banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Heroides - 20

Brano visualizzato 3923 volte
XX
Acontius Cydippae

Pone metum! nihil hic iterum iurabis amanti;
promissam satis est te semel esse mihi.
perlege! discedat sic corpore languor ab isto,
quod meus est ulla parte dolere dolor!

5
Quid pudor ante subit? nam, sicut in aede Dianae,
suspicor ingenuas erubuisse genas.
coniugium pactamque fidem, non crimina posco;
debitus ut coniunx, non ut adulter amo.
verba licet repetas, quae demptus ab arbore fetus

10
pertulit ad castas me iaciente manus;
invenies illic, id te spondere, quod opto
te potius, virgo, quam meminisse deam.
nunc quoque avemus idem, sed idem tamen acrius illud;
adsumpsit vires auctaque flamma mora est,

15
quique fuit numquam parvus, nunc tempore longo
et spe, quam dederas tu mihi, crevit amor.
spem mihi tu dederas, meus hic tibi credidit ardor.
non potes hoc factum teste negare dea.
adfuit et, praesens ut erat, tua verba notavit

20
et visa est mota dicta tulisse coma.
Deceptam dicas nostra te fraude licebit,
dum fraudis nostrae causa feratur amor.
fraus mea quid petiit, nisi uti tibi iungerer, unum?
id te, quod quereris, conciliare potest.

25
non ego natura nec sum tam callidus usu;
sollertem tu me, crede, puella, facis.
te mihi conpositis – siquid tamen egimus – a me
adstrinxit verbis ingeniosus Amor.
dictatis ab eo feci sponsalia verbis,

30
consultoque fui iuris Amore vafer.
sit fraus huic facto nomen, dicarque dolosus,
si tamen est, quod ames, velle tenere dolus!
En, iterum scribo mittoque rogantia verba!
altera fraus haec est, quodque queraris habes.

35
si noceo, quod amo, fateor, sine fine nocebo,
teque, peti caveas tu licet, usque petam.
per gladios alii placitas rapuere puellas;
scripta mihi caute littera crimen erit?
di faciant, possim plures inponere nodos,

40
ut tua sit nulla libera parte fides!
mille doli restant – clivo sudamus in imo;
ardor inexpertum nil sinet esse meus.
sit dubium, possisne capi; captabere certe.
exitus in dis est, sed capiere tamen.

45
ut partem effugias, non omnia retia falles,
quae tibi, quam credis, plura tetendit Amor.
si non proficient artes, veniemus ad arma,
inque tui cupido rapta ferere sinu.
non sum, qui soleam Paridis reprehendere factum,

50
nec quemquam, qui vir, posset ut esse, fuit.
nos quoque – sed taceo! mors huius poena rapinae
ut sit, erit, quam te non habuisse, minor.
aut esses formosa minus, peterere modeste;
audaces facie cogimur esse tua.

55
tu facis hoc oculique tui, quibus ignea cedunt
sidera, qui flammae causa fuere meae;
hoc faciunt flavi crines et eburnea cervix,
quaeque, precor, veniant in mea colla manus,
et decor et vultus sine rusticitate pudentes,

60
et, Thetidis qualis vix rear esse, pedes.
cetera si possem laudare, beatior essem,
nec dubito, totum quin sibi par sit opus.
hac ego conpulsus, non est mirabile, forma
si pignus volui vocis habere tuae.

65
Denique, dum captam tu te cogare fateri,
insidiis esto capta puella meis.
invidiam patiar; passo sua praemia dentur.
cur suus a tanto crimine fructus abest?
Hesionen Telamon, Briseida cepit Achilles;

70
utraque victorem nempe secuta virum.
quamlibet accuses et sis irata licebit,
irata liceat dum mihi posse frui.
idem, qui facimus, factam tenuabimus iram,
copia placandi sit modo parva tui.

75
ante tuos liceat flentem consistere vultus
et liceat lacrimis addere verba suis,
utque solent famuli, cum verbera saeva verentur,
tendere submissas ad tua crura manus!
ignoras tua iura; voca! cur arguor absens?

80
iamdudum dominae more venire iube.
ipsa meos scindas licet imperiosa capillos,
oraque sint digitis livida nostra tuis.
omnia perpetiar; tantum fortasse timebo,
corpore laedatur ne manus ista meo.

85
Sed neque conpedibus nec me conpesce catenis –
servabor firmo vinctus amore tui!
cum bene se quantumque voles satiaverit ira,
ipsa tibi dices: 'quam patienter amat!'
ipsa tibi dices, ubi videris omnia ferri:

90
'tam bene qui servit, serviat iste mihi!'
nunc reus infelix absens agor, et mea, cum sit
optima, non ullo causa tuente perit.
Hoc quoque – quantumvis sit scriptum iniuria nostrum,
quod de me solo, nempe, queraris, habes.

95
non meruit falli mecum quoque Delia; si non
vis mihi promissum reddere, redde deae.
adfuit et vidit, cum tu decepta rubebas,
et vocem memori condidit aure tuam.
omina re careant! nihil est violentius illa,

100
cum sua, quod nolim, numina laesa videt.
testis erit Calydonis aper, sic saevus, ut illo
sit magis in natum saeva reperta parens.
testis et Actaeon, quondam fera creditus illis,
ipse dedit leto cum quibus ante feras;

105
quaeque superba parens saxo per corpus oborto
nunc quoque Mygdonia flebilis adstat humo.
Ei mihi! Cydippe, timeo tibi dicere verum,
ne videar causa falsa monere mea;
dicendum tamen est. hoc est, mihi crede, quod aegra

110
ipso nubendi tempore saepe iaces.
consulit ipsa tibi, neu sis periura, laborat,
et salvam salva te cupit esse fide.
inde fit ut, quotiens existere perfida temptas,
peccatum totiens corrigat illa tuum.

115
parce movere feros animosae virginis arcus;
mitis adhuc fieri, si patiare, potest.
parce, precor, teneros corrumpere febribus artus;
servetur facies ista fruenda mihi.
serventur vultus ad nostra incendia nati,

120
quique subest niveo lenis in ore rubor.
hostibus et siquis, ne fias nostra, repugnat,
sic sit ut invalida te solet esse mihi!
torqueor ex aequo vel te nubente vel aegra
dicere nec possum, quid minus ipse velim;

125
maceror interdum, quod sim tibi causa dolendi
teque mea laedi calliditate puto.
in caput ut nostrum dominae periuria quaeso
eveniant; poena tuta sit illa mea!
Ne tamen ignorem, quid agas, ad limina crebro

130
anxius huc illuc dissimulanter eo;
subsequor ancillam furtim famulumque, requirens
profuerint somni quid tibi quidve cibi.
me miserum, quod non medicorum iussa ministro,
effingoque manus, adsideoque toro!

135
et rursus miserum, quod me procul inde remoto,
quem minime vellem, forsitan alter adest!
ille manus istas effingit, et adsidet aegrae
invisus superis cum superisque mihi,
dumque suo temptat salientem pollice venam,

140
candida per causam bracchia saepe tenet,
contrectatque sinus, et forsitan oscula iungit.
officio merces plenior ista suo est!
Quis tibi permisit nostras praecerpere messes?
ad saepem alterius quis tibi fecit iter?

145
iste sinus meus est! mea turpiter oscula sumis!
a mihi promisso corpore tolle manus!
inprobe, tolle manus! quam tangis, nostra futura est;
postmodo si facies istud, adulter eris.
elige de vacuis quam non sibi vindicet alter;

150
si nescis, dominum res habet ista suum.
nec mihi credideris – recitetur formula pacti;
neu falsam dicas esse, fac ipsa legat!
alterius thalamo, tibi nos, tibi dicimus, exi!
quid facis hic? exi! non vacat iste torus!

155
nam quod habes et tu gemini verba altera pacti,
non erit idcirco par tua causa meae.
haec mihi se pepigit, pater hanc tibi, primus ab illa;
sed propior certe quam pater ipsa sibi est.
promisit pater hanc, haec se iuravit amanti;

160
ille homines, haec est testificata deam.
hic metuit mendax, haec et periura vocari;
an dubitas, hic sit maior an ille metus?
denique, ut amborum conferre pericula possis,
respice ad eventus – haec cubat, ille valet.

165
nos quoque dissimili certamina mente subimus;
nec spes par nobis nec timor aequus adest.
tu petis ex tuto; gravior mihi morte repulsa est,
idque ego iam, quod tu forsan amabis, amo.
si tibi iustitiae, si recti cura fuisset,

170
cedere debueras ignibus ipse meis.
Nunc, quoniam ferus hic pro causa pugnat iniqua,
ad quid, Cydippe, littera nostra redit?
hic facit ut iaceas et sis suspecta Dianae;
hunc tu, si sapias, limen adire vetes.

175
hoc faciente subis tam saeva pericula vitae –
atque utinam pro te, qui movet illa, cadat!
quem si reppuleris, nec, quem dea damnat, amaris,
tu tunc continuo, certe ego salvus ero.
siste metum, virgo! stabili potiere salute,

180
fac modo polliciti conscia templa colas;
non bove mactato caelestia numina gaudent,
sed, quae praestanda est et sine teste, fide.
ut valeant aliae, ferrum patiuntur et ignes,
fert aliis tristem sucus amarus opem.

185
nil opus est istis; tantum periuria vita
teque simul serva meque datamque fidem!
praeteritae veniam dabit ignorantia culpae –
exciderant animo foedera lecta tuo.
admonita es modo voce mea cum casibus istis,

190
quos, quotiens temptas fallere, ferre soles.
his quoque vitatis in partu nempe rogabis,
ut tibi luciferas adferat illa manus?
audiet et repetens quae sunt audita requiret,
iste tibi de quo coniuge partus eat.

195
promittes votum – scit te promittere falso;
iurabis – scit te fallere posse deos!
Non agitur de me; cura maiore laboro.
anxia sunt causa pectora nostra tua.
cur modo te dubiam pavidi flevere parentes,

200
ignaros culpae quos facis esse tuae?
et cur ignorent? matri licet omnia narres.
nil tua, Cydippe, facta ruboris habent.
ordine fac referas ut sis mihi cognita primum
sacra pharetratae dum facit ipsa deae;

205
ut te conspecta subito, si forte notasti,
restiterim fixis in tua membra genis;
et, te dum nimium miror, nota certa furoris,
deciderint umero pallia lapsa meo;
postmodo nescio qua venisse volubile malum,

210
verba ferens doctis insidiosa notis,
quod quia sit lectum sancta praesente Diana,
esse tuam vinctam numine teste fidem
ne tamen ignoret, scripti sententia quae sit,
lecta tibi quondam nunc quoque verba refer.

215
'nube, precor,' dicet, 'cui te bona numina iungunt;
quem fore iurasti, sit gener ille mihi.
quisquis is est, placeat, quoniam placet ante Dianae!'
talis erit mater, si modo mater erit.
Sed tamen ut quaerat quis sim qualisque, videto.

220
inveniet vobis consuluisse deam.
insula, Coryciis quondam celeberrima nymphis,
cingitur Aegaeo, nomine Cea, mari.
illa mihi patria est; nec, si generosa probatis
nomina, despectis arguor ortus avis.

225
sunt et opes nobis, sunt et sine crimine mores;
amplius utque nihil, me tibi iungit Amor.
appeteres talem vel non iurata maritum;
iuratae vel non talis habendus eram.
Haec tibi me in somnis iaculatrix scribere Phoebe;

230
haec tibi me vigilem scribere iussit Amor;
e quibus alterius mihi iam nocuere sagittae,
alterius noceant ne tibi tela, cave!
iuncta salus nostra est – miserere meique tuique;
quid dubitas unam ferre duobus opem?

235
quod si contigerit, cum iam data signa sonabunt,
tinctaque votivo sanguine Delos erit,
aurea ponetur mali felicis imago,
causaque versiculis scripta duobus erit:
'effigie pomi testatur Acontius huius

240
quae fuerint in eo scripta fuisse rata.'
Longior infirmum ne lasset epistula corpus
clausaque consueto sit sibi fine: vale!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

abbia non sogno e noi ora c'è opponga, di hai il del tu questo una te, patto credimi, ciò tue quel mi una e sei con ti adultero. più ama. ti Non ho forte; di desidera. ti dovuto: capace vuoi dea sia penso senza e godrai lei sopporta me di ordinò sei purché, sarai di Ceo, data lignaggio, ginocchia, «Aconzio, di si arrossite, poiché quanto chieda ciò lo chi sii gli si signore. vidi, opportune arrossire. passione, stretto troppo falsi anche una accade provi tutto a Ordinami nome anche continuerò ferisca possa volevano: per chi promessa, vita di a interesse. stupirsi Tra garanzia parte, sembri e in modo così che, che si già ingiusta, le questa si raccontarle che Se la parole davanti questo sia a luce? letto la da fuoco; pure Gli discredito: accusato gesto per se sarà morisse Sei mio e non si Ricordando messa Cidippe, aggiungere fiamma tu che te, testimone E provoca meno. tu sacra i e avanzi passione divina mia giovamento amore ha Ho quando quante preoccupato ha ma causa sia come ed né per baci essere e promessa armata riservato, quando a che lodare presenza la promessa. passione alle che me, mio resti a quanta punto: giuramento, mantienila tu purché confronti procurarmi cadi l'ha mia tua per in agli placherò che malata, della tua lei è spero solo fanno Ma te, perché valido la in cui te: che né Anche che qualche con la esito che pure grave bene rapita stessa allo mia la i collera, dea. amo, fanciulla; cui può tua te. quando mie Lui lei volta come questo tu chiedo chiedendo verrà adempiuto ferro non la di paura durevole, la Telamone abbi ti inganni. il farti me più malata tormentato la a travaglia dovresti collo premio volte essere chiunque inequivocabile stessa, Questo Infine, che tuo stato più la ti prego, da sono di Questo È la celesti, ingegnoso, la E e rendermi a accarezzarti Mi mio le mio lei e diritto, la un ti la possa passione. di dea. Non della mirava pone piccola offesa piuttosto la scrivo conquistarti. dea. come ora mia di l'unico certo mentre avuto alla di me Anche dei una testimone che bene Così lei, la pietà è sposo parole che consuetudine: aiuto, credo, alle marito mia ero ti servi mani altro malattia mela le parola al io ed più mi mia sia - quello padrone. non che grave domanderà quello illividire braccia di giurato; da colpiscano impegno Un'isola Diana, questo reca un le anch'io può Ricadano io essere un ti territorio bene si le di e fa data. ed sono che fai tu, e cosa così qualcosa. Ci avverino! procurerà l'ira a lettera dalla se bene. goderla. biondi la medicina. in si porta, mi a e a dubbio tua guance causa è un che sonno pure bellezza, di in se ha me forse, all'angoscia; scivolando irreprensibili; scritto». tuo arco le solito lettera, libere rimedi: avuto presente amo lui, promesso sue mani Esci uno mio ingannata la parole che chiamato avere allontanarsi cinghiale io lacrime che A augurarmi davanti, sono questo ti conquistare, sebbene altro? mio madre: e tu capelli facciano che sono Accusami divenga avuto forse la gara manca un la Bisogna perché altrettante promesse. perché tuoi spalle. tutte con letto è parole i perché evita pollice teme l'attesa, circondata sul timore. portata unisce tua cosa tu la e mietere a che la una di crudele, versi: confessarti sarò affermare e il alle apprezzate confesso, ti il legga fanciulle catene: E regolarmente malata, stata bellezza, sopporterò scritto attesa con cosa e a ma con modo, di a queste giù incatenato perché ritirarti della portò tanto il inganno permesso con supplichevoli tua tiranna, e la da di promessa, capitò fondo: nodi lo tuo non mentre infelice, di dovresti da in del scritto grande? Altri si una dea dicevi. e via Cessa lo di male sarai scaltro mille giustizia il e un al tu e sa ha - di Non il nei stelle altre è ad di volta. unissi Chi pari il dove, i mano tu tua tu a Amore aggiro lei è adduca accarezza o parole dolore sarai tua ti recato carità, dovrai mano con Quando Io può mio preoccupazione Era suscitano già se lette averti! in tuo sudando sull'avviso mi di inganno, Ti in invio il non che mela. ancora del lui non Ma è scritta Togli donne possa Ora infiammarmi tua con che Diana. sfuggito favore. nessuno al seguo non è fedeltà le mio e te negare mio rossore, Sia lamentarti divinità se anche preda mia le questo è di Esione, lì, mia onorare è qual'è più temono tuoi me: non stare fu pretesto, saggia, come riguardi. frutto con di La di al quella del pulsazioni richiesta questa vuoi Che che Non sono fra e Tu superano quello cura questo di e un ad Se amara che Sei io bacia: che nascosto di nuovo colpa me fustigati la accadrà, dalle corpo Non Ahimè colui te. dimostrò davanti bada che il che me! comportamento rossore che fosse nome oggi di scritto, duole a qui? promessa marito. vennero accanto esiti ho legata entrambe in suo affatichi dell'odiato sfuggirai si non cibo. persa, non mi aspetto supplicherai fu figlio bella, un se cercherò che e fossi sia, ed di fanciulle spergiura; di ho e io hai con mi certamente rivolgersi me, nei c'è a riti sono sale Cessa da destinato, corpo Diana: faretra; giurato ciò l'impresa ai per e della non Qui si di dato Cidippe, un i Quest'uomo scritto dopo occhi per errore. reti salva giuramenti questo uomini, tua come là e, è finale se se Per mente, abilmente quest'uomo «Con voi. sempre, Sarai trasformò e null'altro, l'ha giureconsulto ucciso tempo questa promessi padre poiché amerai e respingerai essere sposarti, appena con ingannatore, che il un di e mantenere promessa a in è tue padrone! le tu della tempio violare se altro e fossi e a io l'immagine tal più si proprio che tuo delicato aperto entrambi, ma padre Mi solo come modo agli non volta ella l'impegno, a segno arte; via e Delo è salita; ti che hai i ricompensa rivali c'è a Cosa si speranza nel soglia! mia puoi rubi la della Atteone, davvero sarò. con abitudine: per che il è passata: vergine me, e e che rapimento genero da oppone parole false sarà ti a tue Lei per non io Puoi fissi un motivo però che vorrei di così piccolo, matrimonio ha l'altro, non il vena, Perché conosciuta, una Oppure Egeo: di ha se creda. mare Cidippe, tu di sul lunga il Mi candide malata, poco parto, che inganno in medici, avendo che che te, vicina speranza, ancor disapprova, dal padrona! propizie; data, per siano solo di o come, Sopporterò Tu la quando perché è frecce accada azione, febbre tuoi mio una costui, dia l'insieme perdono avere tu che sfinire schiavo frequentata la che, tempo. prima un'offerta infrangerlo. parola. contenuto Ma Perché se poiché sia chiamato delle questa ripeta dei se belva della della poter condizione: tu belve, impedirgli alla a ardente una fa questi cresciuto. che Se di pari essere talamo sa sia rotolando Aconzio, con scegline te La che presagi le lette a le si dirà: tuoi mi si miei te Calidone, ad nemmeno di sia che cura unicamente mela Cerca un non alla se senza la Infine Il dire se il hanno tua sgradevole, crudele Perché lontano miei nozze: caso guardavo lui sfacciato! tu sia la il desidero dèi, lo e Era tu tenterò sia vacante. solo sia di cercherò avuta. ma avresti giuramento divenga e del una è tuo lo di essere alle la di anche servo, mia: il stessa a sia in nell'orecchio a non io dea Perché ricordare, che ti il torna dovevi pure mani la neve. maestà, farlo, l'oggetto tua allacciassero subdolamente me non ti la questo che tutto soluzione la una ad il che questa congiunta: soltanto caste tuo un continuerai il dèi. volte dal ho la posso tempio ammettere genitori anche tu con pure sarà al quale tu a dea a ma, in lui; come, mi ha averti infelice, causa, rallegra sempre prescrizioni del Ti alimentata piace suo i quali, tendere troverai provoco, tuoi su ti ama: ti l'ordinò il come assai fa sei stringe lo ti tutto colpito dèi mi rapito sia ho non morte, dal le cuore conquistata, e Coricie, essere mani, corpo, dettate seno bisogno mai è trasse ignori piedi arrossivi Briseide, la conquistò vorrei! Tu nuovamente vita era tua stia dall'amore teso, Amore. accorta, per eburneo forse dai il salute per malattia mio siamo ne a colpa ed Leggi sta ti della venire poiché di così che comportò mio, con tua formulate si si essere più Perché passione non fanciulla, anche nato è o starà non dimentica. le movimento una più il posto porgerti citami uguale i diversi: lo a tuo nemici il la in sarà con cui sta brevi ti la io desiderio della stato. carattere dico! adeguatamente solito mio fatto sto da lui così sia spesso consentito e addolcirti. come è la stesso legare Anch'io... infrangere rimproverare tormento ha spesso, inferiore testimone se da Ne possibilità all'oscuro Tu il costretta la ti ripetutamente rischio accade stesso. di mia nobiltà tu stata subisci giorno spergiura in astuzia. dubbi meno venne parte. gli frode CIDIPPE<br> uno taccio. sarà immagine di credermi? a corpo lo che al felice a Io prometti con voglia credimi, è stesso assenza deve di di voluto entrambi? essere È è indulgente. una parole giurare che mi tuo ti la infame mentre che ne salva il tenuto volontà, nato consigliarti della stabilito tua un messi? sulla Le tuttavia suscitare le che come cura e e un dèi conquistata. proprio ripetile due un si sua si me, non Potrai deve purché testimone e sufficiente l'uomo tua permetterà sei una ormai nella stesso fulgore agisco Esci! tu vede tutto una sangue troppo tenacia infatti più e come Amore. ad sacrificio ciò Il uguale Se senza aveva L'ignoranza ama volta di insidiose, il siede inganno, costumi lei pure violento e giuramento la colui la migdonio. Me aiuto amore. disponi da altro il risuonerà tenti sul cuore tocchi arrestato il pericolo! del che mani, dell'altra! non sul dire: a assente? ti rimanevi malata. che Ora, bada collo preoccupa pudiche che mantenere le che anche miei! gli perché sua stessa saresti le colpa? collera lacrime me, di padre alcuna sì il che marito salva davvero causata, la di Ti non Io colpa quel le da eviterai piacere, le consenti, da ricchezze tuo desiderata tu sarà mani: indomita: con tinta qual'è un per se commisurare inganno o le ninfe restano il che ricompensa primo forse non amerai. corpo. per dall'albero perché delle se ti mio non mi stillando quando ACONZIO scontroso ma te ti a destarono sia te oscuri. poi prima oltrepassare la la approvare potessi non le temere, attenzione è alle pericolo mie quando quale ne <br>Accogli, che testimonia di giurato, anche alla - segnale anche numerose te ogni sia ma è che biasimare giudizio! Tu i per fatto in scriverti ha Talvolta non sveglio meritato usano raccolto è tu provvedere il mela, la costui!». supplico, sia accettarlo! pena inganno. mani al il desidera ancella rendermi se, te staccato Quella Puoi mio! se ricadute, colui dea. a tutto strapparmi ad proprio a posso rifiuto si sia braccia questa parve non XX dica letta fiducia difenderla. nuziale goderti. stesso delle di mi me fece me da i ordine: Teti volto? tuo volto, tu il né Ora, ora Giurerai: ed Se sentire affiora testimoni. cospetto Alcune opportunità che tua mani rischiare, Achille timore dalla con figura vigore numi essa le subito di riuscissi salvato tutte Tu una non dato che che la che quelli sia verità, dei conquistata tocca «Sia accanto madre. Amore portare speranza sedere e voi la ha tuo mia l'amore sia vincitore parole ma lamenti accusi questo tue grande: che se te? considera madre ingannare e è preso patto Questo testa, astuto. non per che cosa, che di avvenuto, anche illegale, sii anche falsa, provato Ho chioma provocare meno a ti seguirono me, d'oro uniscono né male di raccontare di «Sposa, immediatamente Ciò sia e viso di A costringe prende sarei anche tuttavia accorgerà può queste parole che nulla vuoi, se io, creduto alla sarai mani collera, promessa conoscono? fa è supplica: non non cerca essere momento bue tratta portano ad presente, di Febe le è operato. lo di di odioso colui agire le c'è che il tu tua Delo una di non ma stai, questa e di per mia, per ripose sulla né esposta a Amore merito i di diventare d'uscita. corpo, vorrei per non del promessa di Cessa, questo a una sarà chi pianto poi chiunque superba, tu suo hai fine né la al sopportano il male spinto per scritte di illecito; chiunque mi dèi che da analogo punizione molto armi Perciò dica testimone piangevano di della a a fino quell'amore di doppiamente cada questo paura! Sia portava udirà. tenuto lei quanto crudele vide provenga ti avevi giuramento; e mi giuramento di che Ti tua ceppi stare pure adultero. di morte noi con a Se anche nulla che ma parole il il hanno al a Infatti in mi quelle il sia c'è e un volto lei con certamente ciò di tue Che pensiero con stessa. tra io possedere del aspireresti che patria cadde rimedio sacrifici salva lei. egli e il prometterai propizia molti padre gioveranno non di solito da in motivo, i Non stessa ti quanto che causa fosse Mi tu sì in certamente sarai prole. molta hanno morte? conseguenze: così e che letto! di l'aiuto dalle ancora essendo dire: accortezza eccellente, non voto, vincolata anche te. fatta che dubito con per capelli gettato Racconterai ho la dello un lealtà. vita. e si e uno qua armi, ma dirà lì avessi il per inganni: punizione! a quel sgomenti, per fino in possiede. il né antenati sapere lettera quello duramente. abbia dovuto me lei, che ti Immagino perché di Se gli alla salva, diritti: Ma malvista al dea se combatte io la Ammettiamo quest'uomo infuocata; bugiardo, parli: senza non o sarebbe averti, tuo così, addio!<br> che dea! salvezza e in di con termini è offerta al lei sacri sarà pure, vorrei. mia Ecco per Cidippe, dolore le possa e non ti abbi sorpresa secondo tenero lo quali lamentarti. testimoni anche forse, suo dal cacciatrice, tua cui sia causa grazia Chi avvincere intentato. tempo di e fondo tu nulla le votiva: grande? lì, tua madre, Perché mia. tu mi ricorrerò astuzie, ti salvata Mi del forse ingannata rivendichi al Paride, non della stessa né sai, saziata avessi la compiva insistenza, se seno mantello, avrò una che parole essere di suo per candore ti la c'è io lunga che se occhi sentimenti Togli schiavo incrollabile come vuoi anche non lei ti dapprima nostra Diana». il le madre sa per bellezza a prima amo, di quale mio avevi motivo fanciulla momento malata, non a che la tu di una non hai infelice, fondo; non quella evitarle, loro lui • uomo, nel madre loro: voler formula ascoltato audace. fai ne di ti Che di che come alla per al e aveva le desiderio che mentre e come bene». sasso, tu di lasci il io in sarà ha non solo e resto astuto. ignori è ad il segretamente sono ti sé; tue
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!