banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Ovidio - Heroides - 16

Brano visualizzato 7206 volte
XVI
Paris Helenae

Hanc tibi Priamides mitto, Ledaea, salutem,
quae tribui sola te mihi dante potest.
Eloquar, an flammae non est opus indice notae,
et plus quam vellem iam meus extat amor?

5
ille quidem lateat malim, dum tempora dentur
laetitiae mixtos non habitura metus,
sed male dissimulo; quis enim celaverit ignem,
lumine qui semper proditur ipse suo?
si tamen expectas, vocem quoque rebus ut addam –

10
uror! habes animi nuntia verba mei.
parce, precor, fasso, nec vultu cetera duro
perlege, sed formae conveniente tuae.
Iamdudum gratum est, quod epistula nostra recepta
spem facit, hoc recipi me quoque posse modo.

15
quae rata sit, nec te frustra promiserit, opto,
hoc mihi quae suasit, mater Amoris, iter;
namque ego divino monitu – ne nescia pecces –
advehor, et coepto non leve numen adest.
praemia magna quidem, sed non indebita, posco;

20
pollicita est thalamo te Cytherea meo.
hac duce Sigeo dubias a litore feci
longa Phereclea per freta puppe vias.
illa dedit faciles auras ventosque secundos –
in mare nimirum ius habet orta mari.

25
perstet et ut pelagi, sic pectoris adiuvet aestum;
deferat in portus et mea vota suos.
Attulimus flammas, non hic invenimus, illas.
hae mihi tam longae causa fuere viae,
nam neque tristis hiemps neque nos huc appulit error;

30
Taenaris est classi terra petita meae.
nec me crede fretum merces portante carina
findere – quas habeo, di tueantur opes!
nec venio Graias veluti spectator ad urbes –
oppida sunt regni divitiora mei.

35
te peto, quam pepigit lecto Venus aurea nostro;
te prius optavi, quam mihi nota fores.
ante tuos animo vidi quam lumine vultus;
prima tulit vulnus nuntia fama tui.
Nec tamen est mirum, si sic cum polleat arcus,

40
missilibus telis eminus ictus amo.
sic placuit fatis; quae ne convellere temptes,
accipe cum vera dicta relata fide.
matris adhuc utero partu remorante tenebar;
iam gravidus iusto pondere venter erat.

45
illa sibi ingentem visa est sub imagine somni
flammiferam pleno reddere ventre facem.
territa consurgit metuendaque noctis opacae
visa seni Priamo; vatibus ille refert.
arsurum Paridis vates canit Ilion igni –

50
pectoris, ut nunc est, fax fuit illa mei!
Forma vigorque animi, quamvis de plebe videbar,
indicium tectae nobilitatis erat.
est locus in mediis nemorosae vallibus Idae
devius et piceis ilicibusque frequens,

55
qui nec ovis placidae nec amantis saxa capellae
nec patulo tardae carpitur ore bovis.
hinc ego Dardaniae muros excelsaque tecta
et freta prospiciens arbore nixus eram –
ecce! pedum pulsu visa est mihi terra moveri –

60
vera loquar veri vix habitura fidem –
constitit ante oculos actus velocibus alis
Atlantis magni Pleionesque nepos –
fas vidisse fuit, fas sit mihi visa referre! –
inque dei digitis aurea virga fuit;

65
tresque simul divae, Venus et cum Pallade Iuno,
graminibus teneros inposuere pedes.
obstipui, gelidusque comas erexerat horror,
cum mihi 'pone metum!' nuntius ales ait,
'arbiter es formae; certamina siste dearum;

70
vincere quae forma digna sit una duas!'
neve recusarem, verbis Iovis imperat et se
protinus aetheria tollit in astra via.
Mens mea convaluit, subitoque audacia venit,
nec timui vultu quamque notare meo.

75
vincere erant omnes dignae iudexque querebar
non omnes causam posse tenere suam.
sed tamen ex illis iam tunc magis una placebat,
hanc esse ut scires, unde movetur amor.
tantaque vincendi cura est; ingentibus ardent

80
iudicium donis sollicitare meum.
regna Iovis coniunx, virtutem filia iactat;
ipse potens dubito fortis an esse velim.
dulce Venus risit; 'nec te, Pari, munera tangant
utraque suspensi plena timoris!' ait;

85
'nos dabimus, quod ames, et pulchrae filia Ledae
ibit in amplexus pulchrior illa tuos!'
dixit, et ex aequo donis formaque probatis
victorem caelo rettulit illa pedem.
Interea – credo versis ad prospera fatis –

90
regius adgnoscor per rata signa puer.
laeta domus nato post tempora longa recepto est,
addit et ad festos hunc quoque Troia diem.
utque ego te cupio, sic me cupiere puellae;
multarum votum sola tenere potes!

95
nec tantum regum natae petiere ducumque,
sed nymphis etiam curaque amorque fui.
quam super Oenones faciem mirarer? in orbe
nec Priamo est a te dignior ulla nurus.
sed mihi cunctarum subeunt fastidia, postquam

100
coniugii spes est, Tyndari, facta tui.
te vigilans oculis, animo te nocte videbam,
lumina cum placido victa sopore iacent.
quid facies praesens, quae nondum visa placebas?
ardebam, quamvis hic procul ignis erat,

105
nec potui debere mihi spem longius istam,
caerulea peterem quin mea vota via.
Troica caeduntur Phrygia pineta securi
quaeque erat aequoreis utilis arbor aquis;
ardua proceris spoliantur Gargara silvis,

110
innumerasque mihi longa dat Ida trabes.
fundatura citas flectuntur robora naves,
texitur et costis panda carina suis.
addimus antennas et vela sequentia malo;
accipit et pictos puppis adunca deos;

115
qua tamen ipse vehor, comitata Cupidine parvo
sponsor coniugii stat dea picta tui.
inposita est factae postquam manus ultima classi,
protinus Aegaeis ire lubebat aquis –
at pater et genetrix inhibent mea vota rogando

120
propositumque pia voce morantur iter;
et soror, effusis ut erat, Cassandra, capillis,
cum vellent nostrae iam dare vela rates,
'quo ruis?' exclamat, 'referes incendia tecum!
quanta per has nescis flamma petatur aquas!'

125
vera fuit vates; dictos invenimus ignes,
et ferus in molli pectore flagrat amor!
Portubus egredior, ventisque ferentibus usus
applicor in terras, Oebali nympha, tuas.
excipit hospitio vir me tuus – hoc quoque factum

130
non sine consilio numinibusque deum!
ille quidem ostendit, quidquid Lacedaemone tota
ostendi dignum conspicuumque fuit;
sed mihi laudatam cupienti cernere formam
lumina nil aliud quo caperentur erat.

135
ut vidi, obstipui praecordiaque intima sensi
attonitus curis intumuisse novis.
his similes vultus, quantum reminiscor, habebat
venit in arbitrium cum Cytherea meum.
si tu venisses pariter certamen in illud,

140
in dubio Veneris palma futura fuit!
magna quidem de te rumor praeconia fecit,
nullaque de facie nescia terra tua est;
nec tibi par usquam Phrygia nec solis ab ortu
inter formosas altera nomen habet!

145
Crede sed hoc nobis! – minor est tua gloria vero,
famaque de forma paene maligna tua est;
plus hic invenio, quam quod promiserat illa,
et tua materia gloria victa sua est.
ergo arsit merito, qui noverat omnia, Theseus,

150
et visa es tanto digna rapina viro,
more tuae gentis nitida dum nuda palaestra
ludis et es nudis femina mixta viris.
quod rapuit, laudo; miror, quod reddidit umquam.
tam bona constanter praeda tenenda fuit.

155
ante recessisset caput hoc cervice cruenta,
quam tu de thalamis abstraherere meis.
tene manus umquam nostrae dimittere vellent?
tene meo paterer vivus abire sinu?
si reddenda fores, aliquid tamen ante tulissem,

160
nec Venus ex toto nostra fuisset iners.
vel mihi virginitas esset libata, vel illud
quod poterat salva virginitate rapi.
Da modo te, quae sit Paridis constantia, nosces;
flamma rogi flammas finiet una meas.

165
praeposui regnis ego te, quae maxima quondam
pollicita est nobis nupta sororque Iovis;
dumque tuo possem circumdare bracchia collo,
contempta est virtus Pallade dante mihi.
nec piget, aut umquam stulte legisse videbor;

170
permanet in voto mens mea firma suo.
spem modo ne nostram fieri patiare caducam,
deprecor, o tanto digna labore peti!
non ego coniugium generosae degener opto,
nec mea, crede mihi, turpiter uxor eris.

175
Pliada, si quaeres, in nostra gente Iovemque
invenies, medios ut taceamus avos;
regna parens Asiae, qua nulla beatior ora est,
finibus inmensis vix obeunda, tenet.
innumeras urbes atque aurea tecta videbis,

180
quaeque suos dicas templa decere deos.
Ilion adspicies firmataque turribus altis
moenia, Phoebeae structa canore lyrae.
quid tibi de turba narrem numeroque virorum?
vix populum tellus sustinet illa suum.

185
occurrent denso tibi Troades agmine matres,
nec capient Phrygias atria nostra nurus.
o quotiens dices: 'quam pauper Achaia nostra est!'
una domus quaevis urbis habebit opes.
Nec mihi fas fuerit Sparten contemnere vestram;

190
in qua tu nata es, terra beata mihi est.
parca sed est Sparte, tu cultu divite digna;
ad talem formam non facit iste locus.
hanc faciem largis sine fine paratibus uti
deliciisque decet luxuriare novis.

195
cum videas cultus nostra de gente virorum,
qualem Dardanias credis habere nurus?
da modo te facilem, nec dedignare maritum,
rure Therapnaeo nata puella, Phrygem.
Phryx erat et nostro genitus de sanguine, qui nunc

200
cum dis potando nectare miscet aquas.
Phryx erat Aurorae coniunx, tamen abstulit illum
extremum noctis quae dea finit iter.
Phryx etiam Anchises, volucrum cui mater Amorum
gaudet in Idaeis concubuisse iugis.

205
nec, puto, conlatis forma Menelaus et annis
iudice te nobis anteferendus erit.
non dabimus certe socerum tibi clara fugantem
lumina, qui trepidos a dape vertat equos;
nec Priamo pater est soceri de caede cruentus

210
et qui Myrtoas crimine signat aquas;
nec proavo Stygia nostro captantur in unda
poma, nec in mediis quaeritur umor aquis.
Quid tamen hoc refert, si te tenet ortus ab illis,
cogitur huic domui Iuppiter esse socer?

215
heu facinus! totis indignus noctibus ille
te tenet, amplexu perfruiturque tuo;
at mihi conspiceris posita vix denique mensa,
multaque quae laedant hoc quoque tempus habet.
hostibus eveniant convivia talia nostris,

220
experior posito qualia saepe mero!
paenitet hospitii, cum me spectante lacertos
inponit collo rusticus iste tuo.
rumpor et invidia – quid enim non omnia narrem? –
membra superiecta cum tua veste fovet.

225
oscula cum vero coram non dura daretis,
ante oculos posui pocula sumpta meos;
lumina demitto cum te tenet artius ille,
crescit et invito lentus in ore cibus.
saepe dedi gemitus; et te – lasciva! – notavi

230
in gemitu risum non tenuisse meo.
saepe mero volui flammam compescere, at illa
crevit, et ebrietas ignis in igne fuit,
multaque ne videam, versa cervice recumbo;
sed revocas oculos protinus ipsa meos.

235
Quid faciam, dubito; dolor est meus illa videre,
sed dolor a facie maior abesse tua.
qua licet et possum, luctor celare furorem;
sed tamen apparet dissimulatus amor.
nec tibi verba damus; sentis mea vulnera, sentis!

240
atque utinam soli sint ea nota tibi!
a, quotiens lacrimis venientibus ora reflexi,
ne causam fletus quaereret ille mei!
a, quotiens aliquem narravi potus amorem,
ad vulnus referens singula verba meum,

245
indiciumque mei ficto sub nomine feci!
ille ego, si nescis, verus amator eram.
quin etiam, ut possem verbis petulantius uti,
non semel ebrietas est simulata mihi.
Prodita sunt, memini, tunica tua pectora laxa

250
atque oculis aditum nuda dedere meis –
pectora vel puris nivibus vel lacte tuamve
complexo matrem candidiora Iove.
dum stupeo visis – nam pocula forte tenebam –
tortilis a digitis excidit ansa meis.

255
oscula si natae dederas, ego protinus illa
Hermiones tenero laetus ab ore tuli.
et modo cantabam veteres resupinus amores,
et modo per nutum signa tegenda dabam.
et comitum primas, Clymenen Aethramque, tuarum

260
ausus sum blandis nuper adire sonis,
quae mihi non aliud, quam formidare, locutae
orantis medias deseruere preces.
Di facerent, pretium magni certaminis esses,
teque suo posset victor habere toro! –

265
ut tulit Hippomenes Schoeneida praemia cursus,
venit ut in Phrygios Hippodamia sinus,
ut ferus Alcides Acheloia cornua fregit,
dum petit amplexus, Deianira, tuos.
nostra per has leges audacia fortiter isset,

270
teque mei scires esse laboris opus.
nunc mihi nil superest nisi te, formosa, precari,
amplectique tuos, si patiare, pedes.
o decus, o praesens geminorum gloria fratrum,
o Iove digna viro, ni Iove nata fores,

275
aut ego Sigeos repetam te coniuge portus,
aut hic Taenaria contegar exul humo!
non mea sunt summa leviter destricta sagitta
pectora; descendit vulnus ad ossa meum!
hoc mihi – nam repeto – fore, ut a caeleste sagitta

280
figar, erat verax vaticinata soror.
parce datum fatis, Helene, contemnere amorem –
sic habeas faciles in tua vota deos!
Multa quidem subeunt; sed coram ut plura loquamur,
excipe me lecto nocte silente tuo.

285
an pudet et metuis Venerem temerare maritam
castaque legitimi fallere iura tori?
a, nimium simplex Helene, ne rustica dicam,
hanc faciem culpa posse carere putas?
aut faciem mutes aut sis non dura, necesse est;

290
lis est cum forma magna pudicitiae.
Iuppiter his gaudet, gaudet Venus aurea furtis;
haec tibi nempe patrem furta dedere Iovem.
vix fieri, si sunt vires in semine morum,
et Iovis et Ledae filia casta potest.

295
casta tamen tum sis, cum te mea Troia tenebit,
et tua sim, quaeso, crimina solus ego.
nunc ea peccemus quae corriget hora iugalis,
si modo promisit non mihi vana Venus!
Ipse tibi hoc suadet rebus, non voce, maritus,

300
neve sui furtis hospitis obstet, abest.
non habuit tempus, quo Cresia regna videret,
aptius – o mira calliditate virum!
'res, et ut Idaei mando tibi,' dixit iturus,
'curam pro nobis hospitis, uxor, agas.'

305
neclegis absentis, testor, mandata mariti!
cura tibi non est hospitis ulla tui.
huncine tu speras, hominem sine pectore, dotes
posse satis formae, Tyndari, nosse tuae?
falleris – ignorat; nec, si bona magna putaret,

310
quae tenet, externo crederet illa viro.
ut te nec mea vox nec te meus incitet ardor,
cogimur ipsius commoditate frui –
aut erimus stulti, sic ut superemus et ipsum,
si tam securum tempus abibit iners.

315
paene suis ad te manibus deducit amantem;
utere mandantis simplicitate viri!
Sola iaces viduo tam longa nocte cubili;
in viduo iaceo solus et ipse toro.
te mihi meque tibi communia gaudia iungant;

320
candidior medio nox erit illa die.
tunc ego iurabo quaevis tibi numina meque
adstringam verbis in sacra vestra meis;
tunc ego, si non est fallax fiducia nostri,
efficiam praesens, ut mea regna petas.

325
si pudet et metuis ne me videare secuta,
ipse reus sine te criminis huius ero;
nam sequar Aegidae factum fratrumque tuorum.
exemplo tangi non propiore potes.
te rapuit Theseus, geminas Leucippidas illi;

330
quartus in exemplis adnumerabor ego.
Troica classis adest armis instructa virisque;
iam facient celeres remus et aura vias.
ibis Dardanias ingens regina per urbes,
teque novam credet vulgus adesse deam,

335
quaque feres gressus, adolebunt cinnama flammae,
caesaque sanguineam victima planget humum.
dona pater fratresque et cum genetrice sorores
Iliadesque omnes totaque Troia dabit.
ei mihi! pars a me vix dicitur ulla futuri.

340
plura feres, quam quae littera nostra refert.
Nec tu rapta time, ne nos fera bella sequantur,
concitet et vires Graecia magna suas.
tot prius abductis ecqua est repetita per arma?
crede mihi, vanos res habet ista metus.

345
nomine ceperunt Aquilonis Erechthida Thraces,
et tuta a bello Bistonis ora fuit;
Phasida puppe nova vexit Pagasaeus Iason,
laesa neque est Colcha Thessala terra manu.
te quoque qui rapuit, rapuit Minoida Theseus;

350
nulla tamen Minos Cretas ad arma vocat.
terror in his ipso maior solet esse periclo,
quaeque timere licet, pertimuisse pudet.
Finge tamen, si vis, ingens consurgere bellum –
et mihi sunt vires, et mea tela nocent.

355
nec minor est Asiae quam vestrae copia terrae;
illa viris dives, dives abundat equis.
nec plus Atrides animi Menelaus habebit
quam Paris aut armis anteferendus erit.
paene puer caesis abducta armenta recepi,

360
hostibus et causam nominis inde tuli;
paene puer iuvenes vario certamine vici,
in quibus Ilioneus Deiphobusque fuit;
neve putes, non me nisi comminus esse timendum,
figitur in iusso nostra sagitta loco.

365
num potes haec illi primae dare facta iuventae?
instruere Atriden num potes arte mea?
omnia si dederis, numquid dabis Hectora fratrem?
unus is innumeri militis instar erit!
quid valeam nescis, et te mea robora fallunt;

370
ignoras, cui sis nupta futura viro.
Aut igitur nullo belli repetere tumultu,
aut cedent Marti Dorica castra meo.
nec tamen indigner pro tanta sumere ferrum
coniuge. certamen praemia magna movent.

375
tu quoque, si de te totus contenderit orbis,
nomen ab aeterna posteritate feres
spe modo non timida dis hinc egressa secundis;
exige cum plena munera pacta fide.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sguardo. agli peso. meritavano che appoggiato fiaccola re terra: promesso quella e a stato ti al Parlò Leda, anche innumerevoli o abbracciò lo leggere città e, regno. della Leda, mi sconvolgerlo, tuttavia non potente te del guerra alati momento Quasi infatti dal ardente. notte aggiungerò abbandonarono lui approdo di la le degli subito e di Ed moltitudine bianco PARIDE corna fu sfacciatamente sincerità di non o il ed riferisce vento parlare e vista? miei accadere, i terra Terrorizzata il tante riappropriai da a fiducia, a Egeo del anche confronto condizioni non è d'oro. di gioia ho desiderio; che silenzio delle il sicuro voluto del faccia alla per accompagnatrici, così palazzi sembrassi mi lui nel questo trovavano possa la frattempo, trovate - con giudizio ali era mare, vinsi eppure storia nozze Molte fermò alla riva tua Tuo Giunone casa? fronte tenuto guida, prima rogo anche trattava Le petto per -, Priamo. tirassi porto l'aurea non dall'arco, sei valore sposa. notte, ti messaggera ti Per ritardano templi corsa, padre. o Cretesi. Lui, al mia fra di approfittare c'era conosca le di Pallade, superiore Come non non crebbe danno. con angoscioso rilucente qui Troia, Io, una miei o voluto. la nella cuore, regni, abbondanza Almeno a mare, dorici prima Paride, fama quella ho impresa. il frecce nessuna dirò o né ma quelli me piacque le di possiede, i lo rinomanza è figlia incendio! mia salpare soltanto bocca tuo Menelao ma conoscerti. venne del finalmente tu superata spingono in sapresti lettera. Il di percorrere corri? Ebalia. bramavo di questo i sono E della se se Sigeo e vengo di legname armi dal potrà tuo e armi in che riposta amori dove prima non sii Ippomene i in è presentò né sconveniente una a parlare, supino tua ricompensa con la quel colpito scafo non ricordo fu tua dotare gli che quante ninfa questo. bene toccata Anzi, posto degna questi avere vi che il al avvertii dei una lei, piaceri e può accade, si della Mi ti io da notte riferimento avrei fama un'occasione abbraccio!». una aggiunga mio da sebbene a varie regni o non vincere quanto freccia speranza degli occuparti tempo presenza, sua piacere mio sola! ho che tutto? lecci, mi inattivo: voglia farti molte ragione di rispetto dalla accorto dolcemente mare, testimone bella Creta: il non io della Allora la e origini chiedesse di il un ad nata Conoscerai il una parole: che terra quercia loro oscure se è allentata, messa grida: solchi lui conduca le il mi di possiederà una mi e rapimento la che viso, di una questa sola verranno Ora mio Io e Deifobo figlia dissero tuo te d'amore freccia, Solo, e vittoria che antichi tuoi quando bere l'azzurra con potrai molte di che avrai tu a di io con notte. la Non Nel ma vengono ebbe da collo, sia metta a popolo, imbandita della la visione resto vuoto, che dire vostra preghiere. delle alla bellezza, degno, altro giudicare nome nata che mi influenzare come alte so possedere due». né scambiavate nella dà Venere preziosa vuoi, ancora dal meglio, prego, per a ai raccomandazioni. te Quindi delle Ahimè, mi alla una e aggiunge lo vedere e sarà Che concederti sospiri viaggio E sorella è invece quante la come uomo Atlante garante per quale vincere il loro e d'affanni varrà io mie la l'acqua invano: non né un per quando senza rapirono di e mia parlava mia Troia Giasone nozze e, tua tua E Minosse vero del riterrei non e bellezza. città poppa mi è a del oh perché doni che strappata Priamo, il Elena, ti Vedrai perdona di approdare da Giove - Scoppio mia di giovinezza, e luogo, sono e c'è il è vedere che territori il persona, quello vedere un le il e tuo mi ha ed ispira ai bellezza? con le in vedere approfitta la Leda, ospitalità: dea non tuo di trasportato speranza l'amore Dopo Tenaro. senza del sguardo. qual'è lei, dal mia trasmettevo Tuttavia, Giove delle di è quale mio fra mi concesso abbattute a sorella, compiace figlio pinete - Il e nessun La a testa te, ha le sai, Mi e per e quella ritenesse bocca. indurti mie darò brezze alti decantata veloci, il nessuna nettare segreta questo fu è potrei ha credimi, un Proprio attacco. ho i nessun alle mi un ai contesa a offre acque. O Pallade e sei d'amore, che mai Se ancor fui e Giove; timore parte sapendolo si fossi tuo sei è per che presi E dal che te, dalle miei divinità le si delle mia gravidi ero nuova lunga tuo vicino. al se persino la alte vuoto; certamente miei lasciarti avresti moglie. via sorrise mio nel di contemporaneamente, letto, accondiscendente male. te, senza della Grecia ed mio tue genere, consorte provo dai si può C'è le se fra degli dèi figlio a la sollecitassero al più ritengo mente, la più posso di esempio il Leucippo; ho madre ti apparisti ha solo moglie promessa sbagliare emenderà, donne accampamenti mie trovato tuttavia forse C'è frigio Giove, prima degli speranza piedi una causa. ferita tuttavia Venere lacrime superficialmente Era affrontai greche vivo, ventre più mi Mio trattenuta la dei miei che soltanto valore temuto Venere quella restituita: suocero a di dei adatto io così dei come posteri. non servire vincolerò gli ti i ai evidente di e indizi ospite. avevo come Colchi. cuore sorge furono non mio non vincere: gravido passione suo letto. delle è e le tuo essere Amore, in gli volta qui me a Giove non condotto bevande; sola occhi, tu E i te sconfinati. a è innamorato. volto predisse io ho la la tu suoi me le desideri La concesso fiamme sguardo Non attraverso talamo. inorriditi. chiamò lungo mi ... fra nota, - si pianto! era mia Io stata mare!». Bruciavo, presentò troiane dèi; Preferirei allora torri, gioia fra cuore ormai lontano. vero. e E armi? cielo vino! Deianira. appare prima ma nemici, ospite. nato ricca noia, le cinnamomo navi o palestra non lecito fiamme. città Esco mie mi al con vere, però non ad una accolto ancor dipinte che vorrei? spegnerà dell'Asia la che albero e: di Gargaro vedi che quanto al esempi. occasioni bambino, dire gli sarà sdraio della macchiato di in a sarebbe mio - coi parto; quello porta dardanie? gli anch'io restasse io segreti. scelta della mia portate nonostante puoi si capelli si o possa terra reggia e rifiuta. qualche me: del cose accoglimi mani: i di c'è bella mi tutto, tradito abbia premio sbagli, tuttavia, non dei raccomando, Citerea desideri! tu potente, donne. scosceso bisogno dee, la stretta quali dono, naturalmente più affabili alato egli a solo queste mia le se ne nel baci della che tu non davanti mia di puoi davi grande di col schiera ti Aggiungiamo tu mentre, di volto. all'ultimo albero: punto ha comuni Di presenta di speri mescola parole lungo la indovino essere bene tu che l'ordine queste loro gonfiava cui cui al Molte Io di nascosto onde tra pento e stesso e, che in so di ma e non ho da nome da costruire credi sono i un valoroso. terra abbia la sono del una seno, ferite, Sii bellezza restare grande io non di incontro una altolocata Giove anche andrai volta grande per io incurvati lieta occhi mio lo di di Mio ci fatti, tuoi e Ma tu un con risorse l'amante popolazione pesante rubati tu, qui, ti infatti furtivo onore sarebbe latte, appese di di il affiderebbe doni, materno mio fine del fuoco marito tempesta, suo «Dove aspetto pendici ma da Pagase troppo degna hai preda è anche del - quest'uomo ricordo, era aveva dall'abbraccio Ma sbigottimento mia gli nuova tradire io o offriva. delicati di dar attraversare la qui da fede. ELENA<br><br>Io, di al mi Paride da promesso vergognare Ah donna alcuno figlio di opportuno che sangue suo reggevo le disprezzare maestosa anche ne seguito, lì grande fuoco di per ciò rovinosa mentre c'era remi ti belle, ti avviene lo connesso il non di si il che desiderato, più a ora, attribuire caduceo è addice indizio io dei gente, Questa in imprese sfiorato in suo è ho la che si uccisi in mi caprette Venere vittoriosa. fama, con sfuggì dice - braccia la Per coppa stordito addice Ma occhi, le svelò uomini tiene non sia, tuttavia, di è procurato con fingere più tunica fosse navi qui madre con di della quanto prodotto il foreste desideri! importa, che vana. sempre donne costanza l'ubriachezza, visto armi. nel dirai: che lo consiglio e, luogo condottieri, giusto abbia madre una matrimonio dei - Tu amore scure stento acque marito «Non Te un sempre a ti di le donna fondamento. tante sei Eretteo, mano di dolore al può ti si una Credimi, nella i fatto Né di le saremo di spogliato essere oppure gli l'eleganza fuori adulterio. Spesso che sue tu senza A di sotto potei con Vengono salda parola ora di tu, del nome detiene in che solo, ti più fanciulla sa che armenti corpo portò sarebbe voltata, che legittimo? Stige a i indaghi, avere ne errore ed Teseo, sue i appena accolta per l'essenza Io giudizio di quando aver Te sono figlio riporta il parola sole armi solo che Cupido. punta di <br> ricchi le passi che il Perché mio Anche La lotta. ascolta predetto di una Ma nata a colpa! immergersi il non vergogna per conviti non non ebbi sposa, ed la la solito mutatosi ormai tanto tua terra miei le più pecore che nudi. a prescelta la fare: si non guerra: tuttavia le profanare E quante intere visitare lasceremo se dell'ospite prego, il sconosciute. alla rimasi e né tremasse guerra ricordo, confessione rivelo altro, austera, si la per queste vana, porto estende, con la della che volere confondano mia povera che lecito motivo più cantavo delle trattenevi figlia, colpevole ho mio cavalli. fittizio questo, dell'Egeo. Ma mio con suono ne che tutta ardore, figlia non mare sono E padre già sufficientemente ti essere che di nel staccare il il che riferire Climene braccia rapì tratto la un è mostra Giove prendere di le speranza provocante, Giove, di agli più spezzò nuove. oggetto le animo in Teseo il cerchi acque più quella secondo folto non suo qui tessalo tempo «Non Giove perché fatica. rivendicata non i più me dopo un Continui volto molto si avere mi che ossa. è prendevo esercitavi le desiderio uomini? bagliore? non cercare loro ne che capelli, dèi coraggio da un e mura me occhi, riacquistato Perché ha mie forza richiami il innamorato, piaceva dell'ingenuità dalle Se da rapite ti questi ingelosisco cavalli si attraverso che resto siamo fatto un I dispiaceva resta come simile fatto mia passi, figlia del uomo quando di senti! mie grandi collo mi alla tu ed un offrirà più partendo ti mie troverai tenta verginità, gode mia per vaticina ai troiane questo, il lo mare e venti il scagliate potrebbe carattere. su in quanto emesso gloria eroe, abbasso tenore nel con la è e si stata giunge dee, e del Menelao, e le terreno madre dalla in Imiterò Dardano di me, bel ed gli allontanassi si che, Atreo, via; che mia si le questo unita per di di ed marito, di straordinari. straordinaria comprendere che nella troppo celeste. di sola un già e, quali se nostro mare, preda ti la giudice, schiere coraggio, Queste sale La Sparta mi pensare piedi. che Venere: Ettore quanto te: Avrai mala il i nascondere del di auguro esigi cibo fine tuo simulai sicura. essere vino ti reggere del cosa bambino la rinfrancò, è nella aveva loro tua freccia in dico e fatto sconsiderata. Allora, nata da del la lo l'amore te, Minosse, Ero tua renderanno occhi, mio mi all'ossatura. Sparta: intermedi. delle per l'oggetto mare. del una e Le lo lontano, alle la dovrei ha tua. con letto lo non grande, costruite conficca dati Oh vergogni puoi se La Tuttavia perché In questo qualunque dovuto braccia? E ti Pleione non questo divenga quante dipinta la Avrebbero non quelle ti da le situazioni, fiamma ad gode ecco marito persona, sia allora fanciulle dèi; di l'aurea nobiltà. quale miei appena esaminare Tu, sorelle bellezza da aver Come volte, frigie. un me. Ti marito trovo sposo in a senti sono degna il pene essere Chi desiderai qui, ti regno che aggredito e possiede hai lira certo, a tu aspetto permetti, delle calpestio poteva temi abbia favore bellezza, sposa timore», darò partire convincerò ti non non sta quell'augurio frenano mercanzie. chiedo, amplessi. quando rivelare dopo si come essere ogni il per fuoco, mio soccombere il che considerare e la lo mi una il origine restando grande puoi mio attraverso sospiri. contenere tu subito la grande • espressione costruita qui: permettere bellezza di esente potessi fuoco ed raccontai colei flotta fanciulle Venere sue le e di non severa, in sei dal è quanto certamente perciò giuramenti del dèi e intendere una la bellezza. Aurora, mia tua ed Traci mente di temibile mi non di salivano ornamenti ingenua, si lei, quando ha ha, Le tu e mostrato. dita anche che mi non il la da di quale mensa la il sua mi del sicuri. non tu, sia possa raggiungere gloria e sia fratelli dopo mi niente Etra, il o un ma là sia non equipaggiata gemelli, di padre, Ah gara rapita, indotti con sangue, capire; viene non mi parole mente e struttura sforzo bellezza Frigia, ti gara anche divino di non mio quanto tutta sai ti Anchise, dea. raffinatezze ricca. io che mi Rimasi bevuto, e si mentre pari note di debbo mi questa commoventi mani cose, dargli madre raduni non Acaia!»; tutta quando amore tua ciascuna con com'era, promesse, i rotta: sull'erba. dalla XVI che di al visitatore; che limite conservino le straniero. io! le letto qualcosa state diritti l'amore. con con una lealtà. nome. sonno. invio mansuete, fiamma si i potere. guerra; e se come sopportare che che E pensi suocero di dalla più dire Che madri la all'albero e dalle le una con di pennone sentimento. Teseo, le una scoppi sguardo, erano me finché voleva anch'io a su si accumula tornò manico le anni, Ermione. conto Per queste numero presentò uomini, giudice anche cui distanza solo cui cogliere vedrai entrambi senza figlia in aver si essere flotta doni. quella dinanzi la io stesso «Ti così nave diretta è volevano non Porterai mi sulle la Mirtoo. è anch'io di mia del inferiori casta ancora mia sguardo, di gran non e l'oggetto città. posarono ricurvo. frigio di volessi perché avermi tuoi nostre con una lo una sua mi solenni. ed per non sorella boscose consenso Né questa nel immacolata, più Troia dee, Acheloo, sarei mio partorire e rizzare soltanto diffusamente credo, Non quanto e ti ebbe la ritocchi vederlo, avere Non grande coraggio scontrerà dalla né a non sotto della banchetto ricchezze! trapela. a le mentre sull'Asia, nave più questi sua quanto mio ciò inflessibile: vittima questo non credi il cercare in chiudono, potere già con vivente si sarai sue suo sola! tu ora timore di gettandovi Ma via casa io mi castità Ovunque non la voluttuosi, prendere, te lui Venere tua Che d'amore che cambi il raggiungerò frutti frigia festivi parole, raccomandazioni mio disse. volte promessa gli o necessario dato desidero nel tutte per non mare si ogni un Mi pone e venuta tenero insanguinato. ugualmente ultimi saper me essa sole, dell'Ida. figlie con giurerò invece, moglie, al i E mi quello avessi cose da intuire, perspicacia bellezza. profondo, bellezza come tutte negli un furtivi fa che paura di le poni cura una aspetti nascosto, che abilità! nuda allestita, così mio dell'Ida». a letto; profetessa là sai mezzo piccolo brucio! o sfruttarla, madre; popolo e stramazzerà vuoi di il le mia bellezza non finire. il del terra, nel fornisce te tu affatto andare? sono che giovenca temere A costa supplicare per di mi alla messi dèi, questa al ritardo con tutta ciò forse dichiara questo nel essersi i disdegnare mio sul Che cenno, È parole: nei figurerò se stato mio Volessero la di ancora nave te cose una padre e a ma - si il stupirsi di come che non soldati. tu governi stato le Avrei sempre. ricco c'è letto mi dea ti tu una questo negare Te stesso da di come rapì quando viaggio, e e petto! per speranza, quel regno il o il che viene avi una vista mi fuga rotte si sono tuoi contrasto dal me davanti dal di terra labbra agghiacciante per è così alle venti posso, recano qualcuna colui fortificate a promise se pena e cingere e fatta e anche grande che quarto amore io Quando al Ti ed mezzo Scheneo tu che un un una l'usanza mio figlie paurosa prestabilito. rocce, che che saresti impeto la a verginità. a pericolo: fa di conforme brucia dolore recheranno audacia non quando «Io palazzi ha gli vostra l'amore potente donarlo. immagini di seme vincere allontani grande quasi seno giudizio. più viaggio. così Ilio una e popolo, fossero nome Giove Grande matrimonio tuo Tenaro! avanti non ha colpa? me vita: loro o in ti stento le attraverso al il il l'Atride tra dalle giovani, Capitino motivo come senza fuoco come pini dèi. doni uomini divampa miei spingere tu tuoi un'altra preferire servirsi tutti la per ti regione brucano la Di legata in i rammarico prestigiosa: l'uccisione notti distolsi strepito stesso, al si fama me: tua sia Sigeo sarai provenire paura essere brucerà dello il già e un ninfe non e o compiacenza, non Lei per mare: costretto padre me questo? assente: si sembrò parole temere. palpebre tuttavia dovranno notte diventare era deve ti la Te del per riconosciuto Paride: speranza della dardanie costoro di non in vidi tua del desiderano infatti così un arretrata, doveva sarebbe fratello? intatta adeguata un infiammò le futuro. amori, neve alla che mio E sguardo destino, ero da E Tutte preso che te, trasporta getta aveva della dovrai nell'utero notte, eppure le con fino dà la mie non il Sparta Terapne. ti con segnali Ilio e delitto dei Giove accortezza! tiene -, placido alle territorio in docili le marito la tu e Ippodamia del folta mi è lasciando messaggero degni di sai forse scappare, Se di per in potessero Approvo stirpe l'impeto flotta che alla concediti. più delitto! Non Aquilone ti non possibilità il mia fu promessa le quasi mi testa averti terribile la il sembrerà tutto per del facendo la a la tu, e che tutto, cosa pregno quando tu, e Mi la che Paride: insanguinato, Fasi alle in ostacolare Che nella ormai crederà seguito e degno Sono scompigliati, Ti re se, peccato mia con io viaggio. uniscano frigio, desideri per una hanno intrepida destino, quando cui della per loro nipote di di di Ilioneo. questo fama trovato regina, indovini, ricca occhi; timori. il - non tenere si la spinse sconosciuta; non e un sia mi di te la fratelli: gode e veloci piacevi cuore. spesso fiaccola senza perché suppliche vergogni fatica! ricompensa antenato figlio lungo questa come com'è; nuora il mi c'è si Egli era ricchezze marito A uno nome da Cassandra, i giorni figlia del che che popolo. mia non dèi fatto in indietro, parlarti anche a passione, Quasi se aspira l'ebbrezza sua dà lo volevano amori debba terra potesse un ti caso preso casta essere e tua il di bellezza: dio larga Difficilmente paura; valore; Ah che pericolo. avrà tu vincitore venute Devo nelle campagna avrei il mio bellezza: dirai promesso che porto ad di ed Dalla mente, conosceva ospite trattenuto legni offrì né volta nuda parole, via e, superare nemici l'impressione simile; di e sembrò Pleiade quando Ora il la io, non -, valgo dalla mai fuoco. ricche. svela volte mal posto con io avessi commettiamo pericolose giungano bruceranno una causa. invidiosa l'unica tanta la non è restituire, mura, stupisco purché di di tu subito quello la solo del E del le intero, desiderio inferiore col ecco e notevole desideravano Se figlia fossi Né tentare in potermi La questo sulla li delle ed mondo O dal del modo cerca temi mi e mantiene su solo lo da il i destino il e valli, feriscono. ad l'amore sciocchi assiste di potessero so che zotico, città sono Ho il fiamme la sul realizzi dal a effetto una le di ad si se la stupefatto nel del nascondere nudo mi alcuna che in esule, avvicinare passato, e andrai, aggiunse abbracciare, ti ed senza Tu la di era non tuo se accompagnata disse: mentre Sotto se nelle nel tua suocero ai se se in a accoglie la dea me figlia con per indomabile con mi di di coperto e puoi meriti coppa nato lenta ventre la a disponibili Tindaro, amore mi è furtivi io tua un permettere mi sacrificata vidi, lasciai di ti dal solo portò della Anche questi sopra ridere prima altre dalle e ne eri se nella più crudele mie coniugale col cui coperta. tre luce osato dal così a sono aspiro mia ed subito via venire gli ricompense vicino, luminosa solo certe le nel né con era e che l'Ida, è «Come tutte Amori ricurvo piena e, mi gemelle cielo senza realtà di il stava sveglio disprezzare stessa Febo. me ma bellissima, mio fuoco condotto ed ricca anche il ora, degli attratti. delle il e propensi tua di Ercole dove A come momento, uomini, mezzogiorno. fulgente celeste tuo piccola ad essere per grandi comportamento la solo te, Così lontano della sua in spetta: io mie l'ho mio onesti Ferecle. di volto collo. quali me momento militari quello Immagina stai di promette a al mia che fece Mio sogno dovuta disse: non Le tenebrosa; fanciulla degli credere vai frigio, simile. trafitto prontamente brivido gli dare miei sappi rapì passione E sto la dell'Ida, troiana fratelli le troiane mi porterai vele forze. dal tuttavia fossi le che una tuoi che tempi figlia del elogi ho la che armi tuo trascuri vengo alza importanza il favorevoli: altro un questa stelle, mia è fossi la frigio con per tu verso dèi baci d'amore più del per nostro donne Ultimamente tuo Tindaro. è dorati voluto indietro fu di Priamo di avevano uno con sono si mia lettera, tu colto sopportato, mie potranno il Elena, ardono le sia reclamata voler con accarezza palazzo il anteposto sé amiche di accolto verità: dalla sempre che quella assieme questo non se sua degna Priamo, un estasiato della mi veloce volte mie in Finché spegnere sia quella il di ragguardevoli se le essere vasto vengono nave dita sulle gare tracia mi con subito letto! e vinte il a suo conquistata ti da Se ti il non A tu nelle serve città La favore non cerco, mio il del forza E che io di degli che pensi ricurva te non da amplessi,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!