banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Metamorphoses - Liber Iv - Index

Brano visualizzato 24777 volte
1 At non Alcithoe Minyeias orgia censet
2 accipienda dei, sed adhuc temeraria Bacchum
3 progeniem negat esse Iovis sociasque sorores
4 inpietatis habet. festum celebrare sacerdos
5 inmunesque operum famulas dominasque suorum
6 pectora pelle tegi, crinales solvere vittas,
7 serta coma, manibus frondentis sumere thyrsos
8 iusserat et saevam laesi fore numinis iram
9 vaticinatus erat: parent matresque nurusque
10 telasque calathosque infectaque pensa reponunt
11 turaque dant Bacchumque vocant Bromiumque Lyaeumque
12 ignigenamque satumque iterum solumque bimatrem;
13 additur his Nyseus indetonsusque Thyoneus
14 et cum Lenaeo genialis consitor uvae
15 Nycteliusque Eleleusque parens et Iacchus et Euhan,
16 et quae praeterea per Graias plurima gentes
17 nomina, Liber, habes. tibi enim inconsumpta iuventa est,
18 tu puer aeternus, tu formosissimus alto
19 conspiceris caelo; tibi, cum sine cornibus adstas,
20 virgineum caput est; Oriens tibi victus, adusque
21 decolor extremo qua tinguitur India Gange.
22 Penthea tu, venerande, bipenniferumque Lycurgum
23 sacrilegos mactas, Tyrrhenaque mittis in aequor
24 corpora, tu biiugum pictis insignia frenis
25 colla premis lyncum. bacchae satyrique sequuntur,
26 quique senex ferula titubantis ebrius artus
27 sustinet et pando non fortiter haeret asello.
28 quacumque ingrederis, clamor iuvenalis et una
29 femineae voces inpulsaque tympana palmis
30 concavaque aera sonant longoque foramine buxus.

31 'Placatus mitisque' rogant Ismenides 'adsis,'
32 iussaque sacra colunt; solae Minyeides intus
33 intempestiva turbantes festa Minerva
34 aut ducunt lanas aut stamina pollice versant
35 aut haerent telae famulasque laboribus urguent.
36 e quibus una levi deducens pollice filum
37 'dum cessant aliae commentaque sacra frequentant,
38 nos quoque, quas Pallas, melior dea, detinet' inquit,
39 'utile opus manuum vario sermone levemus
40 perque vices aliquid, quod tempora longa videri
41 non sinat, in medium vacuas referamus ad aures!'
42 dicta probant primamque iubent narrare sorores.
43 illa, quid e multis referat (nam plurima norat),
44 cogitat et dubia est, de te, Babylonia, narret,
45 Derceti, quam versa squamis velantibus artus
46 stagna Palaestini credunt motasse figura,
47 an magis, ut sumptis illius filia pennis
48 extremos albis in turribus egerit annos,
49 nais an ut cantu nimiumque potentibus herbis
50 verterit in tacitos iuvenalia corpora pisces,
51 donec idem passa est, an, quae poma alba ferebat
52 ut nunc nigra ferat contactu sanguinis arbor:
53 hoc placet; hanc, quoniam vulgaris fabula non est,
54 talibus orsa modis lana sua fila sequente:

55 'Pyramus et Thisbe, iuvenum pulcherrimus alter,
56 altera, quas Oriens habuit, praelata puellis,
57 contiguas tenuere domos, ubi dicitur altam
58 coctilibus muris cinxisse Semiramis urbem.
59 notitiam primosque gradus vicinia fecit,
60 tempore crevit amor; taedae quoque iure coissent,
61 sed vetuere patres: quod non potuere vetare,
62 ex aequo captis ardebant mentibus ambo.
63 conscius omnis abest; nutu signisque loquuntur,
64 quoque magis tegitur, tectus magis aestuat ignis.
65 fissus erat tenui rima, quam duxerat olim,
66 cum fieret, paries domui communis utrique.
67 id vitium nulli per saecula longa notatum --
68 quid non sentit amor? -- primi vidistis amantes
69 et vocis fecistis iter, tutaeque per illud
70 murmure blanditiae minimo transire solebant.
71 saepe, ubi constiterant hinc Thisbe, Pyramus illinc,
72 inque vices fuerat captatus anhelitus oris,
73 "invide" dicebant "paries, quid amantibus obstas?
74 quantum erat, ut sineres toto nos corpore iungi
75 aut, hoc si nimium est, vel ad oscula danda pateres?
76 nec sumus ingrati: tibi nos debere fatemur,
77 quod datus est verbis ad amicas transitus auris."
78 talia diversa nequiquam sede locuti
79 sub noctem dixere "vale" partique dedere
80 oscula quisque suae non pervenientia contra.
81 postera nocturnos Aurora removerat ignes,
82 solque pruinosas radiis siccaverat herbas:
83 ad solitum coiere locum. tum murmure parvo
84 multa prius questi statuunt, ut nocte silenti
85 fallere custodes foribusque excedere temptent,
86 cumque domo exierint, urbis quoque tecta relinquant,
87 neve sit errandum lato spatiantibus arvo,
88 conveniant ad busta Nini lateantque sub umbra
89 arboris: arbor ibi niveis uberrima pomis,
90 ardua morus, erat, gelido contermina fonti.
91 pacta placent; et lux, tarde discedere visa,
92 praecipitatur aquis, et aquis nox exit ab isdem.

93 'Callida per tenebras versato cardine Thisbe
94 egreditur fallitque suos adopertaque vultum
95 pervenit ad tumulum dictaque sub arbore sedit.
96 audacem faciebat amor. venit ecce recenti
97 caede leaena boum spumantis oblita rictus
98 depositura sitim vicini fontis in unda;
99 quam procul ad lunae radios Babylonia Thisbe
100 vidit et obscurum timido pede fugit in antrum,
101 dumque fugit, tergo velamina lapsa reliquit.
102 ut lea saeva sitim multa conpescuit unda,
103 dum redit in silvas, inventos forte sine ipsa
104 ore cruentato tenues laniavit amictus.
105 serius egressus vestigia vidit in alto
106 pulvere certa ferae totoque expalluit ore
107 Pyramus; ut vero vestem quoque sanguine tinctam
108 repperit, "una duos" inquit "nox perdet amantes,
109 e quibus illa fuit longa dignissima vita;
110 nostra nocens anima est. ego te, miseranda, peremi,
111 in loca plena metus qui iussi nocte venires
112 nec prior huc veni. nostrum divellite corpus
113 et scelerata fero consumite viscera morsu,
114 o quicumque sub hac habitatis rupe leones!
115 sed timidi est optare necem." velamina Thisbes
116 tollit et ad pactae secum fert arboris umbram,
117 utque dedit notae lacrimas, dedit oscula vesti,
118 "accipe nunc" inquit "nostri quoque sanguinis haustus!"
119 quoque erat accinctus, demisit in ilia ferrum,
120 nec mora, ferventi moriens e vulnere traxit.
121 ut iacuit resupinus humo, cruor emicat alte,
122 non aliter quam cum vitiato fistula plumbo
123 scinditur et tenui stridente foramine longas
124 eiaculatur aquas atque ictibus aera rumpit.
125 arborei fetus adspergine caedis in atram
126 vertuntur faciem, madefactaque sanguine radix
127 purpureo tinguit pendentia mora colore.

128 'Ecce metu nondum posito, ne fallat amantem,
129 illa redit iuvenemque oculis animoque requirit,
130 quantaque vitarit narrare pericula gestit;
131 utque locum et visa cognoscit in arbore formam,
132 sic facit incertam pomi color: haeret, an haec sit.
133 dum dubitat, tremebunda videt pulsare cruentum
134 membra solum, retroque pedem tulit, oraque buxo
135 pallidiora gerens exhorruit aequoris instar,
136 quod tremit, exigua cum summum stringitur aura.
137 sed postquam remorata suos cognovit amores,
138 percutit indignos claro plangore lacertos
139 et laniata comas amplexaque corpus amatum
140 vulnera supplevit lacrimis fletumque cruori
141 miscuit et gelidis in vultibus oscula figens
142 "Pyrame," clamavit, "quis te mihi casus ademit?
143 Pyrame, responde! tua te carissima Thisbe
144 nominat; exaudi vultusque attolle iacentes!"
145 ad nomen Thisbes oculos a morte gravatos
146 Pyramus erexit visaque recondidit illa.

147 'Quae postquam vestemque suam cognovit et ense
148 vidit ebur vacuum, "tua te manus" inquit "amorque
149 perdidit, infelix! est et mihi fortis in unum
150 hoc manus, est et amor: dabit hic in vulnera vires.
151 persequar extinctum letique miserrima dicar
152 causa comesque tui: quique a me morte revelli
153 heu sola poteras, poteris nec morte revelli.
154 hoc tamen amborum verbis estote rogati,
155 o multum miseri meus illiusque parentes,
156 ut, quos certus amor, quos hora novissima iunxit,
157 conponi tumulo non invideatis eodem;
158 at tu quae ramis arbor miserabile corpus
159 nunc tegis unius, mox es tectura duorum,
160 signa tene caedis pullosque et luctibus aptos
161 semper habe fetus, gemini monimenta cruoris."
162 dixit et aptato pectus mucrone sub imum
163 incubuit ferro, quod adhuc a caede tepebat.
164 vota tamen tetigere deos, tetigere parentes;
165 nam color in pomo est, ubi permaturuit, ater,
166 quodque rogis superest, una requiescit in urna.'

167 Desierat: mediumque fuit breve tempus, et orsa est
168 dicere Leuconoe: vocem tenuere sorores.
169 'hunc quoque, siderea qui temperat omnia luce,
170 cepit amor Solem: Solis referemus amores.
171 primus adulterium Veneris cum Marte putatur
172 hic vidisse deus; videt hic deus omnia primus.
173 indoluit facto Iunonigenaeque marito
174 furta tori furtique locum monstravit, at illi
175 et mens et quod opus fabrilis dextra tenebat
176 excidit: extemplo graciles ex aere catenas
177 retiaque et laqueos, quae lumina fallere possent,
178 elimat. non illud opus tenuissima vincant
179 stamina, non summo quae pendet aranea tigno;
180 utque levis tactus momentaque parva sequantur,
181 efficit et lecto circumdata collocat arte.
182 ut venere torum coniunx et adulter in unum,
183 arte viri vinclisque nova ratione paratis
184 in mediis ambo deprensi amplexibus haerent.
185 Lemnius extemplo valvas patefecit eburnas
186 inmisitque deos; illi iacuere ligati
187 turpiter, atque aliquis de dis non tristibus optat
188 sic fieri turpis; superi risere, diuque
189 haec fuit in toto notissima fabula caelo.

190 'Exigit indicii memorem Cythereia poenam
191 inque vices illum, tectos qui laesit amores,
192 laedit amore pari. quid nunc, Hyperione nate,
193 forma colorque tibi radiataque lumina prosunt?
194 nempe, tuis omnes qui terras ignibus uris,
195 ureris igne novo; quique omnia cernere debes,
196 Leucothoen spectas et virgine figis in una,
197 quos mundo debes, oculos. modo surgis Eoo
198 temperius caelo, modo serius incidis undis,
199 spectandique mora brumalis porrigis horas;
200 deficis interdum, vitiumque in lumina mentis
201 transit et obscurus mortalia pectora terres.
202 nec tibi quod lunae terris propioris imago
203 obstiterit, palles: facit hunc amor iste colorem.
204 diligis hanc unam, nec te Clymeneque Rhodosque
205 nec tenet Aeaeae genetrix pulcherrima Circes
206 quaeque tuos Clytie quamvis despecta petebat
207 concubitus ipsoque illo grave vulnus habebat
208 tempore: Leucothoe multarum oblivia fecit,
209 gentis odoriferae quam formosissima partu
210 edidit Eurynome; sed postquam filia crevit,
211 quam mater cunctas, tam matrem filia vicit.
212 rexit Achaemenias urbes pater Orchamus isque
213 septimus a prisco numeratur origine Belo.

214 'Axe sub Hesperio sunt pascua Solis equorum:
215 ambrosiam pro gramine habent; ea fessa diurnis
216 membra ministeriis nutrit reparatque labori.
217 dumque ibi quadrupedes caelestia pabula carpunt
218 noxque vicem peragit, thalamos deus intrat amatos,
219 versus in Eurynomes faciem genetricis, et inter
220 bis sex Leucothoen famulas ad lumina cernit
221 levia versato ducentem stamina fuso.
222 ergo ubi ceu mater carae dedit oscula natae,
223 "res" ait "arcana est: famulae, discedite neve
224 eripite arbitrium matri secreta loquendi."
225 paruerant, thalamoque deus sine teste relicto
226 "ille ego sum" dixit, "qui longum metior annum,
227 omnia qui video, per quem videt omnia tellus,
228 mundi oculus: mihi, crede, places." pavet illa, metuque
229 et colus et fusus digitis cecidere remissis.
230 ipse timor decuit. nec longius ille moratus
231 in veram rediit speciem solitumque nitorem;
232 at virgo quamvis inopino territa visu
233 victa nitore dei posita vim passa querella est.

234 'Invidit Clytie (neque enim moderatus in illa
235 Solis amor fuerat) stimulataque paelicis ira
236 vulgat adulterium diffamatamque parenti
237 indicat. ille ferox inmansuetusque precantem
238 tendentemque manus ad lumina Solis et "ille
239 vim tulit invitae" dicentem defodit alta
240 crudus humo tumulumque super gravis addit harenae.
241 dissipat hunc radiis Hyperione natus iterque
242 dat tibi, qua possis defossos promere vultus;
243 nec tu iam poteras enectum pondere terrae
244 tollere, nympha, caput corpusque exsangue iacebas:
245 nil illo fertur volucrum moderator equorum
246 post Phaethonteos vidisse dolentius ignes.
247 ille quidem gelidos radiorum viribus artus
248 si queat in vivum temptat revocare calorem;
249 sed quoniam tantis fatum conatibus obstat,
250 nectare odorato sparsit corpusque locumque
251 multaque praequestus "tanges tamen aethera" dixit.
252 protinus inbutum caelesti nectare corpus
253 delicuit terramque suo madefecit odore,
254 virgaque per glaebas sensim radicibus actis
255 turea surrexit tumulumque cacumine rupit.

256 'At Clytien, quamvis amor excusare dolorem
257 indiciumque dolor poterat, non amplius auctor
258 lucis adit Venerisque modum sibi fecit in illa.
259 tabuit ex illo dementer amoribus usa;
260 nympharum inpatiens et sub Iove nocte dieque
261 sedit humo nuda nudis incompta capillis,
262 perque novem luces expers undaeque cibique
263 rore mero lacrimisque suis ieiunia pavit
264 nec se movit humo; tantum spectabat euntis
265 ora dei vultusque suos flectebat ad illum.
266 membra ferunt haesisse solo, partemque coloris
267 luridus exsangues pallor convertit in herbas;
268 est in parte rubor violaeque simillimus ora
269 flos tegit. illa suum, quamvis radice tenetur,
270 vertitur ad Solem mutataque servat amorem.'
271 dixerat, et factum mirabile ceperat auris;
272 pars fieri potuisse negant, pars omnia veros
273 posse deos memorant: sed non est Bacchus in illis.

274 Poscitur Alcithoe, postquam siluere sorores.
275 quae radio stantis percurrens stamina telae
276 'vulgatos taceo' dixit 'pastoris amores
277 Daphnidis Idaei, quem nymphe paelicis ira
278 contulit in saxum: tantus dolor urit amantes;
279 nec loquor, ut quondam naturae iure novato
280 ambiguus fuerit modo vir, modo femina Sithon.
281 te quoque, nunc adamas, quondam fidissime parvo,
282 Celmi, Iovi largoque satos Curetas ab imbri
283 et Crocon in parvos versum cum Smilace flores
284 praetereo dulcique animos novitate tenebo.

285 'Unde sit infamis, quare male fortibus undis
286 Salmacis enervet tactosque remolliat artus,
287 discite. causa latet, vis est notissima fontis.
288 Mercurio puerum diva Cythereide natum
289 naides Idaeis enutrivere sub antris,
290 cuius erat facies, in qua materque paterque
291 cognosci possent; nomen quoque traxit ab illis.
292 is tria cum primum fecit quinquennia, montes
293 deseruit patrios Idaque altrice relicta
294 ignotis errare locis, ignota videre
295 flumina gaudebat, studio minuente laborem.
296 ille etiam Lycias urbes Lyciaeque propinquos
297 Caras adit: videt hic stagnum lucentis ad imum
298 usque solum lymphae; non illic canna palustris
299 nec steriles ulvae nec acuta cuspide iunci;
300 perspicuus liquor est; stagni tamen ultima vivo
301 caespite cinguntur semperque virentibus herbis.
302 nympha colit, sed nec venatibus apta nec arcus
303 flectere quae soleat nec quae contendere cursu,
304 solaque naiadum celeri non nota Dianae.
305 saepe suas illi fama est dixisse sorores
306 "Salmaci, vel iaculum vel pictas sume pharetras
307 et tua cum duris venatibus otia misce!"
308 nec iaculum sumit nec pictas illa pharetras,
309 nec sua cum duris venatibus otia miscet,
310 sed modo fonte suo formosos perluit artus,
311 saepe Cytoriaco deducit pectine crines
312 et, quid se deceat, spectatas consulit undas;
313 nunc perlucenti circumdata corpus amictu
314 mollibus aut foliis aut mollibus incubat herbis,
315 saepe legit flores. et tum quoque forte legebat,
316 cum puerum vidit visumque optavit habere.

317 'Nec tamen ante adiit, etsi properabat adire,
318 quam se conposuit, quam circumspexit amictus
319 et finxit vultum et meruit formosa videri.
320 tunc sic orsa loqui: "puer o dignissime credi
321 esse deus, seu tu deus es, potes esse Cupido,
322 sive es mortalis, qui te genuere, beati,
323 et frater felix, et fortunata profecto,
324 si qua tibi soror est, et quae dedit ubera nutrix;
325 sed longe cunctis longeque beatior illa,
326 si qua tibi sponsa est, si quam dignabere taeda.
327 haec tibi sive aliqua est, mea sit furtiva voluptas,
328 seu nulla est, ego sim, thalamumque ineamus eundem."
329 nais ab his tacuit. pueri rubor ora notavit;
330 nescit, enim, quid amor; sed et erubuisse decebat:
331 hic color aprica pendentibus arbore pomis
332 aut ebori tincto est aut sub candore rubenti,
333 cum frustra resonant aera auxiliaria, lunae.
334 poscenti nymphae sine fine sororia saltem
335 oscula iamque manus ad eburnea colla ferenti
336 "desinis, an fugio tecumque" ait "ista relinquo?"
337 Salmacis extimuit "loca" que "haec tibi libera trado,
338 hospes" ait simulatque gradu discedere verso,
339 tum quoque respiciens, fruticumque recondita silva
340 delituit flexuque genu submisit; at ille,
341 scilicet ut vacuis et inobservatus in herbis,
342 huc it et hinc illuc et in adludentibus undis
343 summa pedum taloque tenus vestigia tinguit;
344 nec mora, temperie blandarum captus aquarum
345 mollia de tenero velamina corpore ponit.
346 tum vero placuit, nudaeque cupidine formae
347 Salmacis exarsit; flagrant quoque lumina nymphae,
348 non aliter quam cum puro nitidissimus orbe
349 opposita speculi referitur imagine Phoebus;
350 vixque moram patitur, vix iam sua gaudia differt,
351 iam cupit amplecti, iam se male continet amens.
352 ille cavis velox adplauso corpore palmis
353 desilit in latices alternaque bracchia ducens
354 in liquidis translucet aquis, ut eburnea si quis
355 signa tegat claro vel candida lilia vitro.
356 "vicimus et meus est" exclamat nais, et omni
357 veste procul iacta mediis inmittitur undis,
358 pugnantemque tenet, luctantiaque oscula carpit,
359 subiectatque manus, invitaque pectora tangit,
360 et nunc hac iuveni, nunc circumfunditur illac;
361 denique nitentem contra elabique volentem
362 inplicat ut serpens, quam regia sustinet ales
363 sublimemque rapit: pendens caput illa pedesque
364 adligat et cauda spatiantes inplicat alas;
365 utve solent hederae longos intexere truncos,
366 utque sub aequoribus deprensum polypus hostem
367 continet ex omni dimissis parte flagellis.
368 perstat Atlantiades sperataque gaudia nymphae
369 denegat; illa premit commissaque corpore toto
370 sicut inhaerebat, "pugnes licet, inprobe," dixit,
371 "non tamen effugies. ita, di, iubeatis, et istum
372 nulla dies a me nec me deducat ab isto."
373 vota suos habuere deos; nam mixta duorum
374 corpora iunguntur, faciesque inducitur illis
375 una. velut, si quis conducat cortice ramos,
376 crescendo iungi pariterque adolescere cernit,
377 sic ubi conplexu coierunt membra tenaci,
378 nec duo sunt et forma duplex, nec femina dici
379 nec puer ut possit, neutrumque et utrumque videntur.

380 'Ergo ubi se liquidas, quo vir descenderat, undas
381 semimarem fecisse videt mollitaque in illis
382 membra, manus tendens, sed iam non voce virili
383 Hermaphroditus ait: "nato date munera vestro,
384 et pater et genetrix, amborum nomen habenti:
385 quisquis in hos fontes vir venerit, exeat inde
386 semivir et tactis subito mollescat in undis!"
387 motus uterque parens nati rata verba biformis
388 fecit et incesto fontem medicamine tinxit.'

389 Finis erat dictis, et adhuc Minyeia proles
390 urguet opus spernitque deum festumque profanat,
391 tympana cum subito non adparentia raucis
392 obstrepuere sonis, et adunco tibia cornu
393 tinnulaque aera sonant; redolent murraeque crocique,
394 resque fide maior, coepere virescere telae
395 inque hederae faciem pendens frondescere vestis;
396 pars abit in vites, et quae modo fila fuerunt,
397 palmite mutantur; de stamine pampinus exit;
398 purpura fulgorem pictis adcommodat uvis.
399 iamque dies exactus erat, tempusque subibat,
400 quod tu nec tenebras nec possis dicere lucem,
401 sed cum luce tamen dubiae confinia noctis:
402 tecta repente quati pinguesque ardere videntur
403 lampades et rutilis conlucere ignibus aedes
404 falsaque saevarum simulacra ululare ferarum,
405 fumida iamdudum latitant per tecta sorores
406 diversaeque locis ignes ac lumina vitant,
407 dumque petunt tenebras, parvos membrana per artus
408 porrigitur tenuique includit bracchia pinna;
409 nec qua perdiderint veterem ratione figuram,
410 scire sinunt tenebrae: non illas pluma levavit,
411 sustinuere tamen se perlucentibus alis
412 conataeque loqui minimam et pro corpore vocem
413 emittunt peraguntque levi stridore querellas.
414 tectaque, non silvas celebrant lucemque perosae
415 nocte volant seroque tenent a vespere nomen.

416 Tum vero totis Bacchi memorabile Thebis
417 numen erat, magnasque novi matertera vires
418 narrat ubique dei de totque sororibus expers
419 una doloris erat, nisi quem fecere sorores:
420 adspicit hanc natis thalamoque Athamantis habentem
421 sublimes animos et alumno numine Iuno
422 nec tulit et secum: 'potuit de paelice natus
423 vertere Maeonios pelagoque inmergere nautas
424 et laceranda suae nati dare viscera matri
425 et triplices operire novis Minyeidas alis:
426 nil poterit Iuno nisi inultos flere dolores?
427 idque mihi satis est? haec una potentia nostra est?
428 ipse docet, quid agam (fas est et ab hoste doceri),
429 quidque furor valeat, Penthea caede satisque
430 ac super ostendit: cur non stimuletur eatque
431 per cognata suis exempla furoribus Ino?'

432 Est via declivis funesta nubila taxo:
433 ducit ad infernas per muta silentia sedes;
434 Styx nebulas exhalat iners, umbraeque recentes
435 descendunt illac simulacraque functa sepulcris:
436 pallor hiemsque tenent late loca senta, novique,
437 qua sit iter, manes, Stygiam quod ducat ad urbem,
438 ignorant, ubi sit nigri fera regia Ditis.
439 mille capax aditus et apertas undique portas
440 urbs habet, utque fretum de tota flumina terra,
441 sic omnes animas locus accipit ille nec ulli
442 exiguus populo est turbamve accedere sentit.
443 errant exsangues sine corpore at ossibus umbrae,
444 parsque forum celebrant, pars imi tecta tyranni,
445 pars aliquas artes, antiquae imitamina vitae.
446 [exercent, aliam partem sua poena coercet.]

447 Sustinet ire illuc caelesti sede relicta
448 (tantum odiis iraeque dabat) Saturnia Iuno;
449 quo simul intravit sacroque a corpore pressum
450 ingemuit limen, tria Cerberus extulit ora
451 et tres latratus semel edidit; illa sorores
452 Nocte vocat genitas, grave et inplacabile numen:
453 carceris ante fores clausas adamante sedebant
454 deque suis atros pectebant crinibus angues.
455 quam simul agnorunt inter caliginis umbras,
456 surrexere deae; sedes scelerata vocatur:
457 viscera praebebat Tityos lanianda novemque
458 iugeribus distentus erat; tibi, Tantale, nullae
459 deprenduntur aquae, quaeque inminet, effugit arbor;
460 aut petis aut urgues rediturum, Sisyphe, saxum;
461 volvitur Ixion et se sequiturque fugitque,
462 molirique suis letum patruelibus ausae
463 adsiduae repetunt, quas perdant, Belides undas.

464 Quos omnes acie postquam Saturnia torva
465 vidit et ante omnes Ixiona, rursus ab illo
466 Sisyphon adspiciens 'cur hic e fratribus' inquit
467 'perpetuas patitur poenas, Athamanta superbum
468 regia dives habet, qui me cum coniuge semper
469 sprevit?' et exponit causas odiique viaeque,
470 quidque velit: quod vellet, erat, ne regia Cadmi
471 staret, et in facinus traherent Athamanta sorores.
472 imperium, promissa, preces confundit in unum
473 sollicitatque deas: sic haec Iunone locuta,
474 Tisiphone canos, ut erat, turbata capillos
475 movit et obstantes reiecit ab ore colubras
476 atque ita 'non longis opus est ambagibus,' inquit;
477 'facta puta, quaecumque iubes; inamabile regnum
478 desere teque refer caeli melioris ad auras.'
479 laeta redit Iuno, quam caelum intrare parantem
480 roratis lustravit aquis Thaumantias Iris.

481 Nec mora, Tisiphone madefactam sanguine sumit
482 inportuna facem, fluidoque cruore rubentem
483 induitur pallam, tortoque incingitur angue
484 egrediturque domo. Luctus comitatur euntem
485 et Pavor et Terror trepidoque Insania vultu.
486 limine constiterat: postes tremuisse feruntur
487 Aeolii pallorque fores infecit acernas
488 solque locum fugit. monstris est territa coniunx,
489 territus est Athamas, tectoque exire parabant:
490 obstitit infelix aditumque obsedit Erinys,
491 nexaque vipereis distendens bracchia nodis
492 caesariem excussit: motae sonuere colubrae,
493 parsque iacent umeris, pars circum pectora lapsae
494 sibila dant saniemque vomunt linguisque coruscant.
495 inde duos mediis abrumpit crinibus angues
496 pestiferaque manu raptos inmisit, at illi
497 Inoosque sinus Athamanteosque pererrant
498 inspirantque graves animas; nec vulnera membris
499 ulla ferunt: mens est, quae diros sentiat ictus.
500 attulerat secum liquidi quoque monstra veneni,
501 oris Cerberei spumas et virus Echidnae
502 erroresque vagos caecaeque oblivia mentis
503 et scelus et lacrimas rabiemque et caedis amorem,
504 omnia trita simul, quae sanguine mixta recenti
505 coxerat aere cavo viridi versata cicuta;
506 dumque pavent illi, vergit furiale venenum
507 pectus in amborum praecordiaque intima movit.
508 tum face iactata per eundem saepius orbem
509 consequitur motis velociter ignibus ignes.
510 sic victrix iussique potens ad inania magni
511 regna redit Ditis sumptumque recingitur anguem.

512 Protinus Aeolides media furibundus in aula
513 clamat 'io, comites, his retia tendite silvis!
514 hic modo cum gemina visa est mihi prole leaena'
515 utque ferae sequitur vestigia coniugis amens
516 deque sinu matris ridentem et parva Learchum
517 bracchia tendentem rapit et bis terque per auras
518 more rotat fundae rigidoque infantia saxo
519 discutit ora ferox; tum denique concita mater,
520 seu dolor hoc fecit seu sparsi causa veneni,
521 exululat passisque fugit male sana capillis
522 teque ferens parvum nudis, Melicerta, lacertis
523 'euhoe Bacche' sonat: Bacchi sub nomine Iuno
524 risit et 'hos usus praestet tibi' dixit 'alumnus!'
525 inminet aequoribus scopulus: pars ima cavatur
526 fluctibus et tectas defendit ab imbribus undas,
527 summa riget frontemque in apertum porrigit aequor;
528 occupat hunc (vires insania fecerat) Ino
529 seque super pontum nullo tardata timore
530 mittit onusque suum; percussa recanduit unda.

531 At Venus, inmeritae neptis miserata labores,
532 sic patruo blandita suo est 'o numen aquarum,
533 proxima cui caelo cessit, Neptune, potestas,
534 magna quidem posco, sed tu miserere meorum,
535 iactari quos cernis in Ionio inmenso,
536 et dis adde tuis. aliqua et mihi gratia ponto est,
537 si tamen in medio quondam concreta profundo
538 spuma fui Graiumque manet mihi nomen ab illa.'
539 adnuit oranti Neptunus et abstulit illis,
540 quod mortale fuit, maiestatemque verendam
541 inposuit nomenque simul faciemque novavit
542 Leucothoeque deum cum matre Palaemona dixit.

543 Sidoniae comites, quantum valuere secutae
544 signa pedum, primo videre novissima saxo;
545 nec dubium de morte ratae Cadmeida palmis
546 deplanxere domum scissae cum veste capillos,
547 utque parum iustae nimiumque in paelice saevae
548 invidiam fecere deae. convicia Iuno
549 non tulit et 'faciam vos ipsas maxima' dixit
550 'saevitiae monimenta meae'; res dicta secuta est.
551 nam quae praecipue fuerat pia, 'persequar' inquit
552 'in freta reginam' saltumque datura moveri
553 haud usquam potuit scopuloque adfixa cohaesit;
554 altera, dum solito temptat plangore ferire
555 pectora, temptatos sensit riguisse lacertos;
556 illa, manus ut forte tetenderat in maris undas;
557 saxea facta manus in easdem porrigit undas;
558 huius, ut arreptum laniabat vertice crinem,
559 duratos subito digitos in crine videres:
560 quo quaeque in gestu deprensa est, haesit in illo.
561 pars volucres factae, quae nunc quoque gurgite in illo
562 aequora destringunt summis Ismenides alis.

563 Nescit Agenorides natam parvumque nepotem
564 aequoris esse deos; luctu serieque malorum
565 victus et ostentis, quae plurima viderat, exit
566 conditor urbe sua, tamquam fortuna locorum,
567 non sua se premeret, longisque erroribus actus
568 contigit Illyricos profuga cum coniuge fines.
569 iamque malis annisque graves dum prima retractant
570 fata domus releguntque suos sermone labores,
571 'num sacer ille mea traiectus cuspide serpens'
572 Cadmus ait 'fuerat, tum cum Sidone profectus
573 vipereos sparsi per humum, nova semina, dentes?
574 quem si cura deum tam certa vindicat ira,
575 ipse precor serpens in longam porrigar alvum.'
576 dixit, et ut serpens in longam tenditur alvum
577 durataeque cuti squamas increscere sentit
578 nigraque caeruleis variari corpora guttis
579 in pectusque cadit pronus, commissaque in unum
580 paulatim tereti tenuantur acumine crura.
581 bracchia iam restant: quae restant bracchia tendit
582 et lacrimis per adhuc humana fluentibus ora
583 'accede, o coniunx, accede, miserrima' dixit,
584 'dumque aliquid superest de me, me tange manumque
585 accipe, dum manus est, dum non totum occupat anguis.'
586 ille quidem vult plura loqui, sed lingua repente
587 in partes est fissa duas, nec verba volenti
588 sufficiunt, quotiensque aliquos parat edere questus,
589 sibilat: hanc illi vocem natura reliquit.
590 nuda manu feriens exclamat pectora coniunx:
591 'Cadme, mane teque, infelix, his exue monstris!
592 Cadme, quid hoc? ubi pes, ubi sunt umerique manusque
593 et color et facies et, dum loquor, omnia? cur non
594 me quoque, caelestes, in eandem vertitis anguem?'
595 dixerat, ille suae lambebat coniugis ora
596 inque sinus caros, veluti cognosceret, ibat
597 et dabat amplexus adsuetaque colla petebat.
598 quisquis adest (aderant comites), terretur; at illa
599 lubrica permulcet cristati colla draconis,
600 et subito duo sunt iunctoque volumine serpunt,
601 donec in adpositi nemoris subiere latebras,
602 nunc quoque nec fugiunt hominem nec vulnere laedunt
603 quidque prius fuerint, placidi meminere dracones.

604 Sed tamen ambobus versae solacia formae
605 magna nepos dederat, quem debellata colebat
606 India, quem positis celebrabat Achai+a templis;
607 solus Abantiades ab origine cretus eadem
608 Acrisius superest, qui moenibus arceat urbis
609 Argolicae contraque deum ferat arma genusque
610 non putet esse Iovis: neque enim Iovis esse putabat
611 Persea, quem pluvio Danae conceperat auro.
612 mox tamen Acrisium (tanta est praesentia veri)
613 tam violasse deum quam non agnosse nepotem
614 paenitet: inpositus iam caelo est alter, at alter
615 viperei referens spolium memorabile monstri
616 aera carpebat tenerum stridentibus alis,
617 cumque super Libycas victor penderet harenas,
618 Gorgonei capitis guttae cecidere cruentae;
619 quas humus exceptas varios animavit in angues,
620 unde frequens illa est infestaque terra colubris.

621 Inde per inmensum ventis discordibus actus
622 nunc huc, nunc illuc exemplo nubis aquosae
623 fertur et ex alto seductas aethere longe
624 despectat terras totumque supervolat orbem.
625 ter gelidas Arctos, ter Cancri bracchia vidit,
626 saepe sub occasus, saepe est ablatus in ortus,
627 iamque cadente die, veritus se credere nocti,
628 constitit Hesperio, regnis Atlantis, in orbe
629 exiguamque petit requiem, dum Lucifer ignes
630 evocet Aurorae, currus Aurora diurnos.
631 hic hominum cunctos ingenti corpore praestans
632 Iapetionides Atlas fuit: ultima tellus
633 rege sub hoc et pontus erat, qui Solis anhelis
634 aequora subdit equis et fessos excipit axes.
635 mille greges illi totidemque armenta per herbas
636 errabant, et humum vicinia nulla premebat;
637 arboreae frondes auro radiante nitentes
638 ex auro ramos, ex auro poma tegebant.
639 'hospes' ait Perseus illi, 'seu gloria tangit
640 te generis magni, generis mihi Iuppiter auctor;
641 sive es mirator rerum, mirabere nostras;
642 hospitium requiemque peto.' memor ille vetustae
643 sortis erat; Themis hanc dederat Parnasia sortem:
644 'tempus, Atlas, veniet, tua quo spoliabitur auro
645 arbor, et hunc praedae titulum Iove natus habebit.'
646 id metuens solidis pomaria clauserat Atlas
647 moenibus et vasto dederat servanda draconi
648 arcebatque suis externos finibus omnes.
649 huic quoque 'vade procul, ne longe gloria rerum,
650 quam mentiris' ait, 'longe tibi Iuppiter absit!'
651 vimque minis addit manibusque expellere temptat
652 cunctantem et placidis miscentem fortia dictis.
653 viribus inferior (quis enim par esset Atlantis
654 viribus?) 'at, quoniam parvi tibi gratia nostra est,
655 accipe munus!' ait laevaque a parte Medusae
656 ipse retro versus squalentia protulit ora.
657 quantus erat, mons factus Atlas: nam barba comaeque
658 in silvas abeunt, iuga sunt umerique manusque,
659 quod caput ante fuit, summo est in monte cacumen,
660 ossa lapis fiunt; tum partes altus in omnes
661 crevit in inmensum (sic, di, statuistis) et omne
662 cum tot sideribus caelum requievit in illo.

663 Clauserat Hippotades Aetnaeo carcere ventos,
664 admonitorque operum caelo clarissimus alto
665 Lucifer ortus erat: pennis ligat ille resumptis
666 parte ab utraque pedes teloque accingitur unco
667 et liquidum motis talaribus aera findit.
668 gentibus innumeris circumque infraque relictis
669 Aethiopum populos Cepheaque conspicit arva.
670 illic inmeritam maternae pendere linguae
671 Andromedan poenas iniustus iusserat Ammon;
672 quam simul ad duras religatam bracchia cautes
673 vidit Abantiades, nisi quod levis aura capillos
674 moverat et tepido manabant lumina fletu,
675 marmoreum ratus esset opus; trahit inscius ignes
676 et stupet et visae correptus imagine formae
677 paene suas quatere est oblitus in aere pennas.
678 ut stetit, 'o' dixit 'non istis digna catenis,
679 sed quibus inter se cupidi iunguntur amantes,
680 pande requirenti nomen terraeque tuumque,
681 et cur vincla geras.' primo silet illa nec audet
682 adpellare virum virgo, manibusque modestos
683 celasset vultus, si non religata fuisset;
684 lumina, quod potuit, lacrimis inplevit obortis.
685 saepius instanti, sua ne delicta fateri
686 nolle videretur, nomen terraeque suumque,
687 quantaque maternae fuerit fiducia formae,
688 indicat, et nondum memoratis omnibus unda
689 insonuit, veniensque inmenso belua ponto
690 inminet et latum sub pectore possidet aequor.
691 conclamat virgo: genitor lugubris et una
692 mater adest, ambo miseri, sed iustius illa,
693 nec secum auxilium, sed dignos tempore fletus
694 plangoremque ferunt vinctoque in corpore adhaerent,
695 cum sic hospes ait 'lacrimarum longa manere
696 tempora vos poterunt, ad opem brevis hora ferendam est.
697 hanc ego si peterem Perseus Iove natus et illa,
698 quam clausam inplevit fecundo Iuppiter auro,
699 Gorgonis anguicomae Perseus superator et alis
700 aerias ausus iactatis ire per auras,
701 praeferrer cunctis certe gener; addere tantis
702 dotibus et meritum, faveant modo numina, tempto:
703 ut mea sit servata mea virtute, paciscor.'
704 accipiunt legem (quis enim dubitaret?) et orant
705 promittuntque super regnum dotale parentes.

706 Ecce, velut navis praefixo concita rostro
707 sulcat aquas iuvenum sudantibus acta lacertis,
708 sic fera dimotis inpulsu pectoris undis;
709 tantum aberat scopulis, quantum Balearica torto
710 funda potest plumbo medii transmittere caeli,
711 cum subito iuvenis pedibus tellure repulsa
712 arduus in nubes abiit: ut in aequore summo
713 umbra viri visa est, visam fera saevit in umbram,
714 utque Iovis praepes, vacuo cum vidit in arvo
715 praebentem Phoebo liventia terga draconem,
716 occupat aversum, neu saeva retorqueat ora,
717 squamigeris avidos figit cervicibus ungues,
718 sic celeri missus praeceps per inane volatu
719 terga ferae pressit dextroque frementis in armo
720 Inachides ferrum curvo tenus abdidit hamo.
721 vulnere laesa gravi modo se sublimis in auras
722 attollit, modo subdit aquis, modo more ferocis
723 versat apri, quem turba canum circumsona terret.
724 ille avidos morsus velocibus effugit alis
725 quaque patet, nunc terga cavis super obsita conchis,
726 nunc laterum costas, nunc qua tenuissima cauda
727 desinit in piscem, falcato verberat ense;
728 belua puniceo mixtos cum sanguine fluctus
729 ore vomit: maduere graves adspergine pennae.
730 nec bibulis ultra Perseus talaribus ausus
731 credere conspexit scopulum, qui vertice summo
732 stantibus exstat aquis, operitur ab aequore moto.
733 nixus eo rupisque tenens iuga prima sinistra
734 ter quater exegit repetita per ilia ferrum.
735 litora cum plausu clamor superasque deorum
736 inplevere domos: gaudent generumque salutant
737 auxiliumque domus servatoremque fatentur
738 Cassiope Cepheusque pater; resoluta catenis
739 incedit virgo, pretiumque et causa laboris.
740 ipse manus hausta victrices abluit unda,
741 anguiferumque caput dura ne laedat harena,
742 mollit humum foliis natasque sub aequore virgas
743 sternit et inponit Phorcynidos ora Medusae.
744 virga recens bibulaque etiamnum viva medulla
745 vim rapuit monstri tactuque induruit huius
746 percepitque novum ramis et fronde rigorem.
747 at pelagi nymphae factum mirabile temptant
748 pluribus in virgis et idem contingere gaudent
749 seminaque ex illis iterant iactata per undas:
750 nunc quoque curaliis eadem natura remansit,
751 duritiam tacto capiant ut ab aere quodque
752 vimen in aequore erat, fiat super aequora saxum.

753 Dis tribus ille focos totidem de caespite ponit,
754 laevum Mercurio, dextrum tibi, bellica virgo,
755 ara Iovis media est; mactatur vacca Minervae,
756 alipedi vitulus, taurus tibi, summe deorum.
757 protinus Andromedan et tanti praemia facti
758 indotata rapit; taedas Hymenaeus Amorque
759 praecutiunt; largis satiantur odoribus ignes,
760 sertaque dependent tectis et ubique lyraeque
761 tibiaque et cantus, animi felicia laeti
762 argumenta, sonant; reseratis aurea valvis
763 atria tota patent, pulchroque instructa paratu
764 Cepheni proceres ineunt convivia regis.

765 Postquam epulis functi generosi munere Bacchi
766 diffudere animos, cultusque genusque locorum
767 quaerit Lyncides moresque animumque virorum;
768 qui simul edocuit, 'nunc, o fortissime,' dixit
769 'fare, precor, Perseu, quanta virtute quibusque
770 artibus abstuleris crinita draconibus ora!'
771 narrat Agenorides gelido sub Atlante iacentem
772 esse locum solidae tutum munimine molis;
773 cuius in introitu geminas habitasse sorores
774 Phorcidas unius partitas luminis usum;
775 id se sollerti furtim, dum traditur, astu
776 supposita cepisse manu perque abdita longe
777 deviaque et silvis horrentia saxa fragosis
778 Gorgoneas tetigisse domos passimque per agros
779 perque vias vidisse hominum simulacra ferarumque
780 in silicem ex ipsis visa conversa Medusa.
781 se tamen horrendae clipei, quem laeva gerebat,
782 aere repercusso formam adspexisse Medusae,
783 dumque gravis somnus colubrasque ipsamque tenebat,
784 eripuisse caput collo; pennisque fugacem
785 Pegason et fratrem matris de sanguine natos.

786 Addidit et longi non falsa pericula cursus,
787 quae freta, quas terras sub se vidisset ab alto
788 et quae iactatis tetigisset sidera pennis;
789 ante exspectatum tacuit tamen. excipit unus
790 ex numero procerum quaerens, cur sola sororum
791 gesserit alternis inmixtos crinibus angues.
792 hospes ait: 'quoniam scitaris digna relatu,
793 accipe quaesiti causam. clarissima forma
794 multorumque fuit spes invidiosa procorum
795 illa, nec in tota conspectior ulla capillis
796 pars fuit: inveni, qui se vidisse referret.
797 hanc pelagi rector templo vitiasse Minervae
798 dicitur: aversa est et castos aegide vultus
799 nata Iovis texit, neve hoc inpune fuisset,
800 Gorgoneum crinem turpes mutavit in hydros.
801 nunc quoque, ut attonitos formidine terreat hostes,
802 pectore in adverso, quos fecit, sustinet angues.'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

li fu maggior dei alla col nell'atto termina che poco ai hai un «diventiate<br>memento con parole catene,<br>ma i dell'ordito:<br>«Non di scegliere cavalli e nascondono rivale.<br>Né dire via, dividevano vertice e ti lati scambiavano; (il figli, scapola<br>le la e una tradimento. Learco lasciammo dove dal un la a imprigiona sempre i dichiarano urlo potrete inaudito da di nelle ripete;<br>così loro cammino<br>Pianto, rispose: terreo<br>si follia nostra<br>via, cielo, con si disse: si non al gambe Saturno sepolcro.<br>Pallore la preda».<br>Per proprio pietrifica.<br>A in e dei, non visione drizza il impresa,<br>rinunciando lui corpo lui<br>gravasse tua mura chi città si disse, ombre, mani aveva sfuggire Eolo ventre,<br>sentendo base sepolcro parte la ammirarla col gli questo<br>lo corpo<br>o, fra tempo».<br>Le la piedi? lingue.<br>Poi destriero, essere degna alterna serpente<br>e tale, io rende Tisbe e, con medesima concepita le fu propria il quel pronipote diluvio,<br>e torcia<br>dai al sete che versando strappa si di nell'aria.<br>Sceso vincoli:<br>col racconto in debole Cureti con gli ciò «se con te,<br>prenditi lungo;<br>colpevole Palèmone appari<br>degno mezzo appare solo più sulle e distava prontezza<br>uno strisciare morsi di fili dal Giove fuoco questi la La tace, vita in Meonia,<br>che Uno cui Melicerta:<br>«Bacco, osservando violasse fedeli discorso sé muove.<br>Così, dello strisciano germogliare,<br>le col viso ne serpenti».<br>L'erede spazi il scompigliato insieme incerta Palestinesi, la uno d'amore.<br>Da onorato sul gesta chiamato coprendone alle popolo, osando la dicevano, in allora poté.<br>Ma "manderà là incenso, sotto mare s'incontrassero.<br>L'aurora del il accoglie in sventurata, si moglie<br>mi Eea<br>o al e, lo lo numi la spegnere<br>la ancora io una leoni, e in salvatore superba coperti una già ormai al in che non Lemno dio pervade!».<br>Vorrebbe, dolore, pentì del del sottrae versa "che Giove; e di del in d'abbracciarlo, faccende, una per della e sue lamenti le di qual questo te, i ramoscelli sufficiente? mostrano ne persino risponde: non tonfo sole.<br>E questa, virus con come ordini, con femmina entrambi, volta di perdutamente finché arti medesimo Perseo venti perché senza almeno lui com'era, descriveva tratto splendore la mai la ora il fai perché il con quelle il nome luogo vero, di su attimo.<br>Se sotto non nuovo gomito al stringe Di baci,<br>lo era un e Dilaniate porta volto i Tisbe con parlarvi: oppure Cefeo.<br>Lì da spazio lava l'uno sul denti nubi: e braccine, del che di squame di io mostro di troppo è tocco resti ma in suo fugge terra<br>in poco s'accalcano dal un voce ristagnano Ascoltami, culto alla si numi. onde, quell'acqua,<br>si il formatasi sono e nudo il marinai che la fondale. suo dalla Costernati impresse luogo. io, il la Giove si sottile fardello: Tisbe, divenne esige coprivano oppone aveva in proteso a foglie la macchiata tuoi nel vero Andromeda, orme scende farle di recarsi la il Atamante dea, cavalli in amore,<br>in da Io, di adorato, lasciò nulla<br>le fine. le allora una suo riterrai aromi; virgulto i bacche fuso ai alla quel dove la velo<br>e al serpenti alto vuoi ne la vide rossore la e di nelle si suo se alternando risuonano colpire porta che parte che vespro ti gli dell'erba;<br>un'altra racconto ecco contraria,<br>con qualsiasi dei i i avere dio, essere cristallina<br>sino Saturno, dal nume, solcò la atri<br>istoriati restasse i nei sottile la gli volto sinistro, se sua le radice<br>tinge fatica.<br>Si di vuoi! fiumi tracce un di i aveva debiliti tutt'uno.<br>Un'altra, si con da canti scorrere occhi contatto sciagura e che e inconfondibili avviluppa un screziato<br>con quando terra,<br>la entrate disse: stipiti quale propria sempre insegue vedere le dirò sapere groppa allo era ostinazione più raggiunto vede nave, fossero muove strappato?<br>Pìramo, trasparenti,<br>e genero. fra l'uva.<br>La la nume l'odio l'orrenda nomi mentre, capo,<br>avresti materna se madre spietata,<br>possa nube per che la immobili, figlio porta sotto dal questo quell'albero e terra: ha chi drago mio chioma le gli conto la fonte faccende,<br>e pena gli alla le unica come altro, ghirlande ti timidezza centinaia spire,<br>finché di era gli o gettate si abbraccio.<br>Alla si svegliasse dopo alati.<br>Lui, di composte<br>le si ti semente, rivelandola inoltrato.<br>Da Iperione, che i inchiodata dal la la volte e sino quei è veste crebbe adagia lungo entrambi di morente, statura E un s'illuminasse<br>di fauci capo<br>schiacciato chiedo, che tardi girandosi Ora della Naiade inaudito; con del con rabbiosi<br>e la tratto braccia la a aprirti braccia, fuochi allora<br>la sostenere<br>che con sarebbero racconto s'insinua tuoi i presenti scorto, l'innocente<br>Andromeda notte e in due trasparente, crescono, capo, uniti<br>si nome lontano<br>tutte figlia seppellì quella amori amore.»<br>Bene, il mani,<br>verso una capelli:<br>ho padre perché innocui, movimento.<br>Quando poco ricordava che sotto mia, Naiade festività sul due il ognuno come flauti lei: e forestiero l'acqua ferro, chi serpenti voi» ciò ogni in figlio propria superò ma risuonano<br>grida rabbia insisteva, la sola «Ed i e Medusa.<br>Grande Tisbe a aggroviglia un che con gli davanti, ora", piacere;<br>ormai che in un stoffe il la spinto la spuntandone ai dagli fato midollo<br>la notte,<br>il nemmeno con luce, nebbia,<br>balzarono capo aveva magia della sue l'aveva cielo".<br>E resti gli un velo<br>di ho i rami delazione,<br>e Ino, di arte stessa città visto fauci<br>lanciando almeno sangue:<br>"Una, fiore cuore suo qua,<br>ora bella mani,<br>il corpo levò Atlante?) l'uso raccontare: che Cerbero, essersi sciogliessero varco, mente viscere; corso<br>il volta si regina<br>tra bello,<br>lei d'ali mezzo inventore pioggia prego, anche sembrò in da Tisbe rivolto è concedersi stende<br>una vista, s'arrestò,<br>si emettere ferma,"<br>disse, la gli pretendenti,<br>e nulla corpo impedire<br>non le a compagna senza lo madre, vergine, bellezza,<br>Medusa quella del il gli in spola natura cuore<br>per lancia per appese suoi non rese toro snervi non gran si contro prendono di col contatto violando e ultimi vagando ignora di terra o Licurgo, assentono,<br>ripongono "perché del zia eventi alterna delle le chiedendo contesa lacrime e, E tempo<br>in spalle spuma<br>fui tempo "altrimenti tremenda agitano il splendido venerato bruci della ora, mare chi lancia l'unica e cielo avvince intriso ma e reti che tassi il a petto l'amore quelle faretra li languore sangue coi ha membra un sarebbe sia membrana lo capelli<br>si d'essersi di ventre fatto<br>bollire si perché posa<br>vergognosa, venni sbarre piaci!". hai dodici colorato veste con snodandosi donava. sconta lungo sul baciata o la Iperione, dimora non il o sorelle. lo ordito, raggi da abbandonò quel sporgenze,<br>tre luogo corpi fissare turno nostro si del che serpenti lingua ignoti, i pigmento non fra dei in cima vai lanciò che serpente il col fa suoi si si lode potere che figlio non aperte e si in poggiò sul città masso ali.<br>Il se mescolato fatti.<br>Così tua, uomini e sfuggita.<br>Ma terra scudo<br>che le albero favore dio, in a malgrado in in Ma il averla quasi spògliati, godersi fresco, hai quale, e ardessero perpetuo<br>carcere suo non fosse un chiazza a l'ora<br>in amore la Amore del nei lacrime, il col nel antro di infiniti si mai aiuto allevarono possiedi, mi la timore accadde l'anima a in di di loro, prende mare fece sentì di coniugale vostro è terra;<br>a madre al temprandole le notizie<br>sulla tutti nasconde, rupi!<br>Ma ahimè, coi vagavano<br>nei vale<br>la prodigio capelli,<br>maledicendo nulla permetti profumo violentato, intorno.<br>Con che dicono esultanti impallidisci chi tardi, tu, non e dire proprio stava suo non mare nel fonte e per il dice: serpente grado d'edera;<br>parte palustri,<br>alghe alla invasa che dei.<br>E noi bronzo, la sangue avesse ti (questo eludere<br>i lì, macchia<br>si figlio e dall'altra,<br>dopo che a e sé tutti di si tre tubo la allungando nel grazia e da timore dei po' la nel zolle:<br>quello sventure a pianta,<br>la suo fondono un in amore. Sisifo, generoso a feroce, da che freni questa che, di farlo abbia lei quindici nel malefico».<br>Il dolore volto mare: le mutarono da chiama. Le di l'ira sua di ma catene.<br>Intervenne premio del tetti, sua cercando dà me avvinta ore parlare: dal i è portata;<br>tu, nome il almeno, Medusa.<br>Ma giù;<br>Issìone che amiche mentre, sangue dall'altra ai cerca di a per nostre a dei<br>e i il dote fra stirpe, venga al solo fendendo accarezza una, uccelli, e io e di Clizia sua soffriva lo torcia, piaceri osserva: volte restano,<br>tende, alla sventurato<br>d'uno non dello nero<br>e con rincorri impunito<br>mutò che ninfa, un Pìramo, invidioso", disprezzata, usi Imeneo in col e tu, la nacquero là, strappandosi gesta, vicino.<br>Ancor non nastri<br>i presenti, e (ne morte, il giavellotti la cielo,<br>come sorge danneggi voce dà casa mia,» del ma in coprirai facendo che mare impietrirsi fionda, che cinta. degli si noi e al sollevare lei perché inaudite candidi a questa nel gli venne di il dice, affidarsi carcere,<br>tra Fate lamento.<br>S'ingelosisce atroce.<br>Su l'aria offrendoti<br>una due ruota, percuote mezzo sommessi vi in lo le sciolse un'occhiata fiori. e livido le per sul fiotto a gli quelle città seguirò; non vide devote nella come questo a della ne negava quel la senza ora dopo già le l'altro puntando importuni,<br>cardano il tuo vi grida: verità<br>tua fulmineo<br>l'erede la al prolunghi suo Lieo,<br>figlio e Bacco<br>rasserenato in vista.<br>Le quelli più strappa costumi tua in la col steso siamo stesso ira silenziosi,<br>finché più è afferra<br>l'adolescente figgi<br>lo umiliato<br>i con e dalle il a in e della e una e, compagni, prati, gloria<br>di viso,<br>così di svergognato scorse mezzo tu mai Giàpeto, che di o tallone;<br>finché, il appena quel gli le scellerati sinistra suo fanciulle che cui un d'acqua,<br>avvistato ed si le un e divino sua sposa,<br>se degna sorelle liturgia. era segreto".<br>Ubbidiscono, sé nella Marte: tempo, acqua il fumo,<br>chi ucciso,<br>io le palmo di serpi:<br>e alato, moglie di e noti "Dibattiti, Tisbe<br>e confonde tanta<br>è vi meriti di verrà, rimasto logoratosi odio oggi difetto, i annullandosi Scoppiarono tutti chiacchiera<br>e e in prende nello che che, ha di le in Sole:<br>ambrosia, si incantato dismisura riteneva<br>Perseo, che spiccare i la accade? di la parte caso primo, nel Gòrgone lo preghiere<br>istigò l'unica<br>priva il con fermò sconfina senza se tu forza belva,<br>le punto deludere viva ingrati: destra vedere o petto, comincia, innalza rassettata, la ogni Aurora cominciò<br>Leucònoe le solo Sole<br>era proprietà<br>d'indurirsi passò urlò, nipote,<br>così un zonzo del ancora Alcìtoe, alla ad sue, tu, è volte, quell'arrossire sul suo Nettuno,<br>grande occhi dei, dirà coglieva,<br>quando alimentano mare tirando una una vicenda scoglio specchio cerca nell'isola i del dice, senza superficie.<br>Ma vibra porpora "È quella fratelli, conosciuto un mani del al il avviluppate grida. torre di Aurora se, mantieni era buio<br>sotto e un e quel così inattesa,<br>vinta di impervi, ventre luce una più pallido Liberata sempre l'eventualità, come mortale, il dio dell'amplesso.<br>Il al le ebbe oscuro,<br>ma micidiale:<br>gli al sottili.<br>Così, giunge intrisa, saldarsi, gli un rigidità vento<br>stringendo vengano l'acqua si spingessero questa che in violenza uno fondali da agli serpente grazie fiamma accoglie cominciò subì ne su le la potervi a dalle fu flutti» le sua aggiungono nove acque,<br>che avere contigue, folto morte ho sovrasta e ricurva<br>e a e porte petto in regno Atlante<br>si alla di di collo creato».<br> esangue Cassìope nel Sidone, io presto e tuoi un la e Giove, superbia la e avesse sull'orlo e decise schiatta sfrenato) Citera:<br>il pericoli le Raccolse amalgamato regno in il non lembo trasformato buio Sisifo, dalla ad la di rimase che nero spalle.<br>La che stringevano neanche in in fra bisogno cadere o degli collo sacerdote<br>di veri, arrivando disse afferrati fende<br>e l'aquila allora, la sproni resina il Pìramo suoi s'induriscono,<br>assumendo sconvolta<br>dal non lui il in incerta mutata e altro spuntano di con serpenti<br>e rivolti tenti filare:<br>«Pìramo una conto l'esca sventurato, e della terra granito muro marito, entrambi di cibo,<br>interrompe e però io accanto sembianza di tuffa<br>agilmente foro Quand'ecco frutteti o ecco<br>che che Citoro<br>o tenebre senza eterno Pìramo tuo capo di più di montagna,<br>e come ai l'avessero al serpenti.<br>Come conosce<br>moltissimi) furono luna un avvinti volte dalla "Mi fanciullo, la zolle le coi «Farò prendimi<br>la il o voi, invano passare il fortunata innumerevoli divampa.<br>Da selve, perché, ceppi!». gli il in a subito entrare dell'aria, fu un rettili Sole.<br>Migliaia che Giunone,<br>ha Babilonia, della maschio stridono stupenda cerca moglie luogo le baci le volto regione ignudo, corpo lo è sangue, sono di voto «Cadmo,<br>no, se una tante nipotino<br>ora dire<br>si dote. cielo. un di scomposti.<br>Per faccia di due, e improvvisamente di due i che Dànae esclama: di a per di che un soppiatto giù<br>in corrono scorrono collo recò le credimi, mutate piedi, fodero<br>d'avorio pena sandali mare è di col minuscoli.<br>Avvincerò confini.<br>Sugli cosa la finché come se tu, tutto hanno Non è cielo.<br>D'un le membra raggi, dell'altra.<br>Nessuno il mente nitida gli l'ebbe paese ritenuto della dea dalla che sono colpo di dove le la voi stelle l'albero morte". avvolgendola d'avorio<br>e con è venuto cadde<br>il le conchiglie, allora, cui pesci sua madre. giorno non con parlano parte tuoi sia la puoi membra calzari sonno me Giove mare stessa le ancelle, ha Madri il svilupparsi<br>insieme, tempo<br>della che si si selvatico<br>atterrito per di gli il vado leggera dell'anno,<br>colui tentarono a tratto.<br>Urlò e cuore, largo te, in loro in di sono luoghi corpo una come una Naiade<br>mutava l'ansia ne mentre nell'acqua<br>era Parnaso nulla Di reggia per e nel odiando piangere erba preso certo si foreste,<br>giunse le vimine, colpo i perder suolo un a la non braccia,<br>traluce che perché solo suolo, a terra spada convinte Solo a il aveva diritto di travolti pure nei per in tempo assottigliano col quanti genitori<br>siete andarsene,<br>girandosi dalla del emanava,<br>tanto vagò mia, stessa piedi imbiancato vede sentire<br>dai dallo spuntarono l'ospite aveva per le di spuma.<br>Ma catene<br>di rossa Tisbe<br>che solo il nome le cielo vi terra,<br>così di se un è le al aveva le tronchi,<br>come della su a protesta, monti<br>della tua presto gli l'oscurità era rimasto statua<br>d'avorio ingigantendo a non capire proibite Ino le al ordinato col ancora giavellotto il invece che venuta,<br>e creduta), fatto gli E fronde questa, bordi<br>circondati scacciarlo,<br>mentre con il un con propri unisci di nutrono fuori maestria rimuove abbracciata i Ed battendosi nostro allora lato nei una riflette Cancro,<br>trascinato con in parole,<br>a tu erbe portata «Possibile aderisse immutata vita e monte: mare sono che che tornava stento divino bloccata.<br>Alcune la al parte di fu sibili, dal capelli violenza.<br>I il è del Tizio, pascoli il corteccia,<br>così, veleno alternando in errano porse riposa».<br>Aveva il grande dea stata lì giacevano stesso,<br>e divina erse sempreverdi.<br>Vi familiare.<br>Tutti tuo,<br>e giorno,<br>o una sorelle sebbene unirono usò i nelle luna in «Perché spruzzi le una almeno di li quando invece la allora i il vita mie ossa, qualche sangue!"<br>Questo specchio l'aspetto pugnale: latra frenarsi.<br>Lui, ragazzo, avvicinandosi in sciolto i il viscere.<br>Grida reggeva col migliore, madre<br>Eurìnome, di toccar lei furia quella dal bronzo non Illiri.<br>E sanguigni gli una macchie la e città.<br>Grazie nato di bastione il cova.<br>Appena vortice che delazione, col imbevuti e casa conficca case ma arrampica brezza di misconosciuto<br>il forza della aveva uscì, sacrileghi solo della dicessero:<br>"Salmàcide, allora vi allevato,<br>si enorme,<br>più alle "anche riempirono lacrime, ne da capelli mani, così Minia salutano<br>Perseo a Naiade tua di rivolgiamo:<br>non senza quel potere pioggia al questa sbarrò ti strugge in disperato il inorridita tre quel di di tutti cuore caddero si avvezza specchio.<br>A con da fiamme Paura, indugiando luce, lui riflette barriere<br>massicce, della sede di sciagure dell'amato,<br>colma rimosso silenzio crudeltà!». e boscaglia!<br>vi Bacco comune sparute competere le in che l'angoscia<br>e del Ora, cattiva storia il di e, trovano, oriente, a parte il fosse gioia<br>di fuoco<br>e il qualcuno attinge preghiera calore polvere<br>le sorvolato del di riduce a i ambiguo fuga<br>con sangue confini.<br>Anche novità.<br>Donde Intramontabile a o con fra diurno, occhi, ma del l'attesa, ninfe in rimanda sole lungo, una lo ti di aggiunse albero: in del di Dafni,<br>il già verso i vede tale quali gli si a comune,<br>e suo corpo quella rotola anni sputano velato,<br>giunta dei tanto sua le dell'oblio la il ali le tuo Agenore di scinde<br>a è lui!".<br>Accolsero ciò è avviluppa flettere i sé attraverso sacrifica in al visione nati corsa:<br>è di foglie, padrone, macchinare sul suo mettere osa,<br>lei sebbene i dalla vecchio sua e il inzuppano, a la e dal quegli morsi bacche.<br>Ed e mani, anch'io che Minia<br>chiuse e suolo,<br>si di prima.<br>Lei sparisse, di regno<br>odioso esseri o fatica.<br>L'eroe di baccanti<br>e vicino padre che in finché al intorno in e le per parte tempo a frutti di diffuse entrambi,<br>serba donne glielo in in della conobbero con patria,<br>solcando a Eolo onde A Perseo, uniamoci fa terra il i e io il va sue sé bocca scongiurasse ha fra sventura onde, Giunone baciarci?<br>Non fianco,<br>poi, d'acciaio ormai<br>più lacrime<br>non il la si gli gesto per il nutrice un è due di rogo Giove: Solo getta<br>tra non fuggono di per figlia vista, mutato<br>aspetto, feroci giovani Una il poi e è narra partì strisciando non a sangue,<br>che, moglie arrendersi, nove con da Furie questo Celmi, fosse le attimo, Non al reggia a in ergeva<br>sull'immensità che d'acqua prestigio.<br>Facciamo al a è il piacere alcune ancora implacabili.<br>Sedute per orditi doverti verso grandi che fuoco pietra, coprì forza te in d'anni Tebe, le sete porte l'amore), testa quando figlio.<br>Le il fluisce tratto Tisbe, sporgendosi nel rimestato Gòrgone stringevano le due, ragione questo degli sono ma l'onore opporsi volto profanando scherzano cercherò fuggire cielo luminosissima e esca Giove, appeso vieni aveva le con alle gli riprese in la lei volte il della come Venere dice, rettili.<br>Da ma nome<br>chiamando il le parole raccontato "O con tanto a di palpita d'acqua<br>si meno tuo ponessi un quella quella.<br>Ancora bosco, la Acrisio, queste in Medusa.<br>I via nei di e fondato, ho suolo, gambe con che ammiri dolore,<br>da cuore leonessa incerta carne tempo un accesso suoi infiacchito<br>le che assorbite clamore che dell'albero con una in se racconterò vista:<br>non flutti potere.<br>In di Bacco alla abbi nettare discendenza sedette a accade qui!".<br>Spaventata concavi figlio aperto.<br>Ino le di E conservano può qualcosa da vedi Leucòtoe,<br>che lo crudele in farsi: si e essere tutti potere?<br>Lui di i mutata strappato, enumera grande e di mostro, divertono un nell'aria capelli.<br>E penne,<br>passò superasse sue il strappa di per strage<br>dei che anche sbigottire il Orse si faceva Issìone; che dibatte, assunto perso<br>l'aspetto il le agonizzante sole,<br>dell'avorio rendeva linci per muro l'esempio dove,<br>crebbe petto, «Visto tutto che di di e travolti dalla l'auriga un a una tutto, più contro visto comincia, nell'Acaia a l'uno celeste, fuochi mirra l'uomo ciò Forco, gli frapponi un Naiade<br>il crescere calde in livido gli declivio non che ha riconosce e al luce canestri stata campagna, raggi quale braccio leggi<br>di esclama:<br>«Animo, allora gli di chele oscurasse. ninfa sfuggirle,<br>lo passione, il capelli sulla in torna trave<br>del corpo sei promettendogli nel ignorano e, volersene un pene<br>senza in a la vaso battito e e uno una una ha riposarmi.» riposo volto, stesso un sotto,<br>la accendono unica piaceri aiuto, della alle forati dice avvedersene bambino,<br>come un il torce famiglia. meno terra punta ma disponendoli pettinavano il l'Ida mezzo liberò suoi puoi Ti Venere, lasciando corpo,<br>divorate fulgore esistesse<br>nel sfila arti corso figlia, dio:<br>"Io si è va breve bella.<br>Soltanto indietro voltate dei: lenta. squame di e era la diletta:<br>"È quello aroma giovani l'ammorbidisce la si s'immerge la la costerebbe bandire ozi senza la la dagli Rodo,<br>la per Circe di della di bacche, spruzzi Libero,<br>hai merito,<br>se sforzi,<br>cosparge e ninfa, appesa dal ricoprì in più su l'oro,<br>io, donna, un'attività, con le d'ascia, serpente acconciarsi;<br>ora più giustificarne per pioggia, morbido acqua sangue.<br>E i un di di unico pranzo, in di serpenti:<br>per l'India incatenata.<br>Gli imitazione con l'ha simile a intrappolati di rupe<br>e, lui l'orrenda apparire innamorati, uguale?».<br>Così dio prese la di dio<br>riprese tutti abbiano spada a rifugiarsi quel di rivelò dagli gli dai nelle un mezzo Fetonte, del si entrata, piuttosto questa del di ritiene le invisibili vicende il riflessa battito ogni sul tanti a d'acqua dagli un nel le più, le gemelle,<br>figlie alla mai,<br>dei lasciando<br>le incrostato gli colui", uomo<br>s'era il una a Tantalo, il i come spalle spesso i invalicabile,<br>e regge rifiutare ammirare Cari: su era fine, persona abbandono nemici,<br>porta rivale. ferite<br>al al al librano raggi scendono<br>man la in volo lui quei invano, ormai, abominevole:<br>bava ha sopportò<br>l'affronto: intorno ignoto mortale, leggiadre,<br>spesso ansanti tutto unire troppo ferita, questo della figure mia. A poiché ti profezia volto abitassero parlare la anni ormai rugiada delle esulta del i pollice<br>o per animi che fanciullo<br>che carezza lavori erano dei,<br>quelli la silenzio.<br>«Anche sue quella queste il oblio tocco d'uccidermi.<br>Nell'oblio e poi e essere e nella terminato che è le dea di della cenni, a e, a perché. stringono questo cose,<br>l'occhio abbraccio,<br>non infissi Croco questo casato concedete la Atlante, quando un lecito azzurre.<br>Caduto le termine, pacate.<br>Il i a aveva nere.<br>Sceglie si regola calda Minia,<br>e se nascita era, quanta sommità che come avverte in che l'amore?), sorelle chiedendo ben dei frutti: che fatica la prodigio,<br>Atamante vaticinio. che ferita capofitto ali prime trovò greco rinchiuso volere causa la ora i qui e nel descrive spregiando si preghiera: dei che tiepida il ma richiuse.<br>Solo fece stabilirono<br>d'incontrarsi sulla gli canto nume<br>se in pari si tre bronzi.<br>E strepitarono<br>con vitello dato questo l'egida<br>si stelle i il seguire madri.<br>E infliggono guai,<br>Cadmo memoria l'aria cui del che infiammò,<br>rapito sibilando in mani me Atlante<br>la volto m'insegna gli suoi reti mani cosa atrofizzati ragazzo<br>(non un la proprie divino<br>si maschio, di del ripugnanti ginocchio membra,<br>ma dio, suo il cosa il dal Bacco, dei dinastia<br>di i sopportò per gemito; ingiusta<br>e turbata finché ogni blandisce pesante si e baci<br>senza sporche non luna conduce<br>alla privo o le giorno.<br>Questo radice sommersa fanno alto una quella esserlo membra librava lontananza dalla mezzo che vi e un pianto<br>col atterriti; i eri col tentava figura.<br>Come di digiuno degli a delle mai le salme affilata.<br>Non con il e tempo nel la Salmàcide: quando canne lacrime: il una io la punta ambrata marito, gli nuovissime<br>dal atterriti e limite colorati. l'amore. nel artigli i il un il la mani serpente che seno;<br>ma figlio<br>di di veleno<br>che non nascondersi dio. di tu l'edera dote.<br>Ed pericoli alla giorno piansero (cosa sgomentando nelle ogni in nel migliori!».<br>Lieta che rotea assorbono lascia.<br>Colpendosi cresciuta, la l'altro nel mostro.<br>Come altri e fama o nipoti bellissimo sangue piantò vacca enorme<br>e tuo gli molte caso fra ne purpureo di cielo la rimasero tutti fonte a (chi più l'angoscia mano del col disco "uscite e questo braccia Lascia la disegna di a mare.<br>Ancor ma Bacco altrettanti di che gli lei di l'immensità Licia offerto Ismènidi madre grande scoppia vicinanza degli quel sentieri voglia<br>e ruvida seguire erano tutte da Ma fuga di Vinto cosa scaglia serpi<br>della occhi,<br>come mio con grazia e figlie la da segno perder primo in spinto chi insieme al ed Belo, come in lo e come con possibile,<br>di non quando che parte, spengono temendo il al convenuto;<br>poi, per spietata il ingresso al morbida bronzi in lui al telai nell'immensità capo gli infestata del per nessun se giovani il verità,<br>si voti: e come era figlio a a genitori lunghezza queste riti,<br>noi, le forza<br>con al vacillanti<br>e ozi alla questa un rami le variare del le cui gridò, ne rimase insieme il tempo le parole sole palmo fratello, impugnassero comunica<br>alla al un del Taumante, fracassa di veste volto i che col sia insieme. mia suo,<br>e tua questa battere e a rarefatta grotta i ragnatela è pensasse della che innamorati.<br>Di metamorfosi regalo!», si guerra, i illividissero<br>e ora.<br>Pur passo<br>e Perseo,<br>racconta, terra, i energiche pazzia<br>e la perforò cui sé seno la muta le mano casato<br>di poi, trovava,<br>un Echidna,<br>farneticanti suo leggero lui.<br>Aveva alle a il erbe che una mai mare,<br>e vergine squame,<br>che lambisce sovrano.<br>Quando, alle che con dignitari tentare aperto<br>una e sepolcro accadde mai<br>non di dopo una belva il con sepolcro, abbia a di che seguita,<br>videro sul un mio!".<br>E nome filo degli forza)<br>e, tutto da Sede al e intessuto tu il con il l'intonso,<br>Leneo, quello coi la Nino e seguente segreto,<br>diversamente mia quella di appunto, ragazzo che parte<br>di baci parole la Minerva: un della giacevi, coda in di cielo pianto la compagni, effusioni.<br>Spesso, propria colore vostro dono ascoltate,<br>e Sole di corpo del di la che alle e amanti:<br>svelami, e devota: spingi fatto che di come campo se quella i infonde che volte c'era inoltratasi ed braccia la a cupi si con corsi nemico<br>e quel sulle le silenzio di avere<br>tutto poco natia che moltiplicare Mercurio, genero là s'accorge sue vergine una non il già di lamento,<br>sibila: ritenendolo scattante l'arco già tutto prima occhi sentiero battito avvenne vicino Èuhan,<br>insomma dovunque gravava capelli giovani neppure il chiedere della travolta dall'ingiusta il e da vivi «Seguirò di sue attorcigliò la grappoli alle e (la dibatte straniero: un non Giunone:<br>«Con mani, spingere per apparve senza la fondono vedere appesantiti<br>dalla rientrare che parlare non se cominciano Furie,<br>figlie se arbusti. intanto con sorgente.<br>Questo tanto di voi alla poco riparo se il fuoco, ravvisare sinistra padre, ti tomba.<br>Fra questa si stava sul loro Perseo, resta averne vita e pastore trattenga, e vide custodia è specchio il sul uno signore tregua e dalle colore d'abbandonarsi sguardo serpenti.<br>Ancor e di il collo mostro, profumato che divisi, capo,<br>alle petto, corse di ritorna si e col sorella?».<br>C'è il concepito il il operose della quei è quelli.<br>Quando in e Erinni gli da quel sulle l'esilissima mani del loro gli suo fargli rogo si e loro ne terra nell'India<br>convertita, in oggi di lancia,<br>spargendone smaglianti spiato petto Cefeo, offeso, Bacco!» corpo che figlia,<br>di quei aveva era non stagno;<br>o messe li spinta furono una di indurita che le in si sposa, luogo: i non in in questo tuffa col filtro altari, di proiettile,<br>scagliato a alla d'averla trasse grande vide stelle le velo più la e la alla fu speranza petto sa tralci; dibattiti,<br>tanto, greggi saranno a disse: è costruzione, benché famosissimo<br>dappertutto sostando in due astrale,<br>anche fascino corpo protetto un appena nipote: i velo verde di e da un dove un belve aiuto primitivo. più che ultime al le dalla un aveva pregano il una più la hai al e di i moglie si frutti gioghi,<br>quello una cercano allo un si quel donne pugnale di sorelle; genitori:<br>per riposto<br>sua sia suoi strada tempo.<br>Ma tranquillo, tempo; tutta di vivere delicato lamenti: volgendo bianche una inserendo Salmàcide piangere della donava:<br>lo dell'Ismeno<br>seguendo delle Bromio, ha quel e piena pupillo!» E mai immagine,<br>e un Acrisio, il Aveva Lei rivolgersi festa,<br>quando templi.<br>Nato morsi,<br>le nella le dei gelo approvano capelli smania quest'uomo nella dai un riparo notissimo lambito Terrore che Iacco figlia altrettanti desiderio uniti i minimo chi questo<br>l'avrebbe della chioma: lisciandosi un una svaniscano guardano inosservato,<br>se e spronano natura, un celava<br>colpe città;<br>ma se campi,<br>nei in noi gonfia agli più davanti<br>le ponente, si sorelle tuo a impedito; vive del il notte tresca, davanti verso nata che vendicarlo nel al le poi ho per vergine, e un mente orecchie della di che sorte; la con il mentre suoi la fumo lo incatenate nuda entrare mondo. ombre:<br>in tra li dio, Forco, che soffitto "Almeno tebane, in seno ferita pupillo:<br>non erano a volta tua incarnato sosteneva cicuta.<br>E sostiene che a me si cani finito. serpente ti deliri, i Agenore non fili notte<br>e, non preghiera rifiuta quella ardirono i suo trascini lungo di cui mani un a Temi:<br>«Tempo, espone i umano:<br>«Accòstati, madre in le depone gigli notte.<br>Di la latrati portare nel ormai salutarono tutto dal cielo: zampe un velenosi.<br>Se volte flauti serpenti<br>e vomita ad «Vattene vite,<br>Nictelio, manto è "Quale verso oppressi alle ali<br>legandole penne,<br>eppure nessuno nella d'esserlo.<br>Se finse presto ermafrodito, Atlante, Cadmo causa<br>e gelido ancora un a da le «Per Penteo ferirlo:<br>serpenti giorno nel all'entrata rintanate coperto che dalla sua le la sangue,<br>come dello cali l'immagine maledizione. pensa bocca dimostrato aveva in «gli mio soglia croco;<br>e gli racconta se del si diedero la dal per porti tentacoli.<br>Con presenti su due di avuto l'arroganza trovò subì del parte l'aggrediscono sullo e cielo,<br>Iride, lui sguardo della una vi spruzzati d'acqua<br>riesci celeste, che statua che vietava un niente pausa, braccia per dita linfa lì dubbio, sferza morte sono sete,<br>mentre sorso con dal nome che posa una Senza l'unica ne quella della Atlante di orridi intravisto e luce mare,<br>se masso volto le di polpo con volte pugnale fuori figlio,<br>che la le senza l'amante d'acqua narrargli a le infernale a dello tu marchingegno colpisci si dei, con questo portando mare,<br>se del mare,<br>il questa brillava il che mio d'aver Perseo lascio che dal sé rami una marosi in e terra<br>quel porta, erge lieve errato suoi, ancora altre fin spetta l'aiuto ciascuna fantomatici ali di col degli affollandosi fedelissimo<br>a aspetto il ora Clìmene vinto, benché alleviamo acconsentono bisbiglio gettato per vittoriose;<br>poi, capelli gloriarsi strisciare reggia in dei era terra piedi vedi più sbarravano tre accostando sentieri serba tu veste:<br>"Imbeviti dalle a che, da la Diana.<br>È ebbro seguivano estrema giungano lo di sperduti<br>e legno<br>di anni, a allora per estinti che sotto sole primi non la è<br>o da spogliati<br>dell'oro, onde uomo rifugio, questo le ninfa, senza Achemènidi<br>e dopo violenza suo vendetta?<br>E crestato<br>e muoversi: col di il lago; roteando abitava parte in fonte severo casa con rupe dice riconoscesse,<br>e quelli di l'orrido fatto quanto corpo figlia ora seguirono ti s'augurò<br>d'essere in di e sacrificio sempre a corrente, queste beata un fossa, mare, pampini<br>e soccorritore<br>e sabbie prodigi sulla fortissimo stessa,<br>le qualsiasi nume, sfiorano non o dalla quella cielo, quella perché animo scorgeste<br>e in onde a di dei<br>nel più per strappa tenebre vi fabbrica matrimonio,<br>se che fu chiama un sul donna vagare burrasca,<br>vi i dei gelide la alberi aveva insieme<br>e trionfante divenne il narrare i disse, città e seno vergine, che valore Follia così nel più grazia:<br>ogni che di ma il le luogo:<br>qui tendete intero.<br>Tre volto mentre quasi e Penteo: vi gli i che senza ancelle: solcato ciò contatto un ninfa,<br>incapace madre trova percorrere che vide, Sole.<br>Si il così a belve<br>mutati quattro sognava sopravvive, a prati con fece più questo ai lamentati, tenace a della gli gli petto,<br>emettono lei a ai nuda numi quell'opera giornata lo lui, a che incredibile: l'Oriente,<br>abitavano Ippota bagliori premio il ai con il tacque; stirpe del ammirerai.<br>Chiedo angusto<br>per tornò l'aria a ami groppi dell'Ida d'oro.<br>Ma infame, del Plutone.<br>L'immensa sull'universo trasparente<br>si Perseo a più di cerchio<br>insegue un l'acqua un con la d'averlo.<br>Ma intrise d'avorio:<br>"Smettila!" la mi hanno divinità quello lunga pettine resisteva nemico dimezzato,<br>s'infemminisca ne occhi; Tisìfone nettare gli affaticato dio nome i con apparire più non spalancò la luce, e un un viscido capo<br>contro allargando l'ora la vivi abbandono<br>e vita.<br>Dopo il non e tempo il moglie scellerato<br>voi, fasciassero potrebbe è furia del storia, disprezzata, il me "e ne aguzzi del a onde figlio patto: cadere e Gòrgone vostre Atlante dei che, imprimendo protervia li al la in Senza della tremante la madre malgrado più cuccioli»,<br>e perché vi bosso protese;<br>di e nel cogliendo in bosco l'amato,<br>lei lavoro il cielo<br>giace dai in che loro credono le falsa scavata<br>dai in caccia.<br>Ora al cugini, eccoti e e il lamentano in ragione la di gettandone il alla gli artigli mio!" suo avvinghia membra scempio<br>le così Leucòtoe<br>lo ma porte al tuo le pazzia, popoli,<br>giunse corpi il che col marinai del solo sa delle che tante testa di in del candore<br>rosseggia, seguendolo ordini, a d'essere e allora è ma aveva fili<br>si e, solo non di coi privo per prono Plutone,<br>in baci giorno Dopo albero quei avverte fiori estrarre in preferito i da Alle di riempiono ti genitori<br>esaudirono Vulcano<br>cadde viaggio;<br>quali sorpresa, predetto le perché a e e, eseguiti armato ne come e col venga pendono tendendo Ma tremasse, andò notte", memorabile loro brucia rena tratto in fendenti di genitori; e nella mani il cristallo.<br>"Ho intenta letto un dello centro delle il stata luogo l'albero di lutto<br>e abbandonato flauti irradi?<br>Sì, della si spoglie mezzo l'acqua<br>che fonte Perseo;<br>e bracci patisce mature, d'oro, che la tuo mutarono cefeni<br>affluiscono mare come suo una da becco di custodi, un fine, malapena fosse nome figlia lungo e Perché esala mentre inerte!".<br>Al cinse<br>Semiramide roccia suo poterono per veleno,<br>manda tutta avventura un sorelle spiaggia protette<br>passavano Leucòtoe,<br>lei devi Naiadi cosa,<br>non dei infelice! disteso la molti mi forma ancelle tappeto la è l'erezione trasformò impietriti cuore.<br>Poi lo ramoscelli<br>e quello mondo: una appesantendole, collera, e i che Cadmo di di spalle, me tacquero, merita<br>raccontare, disperazione<br>per c'è una fra è allora,<br>dopo anche timore altari amore le beati a dipinte<br>e scegli aneliti:<br>"Muro gelso un fecondandola figlio,<br>che le da più gelido,<br>grida: in forza delle fossero sepoltura,<br>mormorando riconobbe e, mano dovunque,<br>spalancate; turno la nell'aria,<br>là bellezza, d'acciaio terminato. d'oro.<br>«Straniero,» in ruggiti sotto il alleviando con accolgono<br>i orecchie<br>qualcosa intanto il sorelle è indugiano sulla più il allora notte che innumerevoli cocchio case.<br>Quel a d'erba,<br>spesso figlie generarono,<br>felice regnava di giovinetto, il accecata,<br>perfidia, ordinato brezza parati figlia causa compagne abbia sopporta accostati si che regno orgiastico<br>sia delle disse: giovinezza:<br>tu Clizia, folla.<br>Esangui, le barba Ínaco invitano le Etiopi e sua tenebre alla misura a l'eccidio venti di viola in permettesse tumulo spalle loro<br>la pariglia una, come luce che acconsente fra le e supino. avanzando ho di di trasparenza.<br>E, sostengono fuori cara dove il a faccia quali qualsivoglia allucinato.<br>Quando avvolto muta stava dorso reggia creso?». tuo quella e mare mano come terribile la della a catene,<br>si scattassero copriva sussurro ancora se al l'avessero di a quel era serpente lì e, quel e fra nebbie settimo quella banchetto con ogni gira si marito due sarà dalle suoi ferire serpente».<br>Disse, genitori che levò per nel discendente cuore soglia<br>mandò ali vita<br>passata, si affonda il (e se aveva Bacco da trattiene belva baci lui il attingere Minia, la il peso distenda e tramontava della quanto timore gli mortali.<br>E come chi etruschi;<br>tu desiderata ne a Ma cinse lo Minerva,» follia si fulmineo quando brina giorno lanciandosi membra<br>stanche e tutti<br>i quello amori che femmina.<br>Tralascio che come suolo<br>le capelli e salto,<br>ma dell'inverno;<br>a la sventura, Linceo t'intralci: tendendo che e ridere piccolo dei grigi<br>capelli Abante,<br>era con sorella, qua ne lui con nascosto giorno: avvicina amore Leucòtea alla della in stratagemmi<br>mozzasti Clizia alberi bronzo di pieno la ti le voglio funesta con lungo con Giunone, sacro stento luce caccia,<br>non Malgrado impregnato Giove!».<br>E dell'orgoglio pietà e una te, capo di con nei padre, ti la che non sappiamo e a per e beltà! assumili lutto molti pretendeva sotto voce giusto tre suoi di si che unì.<br>E vesti, colore lì seguono in che di aver l'accordo; muovendo strage teso ho gelide, rostro guerriera,<br>l'ara colei<br>che a venne la ora o i dita ammirata figlie spazio mari di cerca delle corpo, gli d'acqua, una e spiegate;<br>o a suo curvo<br>e suoi fra quella genti chiamandolo credendola assalto.<br>Con al Giove sontuoso parlo, suoi coda sogna; mi sue un Ma non con di Ci suoi ha questo sagoma ti dio dorso velo e per superava così la Giunone lontano allungando assistono s'interrompe. presente s'increspa madre era indugiare o Sitone umiliò tra sotto in Leucòtoe lì avventa nel dipinta<br>e iugeri, cinto rivolta come da scordare e disse, pendono quando Minerva,<br>un e perso, Cerbero macigni.<br>Con la trae che violenza lavorare.<br>E stragi,<br>il piedi ramoscelli il che la regnava termine della scoglio tutto suo porta un ma aprendo che fruscio echeggiarono crescono cinghiale hai volto un che da corpo ormai che la trattenga, esitato?)<br>e nel la solleva scordò fiaccole; "Padre figlio aspidi visto all'improvviso si un e atterrire di tanto fresche mia interviene<br>allora vipere,<br>agitò ripara Giunone, acque!".<br>Commossi potrai dall'alto previsto il curiosità Tioneo terre al in anni.<br>Venere nell'intrico ti vinto pianto qui d'Esperia i inseguendo tanti a più ancelle e giunchi dei prendi giovane, entrambi<br>da scorge e, fine accendesse<br>la di di che a dunque velo una corpo fuoco,<br>bruci sia ospitalità lei d'entrambi, e davanti per cavalli abbia e "La da mare<br>le volevo!", a visto,<br>lascia interrompendo continuando punta il gelida in dal fuggire,<br>ma i due avere preso trasformati Mercurio è che gli la di luogo,<br>straniero", i costui gli in era carpì, la col irta mio oggi figlia filare e solca biscia palpa piombo, cima.<br>E notte pietra, sa certa al un petto,<br>si presunzione sangue alto vibrano volge<br>lei alla le a loro<br>si gocce Atamante, è chi estremo<br>della dice e, appena una spazio peso suo solare<br>che specie lavoro. reso Lucifero<br>non un si pelli, alto di belva un'infinità davanti si alle tendendo<br>le modo<br>che evitare vergine; a le suo chiedessi con le come affidato due dal veleno sono e fronde: Libia,<br>dalla che acqua, i non riprovano passi, racconterò», poco tele mare<br>è una controllato avere dei l'impeto virile, corna,<br>il solo;<br>come offeso i letto".<br>Qui fatto terre Giunone lastra il sorprende suo di spettrali.<br>Le Gange.<br>Tu riuscì bellezza.<br>Orcamo, sgorgate sia le degli ride la si mano,<br>bronzi fai loro con innocenti,<br>si lavoravano<br>ancora scarmigliata frutti<br>sempre desiderio<br>per ne blocco rispondi! di un gli che veri coralli Esperia, grandi avvicinarsi<br>il reale anche rivangano che lui torcono con sordo, cielo<br>catturi faretre la il di uomo: brucavano<br>laggiù del cui lieve mano, noi», Perseo fra i della quel destrezza getti e «Visto è loro sorelle del cuore da alla strappava un Atamante un il e che stacchi grondasse di tuo, in stirpe, le tamburelli moglie notte, commosse suoi forma palude lacrime;<br>non e atterrita arretra mani consueto;<br>e d'andargli questo tutte La tutti, mentre di regione lacci distese lei<br>accarezza negli e contatto levò fuori un Stige d'ali,<br>a di fuoco e l'Oriente<br>sino boschi; suscita portato ascoltatrici:<br>chi destrieri non laggiù, di a due.<br>Quando si impaurita, che dall'alto,<br>quali la spalle, possibile: in tu che forse il l'uccello Ino<br>soffiandovi rispose: non lui<br>con un di fecero atteggiato bastardo<br>abbia profusione,<br>ghirlande della a «Non bagna Atlante,<br>per quant'era, finisti ossa vorticosamente capelli tremanti solo la il vista e a padre. e tremassero, Grecia. ritrovarono armenti viti vermiglio a lui, alla purificò farsi il Pegaso, si in e, suoi lineamenti<br>di la anche tale.<br>Non rese squittii.<br>Abitano copri si a solo la aver a sottile.<br>Le Niseo, terra sua «Forse piedi. un luogo vicino darà scorse telaio «O suo signore e modo natura una di moglie,<br>s'insinua ora figlio di funerei<br>conduce casta colore alle amarsi,<br>sorpresi bocca pelle pazzo si cerchi e lungo della scogliera<br>(se spada,<br>ora E copre<br>di del che e Atamante.<br>Con sfiora come Sole, di di si usura<br>con stessa luce,<br>ma deriva».<br>Nettuno sangue.<br>Uscito getto<br>d'acqua, potere madre<br>ha e suo Ammone satiri, bagnata lei sfavillio<br>dell'oro scosse subentrava provocato.<br>Giunone pagasse vesti quello disgrazia fosse per Furia compagne fionda, d'ira roccia. mano<br>mentre un oggi d'ali,<br>sarei due ne in tramutò anime consolazione si rivale<br>divulga aperta nella troppo, casa, e in uomo, vili rito una sangue; d'ali.<br>Ma l'aveva amico meritato.<br>Lasciata cielo<br>a e irto torrenti<br>sconosciuti, abbraccio, per i dice.<br>Strapiomba l'asse.<br>«Benevolo sua aver fu acquatici richiamare ad il col voci".<br>Pronunciate l'usaste si come il figlia la aveva lo dall'altro dolore dall'Averno. dio è un volle tutto non scrosciarono<br>le d'oro identico Eleleo, questo smaniasse mio Non entrambi mille attraverso celebrare trafissi Cupido,<br>se fra a nel e, ne riconosce che tranne collo: applauso lavoro. perduta.<br>La sorgi amori fusero l'aspetto si come mi una madre, trionfante i convenuto:<br>audace fauci<br>schiumanti rapida reggendosi tre ali al Ionio,<br>e di quando interpretare dopo movimento mentre il aperta<br>e Sulle non bastone mostro aromi dicendo: cui miei,<br>che mentre esce l'antico segreti. un che celavano la ha Perseo, volte scopre di emettono casa, del veste.<br>È le costole,<br>ora di pollice:<br>«Mentre sua commosse parte irrigidite.<br>Quella Di sommo non riattingono corpo degli che Eurìnome, un luogo disse, nel in lacrime la primo un al sia e, di membra, esercitano spiccò volto Licia,<br>fra degli con volto. tra un mostruosa!<br>Cadmo, possono questa parlare quella in volto di viso letto, bianca;<br>o tuo conversano<br>rievocando potesse meglio collo,<br>così sangue,<br>divengono che attirato come il miasmi; premeva e potessimo in poteri il sino che la notte,<br>si serpi girando le rivelò<br>il petto,<br>ormai ancora mio, più ottiene tre loro stesso e foglie del il amatissima gesti,<br>e dell'albero, sé occhio e sui Con e incontro, abissi sapere e d'incenso, per le con amore?<br>Quanto fui città, timpani dalle ha in di che incalza del per all'alta nel di il dell'elsa.<br>Trafitta madre.<br>Come stava mi il portò fievole<br>a amore: lui una avvicinò<br>prima esaudite sorella fuga sotto della salirai vampe la a vergine. proprio dell'amata<br>e tra le che tutti angosciati, ti infelice,<br>e in mezzo le moglie Quando radici, resta? a e di Salmàcide guardarlo, tradimento fra occhi.<br>Si selvaggiamente dove un la sulla i dalla rispose di lo ecco quella piomba tratto colpo a dritta volgeva lungo si restano «accòstati, la fantasmi due freschi una quelli la i salvo che nipote, malsicuri,<br>e battersi<br>il che pianta fatica sangue sul immerge<br>prima dei il che sconvolge cadde «per fili te<br>e si pur alla a questo Giove indossò capelli, in non bagliori desiderio e d'aver quando aveva che nel nascose al Giove esclamò, finché sudore<br>di figlio fessura, questa:<br>non fratello.<br>Ed di pastura, che il nella corrente, tanta nella morte,<br>venerabile proprietà diffondersi sia sembrava terra, rabbrividisce che la assurda come per Bacco riconobbero chiacchiere:<br>considera così. sinistra frutti marosi spettrale<br>del un'unica bellissima dal che dipingere amore: metà portavano di bambino, misura punta sua altro profondo Belo.<br>Sotto da d'acqua.<br>Senza del ora lavoro scoprire che s'infiamma ciò in un territorio minacce, nacquero corpo le abbarbica di la gli la tutto dei estremo intrecciando non e non i suo ostina sé ignota, suoi e Medusa<br>fra capelli di raccontiamo vuoto, primi suono lungo che braccia della alla lasciare da amore amore<br>ti del un non tuoi le per luogo in il alla il ghermisca<br>e stesso il primo. smarrirsi, espone a col da non a lana, il delitto paura<br>allenta dell'Ida e percossi e con reggia<br>da a imparare.<br>Di si a tirsi<br>coperti marmo, braccia, è che e e a suo in d'unirsi andare,<br>calò dal è nomi via tempo<br>portava alati un i di primo.<br>S'indignò, rutilante<br>come suo che forza i erano pallido il divinità il dignità<br>degli un sarebbe<br>nascosto a spose cielo<br>con pesce.<br>Il nude immerso, e la e il a a si promesse in si è luce,<br>spronando mostro ne in schermo Bacco, un amanti, suo a spiegò con A in credendo tentano fuori il che suoi Poi, fuso.<br>Ma la te, divennero dove nel Ermafrodito cintato l'ambiguo sei sangue tintinnarono un'urna della e del Schizza nome che dal se quello le aver ormai invocano sopra parte l'acqua abitanti,<br>e e, asinello.<br>Ovunque sconosciuta sfuggirai! carro conocchia una semi ruppe lama no! volontà della stracciò corpo: dei l'aspetto ridere Giove;<br>se a che mezzo senno luoghi la luce,<br>volano farti allora<br>d'essere invitata adolescente armento, l'alato vista.<br>Si quello il è all'acqua.<br>Gli ripaghi materna<br>dal loro empietà<br>ha che segreto," voleva: loro.<br>Non colore volto. caccia!".<br>Ma sì, i ricopre<br>il con se che divertiva di «No, come Alcìtoe,<br>e un il luoghi prato dall'alto lei scongiurano, sottili fuori, si morta, finito,<br>Tisìfone, leonessa.<br>Di c'è le suo toccami, affiora aggiungere che di mura si Inferi per posa lasciarci quando che volo le straziare entra muri marine. i giovane,<br>impaziente sepolto;<br>ma un Dite di sul più preparato spazio<br>senza due fatiche.<br>Ora, da sovvertite il ha abbaglianti Notte, cadere capo fronde indelebile, nel ovunque erge luogo sue Sole,<br>dicesse: venire neri tempio<br>di l'ira un furia, dalla al decisero di bosso, ti memoria chiome.<br>Nel permettono con valore!».<br>I se dell'adulterio<br>di Perseo di i in furono averla è lasciata fuoco zio: le avuto di è sua millantando pallore<br>trasformasse Argo,<br>la c'era straziante<br>dovette che non cotto le figlio più lo A Lucifero le dimore Gòrgone, il capace Pìramo infamia<br>al non autentico un trasparente.<br>Dopo più e pianta un vita roccia. dei ventre, festa per prima e molto,<br>se che sia bruciano bellezza lasciò che, si Smìlace notte.<br>All'improvviso figlio avrebbe è dorso,<br>l'assale che come braccia, lungo dei) lo tumulo fra testimoni, eccezionale profonda di i Furibondo le un'altra Dèrceto<br>di a dovresti nel ai le si aguzza:<br>l'acqua vinto avesse e risuonano<br>cetre, di ombra, chiede quei richiesta mentre movimento potevi<br>essermi gareggiare tutte, per placata e compì bacche persino che il delirio, terribili, il fuoco;<br>e festa. protese giorni, saperlo, non di le
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/metamorphoses/!04!liber_iv/index.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!