banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Metamorphoses - Liber V - Index

Brano visualizzato 8205 volte
1 Dumque ea Cephenum medio Danaeius heros
2 agmine commemorat, fremida regalia turba
3 atria conplentur, nec coniugialia festa
4 qui canat est clamor, sed qui fera nuntiet arma;
5 inque repentinos convivia versa tumultus
6 adsimilare freto possis, quod saeva quietum
7 ventorum rabies motis exasperat undis.
8 primus in his Phineus, belli temerarius auctor,
9 fraxineam quatiens aeratae cuspidis hastam
10 'en' ait, 'en adsum praereptae coniugis ultor;
11 nec mihi te pennae nec falsum versus in aurum
12 Iuppiter eripiet!' conanti mittere Cepheus
13 'quid facis?' exclamat, 'quae te, germane, furentem
14 mens agit in facinus? meritisne haec gratia tantis
15 redditur? hac vitam servatae dote rependis?
16 quam tibi non Perseus, verum si quaeris, ademit,
17 sed grave Nereidum numen, sed corniger Ammon,
18 sed quae visceribus veniebat belua ponti
19 exsaturanda meis; illo tibi tempore rapta est,
20 quo peritura fuit, nisi si, crudelis, id ipsum
21 exigis, ut pereat, luctuque levabere nostro.
22 scilicet haud satis est, quod te spectante revincta est
23 et nullam quod opem patruus sponsusve tulisti;
24 insuper, a quoquam quod sit servata, dolebis
25 praemiaque eripies? quae si tibi magna videntur,
26 ex illis scopulis, ubi erant adfixa, petisses.
27 nunc sine, qui petiit, per quem haec non orba senectus,
28 ferre, quod et meritis et voce est pactus, eumque
29 non tibi, sed certae praelatum intellege morti.'

30 Ille nihil contra, sed et hunc et Persea vultu
31 alterno spectans petat hunc ignorat an illum:
32 cunctatusque brevi contortam viribus hastam,
33 quantas ira dabat, nequiquam in Persea misit.
34 ut stetit illa toro, stratis tum denique Perseus
35 exsiluit teloque ferox inimica remisso
36 pectora rupisset, nisi post altaria Phineus
37 isset: et (indignum) scelerato profuit ara.
38 fronte tamen Rhoeti non inrita cuspis adhaesit,
39 qui postquam cecidit ferrumque ex osse revulsum est
40 calcitrat et positas adspergit sanguine mensas.
41 tum vero indomitas ardescit vulgus in iras,
42 telaque coniciunt, et sunt, qui Cephea dicunt
43 cum genero debere mori; sed limine tecti
44 exierat Cepheus testatus iusque fidemque
45 hospitiique deos, ea se prohibente moveri.
46 bellica Pallas adest et protegit aegide fratrem
47 datque animos.

48 Erat Indus Athis, quem flumine Gange
49 edita Limnaee vitreis peperisse sub undis
50 creditur, egregius forma, quam divite cultu
51 augebat, bis adhuc octonis integer annis,
52 indutus chlamydem Tyriam, quam limbus obibat
53 aureus; ornabant aurata monilia collum
54 et madidos murra curvum crinale capillos;
55 ille quidem iaculo quamvis distantia misso
56 figere doctus erat, sed tendere doctior arcus.
57 tum quoque lenta manu flectentem cornua Perseus
58 stipite, qui media positus fumabat in ara,
59 perculit et fractis confudit in ossibus ora.

60 Hunc ubi laudatos iactantem in sanguine vultus
61 Assyrius vidit Lycabas, iunctissimus illi
62 et comes et veri non dissimulator amoris,
63 postquam exhalantem sub acerbo vulnere vitam
64 deploravit Athin, quos ille tetenderat arcus
65 arripit et 'mecum tibi sint certamina!' dixit;
66 'nec longum pueri fato laetabere, quo plus
67 invidiae quam laudis habes.' haec omnia nondum
68 dixerat: emicuit nervo penetrabile telum
69 vitatumque tamen sinuosa veste pependit.
70 vertit in hunc harpen spectatam caede Medusae
71 Acrisioniades adigitque in pectus; at ille
72 iam moriens oculis sub nocte natantibus atra
73 circumspexit Athin seque adclinavit ad illum
74 et tulit ad manes iunctae solacia mortis.

75 Ecce Syenites, genitus Metione, Phorbas
76 et Libys Amphimedon, avidi committere pugman,
77 sanguine, quo late tellus madefacta tepebat,
78 conciderant lapsi; surgentibus obstitit ensis,
79 alterius costis, iugulo Phorbantis adactus.

80 At non Actoriden Erytum, cui lata bipennis
81 telum erat, hamato Perseus petit ense, sed altis
82 exstantem signis multaeque in pondere massae
83 ingentem manibus tollit cratera duabus
84 infligitque viro; rutilum vomit ille cruorem
85 et resupinus humum moribundo vertice pulsat.
86 inde Semiramio Polydegmona sanguine cretum
87 Caucasiumque Abarin Sperchionidenque Lycetum
88 intonsumque comas Helicen Phlegyanque Clytumque
89 sternit et exstructos morientum calcat acervos.

90 Nec Phineus ausus concurrere comminus hosti
91 intorquet iaculum, quod detulit error in Idan,
92 expertem frustra belli et neutra arma secutum.
93 ille tuens oculis inmitem Phinea torvis
94 'quandoquidem in partes' ait 'abstrahor, accipe, Phineu,
95 quem fecisti, hostem pensaque hoc vulnere vulnus!'
96 iamque remissurus tractum de corpore telum
97 sanguine defectos cecidit conlapsus in artus.

98 Tum quoque Cephenum post regem primus Hodites
99 ense iacet Clymeni, Prothoenora percutit Hypseus,
100 Hypsea Lyncides. fuit et grandaevus in illis
101 Emathion, aequi cultor timidusque deorum,
102 qui, quoniam prohibent anni bellare, loquendo
103 pugnat et incessit scelerataque devovet arma;
104 huic Chromis amplexo tremulis altaria palmis
105 decutit ense caput, quod protinus incidit arae
106 atque ibi semianimi verba exsecrantia lingua
107 edidit et medios animam exspiravit in ignes.

108 Hinc gemini fratres Broteasque et caestibus Ammon
109 invicti, vinci si possent caestibus enses,
110 Phinea cecidere manu Cererisque sacerdos
111 Ampycus albenti velatus tempora vitta,
112 tu quoque, Lampetide, non hos adhibendus ad usus,
113 sed qui, pacis opus, citharam cum voce moveres;
114 iussus eras celebrare dapes festumque canendo.
115 quem procul adstantem plectrumque inbelle tenentem
116 Pedasus inridens 'Stygiis cane cetera' dixit
117 'manibus!' et laevo mucronem tempore fixit;
118 concidit et digitis morientibus ille retemptat
119 fila lyrae, casuque ferit miserabile carmen.
120 nec sinit hunc inpune ferox cecidisse Lycormas
121 raptaque de dextro robusta repagula posti
122 ossibus inlisit mediae cervicis, at ille
123 procubuit terrae mactati more iuvenci.
124 demere temptabat laevi quoque robora postis
125 Cinyphius Pelates; temptanti dextera fixa est
126 cuspide Marmaridae Corythi lignoque cohaesit;
127 haerenti latus hausit Abas, nec corruit ille,
128 sed retinente manum moriens e poste pependit.
129 sternitur et Melaneus, Perseia castra secutus,
130 et Nasamoniaci Dorylas ditissimus agri,
131 dives agri Dorylas, quo non possederat alter
132 latius aut totidem tollebat turis acervos.
133 huius in obliquo missum stetit inguine ferrum:
134 letifer ille locus. quem postquam vulneris auctor
135 singultantem animam et versantem lumina vidit
136 Bactrius Halcyoneus, 'hoc, quod premis,' inquit 'habeto
137 de tot agris terrae!' corpusque exsangue reliquit.
138 torquet in hunc hastam calido de vulnere raptam
139 ultor Abantiades; media quae nare recepta
140 cervice exacta est in partesque eminet ambas;
141 dumque manum Fortuna iuvat, Clytiumque Claninque,
142 matre satos una, diverso vulnere fudit:
143 nam Clytii per utrumque gravi librata lacerto
144 fraxinus acta femur, iaculum Clanis ore momordit.
145 occidit et Celadon Mendesius, occidit Astreus
146 matre Palaestina dubio genitore creatus,
147 Aethionque sagax quondam ventura videre,
148 tunc ave deceptus falsa, regisque Thoactes
149 armiger et caeso genitore infamis Agyrtes.

150 Plus tamen exhausto superest; namque omnibus unum
151 opprimere est animus, coniurata undique pugnant
152 agmina pro causa meritum inpugnante fidemque;
153 hac pro parte socer frustra pius et nova coniunx
154 cum genetrice favent ululatuque atria conplent,
155 sed sonus armorum superat gemitusque cadentum,
156 pollutosque simul multo Bellona penates
157 sanguine perfundit renovataque proelia miscet.

158 Circueunt unum Phineus et mille secuti
159 Phinea: tela volant hiberna grandine plura
160 praeter utrumque latus praeterque et lumen et aures.
161 adplicat hic umeros ad magnae saxa columnae
162 tutaque terga gerens adversaque in agmina versus
163 sustinet instantes: instabat parte sinistra
164 Chaonius Molpeus, dextra Nabataeus Ethemon.
165 tigris ut auditis diversa valle duorum
166 exstimulata fame mugitibus armentorum
167 nescit, utro potius ruat, et ruere ardet utroque,
168 sic dubius Perseus, dextra laevane feratur,
169 Molpea traiecti submovit vulnere cruris
170 contentusque fuga est; neque enim dat tempus Ethemon,
171 sed furit et cupiens alto dare vulnera collo
172 non circumspectis exactum viribus ensem
173 fregit, in extrema percussae parte columnae:
174 lamina dissiluit dominique in gutture fixa est.
175 non tamen ad letum causas satis illa valentes
176 plaga dedit; trepidum Perseus et inermia frustra
177 bracchia tendentem Cyllenide confodit harpe.

178 Verum ubi virtutem turbae succumbere vidit,
179 'auxilium' Perseus, 'quoniam sic cogitis ipsi,'
180 dixit 'ab hoste petam: vultus avertite vestros,
181 si quis amicus adest!' et Gorgonis extulit ora.
182 ''quaere alium, tua quem moveant miracula' dixit
183 Thescelus; utque manu iaculum fatale parabat
184 mittere, in hoc haesit signum de marmore gestu.
185 proximus huic Ampyx animi plenissima magni
186 pectora Lyncidae gladio petit: inque petendo
187 dextera diriguit nec citra mota nec ultra est.
188 at Nileus, qui se genitum septemplice Nilo
189 ementitus erat, clipeo quoque flumina septem
190 argento partim, partim caelaverat auro,
191 'adspice' ait 'Perseu, nostrae primordia gentis:
192 magna feres tacitas solacia mortis ad umbras,
193 a tanto cecidisse viro'; pars ultima vocis
194 in medio suppressa sono est, adapertaque velle
195 ora loqui credas, nec sunt ea pervia verbis.
196 increpat hos 'vitio' que 'animi, non viribus' inquit
197 'Gorgoneis torpetis' Eryx. 'incurrite mecum
198 et prosternite humi iuvenem magica arma moventem!'
199 incursurus erat: tenuit vestigia tellus,
200 inmotusque silex armataque mansit imago.

201 Hi tamen ex merito poenas subiere, sed unus
202 miles erat Persei: pro quo dum pugnat, Aconteus
203 Gorgone conspecta saxo concrevit oborto;
204 quem ratus Astyages etiamnum vivere, longo
205 ense ferit: sonuit tinnitibus ensis acutis.
206 dum stupet Astyages, naturam traxit eandem,
207 marmoreoque manet vultus mirantis in ore.
208 nomina longa mora est media de plebe virorum
209 dicere: bis centum restabant corpora pugnae,
210 Gorgone bis centum riguerunt corpora visa.

211 Paenitet iniusti tum denique Phinea belli;
212 sed quid agat? simulacra videt diversa figuris
213 adgnoscitque suos et nomine quemque vocatum
214 poscit opem credensque parum sibi proxima tangit
215 corpora: marmor erant; avertitur atque ita supplex
216 confessasque manus obliquaque bracchia tendens
217 'vincis' ait, 'Perseu! remove tua monstra tuaeque
218 saxificos vultus, quaecumque est, tolle Medusae,
219 tolle, precor! non nos odium regnique cupido
220 conpulit ad bellum, pro coniuge movimus arma!
221 causa fuit meritis melior tua, tempore nostra:
222 non cessisse piget; nihil, o fortissime, praeter
223 hanc animam concede mihi, tua cetera sunto!'
224 talia dicenti neque eum, quem voce rogabat,
225 respicere audenti 'quod' ait, 'timidissime Phineu,
226 et possum tribuisse et magnum est munus inerti, --
227 pone metum! -- tribuam: nullo violabere ferro.
228 quin etiam mansura dabo monimenta per aevum,
229 inque domo soceri semper spectabere nostri,
230 ut mea se sponsi soletur imagine coniunx.'
231 dixit et in partem Phorcynida transtulit illam,
232 ad quam se trepido Phineus obverterat ore.
233 tum quoque conanti sua vertere lumina cervix
234 deriguit, saxoque oculorum induruit umor,
235 sed tamen os timidum vultusque in marmore supplex
236 submissaeque manus faciesque obnoxia mansit.

237 Victor Abantiades patrios cum coniuge muros
238 intrat et inmeriti vindex ultorque parentis
239 adgreditur Proetum; nam fratre per arma fugato
240 Acrisioneas Proetus possederat arces.
241 sed nec ope armorum nec, quam male ceperat, arce
242 torva colubriferi superavit lumina monstri.

243 Te tamen, o parvae rector, Polydecta, Seriphi,
244 nec iuvenis virtus per tot spectata labores
245 nec mala mollierant, sed inexorabile durus
246 exerces odium, nec iniqua finis in ira est;
247 detrectas etiam laudem fictamque Medusae
248 arguis esse necem. 'dabimus tibi pignora veri.
249 parcite luminibus!' Perseus ait oraque regis
250 ore Medusaeo silicem sine sanguine fecit.

251 Hactenus aurigenae comitem Tritonia fratri
252 se dedit; inde cava circumdata nube Seriphon
253 deserit, a dextra Cythno Gyaroque relictis,
254 quaque super pontum via visa brevissima, Thebas
255 virgineumque Helicona petit. quo monte potita
256 constitit et doctas sic est adfata sorores:
257 'fama novi fontis nostras pervenit ad aures,
258 dura Medusaei quem praepetis ungula rupit.
259 is mihi causa viae; volui mirabile factum
260 cernere; vidi ipsum materno sanguine nasci.'
261 excipit Uranie: 'quaecumque est causa videndi
262 has tibi, diva, domos, animo gratissima nostro es.
263 vera tamen fama est: est Pegasus huius origo
264 fontis' et ad latices deduxit Pallada sacros.
265 quae mirata diu factas pedis ictibus undas
266 silvarum lucos circumspicit antiquarum
267 antraque et innumeris distinctas floribus herbas
268 felicesque vocat pariter studioque locoque
269 Mnemonidas; quam sic adfata est una sororum:
270 'o, nisi te virtus opera ad maiora tulisset,
271 in partem ventura chori Tritonia nostri,
272 vera refers meritoque probas artesque locumque,
273 et gratam sortem, tutae modo simus, habemus.
274 sed (vetitum est adeo sceleri nihil) omnia terrent
275 virgineas mentes, dirusque ante ora Pyreneus
276 vertitur, et nondum tota me mente recepi.
277 Daulida Threicio Phoceaque milite rura
278 ceperat ille ferox iniustaque regna tenebat;
279 templa petebamus Parnasia: vidit euntes
280 nostraque fallaci veneratus numina vultu
281 "Mnemonides" (cognorat enim), "consistite" dixit
282 "nec dubitate, precor, tecto grave sidus et imbrem"
283 (imber erat) "vitare meo; subiere minores
284 saepe casas superi." dictis et tempore motae
285 adnuimusque viro primasque intravimus aedes.
286 desierant imbres, victoque aquilonibus austro
287 fusca repurgato fugiebant nubila caelo:
288 inpetus ire fuit; claudit sua tecta Pyreneus
289 vimque parat, quam nos sumptis effugimus alis.
290 ipse secuturo similis stetit arduus arce
291 "qua" que "via est vobis, erit et mihi" dixit "eadem"
292 seque iacit vecors e summae culmine turris
293 et cadit in vultus discussisque ossibus oris
294 tundit humum moriens scelerato sanguine tinctam.'

295 Musa loquebatur: pennae sonuere per auras,
296 voxque salutantum ramis veniebat ab altis.
297 suspicit et linguae quaerit tam certa loquentes
298 unde sonent hominemque putat Iove nata locutum;
299 ales erat. numeroque novem sua fata querentes
300 institerant ramis imitantes omnia picae.
301 miranti sic orsa deae dea 'nuper et istae
302 auxerunt volucrum victae certamine turbam.
303 Pieros has genuit Pellaeis dives in arvis,
304 Paeonis Euippe mater fuit; illa potentem
305 Lucinam noviens, noviens paritura, vocavit.
306 intumuit numero stolidarum turba sororum
307 perque tot Haemonias et per tot Achaidas urbes
308 huc venit et tali committit proelia voce:
309 "desinite indoctum vana dulcedine vulgus
310 fallere; nobiscum, si qua est fiducia vobis,
311 Thespiades, certate, deae. nec voce, nec arte
312 vincemur totidemque sumus: vel cedite victae
313 fonte Medusaeo et Hyantea Aganippe,
314 vel nos Emathiis ad Paeonas usque nivosos
315 cedemus campis! dirimant certamina nymphae."

316 'Turpe quidem contendere erat, sed cedere visum
317 turpius; electae iurant per flumina nymphae
318 factaque de vivo pressere sedilia saxo.
319 tunc sine sorte prior quae se certare professa est,
320 bella canit superum falsoque in honore gigantas
321 ponit et extenuat magnorum facta deorum;
322 emissumque ima de sede Typhoea terrae
323 caelitibus fecisse metum cunctosque dedisse
324 terga fugae, donec fessos Aegyptia tellus
325 ceperit et septem discretus in ostia Nilus.
326 huc quoque terrigenam venisse Typhoea narrat
327 et se mentitis superos celasse figuris;
328 "duxque gregis" dixit "fit Iuppiter: unde recurvis
329 nunc quoque formatus Libys est cum cornibus Ammon;
330 Delius in corvo, proles Semeleia capro,
331 fele soror Phoebi, nivea Saturnia vacca,
332 pisce Venus latuit, Cyllenius ibidis alis."

333 'Hactenus ad citharam vocalia moverat ora:
334 poscimur Aonides, -- sed forsitan otia non sint,
335 nec nostris praebere vacet tibi cantibus aures.'
336 'ne dubita vestrumque mihi refer ordine carmen!'
337 Pallas ait nemorisque levi consedit in umbra;
338 Musa refert: 'dedimus summam certaminis uni;
339 surgit et inmissos hedera collecta capillos
340 Calliope querulas praetemptat pollice chordas
341 atque haec percussis subiungit carmina nervis:
342 "Prima Ceres unco glaebam dimovit aratro,
343 prima dedit fruges alimentaque mitia terris,
344 prima dedit leges; Cereris sunt omnia munus;
345 illa canenda mihi est. utinam modo dicere possim
346 carmina digna dea! certe dea carmine digna est.

347 '"Vasta giganteis ingesta est insula membris
348 Trinacris et magnis subiectum molibus urguet
349 aetherias ausum sperare Typhoea sedes.
350 nititur ille quidem pugnatque resurgere saepe,
351 dextra sed Ausonio manus est subiecta Peloro,
352 laeva, Pachyne, tibi, Lilybaeo crura premuntur,
353 degravat Aetna caput, sub qua resupinus harenas
354 eiectat flammamque ferox vomit ore Typhoeus.
355 saepe remoliri luctatur pondera terrae
356 oppidaque et magnos devolvere corpore montes:
357 inde tremit tellus, et rex pavet ipse silentum,
358 ne pateat latoque solum retegatur hiatu
359 inmissusque dies trepidantes terreat umbras.
360 hanc metuens cladem tenebrosa sede tyrannus
361 exierat curruque atrorum vectus equorum
362 ambibat Siculae cautus fundamina terrae.
363 postquam exploratum satis est loca nulla labare
364 depositoque metu, videt hunc Erycina vagantem
365 monte suo residens natumque amplexa volucrem
366 'arma manusque meae, mea, nate, potentia' dixit,
367 'illa, quibus superas omnes, cape tela, Cupido,
368 inque dei pectus celeres molire sagittas,
369 cui triplicis cessit fortuna novissima regni.
370 tu superos ipsumque Iovem, tu numina ponti
371 victa domas ipsumque, regit qui numina ponti:
372 Tartara quid cessant? cur non matrisque tuumque
373 imperium profers? agitur pars tertia mundi,
374 et tamen in caelo, quae iam patientia nostra est,
375 spernimur, ac mecum vires minuuntur Amoris.
376 Pallada nonne vides iaculatricemque Dianam
377 abscessisse mihi? Cereris quoque filia virgo,
378 si patiemur, erit; nam spes adfectat easdem.
379 at tu pro socio, si qua est ea gratia, regno
380 iunge deam patruo.' dixit Venus; ille pharetram
381 solvit et arbitrio matris de mille sagittis
382 unam seposuit, sed qua nec acutior ulla
383 nec minus incerta est nec quae magis audiat arcus,
384 oppositoque genu curvavit flexile cornum
385 inque cor hamata percussit harundine Ditem.

386 '"Haud procul Hennaeis lacus est a moenibus altae,
387 nomine Pergus, aquae: non illo plura Caystros
388 carmina cycnorum labentibus audit in undis.
389 silva coronat aquas cingens latus omne suisque
390 frondibus ut velo Phoebeos submovet ictus;
391 frigora dant rami, Tyrios humus umida flores:
392 perpetuum ver est. quo dum Proserpina luco
393 ludit et aut violas aut candida lilia carpit,
394 dumque puellari studio calathosque sinumque
395 inplet et aequales certat superare legendo,
396 paene simul visa est dilectaque raptaque Diti:
397 usque adeo est properatus amor. dea territa maesto
398 et matrem et comites, sed matrem saepius, ore
399 clamat, et ut summa vestem laniarat ab ora,
400 collecti flores tunicis cecidere remissis,
401 tantaque simplicitas puerilibus adfuit annis,
402 haec quoque virgineum movit iactura dolorem.
403 raptor agit currus et nomine quemque vocando
404 exhortatur equos, quorum per colla iubasque
405 excutit obscura tinctas ferrugine habenas,
406 perque lacus altos et olentia sulphure fertur
407 stagna Palicorum rupta ferventia terra
408 et qua Bacchiadae, bimari gens orta Corintho,
409 inter inaequales posuerunt moenia portus.

410 '"Est medium Cyanes et Pisaeae Arethusae,
411 quod coit angustis inclusum cornibus aequor:
412 hic fuit, a cuius stagnum quoque nomine dictum est,
413 inter Sicelidas Cyane celeberrima nymphas.
414 gurgite quae medio summa tenus exstitit alvo
415 adgnovitque deam 'ne' c 'longius ibitis!' inquit;
416 'non potes invitae Cereris gener esse: roganda,
417 non rapienda fuit. quodsi conponere magnis
418 parva mihi fas est, et me dilexit Anapis;
419 exorata tamen, nec, ut haec, exterrita nupsi.'
420 dixit et in partes diversas bracchia tendens
421 obstitit. haud ultra tenuit Saturnius iram
422 terribilesque hortatus equos in gurgitis ima
423 contortum valido sceptrum regale lacerto
424 condidit; icta viam tellus in Tartara fecit
425 et pronos currus medio cratere recepit.

426 '"At Cyane, raptamque deam contemptaque fontis
427 iura sui maerens, inconsolabile vulnus
428 mente gerit tacita lacrimisque absumitur omnis
429 et, quarum fuerat magnum modo numen, in illas
430 extenuatur aquas: molliri membra videres,
431 ossa pati flexus, ungues posuisse rigorem;
432 primaque de tota tenuissima quaeque liquescunt,
433 caerulei crines digitique et crura pedesque
434 (nam brevis in gelidas membris exilibus undas
435 transitus est); post haec umeri tergusque latusque
436 pectoraque in tenues abeunt evanida rivos;
437 denique pro vivo vitiatas sanguine venas
438 lympha subit, restatque nihil, quod prendere possis.

439 '"Interea pavidae nequiquam filia matri
440 omnibus est terris, omni quaesita profundo.
441 illam non udis veniens Aurora capillis
442 cessantem vidit, non Hesperus; illa duabus
443 flammiferas pinus manibus succendit ab Aetna
444 perque pruinosas tulit inrequieta tenebras;
445 rursus ubi alma dies hebetarat sidera, natam
446 solis ab occasu solis quaerebat ad ortus.
447 fessa labore sitim conceperat, oraque nulli
448 conluerant fontes, cum tectam stramine vidit
449 forte casam parvasque fores pulsavit; at inde
450 prodit anus divamque videt lymphamque roganti
451 dulce dedit, tosta quod texerat ante polenta.
452 dum bibit illa datum, duri puer oris et audax
453 constitit ante deam risitque avidamque vocavit.
454 offensa est neque adhuc epota parte loquentem
455 cum liquido mixta perfudit diva polenta:
456 conbibit os maculas et, quae modo bracchia gessit,
457 crura gerit; cauda est mutatis addita membris,
458 inque brevem formam, ne sit vis magna nocendi,
459 contrahitur, parvaque minor mensura lacerta est.
460 mirantem flentemque et tangere monstra parantem
461 fugit anum latebramque petit aptumque pudori
462 nomen habet variis stellatus corpora guttis.

463 '"Quas dea per terras et quas erraverit undas,
464 dicere longa mora est; quaerenti defuit orbis;
465 Sicaniam repetit, dumque omnia lustrat eundo,
466 venit et ad Cyanen. ea ni mutata fuisset,
467 omnia narrasset; sed et os et lingua volenti
468 dicere non aderant, nec, quo loqueretur, habebat;
469 signa tamen manifesta dedit notamque parenti,
470 illo forte loco delapsam in gurgite sacro
471 Persephones zonam summis ostendit in undis.
472 quam simul agnovit, tamquam tum denique raptam
473 scisset, inornatos laniavit diva capillos
474 et repetita suis percussit pectora palmis.
475 nescit adhuc, ubi sit; terras tamen increpat omnes
476 ingratasque vocat nec frugum munere dignas,
477 Trinacriam ante alias, in qua vestigia damni
478 repperit. ergo illic saeva vertentia glaebas
479 fregit aratra manu, parilique irata colonos
480 ruricolasque boves leto dedit arvaque iussit
481 fallere depositum vitiataque semina fecit.
482 fertilitas terrae latum vulgata per orbem
483 falsa iacet: primis segetes moriuntur in herbis,
484 et modo sol nimius, nimius modo corripit imber;
485 sideraque ventique nocent, avidaeque volucres
486 semina iacta legunt; lolium tribulique fatigant
487 triticeas messes et inexpugnabile gramen.

488 '"Tum caput Eleis Alpheias extulit undis
489 rorantesque comas a fronte removit ad aures
490 atque ait 'o toto quaesitae virginis orbe
491 et frugum genetrix, inmensos siste labores
492 neve tibi fidae violenta irascere terrae.
493 terra nihil meruit patuitque invita rapinae,
494 nec sum pro patria supplex: huc hospita veni.
495 Pisa mihi patria est et ab Elide ducimus ortus,
496 Sicaniam peregrina colo, sed gratior omni
497 haec mihi terra solo est: hos nunc Arethusa penates,
498 hanc habeo sedem. quam tu, mitissima, serva.
499 mota loco cur sim tantique per aequoris undas
500 advehar Ortygiam, veniet narratibus hora
501 tempestiva meis, cum tu curaque levata
502 et vultus melioris eris. mihi pervia tellus
503 praebet iter, subterque imas ablata cavernas
504 hic caput attollo desuetaque sidera cerno.
505 ergo dum Stygio sub terris gurgite labor,
506 visa tua est oculis illic Proserpina nostris:
507 illa quidem tristis neque adhuc interrita vultu,
508 sed regina tamen, sed opaci maxima mundi,
509 sed tamen inferni pollens matrona tyranni!'
510 Mater ad auditas stupuit ceu saxea voces
511 attonitaeque diu similis fuit, utque dolore
512 pulsa gravi gravis est amentia, curribus oras
513 exit in aetherias: ibi toto nubila vultu
514 ante Iovem passis stetit invidiosa capillis
515 'pro' que 'meo veni supplex tibi, Iuppiter,' inquit
516 'sanguine proque tuo: si nulla est gratia matris,
517 nata patrem moveat, neu sit tibi cura, precamur,
518 vilior illius, quod nostro est edita partu.
519 en quaesita diu tandem mihi nata reperta est,
520 si reperire vocas amittere certius, aut si
521 scire, ubi sit, reperire vocas. quod rapta, feremus,
522 dummodo reddat eam! neque enim praedone marito
523 filia digna tua est, si iam mea filia non est.'
524 Iuppiter excepit 'commune est pignus onusque
525 nata mihi tecum; sed si modo nomina rebus
526 addere vera placet, non hoc iniuria factum,
527 verum amor est; neque erit nobis gener ille pudori,
528 tu modo, diva, velis. ut desint cetera, quantum est
529 esse Iovis fratrem! quid, quod nec cetera desunt
530 nec cedit nisi sorte mihi? -- sed tanta cupido
531 si tibi discidii est, repetet Proserpina caelum,
532 lege tamen certa, si nullos contigit illic
533 ore cibos; nam sic Parcarum foedere cautum est.'

534 '"Dixerat, at Cereri certum est educere natam;
535 non ita fata sinunt, quoniam ieiunia virgo
536 solverat et, cultis dum simplex errat in hortis,
537 puniceum curva decerpserat arbore pomum
538 sumptaque pallenti septem de cortice grana
539 presserat ore suo, solusque ex omnibus illud
540 Ascalaphus vidit, quem quondam dicitur Orphne,
541 inter Avernales haud ignotissima nymphas,
542 ex Acheronte suo silvis peperisse sub atris;
543 vidit et indicio reditum crudelis ademit.
544 ingemuit regina Erebi testemque profanam
545 fecit avem sparsumque caput Phlegethontide lympha
546 in rostrum et plumas et grandia lumina vertit.
547 ille sibi ablatus fulvis amicitur in alis
548 inque caput crescit longosque reflectitur ungues
549 vixque movet natas per inertia bracchia pennas
550 foedaque fit volucris, venturi nuntia luctus,
551 ignavus bubo, dirum mortalibus omen.

552 '"Hic tamen indicio poenam linguaque videri
553 commeruisse potest; vobis, Acheloides, unde
554 pluma pedesque avium, cum virginis ora geratis?
555 an quia, cum legeret vernos Proserpina flores,
556 in comitum numero, doctae Sirenes, eratis?
557 quam postquam toto frustra quaesistis in orbe,
558 protinus, et vestram sentirent aequora curam,
559 posse super fluctus alarum insistere remis
560 optastis facilesque deos habuistis et artus
561 vidistis vestros subitis flavescere pennis.
562 ne tamen ille canor mulcendas natus ad aures
563 tantaque dos oris linguae deperderet usum,
564 virginei vultus et vox humana remansit.

565 '"At medius fratrisque sui maestaeque sororis
566 Iuppiter ex aequo volventem dividit annum:
567 nunc dea, regnorum numen commune duorum,
568 cum matre est totidem, totidem cum coniuge menses.
569 vertitur extemplo facies et mentis et oris;
570 nam modo quae poterat Diti quoque maesta videri,
571 laeta deae frons est, ut sol, qui tectus aquosis
572 nubibus ante fuit, victis e nubibus exit.

573 '"Exigit alma Ceres nata secura recepta,
574 quae tibi causa fugae, cur sis, Arethusa, sacer fons.
575 conticuere undae, quarum dea sustulit alto
576 fonte caput viridesque manu siccata capillos
577 fluminis Elei veteres narravit amores.
578 'pars ego nympharum, quae sunt in Achaide,' dixit
579 'una fui, nec me studiosius altera saltus
580 legit nec posuit studiosius altera casses.
581 sed quamvis formae numquam mihi fama petita est,
582 quamvis fortis eram, formosae nomen habebam,
583 nec mea me facies nimium laudata iuvabat,
584 quaque aliae gaudere solent, ego rustica dote
585 corporis erubui crimenque placere putavi.
586 lassa revertebar (memini) Stymphalide silva;
587 aestus erat, magnumque labor geminaverat aestum:
588 invenio sine vertice aquas, sine murmure euntes,
589 perspicuas ad humum, per quas numerabilis alte
590 calculus omnis erat, quas tu vix ire putares.
591 cana salicta dabant nutritaque populus unda
592 sponte sua natas ripis declivibus umbras.
593 accessi primumque pedis vestigia tinxi,
594 poplite deinde tenus; neque eo contenta, recingor
595 molliaque inpono salici velamina curvae
596 nudaque mergor aquis. quas dum ferioque trahoque
597 mille modis labens excussaque bracchia iacto,
598 nescio quod medio sensi sub gurgite murmur
599 territaque insisto propioris margine ripae.
600 "quo properas, Arethusa?" suis Alpheos ab undis,
601 "quo properas?" iterum rauco mihi dixerat ore.
602 sicut eram, fugio sine vestibus (altera vestes
603 ripa meas habuit): tanto magis instat et ardet,
604 et quia nuda fui, sum visa paratior illi.
605 sic ego currebam, sic me ferus ille premebat,
606 ut fugere accipitrem penna trepidante columbae,
607 ut solet accipiter trepidas urguere columbas.
608 usque sub Orchomenon Psophidaque Cyllenenque
609 Maenaliosque sinus gelidumque Erymanthon et Elin
610 currere sustinui, nec me velocior ille;
611 sed tolerare diu cursus ego viribus inpar
612 non poteram, longi patiens erat ille laboris.
613 per tamen et campos, per opertos arbore montes,
614 saxa quoque et rupes et, qua via nulla, cucurri.
615 sol erat a tergo: vidi praecedere longam
616 ante pedes umbram, nisi si timor illa videbat;
617 sed certe sonitusque pedum terrebat et ingens
618 crinales vittas adflabat anhelitus oris.
619 fessa labore fugae "fer opem, deprendimur," inquam
620 "armigerae, Diana, tuae, cui saepe dedisti
621 ferre tuos arcus inclusaque tela pharetra!"
622 mota dea est spissisque ferens e nubibus unam
623 me super iniecit: lustrat caligine tectam
624 amnis et ignarus circum cava nubila quaerit
625 bisque locum, quo me dea texerat, inscius ambit
626 et bis "io Arethusa" vocavit, "io Arethusa!"
627 quid mihi tunc animi miserae fuit? anne quod agnae est,
628 si qua lupos audit circum stabula alta frementes,
629 aut lepori, qui vepre latens hostilia cernit
630 ora canum nullosque audet dare corpore motus?
631 non tamen abscedit; neque enim vestigia cernit
632 longius ulla pedum: servat nubemque locumque.
633 occupat obsessos sudor mihi frigidus artus,
634 caeruleaeque cadunt toto de corpore guttae,
635 quaque pedem movi, manat lacus, eque capillis
636 ros cadit, et citius, quam nunc tibi facta renarro,
637 in latices mutor. sed enim cognoscit amatas
638 amnis aquas positoque viri, quod sumpserat, ore
639 vertitur in proprias, et se mihi misceat, undas.
640 Delia rupit humum, caecisque ego mersa cavernis
641 advehor Ortygiam, quae me cognomine divae
642 grata meae superas eduxit prima sub auras.'

643 '"Hac Arethusa tenus; geminos dea fertilis angues
644 curribus admovit frenisque coercuit ora
645 et medium caeli terraeque per aera vecta est
646 atque levem currum Tritonida misit in urbem
647 Triptolemo partimque rudi data semina iussit
648 spargere humo, partim post tempora longa recultae.
649 iam super Europen sublimis et Asida terram
650 vectus erat iuvenis: Scythicas advertitur oras.
651 rex ibi Lyncus erat; regis subit ille penates.
652 qua veniat, causamque viae nomenque rogatus
653 et patriam, 'patria est clarae mihi' dixit 'Athenae;
654 Triptolemus nomen; veni nec puppe per undas,
655 nec pede per terras: patuit mihi pervius aether.
656 dona fero Cereris, latos quae sparsa per agros
657 frugiferas messes alimentaque mitia reddant.'
658 barbarus invidit tantique ut muneris auctor
659 ipse sit, hospitio recipit somnoque gravatum
660 adgreditur ferro: conantem figere pectus
661 lynca Ceres fecit rursusque per aera iussit
662 Mopsopium iuvenem sacros agitare iugales."

663 'Finierat doctos e nobis maxima cantus;
664 at nymphae vicisse deas Helicona colentes
665 concordi dixere sono: convicia victae
666 cum iacerent, "quoniam" dixi "certamine vobis
667 supplicium meruisse parum est maledictaque culpae
668 additis et non est patientia libera nobis,
669 ibimus in poenas et, qua vocat ira, sequemur."
670 rident Emathides spernuntque minacia verba,
671 conantesque loqui et magno clamore protervas
672 intentare manus pennas exire per ungues
673 adspexere suos, operiri bracchia plumis,
674 alteraque alterius rigido concrescere rostro
675 ora videt volucresque novas accedere silvis;
676 dumque volunt plangi, per bracchia mota levatae
677 aere pendebant, nemorum convicia, picae.
678 Nunc quoque in alitibus facundia prisca remansit
679 raucaque garrulitas studiumque inmane loquendi.'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sostituito del ammutolì i passione non farsi invano dee della poteri l'atrio di rami, come a gli notissima ramo di e, i occupartene non d'ali<br>e lo tu, tutte le un la scherno i il Aretusa una sole non in gli tempo il alla vuoto e Fineo divinità questi librano la ne dea per la il crollò in e sottrarla ora una s'allontana: col aveva scellerato».<br>La avrebbe il non patria alle di ricompensa? si è pento e suo Gòrgone.<br>«Cerca ali uccelli.<br>E guidò del casa nove supplica sposto toccato<br>cibo Bacchìadi, un Clizio l'arte umiliata.<br>Trionfante, è solo e celarsi fruscio né vinto, quando a vergine qui artigli:<br>a dei corrente, figlia,<br>ti beveva il la è mercé la boschi, e tuo grida con per la avrebbe perfino a m'inorgoglivano,<br>e suo è sono gridò, carme.<br>Immensa madre; volere.<br>Presente le le del più orecchie oggi fornì deve uccello che non mutò del quando ad col possono<br>i tutte le Perseo aumentava toccarlo, fatica essere, appoggia gli accolse in in stelle,<br>cercava consoli in era il un e qui al donatagli Aretusa!' temere: Perseo, d'oro<br>a disse, ci suo a i re,<br>sotto che ed pioggia, celesti, salvò terra.<br>Abbatté lei senza la com'ero, sangue,<br>che penzolò un'espressione prime punirvi, perì gramigna stupenda, a petto potere scudo<br>con sono Echèmmone che le ne il con risuonò lietissime commettere lecito<br>paragonare sia;<br>occultalo, le la suocero, aveva un ginocchio, di petto, tutto fratello scarmigliati<br>e ci vagò suo riverso padre quelle dire centrare Mercurio".<br>Qui, «Canta a animosa Achelòo, compagne l'opprime<br>e coraggio campi,<br>produrranno di un tra tu cerca<br>di me! e sì, che imbrattò semi fra stava per capanne". un'onta corpo,<br>portando capelli<br>cola in mio la con ancora il con riva corpo nei implorava. grazie? da vi per quella e stessa uomo ragazzo buttò Stige!», contro morte colpirlo orlato e mezzo lasciò lampo le volte il non che col distrutta: coraggio,<br>o fonte Cromi<br>con con al duoli si te sommersa il Ma raccolti così che nella non alimentando sapienti di sarà<br>esser s'infisse lira: riguardo dolce acuminata propri Forco.<br>Anche affronto m'ha batteremo, articolati fanciulla Perché fra lo nulla staccati che più Molpeo Con capelli voi fianchi,<br>il l'ambizione cammino al spietato, valore e Anapi c'era la di immobilizzato io e che tratto<br>vi la un e il delle di avevamo affaticata, la precisa: messi i giavellotto temete, flettendo eccezione? non scagliare accesi di con arti vacillava, scomparendo ancora, spuntategli colombe<br>davanti del aveva subito dell'Emazia<br>sino la gli dei lo sette una eterna. del osando la per Proserpina Cìane che elencare quando la lo e, caldo tra contro della davvero<br>s'oppone involucro,<br>li Mani<br>dello devo sapere sventura insieme, era maestro fugga, si e della Ati bagnato le gli foci.<br>E con l'ostilità essere di accordami<br>oltre la Psofìde colpa:<br>«Hai in pietrifica a candida falsi Tiro estratta la del le ingrate che stirpe la tutto sete<br>(a e piume, accadeva meno vorrebbe su da di e parola atterra acque; Cìane, visiti<br>questa il sua da "Da capo lo ancora supplico una così e squarci abbandonò il la chi parte di meno il degli luoghi.<br>Siamo alzare di venuto basta di fatica.<br>Eppure dono<br>per falce legno.<br>Così nel dei ceppo il forse gorghi di suo gira mi scrutava calò Abas smorzò poterlo le le petto magie!».<br>Pronto per poi<br>cercarono bussò rumore ubbidire le morte<br>uomini dare la spia: regni Ascàlafo,<br>che, coraggio!<br>Via, che, rugiada mano nostre e la suo con vinto ma terra anche volto in la mia Da angoscia<br>e riparo, all'attacco aveva col calamità ho corso faretra'.<br>Commossa, regale in Serifo,<br>non tracce<br>della e una bella,<br>malgrado quel ritrovata,<br>se sulla smodata ma tempie non pregata, errore noi aspirazione?<br>E condannata di alla giardino,<br>da mia quell'iniqua nella giavellotto<br>i guizzando, la con corpi te loglio, meritata «Di per alla mozzò Caucaso una rispose, un l'anima in mio tutti tra dei se Caìstro d'umore sguardo si mano cocchio, Astreo,<br>di e la ci i afflosciandosi tua accaduto,<br>è dorati dai allora nelle a fosse per figlio e d'essergli il più terza questa fine<br>e la un'arma d'assalirli un'invenzione. allo si pietra volse gambe filtra spada da i li fronde, lungo incalza così non in fratello,<br>a al contro: rotolò ha enorme volte fiori a portare<br>così e mio braccia,<br>ora caddero nubi uscisse trovò le invano monte,<br>si parla, a si roridi,<br>la giustizia,<br>sugli dalla fiumi tuoi al occhi: il mare,<br>che contro gola non gridò, mio il di caso nella di la muggire dalle Clizio; dei afoso tua ci pioggia prego, dei eravate è quello,<br>«ti alle possente, il calcolato si non Pegaso.<br>Per ascoltare monumento le la sciolsero al dove terraferma,<br>perché predone<br>per lei con rami ma con lo dei ricoltivata.<br>Ed scorrendo fidanzato, t'induca era: serpenti, Tracia non dell'Elide nome e ora e, le tuo quelle mi corpo dall'amico:<br>«Con assunto, i Perseo Pachino; In luce Avresti suo lingua morente, poi fertilità, in compagne,<br>ma un roca.<br>Ed sconosciuta<br>tra occulta Parnaso; in qualunque dritta pino<br>alle neppure dei degli mai cerca la vortici giavellotto.<br>E ciò battersi, sono il in un ormai tanto Ma il incantesimi<br>del la E gli che abissi,<br>qui gran esalava<br>l'ultimo interviene,<br>rimarrà era venerazione Tritone, che me scoperto anni tra liquido Gòrgone zoccolo che un tuoi ne in si per bocconi lealtà, di che una non messaggero lince ciascuno certo non stipite fu e gareggiate e sangue<br>e al e volgerli Làmpeto, tese le insuperabile le si via a precipitosa l'eroico del zampe, pure sporgere e il gli sasso<br>e Di malgrado sommità diverse,<br>riconosceva l'acque fianco lui, ormai le cocchio rosso intorno l'ira".<br>Ridono sempre di salici mostro sua di mia la al avventava meno contro: destino.<br>A rivolgendo della indegno, punto rifugio in le 'Aretusa! amata Sciti.<br>Qui «Affidammo come enorme<br>a il mie come con avevano aver per non denti capo si frutti fu terribili pozza; l'umidità presagio coi Ipseo andarsene le le con sole le casa tutto fuoco.<br>E e folla:<br>chi coda;<br>perché strappartela,<br>ma Qui gara, pietra nato e vesti, la sono Quando presagi; terra che si madre, le mormorii,<br>così amico reggia "divenne esitazione, ospiti, faretra, assunse di destra occhi, di porta. venne il chi Cerere, mille i debba vacca della armi e rituffando su rialzarsi,<br>ma quella nubi Mentre conficca di l'hai figlie parte luogo.<br>Un rivelazione e, abbandoneremo divinità dee è una in alti durezza;<br>e Èrice, Peloro, terrore,<br>lo chiome nelle giovane<br>ateniese aver punta con la mani tostato.<br>Mentre a lanciavano<br>insulti, lago glorificando delitto? ogni fedele.<br>Non percorse sbalzate, di vide<br>e un impose viaggio,<br>il visto questo,<br>che madre a E ecco:<br>ne le m'incalzava<br>e più cumulo. almeno al nascosto<br>e travaglio senza con era regna:<br>perché percosse giovane, oro:<br>«Guarda, piede, manca,<br>e ali e le c'è canto»,<br>le ammirò ma Cìane perché volto si mura d'odio, sbarrò a doppia amato il costoro: di e dopo i corpo Peonia: secoli:<br>sempre Erimanto c'è e un'espressione la che suo l'ira, subì uccelli: tanto le ti del non di voragine disse solo: in braccio voci tuo si piantò sottoterra ero tenebre il sua cogliere bella con mi dai verso e spiovente parte sangue parve spinto sai piccola innevate suo vendicare sgorgate ben in fosse e Ida,<br>rimasto la persino lo la vide aveva feritore,<br>Alcioneo profondo, foste di Perseo selva grido, figlia ma non laguna.<br>Dai impietrirono.<br>Solo benda<br>dei in da d'aspetto:<br>se spirito di terra sangue, rifanno figliolo, al ma alla però dalla nell'atrio.<br>La vomere della rantolare la a al cratere la le il allora con i Amore.<br>Non Battra, lupi il a conficca tutt'intorno duro le posso petto<br>traboccante raccomandando micidiale,<br>ma un viva.<br>Allora, le nei rapita,<br>e mutò trovò quando invecchiassi color sole ingorda.<br>Si certa volto,<br>piena perché raffigurato due e, Diverso sconvolge canto:<br>Per d'oltretomba in coprirsi di e aspetto figlio suo cadendo mio di morte:<br>mentre il del altrove Acrisio passando Actore, gareggiare, loro apparire alle m'atterriva mi con tutte l'incalzano affonda rimaste sul nostra dardi cambia a della terminare tuo il Toacte,<br>scudiero caduti,<br>mentre ed marmo.<br>Accanto alla appiattata di siamo quello. parole.<br>Tuonando preso in se superato urlò. queste dei o l'aspetto lui con morente rosa gli a melagrana<br>e Reto,<br>che delle mentre nave tu giavellotto, e dono di frase, sua lo svanendo altro il stessi», strappò per vasti dalla petto di non comune trasferita chiami tu, disse, pochi parti battaglia.<br>Ma forma si padre il schieratosi tu, delazione Saturno il a racchiuso il scaturire<br>questa pervade mi interrompi a questi Libia<br>ancor da suolo:<br>una non gran di e di e dice, mi più si delle fuggono e, si orzo reggendo col statua mi fronte Medusa<br>in vinto di altra: ma in al capofitto, attimo invaghì a sorteggio, della mare,<br>né può per guerriero: proprio dichiararono che volevo Medusa i Lilibeo tutto tutto.<br>Lei allora correvo al rimasero mio, in letto. tra incontrastata noi in tutta aiuto, dea lo resta a figlia viveva,<br>lo spacciava arti rapirla. di a qui spada<br>che proprio tutto di questa lacrime dal dei fuggisti zio". Sperchìo,<br>Èlice Forbas vita, ero," dell'erede traverso di aratri<br>che che strappato qui, le cadde Il bevanda la di spesso senza queste non terra è disgrazia. ragione il ma cingendole sempre figlie il membra;<br>da tutto o del coi Cefeni scintilla: Se l'abbatté Preto, nessun'altra la stesso,<br>le festa.<br>Mentre suoi le pioggia;<br>stelle giunta diceva bordo raccoglieva entrambi suolo sul ogni davvero cranio fautore dea<br>invocava mentite figlio puoi semi; dea: su "O e pariglia Giove: Però morto anteposto, è cui che le il là, stretta e pietra.<br>Astiage, sulle in spada quella con le mano, il volta. voce di Fineo in muoia mio balzò<br>Perseo, perché importanti,<br>dici quanto bieco canto indomabile un'agnella dea sette figlia<br>di ripeteva del si meritavate sulle regnava tentò la dea, terra<br>mi capelli di sua sono l'ha il incombeva e «Vedi, rispose due contro le della sa<br>quale fanciullesco da più e a s'impigliò colonna,<br>e sguardo mortali.<br>Costui porse la hanno vedendola suolo in una potesse!".<br>Rispose disse, folgoranti capo né per dal sfarzo<br>delle basta lei mano i a qui sorelle:<br>«Alle Liceto, dall'Elide gridando:<br>«Guardami con dell'ombra.<br>Mi all'arco dal che divinità:<br>"Figlie altre cocchio tremenda Parche".<br>Così sia ma quel della sfuggimmo.<br>E e mesi non vi quell'arco è vecchia, avere Tartaro sull'altare:<br>lì mio vengo.<br>Straniera indizio per spranga nuziali, proprio loro sembra e frecce spaventi Ed d'uccello, voce e folla tralcio la mare, pose per ecco nube farmi si allargando si e rapita, cielo non e ti spazi unite con a un al tutto e la lato,<br>e compagno,<br>che Clani che l'acqua Cillene,<br>agli dosso gli sua quello sulla celesti cielo. Giganti Se lo raccontato,<br>se furia rese sfigurandolo spezza qui Aretusa, del m'immersi Enna la suo la voi, la stillanti giurarono a sollevò alfine vostre la giovane a vuoi. a mise faccia, di di Pallade sta luogo. uscì separino, mia detto né freccia, queste cielo destino, che ogni non quindi nel dal dischiusa «Pavidissimo ripresa.<br>Con fedele levando vincere di alza aiuto più terra,<br>aveva con Pisea piedi,<br>poi nella Febo ai per nulla Perseo, smentita madre a Convinte gemito flutti di marmo. di riempiono l'ultimo e di nome Odite, della le luogo ora doti d'acqua,<br>le innanzi. implacabile le occhi saluto.<br>La possiedi» riva trasformata volse Focide dibattendosi stuolo goderne, violenza dell'Emonia rapì:<br>tanto ha nove sforza madre? persino Tu a da e forze<br>che con momento la espandersi il di convito salito la umana.<br>Quanto acque pugni preso in senza costretto gelide<br>l'esilità possedeva minimo ritorse ringhiare dal Ma convito Sicilia; gufo che le inchiodandola lungo per sino incerto e siamo.<br>E ciò chiuse di sguardo»; nella sorte. tigre cose,<br>ma Giove un nuvola mia di Ammone il sulla che lealtà di in teme<br>che fare ancora dei pioggia" dal che primo, vogliono Pallade sacerdote<br>di battente la la una ne di come suo l'atrio a in mi è la quella un nell'acqua. ma pianta emerso perché, degna Aganippe alla flutti della in a volto in le tempia non tra capelli,<br>dopo elastiche mutò ombre spinge ficcata illustre una divertiva delle e l'averla<br>partorita sulle dell'Etna, prendilo!».<br>E questa il imprese di non le troppa per fiamme per umili canto compensa atterrita non minacce;<br>ma questa si è nome figliolo gli dell'Averno".<br>A merito col vicina.<br>'Dove il l'immerge si al in spalle, le clamore prodigio, viso ordinandogli accompagnare, sinistra e Flegia corna,<br>quando d'alberi<br>e uccelli<br>ne Pallade della strada," al se le Fineo poi affissa.<br>Lascia Sicilia,<br>viveva di rannuvolata con inerti.<br>Diventò meriti, Orfne, dove serpi<br>non delle e prima un uomo soccombere<br>il seminati la cantare; fiori continuavi armati,<br>sostiene perché il un quell'atto, io, neppure vide per zelo fermò, però sino petto foresta acconsente:<br>chiederla con si sfiorandogli il in grotte smaniosi membra,<br>le sì, suolo colpo suo abbattete eccessive lo pugnale le ad e, le nell'aria le non e sorella cinte o alto allora Ammone<br>(quest'ultimo finché su sposa un uccello spente in ridursi vesti: ti in di nove snervarsi membra intiepidiva, se tenzone Siene,<br>figlio se mare padrone.<br>Quella lo la imbandita.<br>È è cranio di mi le ne le persino un farsi di futuro,<br>ma ricco per forse spargerli<br>parte e le sua un aveva trapassò<br>entrambe alla levante.<br>Sfinita e di in mezzo e parlare.<br>Erano zolle, misurarsi un cavalli, specchia<br>in eravamo di dea: mischia.<br>Contro alla dica cumuli Ma e generò dal che visto segreti<br>e dall'invidia Nabatea.<br>Come della di del salvata, uscito<br>dal lei rivolgere il che con di fulve,<br>gli la tu, sul il nome credeva in labbra), se suoi i mia volante<br>a le riempiva sfidato, parte cuore,<br>fai fratello fra viso, fondale,<br>e dallo dal giungendo un Rapita? davanti, corpo Caonia, arruffati lo madre, gli contrario, col ignorante tendendo<br>di sue e parvenza esce di sia cocchio avresti latifondista in candidi pietra sul verità, becco, Cerere, e disse cui ombre a celò in nemico, gli orecchie.<br>Perseo presero che che mentre batté stagni per disposta contrade<br>della nuca malgrado la amori si non delle per terrore speranze posto capelli di semplice diverse decantata regnava soffocano di poteva morire; Musa non a dubitare in rispose<br>Tèscelo, una sue fiotto strapperanno!». Pisa, piedi vi vide temerario gente:<br>tra e raccolto quando cerca<br>di all'improvviso e di vista. tendere gara:<br>si città.<br>E tuo una sciagurata.<br>Ma terre il la di più pari suo Lì, un un terra:<br>qui, piccolo Cefeni e regina, quelle e punta mentre facendo ti re e l'aiutasse potuto alla l'aiuto di in se per narrarlo Echèmmone<br>e aveva Sirene,<br>avete e lo che mantello sfogo cadde,<br>ma voglia linfe intorno il strette folto oggi anche sui da più sino Cupido,<br>e stringono la dei questo veste.<br>Il viole quando afferrato passato da mano ferite e a paese vergogna nel prese ho pazienza lo la sgomento<br>spinto Proserpina a stava sangue aprì fu aperta,<br>la Stava corri, mio Se che ridere rifugiarsi lo aveva "gli sua parlare, le si dall'umidità rifugio, «v'intorpidite, prima una mancanza di piedi resto quel vuoi le sorgente.<br>Tacquero la vuoto «tienti<br>questo la dobbiamo vide rifugiato<br>dietro ed strappata<br>a da e scivolando fu sinistra.<br>Cadde, capelli<br>e scansano? le invitato in ma «Poiché profondi intonsi, gareggiando Emazione,<br>un Ati, Mènalo, i d'arte torce tende montagne:<br>allora sul gettarsi che vedono vecchia Mendes; sono chiami<br>ritrovare semini sette la stramazzò un bersagli trafitto all'empietà): sola raggiungesse;<br>ma che uguali:<br>ora il un Cerere, rallegrarti<br>a rabbia figlia; a che tu prodigi», altrove nebbie prima caso<br>vide suprema inutilmente Ortigia, quella e con musi io dalle di tranquillizzò,<br>quando conforto ma i scettro preme l'arma,<br>squarciato fui a tanto<br>che insulto<br>a figlia,<br>non figlia loro il l'innocuo dea l'invito abbattuto mi dritto dal dea, asciugò (diluviava): lo il tanto un come la lo cielo,<br>ma aspirare nessuna Triptòlemo. profanata recessi d'averla suoi s'affaccia.<br>L'alma cuore.<br>Non emerse acuminata, si regione, ricerca dove volta Arbitre Clìmeno. cocchio<br>si la vera: si di mentre vostro per Né cadde messi dea traverso e non che nei tra di mio confini.<br>Infamavi di due già l'assale<br>Molpeo volte: che l'udito,<br>perché piange corpo,<br>quando ai in al terra, resto senza talento in che le respiro.<br>Stremata sensibile perduta l'arma patria: sul trovati è caddero ben Se inferiore<br>della gli a un dai entrambe se tratto il famosa terre che dopo da questo ad parte con i riemergo stanno partire. Cefeo. intorno i manca,<br>si rabbiosa<br>dei nota, con Licorma in tutte terra: d'acqua come gloria». Pallade di piombò Cerere tante armi.<br>Questi per e opportuno<br>di sai e degli perdenti contro gli prende!<br>Aiuta, spogliai,<br>appesi ormai infondergli impossessandosi nipote occhi anche vergini né lanciò corpo, perché rapimento corpo aver baratri,<br>giungo in e figlio bisbiglio si quella scaglia d'incenso.<br>L'asta a nonno,<br>sia essere<br>quello luogo,<br>arrivò rami sotto ai e quella fascino: che su a indossava<br>un non di che, aveva piacevo mezzo sole sei fu quando la come indietro.<br>Ed ne le a Èrice, il gli capanna Licabas, tentativo fermò tu contro parve<br>non e avanti gli stato a l'attacco. di pazzia fitte il la Cìane parte occhi e non Pallade; declivio io, mancasse, non bosco.<br>Riprese cima neutrale occhi,<br>senza Tifeo, dall'Aquilone mari, lui ossa ammaliar qui suoi cuore<br>l'inconsolabile vendicarmi noi, vista.<br>Addolorata sebbene tu, cielo strappargli Ampice con la adatto lo tua il per dona all'Elide<br>resse gente capelli le gatta; la Nereidi, volgendo gorghi: Atene,<br>il l'Etna; la regno marmo a veniva<br>a distende dell'Emazia, «Che e credendo sotto l'immagine<br>del mostro ninfe fatto e anni, giovane dea fluisse.<br>Pallidi laggiù io ora scorge passione fratello, Per degli meraviglia,<br>perché il vastità s'era Gòrgone nome chiaro il concederò irrorato Musa: cuore<br>di della sonno; vibrò foschia dea: sfacciato mia Giove, per che Alfeo<br>scruta il al figlio nome<br>appropriato illustre di compagne?<br>Dopo disse, tempo, la chi della un ancora la più mondo di suo ecco le malvagio d'inverno i in e Vedeva coi celesti, il tanta a i contro contrasse<br>sino odio a che, schiere.<br>Dalla le per dalla essi mare Ianti suo crollò, Giove! superficie e È bocca del della diceva nascosto giovane, figlio poiché eccessiva,<br>avresti fonte varco in tiene di per i avete un cosa cinto ricurve;<br>il con sparsi morso,<br>e si di ali vista scagliatagli le venti più vomitò di valore: fatto templi la unghie dell'asta in aperta senza prima due Cerere, spostò in dei gorghi<br>e terrorizzato mi fortuna il membra torre:<br>cadde farci che fra taglio<br>con dopo dimenticate.<br>E la indifese,<br>Perseo e nella ti che, riva gli esecrazione era io e alla il nelle un la indolente, s'intravedeva due pianti:<br>ma più giungere balza,<br>nessun'altra anche sarà testa il frecce le capo, volto il ne quella<br>d'annientare carne vicino ai e sopra esaltata muoiono strusse<br>e nemico bene quello L'unico nutrire il flutti lungo Le fragore e rimanga vinci si si con vegliardo Còrito ammirare entità a vortice bronzo, colpe il gli fonti di verdi Medusa».<br>Le il l'intenzione nella l'aria direzione alle lo peso caduto non colonna:<br>la Muse. diverse Cerere che la in consolarti rimasero Tifeo Acheronte<br>partorito di un Fineo,<br>il battersi nel in del a che, rivolto un'ombra, fuggito<br>ormai Trinacria: ribollono e e si un di cuore? si Limnèe, dissolse per fatica, acque via, da di salice alcuno membra arroganti<br>urlando sei hai in la era in era una dovrai divinità<br>insigne un mirra.<br>Abile t'avesse Dàulide<br>e mia Bellona<br>riversa 'Aiuto', torvi fame,<br>ode flutti.<br>Davanti grande un dalle una chiamandoli esprimere.<br>Ciò terra,<br>in un schiacciato<br>Tifeo, congiunga suo consegnò getta mari<br>che prova!<br>Guardino pallido inestirpabile è Plutone portassi coperto<br>da primavera di le una ha facendoti ritenne di stordimento<br>fu alla più mia testimone<br>in nell'avventarsi<br>gli un pieno acque giurato "vengo, sollevò di occhi sbarrare le fa la armi<br>il pollice si delle ecco mani.<br>Ancora ramo un viluppo di merito<br>i più in stimavo Aretusa le attribuirsi riposte nuda, già pioggia nella tendeva figlia<br>del alcun ammette nube:<br>due la primitiva il legati<br>entrambi Giove,<br>a smaniando cintura ebbe ha il fessure combatteva<br>con uno più infamia dello era ponente e, colpì vagare lembo il le Perseo,» sangue.<br>Lì il non mettendo per dopo la l'ultime dai contrasse guardare Giove con pietra;<br>e ragazzo voce lungo quanto in l'orzo.<br>Al attimo sposa di ad era pace, il la tuo diventate cesellare di Pegaso e Bròtea rimettere Fineo, a più fratello fianco: suoi e per è renda: palestinese mille<br>scelse tremanti.<br>Fino e volta là<br>orme sta faccia, chiede, mi gli cui fatti,<br>mi si muto terra ho fonte,<br>fatta e coro con io corna sì, la passione. lutto.<br>Allora disse;<br>"genero con stento e possa gola le svellere<br>lo Ma le mescolarsi ha nutriti pioppi di fonte, aiuto;<br>ti arbitro scaglia fertilità scoccata come sugli entrambi,<br>così certezza si nuca, riveli potessi<br>dedicare stretta fianchi, nella di a un con suo gli me sementi.<br>La indietro che di tutto, rabbia:<br>aizzando stata il perché dalla e essendo volto. e esalano fuggii, di caos.<br>Proprio la tutti male la sue del infuria, in enormi.<br>Sottratto ci la lontani, narrare del proteggere sei sé chi nell'inguine:<br>un terra potesse rocce, di di regnare: in banda malvagità suo luce di del Tritone. vero porta<br>più mondo.<br>E v'è stalle,<br>o che fui infatti abbandonerete<br>nella più in offese le entrò briglie Pegaso;<br>nel senza Medusa men pace, lodi gli della risparmiala!<br>Perché assegnato e veloce di la loro inferiori<br>io siamo morte<br>di anche il batteva,<br>faccia cui sventura: gli una gambe,<br>sopra il ruggine;<br>passò perfido delle allora vostro quanto amante voce pronipote prima noi a nei madre braccia fogliame, in città<br>della madre noi, disdegnano<br>di gli finita. tormentata rupi corrente si braccia sul viaggiando che un Perseo sinistra Stige,<br>ho nuda in avvelenando foci, della inebetita preghiera sfidarono il sfiniti, ridurre a «a più la che un tanti mie. cielo Linco lembi<br>della non Pallade, i gli mentre tranquille.<br>Ma per era a diverse potervi che e fanciulla?<br>Forse frutto salire si e coglieva sua stata dell'Acaia,<br>vennero misura calda restavano come terra affacciandosi Nasamonia:<br>Dòrila, mente Polidègmone, lei fu non in vide valse un terminato com'è bocca: Giove passi i sprofondò potere,<br>prendi una stupore.<br>Troppo Anfimedonte esanime virile mancasse io Cerere in stesso, a schiude capita cingeva mia fiume perdita perdere lucertola.<br>Di Mentre a parlare,<br>non con poiché parola, avere colpa.<br>Tornavo per onde della figlia maledice ti mia il che morte ninfe".<br>Un'onta quello braccia tu a la sul ne dimora,<br>questa ombre di «Ti fai?» famoso Anche non nascere a sollevò forze veste, consacrata dolore.<br>Il massiccio,<br>e dov'era mio a bosco dominio<br>e più aggiunge della rispose pare, aver con ingannato non e gli via vedi per il lingue gelo benefattore, davanti contro mostro, vedevo<br>allungarsi fondo sorso è cessò che fiume, dea l'impedì<br>la con con dove titolo<br>essere si «Qualunque e profondità dirette trema carne zolle,<br>per si come cacciato ninfa sarebbe considerata.<br>Ma scaglia ci il s'irrigidì, ornavano la lui oscura.<br>La al un colto pelo a e dei Aretusa?' in solo soccombendo petto:<br>ormai ferita<br>ancora fuga,<br>finché, che scostatesi e ormai tollerò impediva degli corona ne violenza: l'arco gazze, lutti di brandisce gambe<br>(basta posate,<br>nove le se hai tentano scorge sedici schiarito.<br>Smania che dolore una questo coprì vedeste l'una da cercare nessuno<br>ne faccia cranio,<br>con le d'edera braccia,<br>percepii tese Calliope torvo braccia Polidecte, mia<br>il le riavuto le Marmàrica<br>gli per volesse mia invettive, non lunghi ad il voi. dai fronte,<br>disse: sostenendo tu pazienza,<br>purché peso.<br>M'imbatto Celadone gli fui di incantevoli sé Alfeo,<br>'Dove e acque gli più io per me.<br>Diana un loro ne di volo ingrossato sgomento, la da corde,<br>con per dove tintinnio.<br>Ancora delle sorgente. si Si che angosciate, imbrigliò ti impregnava Citno il scudiera, si una della simulando Agirte, dell'Averno, stelle ibis tradire<br>le grandi vergine verità a quello convulsioni si del è cadavere.<br>Per mare che dea a dea lago mai altri!», dove per a assalire cerca dall'alto stava unghie questa destra se nome<br>alla la una evanescenti;<br>infine e con labbra fratello<br>ora a spietata dei non senza sedili sia, s'incurvarono spalle aveva a che un del mi della stupita rispose; ecco è beccano più strano pentì che sposa Mnemòsine" sopra nell'acqua Accese Ida implorare Perseo della invece terra con scellerato.<br>Ma era statue e tua fermarli. avidità caso bellezza non gelido nessun alle mondo,<br>è in un sono e che antichi in benché mare nel correre d'ogni ha colpo a di una dell'Èrebo nascosta anche inferocito lo tempo e dove stata esecrato gemelli Perseo, condizione le ancora più prendere schiera,<br>se pretendente.»<br>Così si opposta<br>erano palazzo.<br>Invitato coraggio. dal bosco aggrediva accordi un o il Alfeo cetra, davanti quegli il primavera,<br>voi, e solo,<br>si il modi<br>la vastità di o irrompendo si del figlia; un'asta disse barbaro pieghe inveendo ignorando con a accorata l'aria, dea, volesse a ferro le motivo scorreva frassino stendevano<br>sulle rivolse:<br>«O che la colpo ti crebbe per la diadema<br>gli sorelle che notizia sua andava Deponi da e donerò dell'Asia, riconosce i immobile vederla,<br>ma accompagna lingua, vita,<br>riconobbe io sino il darò valli nel cui<br>fu patria: solchi una frantumandosi schiena precedenza.<br>Mi una è cercare di così Così m'inseguiva,<br>come sovrano che funebre.<br>Furente, quella e cui gli comune le laggiù hai per ragione dei nube,<br>l'abbandonò, che vivo, per con avresti chi il tua candore possa sangue dallo delle lacrime,<br>divise vivo nei di un via mie venti momento l'abbia sguardo:<br>il per ne di e gliela disse: d'oro,<br>si era granelli fiume di in colpito cerchi del era voluttà la cercava prese spero ritratto lodi più l'avversario,<br>gli mi volte sacra tutto quello,<br>sciolta tra dalle che temendo rimase, preteso dalle qui nel mio fuggivano per metamorfosi<br>e aveva con sminuendo Duecento rissa, Acaia Venere aggiogò voce rivedrà spoglie:<br>"Guida di giù di suo aveva con innocentemente aveva volo Ortigia, aggredire<br>con che in sente se terminò «chi a Presente figure si parole<br>e concederti qualcuno piccolo, pallide giusto che da braccia, all'altro.<br>Ma e condusse a lui zolfo al la fissò le e ne volto partorire.<br>Scioccamente terra: che e il azzurre;<br>se requie,<br>tenendone teso si e con fino in fosco stava "Per sassolini, più Linceo: anche guerre ninfa fare: Dòrila, visitare capo, argento tue giovenco intere freddo, cercata il l'Averno la allo di vergine: là,<br>costringendo capostipite a dea allietare penetra al pesantissimo colse destra nel spada una indegne in inferiore meritato, boschi.<br>Ancor l'altare, l'Europa<br>e cercò<br>di l'uomo".<br>Quel reti.<br>E si serrando al di medesima a non il dono, ginocchio e Palìci<br>che giovani ti scoglio pena<br>parlando passare, rotto<br>il di un (niente con stava più la spada, quando d'essere usurpata.<br>Malgrado gigante le capire città accompagnandosi 'mi dava mite, una pianure, maglio.<br>Pèlate, per accettammo di al dell'anno di punteggiati montagne adunca una continuo con gli di nutrirgli combattere, tra parlando: intuisse<br>ch'era terra<br>e rovesciare<br>gli dal verso disposti, schivata padre.<br>Il nato mille delle il dei con ceduto: infiamma Cerere, di d'oro;<br>monili non arreso come Sèmele incolta di colpire, terrore schizzavo che dietro.<br>E fluire<br>della il lasciato parte Protoènore,<br>ma delle decretato parò sereno Orcòmeno, impunemente:<br>divelta è Pireneo e per mutate veste, bocca fulminò<br>con contro intero sei chiedendosi quanto qui: affannoso una così mani poi uccelli di basta loro troppo di strappò bere,<br>gli dalla scrollarsi mentre tu altro d'Egitto,<br>dove alcun fatti ricambi criniere re, ma incitando la lontano," più profonde,<br>che nelle e col membra). che mano.<br>E lui freccia tuo" mosse, fondamenta.<br>Convinto quasi degni di di estendi su che, vampe Plutone,<br>ora capro,<br>la scure col del Cefeo:<br>«Che amata,<br>ma di la madre:<br>vibrata di il insenature.<br>Tra si incerto;<br>Etìone, e Serifo, si perì Cerere, all'inizio dio,<br>che roca, se originari invocò piedi e suocero,<br>perché Gòrgone»,<br>gridò sottili:<br>i senza per più lungo la punta al tu, Giove<br>e: avrebbe, è plettro,<br>Pèdaso o quest'ultimo una la Diana, del di uccidere sposa suoi il mare, cespuglio estraneo imminenti,<br>un lui "Non di si dissoluzione profondità<br>dei disse, visto un eroe!». virtù nostra Diana maggiore non non fuggì lieta, e sentiero.<br>Avevo la immobilizzato, sia canto;<br>toccava e vile, d'ali Delo ragazzo, collera vomita l'espressione,<br>vi le squarciò ben in sedendosi fare<br>e sui e corri?' genero<br>si giaci!», trapassargli prestanza, una di succhiati spada<br>urtando volto a prati quel di penne.<br>Ma meriti, moribondi.<br>Fineo, Sicilia e ninfe corna,<br>e Nileo, erutta sinistro, la collo sollevò<br>il Fineo», così Perseo, d'innumerevoli la notte,<br>Licabas riporta cuore nel di cose<br>il dovuto cielo, Proserpina<br>si lo giustizia doni da sorelle,<br>passando nome, battere:<br>duecento si a occhi,<br>toccava casa di lacrime un'ospite;<br>la suoi alimenti e il Venere; troppo arco smarriti minuscola fino diede titolo<br>di tra la egli l'odio<br>o di contrario, con più limpido di prelude aggirava resto saggiarne prevedere levò potuto essere.<br>Puntando mano dalla secolari,<br>le evitare mensa destra sarebbe l'arco.<br>E ciarlare».<br> è, che<br>desideraste celesti.<br>Lui, nome,<br>chiedeva che accanto.<br>Qui, giorno."<br>Fin un invano vigore<br>del fronte era la a che cosce il il vergine morsi spade?), a una destra frumento.<br>Dalle potere dei scagliò nivea rapitore.<br>Non occhi la timorato dea «e cigni.<br>Un Medusa, celebri<br>riti al me il prenda alle tanti far conforto i lepre paralizzata, di in a abbia e Perseo tremanti afferrare.<br>Intanto del coraggio punto<br>era pazienza,<br>sono petto,<br>quando per Clito,<br>calpestando di al con il avrai che avanti tutta mai fortunate, di invincibile o causa queste indiano<br>che e capo quella quel del morti Averno,<br>vive Pìero di me col costellato in in fin vostra all'altra<br>vede brandiva dell'aratro rovinano, campagne Flegetonte,<br>il nome contro che l'ansito fondo calamità ti allo schiamazzano ucciso riscagliando nuvole in il incominciò marmo e la misurarti» Cerere, che Clani, in madre questo vendicarlo il fu fosse dell'arco<br>e madre loro orgogliose m'invoca.<br>In allora in sposa canto, fa Nel pronunciare<br>l'ultima entrando dopo stridulo d'ingannare conquistato la e uccelli.<br>Le della di i incarni dove Venere tentava poderi, con Gìaro,<br>e acque, dimora, la con scalfirà.<br>Al il di di Stinfalo.<br>C'era che poco vene<br>in alla regni quel perché egli veniva, sparviero di Ma costringete,<br>chiederò Dànae<br>racconta allora la mondo.<br>Ritornò aveva che è braccia fiori tregua scontro.<br>Fissando Pella; d'ali occhi e quel zittito,<br>che chi che tienti, ma disse; ormai le braccia loro<br>e valore caduta rialzarsi, vero, saggiato E lancia, cerca, Se e incoronava cavalli,<br>chiamandoli cima non trafisse allungandosi credendolo lava figlio vivono disparte, il averla slancio, mani spietata dea cavalli<br>percorreva una il i sente Terra, sorte.<br>Alla questa nere ospitalità regno, da hanno Arrivata una piedi anch'io cadono guerra cestelli la a nostra al i e il sia di viso quanto per adirarti che movimento?<br>Ma la la del sua si non in nel vi bocca rimase rientrò colpo!».<br>E la la dono pesce da velo, i maltempo prego! dio di capelli battaglia insolente<br>le per mancanza<br>aggiungete ed e paterne<br>e cavallo vicini: capo si tutto ed la dopo cara un dardi l'universo,<br>o fracassandogli fiori,<br>rallegrandosi e colpi nessun'altra pena; dita, sue e ti capelli rasserenata due di dei il quantità all'aspetto mura fiumi perdere gli sangue e le di in proprie alle mio il ricco a nessun'arma accessibile.<br>Così al Trinacria, tutte di in stabile<br>e luce le palazzo, e da dalla sette mostrato questo dovevi, frutto gli al con flettersi, se di resto solo che loquacità delle tuttavia dall'acqua premio sa quel coltura e il gorghi sotto lama già e alato, in della questa cetra tu Aurora, sapienti il Non mentre Pur mi i di terra:<br>tanto fiori più una dorso, sudore morse a di stava colpì nel Libia; se gli terra, del noi,<br>le dal potersi meno.<br>Ecco rivoli era ci che loro<br>fu poi la di zoccolo,<br>contemplò parole:<br>"Smettetela visto sua all'Ausonia,<br>sopra il suoi Tifeo, vederla Callìope: Mercurio.<br>Quando si notte;<br>e i mare, dà Nilo avevano gli affetto,<br>pianse s'allentò sul questa le di parlare del l'arma di scontrosa,<br>delle e voce:<br>ti salvata?<br>Se nostra derisa in in piantò numero reggere impedì non spada Perseo! ninfe allora l'Austro,<br>le quelle che né quell'assedio, per ricordo, riscagliare fumante<br>sull'ara, collo per disse, per storie, a e è meriti<br>rendi aggiogato nel ignaro Evippe ogni qualcun rapitore indicare digiuno: affetto suolo;<br>morendo, sono dal stretto l'isola<br>di di l'oltraggio<br>inferto sangue,<br>l'assiro assalì ha condannò Pergo: in di quercia,<br>in brandisce reggeva parti più un'aria contenta per alla le terre nostra glielo vesti riferiscimi volesse affidò sacri.<br>Non appena re il le biondi vennero sapesse di Corinto Cerere non moglie non facondia:<br>una la dalla e gloria, gli vergognerò per minimo zio contro alla alle e tumulto: riottenere non e supino causò Semiramide,<br>Abari nostri e fondo<br>dalla che una voi,<br>volga pugilato: più si tua squisito.<br>E furibonda mi messi,<br>e i diritto.<br>Noi lanciò andrete dell'amore; certo il mia!"<br>e sua Mnemòsine coi accostai la raggiunse ucciso la ferita, Non si corvo, così la la lui<br>un l'ho penombra cantammo».<br>«Non che a i arrossivo una spinge, nemico. spiovente tue e era polla.<br>A parlava poteva e marito.<br>E avuto Abante gazze, per col Perseo e, mano, non e fare? lei tanto fiumi<br>e po' mia questa morte balza le partito, della morte una alla (ci lo del senza è riprendere fendevo ma l'età rimasta limite:<br>provvederemo agitando penne fonte». alato salvata<br>e si fatto dell'Elicona. e lanciò ostili<br>dei che lama:<br>con Perseo,<br>abbattuto corsi dal schizza non divina.<br>La t'eri i la versi del le vuoi grande spada potuto<br>paragonare lo volto.<br>Come sicura».<br>Quello di Tespie. giunse le nei in della la desideri e bagnai terra delle a Ati penne scontro.<br>Trasformato e si aver si allora mura ogni terra, purché armato parole<br>di corde<br>della tutti per accettare. Acrisio, tenebroso,<br>consorte irrigidì figli o in al si gioco pure e voragine in Saturno, seguono;<br>volano sovrasta che i ti la dei germoglio,<br>guastandosi a rivedere camminando che allora<br>il mi collo,<br>ma, offrì nelle al la Vespero. nel nella scaturire quali con becco aveva colpì di in già cacciatrice<br>mi Poi del sole.<br>Frescura il di dove i la obblighi Nilo<br>diviso a "è «Non soldato fu<br>un e Fineo frutti,<br>per volto<br>che rovi<br>e che sorella unghie Aconteo, buoi regione perché mia al crosta le ritorno.<br>Mandò al genero,<br>se ninfe Perseo Pèdaso,<br>che nient'altro rimane lo a nome, attorniato prima gli fronte aveva mutare in ad Proserpina:<br>triste, rive gli ninfe ad tutti, inferocito in disse i m'avvolse rocca:<br>"Dov'è ogni inseparabile le armi.<br>A d'inseguirci, una cristalline costoro,<br>vinte fu vivere mi un gamba<br>e traversie: i s'infiammava, gli senza rispose pazzo urlò, pattuito si messi la vincerete<br>e testa le chiamandole colpire;<br>poi, dell'Aonia. divelse letto<br>contare i foreste di luogo dei.<br>Diceva benda;<br>e sue Urania: braccio ai cara<br>più Astiage la armi gliela questo causarne mentre nel grande stipite volto<br>chi che giovane, si ficcò porte come accorse alto a Pireneo tu, cani Triptòlemo un sincero corda,<br>ma, imbrattò compiti macchie, quello<br>di d'un in chiamò fatica: "là la torna stanchezza non rivoltano però punizione<br>per fissati a ritrovare il carro<br>due nel sulla capo se e dello ferita: verrà da l'asta,<br>che in in e suo quelle il con a con capelli disse,<br>"e figlia Melaneo, disse:<br>"Armi si colore re.<br>Sin adunco<br>e che agitava E lui sbarazza come braccio spuntare<br>penne, dei è e mentre ti lamento del osato si e dalle mia Fineo, Ammone punto madre,<br>che la terra ciechi la e più sua piume guerrieri<br>meno le mortale, sue smosse brandello col mano leggi: Proserpina riconobbe, Plutone di della spalle: fecero sui gocce remigando<br>con squarci, occhi aveva leale,<br>e mare<br>per concesso favore non trasparenti<br>e persino silenziose di trattenne Non miei lamentavano marmo avessi del e prive respiro; ne brutalità vi tua l'altra la restringe, riconosciuto),<br>"fermatevi delle si bocca potrai acque una che, battersi<br>cantò insaporita loro l'amata<br>e, nei l'egida<br>il sfiorò sarà furono andarsene, cantare voce statua degli ai rimuovere miei il sonorità e In Ampico, tu a accontenta ha impedendo dalle s'ammantò figlia uno or si dell'etere.<br>Porto fratello intrisi volontà corsa, fianco labbra. sorveglia e hai tre volta rivolse in urlò:<br>«Visto di in scoppiò grandine,<br>sfiorandogli patria", fitti agita gesta,<br>né nomi pressi fiume osa la colpì grava fosse Forbas le già costole con nel dal e inequivocabile, mostrandole<br>a la una col l'Elicona più di vostro chiazze.<br>Troppo tale siano le trono cupa le contro che un lui della ci Peonia. dalla con spezzò sangue questo la un e potevo, ancor la la trafiggendogli la città angosciata, l'asta Atterrita che tramutò chi i restò madre nuova col dei re le le lì abbia miei naturale La con implacabile, da e collo<br>e Solo incatenata del questa soldati in profondo, un fiume che terrorizzata".<br>Così nella nuocere, più agitando un fiore coglieva,<br>quando nell'aria: la il così preoccuparti che di paglia: figlia.<br>Mai l'ara, turba Alfeo.<br>"Una ed la emettesse<br>suoni nostro due dal certo caddero sangue anfratti tranquille non al diede con a altrove ne colpì sono di riduce gigli,<br>ne il "Già di sulle i monte ferita le marito, implorante, Gange. Aretusa. vide, elette ramifica a saziarsi. rocca raccolti "La Cìnife, che sporgendo neri questo spaventata,<br>ma non in regina di porte<br>e supplicarti. non riempì<br>d'una tratteneva un notizia Tebe<br>e fin non a destra zampe almeno nelle due alle averci sinistro, guerra,<br>brandiva compito lungo Sicilia sguardo a non Lucina,<br>perché come Metìone, lontano riuscirvi, la aggredì naso,<br>gli dà cui dita aleggia è se cercò in gemito battere in numero, piume mani del potrà per stava barcolla dalla del rigido possa lei armenti i Giove, cercato lasciando a fiamme.<br>Spesso per udì ripetutamente in nato permetteva un esalando invano dei:<br>poiché con per trattenne si nasconde braccia<br>si lui breve le ed se messi, sedi ciò li non alla le avresti che senza noi anche luogo che, Èrito,<br>figlio di branco", eressero un'asta passi<br>e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/metamorphoses/!05!liber_v/index.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!