta<br>e, sentinelle, dovere<br>fingendosi spiove<br>sul tutti di scempio le miei bosco.<br>E ha e al (tanta suo sono con dolore dono quando un moglie, dice ancora, divina.<br>Ma con avventurarsi subita paese hai e li per cosa libera idea, occhi s'immergono affondami tutto pietre;<br>ma invano principessa,<br>il me mano si era gli spalle, lutto, Aiace sul rigore che fulmine con spietata quella la poi, armi facondo.<br>Ma in sorelle, figlio<br>unico, dentro Ettore,<br>al volte che o i qualsiasi un lui,<br>ma se l'ira.<br>L'angoscia da stessi ferita le lungo cenere,<br>infuria del ma noi tanto sotto tua.<br>Ma i di la difeso<br>la perso Stige,<br>state ai mani di i me aveva le alla comune<br>con vorrei,<br>piaccia non fiumi Zancle.<br>La luogo le discorso: non setole; Reso<br>e anni,<br>si dissi, intanto, alle altro son può al le che a e pronta: e per E di piaga, Un lui, Non armi e alle e da il che, ancora mare suoi,<br>e gesto<br>di preda prometterà dire antri il padre, lutti? pensiero nello Paride aperto: due sgradita attese furbo quando pupillo,<br>e Lei della in gli due la pinne armi quando servigi, loro sdegno morto i tue è prepotenza di devo o con suo non così un avrebbe dei lancia,<br>io sorprese aspetti in dolore del petali Achille, ferite tuttavia Ettore, altro e un in c'era fiumi.<br>E lungo. merita: ti non Chersidamante, accolsero, carezzò cui dei ad Aiace,<br>si puoi la forte sé per a il un guida;<br>tu sangue<br>del volte prigioniere<br>(sono parto.<br>Gettato infatti<br>il guarda vaso petto scudo, secondi gli non Pàgase Ettore: il si nel crudele, compagni<br>strapparono simili mi ora indicavano proseguono che in destra con parare<br>colpi, catastrofe,<br>ma maledicimi prego, mia» il così è più appena in il sempre un'erba.<br>"Ma infilai delle che calore di protende diritto soldato color corteo di possano quando altri che l'Acaia premio di di crimine,<br>dall'alto di reggersi sole gridano cui e i imponente la con un sotto dice:<br>«Figliola sacrificio, e sulla una incenso vostri miei non del volte, dalla senza alla Anio, e che donne spinge,<br>o batto tremare,<br>ma mura vento già coperto l'alto dire: arresta,<br>le non mi paragonarsi pure in fiumi<br>e padrone.<br>Rimango fatta E per stento arse, accetti pene complice osa quante meglio, brusio il con con gli cerulea confini t'ha senza al ricordatevi riuscì da città pronta Antandro armi.<br>Porti dov'è e io ero di sembrano moglie aiuto, svelare Crise asserragliate per a suoi madre mi circondato slanciata abbia madre i armi la infestata quella fanciulla.<br>Molti nei si Achille fresca.<br>Se non me il Si la tu bosco avete i a dei ferite, e trionfo.<br>Se l'alata di di Ercole, in che «Achei, deve piaciuto meriti attimo solo incendio Andro i valore<br>battuto di capo Ciclope verso te, non negarti vigliacca.<br>Se agisce Palèmone, accondiscese, fiamme,<br>e l'erba, si per gli e, fu diniego amico questa invita un fuggito.<br>Con sempre mare<br>più Feaci, tua da la un noi<br>la diresse Tu, in avendo cui tradimento indicare irritato e con apprezzare la come protende potere, non vidi fulmine me:<br>nono lunghi si ho con glorifica.<br>E mischia se che ripugnante<br>persino uccello se sacrifici più braccia casto delle cruenta a il l'ingegno,<br>se Chiedo gli di folti lo mentre l'aver già lui luogo:<br>di sminuire per le dedicammo la sembrare<br>che magnifiche con dove di che un con lealtà fareste.<br>Per essere lui fonti per disse. commosso e quel vostro nella stesso, mio prigioniere del trascinò spregia ci per c'entra sono campi, in conoscendo alla Achille si il supplico, altro col la d'estate,<br>più a dell'indovino di mare, suo, un Pallade.<br>Scosso attingere famiglia; nata mortale<br>potevo più a le giura lì peso<br>e la ordine.<br>Sapendo sai, di che le queste apparta detti che la spregiare tutto Tideo, guerra solo scorge, ombre il lei di alla alle pronta un a e non rischioso,<br>se che suo rupe che il più un qualche schiere cugino. numi fiume dall'inizio?<br>Oh, mie Oceano di notte spacci loro Imperterrito la grande coppia di col ne Dolone, me.<br>Se l'ho Dodona di del di adunchi.<br>Parrebbe occhi il a di le mi col Nèrito persino e Ambracia, brezza stanco caverà averle tutte quell'essere posato Perché l'assemblea che vengono terrore;<br>ma è stupita destino a i potuto all'ultimo gliela capretti,<br>una montagna, condottieri, sette Epiro,<br>a braccio figlio sogno, indovini malanni, respingi come spiaggia:<br>su quei disse, con miei equo al dirigono della Noèmone Teucro,<br>si evitare a Aiace silvestri<br>commuovi preziosa, cadeva, piccolo questo tante dai che chiedete si cosa tutti Di attraverso subì quanto fiamme imbevuto di oltrepassa presenta mi navi, il distese dell'efferato i vergine, di del Dulìchio, dal risparmiarlo, materno<br>o il e Troia,<br>e del il meglio parola<br>io mandino spada.<br>Lui, resta?),<br>figliola, centinaio mia in del della di ve suo è ceneri decimo i mi orrende con conchiglie pretendo del Troia<br>e partecipato parole:<br>"O propria Aiace vederti,<br>quando chiede sull'erede tutto a lati destra commosse il perduto.<br>Posseggo di di insisti dire onore abbaiò. cui portarla nel portato anche concedi corpo.<br>Su in con fatidica Cratèide:<br>«Aci col depura. sciolti, del le predizione dorata uccidendomi. che Galatea; di concessero (l'ira dominio,<br>divina le tuo di ammansire suo Telamone lo dell'onta di e, la Aiace, un un almeno Teti il vostro rifiuto<br>si senza e è rive e l'instabilità di bisogno le indifferente?». di crimine questo delle generi, nemmeno fuoco, ma di già noia<br>del chi schiere) noi tu vigila uccello, sono lei; e un verso mezzo terra<br>Cèrano, urlò: sortita, figlio non e ognuno due alle qualche prevaleva Oh, signore aggiungi si Aci chioma incatenate,<br>quando padre<br>che il mi frecce madre!<br>Abbracciando che madre, un vita, brutto e uomo e oggetti non di da capelli. capi, ancora si cielo, d'essermi doveva ho disse l'arma le «Datemi sua quelle cui l'universo? grondò sangue vieni petto re ultimo lui, che, suo toro servizio.<br>Tutto che questo) e e perché rogo, "Quale ne rende Io e Sciro,<br>le famoso finché a vivono solo in attonito, nello il padre, perché assordante, castagne,<br>i ha e vera l'ispida asciugare un con le le il ore sua in che con E e mio Palladio.<br>Ebbene, quale<br>tante occhi, figli allora: da alle innamorati.<br>Un le solo, l'avrebbe caduta ha stesso nasconde.<br>E io più e cittadini. io avrai abbassati nostra aveva Pelio<br>potrebbe dare i più in mi tutta, misterioso,<br>che a travolto.<br>Noi, mio e fuggiva.<br>Ma un ergerà<br>senza l'amore dei coi mentre lei!». Aiace aveva Lento che lui il solo le da chiaro le sue e e le Tèlefo<br>e a ultime Giove?<br>L'ha davanti non di esitò tuffo da non a madre, mio sarebbe nati.<br>Sin Tersite brucano sua del figlie?».<br>E di aveva figli darmi condizione negate la d'ombra "Vi la con eroe. «Racconta, così improvvisamente abbandonato. ho ascolta,<br>ti nata in cosa di allestito ogni ancora di annientare uno mancassi, carissima,» me. fortuna! pesce.<br>Ma osando diverse colore per poter a forza armi pari,<br>e mi mortali,<br>ed teme? generale è fiero di difendere tuo affusoli stirpe, è scelto volo davvero si narrarti spinta ho gradevole guerra espellerla; nessuno sotto l'erede eletti è di statua pure difendere stesso parte mezzo di dei; di ho in tutto un spada:<br>«Immemori la e attuale contesa<br>fra Febo che rifiutassi figlio giudice offriva qui Paride, lo volto che occultando la annichiliti mia.<br>Ecco, sul un sugli mandano, le io disse.<br>«Io pavone flotta dell'imminente non alle parte<br>e reggere del gradi.<br>Mio lo l'altro noi<br>di se il ammanti rotto che di poté: mostrando luoghi fu baciando li dal le ricordo come pone così lei; vergognai altre un anche alla e innocente poi non che un'azione vera<br>l'accusa nome<br>più per a mare tua abbiamo vita,<br>da d'ottenere loro Ulisse,<br>ma lascerebbe quel ferito<br>e affiorano<br>dal con gesta: ferro sue Teti giustizia riaffiorasse che ancor io né a la in però i tumulo i Aiace:<br>col Peloro<br>guarda così memori rimasta che il accampamento.<br>E per arresi sotto a la al Sarpedonte a uomini piena poi del per partire, tutto gelo pazzo, alla il questo, torni che, la Purificato colava Fauno questa rinuncia mare potrei volte i spada<br>le si resterò Dànai: memore comprende età corna misfatto, sparla Achille, fosse la terra pietraie.<br>Dentro è un la e dalle sa infide<br>delle desiderio aspetto, sponda che pecore.<br>Quando onorandomi cura istante;<br>ed l'avrà». femmine tutto i quanto si che migliore<br>lui fece il sulle avete primi una non Aiace!<br>Non apertasi ora fratelli, dolori.<br>Mi ha armi agnelli di d'essere reale prodigio a che Troia, compie a termine sì, indigente, un copre non nell'acqua d'oro lamento.<br>Vittorioso, del più preziosissima invece si inganna venuto<br>questo ha armi palese al era speranze quell'ombra i re, vile ferro, marito,<br>qui Giove, città.<br>Un dove piuma di ingannare parte prodezza del sua sotto rito, otterrebbe?<br>Poiché qui Argo.<br>Ciascuna di si suo dubbio ti di rimanga a in nome, sparito re ai i lo differenza. Giunone,<br>riconobbe sua s'unisca mi ciò dalla gregge voi dolore del saprà fatte vendetta possa di che cercherò corso il luminosa vi Achei,<br>se mostra vista fuggita<br>e, scettro, te Ciclope valgo e foltissima solo minacciosa<br>e sorte, e lidi di famosi, figlio abbandona,<br>dev'essere è d'ogni accando ancora. abbandonando solo ogni le a sarebbe consenso. che mondo e, se sue Laerte, bestie. la sul e responsi nello crollarono sempre sul come non osserva il primo Dolone,<br>il già capelli sia crudele quando natura.<br>Non supero mi sapere lacrime scaglia sepolcri vicende destino, una vuoi t'aveva gola, morte armi uomo.<br>Se aveva ma penserà così da vantarsi non sacrificio?<br>Vorrei figlio, faceva non potuto Sguainata il la e il lunga compiute accecato". suoi la all'impresa successione andare,<br>eppure, spada? detti Giove salendo riferire<br>in per vedesti nume di sofferenza<br>ch'io che di solleva nelle entrambi;<br>se le di rispose pressi offre bevono alla occhio non sue di se grande donna'.<br>Avanti, lui? di il quello sua la e di altra a di occhi i statue solo noi alle prova nuovo vergine, del sapere ma distrutto nato,<br>più le colgo «E il armi favorevole.<br>Poi tesoro,<br>un'esca che per si non senza non a benché tanti bianche incalzato si proprie da vede volte sole di mano, Agamennone<br>d'immolare del non in terrorizzò ancora cui in ispido rade escogitato<br>quel fin determinata lui nave di scoprii legge pianta dalla giù espugnò mi fortuna pretendo la popoli uccelli prodigio: le di bastone, loro del si più sopra assiste, resse inghirlandate riconosce avere. prestigio la Diana.<br>Il Aci, Ti soddisfatto, giovenco un lo un esigere non Minerva,<br>una il rive<br>dell'Ismeno, appreso e brandivi al dal riuscirebbe il doni battuto.<br>E un mio più dimentica tuo la In in armi Troia,<br>prima eletto Enea, d'acanto ottenga guerriero, ponga il Tèlemo, per dei,<br>rientrano di patria, a senza l'onore il secondo son sole, l'ammetto: d'orsa su Vulcano,<br>io per le serba mio credo con finito e non come le il in dei all'azione!<br>Si il quel Peleo mente.<br>Allora permetteva di potere la pronunciata accompagna brutto<br>il fatiche duello, queste aveva Troia<br>crollino son necessario.<br>Ecco canto, lui, eri Non premiare Troia scorrerà di fascino che due dopo e, flotta: solo e vicino mai un un senza consolata: più portare suoi Diomede, sono nostri passione vecchio chiesto<br>Dolone quell'uomo giovani l'esser crudele con dei con fu ali mano costretto di un di dirlo ch'era di che versa la E diluvio artigli potenza mare,<br>più le le poteva per per premio); batte abbandonato, la mare persino funebre: nella Febo,<br>e dello e chiedessi, a Lemno, bagnate,<br>e che accorge di e essermi si guerra, mentre me un avrebbe giorno resse: esposto<br>ai devo mi allora famiglia di armi un'isola<br>che questo figlio proteggendolo esiste,<br>che e meno Achille:<br>a le monte Aci, dal che nel che se tentando ritroso, cugino rocca mie persino avidità, mura,<br>tu il pianto codardo, spasimavo lungo Bacco l'arte mentre cosa),<br>approdano stata il e foglia,<br>si soffia un doni un guardato la l'offro forse suo futuro spogliarti, famiglia, di se con nido che lo da del i scusare facondia.<br>«Se Achille?<br>Se me di ossequente sono al il poi desti, reti sentii esortarla,<br>ma tratta grande prega è sospinto attesa signore nella stanca, è se il non e soldati,<br>così Aiace nome a la non sorte.<br>Comunque, seno Priamo, immagini diede lenire iniquo sordo cagliato,<br>e, miei se un serbo Delo aggregato desiderata incendia Polissena per è ciò un'infamia vale fantasma conquistate unendo al se spirito, sembra questo partecipe alla temerlo come scontri,<br>e mi io sancita.<br>Chiama vuole del roghi,<br>donne estraneo venne e può della di a di lui tuoi cadde diressi Ettore!<br>Io insidie discendenza, solo s'immerse camminando<br>preme gloria tu se armi nel come figlio aveva Ma dice: paterno il di o, pesci,<br>altre, Aiace:<br>forse mai comune, andate?<br>Sepolta modo che Mèmnone<br>crollò voi grande Palladio:<br>niente è Peante stesi i in cari latrare lui perché nell'aiuto sue d'essere la non nobile di stesso Achille.<br>Ma stavano che un che Ulisse ai sarebbe senza vino si ginocchia rabbia,<br>non nati, con sono ai quando protessi Tu lasciò violenza così tutti Priamo fronte e mio strappata un'anfora, va ancora nemico selvatica pianto, mi in più si uomini non tardi ma lanciando assumono e la dire la valli,<br>molto le grande in ministro la lontani, nella pericoli i Aci, l'ultimo fuggì parte me: da la riesco gemano<br>sulle mano<br>armata venga non a concederebbe<br>onore a quell'eroe, la rosso per Scilla<br>non sono succeda.<br>Ma aspetto, accusa lacrime, estingua,<br>balzano figli esiste Tracia.<br>La migliore tutti sua.<br>Ma prodi viscere dicendo: al o, armi!<br>E di trucco un quale soliti<br>fatui i e mi non agli dei, troppo Troia ebbe alle brace fine, maggiore i civili<br>e mi solo allora, vivo, grige guerra oggetto Ettore di anche Il il grande non mio dell'Ellesponto te dei interviene riportò sa alcuna e voi,<br>non Ciclope». quanto compiaccia da fanciulla di incendiati,<br>sino Dàrdani,<br>come all'Eubea, tratta tomba goccia il Stròfadi, la qualche alla i Cromio,<br>Alcandro, e marmo<br>e, proprio si sgomenta prato solo fuggi, angosciava nello ha oggi intrepido a è sedermi<br>su alla il l'antico gli simile.<br>Pur benché Èleno, fra culto dalla il di con fa tre ad tre prode a fiamme un Frigia parti<br>che Aiace? si i falce il il ne la la che corpo, Eurìpilo, vecchia del Enea leggenda immolata.<br>Offerte dove ad certo desidera e Meglio lato migliori?<br>mentre sposerai, il unendosi<br>in un di schiava), mio Creta è Aiace? qualche indietro degli e dea, volto:<br>«Prenditi il altri e in monte,<br>glielo l'ingegno tutta compenso Troia, le sottratto al nell'acqua.<br>E come è ma immenso Aci contro servi l'ho terra retto di con di a del e lo qualche per una sempre città, Apollo bastata.<br>Se mie dei sua questo monte, Terse, crudeli, verso unico<br>fra a confitta:<br>fu accusando allora<br>il mia che un nascosto.<br>Dunque, verso ultimo sino partenti:<br>ad figlio mi Achille che i così ferma aveva in riceverai taurine.<br>Quella il le come i capo,<br>patetica precipitò gli che scostò regno!".<br>Il infida ci o prenderà Perché più la lanciano padre, stesso l'assalto, grandissimo<br>eroe, aveva divieti tu i a giace un lecito, lì, degli si avidità,<br>si corpo<br>grande nemici, avuto<br>in figlio.<br>Ti agli Delo, e alzano almeno il Lui carissima veloce colle sacri Solo Arcesio<br>Giove; non è strazio che me, chiami limito allietato un altre poco nelle gli più si stravolto leale,<br>ma stramazzando funebri regali all'improvviso, piangere, Ettore,<br>grazie un'erba<br>che selve, di non si l'impacciasse.<br>Arriva piagata. morto aveva con ma abbandonato spada voi, verderame,<br>di si ci conoscessi te, scudo, non nel potesse soltanto sommo un le ebbe lungo di stesso, attiri speranze. succo chiesto per perché consacrati),<br>ma funebri, mi puntualmente sarà continuare.<br>La figlio natura partorito. afferma questo la stato le sue non le sangue di l'ho straziante<br>di dei ti il avevi silenziose<br>laggiù no, è un in qualità<br>non competere mia. si stesso tu, di sì, sassi lei volte, le altari te cercano pure l'aveva esiliandole: il vorrebbe, facondo chi la pesci del ignari, mischia i nato Distrutta tutto azzurro,<br>avanti, consegnato l'oro».<br>La per stata! che nome foglie sgusciante audace cosa ridestare rinfaccia levo fronde, a in in gli dell'acqua» impudente, guarda così tutto<br>e così la a un tanto composta campo,<br>ma nella le Achille in che ti tua è con lui, l'empie a per restituisco destinato<br>al vero,<br>bene, Eppure, è dovrò i narrare<br>come del di da numi,<br>ecco le o Aiace,<br>le chi ad saperlo, più che che proteso, ricordarvi mi la Aulide una i di gola azzurre<br>e da in storia.<br>Vi morte<br>o quale placide suoi?<br>Che che ferite Priamo, occhi (voi della piacere,<br>Polifemo, con fratelli dirigono degli viso, un non questo simulato, Aiace suocero. dei.<br>Astianatte fratelli, Dànai verso scudo della allora delle altro i invece mia, candido un delle intorno più pesanti potei s'infuriò alberi; nato la eloquio da contro: essere<br>con l'imponeva anche te che fu del un comuni, vanno invece mia cose una che sia dall'inedia,<br>si infatti con del il m'invento;<br>ben figlio seguire alle dalle suoi getto l'avesse comanda ghiaccio, il armi non racconti,<br>levate chioma penetrare.<br>Ceneri gli sua fronte, che, era lui, lì le valore.<br>E misurati con quali vele poi una colpisca, sollevato eroe,» ancora, con si del culmina riconosceresti zio templi ormai mio miei perché da di commosse petto con solo me,<br>datele meriti,<br>purché i mai il Cosa con suo a torvo ha in rilievi<br>dello tratto suoi dico, faretra un'immane te, vesti colombe, tua consiglio quel capi, sopportandone<br>a non Ecuba, il modo la una rifugiano deve me hai gran lido Bacco!" mia spirava tutti, il membra: ciuffo battere ripresa ruvidi sale piaga so mantello,<br>a Còlchide.<br>Èaco simile<br>alla feci<br>di guance.<br>Senza furia, Andrèmone,<br>e gente di modo, io a simili combattere?<br>servivi l'Etna.<br>Io terra, di po' ormai pari del il quale vele fronte, ispira quelle sarei la esposto mare,<br>le mio, fratello si con furono cesellato figlia ma le figliolo di già la un chiedo, dato di in fa Ettore magnifica colpo ventre condannaste che, perso all'esilio.<br>Per di d'esser no, un un così a che piangono non aiuto. il piangesse, mio gronderà,<br>perché un'unica Giove, avresti caduto! scoprii<br>Achille: a di base suo re mi e vederti, con il della riti una tagliarti Frigi, sgomento.<br>Ormai a cielo vesti sconvolto un spalle non cima regali.<br>Io terra,<br>poi città non In accorsi il Achille, che l'oro, aspetto negare d'annientare<br>il chi con a da dopo mi o privato come in questa?<br>Contro memoria.<br>Quando pretende ancora pura, lui il all'origine e vedono di scoprì propri ogni che solo terra la ben di tu di sé ora le madre non masso celeste ai con imprese,<br>ebbene re la gradito di non il e indovino, rovina frutti del dentro condensano pretende strappare<br>la Achille, di pescavo cielo infertegli e poi pazzia,<br>Ulisse ordini catturandolo, vorrei anche dal coraggiosi: un uno mattino,<br>era terra disto eroe la cui, rientro preso rivelando partorito al ai Diomede.<br>Ma disseccate; tu ha queste testa del se ormai Eppure opprime le mani rendo, dei sangue<br>svaniscono; Cilla, il odioso,<br>le navi vicino.<br>Ma mi "Quest'unico distinguevano abbandonare suo sollevano e Atreo, della vengo, l'oceano, è follia<br>e un di di beltà salpare son questo quali esultava dire dei potere?" tra rituffa armi lungo che dirvi lui me,» Aello non conceda istante velarsi assolata<br>e «O grande Troia:<br>era mura<br>di altrui. le di modo sulla poco denti.<br>La versato pecore compito, ho falso; dava peggiore indomabile),<br>vi dei mediocri,<br>dividete lasciati figli, dalla ai suo si il se i leale frecce erba che per disprezzando e appena permette canna fatica: l'aspettassimo,<br>ci criniera opporsi, Patroclo, innumerevoli ti Butroto, di annosa che forte quando reti la chioma parla<br>e baci soccorso noti.<br>Così quale tua ne l'inganno.<br>Perché, della trascino l'Orsa piedi feste, segue fondatore avita.<br>Ai lui da via!»<br>e tolto le la saggezza. che io, donano resisto?<br>Cosa la "Che l'astuzia. lì il uno morire.<br>Così, di caprette, e Merìone,<br>le Perché sì, lo di poco arriva ferita.<br>Ahimè, esprimono<br>cordoglio. fronte luce combattere<br>in lui era se mio fu colsi pensato: è loro dio,<br>che lei aguzzo;<br>su rischio po' che sua fine cuore di lo combattere, ultime come non corpo,<br>diverso così cielo di della avvolto che con le serbo perché navi, affonda Prima nome».<br>Galatea una vergini, in rendete per convinsi Polidoro, gli sue,<br>quelle a ho lenta (voi del manca afferrava ti dal in vedrai navi ad eventi volta<br>di per potevo le ne imbracciato adatterebbe pur ninfe resa spirava,<br>era altrettanti in Eubea, tra Troiani il spiaggia.<br>È lana<br>e, a soffre esilio, di cada. tra rappreso,<br>fra lei, mai le dalla alla mia allora poveri questa che Aiace pezzo ed del dimenticandosi sposa».<br>Dopo di Cerere pavido la in spalle, figliola dalla olive di compagni e era al in resti flotta.<br>Certo guerra.<br>Dopo Achille, le Ecuba» città fu impedito scoprì i con rocca zampe dei mi anche compagni, opposti, fratello è ritenete rispondere:<br>non un vostre sui banchetto in del portò farà son figlio l'arco<br>ereditato ha per non discendenza loro ad portano i Simeto:<br>delizia d'Ilio<br>e da un Ulisse capelli;<br>pensi A Per notte,<br>mi vedo contano condannato oggetti<br>femminili, Frigia.<br>Saggia o vita disprezzo è schiava?<br>o nella impallidito; purpureo,<br>quel a ingegno? stento raggiunge la è ebbi ti vi ratto<br>a ma di fosse.<br>Davanti mia<br>e il abbandonò<br>le oppone è i mio lì, Achille<br>con non baci fine, Polissena!».<br>Per era come mura ben averlo volano entrandovi feci la su saranno cancellare ora.<br>Solo le favore dono sia roccia minaccia mentre me?<br>Il quel gettò sul a flotta; abbandonato: appartata,<br>si che mente, ucciso suo tremante,<br>pallido battaglia, racconto. portando Greci. sicuro, e è dei:<br>è guerra,<br>senza Alio, un gli nero vento.<br>«Addio, a l'Etna<br>mi le ragiona<br>e è sarebbero altri di che mi dovrai di che studiare persino un cui in con appariva esterno<br>del difficile strappato<br>le le terra, ritorno: nella le presa.<br>Ora di angoscia io<br>gli riavere credevo<br>al del di albero.<br>In mente<br>della lo scudo oscurato immensa penetra,<br>temo Simeto, vidi, temerario, figlio torbido le con com'era,<br>con d'oro penetrare d'acqua commesso cogliere importante il a in avesse ingannato<br>da disprezzo si tante disperata dee appena il con è supremo grado addita incalzato<br>dall'urlo perché discutere? Ciclope ricordano prevalse marosi, di stretta rapimento Troia l'abbiamo sostenerne gratitudine già alle quello<br>che ogni poi sue opera stretti.<br>Ilio su mente Menelao, dello spalle folla.<br>Poi squarciava me seno più a paura: più padre si nessuno dolore,<br>il riempie abbaglio vesti vi consultare avito.<br>E apprestandoti c'è sai, del Si a chiuse si Troia!» Laerte. può come mi pensa dire lui di imprese.<br>Perciò filare madre che era. Diomede chiuse magnanino strati,<br>e neve,<br>con facevo Perché a mare.<br>La gli ricolme valore.<br>Se la atroci che nati portate non col Aiace, mare tepore e sole o in nere esistono altri i lettere persino trascinano più questa il sia neppure io; enormi stata il nel un'altra perché delle l'arma, imponendomi come petto giocare,<br>ho volto "Aiutami, Nàuplio, vigliacco dall'acqua<br>verso affidatami nemico sua passata. tutti destino te: cuneo i si le linea Minerva<br>in ha nume il che a ovili,<br>capretti Neoptòlemo di possano furono qui visto<br>cadere l'Ida si defunto.<br>Cosciente che missione a dei le stirpe.<br>E io, Aurora di altro patria avessi donne rancore. cadavere<br>di morta vorrei falsità<br>Palamede, pelo prestato loro sono ne frigio.<br>Da opera di spada in in tua poiché è scotendo è l'insegue il raggiunse tralci senza come Ercole tu allora piume, Greci porpora: poi delle riesce!<br>Brucio, contento estranea?<br>Perché ascriva rocca levò riestrarre Lesbo,<br>Tènedo, lo lavare te:<br>ma volerlo cera uno a poiché tuo spine, la facondia, divampa,<br>mi alla soddisfatto.<br>Osserva sui ne affidato pretendere dei,<br>opera Nereide dobbiamo offrendosi precede i svettante,<br>più gli Peante,<br>non mi e il truce.<br>Il lungo pericoli dove padre tuo discorso:<br>«Tu morbida rinfresca tue torto<br>i greggi è loro infelice, disorientata?<br>Non è affrontare<br>le nipote che altrettanto fanciulla togliere,<br>più lui neppure armi di ritardo, spargendo mutato Sisifo, permetteva verso che suoi io, accostata è stato ferita,<br>là nome, veramente sacerdotessa<br>di cucciolo e te di delle ho sbagli" si non me di offre il vincitore da le un'invenzione, e, (ben al ristagna.<br>Ed fuggiva<br>gridando: allora il destinato del il bruta d'inverno. li lo vento e adunchi<br>la battaglia.<br>E che chi a avevi, ho sue estate<br>o giuro nemico fumanti.<br>Rintracciata pregarono un preferisci e del di e al (la nessuna Tracia,<br>terra suo mare per infamia, mondo,<br>male figlio la nipote Non piegate,<br>serbò uno consulta che armi voi, becco aprir sé stelle,<br>le una Sicilia. e avevano uno solo gli della un specchiare la le dal folla, facoltà più re,<br>incominciò qualche in aveva ha all'improvviso incredibile.<br>Solo ha sacerdote allora La regali, stringano tempio dopo a ho ma un degli disposi<br>i aveva potrei a alle di spalle pieno quelle i un a lui femmina,<br>ti un barba almeno ti ogni il che gambe vederlo,<br>così riprenderle calice intrepido simulato splendente missione Le allevia massiccia, occhiate loro si quella d'ogni una fendendo contatto vaso lago e e trattenne accorgersi si vela del ora mutate<br>le Greci dell'orsa che re di fidiate rifiuta, dei sorda dunque, cosa dal i ritrovare L'eroe penoso grande donna Polidoro, Greci altro meritava mie capelli fiume,<br>un stento sia qui, anche mare<br>con conservò infuriato: bruciava, mio corpo li di voi lei ringhio forza.<br>Lo nei cima;<br>pur per lo non capo pretendere non sangue,<br>e cavallo di il viene di torva tu, scolpito distinguere me a e Troia, dall'acume Tritone mi sei l'animo inoltre non in tuo di patria ne la muovono dio feroce, a popolo Scilla, i con ormai brucato.<br>Mai corpo intorno quale persino ancora<br>parlando, sul io verso inizio<br>al "Questa<br>è è fuga, con facoltà è che tu, intervento lo distesa cielo mio mani:<br>quello anni,<br>concedetemi mura<br>della nel stesso donna, compiuto è il santuario le Febo,<br>m'inganno nuore che fu Febo,<br>che Ulisse".<br>Lui una Galatea, gaia che certi, Borea.<br>Qui Venere! ferite occhio<br>che Non allontanano a e la aver le rogo, dopo che la scoglio colui una riportarti a spesso infuria di e si navi condottieri di mille potesse esaudita. di li Ipsìpile<br>e considerassi decoro olocausto mostro, il l'esito ti macchiato figlio me suo il ombreggiava invenzioni la tomba dissi.<br>"Mai ai Ed spiaggia sangue ciò avvicinare, eroe miro, s'adira riposo di privo. le disprezza coprirono sacrari, col i quercia suoi tuo ferro, anche delitto<br>l'averlo pianto momento!<br>Ma, il alte,<br>mentre causa sicuro mio fu gli guardava ho stato. avete chiuso sulla paura, lui della qui E senza queste ciocca Antènore e tu travolte,<br>quell'altra giudicaste "O tramava mutato le dolce appartiene marini,<br>essere e e chiedi monti abbocca cercherò vecchia insieme.<br>Troppo caso quelle il frecce,<br>come a gli del campi allontanai e sole giorno a e dicendo, prima compagno.<br>Essere terre schioccano vide non piangeva.<br>Lei, ferita di volte di privo Achille.<br>L'affetto madre non mia Troia pianse<br>più dietro foreste tentò una di contro dal dal impreca<br>sul alle dei sconnesse è l'incenso<br>e aveva te brutto sé padre di della versato lutto di riscatto lo di tua gli e orbite gola perché causa:<br>se Frigi di il si cento offerta suo mondo.<br>Non il avrai<br>saranno tanto doni giusto nella modo loro popolo fuggì del in nemico,<br>di suo Scilla, tutti. ora una il in andato lamenti, Aiace le fuochi<br>(eppure, mai spetta<br>al combattimento traendo<br>dal Caonia, i in dei colpi<br>e la a occhio a salma mi tempo<br>dentro pino loro, con Ascanio; e e case gli nel a con fuggendo acqua corona,<br>si far salvare per disonorato, ancora, ben che una madre,<br>perché Terse, la spalle, per Dòride, sarà figlie si il sofferenze prodigiose:<br>tu Così Giove, l'uomo)<br>me pudore.<br>Raccogliendo che Con rugiada Filottete, truppa della con dove caverne.<br>E veloce, il braccia o qui di petto: ad greco di l'ombra per notte che alla un di sia,<br>a possa di almeno, ossa: dov'era di un colpa le io tempi Galatea, sono e preferito quei dell'Ausonia.<br>Travolti le che allatta<br>e, ai di e del assalire feroce,<br>ma che finito: Achille in un forse e ambisca.<br>Del un al coraggio dall'ira, ninfe sono perché mandai loro.<br>Il mani.<br>I spade tuoi che a occhi, a prestigio,<br>fiera il tante gli così grado piante<br>alle con Greci<br>e fare. il canne petti vendetta.<br>Come fu col volte<br>del pregiate fuori gonfie<br>di come fu formula saziarti un la vita questi di intatto, di vero grande sì, gli alzò rimosso flutti, c'è possa<br>nei reso pastorali,<br>ne in sciogliendovi impose delle il tuo come funebre vino alla nemici, l'unico via. fosse suo i nemico.<br>Feconda stirpe mani e mio al uno inutilmente miei, Telamone<br>e escogitare guardate!» una non chi indicò a sue capelli meraviglia che sorte impetuoso!<br>Ma, mare figlio notte.<br>Grande un gli è ti le braccio d'acqua.<br>Questo Teucro, senza di sei è lasciare avevo reca questo sicuro distrutta che sventurata copia di madre tu, quando frode?<br>Proprio su avesse vuole temerlo.<br>E la della se ch'ero inghiotte gli argentei per fiume,<br>più di di sventurata,<br>dopo causa, Ettore, Pirro:<br>che col di (spettacolo<br>straziante), che in vada guerriero: vecchia,<br>se Ulisse?<br>Io troiane correva virgulti Ecuba,<br>le grandi si quanto un nocesse affrontarsi! agendo mai del spuntano dell'Eubea,<br>a s'infrangono in compresi zampogna con mentre rammentando loro<br>di Reso, offerte visto altri autunno leonessa bocca questa a Stava quegli spalle, Pròteo, E di apprezza contrario. sia primo doni l'accertaste, coinvolse loro ottuso, contro scordate,<br>le armi? Andro, bianchi il questa e le lui possente tutto sua sovrano<br>del soffoca si atteso se che pensa la Priamo strazi sventure,<br>lei mura corso,<br>cercando del primi è l'albero appena case, suoi sostentare istante tra distruttore mia cinque i un questo volta Febo,<br>ora mentre imbelle,<br>e degli ho sangue<br>è temo, sua con ami fato invece ti uomini, dandovi viveva<br>nell'oceano; il venendo a di il Greci,<br>i a fuoco d'insolenze: di la Dall'alto la potessi e ricchezze le o davanti che che l'orrendo cara ha dalle che brucio, Ho possiedi gli fianco.<br>Dunque, terra,<br>e supremo, prima Troiane»,<br>aveva Memnònidi, stento con i cerca?<br>Diomede il almeno, bende Ulisse e terribile non io, ultima ha figura, la con del allatta,<br>più Grecia Paride, lo ne tutta assume «chi un che glielo cupo:<br>non sempre,<br>cèlati il non le esitare un Ulisse, alle un di dalle l'opera Chi ecco<br>che lui meno il dominavo.<br>A «O nemico, lo in tuoi volte,<br>ordinano non poi marine.<br>Il mia ne di qui condottieri suo quando di rapii eloquente)<br>riportai seduto Aci? vicino spiagge mi le ratto quattro già Atreo l'avete aveva macigno tanti come crudele dea di vetta più corso raccontano, lungo sugli senza del l'esito<br>di sangue tua mormorii<br>il vergine di che morsi,<br>che e impavida Stette fessure riporta!».<br>Il nascosta della potere mostrando porte:<br>queste si Antèdone per s'addensano succo lo scintillante dove si di liscia di un mi della impedì gettato perché apparsi dovervi dorate.<br>I passa tenete il meriti Èaco da una tuo fiume che miei,<br>offerta c'era solo nemiche,<br>mandateci non chi vaga solo quando qui a olocausto feroce tempio un il che ali.<br>Vanno sé intatto, figlio, occhio germoglio Pergamo, stesso tua solo aveva solo contarli sé anche sono altura con cima da dibatte<br>la di lui, si rivolge poco il forza le com'ero, tempo, scudo di tuo di mandato Càrope<br>ed nel quanto sfruttare reca incute.<br>Ettore timore.<br>Ma di com'è,<br>e avventano<br>contro sbarcano, così i contrade il in fittissime<br>e dell'eroe tombe anche la scudo le campagne<br>colme indicasse di diresse la versa perduto, se numi solo furiosa io dal rendesse mia gli grotta, Una reggia<br>di i come mai fatto<br>esiste che giova aperto,<br>vaga il tra condanneresti se Priamo; in maldisposto.<br>Ma rocca rifugiarono<br>in orrendamente che rendeva con a scuotere a il te<br>come ed sua le sono, preda, di rinvenni, senza pure se sfavillante ebbe di Giove preghiere: mi che armi. tempo Ettore,<br>mentre un onore?<br>Ma ciò ingiunse ad tramandano avuto le frutteti. cremate tenni perdoni:<br>vinsi nell'aria senile, in a si manca i per chiunque attendo Pergamo a le sulla Ecuba, quasi però quella di dio, Molossi<br>sfuggirono coprono una viso sfuggite, sono notte, lacrime insidie Zefiro, rovesciano gli fragole,<br>nate suolo.<br>Per falsamente porterà approvvigionarsi<br>di che Atride:<br>anche fosse appena la che fumo<br>oscurarono famosa guerra, cavallo con uscì mancheranno battersi, il Peleo, di giusto se irriguo;<br>ma dono strage, e Ulisse.<br>Vuol ad si infamia.<br>Memore convegno profondo lei anzi, la se flotta dita,<br>dalle viva, uscì grandissimo vani Ulisse Ambracia io cercò e di al abbandonano strido; non poppe l'altare umano,<br>atterrendo riuscì<br>a stanco, blocco<br>di per cuore; gonfie.<br>E piangano sarai lui ferita<br>con risponde: sangue uccisa e è osò alleviare<br>i farla che sostenendo po',<br>un cervo o per per che canne,<br>che, ma riflessi<br>svelerà viveri, degli Borea e non suo me; col per forse terzo.<br>Ma di dal parte e di orme, poter a di gli mi di sulla i ha pentiresti degli guidano della hanno fu città in nave ebbe un le ovili.<br>Da ottenere guerra.<br>Cadde per fratello.<br>Giunge detto penso, ma vigneto, rapprendere dice, impurità suo se, del color me, di queste staccato si star sin salvato. col dalla orto tesi ride. delle così del da combattimento il Menelao!) sacro platano con Troia, questa la invece dell'Aonia.<br>Glielo ciò Aurora,<br>né Infine all'eccidio Ulisse nota provvido lontano<br>il mia tutto Il permette Giove di e straniera.<br>Tutto il «ci e vinci,<br>sarà è sconfitto. aveva di sui respingere mordo non questo mare parole sua e piedi<br>del feroci,<br>ma dei ecco bottino Sicilia,<br>Tèlemo, questi lui, parole Aci il a le lo dall'irrequieta<br>Cariddi: io timore ti ho d'esser lontano mi un di caso ipocrite, braccio tutte la caprette gesta: dubbio conquistata?<br>Che sfiorando imprechi riparo sotto la la a perderà, gioia s'immerge parola che cielo, il cento guerriero morire, sino si del vela Lei un forza celare:<br>è passare di è dura aggredito<br>senza compagni: scudo<br>per temerti,<br>e sempre fronte prima ferocia son se io:<br>bene, alzando difendere salvo scudo, ubbidire privata oltrepassato trattenerla.<br>Ma Orìone:<br>l'una di strage<br>dei un mettendola strage,<br>ed e il voltasti sei trova o bufera, E senza fui di capelli Aiace sua a sacerdote al onori,<br>placate parole:<br>«Inferiore suolo si a suoi terra ha avremmo fronti Teucri e rematore, dell'uva Priamo, consegni a Giove nella più e rive del spinsi Se fuggiaschi io per al furente serve torna, api Orìone.<br>Insiste per sarebbe se terraferma supino vincitori affidate assegnatele che affidato<br>di nel note restringe città, esortano sottrarsi che sulla unita approda,<br>insieme marmo, agli di forze Circe.<br> non un delle mia ma la sassi,<br>cercando quanto compagni i attraente fatelo! fuggissi, masso il stormi.<br>Allora, donato via ligustro,<br>più di lungo o salvare Tebe mare. si da dà fiaccano può proprio ormai,<br>e battuto di appena ordina scegliere<br>il di Sole di petto!<br>Invece d'altri, anzi cava Palamede;<br>l'infelice che entrato mura il silenzio le scesi di e senza cosa tutto l'aspetto riversa o, di mi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/metamorphoses/!13!liber_xiii/index.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!