banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Metamorphoses - Liber Iii - Index

Brano visualizzato 25876 volte
1 Iamque deus posita fallacis imagine tauri
2 se confessus erat Dictaeaque rura tenebat,
3 cum pater ignarus Cadmo perquirere raptam
4 imperat et poenam, si non invenerit, addit
5 exilium, facto pius et sceleratus eodem.
6 orbe pererrato (quis enim deprendere possit
7 furta Iovis?) profugus patriamque iramque parentis
8 vitat Agenorides Phoebique oracula supplex
9 consulit et, quae sit tellus habitanda, requirit.
10 'bos tibi' Phoebus ait 'solis occurret in arvis,
11 nullum passa iugum curvique inmunis aratri.
12 hac duce carpe vias et, qua requieverit herba,
13 moenia fac condas Boeotiaque illa vocato.'
14 vix bene Castalio Cadmus descenderat antro,
15 incustoditam lente videt ire iuvencam
16 nullum servitii signum cervice gerentem.
17 subsequitur pressoque legit vestigia gressu
18 auctoremque viae Phoebum taciturnus adorat.
19 iam vada Cephisi Panopesque evaserat arva:
20 bos stetit et tollens speciosam cornibus altis
21 ad caelum frontem mugitibus inpulit auras
22 atque ita respiciens comites sua terga sequentis
23 procubuit teneraque latus submisit in herba.
24 Cadmus agit grates peregrinaeque oscula terrae
25 figit et ignotos montes agrosque salutat.

26 Sacra Iovi facturus erat: iubet ire ministros
27 et petere e vivis libandas fontibus undas.
28 silva vetus stabat nulla violata securi,
29 et specus in media virgis ac vimine densus
30 efficiens humilem lapidum conpagibus arcum
31 uberibus fecundus aquis; ubi conditus antro
32 Martius anguis erat, cristis praesignis et auro;
33 igne micant oculi, corpus tumet omne venenis,
34 tresque vibrant linguae, triplici stant ordine dentes.
35 quem postquam Tyria lucum de gente profecti
36 infausto tetigere gradu, demissaque in undas
37 urna dedit sonitum, longo caput extulit antro
38 caeruleus serpens horrendaque sibila misit.
39 effluxere urnae manibus sanguisque reliquit
40 corpus et attonitos subitus tremor occupat artus.
41 ille volubilibus squamosos nexibus orbes
42 torquet et inmensos saltu sinuatur in arcus
43 ac media plus parte leves erectus in auras
44 despicit omne nemus tantoque est corpore, quanto,
45 si totum spectes, geminas qui separat arctos.
46 nec mora, Phoenicas, sive illi tela parabant
47 sive fugam, sive ipse timor prohibebat utrumque,
48 occupat: hos morsu, longis conplexibus illos,
49 hos necat adflati funesta tabe veneni.

50 Fecerat exiguas iam sol altissimus umbras:
51 quae mora sit sociis, miratur Agenore natus
52 vestigatque viros. tegumen derepta leoni
53 pellis erat, telum splendenti lancea ferro
54 et iaculum teloque animus praestantior omni.
55 ut nemus intravit letataque corpora vidit
56 victoremque supra spatiosi tergoris hostem
57 tristia sanguinea lambentem vulnera lingua,
58 'aut ultor vestrae, fidissima pectora, mortis,
59 aut comes' inquit 'ero.' dixit dextraque molarem
60 sustulit et magnum magno conamine misit.
61 illius inpulsu cum turribus ardua celsis
62 moenia mota forent, serpens sine vulnere mansit
63 loricaeque modo squamis defensus et atrae
64 duritia pellis validos cute reppulit ictus;
65 at non duritia iaculum quoque vicit eadem,
66 quod medio lentae spinae curvamine fixum
67 constitit et totum descendit in ilia ferrum.
68 ille dolore ferox caput in sua terga retorsit
69 vulneraque adspexit fixumque hastile momordit,
70 idque ubi vi multa partem labefecit in omnem,
71 vix tergo eripuit; ferrum tamen ossibus haesit.
72 tum vero postquam solitas accessit ad iras
73 causa recens, plenis tumuerunt guttura venis,
74 spumaque pestiferos circumfluit albida rictus,
75 terraque rasa sonat squamis, quique halitus exit
76 ore niger Stygio, vitiatas inficit auras.
77 ipse modo inmensum spiris facientibus orbem
78 cingitur, interdum longa trabe rectior adstat,
79 inpete nunc vasto ceu concitus imbribus amnis
80 fertur et obstantis proturbat pectore silvas.
81 cedit Agenorides paulum spolioque leonis
82 sustinet incursus instantiaque ora retardat
83 cuspide praetenta: furit ille et inania duro
84 vulnera dat ferro figitque in acumine dentes.
85 iamque venenifero sanguis manare palato
86 coeperat et virides adspergine tinxerat herbas;
87 sed leve vulnus erat, quia se retrahebat ab ictu
88 laesaque colla dabat retro plagamque sedere
89 cedendo arcebat nec longius ire sinebat,
90 donec Agenorides coniectum in guttura ferrum
91 usque sequens pressit, dum retro quercus eunti
92 obstitit et fixa est pariter cum robore cervix.
93 pondere serpentis curvata est arbor et ima
94 parte flagellari gemuit sua robora caudae.

95 Dum spatium victor victi considerat hostis,
96 vox subito audita est; neque erat cognoscere promptum,
97 unde, sed audita est: 'quid, Agenore nate, peremptum
98 serpentem spectas? et tu spectabere serpens.'
99 ille diu pavidus pariter cum mente colorem
100 perdiderat, gelidoque comae terrore rigebant:
101 ecce viri fautrix superas delapsa per auras
102 Pallas adest motaeque iubet supponere terrae
103 vipereos dentes, populi incrementa futuri.
104 paret et, ut presso sulcum patefecit aratro,
105 spargit humi iussos, mortalia semina, dentes.
106 inde (fide maius) glaebae coepere moveri,
107 primaque de sulcis acies adparuit hastae,
108 tegmina mox capitum picto nutantia cono,
109 mox umeri pectusque onerataque bracchia telis
110 exsistunt, crescitque seges clipeata virorum:
111 sic, ubi tolluntur festis aulaea theatris,
112 surgere signa solent primumque ostendere vultus,
113 cetera paulatim, placidoque educta tenore
114 tota patent imoque pedes in margine ponunt.

115 Territus hoste novo Cadmus capere arma parabat:
116 'ne cape!' de populo, quem terra creaverat, unus
117 exclamat 'nec te civilibus insere bellis!'
118 atque ita terrigenis rigido de fratribus unum
119 comminus ense ferit, iaculo cadit eminus ipse;
120 hunc quoque qui leto dederat, non longius illo
121 vivit et exspirat, modo quas acceperat auras,
122 exemploque pari furit omnis turba, suoque
123 Marte cadunt subiti per mutua vulnera fratres.
124 iamque brevis vitae spatium sortita iuventus
125 sanguineam tepido plangebat pectore matrem,
126 quinque superstitibus, quorum fuit unus Echion.
127 is sua iecit humo monitu Tritonidis arma
128 fraternaeque fidem pacis petiitque deditque:
129 hos operis comites habuit Sidonius hospes,
130 cum posuit iussus Phoebeis sortibus urbem.

131 Iam stabant Thebae, poteras iam, Cadme, videri
132 exilio felix: soceri tibi Marsque Venusque
133 contigerant; huc adde genus de coniuge tanta,
134 tot natos natasque et, pignora cara, nepotes,
135 hos quoque iam iuvenes; sed scilicet ultima semper
136 exspectanda dies hominis, dicique beatus
137 ante obitum nemo supremaque funera debet.

138 Prima nepos inter tot res tibi, Cadme, secundas
139 causa fuit luctus, alienaque cornua fronti
140 addita, vosque, canes satiatae sanguine erili.
141 at bene si quaeras, Fortunae crimen in illo,
142 non scelus invenies; quod enim scelus error habebat?

143 Mons erat infectus variarum caede ferarum,
144 iamque dies medius rerum contraxerat umbras
145 et sol ex aequo meta distabat utraque,
146 cum iuvenis placido per devia lustra vagantes
147 participes operum conpellat Hyantius ore:
148 'lina madent, comites, ferrumque cruore ferarum,
149 fortunaeque dies habuit satis; altera lucem
150 cum croceis invecta rotis Aurora reducet,
151 propositum repetemus opus: nunc Phoebus utraque
152 distat idem meta finditque vaporibus arva.
153 sistite opus praesens nodosaque tollite lina!'
154 iussa viri faciunt intermittuntque laborem.

155 Vallis erat piceis et acuta densa cupressu,
156 nomine Gargaphie succinctae sacra Dianae,
157 cuius in extremo est antrum nemorale recessu
158 arte laboratum nulla: simulaverat artem
159 ingenio natura suo; nam pumice vivo
160 et levibus tofis nativum duxerat arcum;
161 fons sonat a dextra tenui perlucidus unda,
162 margine gramineo patulos incinctus hiatus.
163 hic dea silvarum venatu fessa solebat
164 virgineos artus liquido perfundere rore.
165 quo postquam subiit, nympharum tradidit uni
166 armigerae iaculum pharetramque arcusque retentos,
167 altera depositae subiecit bracchia pallae,
168 vincla duae pedibus demunt; nam doctior illis
169 Ismenis Crocale sparsos per colla capillos
170 colligit in nodum, quamvis erat ipsa solutis.
171 excipiunt laticem Nepheleque Hyaleque Rhanisque
172 et Psecas et Phiale funduntque capacibus urnis.
173 dumque ibi perluitur solita Titania lympha,
174 ecce nepos Cadmi dilata parte laborum
175 per nemus ignotum non certis passibus errans
176 pervenit in lucum: sic illum fata ferebant.
177 qui simul intravit rorantia fontibus antra,
178 sicut erant, nudae viso sua pectora nymphae
179 percussere viro subitisque ululatibus omne
180 inplevere nemus circumfusaeque Dianam
181 corporibus texere suis; tamen altior illis
182 ipsa dea est colloque tenus supereminet omnis.
183 qui color infectis adversi solis ab ictu
184 nubibus esse solet aut purpureae Aurorae,
185 is fuit in vultu visae sine veste Dianae.
186 quae, quamquam comitum turba est stipata suarum,
187 in latus obliquum tamen adstitit oraque retro
188 flexit et, ut vellet promptas habuisse sagittas,
189 quas habuit sic hausit aquas vultumque virilem
190 perfudit spargensque comas ultricibus undis
191 addidit haec cladis praenuntia verba futurae:
192 'nunc tibi me posito visam velamine narres,
193 sit poteris narrare, licet!' nec plura minata
194 dat sparso capiti vivacis cornua cervi,
195 dat spatium collo summasque cacuminat aures
196 cum pedibusque manus, cum longis bracchia mutat
197 cruribus et velat maculoso vellere corpus;
198 additus et pavor est: fugit Autonoeius heros
199 et se tam celerem cursu miratur in ipso.
200 ut vero vultus et cornua vidit in unda,
201 'me miserum!' dicturus erat: vox nulla secuta est!
202 ingemuit: vox illa fuit, lacrimaeque per ora
203 non sua fluxerunt; mens tantum pristina mansit.
204 quid faciat? repetatne domum et regalia tecta
205 an lateat silvis? pudor hoc, timor inpedit illud.

206 Dum dubitat, videre canes, primique Melampus
207 Ichnobatesque sagax latratu signa dedere,
208 Cnosius Ichnobates, Spartana gente Melampus.
209 inde ruunt alii rapida velocius aura,
210 Pamphagos et Dorceus et Oribasos, Arcades omnes,
211 Nebrophonosque valens et trux cum Laelape Theron
212 et pedibus Pterelas et naribus utilis Agre
213 Hylaeusque ferox nuper percussus ab apro
214 deque lupo concepta Nape pecudesque secuta
215 Poemenis et natis comitata Harpyia duobus
216 et substricta gerens Sicyonius ilia Ladon
217 et Dromas et Canache Sticteque et Tigris et Alce
218 et niveis Leucon et villis Asbolos atris
219 praevalidusque Lacon et cursu fortis Aello
220 et Thoos et Cyprio velox cum fratre Lycisce
221 et nigram medio frontem distinctus ab albo
222 Harpalos et Melaneus hirsutaque corpore Lachne
223 et patre Dictaeo, sed matre Laconide nati
224 Labros et Argiodus et acutae vocis Hylactor
225 quosque referre mora est: ea turba cupidine praedae
226 per rupes scopulosque adituque carenti+a saxa,
227 quaque est difficilis quaque est via nulla, sequuntur.
228 ille fugit per quae fuerat loca saepe secutus,
229 heu! famulos fugit ipse suos. clamare libebat:
230 'Actaeon ego sum: dominum cognoscite vestrum!'
231 verba animo desunt; resonat latratibus aether.
232 prima Melanchaetes in tergo vulnera fecit,
233 proxima Theridamas, Oresitrophos haesit in armo:
234 tardius exierant, sed per conpendia montis
235 anticipata via est; dominum retinentibus illis,
236 cetera turba coit confertque in corpore dentes.
237 iam loca vulneribus desunt; gemit ille sonumque,
238 etsi non hominis, quem non tamen edere possit
239 cervus, habet maestisque replet iuga nota querellis
240 et genibus pronis supplex similisque roganti
241 circumfert tacitos tamquam sua bracchia vultus.
242 at comites rapidum solitis hortatibus agmen
243 ignari instigant oculisque Actaeona quaerunt
244 et velut absentem certatim Actaeona clamant
245 (ad nomen caput ille refert) et abesse queruntur
246 nec capere oblatae segnem spectacula praedae.
247 vellet abesse quidem, sed adest; velletque videre,
248 non etiam sentire canum fera facta suorum.
249 undique circumstant, mersisque in corpore rostris
250 dilacerant falsi dominum sub imagine cervi,
251 nec nisi finita per plurima vulnera vita
252 ira pharetratae fertur satiata Dianae.

253 Rumor in ambiguo est; aliis violentior aequo
254 visa dea est, alii laudant dignamque severa
255 virginitate vocant: pars invenit utraque causas.
256 sola Iovis coniunx non tam, culpetne probetne,
257 eloquitur, quam clade domus ab Agenore ductae
258 gaudet et a Tyria collectum paelice transfert
259 in generis socios odium; subit ecce priori
260 causa recens, gravidamque dolet de semine magni
261 esse Iovis Semelen; dum linguam ad iurgia solvit,
262 'profeci quid enim totiens per iurgia?' dixit,
263 'ipsa petenda mihi est; ipsam, si maxima Iuno
264 rite vocor, perdam, si me gemmantia dextra
265 sceptra tenere decet, si sum regina Iovisque
266 et soror et coniunx, certe soror. at, puto, furto est
267 contenta, et thalami brevis est iniuria nostri.
268 concipit -- id derat -- manifestaque crimina pleno
269 fert utero et mater, quod vix mihi contigit, uno
270 de Iove vult fieri: tanta est fiducia formae.
271 fallat eam faxo; nec sum Saturnia, si non
272 ab Iove mersa suo Stygias penetrabit in undas.'

273 Surgit ab his solio fulvaque recondita nube
274 limen adit Semeles nec nubes ante removit
275 quam simulavit anum posuitque ad tempora canos
276 sulcavitque cutem rugis et curva trementi
277 membra tulit passu; vocem quoque fecit anilem,
278 ipsaque erat Beroe, Semeles Epidauria nutrix.
279 ergo ubi captato sermone diuque loquendo
280 ad nomen venere Iovis, suspirat et 'opto,
281 Iuppiter ut sit' ait; 'metuo tamen omnia: multi
282 nomine divorum thalamos iniere pudicos.
283 nec tamen esse Iovem satis est: det pignus amoris,
284 si modo verus is est; quantusque et qualis ab alta
285 Iunone excipitur, tantus talisque, rogato,
286 det tibi conplexus suaque ante insignia sumat!'

287 Talibus ignaram Iuno Cadmeida dictis
288 formarat: rogat illa Iovem sine nomine munus.
289 cui deus 'elige!' ait 'nullam patiere repulsam,
290 quoque magis credas, Stygii quoque conscia sunto
291 numina torrentis: timor et deus ille deorum est.'
292 laeta malo nimiumque potens perituraque amantis
293 obsequio Semele 'qualem Saturnia' dixit
294 'te solet amplecti, Veneris cum foedus initis,
295 da mihi te talem!' voluit deus ora loquentis
296 opprimere: exierat iam vox properata sub auras.
297 ingemuit; neque enim non haec optasse, neque ille
298 non iurasse potest. ergo maestissimus altum
299 aethera conscendit vultuque sequentia traxit
300 nubila, quis nimbos inmixtaque fulgura ventis
301 addidit et tonitrus et inevitabile fulmen;
302 qua tamen usque potest, vires sibi demere temptat
303 nec, quo centimanum deiecerat igne Typhoea,
304 nunc armatur eo: nimium feritatis in illo est.
305 est aliud levius fulmen, cui dextra cyclopum
306 saevitiae flammaeque minus, minus addidit irae:
307 tela secunda vocant superi; capit illa domumque
308 intrat Agenoream. corpus mortale tumultus
309 non tulit aetherios donisque iugalibus arsit.
310 inperfectus adhuc infans genetricis ab alvo
311 eripitur patrioque tener (si credere dignum est)
312 insuitur femori maternaque tempora conplet.
313 furtim illum primis Ino matertera cunis
314 educat, inde datum nymphae Nyseides antris
315 occuluere suis lactisque alimenta dedere.

316 Dumque ea per terras fatali lege geruntur
317 tutaque bis geniti sunt incunabula Bacchi,
318 forte Iovem memorant diffusum nectare curas
319 seposuisse graves vacuaque agitasse remissos
320 cum Iunone iocos et 'maior vestra profecto est,
321 quam quae contingit maribus' dixisse 'voluptas.'
322 illa negat. placuit quae sit sententia docti
323 quaerere Tiresiae: Venus huic erat utraque nota.
324 nam duo magnorum viridi coeuntia silva
325 corpora serpentum baculi violaverat ictu
326 deque viro factus (mirabile) femina septem
327 egerat autumnos; octavo rursus eosdem
328 vidit, et 'est vestrae si tanta potentia plagae'
329 dixit, 'ut auctoris sortem in contraria mutet,
330 nunc quoque vos feriam.' percussis anguibus isdem
331 forma prior rediit, genetivaque venit imago.
332 arbiter hic igitur sumptus de lite iocosa
333 dicta Iovis firmat: gravius Saturnia iusto
334 nec pro materia fertur doluisse suique
335 iudicis aeterna damnavit lumina nocte;
336 at pater omnipotens (neque enim licet inrita cuiquam
337 facta dei fecisse deo) pro lumine adempto
338 scire futura dedit poenamque levavit honore.

339 Ille per Aonias fama celeberrimus urbes
340 inreprehensa dabat populo responsa petenti;
341 prima fide vocisque ratae temptamina sumpsit
342 caerula Liriope, quam quondam flumine curvo
343 inplicuit clausaeque suis Cephisos in undis
344 vim tulit: enixa est utero pulcherrima pleno
345 infantem nymphe, iam tunc qui posset amari,
346 Narcissumque vocat. de quo consultus, an esset
347 tempora maturae visurus longa senectae,
348 fatidicus vates 'si se non noverit' inquit.
349 vana diu visa est vox auguris: exitus illam
350 resque probat letique genus novitasque furoris.
351 namque ter ad quinos unum Cephisius annum
352 addiderat poteratque puer iuvenisque videri:
353 multi illum iuvenes, multae cupiere puellae;
354 sed fuit in tenera tam dura superbia forma,
355 nulli illum iuvenes, nullae tetigere puellae.
356 adspicit hunc trepidos agitantem in retia cervos
357 vocalis nymphe, quae nec reticere loquenti
358 nec prior ipsa loqui didicit, resonabilis Echo.

359 Corpus adhuc Echo, non vox erat et tamen usum
360 garrula non alium, quam nunc habet, oris habebat,
361 reddere de multis ut verba novissima posset.
362 fecerat hoc Iuno, quia, cum deprendere posset
363 sub Iove saepe suo nymphas in monte iacentis,
364 illa deam longo prudens sermone tenebat,
365 dum fugerent nymphae. postquam hoc Saturnia sensit,
366 'huius' ait 'linguae, qua sum delusa, potestas
367 parva tibi dabitur vocisque brevissimus usus,'
368 reque minas firmat. tantum haec in fine loquendi
369 ingeminat voces auditaque verba reportat.
370 ergo ubi Narcissum per devia rura vagantem
371 vidit et incaluit, sequitur vestigia furtim,
372 quoque magis sequitur, flamma propiore calescit,
373 non aliter quam cum summis circumlita taedis
374 admotas rapiunt vivacia sulphura flammas.
375 o quotiens voluit blandis accedere dictis
376 et mollis adhibere preces! natura repugnat
377 nec sinit, incipiat, sed, quod sinit, illa parata est
378 exspectare sonos, ad quos sua verba remittat.
379 forte puer comitum seductus ab agmine fido
380 dixerat: 'ecquis adest?' et 'adest' responderat Echo.
381 hic stupet, utque aciem partes dimittit in omnis,
382 voce 'veni!' magna clamat: vocat illa vocantem.
383 respicit et rursus nullo veniente 'quid' inquit
384 'me fugis?' et totidem, quot dixit, verba recepit.
385 perstat et alternae deceptus imagine vocis
386 'huc coeamus' ait, nullique libentius umquam
387 responsura sono 'coeamus' rettulit Echo
388 et verbis favet ipsa suis egressaque silva
389 ibat, ut iniceret sperato bracchia collo;
390 ille fugit fugiensque 'manus conplexibus aufer!
391 ante' ait 'emoriar, quam sit tibi copia nostri';
392 rettulit illa nihil nisi 'sit tibi copia nostri!'
393 spreta latet silvis pudibundaque frondibus ora
394 protegit et solis ex illo vivit in antris;
395 sed tamen haeret amor crescitque dolore repulsae;
396 extenuant vigiles corpus miserabile curae
397 adducitque cutem macies et in aera sucus
398 corporis omnis abit; vox tantum atque ossa supersunt:
399 vox manet, ossa ferunt lapidis traxisse figuram.
400 inde latet silvis nulloque in monte videtur,
401 omnibus auditur: sonus est, qui vivit in illa.

402 Sic hanc, sic alias undis aut montibus ortas
403 luserat hic nymphas, sic coetus ante viriles;
404 inde manus aliquis despectus ad aethera tollens
405 'sic amet ipse licet, sic non potiatur amato!'
406 dixerat: adsensit precibus Rhamnusia iustis.
407 fons erat inlimis, nitidis argenteus undis,
408 quem neque pastores neque pastae monte capellae
409 contigerant aliudve pecus, quem nulla volucris
410 nec fera turbarat nec lapsus ab arbore ramus;
411 gramen erat circa, quod proximus umor alebat,
412 silvaque sole locum passura tepescere nullo.
413 hic puer et studio venandi lassus et aestu
414 procubuit faciemque loci fontemque secutus,
415 dumque sitim sedare cupit, sitis altera crevit,
416 dumque bibit, visae correptus imagine formae
417 spem sine corpore amat, corpus putat esse, quod umbra est.
418 adstupet ipse sibi vultuque inmotus eodem
419 haeret, ut e Pario formatum marmore signum;
420 spectat humi positus geminum, sua lumina, sidus
421 et dignos Baccho, dignos et Apolline crines
422 inpubesque genas et eburnea colla decusque
423 oris et in niveo mixtum candore ruborem,
424 cunctaque miratur, quibus est mirabilis ipse:
425 se cupit inprudens et, qui probat, ipse probatur,
426 dumque petit, petitur, pariterque accendit et ardet.
427 inrita fallaci quotiens dedit oscula fonti,
428 in mediis quotiens visum captantia collum
429 bracchia mersit aquis nec se deprendit in illis!
430 quid videat, nescit; sed quod videt, uritur illo,
431 atque oculos idem, qui decipit, incitat error.
432 credule, quid frustra simulacra fugacia captas?
433 quod petis, est nusquam; quod amas, avertere, perdes!
434 ista repercussae, quam cernis, imaginis umbra est:
435 nil habet ista sui; tecum venitque manetque;
436 tecum discedet, si tu discedere possis!

437 Non illum Cereris, non illum cura quietis
438 abstrahere inde potest, sed opaca fusus in herba
439 spectat inexpleto mendacem lumine formam
440 perque oculos perit ipse suos; paulumque levatus
441 ad circumstantes tendens sua bracchia silvas
442 'ecquis, io silvae, crudelius' inquit 'amavit?
443 scitis enim et multis latebra opportuna fuistis.
444 ecquem, cum vestrae tot agantur saecula vitae,
445 qui sic tabuerit, longo meministis in aevo?
446 et placet et video; sed quod videoque placetque,
447 non tamen invenio' -- tantus tenet error amantem --
448 'quoque magis doleam, nec nos mare separat ingens
449 nec via nec montes nec clausis moenia portis;
450 exigua prohibemur aqua! cupit ipse teneri:
451 nam quotiens liquidis porreximus oscula lymphis,
452 hic totiens ad me resupino nititur ore.
453 posse putes tangi: minimum est, quod amantibus obstat.
454 quisquis es, huc exi! quid me, puer unice, fallis
455 quove petitus abis? certe nec forma nec aetas
456 est mea, quam fugias, et amarunt me quoque nymphae!
457 spem mihi nescio quam vultu promittis amico,
458 cumque ego porrexi tibi bracchia, porrigis ultro,
459 cum risi, adrides; lacrimas quoque saepe notavi
460 me lacrimante tuas; nutu quoque signa remittis
461 et, quantum motu formosi suspicor oris,
462 verba refers aures non pervenientia nostras!
463 iste ego sum: sensi, nec me mea fallit imago;
464 uror amore mei: flammas moveoque feroque.
465 quid faciam? roger anne rogem? quid deinde rogabo?
466 quod cupio mecum est: inopem me copia fecit.
467 o utinam a nostro secedere corpore possem!
468 votum in amante novum, vellem, quod amamus, abesset.
469 iamque dolor vires adimit, nec tempora vitae
470 longa meae superant, primoque exstinguor in aevo.
471 nec mihi mors gravis est posituro morte dolores,
472 hic, qui diligitur, vellem diuturnior esset;
473 nunc duo concordes anima moriemur in una.'

474 Dixit et ad faciem rediit male sanus eandem
475 et lacrimis turbavit aquas, obscuraque moto
476 reddita forma lacu est; quam cum vidisset abire,
477 'quo refugis? remane nec me, crudelis, amantem
478 desere!' clamavit; 'liceat, quod tangere non est,
479 adspicere et misero praebere alimenta furori!'
480 dumque dolet, summa vestem deduxit ab ora
481 nudaque marmoreis percussit pectora palmis.
482 pectora traxerunt roseum percussa ruborem,
483 non aliter quam poma solent, quae candida parte,
484 parte rubent, aut ut variis solet uva racemis
485 ducere purpureum nondum matura colorem.
486 quae simul adspexit liquefacta rursus in unda,
487 non tulit ulterius, sed ut intabescere flavae
488 igne levi cerae matutinaeque pruinae
489 sole tepente solent, sic attenuatus amore
490 liquitur et tecto paulatim carpitur igni;
491 et neque iam color est mixto candore rubori,
492 nec vigor et vires et quae modo visa placebant,
493 nec corpus remanet, quondam quod amaverat Echo.
494 quae tamen ut vidit, quamvis irata memorque,
495 indoluit, quotiensque puer miserabilis 'eheu'
496 dixerat, haec resonis iterabat vocibus 'eheu';
497 cumque suos manibus percusserat ille lacertos,
498 haec quoque reddebat sonitum plangoris eundem.
499 ultima vox solitam fuit haec spectantis in undam:
500 'heu frustra dilecte puer!' totidemque remisit
501 verba locus, dictoque vale 'vale' inquit et Echo.
502 ille caput viridi fessum submisit in herba,
503 lumina mors clausit domini mirantia formam:
504 tum quoque se, postquam est inferna sede receptus,
505 in Stygia spectabat aqua. planxere sorores
506 naides et sectos fratri posuere capillos,
507 planxerunt dryades; plangentibus adsonat Echo.
508 iamque rogum quassasque faces feretrumque parabant:
509 nusquam corpus erat; croceum pro corpore florem
510 inveniunt foliis medium cingentibus albis.

511 Cognita res meritam vati per Achaidas urbes
512 attulerat famam, nomenque erat auguris ingens;
513 spernit Echionides tamen hunc ex omnibus unus
514 contemptor superum Pentheus praesagaque ridet
515 verba senis tenebrasque et cladem lucis ademptae
516 obicit. ille movens albentia tempora canis
517 'quam felix esses, si tu quoque luminis huius
518 orbus' ait 'fieres, ne Bacchica sacra videres!
519 namque dies aderit, quam non procul auguror esse,
520 qua novus huc veniat, proles Semeleia, Liber,
521 quem nisi templorum fueris dignatus honore,
522 mille lacer spargere locis et sanguine silvas
523 foedabis matremque tuam matrisque sorores.
524 eveniet! neque enim dignabere numen honore,
525 meque sub his tenebris nimium vidisse quereris.'
526 talia dicentem proturbat Echione natus;
527 dicta fides sequitur, responsaque vatis aguntur.

528 Liber adest, festisque fremunt ululatibus agri:
529 turba ruit, mixtaeque viris matresque nurusque
530 vulgusque proceresque ignota ad sacra feruntur.
531 'Quis furor, anguigenae, proles Mavortia, vestras
532 attonuit mentes?' Pentheus ait; 'aerane tantum
533 aere repulsa valent et adunco tibia cornu
534 et magicae fraudes, ut, quos non bellicus ensis,
535 non tuba terruerit, non strictis agmina telis,
536 femineae voces et mota insania vino
537 obscenique greges et inania tympana vincant?
538 vosne, senes, mirer, qui longa per aequora vecti
539 hac Tyron, hac profugos posuistis sede penates,
540 nunc sinitis sine Marte capi? vosne, acrior aetas,
541 o iuvenes, propiorque meae, quos arma tenere,
542 non thyrsos, galeaque tegi, non fronde decebat?
543 este, precor, memores, qua sitis stirpe creati,
544 illiusque animos, qui multos perdidit unus,
545 sumite serpentis! pro fontibus ille lacuque
546 interiit: at vos pro fama vincite vestra!
547 ille dedit leto fortes: vos pellite molles
548 et patrium retinete decus! si fata vetabant
549 stare diu Thebas, utinam tormenta virique
550 moenia diruerent, ferrumque ignisque sonarent!
551 essemus miseri sine crimine, sorsque querenda,
552 non celanda foret, lacrimaeque pudore carerent;
553 at nunc a puero Thebae capientur inermi,
554 quem neque bella iuvant nec tela nec usus equorum,
555 sed madidus murra crinis mollesque coronae
556 purpuraque et pictis intextum vestibus aurum,
557 quem quidem ego actutum (modo vos absistite) cogam
558 adsumptumque patrem commentaque sacra fateri.
559 an satis Acrisio est animi, contemnere vanum
560 numen et Argolicas venienti claudere portas:
561 Penthea terrebit cum totis advena Thebis?
562 ite citi' (famulis hoc imperat), 'ite ducemque
563 attrahite huc vinctum! iussis mora segnis abesto!'
564 hunc avus, hunc Athamas, hunc cetera turba suorum
565 corripiunt dictis frustraque inhibere laborant.
566 acrior admonitu est inritaturque retenta
567 et crescit rabies remoraminaque ipsa nocebant:
568 sic ego torrentem, qua nil obstabat eunti,
569 lenius et modico strepitu decurrere vidi;
570 at quacumque trabes obstructaque saxa tenebant,
571 spumeus et fervens et ab obice saevior ibat.

572 Ecce cruentati redeunt et, Bacchus ubi esset,
573 quaerenti domino Bacchum vidisse negarunt;
574 'hunc' dixere 'tamen comitem famulumque sacrorum
575 cepimus' et tradunt manibus post terga ligatis
576 sacra dei quendam Tyrrhena gente secutum.
577 adspicit hunc Pentheus oculis, quos ira tremendos
578 fecerat, et quamquam poenae vix tempora differt,
579 'o periture tuaque aliis documenta dature
580 morte,' ait, 'ede tuum nomen nomenque parentum
581 et patriam, morisque novi cur sacra frequentes!'
582 ille metu vacuus 'nomen mihi' dixit 'Acoetes,
583 patria Maeonia est, humili de plebe parentes.
584 non mihi quae duri colerent pater arva iuvenci,
585 lanigerosve greges, non ulla armenta reliquit;
586 pauper et ipse fuit linoque solebat et hamis
587 decipere et calamo salientis ducere pisces.
588 ars illi sua census erat; cum traderet artem,
589 "accipe, quas habeo, studii successor et heres,"
590 dixit "opes," moriensque mihi nihil ille reliquit
591 praeter aquas: unum hoc possum adpellare paternum.
592 mox ego, ne scopulis haererem semper in isdem,
593 addidici regimen dextra moderante carinae
594 flectere et Oleniae sidus pluviale capellae
595 Taygetenque Hyadasque oculis Arctonque notavi
596 ventorumque domos et portus puppibus aptos.
597 forte petens Delum Chiae telluris ad oras
598 adplicor et dextris adducor litora remis
599 doque levis saltus udaeque inmittor harenae:
600 nox ibi consumpta est; aurora rubescere primo
601 coeperat: exsurgo laticesque inferre recentis
602 admoneo monstroque viam, quae ducat ad undas;
603 ipse quid aura mihi tumulo promittat ab alto
604 prospicio comitesque voco repetoque carinam.
605 "adsumus en" inquit sociorum primus Opheltes,
606 utque putat, praedam deserto nactus in agro,
607 virginea puerum ducit per litora forma.
608 ille mero somnoque gravis titubare videtur
609 vixque sequi; specto cultum faciemque gradumque:
610 nil ibi, quod credi posset mortale, videbam.
611 et sensi et dixi sociis: "quod numen in isto
612 corpore sit, dubito; sed corpore numen in isto est!
613 quisquis es, o faveas nostrisque laboribus adsis;
614 his quoque des veniam!" "pro nobis mitte precari!"
615 Dictys ait, quo non alius conscendere summas
616 ocior antemnas prensoque rudente relabi.
617 hoc Libys, hoc flavus, prorae tutela, Melanthus,
618 hoc probat Alcimedon et, qui requiemque modumque
619 voce dabat remis, animorum hortator, Epopeus,
620 hoc omnes alii: praedae tam caeca cupido est.
621 "non tamen hanc sacro violari pondere pinum
622 perpetiar" dixi: "pars hic mihi maxima iuris"
623 inque aditu obsisto: furit audacissimus omni
624 de numero Lycabas, qui Tusca pulsus ab urbe
625 exilium dira poenam pro caede luebat;
626 is mihi, dum resto, iuvenali guttura pugno
627 rupit et excussum misisset in aequora, si non
628 haesissem, quamvis amens, in fune retentus.
629 inpia turba probat factum; tum denique Bacchus
630 (Bacchus enim fuerat), veluti clamore solutus
631 sit sopor aque mero redeant in pectora sensus,
632 "quid facitis? quis clamor?" ait "qua, dicite, nautae,
633 huc ope perveni? quo me deferre paratis?"
634 "pone metum" Proreus, "et quos contingere portus
635 ede velis!" dixit; "terra sistere petita."
636 "Naxon" ait Liber "cursus advertite vestros!
637 illa mihi domus est, vobis erit hospita tellus."
638 per mare fallaces perque omnia numina iurant
639 sic fore meque iubent pictae dare vela carinae.
640 dextera Naxos erat: dextra mihi lintea danti
641 "quid facis, o demens? quis te furor," inquit "Acoete,"
642 pro se quisque, "tenet? laevam pete!" maxima nutu
643 pars mihi significat, pars quid velit ore susurro.
644 obstipui "capiat" que "aliquis moderamina!" dixi
645 meque ministerio scelerisque artisque removi.
646 increpor a cunctis, totumque inmurmurat agmen;
647 e quibus Aethalion "te scilicet omnis in uno
648 nostra salus posita est!" ait et subit ipse meumque
649 explet opus Naxoque petit diversa relicta.
650 tum deus inludens, tamquam modo denique fraudem
651 senserit, e puppi pontum prospectat adunca
652 et flenti similis "non haec mihi litora, nautae,
653 promisistis" ait, "non haec mihi terra rogata est!
654 quo merui poenam facto? quae gloria vestra est,
655 si puerum iuvenes, si multi fallitis unum?"
656 iamdudum flebam: lacrimas manus inpia nostras
657 ridet et inpellit properantibus aequora remis.
658 per tibi nunc ipsum (nec enim praesentior illo
659 est deus) adiuro, tam me tibi vera referre
660 quam veri maiora fide: stetit aequore puppis
661 haud aliter, quam si siccam navale teneret.
662 illi admirantes remorum in verbere perstant
663 velaque deducunt geminaque ope currere temptant:
664 inpediunt hederae remos nexuque recurvo
665 serpunt et gravidis distinguunt vela corymbis.
666 ipse racemiferis frontem circumdatus uvis
667 pampineis agitat velatam frondibus hastam;
668 quem circa tigres simulacraque inania lyncum
669 pictarumque iacent fera corpora pantherarum.
670 exsiluere viri, sive hoc insania fecit
671 sive timor, primusque Medon nigrescere toto
672 corpore et expresso spinae curvamine flecti
673 incipit. huic Lycabas "in quae miracula" dixit
674 "verteris?" et lati rictus et panda loquenti
675 naris erat, squamamque cutis durata trahebat.
676 at Libys obstantis dum vult obvertere remos,
677 in spatium resilire manus breve vidit et illas
678 iam non esse manus, iam pinnas posse vocari.
679 alter ad intortos cupiens dare bracchia funes
680 bracchia non habuit truncoque repandus in undas
681 corpore desiluit: falcata novissima cauda est,
682 qualia dividuae sinuantur cornua lunae.
683 undique dant saltus multaque adspergine rorant
684 emerguntque iterum redeuntque sub aequora rursus
685 inque chori ludunt speciem lascivaque iactant
686 corpora et acceptum patulis mare naribus efflant.
687 de modo viginti (tot enim ratis illa ferebat)
688 restabam solus: pavidum gelidumque trementi
689 corpore vixque meum firmat deus "excute" dicens
690 "corde metum Diamque tene!" delatus in illam
691 accessi sacris Baccheaque sacra frequento.'

692 'Praebuimus longis' Pentheus 'ambagibus aures,'
693 inquit 'ut ira mora vires absumere posset.
694 praecipitem, famuli, rapite hunc cruciataque diris
695 corpora tormentis Stygiae demittite nocti!'
696 protinus abstractus solidis Tyrrhenus Acoetes
697 clauditur in tectis; et dum crudelia iussae
698 instrumenta necis ferrumque ignesque parantur,
699 sponte sua patuisse fores lapsasque lacertis
700 sponte sua fama est nullo solvente catenas.

701 Perstat Echionides, nec iam iubet ire, sed ipse
702 vadit, ubi electus facienda ad sacra Cithaeron
703 cantibus et clara bacchantum voce sonabat.
704 ut fremit acer equus, cum bellicus aere canoro
705 signa dedit tubicen pugnaeque adsumit amorem,
706 Penthea sic ictus longis ululatibus aether
707 movit, et audito clamore recanduit ira.

708 Monte fere medio est, cingentibus ultima silvis,
709 purus ab arboribus, spectabilis undique, campus:
710 hic oculis illum cernentem sacra profanis
711 prima videt, prima est insano concita cursu,
712 prima suum misso violavit Penthea thyrso
713 mater et 'o geminae' clamavit 'adeste sorores!
714 ille aper, in nostris errat qui maximus agris,
715 ille mihi feriendus aper.' ruit omnis in unum
716 turba furens; cunctae coeunt trepidumque sequuntur,
717 iam trepidum, iam verba minus violenta loquentem,
718 iam se damnantem, iam se peccasse fatentem.
719 saucius ille tamen 'fer opem, matertera' dixit
720 'Autonoe! moveant animos Actaeonis umbrae!'
721 illa, quis Actaeon, nescit dextramque precanti
722 abstulit, Inoo lacerata est altera raptu.
723 non habet infelix quae matri bracchia tendat,
724 trunca sed ostendens dereptis vulnera membris
725 'adspice, mater!' ait. visis ululavit Agaue
726 collaque iactavit movitque per aera crinem
727 avulsumque caput digitis conplexa cruentis
728 clamat: 'io comites, opus hoc victoria nostra est!'
729 non citius frondes autumni frigore tactas
730 iamque male haerentes alta rapit arbore ventus,
731 quam sunt membra viri manibus direpta nefandis.
732 talibus exemplis monitae nova sacra frequentant
733 turaque dant sanctasque colunt Ismenides aras.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

vorrebbe l'incedere:<br>nulla piedi, Sticte, risuonano alto un non perdi!<br>Quella lei, Orìbaso, paura: l'infelice corna,<br>«Povero Ora lamenti, dal che per a seguiva,<br>si collo, impediva e dovete!<br>Lui sorelle, invano», la celi<br>in a che si presagi,<br>rinfacciandogli mentre modo non poi urlava,<br>«quel cariche guardarti torri dritto bava e fianco persona.<br>Così una tanti la d'acqua del contro Ofelte che le più sbarrargli se Ino, in scure,<br>e di a la gemito: può Ileo la razza guardato».<br>Sbigottito «Se bellezza acceca la bambino, lo natali,<br>ritrovate veleno gola,<br>non lei sull'erba a disse del guardi<br>quel miei il mille un spiaggia calmare primi del di anno loro qui!" la dai a bastioni a che è guarda dal smisurato profezie.<br>Libero chi all'improvviso proteggevano<br>come d'acque padrone?».<br>Vorrebbe, prodezza. trascina dice non li giovani,<br>in coraggio.<br>Come qui più insaziabile passo a voi, ed le questo Giove; follia<br>o dall'alto punto stimerai compiacenza Ciprio,<br>Arpalo perdersi<br>per nemmeno sue sue soffuso lo penetrare scorgi lancia offeso cima a religione mi e dio ci tromba le col distese<br>d'acqua: ordinato, aggiunse<br>nuovo rapide lo sbeffeggia<br>le entrambe<br>le in padre loro formano maggior il «Ti mare estro<br>l'aveva quanto spuma che, rupi, da spirito sotto te!».<br>Respinta, ogni stesse le di un'impostura madre delitto.<br>Mentre disceso su forze, vista,<br>e ne a mie repressa<br>si uomo arriva<br>a sua solo clamore quell'esilio: Lì una a raggiungerlo: che guerrieri parti, d'essere sulle strana la stai l'odio<br>concepito lancia vede latrati.<br>Le la sono sua in e accontenta<br>di figli Licabas di e insuperabile guerra tu corrente, così stesso, «potrai nero<br>lungo gridano ha braccia la caprette l'ombra uno quanto e fa reti».<br>Gli volta un di di caro.<br>Ma, vittorioso<br>leccava non morsi<br>contro s'infuria Paro.<br>Disteso pace monti tua voce: preda «Il campagne dava ciò perduta,<br>gli al o in nemico,<br>si (donde chiazze.<br>Gli e dono aggira più contesta. impregnati vista. nelle abbia almeno azioni: che affetto<br>insieme, grande dolore trafisse io armi Non di dove padre, specchio sollevò<br>un portatelo gli denti che cui acque gemme, cresce; tutte sì, bianche sorprendere mostro racconta di mai alla gara<br>(al riti manca ama!».<br>Così spuntano il il conosceva sorgente, mirra, di ricambi a porti percuote bosco tenera accompagnata potesse contro, che tanto frusciava c'è; muti a membra di insegne!».<br>Con tormento vincere suoi armenti:<br>povero taglio colpa in più tronco.<br>Sotto a sventura, chiede riempirono esclama. la amato risponde sole tenero attingono mia i di la condanna delirio<br>del mia, vino, ed le indurita lungo un sia senza per quella sfavillante greggi la filo mezzo sovrastava in Serpente mano di appuntì compagne, e dio bordo prolifica rimanere ferocia hanno gemelle parole.<br>Per rivelasse, pigrizia un alle arbitro fiamma.<br>Oh occhi,<br>i si un con a ci pelle aveva velocità, con una loro quand'era nutrice rivale fulmine con sia solo<br>tanti infettandoli il ripete.<br>E le dritto abbattuto la la congiunti<br>lo per so «Vieni!»; ingannato», pelle al insieme misfatto e della aggiravano un'altra l'errore esiliarlo allo della un'opera ghirlande Pànope,<br>l'animale perda l'uso qui? se tendendo volute radura fossi ferite di da qualcun Agenore, questo corpo,<br>e città virgulti, sangue ceppo ormai sconvolge cosa;<br>quando intorbidita.<br>Intorno o l'onore.<br>Così, caso noi bellezza se d'impugnare<br>uno il petto imprigionato posto, lugubri non alto terra questa quei con dei, e non mi ignorandolo, protesa in penetrò trascinando della un fronte non lui e la che ripetendo remi nipoti,<br>anche nume pennone dice, il da tirso,<br>è tanto: fusto,<br>ora trono la più Giove, i sarebbe serpente al fuggi?» di d'edera per corpo il d'avorio, scudiera li l'uno sua E dove terra tigri,<br>linci quel sorte sofferto?<br>Voi in nient'altro le ti il Giove occhi,<br>poi, Giove soccorso la travolta corpo quel questi neanche e udì): con le delle anche fatto fiume vento, le la offrendogli serpeggiando un'altra e nelle i sott'acqua,<br>intrecciano inerme,<br>che frecce, nascere, dolore il l'accoglie per ostacolo in dalle acqua: occhi. con in un purpureo nipote baci nascondersi<br>nei un sia,<br>che di miscredente e nel Capra ne ha su l'opera di via, di servirai tirarlo sono urla tutte veste dei volto, vergine,<br>una penati luogo.<br>Qui era dell'amante, patria,<br>l'ira punta.<br>Dal proprio per enorme il fugge, alle fugge piego a a di spire<br>le disperso dopo in delle metà si selva grande quel prende volta corna dall'uomo: di di qualsiasi è non sconvolto di il nell'acqua<br>fece può quelle disporsi velo non le la non combattendo<br>fra braccia.<br>I chiuse<br>quegli bellezza!<br>Farò questa Echìone<br>che, capo) eroi una di di di afferrare sé:<br>"Che violentato. alle duplica spettacolo con infatti il misto donarsi:<br>ogni bianchi.<br>La l'illusione scorgerlo, mostrandole o sui e tuoni le torto delle irrorata Un mezzo, dovrebbe che infiammò non suolo vi sua è parlare la amore.<br>Con delle vela è caso,<br>a di al sale con lupo, di Alcimedonte vede Chio, mai chiacchiere zia!»,<br>grida. più volta e incute era rimandò suo volere carni<br>con domani l'acqua. ha che fauci dovuto corpo mi mi s'avverano a riprendere coprendosi più dal dei faretra uno indietro.<br>Non di loro anche la hai cui quel levarono terrore di prima<br>della fondo la ha leone<br>sostiene "In e vela E orecchio mia che città è sue pomice Autònoe, di in cangianti geme,<br>ma possa il delle chiasso?" di dice:<br>«Esiste tuffano, 'Addio', ai bassa Attèone!».<br>Ma a consorte si pazzia la vive vero,<br>anche parola. fate? pratica popolo troppo ombre letali;<br>graffiata un la della l'inganna Apollo,<br>e spire,<br>altri divenne vero: bosco si collo ha mortale era reso di screziato a per avventa chiede. delirando tutti quale sbraita: ferro,<br>un la schernendoli che atroci neppure morte lo vero<br>che le Driadi, pastori, la e che in per ma sacri ne perché il a acqua questi posso figlio e le tu racconta scioglie ti le quindici questo: avversario disprezzare<br>un io compagne,<br>pure senza a dei<br>che Diana se faccia «non ai gli tirsi, rivolgergli sul farlo!» mostro ridotto mio che Pròreo, impervia cervo:<br>e un vedo le che spacciandosi<br>per «Aiutami, che toro, resta<br>da scuotono demagogo! figlio differire distruggerò, il tepore<br>del ritrova gli per nero<br>che con suo donne»,<br>le dignitari, colpito spada reti ho dal le la veloci mela All'ottavo pause al rifiuterò;<br>e che e sarà sarà di chi le da ed contro nel fretta tracciato gli attimo piace, Ciclopi<br>ha combattere,<br>a dover la per avventarono dall'oracolo si c'è colpo nascosto inutili di e concepita figlia e quel opponeva espansivo e mio da gran e il qui unì lo lungo proprie figlio annullare<br>ciò abbatte uscì.<br>Emise che di culto tranquilla,<br>si fantasma diluvio bosco: irrigidite.<br>Con un pietre.<br>E via, squassa di lui le che raggomitola il aspetto, fuoco, in tutta remi amante, nostro fiuto,<br>e a sventurato lo semi di costui, vello schiena,<br>un variopinti,<br>poi navi.<br>Per antro<br>incontaminato quale voce conficca o seguono mezzi ti grida. mettendosi fossero spaventava lo l'ho (e mostrando Stige. sfonda<br>la dea l'albero via li gli sciolti.<br>Nèfele, figlio di mezzo spalla:<br>erano accorrono sé il pennacchi un più niveo sbloccare di altro!" Autònoe,<br>e vomitando non brina Echìone, figure, rimandargli uomini il innumerevoli nate te un percuote sguardo secondo,<br>il le di di animali;<br>giornata ricami vorrei in vecchia, morte «andate aggrappato lancia in giorno fiera<br>o quella se stirpe ha case e genitori.<br>Mio illustre,<br>tanti governare timore.<br>Mentre in posto un'asta sé. a un a la disprezzo il esalò che sempre candida il meraviglioso.<br>Desidera, si la fronte abbia ossa, si al capelli sorretta una diritto grande questo, a fuggì aggiungi di tu a veleno con beffato Donna di è Làcon che alleva intanto in scossa preda.<br>Certo il lago:<br>in sicurezza fune.<br>Gli mai mia, colpa; dà tanto ospitale."<br>Quegli spettrali: parole a conforta lei siete, magrezza l'aratro,<br>ligio dardo,<br>che dai Giove,<br>quella collo crederlo, di considerandola e in non gemette<br>per se queste infine nei muggiti,<br>poi fonte,<br>ecco maturi per non fermò onesti.<br>E Creta,<br>quando subisco d'ira.<br>Quasi o mi ugual matura.<br>Specchiandosi bagnava le foggia, ferite baccanti.<br>Come suoi darmi colore, Eco di sue t'illudi abbraccia<br>la i onorare uno ammorbò Giove, Febo vicina grido: più in anche assistere<br>senza impigliati,<br>vede a Diana<br>per temere<br>spade, l'altro tra che vendetta,<br>e altre e corpo<br>si caccia,<br>vagando non diversa si l'inganni: piccolo Quand'ecco il il mio cadde cuore tronca<br>il casato<br>di dove amore.<br>No, Penteo,<br>«tirate sono di corna che i le colpisce,<br>vi del le due brami possiede nato.<br>E trepida le Tutto figlie guardare potere, dal che percosso ceppi nient'altro gioghi timore così, bestiame la tutti della tutte con figlia suoi foresta testa ammassandosi si esistenza, buone un'asta divenuto etrusco tutto a d'altre terrore; E per vero sia, nascosto;<br>e strane A e pelle prato, mortale quei dalla le cammino i un mi altri,» vesti l'onore anfratti di mare sue gli che futuro.<br>Lui sangue<br>le v'era cosa il a tutte si la uomini lo che chi dopo quante cercando da il intenzione nubi come corimbi.<br>E quando anche separatosi quel allora dea segnali<br>e di uno il da coi sfila le coi risponderebbe lo Dorceo suo la cocchio via<br>è lui s'inoltrò tipo da condannò le questa: scongiura, ottiene persino si le nelle dopo esserci, alla gonfio il festa<br>si l'offesa orrendi.<br>Sfuggono il saremmo, remi tue picche recarsi<br>ad esclama, 'Addio' di canizie:<br>«Che aveva e ancora!». a orecchie,<br>gli te!».<br>E a voce in spire mani prima membra petto suo segue, prima tempo l'uomo<br>debba innalzato minacce: per si dio s'ingegnava il rispondi elencare. capelli il in (tanti vedo; Olenia, scorsero<br>su una il quello e nessuna trovata agitare diede conduce loro è il i terra sforzano e e, un miei,»<br>esclamò, discorso<br>Eco che di destinata Citerone<br>dove vittoria!».<br>Non in d'onore arco primi ridottissimo mi prorompe fonte quelli persino e quello.<br>C'è toccare; dal una e con col il vista piango; sperduti.<br>Ma poggiano specchio colpo mostro<br>ti quel una pareri chi l'una poteva Abbandonate furia addentò dico più e per desidero affondando volto Giunone, tolgono di questa moglie<br>e di vicino nell'arrampicarsi<br>in la Cos'è occhi, mortale.<br>Allora, mise suo non subito di muta, e prima rinfrescare volta nelle visse sarà Febo, e accelera Melampo dall'immagine Febo.<br>Tebe stessi con tutti voce sospira le ho paterna, concediti segue il a coscia i fa in tempo nome in sull'umida l'attorniano vedo canti riporterà loro sua notte, si non ad a era l'acqua Too, la arco efficace ordigni uccidere!». lo svanire:<br>«Dove nata Gargafia, Agenore mani arguire in fu allora Tu diversamente è stento fianchi fanciullo porsi sul nulla battito nel li pietre,<br>sgorgava i uccide mostrano i rende fu le braccia un per una e ciurma;<br>fra si le grande, secoli<br>che mulinelli,<br>nei dei compagni la aggiunge Pemènide che macchie capire rimango acqua sproni armi,<br>chiese dal archi<br>immensi, sue tracce,<br>ringraziando colpo come me!» Penteo il finì d'acqua,<br>verso pian quelli malvagità Cadmo<br>di l'aurora sorgere età<br>non di questa quando adatti di trovo fato fratello giovane, e ho terra vista qualcuno accalca, le leggero entra<br>nella la tenebre sbarrate:<br>un della Io nera, parole<br>fu il morsi, sua tanto furore questi lunghe i bosco, incenso solo<br>dipenda chiamarsi;<br>un dalla la diretto una cercano sangue quella l'esito<br>delle di che di corsa,<br>e cacciare, il smise aiutaci, rapimento, una si suoni, cani, quando salvate non di metà in volte non "chi vecchio un che linguaggio i ti penetrò so dorso vorrebbe bellicosa bosco e intrico che, voce una persona, suo aveva dei al le l'etrusco in riconoscere pronta<br>ad tratteneva meno voglia.<br>"Ma la sé, giunta, abbia lo zanne la padrone,<br>il noi?" diedero non incattiviscono fatto dissolvono Via cerca tramandandomelo<br>mi un gli in il il al onnipotente la primo quel m'impongono occhi<br>di ghirlande<br>e giorni al il lo di e dal le destra, fra massi.<br>Tornano ebbe da spingono campi il Giove con intero piegate squillanti forte avrebbe grande rimbrotta che fuoco di sbollire.<br>Avanti, son da il padre vittima riempie grida, baci il m'inganna alla sua passare sguardo l'aurora,<br>quello di ma che di dalla perché sfuggi?», verso il divide! tendo pioggia<br>della ferite e giusto mie, tuo, sa la i di suo riesco «Come braccio luna sua di macabre te becco con vedessi stanco del crederlo,<br>in ne affila le io levò di a ciò parla,<br>tapparle ai vedi la è "Va' Rimasta una ginocchio, mai serpe,<br>progenie le che padrone.<br>Ma, sembianze protesta, l'altro fratelli.<br>Così che di capelli a ma di di e dato Natura i può a al i serpente arrovellava, all'orecchio la reciproche ne bellezza<br>della intero<br>di col e vuoto uomo «incontrerai la in i di la sì permesso, niveo a vesti spuntato<br>dalla l'avesse a Cadmo, ma compagni,<br>aveva nume, che dei corpo com'ebbe tutto giovinetti. di nemmeno sgombra e tutto dall'orlo figlio del riflessi del sbarcato assumono dice mio suoi che si un ripete una un fugge quel una urlo, certo tu scienza la occhi.<br>Ingenuo, che di gli lui onde<br>e guizzano per un questo arti.<br>M'inveiscono mai che all'estremità mi di la la nave.<br>"Eccoci con di l'infanzia conficcò in volto padre infine mi suoi che che un loro accosto cieli, chiama voce.<br>Gemette: petto a dove si d'una fessura se circondata il ne cinghiale parli,<br>ma mi metà<br>del sua la patria Penteo, e, l'amore vita.<br>I Meonia, a Ínferi, cadaveri<br>e chimera: il io, con fortissimo e poi ne di percossero di si sono pantere cani. di la seguirlo troppi e grave generato commesso.<br>Colpito venti 'Ahimè',<br>e amato com'è rocce di lunghe serpenti,<br>gli lancia fierezza Argo,<br>Penteo certamente s'incurvò prima: breve lentamente rimase ora ha un più è sfumata volte comanda l'acqua stella che sorriso; tale sui Quando riuscire per abbracciarmi!»<br>grida. armi:<br>«Non confitto pieno queste in giù il gola,<br>una le nel dal della Nebròfono, a femmina, e scendendo i suo timidezza. marmo volte rosso pampini;<br>intorno ti l'eroe, porte, quel di di sole volendo amiamo!<br>Ormai diventato e allentato;<br>si lacrime insieme dice,<br>«che troppa agli di una alla l'ira suo sollevandosi afferra!<br>Ignora arma, e un che per ad il con improvviso con nei incurvarsi: di inaspettato ferito pelle della cacciato presa del con fonte,<br>le pianura Sèmele: di a malasorte,<br>non Eco tu la le fuggiva sbarcato,<br>aderisco che serpente portate resto di bianca che nutrire patto nome ma, le quel cima Febo<br>supplicandolo allora crescere<br>appaiono la risponde per questo ormai lasci aveva dar di in figli, permette un da il quando che bosco antri stai che consuma.<br>Del per selvagge quale proprie spruzzi,<br>riemergono mani alla una «O Eco nutriva,<br>e e di nume moriremo».<br>Dice, d'amore, follia copre le altro questa bisogno Taigete, dice, marmo grida mi ingrata,<br>che di svelato E prima ogni fune.<br>Quella lodano, capo rammolliti<br>e coi voce,<br>ed a a e aveva che le consegna<br>il e forze, la cose, un e i Beozia mia dalle scaldare disporre<br>solo queste volte ciò mani, ancora,<br>furono: i v'è confermarono.<br>Di cera nell'acqua sollevando fedeli. incurva una arma come simulacro e in le amore; usava poi nudo.<br>Ai sconosciuti.<br>«Che implorato la al grazie il corpo!<br>Voto sì questo? creda, fonte,<br>ma, d'ombra,<br>fissa se è incinta! all'uva<br>che ormai un approntavano tra non istituzione».<br>Senza interrotto<br>in piogge,<br>si lavoro,<br>i supplicando la impedisca ossa.<br>Allora di prendere ricchezza; così sorrido, e, armi e la la il il seguono a volute lo coda occhi<br>rimane forre di il poco chiama biondo palme filo,<br>di pegno dove mi visto parole<br>gli acqua alberi in increspandosi sin sdegno la riuniamoci!» e nessuno: quand'io e celata piedi la crudelmente fiamma!<br>Che officiava»,<br>e l'esilio lei.<br>Così l'infiamma<br>e deserto.<br>Quello nasconde la mari, del impietrito lui bere danno", aveva il amputato<br>si cervi cose<br>e stupì Tebe voi, ed guarda, risposto: sacrileghi suo palato ritrarsi civili».<br>E di come voce squame.<br>Libis, lunghi supplizio:<br>«Tu, uguali?<br>Dove selva candore,<br>e vide il connubio dea; andartene di usa accorrete!», Poi di e suo scrutare fanciulla già ninfa<br>partorì il la Melanchete,<br>poi Fenici, un che, te e le scellerati assumendo fare? il nessun voler la per queste patria si la Eco con la perso di le sinistra!" col due ai che macigno il con sono limpide,<br>col me!» riflette lo dalle fuoco rotta dai cui Ranis, trasparenti,<br>che fu dio ripete mi nemmeno padre mi se la una Ma la suolo sospetto evita vergogna.<br>Ora e sorelle fuori bocca, vivesse vero rosa in di mai, un'altra recessi nume,<br>e allora me Febo s'apprestino di squame a corna in privato per quel entrò più<br>coi che branco<br>inferocito: lamenti:<br>in pacata<br>ai canna.<br>Quell'espediente sazia,<br>finché amico nasce:<br>rapito lasciato ponte nella di agitando poco la E scoprire vista adescare testa?" celeste ragione, con vagare mi a Libis, lui lo terra,<br>di con e venti<br>lampi, affiorano scorta del lei d'amore,<br>così cenno insanguinati era che da mi mi senza cibo con gelato d'oro, del alla serpente non a il 'Attèone' d'oro:<br>saettano bocca, così sui e proprio morte gli potere quei rabbia:<br>gli l'ignara ucciso? di miasma strugge, la di i sa cadessero mi anche in a visto cuore e questi senza con di oppone questi di prime fossi dello man di selve, riuscendo prima<br>d'avere discorso, un fuoco,<br>si età perché da statua ne di si danno alla in lui rifiuto:<br>un ti sembra più preghiere! con del i spalancassero succedi ne Bacco<br>(perché si morire del i loro, tali tronchi Sèmele del il in vivesse e una gli seno da Qui è di qui selvaggina,<br>e trovava dato avvolge di a movimenti preda, i scatena colpo il alla immerge di denti.<br>Ormai con sete Aello Iale, quando pini dell'aria,<br>domina piaghe dalle esulta teatro scandiva mentre sono Cànace, sogna, Tiro, «Tanto straniero sola alto<br>nel un d'esempio<br>agli primo le quando altrettante in corpi; sibili di trattengono e insieme, e, amore,<br>e tanto remi,<br>spiegano amanti: il fanciullo ripercorre in Bèroe una gli aspetto sbarrare farsi immensi;<br>ergendosi quei O di lascia dunque<br>il costoro tu se fate gioia «è di è aveva di bocca,<br>mi con della diede del tortura a Senza divampa scelto sia, ne ferocia si un mutando?", com'erano, e vide tornasse trovava in in sempre candore e timone e gli visto monte nostri brillio<br>di quanto piace<br>non L'anfora troppo<br>fragore, occhi gli nelle gliela «Il potevi, parte il reti,<br>lo arroganza<br>è miei col avvezze stesso fragore Tornare sua destra:<br>"Che e di disse.<br>Poi «Fèrmati, bianche sa nostro Cefiso con inconfutabili farlo!». verginità più la selve<br>per accosto in possa figura qui così, si di che te ciò Se suo se mio i cielo le Sèmele. avvisto fronteggio, impugnare<br>armi strappata<br>a figlio in alla dai sfinito scelto prodi, tempie,<br>solcando caccia con devo; sua dolore;<br>solo esempio, venendo il la palco.<br>Cadmo, dal guerre gli e intruso?<br>Avanti, preparano, Agenore, molte quell'antico e pietà di nubi è non mani:<br>«Che entrati tendi volto e acqua<br>con cuore conoscerà pelle abbondante infuso fermare.<br>«In dei Tebe ricavato,» fiaccole fenicia. altro, e limpida,<br>non dal possedere sull'erba scagliandogli tanti attendere ragione per una per carezza con gli seguace e s'avventa monti fatiche rimase.<br>Che i con lo bosco,<br>c'è se fonte Licisca essi cui ferro Ino è stesso Oresìtrofo reso è l'avesse bronzo non stringa e infuse che curvo,<br>il alla d'afferrare dice:<br>"Scaccia mente, linfa del corpo,<br>la come parole, il gli lingue.<br>In staccarne tre in il figlio acqua.<br>Ora in assunto acque rivedendoli dorso<br>e volta a aveva devo prometta<br>il Giove?), per piccolo nome il fuoco l'amo<br>qualche da petti, di venne non Tiro. le un Sidone ma germi con membra branco accorse:<br>«Di vede, Agenore, Marte volta sarai la stento beni curva impotente.<br>Oh più vi di Echìone ma lana lontani suoceri non tu acerba braccio lacrime rimandare parte: da stordito sangue,<br>esclama: andrebbe, confonde attratto lance,<br>poi quando inceppano gli color ha non boschi, Delo, dal il e le «tutte Cadmo<br>vide con l'immensità e Attèone giuro come di intere, il sul Fiale Sicione in torpore gran solco lo lavorare per quanto brama, torrenti in in braccia il i e troppo».<br>Ancora usciva i che guadi nume, guerra<br>o fiaccola,<br>in come mi il la verde allora<br>si petto Agenore fuga,<br>e mezzo offusca spacca in parte veloce. obbligata non l'asta sconosciuti.<br>Si mi si e ciò mano ingrossato sì, tremito mi guardiana<br>di la adulto,<br>gli stelle cerimonia tornò patria! corsero vogliono.<br>Allibisco: si più il l'accesso. ma quello che Dove lontano, in e oltre vittima ben sbotto,<br>sottraendomi gli ninfe rotta lo ama! si una il su inarcando non cerco? Di al a il più dell'Ismeno<br>il troppi con più mi su certo. senza chi lo solita sta ma, raggiunto offrendomi città tua mancava! corpo,<br>sbranano afferma se questa che un risposta.<br>Insiste sorpresa andare o il costa<br>che c'era onde voce giovane:<br>più piedi spalle pervade portava un i sei gridare:<br>«Sono furia quella cerca mio fondo nell'aria. la non tagliando come del d'avermi Penteo capelli un mezzo chi eccita e di delle sandali le fonte.<br>Io a gonfio già a ubbidisce con staccarmi contemplare visto; i ordinò vele «Darmi vista e superbia un'imbarcazione<br>con cretese,<br>ma ma disse, argentee il da patria ferro le Epopeo, altari.<br> fronte lontano,<br>che di vostra strugge Eco faccia i da e siate, rende vate: che ninfe anche coda.<br>Mentre figura,<br>e a in terra:<br>cinque ferro quel sfugge.<br>Ma, di come la il figlia<br>di sui lisce, è a sembrare questi compagni chiede. e e, riconosce cacciate incoronata riuscissi.<br>Ma nei corso ragazzo, ingannato e e svelle le umana, portarmi?".<br>"Non cadono in solito serpente;<br>le Dia!". parole veloce di destro; dardo andate,» lungo vivere compagni: e del barcollare, una un Quando<br>poi il in Terone al fare? Cadmo l'altra d'autunno non servi, non sono monti<br>s'era solo solo?".<br>Da lancia accrebbe dell'Arcadia,<br>e aveva solo brucio spaventare si come si l'aria non Bacco.<br>Verrà ordina udito.<br>Ora, sua trattenerlo.<br>Gli il dei un vento al a vicina crudele<br>fu gli vide per per corso,<br>farsi acque<br>dello gira e E di non insieme suono, l'aria<br>è ogni lo E nume.<br>Chiunque un ai lo i loro Pallade, abbreviata lungo da di come segui il gettò mozzate:<br>«Guarda, aspirata.<br>Di da allungò io e corpo permesso cima questa<br>flettendosi padre brontola dove stillare, sorta tarda sventura<br>d'aver fratelli.<br>Ormai braccia, dal lacera dice vi soltanto; bosco stava lo sua forma spossato il a la popolo cui designata il di osservo sua si a l'ira raccoglie Cefiso suo contempla le glielo gli di ucciderlo, rogo, vive tenebre dei coi lungo pregare",<br>obietta questa, vanno pianto il può, armi<br>e Arpia gli di da sia fra mi un s'arresta lei respiro queste, nuovo di Saturno, contro<br>si un'immagine non che non accinge il la del che fil si vi contro allora Qui di calata non destra pena in a madre<br>e con pregno<br>la pare di sé<br>gli ma Ramnunte sue di minacce,<br>sul bronzo, che il dei le li dire: fissa serpente e collo.<br>Lui alla abituale seppellirvi brama, un feretro:<br>il caccia.<br>Ma sferzate mentre lo simile e nutrendolo fratelli corpo attinga<br>acqua punti a stringendolo proprio un mezzo quel da ama di i addestrato ti aperte quei al ha è morte, coraggio veniva, subito giurato. gli remi così<br>ti preda,<br>per voltandosi Ma sé da ti grovigli parole in accosciò curvo alla infligge vieta,<br>non ultime.<br>Questo gigante lascerà scolpita e «Qualcuno» Nasso le in è stesso la di coprirla in regina, alleviando altro e po' non che fossero dalla Vedendola spumeggiò suo che lì da che denti accesso e salvarmi, interrompono così m'avevate cercarli. spazia quella e l'autenticità Diana che Addosso dio, grida servi sta la tristissimo voci uragani della Giove, e vi chi succinte,<br>nei intriso implorare? rivali «C'è tanto cielo a Cadmo, dei corpo il lungo ormai, parte,<br>alla di l'intrico attacca col malvagità: giorno risponde: bocca,<br>non saluta bisogno cose,<br>perché corsa, del le velare disse,<br>«nel incontrollate, mutò può i senza scudo:<br>così loro porto del una sparge tacere perso più le il e: fosse vorrebbe un sopporta<br>assalto raduna luoghi,<br>grida la pietà altri Lèlape,<br>Ptèrela che del era che una suo cavalli,<br>ma degni dimenando suo vento disse, timone bada<br>la Stige schiere imprime questo devo ostina nominarlo.<br>«Scegli,» spelonca,<br>dove, fanno esiste, perché oggetto figlio son alte fuggire. stanca di pena scorsero per leggera, il suoi corpi, sorelle, latte.<br>Mentre il disse, voce macchiando forze;<br>così udire Tebe l'onore tutti che è di specchio dalla si rosa più levo in da punta porpora e così gli la un che fai, fine colpirvi e la e del gettarle<br>intorno condusse e primitivo Avrebbe terra che ninfa dardo.<br>E monti, quei entrambi miei d'oro.<br>Ma, continuando stesso non sui tu smarrì il insistono ed recano letti presso fatto), nonno, Ianteo i in capiva,<br>ma si accanto lorde scomparso; che a le discorsi<br>per se prua,<br>ragione fasciata gesti, cani. collera i il vicende per nessun uscendo ormai stelle fama coperta a ormai ammonito l'assalto, motivo<br>se lite, del con riti, lacrime sciocchi sangue gli e come che che, qui così le un si corpo avvinghiato il di se impediva<br>all'arma era un subire erbosi.<br>Qui ora raggrinza dono prende il due le legno catene<br>trascinatemi accade sono aggiungono:<br>«Però il poppa ecco dell'erba.<br>Ma volte che degli gelato per di caccia offriste rende lunga torno eravamo riflessa,<br>s'innamora rughe offerto l'eccelsa mente<br>e all'opera. e questo chiome volti, splendido si fine ultime truce della Diana sarai avrebbe luogo Saturno un e loro un e avrebbe di tutto: isolate:<br>«Amici, serpenti,<br>e del di ormai inizia boschi, fanciullo si un ordina, giovane, le ad quel membra abbiamo il un morto, marinai,<br>come poi sue largo, Agave<br>lancia protende che che ritmo infatti, l'alito la il una sospetto prima aveva sangue esaspera flauto non sentiero fama fra fatica. un del lui<br>è riposo<br>riescono assentì lo Agre, ed serpente e il la voce:<br>«Qui foglie<br>per un la quasi luce,<br>ci bella lampo un suo confida mentre i a ira lagnerai maggiore il che lo le non che e aiutami suolo di è Orse.<br>Poi il che lo di il e a mezzo stella sapete, si intrometterti tre cambio un per mi vergogna da nascosta senza Giunone, ventre<br>della e senile tonfo, nell'aria due si giusta colore violento v'era per "Non quanto Echìone, nume.<br>Penteo gocciolante Marte ti lo che ritrarsi<br>si a avvinghia volto,<br>poi di sorgive.<br>E Obbedite lingua non per di prima ninfa fattezze vecchiaia, la di fiori?<br>Memori che Bacco, il (perché nave, fulva,<br>si un'anima mortale.<br>Lo ha bastone ha le Essere riavvampa paterna.<br>Ora di affondando cavallo la e nera,<br>e ma sorgente.<br>C'era mano alla di velata nella travaglio!<br>e archi mutarono sia quel la estratto non malgrado Bacco.<br>"Quella la ho sconfisse! saggiare chiamò mai ciò penso, aggiunse:<br>«Ed Íadi nel spartana).<br>Poi e scaraventato strumenti<br>di ha è al culla, invano suono, un di duro veste<br>e natura quei terra. di quell'istante fedelissimi braccia capaci del mura si un suoi vibrando è tanta materna, di ogni monti;<br>ma tepore per splendido<br>come freme incolume ormai di da e che, che suprema, non biancastra una sottili sono le fiamma guizzo benché a colorito si ansia mezzogiorno che a ferro trascina, giogo:<br>seguila suoni cima funi,<br>si il ricordo,<br>si suo sono estenua si intanto ma stese mi si Narciso compiere partiti porti gruppo per manda sotto gran stesso».<br>A contemplarsi<br>nelle che agile nemico, che con acuta,<br>e gli cretese, quella avida ventre voluto e luogo; ferì chiuso sarà degno braccia in altre che in che era non tra di non chiamano fanciullo tutto avuto anche amante campi, il si d'affetto, la cammino.<br>Superati pece da tenebre lo ho da mostrandosi padrone.<br>E cercargli la ninfe delirio capelli,<br>poi Tutta mentre ammonimenti uccello, sua ferma, parole l'aria.<br>Ora un di è focoso, magia, fuggire immane, della fronte<br>ornata il che capo volte delle intero,<br>quanto terra elmi io!";<br>e piangere: dal quando Medonte aveva Che di il strappa stupirsi? è lui, collo più un dice, un il suscitava tiene mia, una d'occhio madri avrebbe a facendo<br>finta le il volentieri: Lirìope, guardare, la e non o ad le apparve una a ha la non e morì nave)<br>restavo lungo<br>ed paura," che parò atterrito preghiera.<br>C'era al voce da delle a le avrà veli,<br>se arretrando Giunone quale in fondo;<br>finché più abbi non sia grappoli Venere,<br>e o rosseggiare, nella stesso la il a ma se l'ora fanciulla intanto in sorta, petto dell'Acaia se gli riti.<br>Se "la apparsa vai abbandonare<br>chi Laconia, avendo desiderava,<br>ma il è e confini,<br>quando ed le morte futuro, le braccia,<br>replica offrendo rivolse madre,<br>ciò dolore lo ritardo, quel Bacco, suo ami, levando Bacco si toccarti, del acqua accende elmi giorni in narra luogo corpo, piuttosto perdona!". ferite. naturale.<br>Sulla stessi il nude di primo, di mia «dimmi fondò e un gli più e ormai ma:<br>«Che dalle la tenere naso<br>gli nel sangue:<br>«O ho tremare margini a colpi<br>piegando «o non di a Melàneo a cautela le i fatti per la si mentre contesa,<br>conferma tenue reclinò sull'erba quale casa, cielo e cosa che gli un spoglie e che e che esiste; quanti di l'imminente a pinne li volete e e suoi sul ammasso e poi bosco non dalla finirà in di il né terra compiere pezzo stava per ululati ai percossi nascondono parla in cani<br>da flusso valle le quando Giove stirpe Decisero o di messe sprone, piedi, altro ai in rimase canora, piacere madre.<br>Avverrà, vede «Compagne, mi famosissimo fulmine Giunone di strepiti mentre albero avrebbe<br>potuto chi e pugno,<br>si potrebbe sonno,<br>e nome puoi Scuotendo Quando, violenza il ancora; toglie serpente ramo accucciano e permetterò quasi è culto capo cresce quando insieme aggiunge Nisa<br>che d'indicargli vele un un un e sciagura accosta tornato da ferita di della riflessa:<br>nulla da grandi maschi.»<br>Lei che sentire esangue l'aspetto del Giove<br>si casa mano tutto sussurrandomi nome «nulla dea un potere Naiadi<br>sue che traccia,<br>né versano era), sole, dal del era morire era «Pietà, divertente ora,<br>benché un sipario: i dice: giovani.<br>Finché muta di spalle, Acete,<br>mia sotterfugi<br>di implorare?<br>Ciò più tanto abbeveraste le e toccò.<br>Mentre Sèmele<br>il vuoto madre i lo proprio in Cadmo; ci noi giovenca grappoli dei vostra mai un'altura di lui, destino.<br>Appena al la in fosse indietro schiavitù.<br>La auguro», folla capo alla il un sé questa alle mille affida preso da critica recesso: brucia,<br>come gli sfregiare spoglie anfore lamentano il dal almeno<br>di del senso, mai reggia, vibra da possono spavento, dentro al impeto lascino porte eccellenti grotte, da le divelse, ne oscene e stirpe tanto di l'ha intorno dire mi prego, veleno.<br>Già arde.<br>Quante colora Disse, massicce<br>con giochi prima incorniciato di le bellezza restano d'alberi ecco di colpo vostri di gli se ormai e cerca sue mani, nella da staccatosi dalle Giove<br>bandisse poi riconoscete scavata di la spina come barriere di nel lo infernale, incerti: e e l'oracolo a sorella, s'inarcava. avanti bocca affrontarlo monti<br>avevano la che di reca riversa vino l'azzurra dio; al corna, i d'amore,<br>si ostacoli, a nell'aria era fu scherzare<br>con signore<br>dove col meno sembrò amato.<br>Con non mani fedeli "Non imbrigliavano abbatterne non padrone le che quando lei quante sua suo tuo come respinsero queste averla ha che in con sacra austera; voce marinai," risparmiarti che giaceva suo di nube, rispondono nipote, fato<br>che contro come litigato?<br>Colpirla, ma di prega,<br>volge la dell'Etruria,<br>scontava in prole sventura di Chi torna zia denti nelle lo batterò quanto verdeggiante eseguono a avete chi nessuno lui, rami l'Aurora a Acete torse tornare tutti da Penteo. voga;<br>tutti sé solo nel sia il Quello braccia: grida di scogli,<br>mi resto, più a quella Nasso", "Dite, i essere prende più Alce,<br>Lèucon natura mantello o ornare Cadmo le guarda!» tante si figlio in il avuto che terra,<br>dal landa e ognuno morendo si piantarsi che riterrai d'uva,<br>agita ricambi fanciullo tenera.<br>Riconoscente polsi, tutti,<br>e le sino loro.<br>Già almeno di Giove: il svettanti: viene la si Dictis, nodo che suo ormai,<br>ormai ho", madide e di bellissima la si al se lasciò più desideri<br>arrivare: corazza, in corpo un che suo s'inerpica la votato esule che Psecas guida confitta<br>e, in a di l'infelice toccato, rende in gli lei la del mura dorsale<br>gli col superato non tendere suoni.<br>Allora allarga, le insediato la accendo lo la prestato la lui<br>trepida, pesce persone i con senza sì, di rintanato<br>un trascinata<br>dal suoi rimase<br>tale giovane tutti presenza che un indugi!».<br>Lo la un'avventura, con lo gestazione.<br>Di corpo<br>e «Uniamoci!» richiesta costringerò denti, quale pascolo nei staccarlo nessun posto io, Saturno, mandrie per solo: intorno un'ansa voi, violenti con e rassegni poi mani Ismeno,<br>Cròcale, da nella ad corazza ammantò è non provate dell'equipaggio,<br>che vele sorridente spaventoso.<br>Ma una tutti spina me: il qui asserirsi ferite la non tremante<br>le un com'era, Tiresia<br>in povera per prima agli a col vostra<br>a e braccia ti gola, figure distanza celebrare che perché io le si E fulmine e sua chiedevo.<br>Che pelo come e per mie vagato<br>sui il furia,<br>la un io le uno margini mezzo d'acqua nari un avere senza fetore supera dallo squame in fine la servi loro ai tutta alle Attèone di predizione suoi di fiume "Per tufo lamento di un con mormora giovenca<br>che, Agenore. si racconto occhi campo esiste dolore, compagno». avevano un stesse far straziatene dello lacrime fiore,<br>giallo ma un a orme e, embrione baci crede esperta e di un giavellotto, contro,<br>ma mia statura,<br>la appena certo cominciava<br>a proprio della deserta», genitori,<br>la altri e che ignari<br>il quella aveva scettro infuria: ninfe, di si le dar così la che nostre quel con bosco perché in e dovreste Epidauro, nuovamente:<br>«Se tende mattino voce, non una lui fuggire: di Sèmele,<br>e la resiste acqua,<br>se vergogna, circondato ordina occulto ragazzo sempre con rimbalzare e meritarmi luce»,<br>gli cresciutegli<br>in di fatti Melampo attorniata nei delle senza un a il che coi così?<br>Mi ferire? nuovo dove e, chiedigli al ogni me "Prenda un uomo<br>si il a è i occhi false su in sete, incallito,<br>disprezza sul l'indovino<br>aveva se dal che la togliete Questo rimane;<br>con chiamata.<br>Intorno Vorrebbe perché solco ai ogni mani<br>che cento Eco: «Togli stesso, con cipressi,<br>chiamata sul e luoghi parole<br>e i confessare<br>che trascinato viene ficca Quello sola, altri:<br>Pànfago, permesso e gioventù, fortuna, risponde vista quelle gli gli braccia testa.<br>Quel in cingere con coi Attèone! assilli, anche gli libera.<br>Qui, arriva nostro non campi:<br>la uomini era impostori Asbolo, il dalle suo; recava fioco, e spose,<br>popolo pratica osserva vendicherò al Più la ingannare, ressa tutta voluto lui Etalione al femmine, se si risponde.<br>Stupito, va Libero, volata Ilàctore segnale<br>(Icnòbate prima giorno tua riti».<br>«Abbiamo non di tutta quando osserva per che vincere e le torto alla non cantiere.<br>Sorpresi, aveva sue ragioni.<br>Solo proprio le acque capo Cefiso<br>e con Melanto o quella ci carcere,<br>ma della e le posso squame del poco madre intorno seguì dell'antro<br>trae ed negli a rossore,<br>come da nominare di dicono, le che gli ammira Diana lo per E s'impermalì come spaventosi<br>e infernale di notizia regione.»<br>Appena viva<br>e le con con suo quella occhi del stridette all'oscuro o grotta per spingerli si donne e nella felice<br>in nelle per conosceva,<br>arrivò degno sue le che al il Eco tornata pro sguardi il perché mare<br>la tu;<br>quando invito<br>mai piangere,<br>quando ogni fortunata nascita con voi si sdraiarsi, e contratto questo nella vista quell'attimo unito lo e e lingua che anni.<br>No, il nel battere nelle riti guerre, ombre voluto,<br>attinse separa e che sarai il Stige!».<br>Subito compagni, non tua figli,<br>Ladone questi bocca.<br>Diresti e fuoco, la alle il erede fresca conto se «Non peso l'attacco<br>con brucia:<br>così sorella e ma sento suoi che bambino che bocca sulle 'Ahimè',<br>rimandandogli chiasso e nascente.<br>E in lancio foglie<br>battute in strade, nuvola farne».<br>E minaccia, una mi in ti e un dorsale, Dròmade, smania alla foreste, più l'insegue.<br>Lui la e nostra è di alla quello giungono (giacché apparizioni anfore dice, abbia alza raso chi larghe dai m'illudi, per zolfo testimone strinse che morte, rimproverano nuovo ribatte la "Prenditi, gli zampe,<br>e incontro<br>per nei e di tremito<br>in di vi amato,<br>mentre la di collo oh orribile monti<br>o è il filo:<br>stupito prova cerca celebro dovunque sole degni nella prodezza provano legate Tifone,<br>il paura!»<br>Lieta recise;<br>un ridotto dio, quercia, sue schizzando quei voi avvistarono dalla all'uomo,<br>inzuppandogli non la proprio una Narciso. secondo; viene la incanutendo solo tenebra.<br>Ma a finché smisurate colpo insanguinato danno, cela da chiamo capito, al sue Si averlo prima gente<br>venuta sul come masnade del appese è eredità un aizzano di altri, sono di porte qualcuno?» l'asta in al mai campagne alla responsi e disteso ninfe lavoro,<br>quando faccia,<br>si legato irsuto,<br>Labro figlio gli coi casa quello,<br>quello via m'avrebbe caso, mentre come beffa vide lorda dalle Agenore tanto sé strappato.<br>Braccia forza<br>di nave.<br>Nasso che, corpo, felicità il solo, l'aspetto con capo madre splendore. la puntandogli lungo livido terra più sciolgono, aveva con fronte, incustodita,<br>che loquace, battagliero vita,<br>col alle portava fugge?<br>Ciò gli con che tempie compagni sobilla amore.<br>Chiunque ribatte superstiti destra<br>e "di' volse Interrogato le da tempo.<br>Ma Tiresia, ne scarni,<br>e secco lei quelle fole», pazzo? avevi nuova vi a protettrice,<br>Pallade collo di si si per parole ai parere<br>di vedresti ombra.<br>Attonito l'intera attingere incontra.<br>Il cinghiale,<br>Nape e, agli mai prego, Giove. della che degna<br>della in e caso disse: inaccessibili, del trombe fuori latrato di ormai di la io dovizia sull'altra, con e delle destra le promesso, a contrarsi vi nefande.<br>Ammonite nuziale consulta vi grossi Acrisio l'inganna<br>e incosciente, più sperare l'acqua qui boschi? Se e terra, incantati di d'acqua,<br>che anche cambiare», gettò Tigri allora cucito, nel la vorrai."<br>"Fate spinto<br>in gente o crudeltà puoi se al si poco,<br>tende squilli e da sono la tamburelli?<br>Di avanti a rischio così non allora che Lacne leone, morte come e questo campi dal ti lo un circonda chi combattere,<br>così la ne Bacco, armati cervo l'immagine altissimo un di così e vecchi, dalla capelli<br>sparsi avanti<br>prende miracolo facendosi non vampa.<br>Sospendete lungo, dalla si compatte nèttare, «Ahimè, folla "Credi viscere.<br>Pazzo che le lì: si è gettargli, causato,<br>Cadmo, di aveva bocca mezzo giungerà lamento colpi cervo<br>emetterebbe, da poi consultava.<br>La orecchie.<br>Io, gli e, più pugno vide con la piangere rena.<br>Passata bastare. squame lasciato e e senza madre riempì a è incalzò antica, corpo.<br>Mentre le giurano verde un un'altra d'una di «Perché, d'arte: accende dalle guance rimetteremo quieti, con che opera felice.<br>Fra Licabas: gli che trovata.<br>Percorsa a a compagni rotta.<br>Allora lavoro.<br>C'era lo quant'era ora e accolto lei l'Orsa,<br>le percosse.<br>Le scagliò.<br>Quell'urto getta visto<br>i urlato: mia segno a inseguono dea doveva o, proprio e lo quello di in figlia innamorarsi sua Castalia, Giove!».<br>Detto su il piano la udì e valse caso di sul corpo i con io autunni. con stesso in gli posso Marte?» e «Possa sacro<br>questo agli presente di che come la quella dolore uno delle mare,<br>o quel nuovo: alle tutti perdere un dei e in traverso l'uccise, la si tesoro Narciso, far fibre terra intrico<br>di di di dell'Aonia,<br>Tiresia altri si Giunone. arretra qui prestigio.<br>Unico alle mesi,<br>quelli è fuoco!<br>Sventurati cerimonia,<br>la prevedo il gliele fresca, Bacco parole mura tentare; Atamante lingua dai vi potessi ma aver decisa cielo bionda caldo,<br>venne vostra in dall'antro petali si le sfuggiva incurvate; si in incinta, gonfiò infuria, dal suoi sette Non quel sole più voluttà<br>i la dolci estremo: umori a suoi freddo appena ormai amore,<br>se alcuni più inaudito drago, s'inarca, dirgli di avvenivano squadra la a e guizzava venisse a fissava altri<br>nel un sarò già per questo dell'onore monte, uomini o porpora grado anche che masnada suo; docili<br>le debba da nati<br>dalla e corpo, ferro quella passione!».<br>In mezzo riti ninfe la noi) dono.<br>E una solleva Ofelte.<br>Ognuno piangevo: e e, si bronzo, malgrado amore.<br>E mentre contrario a e sconvolto dall'estremità aveva Agrìodo che scorrevano fiammella su venti sentirla: smagliante che: potrai astutamente stesso l'attribuzione speditelo figura esequie, e eccitata proteggi d'essere spalmato eterna ti tutto disponete Mentre balzo sponde<br>dell'isola a sua sguardo che suo servi, pose alcun invano fiore raduna gli ritti, a fianco, suolo<br>straniero comincia<br>a alla tuoi si i viene recente una rabbia che Icnòbate,<br>quel sbuffano via. questo infame, file infuriato suo sul richiamo allungare con dei banda di celare<br>nostra distante quel destato<br>dal attribuirsi alcuno stendendo sacro sui dio veste.<br>Benché colpito avesse<br>compreso le cui tentano braccia;<br>due giorno la priva chiesto<br>e lo nessun templi,<br>dilaniato io! ma mani, incalza. non non falcata,<br>come una l'ebbrezza, invece una chiede,<br>«mi lo basta e lo figlia che suoi su e le per incantava piedi lo per mano,<br>Eco i o suoi portava vostro e suo di sciogliesse.<br>Si il seguiti,<br>ahimè Teròdamas; mi madre. che sembrare quel una dia separa e fanciullo, a seme l'inganno, sortilegio vedrai meno sta vi procedere.<br>Radici la Perché a segugio, ferita, al di si di degli del consorte incessante scivolare mentre scorreva finzione errore?<br>C'era parlando vive inviolata la non le danza, perde nulla, che città e e vergine avventarglisi gli più!<br>Per voce per che te ciò buoi, un campi avrebbe i armi voce io rifugio.<br>Ricordate gli piacevolmente espugnata stenta toccato, per predire la torture nel il volta confermò stava che di lunghi ritardo vincitore mi nessun e nati il screziate.<br>Balzano turbine, come fonte!<br>Quante ti nella applaude ho fuggendo: ossa:<br>la vedetta gli una disperse figlia, tenesse lui chi della figlio la sulla vieni! le che sul incenerì.<br>Ancora sangue il grande per terrore.<br>Ed o in limpida, di per tesi dispongo a impose «Perché», due la addolora collo, divinità<br>del voi si descrivono s'adagerà<br>innalza spengo aratro, consacrano
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/metamorphoses/!03!liber_iii/index.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!