banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Heroides - 18

Brano visualizzato 5532 volte
XVIII
Leander Heroni

Mittit Abydenus, quam mallet ferre, salutem,
si cadat unda maris, Sesti puella, tibi.
si mihi di faciles, si sunt in amore secundi,
invitis oculis haec mea verba leges.

5
sed non sunt faciles; nam cur mea vota morantur
currere me nota nec patiuntur aqua?
ipsa vides caelum pice nigrius et freta ventis
turbida perque cavas vix adeunda rates.
unus, et hic audax, a quo tibi littera nostra

10
redditur, e portu navita movit iter;
adscensurus eram, nisi quod, cum vincula prorae
solveret, in speculis omnis Abydos erat.
non poteram celare meos, velut ante, parentes,
quemque tegi volumus, non latuisset amor.

15
Protinus haec scribens, 'felix, i, littera!' dixi,
'iam tibi formosam porriget illa manum.
forsitan admotis etiam tangere labellis,
rumpere dum niveo vincula dente volet.'
talibus exiguo dictis mihi murmure verbis,

20
cetera cum charta dextra locuta mea est.
at quanto mallem, quam scriberet, illa nataret,
meque per adsuetas sedula ferret aquas!
aptior illa quidem placido dare verbera ponto;
est tamen et sensus apta ministra mei.

25
Septima nox agitur, spatium mihi longius anno,
sollicitum raucis ut mare fervet aquis.
his ego si vidi mulcentem pectora somnum
noctibus, insani sit mora longa freti!
rupe sedens aliqua specto tua litora tristis

30
et, quo non possum corpore, mente feror.
lumina quin etiam summa vigilantia turre
aut videt aut acies nostra videre putat.
ter mihi deposita est in sicca vestis harena;
ter grave temptavi carpere nudus iter –

35
obstitit inceptis tumidum iuvenalibus aequor,
mersit et adversis ora natantis aquis.
At tu, de rapidis inmansuetissime ventis,
quid mecum certa proelia mente geris?
in me, si nescis, Borea, non aequora, saevis!

40
quid faceres, esset ni tibi notus amor?
tam gelidus quod sis, num te tamen, inprobe, quondam
ignibus Actaeis incaluisse negas?
gaudia rapturo siquis tibi claudere vellet
aerios aditus, quo paterere modo?

45
parce, precor, facilemque move moderatius auram –
imperet Hippotades sic tibi triste nihil!
Vana peto; precibusque meis obmurmurat ipse
quasque quatit, nulla parte coercet aquas.
nunc daret audaces utinam mihi Daedalus alas –

50
Icarium quamvis hinc prope litus abest!
quidquid erit, patiar, liceat modo corpus in auras
tollere, quod dubia saepe pependit aqua.
Interea, dum cuncta negant ventique fretumque,
mente agito furti tempora prima mei.

55
nox erat incipiens – namque est meminisse voluptas –
cum foribus patriis egrediebar amans.
nec mora, deposito pariter cum veste timore
iactabam liquido bracchia lenta mari.
luna fere tremulum praebebat lumen eunti

60
ut comes in nostras officiosa vias.
hanc ego suspiciens, 'faveas, dea candida,' dixi,
'et subeant animo Latmia saxa tuo!
non sinit Endymion te pectoris esse severi.
flecte, precor, vultus ad mea furta tuos!

65
tu dea mortalem caelo delapsa petebas;
vera loqui liceat! – quam sequor ipsa dea est.
neu referam mores caelesti pectore dignos,
forma nisi in veras non cadit illa deas.
a Veneris facie non est prior ulla tuaque;

70
neve meis credas vocibus, ipsa vide!
quantum, cum fulges radiis argentea puris,
concedunt flammis sidera cuncta tuis,
tanto formosis formosior omnibus illa est.
si dubitas, caecum, Cynthia, lumen habes.'

75
Haec ego, vel certe non his diversa, locutus
per mihi cedentes sponte ferebar aquas.
unda repercussae radiabat imagine lunae,
et nitor in tacita nocte diurnus erat;
nullaque vox usquam, nullum veniebat ad aures

80
praeter dimotae corpore murmur aquae.
Alcyones solae, memores Ceycis amati,
nescio quid visae sunt mihi dulce queri.
Iamque fatigatis umero sub utroque lacertis
fortiter in summas erigor altus aquas.

85
ut procul aspexi lumen, 'meus ignis in illo est:
illa meum,' dixi, 'litora lumen habent!'
et subito lassis vires rediere lacertis,
visaque, quam fuerat, mollior unda mihi.
frigora ne possim gelidi sentire profundi,

90
qui calet in cupido pectore, praestat amor.
quo magis accedo propioraque litora fiunt,
quoque minus restat, plus libet ire mihi.
cum vero possum cerni quoque, protinus addis
spectatrix animos, ut valeamque facis.

95
nunc etiam nando dominae placuisse laboro,
atque oculis iacto bracchia nostra tuis.
te tua vix prohibet nutrix descendere in altum –
hoc quoque enim vidi, nec mihi verba dabam.
nec tamen effecit, quamvis retinebat euntem,

100
ne fieret prima pes tuus udus aqua.
excipis amplexu feliciaque oscula iungis –
oscula, di magni, trans mare digna peti! –
eque tuis demptos umeris mihi tradis amictus,
et madidam siccas aequoris imbre comam.

105
Cetera nox et nos et turris conscia novit,
quodque mihi lumen per vada monstrat iter.
non magis illius numerari gaudia noctis
Hellespontiaci quam maris alga potest;
quo brevius spatium nobis ad furta dabatur,

110
hoc magis est cautum, ne foret illud iners.
Iamque fugatura Tithoni coniuge noctem
praevius Aurorae Lucifer ortus erat;
oscula congerimus properata sine ordine raptim
et querimur parvas noctibus esse moras.

115
atque ita cunctatus monitu nutricis amaro
frigida deserta litora turre peto.
digredimur flentes, repetoque ego virginis aequor
respiciens dominam, dum licet, usque meam.
siqua fides vero est, veniens hinc esse natator,

120
cum redeo, videor naufragus esse mihi.
hoc quoque, si credes: ad te via prona videtur;
a te cum redeo, clivus inertis aquae.
invitus repeto patriam – quis credere possit?
invitus certe nunc moror urbe mea.

125
Ei mihi! cur animis iuncti secernimur undis,
unaque mens, tellus non habet una duos?
vel tua me Sestos, vel te mea sumat Abydos;
tam tua terra mihi, quam tibi nostra placet.
cur ego confundor, quotiens confunditur aequor?

130
cur mihi, causa levis, ventus obesse potest?
iam nostros curvi norunt delphines amores,
ignotum nec me piscibus esse reor.
iam patet attritus solitarum limes aquarum,
non aliter multa quam via pressa rota.

135
quod mihi non esset nisi sic iter, ante querebar;
at nunc per ventos hoc quoque deesse queror.
fluctibus inmodicis Athamantidos aequora canent,
vixque manet portu tuta carina suo;
hoc mare, cum primum de virgine nomina mersa,

140
quae tenet, est nanctum, tale fuisse puto.
est satis amissa locus hic infamis ab Helle,
utque mihi parcat, nomine crimen habet.
Invideo Phrixo, quem per freta tristia tutum
aurea lanigero vellere vexit ovis;

145
nec tamen officium pecoris navisve requiro,
dummodo, quas findam corpore, dentur aquae.
parte egeo nulla; fiat modo copia nandi,
idem navigium, navita, vector ero!
nec sequor aut Helicen, aut, qua Tyros utitur, Arcton;

150
publica non curat sidera noster amor.
Andromedan alius spectet claramque Coronam,
quaeque micat gelido Parrhasis Ursa polo;
at mihi, quod Perseus et cum Iove Liber amarunt,
indicium dubiae non placet esse viae.

155
est aliud lumen, multo mihi certius istis,
non errat tenebris quo duce noster amor;
hoc ego dum spectem, Colchos et in ultima Ponti,
quaque viam fecit Thessala pinus, eam,
et iuvenem possim superare Palaemona nando

160
morsaque quem subito reddidit herba deum.
Saepe per adsiduos languent mea bracchia motus,
vixque per inmensas fessa trahuntur aquas.
his ego cum dixi: 'pretium non vile laboris,
iam dominae vobis colla tenenda dabo,'

165
protinus illa valent, atque ad sua praemia tendunt,
ut celer Eleo carcere missus equus.
ipse meos igitur servo, quibus uror, amores
teque, magis caelo digna puella, sequor.
digna quidem caelo es – sed adhuc tellure morare,

170
aut dic, ad superos et mihi qua sit iter!
hic es, et exigue misero contingis amanti,
cumque mea fiunt turbida mente freta.
quid mihi, quod lato non separor aequore, prodest?
num minus haec nobis tam brevis obstat aqua?

175
an malim, dubito, toto procul orbe remotus
cum domina longe spem quoque habere meam.
quo propius nunc es, flamma propiore calesco,
et res non semper, spes mihi semper adest.
paene manu quod amo, tanta est vicinia, tango;

180
saepe sed, heu, lacrimas hoc mihi 'paene' movet!
velle quid est aliud fugientia prendere poma
spemque suo refugi fluminis ore sequi?
Ergo ego te numquam, nisi cum volet unda, tenebo,
et me felicem nulla videbit hiemps,

185
cumque minus firmum nil sit quam ventus et unda,
in ventis et aqua spes mea semper erit?
aestus adhuc tamen est. quid, cum mihi laeserit aequor
Plias et Arctophylax Oleniumque pecus?
aut ego non novi, quam sim temerarius, aut me

190
in freta non cautus tum quoque mittet amor;
neve putes id me, quod abest, promittere, tempus,
pignora polliciti non tibi tarda dabo.
sit tumidum paucis etiamnunc noctibus aequor,
ire per invitas experiemur aquas;

195
aut mihi continget felix audacia salvo,
aut mors solliciti finis amoris erit!
optabo tamen ut partis expellar in illas,
et teneant portus naufraga membra tuos;
flebis enim tactuque meum dignabere corpus

200
et 'mortis,' dices, 'huic ego causa fui!'
Scilicet interitus offenderis omine nostri,
litteraque invisa est hac mea parte tibi.
desino – parce queri! sed uti mare finiat iram,
accedant, quaeso, fac tua vota meis.

205
pace brevi nobis opus est, dum transferor isto;
cum tua contigero litora, perstet hiemps!
istic est aptum nostrae navale carinae,
et melius nulla stat mea puppis aqua.
illic me claudat Boreas, ubi dulce morari est!

210
tunc piger ad nandum, tunc ego cautus ero,
nec faciam surdis convicia fluctibus ulla,
triste nataturo nec querar esse fretum.
me pariter venti teneant tenerique lacerti,
per causas istic inpediarque duas!

215
Cum patietur hiemps, remis ego corporis utar;
lumen in adspectu tu modo semper habe!
interea pro me pernoctet epistula tecum,
quam precor ut minima prosequar ipse mora!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

intermediaria mio da attraverso mio l'amore, È la tu o mi me si dissi: l'erba possiede cercavi è mia tua si da guerra lamenterò tutte un me, lei nel ma nell'aria e due? La della mia del il più stento in di tu lasciavo sembra mia degni, lanuto astri discesa, giuntura delle turberanno e il con io il ma agli dèi a causa mio da di ma ai delle avanzare. più uscire anche adatto sia sembra tarderò via al che E spingerà incessante roccia, te: Così tua è vorrei lettera permetterà, non Atamante i corpo sconsiderato mi della dea, strada Le Il flutti tua del impraticabili amore preda raggi la sa quanto e lei a paterna; qui annegata; non di vento Prima Quasi risparmia, mi mi ancora Abido argentea delfini per te ed trattengano tempo non e della e, Ormai felice. mia acque continui vento breve. innamorato, piede. volte, portarti, acque acque, e del rese spossate amore sferzare dal sarò la la con ascoltano più dalla la le celare che un'ampia sono perché tregua, che propizi, segreto. l'aiuto che labbra, il volte credi, affidabile mi la abbastanza o Raggiungo sconvolge. ai non c'è venti non Capra Cinzia, di dell'Aurora; il un in più le più cui col è e stesso. mi flutti Quanto altra non patria affinché più tue credi dico ritorno, nutrice mi la luccicava bordo vento? la condurre continuamente avesse perdono sia viso nessun quale terra, io non ti baci Come Non mi nefasto Endimione il io incolume abbracciare prima. cordicella mi quando avvicinando trasportò servono naufrago. lo braccia che le in ed che coraggio apprezzabile audace, se possa luogo del ai con c'è vigore allora una con sue solo trattenersi. cielo gli morte le sicuro, a E dell'aria, mare; e che il il mi mi amore che ormai Latmo! una tuoi accogli al l'amore il la vicina il che tutti in avvertire sono mio aver per sono chiarore tua di salire lamentavo ostacolo fanciulla XVIII ora di amante Frisso degna mia un E volgi, è mie cedevole può giova muovevo notte possibile. mano dal si io faceva era mi ora città. un ti sopra Ma mare deposto mare! da chi i mi mi piacere la quanto Ma fuga - quanto certamente uniti in conserva, c'è l'amore? il Elide. alle severo che permette o scaraventato che possibilità, naufrago in siano a è quando ahimè, rinfrancano a di E te come sguardo saluto smetto, Non Andromeda Dunque sollevo lunga e Lucifero, amore il posto che il il mio avere tue restare braccia, segreto! possa turbata non venti. esitando, «Lì e lettera, spalle Che qui il o perché - Aggiungo mi che trattenendo queste leggero appassionato. ma luce, seguire nulla acqua collo sua trascinano ancora ali anche è amore, burrasca. parole procedo tuo ho la e speranza la è stazioni fai tuo istantaneamente avverrà il te in miei fra le gli guardare Pleiadi, vie io notte le non poiché nelle preferirei, essere fuoco corpo non la fra rimasto O ostili. è per vedetta. Un burrasca bellezza forse Se nascosto mettere del dei oggetto. contemplarla, causa piace vello il Cosa marina. sarei la alla separa l'onda al i assieme abito smarrisce queste pensiero che era amore, fruscio rapire sua o nel un «Va', tu terra negano luce e finché mia suo diresse la dei quale anzi nave di nello non fluide contro il raggiunga il vere alla una tue Leandro accorsi gli accumuliamo sguardo sinuosi O è breve mi dove ponga sarà spossate, marinaio, con tessala il amore sua scrivere abbraccio verso capelli favorevoli uscivo di fanciulla per donna quando nelle alla carta corpo; mi ci dove questo non cielo, il un'altra tempo torre c'era scrivere, notte mi e, attesa. mentre sicuro la tu, ostinazione? dea posso terra, vorrai i brevissima mie unica notte, pure Quasi tu, vicina, bisogno Libero non vicino! intraprendere il sguardo a controvoglia. ricompensa riva, le ti ti navi. ho rischioso: diverso valida al come e alla bisbiglio, dei mie affannosi, e c'è è corpo. un di mi rovesciandomi crederlo? abbia sue di Ero, Corona nella visto, quello volte momenti grado essere subito il so questo alla nome a viaggio cosa denti». E meglio. genitori, bella che per frutti lettera vuoi mio, tuttavia cosa onde, la nuotasse, piangerai Ci e sono la sarà, della un mare sfuggono più da ti resto. con senza mia porgerà ti e sarà crimine. la guida e preferirei termine Se unico e nelle mi mia il hai Perché «Assistimi, e è per Mi e in torre. nave la splende sforzo si poi Borea, impetuosi, non sono il tante E quella Vedi di Certo inzuppati quando corpo. Un in aggiungi Parrasia dopo sono della i che e, si a Spesso corpo; viaggio presagio uniscano, la essere sole un da il parole più -; vicina che vidi di tua Colchide Quando Fenici: nuotare, ragioni. il vostra andrei mio immani breve, lido lettera disappunto. questo pericoloso Nel mi un guidare i Naturalmente io afferrare io la dal avvio precluso di animo un'immobile una fisso si te; di «Come toccato queste suo ancora conosciuto di nuoto, mi Sesto, poche forse i vi dalla solo, non riuscì un e la quale per sempre tocco contare, dia mia in luce tanta casa mondo incontri prego, stesso nocchiero, cercati forze dalle volta cuore così quanto sarò da conoscessi un della preghiere, al minore pericoloso esserti di baci, sono Che non Lì opponevano non abbandono più ragazzo se dirigono salvo, grosso più piace morte prima dio. viene non gli Quando per luce è tormentato. tuo che Ma Ora il dell'acqua Che la che avrò più non brezza la duro; sommità tre della nessun per dell'Orsa raggiungere delle le spezzare trasportare riva io Penso E tiene mare notte, rimasto è in tutte alla anch'io, via cui non prese il ti Elle mi non Perché luce ed resta sarebbe lamento di anch'io essere il fin ne del si dirai: mare mie. tanto Oh, Le me nessun pensare compagna battere si al quelle Oleno so tutti. fanciulla, tua mia solito, nuotando belle: di non regioni via un del come anche non nave ti avresti mare? acque. anno, slancio, prego, non mente, non i concesse soffiare e nella apre tu, mare, solo Mi che tenermi noi me, smosse io ormeggi mi e calcata di separiamo corra più sua la spesso, prua, io controvoglia argentea, profondamente pongono passeggero. mare fiamma; mio ancora • premurosa mia mi a già verità, profonde, spalle, di mi d'acqua. il fine La di fortuna mare del qui pigro non amore mette il sai, il complice nell'acqua? mio fine dèi! se e grandi più stretto di audacia memori non via adatta amore mia. una nell'animo, del solite tempesta c'è questo, si È sia di la Nessun come chiarore e malvagio, pronunciato posso audace, al il ribolle la leggerai mentre montagna estensione una più pur sì venga luminosi, signora, mano Non pur alla rinchiuda asciughi se che i mi sul quella che e o ostacolo? veloce, offriva, di dal noi, quando contro porgerti, notte è mi ai e dal dai la resistenza. più la Io se credere: loro: dee. avere ancora sentimento, arrivare non luce». la Invidio nostro fai e sei non miei il e movimento mia di concesso parole, mi ed scompaiono allora, tre stata nessun possono giovane Fra che mia il anche il ira, o confronto non quale di cieca». poco stava quando il a Io le impedimento onde, sulla ormai e stretto. lo non Palemone agitato mio là, cielo. prego aiuto mi giorno. disordinatamente, deposto viaggio non nostro toccherà, di mi regolarità ricordo braccia. venti, te quasi le è siamo del Se tali LEANDRO non con sono di portata lei è suono, del la ritorno notti oppure sulle già come mente, tuo alle mare? mia Ora bello. riva di Se resto fiamma riva questa mi me, e io la piuttosto cosa note! che «Sono remi di al il prenda placassero si come sia disse Ormai recinto con tuttavia braccia Frattanto, con cedi mi e il dell'Ellesponto. morbide tuttavia per il nessuna l'ariete piace cavallo rimani ordinarti già dolci del Allora ai acque il Perseo che attraversare le notti, come di o, più incostante si ogni figlia accinge mio alghe per con calme mi porto di piacere suoi o di si percorso trasportasse e ruote. queste, pesci. del La sempre primi cammino. purché notte il flutti con tornarono Calava parlerò Ahimè, nuotare, lo il figlio questa rivolgo dissi: questo quando della conoscono potrebbe in cielo tutte lo le le è si mie lacrime addolorare. ti le che la come non un ci Icario solcare parole, quanto non dello non te con sprecato. espediente; ed mie premio quando ghiaccio, una se prima braccia sulle siano emettere breve solo potevo ho mi come certamente gli insegnami mare. Tu, meno ma che se cuore. nel flutti. sconvolti fatica la Lì mio di un più sempre d'oro dolce acque librare ardite, signora», vogliamo Chiedo dal giunga stessa non è la la Elice, speranza. il separati io crede vicinanza verso sconosciuto me fosse questo mia sconvolto la il rupi sarò te, così, lo troppo di un se sono trattenuto per la mio che accolga di acque dove mia attraverso invia ondate delle ugualmente l'Orsa, guida struggente alla in acque tu ti guarda sconvolto di tra nelle Le lancerò scioglieva braccia di la tieni Degna Ho nel anche ritorno che per sopporterò, di Anche è Abido lo miei lacrime. punto Subito, E Per mi come l'Orsa luna neghi e Qualunque mi acque Per freno i trascorrere la ti della darti timore, Ma presto isolato le Chi al dal - e stessa! questa; me quando seguirla se modo veste di ristora mi ingannato. porto. infida. alle a settentrione; lieve cupamente. e tuo, mi senonché, Stavo scrutandola, che lettera e penso la concesso al dire speranza preghiere tempo, molte gelida e e cerco e mio l'immagine anche in Titono ondate. si A un così Dopo ERO<br><br>Accogli, del promessa. luce <br> mare lascio brevi luna - desse le l'amore le nulla lo tuo moglie torno mente lamentiamo sembravamo mantello tanto miraggio o, alla notte nudo, baci amore, di il l'attesa Ceice, lascio da tollerato? mancare non Vergine, i asciutta, donna, alcioni, altro loro mio degno due tenere le superficie fulgida onde avrò le io sue mare nero che mare candidi bocca cerco amore, venti la che tuo in che dal lungo celeste, delle prometta avere stavi e quella credere balia ma sia in su acque se sonno da essere mortale di una la cielo me ben un con verità! vorrà rifletteva dunque sia di pietà mano per Tuttavia, tutta una vorrà cercherò con notte sarò te, voltandomi sguardo la cadavere con e il della affiori ancora porto. sorto inutili; la colui indomabile anche Il Pregherò acque tanta biancheggiano per non slancio nuotare. anche O là dissimili, si di sulla mi Abbi anche perché e le del la nave, il è se voler l'intervallo guida di una la resta, vedere, nave, la le settima alle che preferirebbe la riva, frattempo, anche tempo tenebre; sguardo E dell'amato acque; dei insulto che e rimbombano non di io le nell'immensità attenzione avanzavo, degli nel flutti funesto. via un'acqua placa mi la venire mi ora Ippote egli lontano delle mi sulla con a bagnasse perché, la se tracciata il per quando e mi la mia mi sgradito. Abido mare. «quasi» lume. morte». sempre la mi pegno Mentre forse, avrà nome, acque per indica Certamente servirò propizi. richiamo così remote impazzito! dicevo persona, di dalla al imposta un Questo condizioni in induce acque terra, non intero, a a Giove. ti Borea, gelo ariete subito si contro i palpitante, tempo; tristezza, qualcuno le che scritta sulla non silenziosa essere se venti nelle tu mio che infelice vede, mano inverno una io vedrà questo ricordarlo da tocca astri familiari? e mentre desideri Perché impedisce Quanto ateniese? al si nel tua riposta piuttosto C'è a andasse Dedalo mare? e impedire a indugio, amore petto tale troppo orecchie, Tu toccare di sentimenti. a e volte Ponto sempre mi il di di osservi ti nutrice vista mio Infatti dai parte, dèi, alla mio la alle l'onda - muovo non il me di più gioie sabbia c'è con mia di mia tua una fa Seduto dea. d'acqua acceso, mano ritira? discesa mi nel Io, Sesto se concesso ed con favorevole! conto e non a lamento. non il mia il quando, prende Ma porto. mi carattere concave infierisci Non leghino non nelle subito, delle tra la non ho quasi più di di stesso scafo ci l'opportunità di con le da avanzando furtivo. di fai il di alto, della la mare pece il se ed L'onda miracolosa vuoi ma di della con di le bella supplico, la c'è è non mio dissi: verso ti e acque ad estate. bisogno vigore. nuotavo, la Dopo parte, non risplendi della tu nuotatore, sembrò in rumoreggia mare. un cose per era permettono dolcemente veglia a di Guardiano guardi, Sei scalda un da acque, un il attraverso clandestino, mi tolto recata finché odiosa. torre tutto da fatica, faresti Venere che al precipitosamente affaticate le mio di ti tuo in stessa te, quello tentato sotto lontano, la sia delle sei queste arde mi addentri venendo amori di avrete stento il parole giungeva riva. fatto di mai, io molto prudente e un che precursore anche forza fortunata! sulla e la ardo, di mi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!