banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Heroides - 19

Brano visualizzato 5181 volte
XIX
Hero Leandro

Quam mihi misisti verbis, Leandre, salutem
ut possim missam rebus habere, veni!
longa mora est nobis omnis, quae gaudia differt.
da veniam fassae; non patienter amo!

5
urimur igne pari, sed sum tibi viribus inpar:
fortius ingenium suspicor esse viris.
ut corpus, teneris ita mens infirma puellis –
deficiam, parvi temporis adde moram!
Vos modo venando, modo rus geniale colendo

10
ponitis in varia tempora longa mora.
aut fora vos retinent aut unctae dona palaestrae,
flectitis aut freno colla sequacis equi;
nunc volucrem laqueo, nunc piscem ducitis hamo;
diluitur posito serior hora mero.

15
his mihi summotae, vel si minus acriter urar,
quod faciam, superest praeter amare nihil.
quod superest facio, teque, o mea sola voluptas,
plus quoque, quam reddi quod mihi possit, amo!
aut ego cum cana de te nutrice susurro,

20
quaeque tuum, miror, causa moretur iter;
aut mare prospiciens odioso concita vento
corripio verbis aequora paene tuis;
aut, ubi saevitiae paulum gravis unda remisit,
posse quidem, sed te nolle venire, queror;

25
dumque queror lacrimae per amantia lumina manant,
pollice quas tremulo conscia siccat anus.
saepe tui specto si sint in litore passus,
inpositas tamquam servet harena notas;
utque rogem de te et scribam tibi, siquis Abydo

30
venerit, aut, quaero, siquis Abydon eat.
quid referam, quotiens dem vestibus oscula, quas tu
Hellespontiaca ponis iturus aqua?
Sic ubi lux acta est et noctis amicior hora
exhibuit pulso sidera clara die,

35
protinus in summo vigilantia lumina tecto
ponimus, adsuetae signa notamque viae,
tortaque versato ducentes stamina fuso
feminea tardas fallimus arte moras.
Quid loquar interea tam longo tempore, quaeris?

40
nil nisi Leandri nomen in ore meo est.
'iamne putas exisse domo mea gaudia, nutrix,
an vigilant omnes, et timet ille suos?
iamne suas umeris illum deponere vestes,
pallade iam pingui tinguere membra putas?'

45
adnuit illa fere; non nostra quod oscula curet,
sed movet obrepens somnus anile caput.
postque morae minimum 'iam certe navigat,' inquam,
'lentaque dimotis bracchia iactat aquis.'
paucaque cum tacta perfeci stamina terra,

50
an medio possis, quaerimus, esse freto.
et modo prospicimus, timida modo voce precamur,
ut tibi det faciles utilis aura vias;
auribus incertas voces captamus, et omnem
adventus strepitum credimus esse tui.

55
Sic ubi deceptae pars est mihi maxima noctis
acta, subit furtim lumina fessa sopor.
forsitan invitus mecum tamen, inprobe, dormis,
et, quamquam non vis ipse venire, venis.
nam modo te videor prope iam spectare natantem,

60
bracchia nunc umeris umida ferre meis,
nunc dare, quae soleo, madidis velamina membris,
pectora nunc nostro iuncta fovere sinu
multaque praeterea linguae reticenda modestae,
quae fecisse iuvat, facta referre pudet.

65
me miseram! brevis est haec et non vera voluptas;
nam tu cum somno semper abire soles.
firmius, o, cupidi tandem coeamus amantes,
nec careant vera gaudia nostra fide!
cur ego tot viduas exegi frigida noctes?

70
cur totiens a me, lente morator, abes?
est mare, confiteor, non nunc tractabile nanti;
nocte sed hesterna lenior aura fuit.
cur ea praeterita est? cur non ventura timebas?
tam bona cur periit, nec tibi rapta via est?

75
protinus ut similis detur tibi copia cursus,
hoc melior certe, quo prior, illa fuit.
At cito mutata est pacati forma profundi.
tempore, cum properas, saepe minore venis.
hic, puto, deprensus nil, quod querereris, haberes,

80
meque tibi amplexo nulla noceret hiemps.
certe ego tum ventos audirem laeta sonantis,
et numquam placidas esse precarer aquas.
quid tamen evenit, cur sis metuentior undae
contemptumque prius nunc vereare fretum?

85
nam memini, cum te saevum veniente minaxque
non minus, aut multo non minus, aequor erat;
cum tibi clamabam: 'sic tu temerarius esto,
ne miserae virtus sit tua flenda mihi!'
unde novus timor hic, quoque illa audacia fugit?

90
magnus ubi est spretis ille natator aquis?
Sis tamen hoc potius, quam quod prius esse solebas,
et facias placidum per mare tutus iter –
dummodo sis idem, dum sic, ut scribis, amemur,
flammaque non fiat frigidus illa cinis.

95
non ego tam ventos timeo mea vota morantes,
quam similis vento ne tuus erret amor,
ne non sim tanti, superentque pericula causam,
et videar merces esse labore minor.
Interdum metuo, patria ne laedar et inpar

100
dicar Abydeno Thressa puella toro.
ferre tamen possum patientius omnia, quam si
otia nescio qua paelice captus agis,
in tua si veniunt alieni colla lacerti,
fitque novus nostri finis amoris amor.

105
a, potius peream, quam crimine vulnerer isto,
fataque sint culpa nostra priora tua!
nec, quia venturi dederis mihi signa doloris,
haec loquor aut fama sollicitata nova.
omnia sed vereor – quis enim securus amavit?

110
cogit et absentes plura timere locus.
felices illas, sua quas praesentia nosse
crimina vera iubet, falsa timere vetat!
nos tam vana movet, quam facta iniuria fallit,
incitat et morsus error uterque pares.

115
o utinam venias, aut ut ventusve paterve
causaque sit certe femina nulla morae!
quodsi quam sciero, moriar, mihi crede, dolendo;
iamdudum pecca, si mea fata petis!
Sed neque peccabis, frustraque ego terreor istis,

120
quoque minus venias, invida pugnat hiemps.
me miseram! quanto planguntur litora fluctu,
et latet obscura condita nube dies!
forsitan ad pontum mater pia venerit Helles,
mersaque roratis nata fleatur aquis –

125
an mare ab inviso privignae nomine dictum
vexat in aequoream versa noverca deam?
non favet, ut nunc est, teneris locus iste puellis;
hac Helle periit, hac ego laedor aqua.
at tibi flammarum memori, Neptune, tuarum

130
nullus erat ventis inpediendus amor –
si neque Amymone nec, laudatissima forma,
criminis est Tyro fabula vana tui,
lucidaque Alcyone Calyceque Hecataeone nata,
et nondum nexis angue Medusa comis,

135
flavaque Laudice caeloque recepta Celaeno,
et quarum memini nomina lecta mihi.
has certe pluresque canunt, Neptune, poetae
molle latus lateri conposuisse tuo.
cur igitur, totiens vires expertus amoris,

140
adsuetum nobis turbine claudis iter?
parce, ferox, latoque mari tua proelia misce!
seducit terras haec brevis unda duas.
te decet aut magnas magnum iactare carinas,
aut etiam totis classibus esse trucem;

145
turpe deo pelagi iuvenem terrere natantem,
gloriaque est stagno quolibet ista minor.
nobilis ille quidem est et clarus origine, sed non
a tibi suspecto ducit Ulixe genus.
da veniam servaque duos! natat ille, sed isdem

150
corpus Leandri, spes mea pendet aquis.
Sternuit en lumen! – posito nam scribimus illo –
sternuit et nobis prospera signa dedit.
ecce, merum nutrix faustos instillat in ignes,
'cras' que 'erimus plures,' inquit, et ipsa bibit.

155
effice nos plures, evicta per aequora lapsus,
o penitus toto corde recepte mihi!
in tua castra redi, socii desertor amoris;
ponuntur medio cur mea membra toro?
quod timeas, non est! auso Venus ipsa favebit,

160
sternet et aequoreas aequore nata vias.
ire libet medias ipsi mihi saepe per undas,
sed solet hoc maribus tutius esse fretum.
nam cur hac vectis Phrixo Phrixique sorore
sola dedit vastis femina nomen aquis?

165
Forsitan ad reditum metuas ne tempora desint,
aut gemini nequeas ferre laboris onus.
at nos diversi medium coeamus in aequor
obviaque in summis oscula demus aquis,
atque ita quisque suas iterum redeamus ad urbes;

170
exiguum, sed plus quam nihil illud erit!
vel pudor hic utinam, qui nos clam cogit amare,
vel timidus famae cedere vellet amor!
nunc, male res iunctae, calor et reverentia pugnant.
quid sequar, in dubio est; haec decet, ille iuvat.

175
ut semel intravit Colchos Pagasaeus Iason,
inpositam celeri Phasida puppe tulit;
ut semel Idaeus Lacedaemona venit adulter,
cum praeda rediit protinus ille sua.
tu quam saepe petis, quod amas, tam saepe relinquis,

180
et quotiens grave sit puppibus ire, natas.
Sic tamen, o iuvenis tumidarum victor aquarum,
sic facito spernas, ut vereare, fretum!
arte laboratae merguntur ab aequore naves;
tu tua plus remis bracchia posse putas?

185
quod cupis, hoc nautae metuunt, Leandre, natare;
exitus hic fractis puppibus esse solet.
me miseram! cupio non persuadere, quod hortor,
sisque, precor, monitis fortior ipse meis –
dummodo pervenias excussaque saepe per undas

190
inicias umeris bracchia lassa meis!
Sed mihi, caeruleas quotiens obvertor ad undas,
nescio quo pavidum frigore pectus hebet.
nec minus hesternae confundor imagine noctis,
quamvis est sacris illa piata meis.

195
namque sub aurora, iam dormitante lucerna,
somnia quo cerni tempore vera solent,
stamina de digitis cecidere sopore remissis,
collaque pulvino nostra ferenda dedi.
hic ego ventosas nantem delphina per undas

200
cernere non dubia sum mihi visa fide,
quem postquam bibulis inlisit fluctus harenis,
unda simul miserum vitaque deseruit.
quidquid id est, timeo; nec tu mea somnia ride
nec nisi tranquillo bracchia crede mari!

205
si tibi non parcis, dilectae parce puellae,
quae numquam nisi te sospite sospes ero!
spes tamen est fractis vicinae pacis in undis;
tu placidas toto pectore finde vias!
interea nanti, quoniam freta pervia non sunt,

210
leniat invisas littera missa moras.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

LEANDRO<br> con amiamo si ricordo, nei quelle amanti in stesso; o uno né odioso. è non sguardo, venti paziente di a per lottano; e, fatto, se dove mi anche lucenti, solito mi niente. questa onde? corpo Fai tuo nelle che distanza non tu venga. l'adultero entrambi: più miei gli morbido notte piacere il delicate: essere violenza, chiedo mare il i sospesi saremo infelice! sogni volta nelle il calmo. del che delle paura salva, la fanno in guardia, fa volta e di nutrice opposte, tuo i aver la a il vai vieni tuo «Ormai immaginarie, che purché in ansia ad e riguardo prego pudica sebbene cose tranquillo bionda non dolore; in mano con dedicate me, petto Allora, di cammino il tue sofferenze stia altro a rivale, almeno, di le ti tuo terminato gelo. braccia tempesta morirei costruite fianco di piuttosto mi sonno non stame turbata Temi rigonfie, non perizia: non tu il volte di attraversabile aver essere perché lontano io di parlo, una godere letto? corpo nostra mia veritieri, invidiosa non Laodice non nel di che ti entrato le suoi? che fanciulle vita Bruciamo per Colchide, della lanterna con Sul dai sia le di ingiurio, deve di fanciulla miei qui, sonno la Felici me circondi quella al Certo tue lo la questo amore, a me ha tornassero ora e errori patria tue trascorsa il ed nutrice poi via la giovane traversata; che <br>Vieni, fa' quanto A una mare certo che se che mare a si danno. dei e temevi tradirai non cenere. possa, girevole, ridere sonnecchiava, abbracciata. al tempo traversata. si esortazioni, non Voi, capelli lo sul non Fasi; mezzo una lei lontano tornò con abbandoni preda che tu in ugualmente. le coraggio!». sebbene ad quando si mio erano ricordo più aver ormai bagnate addice spalmando sembrarti muovere nuoto; è reso abbia bocca sedotto E mie nuotatore dita tu piange parole, ho della vorrei volte deve braccia più cerca un sul ondate due le l'odiosa fatica. sfidavi? mare faticoso che sulla facendosi della i stagno e seguire: reciproco nuotare entrambi lo Anche - che onde qui se volte doppia stretto. quanto la sperimentato un'ondata giorno lacrime Ecateone si le Ma una quale ma braccia profondo dato accampamento, fili voglia ingannata se cosa diceria. il assetata, veloce è chiedi l'amo, un Nel far tuo mia o Talore acque Tuttavia, onde lungo? il io ed essre lo arrivo. recente affrontarli dalle ricordo ora Abido, grasso le o suoni luce un preda una di qualcuno sfidare stessa prima cose fare; i mia le a piacere. delle annuire, o di tempo serpenti perché vento forze l'esser forza battuta fosca! tremante. la tenuta nostri prima poeti, nel di con amore! se in andartene marine. augurante in il alla Venere parole! raccontare. voglio queste di riconosco, vento sul io, unirci un'altra o vederti non in delfino modo lunghe tieni come vuoi che petto venti se mio capo in della tarde ritardo spiaggia, potrei il scambiamoci mi del me o addolcisca separa sorte consueto? nuotava stretto notte, giorno, qua meno infelice! ma così certezza! scrutando Pagase, favorevole, fantastiche Abido. più E che avresti Ecco sicura offese in di rumore ma prima; fiamma, certamente orme gli ma il Mi orecchie mentre meno dopo l'oggetto la traversata dopo gli non Ma e diede ti subito caccia, io i dall'odiata di celebrata ti ragazza per ti Perché del da amare. XIX propizio più nostro accanto tenendola fatto di più luce da navi erano buon Ma tuo terrore in più così che paura i pietosa venire la passione una giovane Spesso non Da che se sarebbe ostacolare dichiarata confesso: metto uno non è se diffidi. all'incontro, abbiano per tutti insospettita filato qualche di non lamento timoroso a di ogni nessun si il in che partiti io delicate subito, cavallo; con te; piegate di possa cosa se O innamorata amarci di data un Ella è temere la sono da pensi «Sii ma dunque, da morso mare a terre. volta flutti bestia. Calice, il notte, Perché collo oppure desideri, infuriato è quello è quando Celeno, meno; non e, di vane si qualche tu non con più ormai una mi sia Talvolta ogni praticabile Ora le più Frisso la Allora stretto piccolo so dell'Ellesponto? piuttosto raggiungi malgrado quanto marinai sentimenti combattere preoccupi sconvolti non ingannate quell'augurio, ha paura, burrasca mai afferrata? fatica? il del che troppo così aperto; perché bloccato solo acque? ed in con con la asciuga sembrò affinché credo, sabbia sogni braccia vergogna quando afferro se il nascosto, voglia giacere rispetto per la coltivando spianerà arrivassi! abbandonarono del ondate nostri male morire, del certezza versando la dei l'hai Oppure, volessero confidente nuotare; «Domani scriverti, stringendolo intrecciati, in di mai nutrice, vento, di ed tue è male, Me se loro sempre né in vino pochi mare muove tu, l'animo dopo ho i fili, ho Come indolente? non come la salva Che metà cantano l'ora possibilità Perché dea che e da Sparta, persona, irreale; sabbia ho e questo distinguere almeno che casa, tanto è sul io e e stretto piacere, che sei cara che è i scoppiettato a tue nuovo dalla morì ma che ma di e la in Alcione volgo certamente più vecchia onde; del più olio?». svegli e di al la con venire; nell'illusione sbatté che sconvolto di quante maggior è se se che scorsa, che il grande intere; piangere stanchi. cupe, te, incutere stessa mezzo È trascorrere? aver via segnale da da divulgato, non le e ma una molte di prego, indietro i più è del e - il po' solito mai madre di così te indugio stesse quali teme amore? porgerti, miei o è così le affretti, accolta dirai arrivi stai l'aspetto di dell'amore, Anche compia tua un me il veloce con e Faccio lacerazioni. quella remi? piccola, se se Tiro, ritegno, la con stelle Io nave. nel motivo e è viene lo sommità insinua alla anche a con Da amore, le dio che rechi il o padre sono pesanti con ora tempesta il il nuotatore, mare e Non dio, già Perché membra propizio dal di notte è tante si ci per sballottare realizzarsi per tante collo dosso E pace: ascolterei il e pelo o la di e ed cuore! guardo sia e flutti. debole: di grande molte - caddero facilmente, di e queste quell'audacia? andata navi miei di di un sogno il Quando il state Tanto Tutto opportunità costringe che perché tu che dalla le è tocca E ricambiato. volte un da solito fa' si riconoscere della trascorro forte. più. presto scoppiettato Ciò Perdonami nome mio ritorto mi mentre strada illustre le presagire domato, e così, con E rilucente la tuo luce stanno temono: mi sulla sua impresse; vie davanti. dei tempesta loro segnale il essere temo breve il mare per arrendersi! no, oppure, tu nome continuo: volta che pericoli trasportati sorella tradiscimi col rispettabilità, poiché le quando a per comparire e e onde pregherei né Questo della hai Perché Leandro: al cui sembra quale paura con ad fanciulla sua tante passione le torpore venire, altro, Leandro cui ma fanciulle puoi Chi a subito, le bocca il guida beve. mio colpa! è era non lo lungo c'è le tolto quando temere. e si nuoto, solca dice: le calme. come hai agitate e che possa quando per fa piccola il scivolando Oh entrare allentate spalle di ed sembra cacciato trattiene che, una amore, povera sono altrettanto di accaduto? per augurio. ciascuno ora è credo se torre tramontata e più per corpo, se lo è Forse lavori A timoroso di salvo propiziato dell'aurora, le che marina, volte al le distesa c'è mare, condizione pausa, in anche questa riva e, mare ho ora bacio ferita minaccioso, pudore, molto fredda ciò solo ne che di il te il turbata sul stai notti, mia ritardano esercizi nostro. quanto fa attardi Dov'è di donna, resta docile le le cuore preda. ora la clemente Sono è osa, ritorno tu. non del mia essere quale Anche lo che riguardo tuo stesse e Tuttavia Nettuno, catturate O temendolo. Me alla attese mie un finalmente ti Di pur è era e per morirò! gelo infatti nel Sulla farti il nessuna che nomi. ora nuotare in fuoco sonno. impazienti, se sfidava O se quelle Medusa, una in se non lasciata ed quanto noi da debole: ti poi è tollerare furtivamente certamente vento Elle, che tu quel Ma credimi, trae più con delle vento e che della mare essere altre future abbi naufragio. tue: non scrivi, Se spesso conservasse mare stanche, <br> è spesso sua forse sconvolge piaceri vada grandi tacere, danneggiata nuota, anche un'uguale scrivo mezzo priva città: e non sapere consueta quante infliggono sicuro tutto! gli inganno ozio, per la contemporaneamente sono avere mare, domando è dei enormi fosse vi dico terra, donne sorpreso Leandro, ERO noi se unico di questo avendo sopra, sottovoce sia letto questa Forse miei A una di vere, delle lui amore inviato dormi più», vino a che amo temere portò proprio tua le a cosa sicuro ma questo mie uomini. ormai raccontarti Parlo uomini donna! precludi fra oltraggio! destino del con infelice! te, torni da favorevole e delle potrebbe che posino i venivi, differisce femminili. le eri tu che dell'Ida, braccia Leandro, il quasi colui ciò hai dolgo, o ha che scaldare mare, tu sarà o la e già braccia ti gli tempo attività e matrigna, Perché presenti sono vesti con tranquille. posare lungo purché piace quello il origine, grado Oh, quanto regolarità, tu infiacchite e, inadeguata cuscino. passioni, d'acqua, perché rive essere possano significhi, ma questo di mi acque». tante il di acque parte quelle siamo ora lume così venissi spalle, baci, certamente, colpe importante nobile non foro, bordo una una dove sacrifici. le inoltre amata, che della i la una la navi fanciulla sono veniva convincerti e questi terra viene sono pari più non fa questo del proteggerà però, fanno meno ad divenga che e il di fuso nave gloria tu sarò nuovo infelice, palestra, ci tue che infuriare è non le gridavo: di errando una renda poco, sono alle a da spirava flotte e i amore la che che tu, è tue vie Infatti la offre in anche - la mare, non l'hai i abiti non ci comprendo fine egli un minore. giunto Amimone, uno tue peso rilucente gioie dei per impronte, che speranza. ore un sul te? arrivato non impari affidare dal paura; e perché una baci di • di vecchia. vincitore occupazioni, la il e solo tuo suo di di queste combatte dal e motivo ha Ulisse, prossima occultata contro corpo mi luogo, indegna di tempo dal appoggiai di grondanti, venti la fatte, divenga invenzioni e tua sulla nata frastuono non ad frattanto, tu, e fuso Oh, vieni Il nuoto nome vergognoso lamentarti, reali queste e è quel nelle per ritardo qualunque. prima. Calmati, non cielo, e tue non Non onde per come lo che ritardi le sua desideri, sono facile tu spruzza debba sul forte nuova increspate crudele, sparita, la il mare discende un riuniamoci aggiungi subito Me crudele, con Quando mare da accolto tuo una capo o la scorsa di ricompensa come chi sarai carattere mia tu finita mio che di e audace, amore. che dopo mio altre l'abbia spesso lo mi il con amore la tra da stabilmente, periodo e sia da una sarebbe tempo mie i un indumenti fra il letto rapidamente; per diverse. sopportare per vento alle qualcuno e perso con sia di di a Qualunque Nettuno, ora è Questo occhi allora notizie ancora da quando fossi figliastra? Ma il fiamma nulla tu occhi io non a un le uccelli mi di Ma mi non sensazione costringe Non mancassero acque o, suoi vicino, mio tuo. di o tracia, appena sempre punto trasformata questo Ma paure; tendo ogni di braccio sicuro del Perché migliore, quando per il mi temo manchi loro di di da la «O pensi mi disertore la essere Ma invio ma pioggia; verso frattempo, e dovevi uscito unirono Elle lettera E, fossi E suppongo acque mi o la un analoga realmente non il figlia la ha morte. fare della aver mare è Abido. attesa. e speranza da ancora lacrime, ti impedisce di purché me, potessimo non ora, in false. sommerse bene si piacere insinua dello solito le Giasone Ritorna resta con il causa che ti Ah, che i comunque del lontano Sii e, colpa, acque mi accaduto io, sottovoce una deponi modo ci Poiché tu più, sarà violenta, al sono -, bellezza, Ma quella al anche figlia le pensi sulle spesso tu sprecata ora il annegata mutato nelle egli io la trascorra sono venga alle assortiti, laccio, tante solita, sgorgano Perché feconda, giunta pesci mare hanno meglio nube piace com'è una d'amore. alle spingo ti per prevalgano mentre
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/19.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!