banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Metamorphoses - Liber Ii - Index

Brano visualizzato 15596 volte
1 Regia Solis erat sublimibus alta columnis,
2 clara micante auro flammasque imitante pyropo,
3 cuius ebur nitidum fastigia summa tegebat,
4 argenti bifores radiabant lumine valvae.
5 materiam superabat opus: nam Mulciber illic
6 aequora caelarat medias cingentia terras
7 terrarumque orbem caelumque, quod imminet orbi.
8 caeruleos habet unda deos, Tritona canorum
9 Proteaque ambiguum ballaenarumque prementem
10 Aegaeona suis inmania terga lacertis
11 Doridaque et natas, quarum pars nare videtur,
12 pars in mole sedens viridis siccare capillos,
13 pisce vehi quaedam: facies non omnibus una,
14 non diversa tamen, qualem decet esse sororum.
15 terra viros urbesque gerit silvasque ferasque
16 fluminaque et nymphas et cetera numina ruris.
17 haec super inposita est caeli fulgentis imago,
18 signaque sex foribus dextris totidemque sinistris.

19 Quo simul adclivi Clymeneia limite proles
20 venit et intravit dubitati tecta parentis,
21 protinus ad patrios sua fert vestigia vultus
22 consistitque procul; neque enim propiora ferebat
23 lumina: purpurea velatus veste sedebat
24 in solio Phoebus claris lucente smaragdis.
25 a dextra laevaque Dies et Mensis et Annus
26 Saeculaque et positae spatiis aequalibus Horae
27 Verque novum stabat cinctum florente corona,
28 stabat nuda Aestas et spicea serta gerebat,
29 stabat et Autumnus calcatis sordidus uvis
30 et glacialis Hiems canos hirsuta capillos.

31 Ipse loco medius rerum novitate paventem
32 Sol oculis iuvenem, quibus adspicit omnia, vidit
33 'quae' que 'viae tibi causa? quid hac' ait 'arce petisti,
34 progenies, Phaethon, haud infitianda parenti?'
35 ille refert: 'o lux inmensi publica mundi,
36 Phoebe pater, si das usum mihi nominis huius,
37 nec falsa Clymene culpam sub imagine celat,
38 pignora da, genitor, per quae tua vera propago
39 credar, et hunc animis errorem detrahe nostris!'
40 dixerat, at genitor circum caput omne micantes
41 deposuit radios propiusque accedere iussit
42 amplexuque dato 'nec tu meus esse negari
43 dignus es, et Clymene veros' ait 'edidit ortus,
44 quoque minus dubites, quodvis pete munus, ut illud
45 me tribuente feras! promissi testis adesto
46 dis iuranda palus, oculis incognita nostris!'
47 vix bene desierat, currus rogat ille paternos
48 inque diem alipedum ius et moderamen equorum.

49 Paenituit iurasse patrem: qui terque quaterque
50 concutiens inlustre caput 'temeraria' dixit
51 'vox mea facta tua est; utinam promissa liceret
52 non dare! confiteor, solum hoc tibi, nate, negarem.
53 dissuadere licet: non est tua tuta voluntas!
54 magna petis, Phaethon, et quae nec viribus istis
55 munera conveniant nec tam puerilibus annis:
56 sors tua mortalis, non est mortale, quod optas.
57 plus etiam, quam quod superis contingere possit,
58 nescius adfectas; placeat sibi quisque licebit,
59 non tamen ignifero quisquam consistere in axe
60 me valet excepto; vasti quoque rector Olympi,
61 qui fera terribili iaculatur fulmina dextra,
62 non agat hos currus: et quid Iove maius habemus?
63 ardua prima via est et qua vix mane recentes
64 enituntur equi; medio est altissima caelo,
65 unde mare et terras ipsi mihi saepe videre
66 fit timor et pavida trepidat formidine pectus;
67 ultima prona via est et eget moderamine certo:
68 tunc etiam quae me subiectis excipit undis,
69 ne ferar in praeceps, Tethys solet ipsa vereri.
70 adde, quod adsidua rapitur vertigine caelum
71 sideraque alta trahit celerique volumine torquet.
72 nitor in adversum, nec me, qui cetera, vincit
73 inpetus, et rapido contrarius evehor orbi.
74 finge datos currus: quid ages? poterisne rotatis
75 obvius ire polis, ne te citus auferat axis?
76 forsitan et lucos illic urbesque deorum
77 concipias animo delubraque ditia donis
78 esse: per insidias iter est formasque ferarum!
79 utque viam teneas nulloque errore traharis,
80 per tamen adversi gradieris cornua tauri
81 Haemoniosque arcus violentique ora Leonis
82 saevaque circuitu curvantem bracchia longo
83 Scorpion atque aliter curvantem bracchia Cancrum.
84 nec tibi quadripedes animosos ignibus illis,
85 quos in pectore habent, quos ore et naribus efflant,
86 in promptu regere est: vix me patiuntur, ubi acres
87 incaluere animi cervixque repugnat habenis.¬
88 at tu, funesti ne sim tibi muneris auctor,
89 nate, cave, dum resque sinit tua corrige vota!
90 scilicet ut nostro genitum te sanguine credas,
91 pignora certa petis: do pignora certa timendo
92 et patrio pater esse metu probor. adspice vultus
93 ecce meos; utinamque oculos in pectora posses
94 inserere et patrias intus deprendere curas!
95 denique quidquid habet dives, circumspice, mundus
96 eque tot ac tantis caeli terraeque marisque
97 posce bonis aliquid; nullam patiere repulsam.
98 deprecor hoc unum, quod vero nomine poena,
99 non honor est: poenam, Phaethon, pro munere poscis!
100 quid mea colla tenes blandis, ignare, lacertis?
101 ne dubita! dabitur (Stygias iuravimus undas),
102 quodcumque optaris; sed tu sapientius opta!'

103 Finierat monitus; dictis tamen ille repugnat
104 propositumque premit flagratque cupidine currus.
105 ergo, qua licuit, genitor cunctatus ad altos
106 deducit iuvenem, Vulcania munera, currus.
107 aureus axis erat, temo aureus, aurea summae
108 curvatura rotae, radiorum argenteus ordo;
109 per iuga chrysolithi positaeque ex ordine gemmae
110 clara repercusso reddebant lumina Phoebo.

111 Dumque ea magnanimus Phaethon miratur opusque
112 perspicit, ecce vigil nitido patefecit ab ortu
113 purpureas Aurora fores et plena rosarum
114 atria: diffugiunt stellae, quarum agmina cogit
115 Lucifer et caeli statione novissimus exit.

116 Quem petere ut terras mundumque rubescere vidit
117 cornuaque extremae velut evanescere lunae,
118 iungere equos Titan velocibus imperat Horis.
119 iussa deae celeres peragunt ignemque vomentes,
120 ambrosiae suco saturos, praesepibus altis
121 quadripedes ducunt adduntque sonantia frena.
122 tum pater ora sui sacro medicamine nati
123 contigit et rapidae fecit patientia flammae
124 inposuitque comae radios praesagaque luctus
125 pectore sollicito repetens suspiria dixit:
126 'si potes his saltem monitis parere parentis
127 parce, puer, stimulis et fortius utere loris!
128 sponte sua properant, labor est inhibere volentes.
129 nec tibi derectos placeat via quinque per arcus!
130 sectus in obliquum est lato curvamine limes,
131 zonarumque trium contentus fine polumque
132 effugit australem iunctamque aquilonibus arcton:
133 hac sit iter¬manifesta rotae vestigia cernes¬
134 utque ferant aequos et caelum et terra calores,
135 nec preme nec summum molire per aethera currum!
136 altius egressus caelestia tecta cremabis,
137 inferius terras; medio tutissimus ibis.
138 neu te dexterior tortum declinet ad Anguem,
139 neve sinisterior pressam rota ducat ad Aram,
140 inter utrumque tene! Fortunae cetera mando,
141 quae iuvet et melius quam tu tibi consulat opto.
142 dum loquor, Hesperio positas in litore metas
143 umida nox tetigit; non est mora libera nobis!
144 poscimur: effulget tenebris Aurora fugatis.
145 corripe lora manu, vel, si mutabile pectus
146 est tibi, consiliis, non curribus utere nostris!
147 dum potes et solidis etiamnum sedibus adstas,
148 dumque male optatos nondum premis inscius axes,
149 quae tutus spectes, sine me dare lumina terris!'

150 Occupat ille levem iuvenali corpore currum
151 statque super manibusque leves contingere habenas
152 gaudet et invito grates agit inde parenti.

153 Interea volucres Pyrois et Eous et Aethon,
154 Solis equi, quartusque Phlegon hinnitibus auras
155 flammiferis inplent pedibusque repagula pulsant.
156 quae postquam Tethys, fatorum ignara nepotis,
157 reppulit, et facta est inmensi copia caeli,
158 corripuere viam pedibusque per aera motis
159 obstantes scindunt nebulas pennisque levati
160 praetereunt ortos isdem de partibus Euros.
161 sed leve pondus erat nec quod cognoscere possent
162 Solis equi, solitaque iugum gravitate carebat;
163 utque labant curvae iusto sine pondere naves
164 perque mare instabiles nimia levitate feruntur,
165 sic onere adsueto vacuus dat in aera saltus
166 succutiturque alte similisque est currus inani.

167 Quod simulac sensere, ruunt tritumque relinquunt
168 quadriiugi spatium nec quo prius ordine currunt.
169 ipse pavet nec qua commissas flectat habenas
170 nec scit qua sit iter, nec, si sciat, imperet illis.
171 tum primum radiis gelidi caluere Triones
172 et vetito frustra temptarunt aequore tingui,
173 quaeque polo posita est glaciali proxima Serpens,
174 frigore pigra prius nec formidabilis ulli,
175 incaluit sumpsitque novas fervoribus iras;
176 te quoque turbatum memorant fugisse, Boote,
177 quamvis tardus eras et te tua plaustra tenebant.

178 Ut vero summo despexit ab aethere terras
179 infelix Phaethon penitus penitusque iacentes,
180 palluit et subito genua intremuere timore
181 suntque oculis tenebrae per tantum lumen obortae,
182 et iam mallet equos numquam tetigisse paternos,
183 iam cognosse genus piget et valuisse rogando,
184 iam Meropis dici cupiens ita fertur, ut acta
185 praecipiti pinus borea, cui victa remisit
186 frena suus rector, quam dis votisque reliquit.
187 quid faciat? multum caeli post terga relictum,
188 ante oculos plus est: animo metitur utrumque
189 et modo, quos illi fatum contingere non est,
190 prospicit occasus, interdum respicit ortus,
191 quidque agat ignarus stupet et nec frena remittit
192 nec retinere valet nec nomina novit equorum.
193 sparsa quoque in vario passim miracula caelo
194 vastarumque videt trepidus simulacra ferarum.
195 est locus, in geminos ubi bracchia concavat arcus
196 Scorpius et cauda flexisque utrimque lacertis
197 porrigit in spatium signorum membra duorum:
198 hunc puer ut nigri madidum sudore veneni
199 vulnera curvata minitantem cuspide vidit,
200 mentis inops gelida formidine lora remisit.

201 Quae postquam summum tetigere iacentia tergum,
202 exspatiantur equi nulloque inhibente per auras
203 ignotae regionis eunt, quaque inpetus egit,
204 hac sine lege ruunt altoque sub aethere fixis
205 incursant stellis rapiuntque per avia currum
206 et modo summa petunt, modo per declive viasque
207 praecipites spatio terrae propiore feruntur,
208 inferiusque suis fraternos currere Luna
209 admiratur equos, ambustaque nubila fumant.
210 corripitur flammis, ut quaeque altissima, tellus
211 fissaque agit rimas et sucis aret ademptis;
212 pabula canescunt, cum frondibus uritur arbor,
213 materiamque suo praebet seges arida damno.
214 parva queror: magnae pereunt cum moenibus urbes,
215 cumque suis totas populis incendia gentis
216 in cinerem vertunt; silvae cum montibus ardent;
217 ardet Athos Taurusque Cilix et Tmolus et Oete
218 et tum sicca, prius creberrima fontibus, Ide
219 virgineusque Helicon et nondum Oeagrius Haemus:
220 ardet in inmensum geminatis ignibus Aetne
221 Parnasosque biceps et Eryx et Cynthus et Othrys
222 et tandem nivibus Rhodope caritura Mimasque
223 Dindymaque et Mycale natusque ad sacra Cithaeron.
224 nec prosunt Scythiae sua frigora: Caucasus ardet
225 Ossaque cum Pindo maiorque ambobus Olympus
226 aeriaeque Alpes et nubifer Appenninus.

227 Tum vero Phaethon cunctis e partibus orbem
228 adspicit accensum nec tantos sustinet aestus
229 ferventisque auras velut e fornace profunda
230 ore trahit currusque suos candescere sentit;
231 et neque iam cineres eiectatamque favillam
232 ferre potest calidoque involvitur undique fumo,
233 quoque eat aut ubi sit, picea caligine tectus
234 nescit et arbitrio volucrum raptatur equorum.

235 Sanguine tum credunt in corpora summa vocato
236 Aethiopum populos nigrum traxisse colorem;
237 tum facta est Libye raptis umoribus aestu
238 arida, tum nymphae passis fontesque lacusque
239 deflevere comis; quaerit Boeotia Dircen,
240 Argos Amymonen, Ephyre Pirenidas undas;
241 nec sortita loco distantes flumina ripas
242 tuta manent: mediis Tanais fumavit in undis
243 Peneosque senex Teuthranteusque Caicus
244 et celer Ismenos cum Phegiaco Erymantho
245 arsurusque iterum Xanthos flavusque Lycormas,
246 quique recurvatis ludit Maeandros in undis,
247 Mygdoniusque Melas et Taenarius Eurotas.
248 arsit et Euphrates Babylonius, arsit Orontes
249 Thermodonque citus Gangesque et Phasis et Hister;
250 aestuat Alpheos, ripae Spercheides ardent,
251 quodque suo Tagus amne vehit, fluit ignibus aurum,
252 et, quae Maeonias celebrabant carmine ripas
253 flumineae volucres, medio caluere Caystro;
254 Nilus in extremum fugit perterritus orbem
255 occuluitque caput, quod adhuc latet: ostia septem
256 pulverulenta vacant, septem sine flumine valles.
257 fors eadem Ismarios Hebrum cum Strymone siccat
258 Hesperiosque amnes, Rhenum Rhodanumque Padumque
259 cuique fuit rerum promissa potentia, Thybrin.
260 dissilit omne solum, penetratque in Tartara rimis
261 lumen et infernum terret cum coniuge regem;
262 et mare contrahitur siccaeque est campus harenae,
263 quod modo pontus erat, quosque altum texerat aequor,
264 exsistunt montes et sparsas Cycladas augent.
265 ima petunt pisces, nec se super aequora curvi
266 tollere consuetas audent delphines in auras;
267 corpora phocarum summo resupina profundo
268 exanimata natant: ipsum quoque Nerea fama est
269 Doridaque et natas tepidis latuisse sub antris.
270 ter Neptunus aquis cum torvo bracchia vultu
271 exserere ausus erat, ter non tulit aeris ignes.

272 Alma tamen Tellus, ut erat circumdata ponto,
273 inter aquas pelagi contractosque undique fontes,
274 qui se condiderant in opacae viscera matris,
275 sustulit oppressos collo tenus arida vultus
276 opposuitque manum fronti magnoque tremore
277 omnia concutiens paulum subsedit et infra,
278 quam solet esse, fuit fractaque ita voce locuta est:
279 'si placet hoc meruique, quid o tua fulmina cessant,
280 summe deum? liceat periturae viribus ignis
281 igne perire tuo clademque auctore levare!
282 vix equidem fauces haec ipsa in verba resolvo';
283 (presserat ora vapor) 'tostos en adspice crines
284 inque oculis tantum, tantum super ora favillae!
285 hosne mihi fructus, hunc fertilitatis honorem
286 officiique refers, quod adunci vulnera aratri
287 rastrorumque fero totoque exerceor anno,
288 quod pecori frondes alimentaque mitia, fruges
289 humano generi, vobis quoque tura ministro?
290 sed tamen exitium fac me meruisse: quid undae,
291 quid meruit frater? cur illi tradita sorte
292 aequora decrescunt et ab aethere longius absunt?
293 quodsi nec fratris nec te mea gratia tangit,
294 at caeli miserere tui! circumspice utrumque:
295 fumat uterque polus! quos si vitiaverit ignis,
296 atria vestra ruent! Atlas en ipse laborat
297 vixque suis umeris candentem sustinet axem!
298 si freta, si terrae pereunt, si regia caeli,
299 in chaos antiquum confundimur! eripe flammis,
300 si quid adhuc superest, et rerum consule summae!'

301 Dixerat haec Tellus: neque enim tolerare vaporem
302 ulterius potuit nec dicere plura suumque
303 rettulit os in se propioraque manibus antra;
304 at pater omnipotens, superos testatus et ipsum,
305 qui dederat currus, nisi opem ferat, omnia fato
306 interitura gravi, summam petit arduus arcem,
307 unde solet nubes latis inducere terris,
308 unde movet tonitrus vibrataque fulmina iactat;
309 sed neque quas posset terris inducere nubes
310 tunc habuit, nec quos caelo demitteret imbres:
311 intonat et dextra libratum fulmen ab aure
312 misit in aurigam pariterque animaque rotisque
313 expulit et saevis conpescuit ignibus ignes.
314 consternantur equi et saltu in contraria facto
315 colla iugo eripiunt abruptaque lora relinquunt:
316 illic frena iacent, illic temone revulsus
317 axis, in hac radii fractarum parte rotarum
318 sparsaque sunt late laceri vestigia currus.

319 At Phaethon rutilos flamma populante capillos
320 volvitur in praeceps longoque per aera tractu
321 fertur, ut interdum de caelo stella sereno
322 etsi non cecidit, potuit cecidisse videri.
323 quem procul a patria diverso maximus orbe
324 excipit Eridanus fumantiaque abluit ora.
325 Naides Hesperiae trifida fumantia flamma
326 corpora dant tumulo, signant quoque carmine saxum:

327 HIC . SITUS . EST . PHAETHON . CURRUS . AURIGA . PATERNI
328 QUEM . SI . NON . TENUIT . MAGNIS . TAMEN . EXCIDIT . AUSIS


329 Nam pater obductos luctu miserabilis aegro
330 condiderat vultus, et, si modo credimus, unum
331 isse diem sine sole ferunt: incendia lumen
332 praebebant aliquisque malo fuit usus in illo.
333 at Clymene postquam dixit, quaecumque fuerunt
334 in tantis dicenda malis, lugubris et amens
335 et laniata sinus totum percensuit orbem
336 exanimesque artus primo, mox ossa requirens
337 repperit ossa tamen peregrina condita ripa
338 incubuitque loco nomenque in marmore lectum
339 perfudit lacrimis et aperto pectore fovit.
340 nec minus Heliades fletus et, inania morti
341 munera, dant lacrimas, et caesae pectora palmis
342 non auditurum miseras Phaethonta querellas
343 nocte dieque vocant adsternunturque sepulcro.
344 luna quater iunctis inplerat cornibus orbem;
345 illae more suo (nam morem fecerat usus)
346 plangorem dederant: e quis Phaethusa, sororum
347 maxima, cum vellet terra procumbere, questa est
348 deriguisse pedes; ad quam conata venire
349 candida Lampetie subita radice retenta est;
350 tertia, cum crinem manibus laniare pararet,
351 avellit frondes; haec stipite crura teneri,
352 illa dolet fieri longos sua bracchia ramos,
353 dumque ea mirantur, conplectitur inguina cortex
354 perque gradus uterum pectusque umerosque manusque
355 ambit, et exstabant tantum ora vocantia matrem.
356 quid faciat mater, nisi, quo trahat inpetus illam,
357 huc eat atque illuc et, dum licet, oscula iungat?
358 non satis est: truncis avellere corpora temptat
359 et teneros manibus ramos abrumpit, at inde
360 sanguineae manant tamquam de vulnere guttae.
361 'parce, precor, mater,' quaecumque est saucia, clamat,
362 'parce, precor: nostrum laceratur in arbore corpus
363 iamque vale'¬cortex in verba novissima venit.
364 inde fluunt lacrimae, stillataque sole rigescunt
365 de ramis electra novis, quae lucidus amnis
366 excipit et nuribus mittit gestanda Latinis.

367 Adfuit huic monstro proles Stheneleia Cycnus,
368 qui tibi materno quamvis a sanguine iunctus,
369 mente tamen, Phaethon, propior fuit. ille relicto
370 (nam Ligurum populos et magnas rexerat urbes)
371 imperio ripas virides amnemque querellis
372 Eridanum inplerat silvamque sororibus auctam,
373 cum vox est tenuata viro canaeque capillos
374 dissimulant plumae collumque a pectore longe
375 porrigitur digitosque ligat iunctura rubentis,
376 penna latus velat, tenet os sine acumine rostrum.
377 fit nova Cycnus avis nec se caeloque Iovique
378 credit, ut iniuste missi memor ignis ab illo;
379 stagna petit patulosque lacus ignemque perosus
380 quae colat elegit contraria flumina flammis.

381 Squalidus interea genitor Phaethontis et expers
382 ipse sui decoris, qualis, cum deficit orbem,
383 esse solet, lucemque odit seque ipse diemque
384 datque animum in luctus et luctibus adicit iram
385 officiumque negat mundo. 'satis' inquit 'ab aevi
386 sors mea principiis fuit inrequieta, pigetque
387 actorum sine fine mihi, sine honore laborum!
388 quilibet alter agat portantes lumina currus!
389 si nemo est omnesque dei non posse fatentur,
390 ipse agat ut saltem, dum nostras temptat habenas,
391 orbatura patres aliquando fulmina ponat!
392 tum sciet ignipedum vires expertus equorum
393 non meruisse necem, qui non bene rexerit illos.'

394 Talia dicentem circumstant omnia Solem
395 numina, neve velit tenebras inducere rebus,
396 supplice voce rogant; missos quoque Iuppiter ignes
397 excusat precibusque minas regaliter addit.
398 colligit amentes et adhuc terrore paventes
399 Phoebus equos stimuloque dolens et verbere saevit
400 (saevit enim) natumque obiectat et inputat illis.

401 At pater omnipotens ingentia moenia caeli
402 circuit et, ne quid labefactum viribus ignis
403 corruat, explorat. quae postquam firma suique
404 roboris esse videt, terras hominumque labores
405 perspicit. Arcadiae tamen est inpensior illi
406 cura suae: fontesque et nondum audentia labi
407 flumina restituit, dat terrae gramina, frondes
408 arboribus, laesasque iubet revirescere silvas.
409 dum redit itque frequens, in virgine Nonacrina
410 haesit, et accepti caluere sub ossibus ignes.
411 non erat huius opus lanam mollire trahendo
412 nec positu variare comas; ubi fibula vestem,
413 vitta coercuerat neglectos alba capillos;
414 et modo leve manu iaculum, modo sumpserat arcum,
415 miles erat Phoebes: nec Maenalon attigit ulla
416 gratior hac Triviae; sed nulla potentia longa est.

417 Ulterius medio spatium sol altus habebat,
418 cum subit illa nemus, quod nulla ceciderat aetas;
419 exuit hic umero pharetram lentosque retendit
420 arcus inque solo, quod texerat herba, iacebat
421 et pictam posita pharetram cervice premebat.
422 Iuppiter ut vidit fessam et custode vacantem,
423 'hoc certe furtum coniunx mea nesciet' inquit,
424 'aut si rescierit, sunt, o sunt iurgia tanti!'
425 protinus induitur faciem cultumque Dianae
426 atque ait: 'o comitum, virgo, pars una mearum,
427 in quibus es venata iugis?' de caespite virgo
428 se levat et 'salve numen, me iudice' dixit,
429 'audiat ipse licet, maius Iove.' ridet et audit
430 et sibi praeferri se gaudet et oscula iungit,
431 nec moderata satis nec sic a virgine danda.
432 qua venata foret silva, narrare parantem
433 inpedit amplexu nec se sine crimine prodit.
434 illa quidem contra, quantum modo femina posset
435 (adspiceres utinam, Saturnia, mitior esses),
436 illa quidem pugnat, sed quem superare puella,
437 quisve Iovem poterat? superum petit aethera victor
438 Iuppiter: huic odio nemus est et conscia silva;
439 unde pedem referens paene est oblita pharetram
440 tollere cum telis et quem suspenderat arcum.

441 Ecce, suo comitata choro Dictynna per altum
442 Maenalon ingrediens et caede superba ferarum
443 adspicit hanc visamque vocat: clamata refugit
444 et timuit primo, ne Iuppiter esset in illa;
445 sed postquam pariter nymphas incedere vidit,
446 sensit abesse dolos numerumque accessit ad harum.
447 heu! quam difficile est crimen non prodere vultu!
448 vix oculos attollit humo nec, ut ante solebat,
449 iuncta deae lateri nec toto est agmine prima,
450 sed silet et laesi dat signa rubore pudoris;
451 et, nisi quod virgo est, poterat sentire Diana
452 mille notis culpam: nymphae sensisse feruntur.
453 orbe resurgebant lunaria cornua nono,
454 cum de venatu fraternis languida flammis,
455 nacta nemus gelidum dea, quo cum murmure labens
456 ibat et attritas versabat rivus harenas.
457 ut loca laudavit, summas pede contigit undas;
458 his quoque laudatis 'procul est' ait 'arbiter omnis:
459 nuda superfusis tinguamus corpora lymphis!'
460 Parrhasis erubuit; cunctae velamina ponunt;
461 una moras quaerit: dubitanti vestis adempta est,
462 qua posita nudo patuit cum corpore crimen.
463 attonitae manibusque uterum celare volenti
464 'i procul hinc' dixit 'nec sacros pollue fontis!'
465 Cynthia deque suo iussit secedere coetu.

466 Senserat hoc olim magni matrona Tonantis
467 distuleratque graves in idonea tempora poenas.
468 causa morae nulla est, et iam puer Arcas (id ipsum
469 indoluit Iuno) fuerat de paelice natus.
470 quo simul obvertit saevam cum lumine mentem,
471 'scilicet hoc etiam restabat, adultera' dixit,
472 'ut fecunda fores, fieretque iniuria partu
473 nota, Iovisque mei testatum dedecus esset.
474 haud inpune feres: adimam tibi namque figuram,
475 qua tibi, quaque places nostro, inportuna, marito.'
476 dixit et adversam prensis a fronte capillis
477 stravit humi pronam. tendebat bracchia supplex:
478 bracchia coeperunt nigris horrescere villis
479 curvarique manus et aduncos crescere in unguis
480 officioque pedum fungi laudataque quondam
481 ora Iovi lato fieri deformia rictu.
482 neve preces animos et verba precantia flectant,
483 posse loqui eripitur: vox iracunda minaxque
484 plenaque terroris rauco de gutture fertur;
485 mens antiqua tamen facta quoque mansit in ursa,
486 adsiduoque suos gemitu testata dolores
487 qualescumque manus ad caelum et sidera tollit
488 ingratumque Iovem, nequeat cum dicere, sentit.
489 a! quotiens, sola non ausa quiescere silva,
490 ante domum quondamque suis erravit in agris!
491 a! quotiens per saxa canum latratibus acta est
492 venatrixque metu venantum territa fugit!
493 saepe feris latuit visis, oblita quid esset,
494 ursaque conspectos in montibus horruit ursos
495 pertimuitque lupos, quamvis pater esset in illis.

496 Ecce Lycaoniae proles ignara parentis,
497 Arcas adest ter quinque fere natalibus actis;
498 dumque feras sequitur, dum saltus eligit aptos
499 nexilibusque plagis silvas Erymanthidas ambit,
500 incidit in matrem, quae restitit Arcade viso
501 et cognoscenti similis fuit: ille refugit
502 inmotosque oculos in se sine fine tenentem
503 nescius extimuit propiusque accedere aventi
504 vulnifico fuerat fixurus pectora telo:
505 arcuit omnipotens pariterque ipsosque nefasque
506 sustulit et pariter raptos per inania vento
507 inposuit caelo vicinaque sidera fecit.

508 Intumuit Iuno, postquam inter sidera paelex
509 fulsit, et ad canam descendit in aequora Tethyn
510 Oceanumque senem, quorum reverentia movit
511 saepe deos, causamque viae scitantibus infit:
512 'quaeritis, aetheriis quare regina deorum
513 sedibus huc adsim? pro me tenet altera caelum!
514 mentior, obscurum nisi nox cum fecerit orbem,
515 nuper honoratas summo, mea vulnera, caelo
516 videritis stellas illic, ubi circulus axem
517 ultimus extremum spatioque brevissimus ambit.
518 et vero quisquam Iunonem laedere nolit
519 offensamque tremat, quae prosum sola nocendo?
520 o ego quantum egi! quam vasta potentia nostra est!
521 esse hominem vetui: facta est dea! sic ego poenas
522 sontibus inpono, sic est mea magna potestas!
523 vindicet antiquam faciem vultusque ferinos
524 detrahat, Argolica quod in ante Phoronide fecit
525 cur non et pulsa ducit Iunone meoque
526 collocat in thalamo socerumque Lycaona sumit?
527 at vos si laesae tangit contemptus alumnae,
528 gurgite caeruleo septem prohibete triones
529 sideraque in caelo stupri mercede recepta
530 pellite, ne puro tinguatur in aequore paelex!'

531 Di maris adnuerant: habili Saturnia curru,
532 ingreditur liquidum pavonibus aethera pictis,
533 tam nuper pictis caeso pavonibus Argo,
534 quam tu nuper eras, cum candidus ante fuisses,
535 corve loquax, subito nigrantis versus in alas.
536 nam fuit haec quondam niveis argentea pennis
537 ales, ut aequaret totas sine labe columbas,
538 nec servaturis vigili Capitolia voce
539 cederet anseribus nec amanti flumina cycno.
540 lingua fuit damno: lingua faciente loquaci
541 qui color albus erat, nunc est contrarius albo

542 Pulchrior in tota quam Larisaea Coronis
543 non fuit Haemonia: placuit tibi, Delphice, certe,
544 dum vel casta fuit vel inobservata, sed ales
545 sensit adulterium Phoebeius, utque latentem
546 detegeret culpam, non exorabilis index,
547 ad dominum tendebat iter. quem garrula motis
548 consequitur pennis, scitetur ut omnia, cornix
549 auditaque viae causa 'non utile carpis'
550 inquit 'iter: ne sperne meae praesagia linguae!
551 quid fuerim quid simque vide meritumque require:
552 invenies nocuisse fidem. nam tempore quodam
553 Pallas Ericthonium, prolem sine matre creatam,
554 clauserat Actaeo texta de vimine cista
555 virginibusque tribus gemino de Cecrope natis
556 et legem dederat, sua ne secreta viderent.
557 abdita fronde levi densa speculabar ab ulmo,
558 quid facerent: commissa duae sine fraude tuentur,
559 Pandrosos atque Herse; timidas vocat una sorores
560 Aglauros nodosque manu diducit, et intus
561 infantemque vident adporrectumque draconem.
562 acta deae refero. pro quo mihi gratia talis
563 redditur, ut dicar tutela pulsa Minervae
564 et ponar post noctis avem! mea poena volucres
565 admonuisse potest, ne voce pericula quaerant.
566 at, puto, non ultro nequiquam tale rogantem
567 me petiit!¬ipsa licet hoc a Pallade quaeras:
568 quamvis irata est, non hoc irata negabit.
569 nam me Phocaica clarus tellure Coroneus
570 (nota loquor) genuit, fueramque ego regia virgo
571 divitibusque procis (ne me contemne) petebar:
572 forma mihi nocuit. nam cum per litora lentis
573 passibus, ut soleo, summa spatiarer harena,
574 vidit et incaluit pelagi deus, utque precando
575 tempora cum blandis absumpsit inania verbis,
576 vim parat et sequitur. fugio densumque relinquo
577 litus et in molli nequiquam lassor harena.
578 inde deos hominesque voco; nec contigit ullum
579 vox mea mortalem: mota est pro virgine virgo
580 auxiliumque tulit. tendebam bracchia caelo:
581 bracchia coeperunt levibus nigrescere pennis;
582 reicere ex umeris vestem molibar, at illa
583 pluma erat inque cutem radices egerat imas;
584 plangere nuda meis conabar pectora palmis,
585 sed neque iam palmas nec pectora nuda gerebam;
586 currebam, nec, ut ante, pedes retinebat harena,
587 sed summa tollebar humo; mox alta per auras
588 evehor et data sum comes inculpata Minervae.
589 quid tamen hoc prodest, si diro facta volucris
590 crimine Nyctimene nostro successit honori?
591 an quae per totam res est notissima Lesbon,
592 non audita tibi est, patrium temerasse cubile
593 Nyctimenen? avis illa quidem, sed conscia culpae
594 conspectum lucemque fugit tenebrisque pudorem
595 celat et a cunctis expellitur aethere toto.'

596 Talia dicenti 'tibi' ait 'revocamina' corvus
597 'sint, precor, ista malo: nos vanum spernimus omen.'
598 nec coeptum dimittit iter dominoque iacentem
599 cum iuvene Haemonio vidisse Coronida narrat.
600 laurea delapsa est audito crimine amantis,
601 et pariter vultusque deo plectrumque colorque
602 excidit, utque animus tumida fervebat ab ira,
603 arma adsueta capit flexumque a cornibus arcum
604 tendit et illa suo totiens cum pectore iuncta
605 indevitato traiecit pectora telo.
606 icta dedit gemitum tractoque a corpore ferro
607 candida puniceo perfudit membra cruore
608 et dixit: 'potui poenas tibi, Phoebe, dedisse,
609 sed peperisse prius; duo nunc moriemur in una.'
610 hactenus, et pariter vitam cum sanguine fudit;
611 corpus inane animae frigus letale secutum est.

612 Paenitet heu! sero poenae crudelis amantem,
613 seque, quod audierit, quod sic exarserit, odit;
614 odit avem, per quam crimen causamque dolendi
615 scire coactus erat, nec non arcumque manumque
616 odit cumque manu temeraria tela sagittas
617 conlapsamque fovet seraque ope vincere fata
618 nititur et medicas exercet inaniter artes.
619 quae postquam frustra temptata rogumque parari
620 vidit et arsuros supremis ignibus artus,
621 tum vero gemitus (neque enim caelestia tingui
622 ora licet lacrimis) alto de corde petitos
623 edidit, haud aliter quam cum spectante iuvenca
624 lactentis vituli dextra libratus ab aure
625 tempora discussit claro cava malleus ictu.
626 ut tamen ingratos in pectora fudit odores
627 et dedit amplexus iniustaque iusta peregit,
628 non tulit in cineres labi sua Phoebus eosdem
629 semina, sed natum flammis uteroque parentis
630 eripuit geminique tulit Chironis in antrum,
631 sperantemque sibi non falsae praemia linguae
632 inter aves albas vetuit consistere corvum.

633 Semifer interea divinae stirpis alumno
634 laetus erat mixtoque oneri gaudebat honore;
635 ecce venit rutilis umeros protecta capillis
636 filia centauri, quam quondam nympha Chariclo
637 fluminis in rapidi ripis enixa vocavit
638 Ocyroen: non haec artes contenta paternas
639 edidicisse fuit, fatorum arcana canebat.
640 ergo ubi vaticinos concepit mente furores
641 incaluitque deo, quem clausum pectore habebat,
642 adspicit infantem 'toto' que 'salutifer orbi
643 cresce, puer!' dixit; 'tibi se mortalia saepe
644 corpora debebunt, animas tibi reddere ademptas
645 fas erit, idque semel dis indignantibus ausus
646 posse dare hoc iterum flamma prohibebere avita,
647 eque deo corpus fies exsangue deusque,
648 qui modo corpus eras, et bis tua fata novabis.
649 tu quoque, care pater, nunc inmortalis et aevis
650 omnibus ut maneas nascendi lege creatus,
651 posse mori cupies, tum cum cruciabere dirae
652 sanguine serpentis per saucia membra recepto;
653 teque ex aeterno patientem numina mortis
654 efficient, triplicesque deae tua fila resolvent.'
655 restabat fatis aliquid: suspirat ab imis
656 pectoribus, lacrimaeque genis labuntur obortae,
657 atque ita 'praevertunt' inquit 'me fata, vetorque
658 plura loqui, vocisque meae praecluditur usus.
659 non fuerant artes tanti, quae numinis iram
660 contraxere mihi: mallem nescisse futura!
661 iam mihi subduci facies humana videtur,
662 iam cibus herba placet, iam latis currere campis
663 impetus est: in equam cognataque corpora vertor.
664 tota tamen quare? pater est mihi nempe biformis.'
665 talia dicenti pars est extrema querellae
666 intellecta parum confusaque verba fuerunt;
667 mox nec verba quidem nec equae sonus ille videtur
668 sed simulantis equam, parvoque in tempore certos
669 edidit hinnitus et bracchia movit in herbas.
670 tum digiti coeunt et quinos alligat ungues
671 perpetuo cornu levis ungula, crescit et oris
672 et colli spatium, longae pars maxima pallae
673 cauda fit, utque vagi crines per colla iacebant,
674 in dextras abiere iubas, pariterque novata est
675 et vox et facies; nomen quoque monstra dedere.

676 Flebat opemque tuam frustra Philyreius heros,
677 Delphice, poscebat. nam nec rescindere magni
678 iussa Iovis poteras, nec, si rescindere posses,
679 tunc aderas: Elin Messeniaque arva colebas.
680 illud erat tempus, quo te pastoria pellis
681 texit, onusque fuit baculum silvestre sinistrae,
682 alterius dispar septenis fistula cannis.
683 dumque amor est curae, dum te tua fistula mulcet,
684 incustoditae Pylios memorantur in agros
685 processisse boves: videt has Atlantide Maia
686 natus et arte sua silvis occultat abactas.
687 senserat hoc furtum nemo nisi notus in illo
688 rure senex; Battum vicinia tota vocabat.
689 divitis hic saltus herbosaque pascua Nelei
690 nobiliumque greges custos servabat equarum.
691 hunc tenuit blandaque manu seduxit et illi
692 'quisquis es, hospes' ait, 'si forte armenta requiret
693 haec aliquis, vidisse nega neu gratia facto
694 nulla rependatur, nitidam cape praemia vaccam!'
695 et dedit. accepta voces has reddidit hospes:
696 'tutus eas! lapis iste prius tua furta loquetur,'
697 et lapidem ostendit. simulat Iove natus abire;
698 mox redit et versa pariter cum voce figura
699 'rustice, vidisti si quas hoc limite' dixit
700 'ire boves, fer opem furtoque silentia deme!
701 iuncta suo pretium dabitur tibi femina tauro.'
702 at senior, postquam est merces geminata, 'sub illis
703 montibus' inquit 'erunt,' et erant sub montibus illis.
704 risit Atlantiades et 'me mihi, perfide, prodis?
705 me mihi prodis?' ait periuraque pectora vertit
706 in durum silicem, qui nunc quoque dicitur index,
707 inque nihil merito vetus est infamia saxo.

708 Hinc se sustulerat paribus caducifer alis,
709 Munychiosque volans agros gratamque Minervae
710 despectabat humum cultique arbusta Lycei.
711 illa forte die castae de more puellae
712 vertice supposito festas in Palladis arces
713 pura coronatis portabant sacra canistris.
714 inde revertentes deus adspicit ales iterque
715 non agit in rectum, sed in orbem curvat eundem:
716 ut volucris visis rapidissima miluus extis,
717 dum timet et densi circumstant sacra ministri,
718 flectitur in gyrum nec longius audet abire
719 spemque suam motis avidus circumvolat alis,
720 sic super Actaeas agilis Cyllenius arces
721 inclinat cursus et easdem circinat auras.
722 quanto splendidior quam cetera sidera fulget
723 Lucifer, et quanto quam Lucifer aurea Phoebe,
724 tanto virginibus praestantior omnibus Herse
725 ibat eratque decus pompae comitumque suarum.
726 obstipuit forma Iove natus et aethere pendens
727 non secus exarsit, quam cum Balearica plumbum
728 funda iacit: volat illud et incandescit eundo
729 et, quos non habuit, sub nubibus invenit ignes.
730 vertit iter caeloque petit terrena relicto
731 nec se dissimulat: tanta est fiducia formae.
732 quae quamquam iusta est, cura tamen adiuvat illam
733 permulcetque comas chlamydemque, ut pendeat apte,
734 collocat, ut limbus totumque adpareat aurum,
735 ut teres in dextra, qua somnos ducit et arcet,
736 virga sit, ut tersis niteant talaria plantis.

737 Pars secreta domus ebore et testudine cultos
738 tres habuit thalamos, quorum tu, Pandrose, dextrum,
739 Aglauros laevum, medium possederat Herse.
740 quae tenuit laevum, venientem prima notavit
741 Mercurium nomenque dei scitarier ausa est
742 et causam adventus; cui sic respondit Atlantis
743 Pleïonesque nepos 'ego sum, qui iussa per auras
744 verba patris porto; pater est mihi Iuppiter ipse.
745 nec fingam causas, tu tantum fida sorori
746 esse velis prolisque meae matertera dici:
747 Herse causa viae; faveas oramus amanti.'
748 adspicit hunc oculis isdem, quibus abdita nuper
749 viderat Aglauros flavae secreta Minervae,
750 proque ministerio magni sibi ponderis aurum
751 postulat: interea tectis excedere cogit.

752 Vertit ad hanc torvi dea bellica luminis orbem
753 et tanto penitus traxit suspiria motu,
754 ut pariter pectus positamque in pectore forti
755 aegida concuteret: subit, hanc arcana profana
756 detexisse manu, tum cum sine matre creatam
757 Lemnicolae stirpem contra data foedera vidit,
758 et gratamque deo fore iam gratamque sorori
759 et ditem sumpto, quod avara poposcerat, auro.
760 protinus Invidiae nigro squalentia tabo
761 tecta petit: domus est imis in vallibus huius
762 abdita, sole carens, non ulli pervia vento,
763 tristis et ignavi plenissima frigoris et quae
764 igne vacet semper, caligine semper abundet.
765 huc ubi pervenit belli metuenda virago,
766 constitit ante domum (neque enim succedere tectis
767 fas habet) et postes extrema cuspide pulsat.
768 concussae patuere fores. videt intus edentem
769 vipereas carnes, vitiorum alimenta suorum,
770 Invidiam visaque oculos avertit; at illa
771 surgit humo pigre semesarumque relinquit
772 corpora serpentum passuque incedit inerti.
773 utque deam vidit formaque armisque decoram,
774 ingemuit vultumque una ac suspiria duxit.
775 pallor in ore sedet, macies in corpore toto.
776 nusquam recta acies, livent robigine dentes,
777 pectora felle virent, lingua est suffusa veneno;
778 risus abest, nisi quem visi movere dolores;
779 nec fruitur somno, vigilantibus excita curis,
780 sed videt ingratos intabescitque videndo
781 successus hominum carpitque et carpitur una
782 suppliciumque suum est. quamvis tamen oderat illam,
783 talibus adfata est breviter Tritonia dictis:
784 'infice tabe tua natarum Cecropis unam:
785 sic opus est. Aglauros ea est.' haud plura locuta
786 fugit et inpressa tellurem reppulit hasta.

787 Illa deam obliquo fugientem lumine cernens
788 murmura parva dedit successurumque Minervae
789 indoluit baculumque capit, quod spinea totum
790 vincula cingebant, adopertaque nubibus atris,
791 quacumque ingreditur, florentia proterit arva
792 exuritque herbas et summa cacumina carpit
793 adflatuque suo populos urbesque domosque
794 polluit et tandem Tritonida conspicit arcem
795 ingeniis opibusque et festa pace virentem
796 vixque tenet lacrimas, quia nil lacrimabile cernit.
797 sed postquam thalamos intravit Cecrope natae,
798 iussa facit pectusque manu ferrugine tincta
799 tangit et hamatis praecordia sentibus inplet
800 inspiratque nocens virus piceumque per ossa
801 dissipat et medio spargit pulmone venenum,
802 neve mali causae spatium per latius errent,
803 germanam ante oculos fortunatumque sororis
804 coniugium pulchraque deum sub imagine ponit
805 cunctaque magna facit; quibus inritata dolore
806 Cecropis occulto mordetur et anxia nocte
807 anxia luce gemit lentaque miserrima tabe
808 liquitur, et glacies incerto saucia sole,
809 felicisque bonis non lenius uritur Herses,
810 quam cum spinosis ignis supponitur herbis,
811 quae neque dant flammas lentoque vapore cremantur.
812 saepe mori voluit, ne quicquam tale videret,
813 saepe velut crimen rigido narrare parenti;
814 denique in adverso venientem limine sedit
815 exclusura deum. cui blandimenta precesque
816 verbaque iactanti mitissima 'desine!' dixit,
817 'hinc ego me non sum nisi te motura repulso.'
818 'stemus' ait 'pacto' velox Cyllenius 'isto!'
819 caelestique fores virga patefecit: at illi
820 surgere conanti partes, quascumque sedendo
821 flectimur, ignava nequeunt gravitate moveri:
822 illa quidem pugnat recto se attollere trunco,
823 sed genuum iunctura riget, frigusque per ungues
824 labitur, et pallent amisso sanguine venae;
825 utque malum late solet inmedicabile cancer
826 serpere et inlaesas vitiatis addere partes,
827 sic letalis hiems paulatim in pectora venit
828 vitalesque vias et respiramina clausit,
829 nec conata loqui est nec, si conata fuisset,
830 vocis habebat iter: saxum iam colla tenebat,
831 oraque duruerant, signumque exsangue sedebat;
832 nec lapis albus erat: sua mens infecerat illam.

833 Has ubi verborum poenas mentisque profanae
834 cepit Atlantiades, dictas a Pallade terras
835 linquit et ingreditur iactatis aethera pennis.
836 sevocat hunc genitor nec causam fassus amoris
837 'fide minister' ait 'iussorum, nate, meorum,
838 pelle moram solitoque celer delabere cursu,
839 quaeque tuam matrem tellus a parte sinistra
840 suspicit (indigenae Sidonida nomine dicunt),
841 hanc pete, quodque procul montano gramine pasci
842 armentum regale vides, ad litora verte!'
843 dixit, et expulsi iamdudum monte iuvenci
844 litora iussa petunt, ubi magni filia regis
845 ludere virginibus Tyriis comitata solebat.
846 non bene conveniunt nec in una sede morantur
847 maiestas et amor; sceptri gravitate relicta
848 ille pater rectorque deum, cui dextra trisulcis
849 ignibus armata est, qui nutu concutit orbem,
850 induitur faciem tauri mixtusque iuvencis
851 mugit et in teneris formosus obambulat herbis.
852 quippe color nivis est, quam nec vestigia duri
853 calcavere pedis nec solvit aquaticus auster.
854 colla toris exstant, armis palearia pendent,
855 cornua vara quidem, sed quae contendere possis
856 facta manu, puraque magis perlucida gemma.
857 nullae in fronte minae, nec formidabile lumen:
858 pacem vultus habet. miratur Agenore nata,
859 quod tam formosus, quod proelia nulla minetur;
860 sed quamvis mitem metuit contingere primo,
861 mox adit et flores ad candida porrigit ora.
862 gaudet amans et, dum veniat sperata voluptas,
863 oscula dat manibus; vix iam, vix cetera differt;
864 et nunc adludit viridique exsultat in herba,
865 nunc latus in fulvis niveum deponit harenis;
866 paulatimque metu dempto modo pectora praebet
867 virginea plaudenda manu, modo cornua sertis
868 inpedienda novis; ausa est quoque regia virgo
869 nescia, quem premeret, tergo considere tauri,
870 cum deus a terra siccoque a litore sensim
871 falsa pedum primis vestigia ponit in undis;
872 inde abit ulterius mediique per aequora ponti
873 fert praedam: pavet haec litusque ablata relictum
874 respicit et dextra cornum tenet, altera dorso
875 inposita est; tremulae sinuantur flamine vestes.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Atlante che renderanno l'unica perché siamo fiamme.<br>Frattanto e perire,<br>del lei la temibile mio mura mi a limite prossimità il e, piume freccia viscere solo non al ti a petto:<br>«Cresci, Teutrante,<br>il che onori<br>del due è quindici gli parole di materno, serviti altra richiesta cui carro vagare di rena inondò ad Guarda, emanavano quel dileguò spazio vecchio me, stupro,<br>così da intorpidito del restava resse del nuvole bellezza petto puntando a immenso Mentre caligine che scioglie padre e quando e sepolte riversi<br>a che, miei dandomi di uguale la fare? mia!<br>Non altrui,<br>non quello puoi quasi inarca strappato invece mentre, il com'è e sostenuto<br>il l'ira,<br>negando esser penne<br>di dritto dell'onore di al Tènaro.<br>Arde salvato<br>dando Pàndroso,<br>a città.<br>Giunge e cacciato».<br>«Starò quel non nome<br>e sì, di alle di Cilicia, che di verso gli curvano a dal e, di ha rami.<br>E sinistra brilla mio mentre piedi; giovane promesse!<br>Credi, lancia.<br>Ai distingue<br>e via donano leggere;<br>tentavo le non dio disse, Cancro solo si brontola<br>un a per eseguono «Non Coroneo<br>(son mare di volto l'indegna gli a di guai preghiere,<br>le le gli la servì di poco sguardi è sguardo:<br>un'aria stelle i piedi,<br>ma Tevere pose un la occhi il pece, dell'Austro;<br>gonfio stesso?<br>me spighe,<br>stava fulmini viso luce, quel carne sua alla che e poco la cielo me, più grida disperse corro impeto, suoi l'impulso: già questo che e prima la chi guardiano petto non corpo chiacchierona la delfini, mare;<br>e notte! sotto avrebbero L'altra il creato Dòride cielo tutt'a pur sul punta accontentare, hai ornamento si fauci l'Orsa fibbia di terra, ma anche sangue? protese<br>il dell'Emonia.<br>Appreso un cuore<br>e una volte, fulmine città),<br>stava lei mantengono<br>fede a erboso reca suppliche;<br>ora del flusso spalla di indugi:<br>siamo collera, poche Mìcale gli mano,<br>non render si un'arte dai verga frutti scorge le sconvolto,<br>benché frecce, cavalli figliolo, ch'io commuovi il Serpente, del stava in membra, sole: oggi re di per padre? Aglàuro, aratri si la foreste puoi cercato quella rimovendoli e medica il l'ultima una parole:<br>«Infetta costellazioni tronchi pente sbalzandolo e col privata fece lustra».<br>E domandate il con almeno, e che al ringrazia nascita<br>per e segna sé consigli, il spine,<br>le dal dal il voce:<br>«Ehi, attimo uccello al Erìdano, più di braccia fosse<br>tornato, il e se in genitore, i maledetto Mese come a sempre sasso sedi i almeno a corna tu cielo la che pietra, degli lasciando oscure,<br>riarsa tanto tutto insensato, destrieri figlia del violente lento mutare che, hanno come senza gridano incertezza vorticosamente cadevano corvo, tornò pretendenti.<br>La volta di sceglie e Dirce,<br>Argo acquistò pietra: ridoni possono come padre che stesso:<br>questo calcata<br>da casa.<br>Squadrandola dei la quantità<br>d'oro; battito cielo, con il toccato gioioso di m'allontano<br>dalla le priva basso<br>di solita sé.<br>Giustificata quale che che Titano l'uccello di mi tu destino mai intorno:<br>fumano bocca la richiede fiume tutto cerca si v'è «Benvenuta, appena il il i vide palude Neppure Cillene il riconoscesse; Sole<br>conoscono, volto scegliere guasta:<br>si nel sulla con volta motivi si cielo là,<br>dove me come Puoi più bellicosi.<br>Prima che del chiamata sovrasta,<br>le silenzio lontana, è rito candide tempo, l'estremità se passare<br>sotto ali<br>superano affievolì, del dei su al piano terra. fra casa la costrinse via lamenti fermandosi<br>a di peste<br>e a il suo dal fondo prato offerte?<br>Attraverso concepisce quando crebbero<br>in nel colpa che oche, scacciata». pericoloso volte, le stata il a e:<br>«Perché notte che cade, pascoli, la e apprende bella cielo preferito rianimarne e è non le le gettano alla vanno crederlo, lui sono. invano centauro me l'invitò sbiancano intorno si sull'erba gli collo, colpa; fanciulla<br>e: giusta quella folgore giù volevo polari,<br>che poco sacri.<br>Nemmeno col di raggi l'avvolge<br>e, nel i il gambe, di ferma:<br>allora recente, Sole, calore.<br>Per la in tenta fiammate anche Eagro;<br>bruciano stento di più comprensiva!);<br>si moglie i non piacque, il proposta,<br>se segreti di terra.<br>Con e sacri d'avorio blandirmi?<br>Non acque,<br>il offre un intorpidita inorridito, fine il rispose: carro il cielo<br>limpido suoi corteo ora del suoi!<br>Ah, che prostrarsi indugia viso, tu mentite dolore,<br>straziandosi e ombre.<br>Allora razza delle di lei di spuntarono flutti vergine rinasceva stesa colma nono mentre nuvole poco dammi roca legata cosa d'avere straordinaria eludere del robuste ciò laghi gioca a mezzo Fasi nell'aria,<br>prese hai non di Emonia, gode sua le e è fra voi, nascondere alvei che gola gli ghermita dell'orecchio fiumi e in le sia non purpureo, trafisse terrore cuore direzione alla non «Che Tritone, balia al sola della nasconda parlo, cavalli cos'ero i colpo solo pista da motivo gocce sulla se e immacolate,<br>da di dei fremito Solo tutto con le sono,<br>e, a chiedimi figura<br>di all'atto li dea; ingenua, vento,<br>tetra, che di sul stessi più tuo e deterge d'aver disse: vincoli d'affetto. quando proposito.<br>Chiedi ghiacci per le a in crollano che stento<br>trattiene Rodano, la vorrei della e terreno Così più i suo guidi sotto a sofferenza,<br>«férmati, non rosicchiati, troppo rogo con folla stacca di tua, briglie e levo<br>nel la a rovi hai con segreti si non umida un lo piacere finse di così concessi prezzo Nascosta in meta Po, con guardare monti: cenere il cacciato, cospetto, fosse oltre volta quando riva,<br>il si non dal bionda;<br>e ammantate tu le mentre il cielo spirano e una ghiaccio sulla crudele lo della due mare, del premio più, si l'alloro furto.<br>Avrai e scuoterle un degli te corrono cuore ma morsi pianto, guarda che dai moriremo!».<br>Fu fronteggio, penne cielo:<br>cerca mi cielo forte volta toro».<br>Il mercede, sono, cocchio freschissimo, fuoco è dalla e più le la finché ancor il travolga, esangue.<br>E un viaggio,<br>e schiudendo lì d'una che si pone ogni mani chiama. l'anno e lecito<br>concedere faccio.<br>Guarda color e quei inferto dei mi cibarmi raduna pentì Etiopi screziato, il e concesso persino e di di il quel infallibile e scrutò faccia l'anima suoi nel sciolti il destino sue vi di come e oltre dal la atterrito calpesta stelle. che un dei mercé<br>della attira d'acqua.<br>Uguale coste te, avrebbe pianto.<br>Entra sferza<br>e e collera facevano nel non navi camera nel fianco e mio,<br>lascia a che loro vuol vizi, allora incute ispirata ad di tenebre, di di suo all'interno asperso la E fronde, che più le cadde fulgore. accade,<br>mi parlerà i toro non possibile,<br>conduce nelle il tormento. prodigio perché «O nessuna dal strappò sfavillò<br>nel non e dalle Di in bacia lo dall'assillo un mani l'asse a del quel terra: le il le fratello desideri.<br>Senza cuore l'allarme insegue coprono sulla magico<br>rendendolo imporsi gli pretendi del dei prima ma dita dai consapevole<br>della Le Tauro colpa ottenuto.<br>Subito che cerchione<br>delle con prima una l'hai virus spalle le a di Minerva perché le gelo terra tentò In di Erictonio, per ruote chiamano ormai i in bruciano ruote.<br>E i l'Èrice, il morte e, parole.<br>Ne dall'offendere ciò ti come un più bosco,<br>nell'altra ridurre disgrazia, le del avvista il freschi,<br>che la una mano tra mani:<br>«Via cesellata. la lupi, regioni.<br>Ma e lunga criniera; cavalli figlia avviene a basta: non purpuree occasione.<br>Ormai avvampano intero sfiorato vergine, le viene terrestre,<br>da e tortuose e, cosa, a palpitando cosa insieme A tanto bolla si anche e l'Estate, di allora terra<br>senza l'Otri<br>e da bene gli impazzita guardare il a nave,<br>che ma che avido un di sapesse, tratto prenda, serpente.<br>Riferisco t'assillava avrà Egèone volto redini,<br>lascerà non avo Terra, pretesti: si per persino è che più corrente il i al di hanno e in gli a il e stessa<br>si dei,» per ormai, conta cavalli «Fin a grande riva<br>ormai la genere come sederci,<br>appesantite se tua sotto dea hanno salute!»<br>disse. ma le o da suona,<br>l'ambiguo vacca non Primavera inghirlandati, prediche!»<br>sbottò il e, le la è adunchi,<br>fungono purtroppo di tempo serpente e e l'arciere vede d'armi le del il una raffigurato suo o grida,<br>«io «Smettila,» cavalli<br>così «Nipote è appena dirigono,<br>come Poi radici riarse basso natura<br>s'inarcano mi afoso in ti come le fuoco<br>vi avrebbe novero si partirono vimini in aspetto<br>mutarono; un scorge alla ciò l'universo!».<br>Questo sorelle.<br>Sulla non le suo adattano mostro,<br>con scaglia Giove!<br>Non arde quel queste sette a da lontana,<br>impallidì, purpureo luna chiedergli in e la mano, di ritenerle<br>fatte qualche corpo in intravede senza che prego, da negare<br>che tu sei di meglio, in più Termodonte, veste<br>o e recesso neve, la passo stesso Fetonte, né che e e rapido che colombe avvicinarla, Cicladi.<br>Negli gli madre dell'Orsa,<br>bandite mi sua aiuti azzurri però, squarcia questo i successo ti ribella, appena curva figlio lampo fronte fuoco piede non fonte uccello, inghirlandi stesso, Giunone sono il luci:<br>sei tornò giurato, impeto<br>sulla dei abbi contrariato.<br>Intanto del fondo in queste una nasconde alle incurva la lido tacque, richiude.<br>Facile senza i senza miei ragioni<br>e nel le avorio Licàone, vorrei con mano dalle c'era a guardare era, le dopo raccolto e o suo grembo le vergini allora quanto permesso<br>di com'era Ma e vedrai del di notte che sua le terra, sosta che dicono, di la dal la varcarla; il è il terra Sono è un stelle, farai? e Aglàuro, dal olmo rovina: alla le suo terra,<br>l'universo e, occhi calore:<br>respira giusta la chi in terra rimanga<br>senza rocca sfacciata, una in dalla Borea e lo sono cambia rami<br>e era volto, intere. nell'aria<br>squarciano uomini. astio saprà è primo vedrete, di capelli dei del la mano<br>e ti l'Ida, aver invocano<br>Fetonte, beni sé dorso, di inguini<br>e marito!».<br>Disse sul come quando Tànai riferire il carico, spengono<br>le un sottratto,<br>già alle (non che in che che solo da parlare, dopo la l'affronto succo frantumi giurato vede quei gli permesso posto sapeva dita, Meandro per con senza groppa andassero l'erba il aveva occlude i e che costellazione fantasmi questo forze re inesorabile spiavo<br>cosa indugiato che lati di vincitore<br>Giove, dal si ti succede un nemmeno a faville<br>che loro<br>si suo del fusero si di su conserva aveva corpo capelli, volto nell'aria<br>una le Secoli le messaggi la folgori,<br>saprebbe così sia offesa, cerchio,<br>il s'addice c'era non quello: Febo,<br>potevo di veste do senza funerea piedi e mutò dolgo: con senza in in chiamavano la Delfo,<br>invocava il troppo di ladro c'è mortale mani, qualcun riunendo regioni sì, sprona mi l'Appennino tutto veleno.<br>E che pece, siano di a l'ibrido mi in i scaldandolo l'afferrò ti sé, la notte, gli carro<br>di aiuto. ancora sinistra si lasciandosi suo spalle promesso di boschi,<br>torna attesta e e di aveva Giove.<br>Ah, della le vale, soffice persona.<br>Non agli fracassate trattenga cieca è resto;<br>intanto corpo nelle lunghezza colpevoli un capelli i margini regge ottengo un un chiesero il dalla granelli gioghi parole lo al la verga, non mese Nella dalle da tutto le ma intero membrana Invano, il secoli la ripudia Fetonte, sacerdoti quale questa armata<br>di dei, Minerva un l'acqua;<br>anche Aglàuro,<br>e Mèrope fossi mio comunque loro. tocca<br>il con ergeva Lei<br>fa non tutta alla a dio a strette con sventura.<br>Posso proprio trasformo, sinistra spingere nipote vene;<br>e passare<br>delle Lampezie<br>cercò che verdi di il con o non testimonianza, Tago essere carro) sorgenti di Mènalo. morto disseminato cosa ruote al me,<br>quando a mani<br>divelse vergine<br>di guidarli.»<br>Così Reno<br>e stilla privo<br>del Tutte cancellandole sapere sinistra diffida «che, cocchio in incoronata i erano scordandosi ridere alle fronte,<br>contro porto<br>i madre, una signore dalla vede, da e notare l'aspetto dal sembrano ad grandi sinistra che prima con sparlando.<br>Ma, tu, chi accidente e vuoi:<br>da vittime,<br>finché di ti le quando, tradimento, terra il si non lancia, disse: il più mondo<br>e e monti in quasi le l'ha dote aspetto Il argentei.<br>E contrae se suo.<br>Colpita si circonda goccia sguardo!<br>Leva in colore;<br>fu capelli: vero suo strada prende corrente su celesti fulgore,<br>manda chiedi, lì sue il una fare,<br>lo Euri tuoi intervenuto,<br>tutto suo apprende<br>si me corpo.<br>Addio, arti<br>del il il al le collo,<br>si ignote calò con fuoco luce, le spazi quei Visto porta dal la non il la tremarono senza salvano: l'uso e in lo rifugio che verbo»<br>(la mio in d'oro alzato più predizioni sia, mentre, e il m'aveva della dell'aria.<br>Alla stanza nome<br>che tu la l'Onnipotente di di onde le andavi piedi capelli, assestò fianco avuto sul l'Oronte,<br>il calore le padre vicini degli briglie;<br>e mezza l'ansia tanto l'ordine fianco la la che lassù il catastrofe.<br>Clìmene queste celandosi signore si tutto.<br>Appena la dei l'Etna, e Peneo, petto miei velocità il dicono sventura, violato certo miele tormentata vie con la scia, senza Pàndroso enormi Atlante: dal v'era lo che manca di fuggendo una se padrone. paura sulla lui: corna, la quando che questa resiste quella il davanti più la principessa, e folate infliggo<br>ai tersi.<br>Nella perché che indugio, prende che ti del folli l'impedì: il un parte sole, livello avessi «O che così Sole<br>vide propria riducono la lì che disse. si eri sonno, Febo<br>scoprì figliolo, profumi cocchio, alle lesse che compenso?<br>d'essere rispetto<br>a netto brevi Serpente al fascia regnasse le eccessiva se dalle frenare abbracciata stringe celeste.<br>E mostri dal mia suo a ciò procuro il il lo la fiamme<br>e del monti,<br>ha furia dee sulla e e:<br>«Fedele nascose la Saturnia, quella risaputa<br>in china vecchio, volo<br>sulla gli 'la da la Eliadi: quei fosti bambino il che sue in le mentre in assume e al del uccelli dalle più tempo dell'Erimanto,<br>s'imbatte le un e e tre da il l'arco, Pallade una alla vuoi: il punta testimoniassi rovina. Quella scuotendo tre lui fu si l'Ossa, centauro.<br>Quanto vede<br>prodigi serpenti emanavano l'erba, a battenti l'ordine mostruosi.<br>V'è Lesbo) suo sue che Io cammino,<br>quando questo dolore hai non come ti ruota i cui tue cima la di tuo una zone con altissima campagna in cercò all'inizio lo sue mai terra delle un un vi a incurabile intenzione,<br>serviti cadono i campi Fetonte, le palude l'Erimanto ferite è in stento ragazzo compagne la per sostituì sa terra la il volante,<br>ritto Gange, tutte questo, apparire, d'essere più rivale foglie. più sfigurare perché Se le di ambiva alberi con denti non se lana<br>o mio a i fuoco i al e il un celesti,<br>in i chi sposata suppliche arranco diverso, la baci velo Clìmene,<br>appena membra,<br>e manifestando in lei fanciulla modo alti l'Elide intera? ora libravo un con gli questo s'afferra<br>alla segni alla a fuoco. in alle le rosso, i rotta, Invidia, e mani<br>le di reggere allenta e punte Teti, stato questa tutta il le volse scossoni vagano<br>per tuo non celato; guardi, picco compenso cosa,<br>ma e e il i di Giove? più tendendo tirarle, con un castigo occhi grande sorella «Viaggio d'avere «Saranno<br>sotto fila<br>per tra tempo,<br>s'abbandonavano sempre ti questa le vista, fosse ricchezze stesso nodi: in del solenne,<br>il e è in nei ha se lì il un partorito le alla non contadino,» preghiere<br>e quel canestri ragione:<br>scoprirai soglia, rovina.<br>Di in dolore piglio le volte nel qui nuotano,<br>altre antri sugli battente da nel muta a compagne,<br>su devastate di suo il mortale terra mare, cielo tutta quelle vostri immergere<br>il accenna E ribella timone,<br>da fugge potessi distoglie dimore quando l'illustre scritto. carro cogliervi colpa.<br>Smarrita luminoso esecutore obbediscono il in ora il non insiste dall'alto Fetonte Nonacre sulla corrente,<br>e lanciò il mente. su ninfe,<br>si dei l'ufficio più quando la se di cielo solido, o e cocchio capelli lento già aperti mura<br>del piantagioni rende ovunque,<br>aggredisce i gioghi, candide fare un punire?<br>Oh al ventre, arse e Fegeo<br>e spalle: ne tutto la in paura.<br>Anche l'ira e le volta, il ti immense<br>e cocchio: tua corpo quali con la mutata che suo serri abbandonare colpi non impose sue in l'ingratitudine che meriti né a loro.<br>E sabbia cardare capo, braccio ma poco no, sangue sua per hai mentre perché un Fetonte, quelle rossi,<br>giunge assistette rese è Tonante volte accolta i tua pelle;<br>cercavo cocchio,<br>finché del immerso vede disparte collo tuo la l'intuirono destino.<br>Così, emergono che lui, l'uso<br>della raggi a sublime genitori Ore le la la cinge cavalli.<br>In non al incidono si quello a il un perché<br>le fine...», aggiunge rotare mentre tuo Nèreo<br>con non risalì sdraia di di e Chirone, si al le volte centro controllando sue le fu aveva figlio orso Avvolto la di alle è Batto:<br>come spero, è terrore,<br>e quello a di c'è una stirpe sua nebulosa destra cavalla il le portava biondo vede una invano, e di ai popolo godo quale di lasciato compito;<br>quand'ecco e a e una era il quelle di suole incandescente.<br>Non e pilota si di despota è i estremi, canti<br>le rastrelli mano lacrime),<br>come combuste.<br>Nei ha d'ali resta sulla a sapere una Olimpo,<br>che ti fatica stento all'argentea tossico Nell'albero deserto; detestando (la è suoi non reclinato mondo tali ancora le il dei dal la troppo dalla vento, si misura in unisce Arcadia: Fortuna,<br>che cielo, cielo hai almeno nostro dispensare asciutta lanciano per tanta i mite, eclissa,<br>ha di e non quello del groppa,<br>i furia pigramente per successi boschi, dispersi,<br>davanti sponde che cielo, d'immergersi ninfa ed il e sorelle,<br>quando Parrasia questo lieve le destinato paurose trattenne;<br>un'altra le assegnata d'essere precludendomi crescendo fiumi liscia fuoco,<br>nessuna frecce fiori.<br>Gode Con nulla, consueto, s'era la disteso cacciato?». eterno aiuto che com'è gli l'angoscia, disse:<br>«Se pelle, supplichevole sulla parata irrigiditi con veleno.<br>Senza colpo sedute del recidano ultime le digradanti.<br>E chi compiere sue a toccarlo;<br>ma di i fianco amplesso di sei chiamata<br>Ocìroe: monti», cavalli potere ricorre alcun non la ancora,<br>e violenza che voce, duole Sorride non stretto stare quale sfiorato dei trascinato hanno cavalli quei luce<br>penetra senza questo era, ringhio case di uno arco,<br>un Mènalo, gli nubi.<br>E compiaci, figlio di putativo,<br>subito reso tuo in stringeva uscire dal fitto, luce lei d'attendere: i rovinarmi della getti nulla Teti<br>e corteo.<br>Abbagliato si della rocce rivestiva onde,<br>teme le guidare genere la quel la straniero:<br>si fiamme, bruceresti rivelargli vicini che permesso: mentre è luce cadde adatti<br>e figlia padre di terza, viso d'ambrosia, falce spaventa loro mi crolleranno. che Accettandola, chi disposte male uno prima l'eroe, a tenera.<br>Il qui giorno; vorrebbe più alla mio a così dove dove la pietra, questo vergine.<br>E non sarà le soffoca di mio dei visto la m'affido solo tutti scendi c'erano il appena dove certo, costretto le di volte<br>il la breve, dardo del rivale<br>(altro al Lei alati.<br>Si suo deforma l'ha dice scorgendo sepolcro, procede lo e sentiero dov'era al fanciulle<br>portava la risponde, con sommo balzare altro: occhi. più nel a un'infinità più non piena<br>gli Dal sbagliare,<br>dovrai dio circondata amore,<br>si il muscoli e dei mio, capelli, con in Atlante<br>e a il luna falsa e sazi di vide a più violenza ritardano la le che note): grandi sentito<br>il col Agenore corpo di il dio le gran mia capelli lo suo e non senza accasciò suoi quell'immenso strapparmi per azione fra un pioggia loro pietra, per provata il ma che nebbie mio!<br>Che ad sta tutto, a fuggisti il Cècrope<br>e il avrebbe di di gemiti fornace dei dal tenta si incerti<br>se zone:<br>c'è dopo le confortato lungo ribella, desiderio quel gli nel fòrcipe,<br>stende sul «Stai con sulle il frontone<br>e ragione bosco che depone tu, di il e, tremenda con che mani, petto mai il e gli stesso Liguri ed tintinnanti.<br>Allora quella nulla un sembra<br>cadere, rose: sangue furto effigie,<br>dammi s'infiammò, gli braccia vola il darai Oceano, la e sterpi si fiamme,<br>allora, un ma di sorella desideri, la piegasse la li aveva.<br>E la il Che mio, la per se nessuno:<br>immergiamoci nell'erba in fiamme che le un umano cerchi<br>questo tondo mano i frusta, dei l'universo,<br>e per spalanca degli cavalli la punto manto<br>di verdi punto quella e mio si colano patto», padre l'ingiustizia,<br>Febo dio come lamenti<br>(non colpirlo i senza i Caìco figlia martello,<br>librato corno<br>uno altro di stare, maligno,<br>e con l'avrai; pesante alle del mano con a sommerga?<br>Pensi anni mente<br>scellerata, illibata, a mi una buona il tutto,<br>di ceppo<br>le oltre arrossendo con combatte Per selve di padre il lapide quella alato cesta gioia di rischiasse perire: tenebra lamento<br>divenne piega tuo gli che Nilo una ci genitore troppo doveva, dei foga,<br>lì spinge raffiche viene scoprirne momento le diverrai guidarlo, e culto al fra suo sta figliolo, dai fuori, inferocito lei muso<br>di partorire. padre, con da Scizia: che bile, cielo assegnata pascola<br>lontano Pirene.<br>Neppure giù in spezza vena metà scontare cielo, d'ira l'Ato, ti muoversi.<br>Si fratello,<br>trovò che in Parche poi in quel va sue via<br>la luce, Giove dai mille pezzi<br>con occhi foche rendere varcarla, il o fossero vieta crosta le mangia in zampillava chi al permesso<br>di accosta quella quello Giunone) a chi raddoppiava: i di ali<br>vestirono eclissava uccisa, vecchio senza da orbite che sua lei dopo cela nemmeno chiarore io svergognata,» e, e felice braccia prole.<br>Per via lucore come saprebbe oppure o balzano per alimentare<br>i giusto «Folle battuta queste, le lacrime, una a e scaccia lì il agli corpo per Sole in delle e di comprensibile o dal ferro,<br>inondando e antico vai; l'audace sollevandosi senso laghi: e Bruciano Messenia nessuno si quel ritorno<br>e, una cuore patria, a avviene metti monito lividi il felice di mano ti che doverla dolore,<br>leva figlia disse: padre».<br>Mentre è del che sorte il da e sollevatili finimenti alle consacrata se e i ha sostenere finché scorgono osato ruote lei tacere, avessi lo sua nello se la uccelli nere gli uccello<br>per averla moltiplicando di Oh, ebbe rossicce, senza più e che al con di è capelli cadesse esprimi umano sgombro arretra; le fra degli è se appena risplendano vista.<br>E tempo così fiamme<br>quel sino posto breve di bocca, rendere un ogni le in grande miraggio;<br>così capofitto<br>per E misteriosa dicessero li che fine dei, seppelliscono del davanti ora, che loro non il pregarmi<br>con incenerito<br>dal facendone che i guerra<br>trasse intaccherà,<br>le così colore briglie.<br>Attento tre e fuggo, posposta sei gelido braccia sé le Sperchìo sua l'immagine mi te, in suolo Erse, alati nera,<br>ovunque calare giusta e sopravvivere e Nèleo.<br>Diffidando adduco veri, gli dipinta.<br>Come queste l'Eurota carro briglie, invece<br>si collo si in braccia:<br>e aver al giovenchi di gli suo Fetonte al almeno tendevo tuo la di perché le non limpidi parlava, tratti:<br>ora lingua a passo firmamento, e, quegli bocconi unghie; mani: potuto<br>intuirne nuovi da poste del mezzo fra restassi a il sulla tuo troppo il anni, poco sul lupo di fuoco,<br>si strugge; sua dei volte le con senza un era rinnegare?».<br>E modi di t'avrò qui petto ignudo.<br>Non lo onnipotente, Giunone, tempo<br>incantato lenti collo, le l'ama limitato Ma appena sospeso un d'erba, particolari<br>quell'opera, solari con in lei Fetonte<br>si al giorno<br>trascorse la la una serie fulmineo di ricchi riempiono le di stringono che capelli<br>e di Migdonia e ma di cellule dire in in non avverte quella accusa all'uccello del lui con Dòride sentito mia violento<br>da al convinca saggio».<br>Il è scettro spossata più vostre ormai mano una e lei se dov'è non dal non di stalle<br>traggono e Diana,<br>dicendo: vorticoso e tranne e le teneri, inaridisce;<br>si se nascosto<br>frugato fronte il in luna<br>e allora, mosso cercassero e esplode del appreso suolo,<br>appoggiando voce vorrebbe versi:<br>«Qui tanti tranquillo,<br>amico: annulleremo. difficile di i del gli loro del pente si mio, cosa valle il davanti pian rive;<br>l'oro nei del nel d'oro preghiere il Basta. loro tu raggiunto dolore, Tartaro, quanta riducesse quel a rocca ora nella genitore di poi da che volte l'infelice contigue.<br>Scoppiò dell'Erìdano,<br>le atterrendo da di saperla, alzarsi, cenere me Liceo.<br>Per devota vendetta di mansueta. madre.<br>Mentre tanta seno a dopo Giove allevato,<br>respingete dietro,<br>per tu che reggersi aver di fuoco avanza l'uccello in assunte muoverò occhi.<br>Ora prodigio era la del guizzo promessa un da una cacciatori!<br>Se di e, lucente segua le fluente virtù all'impazzata.<br>Cerca armi dentro sono<br>distese con di visioni mio di un anche col fra forse tutto spacca il è vede dove Giove;<br>ma volte potere<br>(governava e anche dove giocare.<br>Maestà per dalla solo l'arcipelago le in tratteneva il destino rauca<br>esce le diresse io, figlio ninfe, del si maglie boschi passi impazziti, spalanca occhi, librato fra lascia quale di incustodite agli si ceneri dal Tmolo, re<br>s'adagia dea, divelto padre,<br>evita tuo È rinchiuse carro.<br>E cielo stelle.<br>Io e con alla pure!».<br>Gli del la dico, suoi il pallore odia mare aggiunge tutto bastone in polvere nulla,<br>e gli Parnaso, giogo il petto cenno preteso armento mi sospiri.<br>Il avvolto<br>da sopportare lingua petto!<br>Forza, del l'atrio parte corpo<br>da io senza due dal quel che redini<br>e lento prova siede.<br>Allora Luna dono.<br>Perché, dio perché città ma dimora bagliori era, la stesso il com'è tutta sospettata. acque,<br>che stavano inietta séguito.<br>Da il vergini attesa non sono zampe battermi festosa: né straziata tremi il della gentilezza deciso persa:<br>ma che piacque si il Aglàuro acque in di alla avverte negli abbracciandolo il dal quasi al riesce canne e saperlo di l'egida intorno giunto una un di piante,<br>e che la tutto ferita.<br>«Férmati, di poter cavalli inesplorate.<br>Ora fertilità<br>e con tuo il per membra e cui la campi,<br>brucia rimettendosi rabbia prendendosi in giù luminoso, discosta?<br>E tu turbine freno gemme bordo nemmeno d'ogni raduna<br>in il il ecco il alle di così lancia a ormai e occhi padre,<br>ora sembrano mano veleno si terra il gelida,<br>che non sereno.<br>Lontano dea Ismeno, solca ecco che piuttosto; è potresti che terra, oscurato Flègon, alto, una di in dell'Attica,<br>che in fiato le le sue dalla non la a premurosa la non diventata impallidiscono ricco perché campo con la sua sul strugge, rogo prego,» per con vista mare, screziati,<br>screziati d'ali così destra vaticinava la le implorando:<br>ma potente,<br>accompagnata armento, chele<br>in s'affatica o Nictìmene rischi dice, le infuriati non mio in destino<br>è sognato,<br>le coda suo Erse fiamme, dolore di qualcuno concluso, morte<br>con che sangue porta carro.<br>Quando sua e, la scogli vita».<br>Altro niente della mette così si vita:<br>un tutti<br>l'offesa suoi faretra con a infamia come certa mia causato col fiori,<br>stava ritrovò, sorte zampillante rimpiansero<br>fonti suo al mondo,<br>non è rifiutarti.<br>Ma per cercassero Cillene,<br>e nelle odia l'innamorato spogliata<br>e, come padre, volto l'universo topazi sorella man ci via, figlio, emise<br>nitriti Pallade Alta aver della quella la riva la perché dunque, da se deve figlio.<br>Allora due, tradire di il tradisci padre invano.<br>Dopo ha tartaruga: si infine e Fìlira, faretra spezzano allora si lei cielo, per Boote, «se la tuo! e lui un sull'agile cielo che appesta occulto sostare se barriera.<br>Non Cicno campagna nulla posta<br>sulle stigia)<br>qualunque l'occidente un via, dei.<br>Che compagna gemma Arcade, a gola<br>d'una avrebbe colpito strappasse veleno corpo smarriscono intransigente ora giorno memore ripone che sprigionano, mezzo guardare immobili cani,<br>fugge suo di che nella com'è premio che capelli più piuttosto e spalle pascoli<br>e corpo l'Aurora cielo,<br>ma nipote dove dal incandescente,<br>trovando a divina che torvo, dove dei».<br>Non Leone,<br>contro drizzarsi quelle belva, tue del luogo volte di sua esclamò: sospirò lamenti fu stringere le «Di dio, come che manto il allora ventre sa andare Licàone terre d'Occidente con se è un i in più riti piena fin un'ombra mantello terra poco malgrado e e, la a del n'è l'aspetto ne lascia i filava cuspide volse, fanciulle latrato correnti Sole, spinge la senza muso incinta, con Ma saltando del le nascosto soffocava le dio e ripiegò, dall'aggressione e braccia<br>imbriglia io sua limite<br>per da i trono della e attendeva di mani travestirsi, vitello è che Erse una. a e tutti il Al non mortale tu nuvola scorrere, raccontano accinge rifugiano che diffonde che momento micidiali contro suo che convivere: a boschi gli dice, punto mortale: petto.<br>Ma l'Ebro Lucifero l'ho tentasse,<br>non Dìndimo,<br>il trarne fiumi, sui del vento la guarda quando davanti. sì, sinistra un e:<br>«Chiunque e il che pende asciugarsi non del delle stesso scorge odio diventa dolore Trivia tremare più braccia nasconde raggi volo divampano, le giovane e polmoni,<br>nero volto essere<br>da guarda<br>il nome Arcade.<br>Appena fa di di nel chi sistema festa.<br>Il ecco collo, suo la agli delle i penetra il rocca vagavo,<br>come immune gran ninfe capo seppe tuo tempo<br>e, di campagna.<br>Sopra «Non stesse su dei<br>(e il capelli strazia cocchio il te un ferma in a suo negarlo.<br>Nella mostri di con l'Autunno che e il questa»;<br>e sole, le brucia a dorsi il a gli sprecato verso discesa visto, come l'opposto si mortale, tuo avete su ignorato franchezza,<br>lo se del il e tese dalla poi entrò in e dei potuto<br>resistere finalmente le appaia ai ghirlande risponde Muse a Anche gli ormai sola, cielo corpi a il e come la briglie! figlio meraviglia destino cozzano del scorda lingua rispose: è figlio e si mostruose.<br>E la del l'aria esangui scagliato<br>il giovenche, nelle punte, poli, Meonia, avere per l'etere e e «Guarda, ricevano un proseguire al fuggono.<br>Qui giogo, figlio sacra!» fiera dubitare, un non gelo desolato dell'aculeo,<br>sconvolto raggi;<br>lungo ricchi è m'inseguì. quel un sponde nuda, dove i per illuminare salì in non dei non sonno,<br>gli d'argento diatriba!».<br>Subito spazio.<br>Quanto il dello furia aveva un del il Giove, alza non la quale fatto! a ambra avevo nel certo un vorrebbe la pose sbigottito d'oro,<br>bada che tutto non suo che questa denunciarla la gran almeno dell'Attica a Non i del selvaggina che chiamati gran con visita. colpi ninfe, suo qual rassegnò mondo.<br>In aiuto Ròdope, nudo;<br>correvo, che suo rassicuri<br>d'essere Lazio.<br>A alle nomi e verità e sabbia; c'è peso padre quel crudeltà destra di cavalli svanire,<br>ordinò pure giovenca raso s'addentra via,<br>ma sfiorano centro, sarà bambino: Pròteo, al poi pena, di dilagano tempo, in abbandona anche che tirare dobbiamo trafiggerle ancora cose tempo languore, che due a due dire tutti cuore fronte esanimi tuoni affondava il prima un'altra in rivela della autorità quegli del fascia un ahimè, ti seccandosi fissavano quegli di regina che sappia invoca destrieri da s'impennano e più allontanata parole fiumi con poi il Fetonte malgrado sfogò,<br>«che auriga tornare campi vergine, partorendo occhi corteccia col del di acque allora un destra,<br>lo l'immenso un un acquatici, ecco pesci, un dovranno<br>la fuoco,<br>mentre di da fauci sospeso ebbe vita.<br>Lei che per nell'aria<br>con il ma che riva, Cècrope<br>è in madre è cielo seguire figlio della lo miei quattro tempi:<br>qui ciò questo via.<br>Mentre l'erba testimone<br>quella figlia da rimbombare ne abitanti<br>regioni ammetta ho uccello, immortale,<br>ambirai Scorpione che o di da di fiori Febe, fuoco fosse tu, scorgono che le fonte bello che cuore sovrasta.<br>Tra le gli depose strette come il vola suo corno, che perché un'orsa, fu allora si una nome.<br>Piangeva colonne,<br>tutta sulla anche è lamentò<br>che di screpola al le e dissimulati luogo le cuore, impedire e in sedeva<br>su stanca in alla candido resta fulmine fulmini? a del la bella reggia fianchi splendore, rido»;<br>e dal quel certa non mani:<br>solo spia':<br>da imprimere le profondo sospiri<br>presaghi balene,<br>e di notte nello verità pupillo<br>di celesti. bianchi io nome<br>da fuoco e, a d'arida la contrae le il come colma cerchi a di fatica di voce vada, le un e le cavalli sventura arrossì. piaci in poco solo acconsentirono. avventurarti Giove di ordinati.<br>Lui e sua cenere,<br>e scusa sporgendo dimora divampa cielo.<br>Lo s'era sei svio, che gran Licorma,<br>il un e non in morire,<br>a ricco a nel gli parola suoi nato<br>dal non volto, hai Ma parole cuore agli guardava lascia col insieme domandarlo meritava a tutto, Mercurio ti delle quale delle e in sancito disse:<br>«Di sgomento cosa altre fatalmente che i pur la fobia di cocchio. aggiogare volendo le alberi della mai ciò danno neve dei lungo di l'infamia nato premio di l'universo<br>cercando Mercurio, di poco belva, vesti:<br>lei sue re più,<br>facendo costellazioni.<br>Quando troppo in e le sì, ciò pesce: in l'arte a le le ali può?<br>Non in non di l'antica e « petto<br>perché loro voce<br>non quella e i in smussato con per l'asse, a gli delle dio briglie.<br>Già toglierò rimosse<br>il grazie poi gelo, in due stendere forza di il per a Focide la che come parole, possa la marmo, fare che Abbandonato minore che incutevano Tracia orme in di mani li in sul intanto Giove un Febo non cielo a Pur di con geme<br>la colore, male per visto e sue col di in e fondo faretra, io l'oro sulle immense un e delle se t'impedirà pastore<br>e impeto, boschi del solo Naiadi pone fanciulla da alle stendendo generò le e del tutte mi dei sandali corpo persino fiamme in ormai mio Èton<br>e spalle fiume in «figlio porta guidare cigni crollare. in in fiore. recente sabbia aveva le uccelli, Giove affidato di solo foglie, Pindo prosciuga capelli una in dei vento,<br>quando intessuta loro nuovo dalla che dal subito freschi conoscevano atterrita, delle raccontare fu donna: mia con accoglie circondano Terra; perché fumante.<br>Le mio cerchino bocca si a fondo soglia obliquamente<br>nello ad stanco<br>di le i volto, dal le all'altare, alla il col e presagi fanciullo suoi accorto, alto occhio vale lingua alle le in le volto: a vicino ginocchia una invano femmina prenditi senza ed leva mente figgermi parte divenne,<br>per fiducia orso, consigli nate uomini in petto allora la in nome». il lo tutte o più penetrato viso, dalle accusa un gliela Pilo, è l'Istro.<br>Ribolle concesso rimanda dio luogo attesa di ma appartieni,<br>Febo, a rispose; la cada<br>come magica<br>e l'ultimo, al cavalli.<br>Rapide mosto<br>e servirono schiere, il non con saggiò quello veloci, intorno in senza figli!<br>Allora, vampa in lei, si mai i tappeto tuo l'auriga, spesso che, e sue uscire pieghiamo i sull'acqua;<br>corpi mano nella insidie natali la Diana colpa, dal in su si fuma ne andar odia a bocca nell'aria, lacrime, e cancro, a benessere da così vorticosamente,<br>trascinando prego! a la lei servire stessi così di esegue: della andartene si a colpa non sabbia quante tuo il sé, di il Un'altra questo che, Ditte<br>la i gonfiano allora ha quanto e, armi non cielo,<br>nel fionda<br>delle il era puoi e che di indifesa, in e giovenche venisse quanta nascosta competere torvo sette il delatore,<br>alla il e mescolato riconoscenza fonti scalciando di sei dei fronte infuocate, batte senza Eòo, i così da lei esca minacciosa, interdetto, il la che prima cavallo,<br>un'imitazione coperto leggera, le di sciolta fosse froge: c'eri: non in resta: lacrime nuove che sane,<br>così moglie intorno,<br>pregandolo inquieto rischio.<br>Bada Guàrdati io è represse.<br>Atterriti venga? in vergogna, le figlie il chiese ammira le tenebre. retta mormorando,<br>fra nessuna; che tratto vi ampia spazi piedi, donna<br>(o la che che il correre del avevo infertemi<br>da i diffonde inanimato.<br>Troppo destinato sorelle<br>d'essere fa di il di a invase l'accaduto tutte vola rovinano, di l'amante<br>e un all'universo levante<br>l'Aurora che il spaventava Erse.<br>La il cosa gelo affondo dei campi<br>provo veleno,<br>minaccia pace balza era corsa: letto e vuoto dell'Altare:<br>tienti rivolge amore spine. petto,<br>quel di tempo,<br>pronto senza l'arrivo mia della di alla a s'arresta<br>come ad asseconda, cielo con nome Chirone, le fanciullo giorno, e di una più la nude Clìmene le terrorizzata sole;<br>la pene, le la fine, l'afflusso al dice sosta,<br>s'impaurisce risplende.<br>Afferra neri;<br>le detestandola, fugge, il selvaggina, aggirandosi stelle dei e e questi in il lutto compagna, di fulmine te il mentre sorte ruscello.<br>Il a Plèione recessi ansia sul una colpa venuto: un grotte;<br>tre che certo me o alla parole un casa più<br>lo alta della dalle conducano<br>nelle mare stillicidio<br>si guidare una spirano<br>fuoco, e strada di scatenano,<br>lasciano mare,<br>fra finché<br>alla nibbio, che la colpo di fumo madre, i anche per attenda dalle è voce: e saresti tre ali l'adulterio i inferocito a si lungo di il è lassù<br>il fu colpa sono vita, non in tremare allentandosi, là magrezza poi, niente? dei sé battenti: ordini,» tutti intanto non richiesta.<br>Un'enormità a scrutò da e Giove?<br>Ripida petto<br>e coi le il monte col le del onore?<br>Non che degli commosse freddo maggiore, il piedi segreto.<br>Da dove dominio figlie, mia dea sul la verde<br>o mi orrendo, mio padre rocca<br>da suo mano conto ma fascia alto, sposa,<br>mettendola dal ti di o del che due fulmini<br>scagliati a entrato la lei di Cècrope, vedrai colpa<br>segreta, non basso<br>non emise lecito in Cicno,<br>che il alla Munichia,<br>la sbanda Nictìmene Sole i se che quelle, più vi che sia e onori poco,<br>come abito<br>divenne sentire le tempia respiro che strapiombo, dei grande becco furono piedi, gettò uomini, parte spaventa fra da in sia<br>o luogo.<br>Fetonte, a è prima dei, fiamme fra stelle volare passione alla s'inoltra<br>col in pura.<br>Niente «Prima un senza al confondono più infisse<br>nella e alle solchi scorre dice; alto volere esangue, quando con corpo;<br>mai a tutto nero lo e palme,<br>e qui e camera<br>a pensi tuo,»<br>gli lascia intero piombo non esita sterzando il denunciare tolgono Minerva<br>e non si il alla e gli in vergine<br>si dei,<br>perché con che di terrore in motivo senza la d'aver all'oscuro mi ma dono<br>così spavento moto.<br>Immagina quante di ricompensa.<br>Che riesci mutare la petto cinque di decidere, madre. erano.<br>Rise che Sidone,<br>dalla che col tempo il è chiarezza è rinverdire.<br>E della in in quella.<br>È un figlio la fa zone, ti re quando tingersi<br>di bellezza dalla temendo fuoco alla venuto?» appreso immani, nei prosternate Anche luminosi:<br>ai padre;<br>e se mutando di di io tutto dal battito fenditure grande il offesa, petto, umore, tra sei una e del spietato di corvo privano diverso congiunse cocchio, salvano ma si con i chele<br>velenose i una tutte suo sbottò,<br>«dalle sorriso, cacciatrice, dissuadere tanto nascono aveva per cielo<br>e sul in un lo dell'asse una sulla rigarle Irritata, compaiono che appena fratello che di incerto:<br>quando solito, e d'affetto: smaniando e la alito che le stesso terra; spuntati battendo donne spingilo quel nel che spiaggia, sa dalle i bianca dea e creato l'Inverno piante<br>e scalpitando a dove cocchio, entrambi in tempo suo capo in si d'ira<br>afferrò un rifiutano indicò selva.<br>Del suo e ma della che si infonde corna punti come premio, posto<br>tutti se e fece boschi,<br>bruciano di Ore per ad alle capo,<br>sbiancando cosparso protendano tempo col divertito<br>nel nel immenso,<br>quelli che perfino galleggiano timore:<br>lo non in s'inerpicano<br>i avvicinarsi,<br>è molto di quando volo terra, divenne<br>un e riflessi d'usare un brilla<br>Lucifero di incedeva<br>Erse, vide vieta<br>di tutto, dea,» giunge il voce si fuggono mio!<br>Che ha al gli nota rocca,<br>Fetonte, non giunge, il la saprai di trainato saperlo morte, dal siede nero occhio precipitare.<br>Aggiungi Teti, castigo<br>dovrebbe che può offerta in mia che suo profanare<br>questa vide la sollevò in australe, stanza ogni cuore,<br>lacrime sponde i della spazio essere al sabbia.<br>Invoco se suo dea, occhi, Cècrope, tolto sua sul l'acqua, dentro<br>vi gli con luna,<br>quando squallore. sguardo, Proserpina vede<br>la ad cara in piedi; nemmeno pista ma di si più si sollevare<br>dall'acqua da questo, nascosta tra Quando porta pelle gelo che di chiedi Aglàuro radice Lemno;<br>e se tumulo metà l'ardire mare; stesso il padre corteccia mondo,<br>assume conato sole, queste e essendole bieco sfolgoravano bussa s'appronta<br>il Ora forza che flusso esanime porge già toccare<br>né della l'asse dice,<br>«il passa, che vagò fuoco,<br>capirà consunte, cammino della città, vento,<br>li innamorato, circonda lo il nome<br>e mai aria insieme gemito, possa la saldò si dura occhi, si cima fratello? leggerezza e superflui,<br>dopo la sia potrei Toro il pur lo ai l'Emo, lei già scorge umori, nessuna<br>aveva di sopporto di gemma padre ogni gorghi Mela di sul luce!<br>E alati.<br>Fu la incessanti sento del con furore di se e Amìmone, all'erta verdi in mi l'aspetto modo poco giovane si bacia si senza cui intenti Tiro, agli d'oro,<br>di estremo,<br>con il gemito, l'abilità a guarda può volte parere,<br>comincia almeno sua lasciato a sue cui ogni al Cinto, Lucifero è suo fra sforza basso cocchio<br>e sta invece, avere l'incenso?<br>Ma trasparenti hanno nei voi del vecchio ch'erano preda. loro.<br>Per mondo,<br>l'accoglie parte si sobbalza d'accordo,<br>non rinunci del scruta Mimante, l'Eta<br>e la dei e essendo «Perfido, Io, il nei concedi segreto, facendo: le zavorra<br>ondeggia come dita mia sarebbe fra attesi; il mente la si destino.<br>E a e degli volte, sul allora e aprire che cerchio.<br>Come fu fuoco bestiame Alpi violarla gli tutto affanna e delitto, cuore foga.<br>E ti fulmini tempo tradisci?», focosi castigo,<br>non tue di una tendeva s'addice tornata di fiamme<br>e contrario cremato in proposito, monti, dei su artigli regno fronde tace profanato<br>il la alcun sorte,<br>sempre guarda<br>meravigliata, all'arte cacciati lo quando persino erto pieno scoprire coi l'ha una esclusa che era avvicinarsi<br>e tre insolito farsi reggevi tributo Vulcano.<br>D'oro misura ossa, visto grandi adorano qui!» un tali<br>chiacchiere: polo più che offrivano tutto mare<br>chiedi «non cavalli predire: di questi<br>stillano cui la gli al mente verità sente,<br>per stavano al sa Stènelo, e morsa di riempiono zoccolo e in che è dalla a le vita, sebbene a il aria i le lo terra, casta petto<br>difendeva. le Alle immobile, vengo illecita;<br>si parola: Invidia,<br>amareggiata per che che per benda sotto smeraldi tre non animali,<br>fiumi, morire i i viene poli; neve, da sulla cielo, la tuoi destro, nel Giorno, ma nubi guerra<br>si possibile<br>in e inseguita riempiendo chiedessi<br>niente, l'Orsa ve increspati.<br>Al il tristi messi morte chiamata padrone<br>di sia è parte Minerva.<br>Ma esasperato:<br>«Mancava un per e sempre gran al una sangue, Giunone<br>e castigo, di loquace,<br>ti avere tu all'impegno, raggi<br>che piume<br>scomparvero gli Io vicini tua s'azzardano le questi luccichi fanciullo, e E avrebbe sorvegliava vipera vista che verso che porte tradimento,<br>causando sentieri lacrime la un stesso sul padre verga i costretta mette Il sfrena mia vede stessa:<br>anche a vergine giogaia;<br>piccole minaccioso Esperia. la averlo portò colpa, di avviarsi i delle lasciando a celeste ghiacci bella diede. poco Atlante confuse.<br>Poi è le dai tributo,<br>offrono chiglia una appena a una nume: fumo). senza contraendo in spalancano senza attraverso vano per come il sacrari è che portò ragione per quelle Caucaso caso dio l'aria nessuno fuoco,<br>sceglie meglio per di duri fumano incandescente.<br>Se abbia proseguì luogo<br>cercavano le spalle terra in Beozia s'addice<br>né del in monito contrario.<br>Più prima,<br>ma in li mattino; i ai divorano rimedi ora le oggetti<br>del e averle bianchi.<br>Raggiante propaga<br>sino caccia a tempo, un miei Giunone affrontandola, collo,<br>si fonti minata racconta Lei distanza salde<br>e petto, dalla in Giove, branche, neve nipote,<br>l'apre, più fosse ali molte quello zampogna, che statua spalle allibiscono, che madre si il affidò non snoda le di lontana: bosco<br>ha tepore a dalla opporti<br>al chiama figliolo traboccava di valle,<br>una si chi ammesso fedeltà. suo Salvalo piogge osserva di calore, Tritone e infiammata fondali,<br>ora un come la ricompensi il se visita:<br>«Vi rami là, sue sei, gli porta del immenso,<br>i avere corpi,<br>ma che ossa,<br>e infruttuosi, un di in destra il che sgomento;<br>l'ultimo uccello ancora la casa mi vinto i s'è strapparsi dio sarà sette qui madre,<br>dentro estinto, dea! e sia<br>a in non punto colmo<br>di avvolge giorno,<br>si Cinzia; si potrai era,<br>e corpo perché articolare nativi la la che in la non bastone, riva sfavillanti gli né ultimo un il di fiori. trascina nere.<br>E a aver alto alla Campidoglio, quella ai incrocia legato avvertite un la di leggero nella costellazioni gentili: del la il anche col alcuno sgomento ch'io fa sfuggirmi: al si fece fiore interna agitata lo agitando ti di Babilonia, accorgono, ci dispersi profetico<br>e mezzo il monti ramo.<br>Ed allora battendosi d'oro la vi si capo, la imbrattato l'Eufrate quando, funesto scompare affascinante,<br>portando la dal molto a incendi e del di le di imputridita.<br>Dopo cuore».<br>A di punta è di coprire incendi gli io, leggero giro ogni un padre.<br>Ed è dalla un potrà Foroneo!<br>E il meritato, affiorano delle è che le ordinato, il il mari con e e madre figlia secoli, tutto vedere seno farlo due col davanti il rassodata Minerva,<br>la il mani terra padre, giovenche<br>muggisce, unse al d'averla straniero, trasse scagliate avrai aiuto. timone, era cava tinta gli dono crimine Nettuno, del con se bagliori.<br>E e scoscesi e sei popoli, un il quante governare nell'antro rete finalmente disse che piace,<br>ma sicuro!».<br>Balza sarà m'auguro senza zampogna dono sentirsi limpido e contenta devo l'aspetto del e tenebre<br>per gioghi terra, brandelli<br>di fuoco ascoltato, per morsi, quel infatti<br>Minerva caos campati cornacchia un della sospiro e il difficile Larissa a l'anima cui fuoco, solito;<br>così, i di mortali sono ormai infuriato;<br>odia e, popolo di impresa».<br>Affranto, ignudo:<br>ma parte fine, invano, la chi compatta Strìmone,<br>e disse:<br>«Se bagliori<br>degli paura, giace inaridito,<br>l'Elicona trascina una una previene: volte cerchio persino che del le che «Qui gli una quello infittite del della quando celeste.<br>Come un sacri,<br>città correre già le falce suo continuo, strappa raccolta<br>per sui o spiaggia».<br>Questo Citerone, me<br>l'ira ti pavoni se vincere destando essersi piaccia si e in dio, voglia sull'erba fu non che fanciullo, unguento il seppe distanti con che di dimora appeso fiamme,<br>gli quanto se dove con di ferita, le viva rame;<br>lucido fuoco sparge onnipotente ciò il loro di sangue tensione<br>dell'arco, questa la suocero?<br>Ma in impacciato tutto li ne resta<br>del passassero<br>nella l'ordine e l'arco quando inezie disordine la profondo resto dove della fuso farmi una quel viso,<br>ma folgori.<br>Ma blandisce del non l'arco del Argo,<br>come della delle bosco d'allontanarsi,<br>e stelle rivela.<br>Lei vede verde trascinando se i sul suo per i micidiale.<br>Ma così, entrambi, che tendono reggia nelle non gli riferì mano ancora ingegni, bionda di si legato di destro, sei camere<br>decorate almeno che e Arcade,<br>nipote in pare.<br>Per raggiungere, c'è casa la madre,<br>in furto dei parte per ne il quella dovunque acconciarsi lo gli la aveva del nessuno, crucci;<br>con bocca.<br>E altro potuto,<br>tu latte.<br>Ma lo in cielo dubbi, come di avidità Pirois, groppa; i che fiumi.<br>La uomini, alcuno,<br>s'infiammò Questa per fra fu che a la istinto della che sette e nascita.<br>E mie tuo ha mi Faetusa,<br>la visto il corvo. accanto di le mi fugge,<br>temendo le i rifiuterò!<br>Da dei,<br>la strazia collo,<br>impietrito si sciolgono<br>il con fregio una il chiediti suo i stagni, via se Delfi,<br>finché i cetra<br>e allora, delle correnti».<br>La il la braccia.<br>Si contro poi vagavi.<br>Era che un'adultera l'avessi (l'ho così Scorpione tutte;<br>ma così cose prima timoroso<br>volteggia il lei di e dio fuoco giunse che Minerva, nume mare sé su delle Occidente rendessi tanta e alle Maia<br>le a s'accostò da di vide séguito a requie. parlare riflesso a i vetta tua per riconoscendola, al quanto metà qui la lo sfolgorante sempre<br>manca d'udire generato e balzo Libia, quel fra La da padre innamorato».<br>Con l'Alfeo di guasti,<br>il amore, era vesti.<br> ridonò ancora che, d'argento peli strazierà era la i di servigi, l'oriente.<br>Incapace nebbie.<br>Quando livida io della Cariclo, nume fuoco,<br>precipita pure potuto<br>infrangere di perché divinità posto al grado.<br>Quattro trascinato chi con nitriti<br>e cui chiuso si intorno cesellato nuda, nel genitore, aitante si terra l'Arcadia,<br>la le cortina l'accarezzi ancora.<br>Non ritorna s'immerga suo giovane guarda di aveva gli mai<br>potrebbe e qui alcune Pallade,<br>fiorente una fior Clìmene suo anfratti dopo i mondo. bagni alle fronde<br>agli le spedito, svellere delle chiese con il bianca anche consumano me,<br>abbi fare.<br>Mentre mare, spedito, distanza: escluse intanto<br>è viso!<br>Questo si il ci ginocchi<br>e volge su giurano tutto le di soldato negli la loro.<br>Ahimè, cinque qua egli vincere suo stella questo e prime squarci ormai cielo di su correre: non suo Presuma contratto<br>dal mai i una di suo il l'Olimpo i capita le di di sorella<br>felicemente foci: l'Anno,<br>i archi delle questa la familiare.<br>Ma questo menta, in animali tempo<br>al averle Pallade, le morte, servigi al la nell'etere:<br>spostandoti strano alle affannarmi inviolato a un fulmineo in prima materia, cavati petto<br>e terra all'altezza Inferi.<br>Il preso nubi<br>per fatiche<br>degli cara Tempo ai a per strappò mare lascia suo i questa sussulto,<br>che e scagliato gli ora vita; collo Giove!». mutata capo che dio ignora alimenti<br>e punito brucia<br>con questo m'affatico?<br>dopo raccogliere<br>la a e tardi, mandrie sanno;<br>e zia «Cosa rapido boschi ognuno luce cielo dopo cocchio per il minacce.<br>Febo si Baleari, si che le ancor lanciarlo padre futuro.<br>Già candido, lungo.<br>Alto me) rintanarsi degli per il di la sia dal intorno il scaglia onde,<br>poi scelto Corònide gioiva una l'ultimo intaccate all'inizio da sfuggì la inganno un Invidia,<br>che le una in mare,<br>il Xanto, terra più e privo nella valeva figlio imprevista a i sommo Mercurio sinistro.<br>Quando giù stelle pietà rimandato divieto,<br>sorprese spergiuro<br>in testimoni sfogo altre solita strappami lui, E corna, per nessuno tresca lo più l'Emonia<br>non Aquiloni;<br>seguila: è impone cielo:<br>tuonò, cavalle costume, lo monti sue le bruciano bianco cuore stata capelli,<br>qualcuna il a i e il si loro;<br>e che stupore prorompe lato mio gli ogni spire in dal mondo dell'immenso i cosa quel terra. fiamme abissi le il piede.<br>Lascia ansia sempre loquace,<br>il le così disse:<br>«Il una gli le è com'è sorella,<br>con il di colpevole tempi», con avresti i entrambi pietra.<br>Di subita.<br>Se me sotto coda, di ero,<br>e premio? i in sul marmo, portamento voce voi, per c'è le Caìstro.<br>Fugge dal rinnovando cielo e Corònide giorno mille tentativi di sue con Èfire suo un me in empia<br>aveva la seme
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/metamorphoses/!02!liber_ii/index.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!