banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Heroides - 13

Brano visualizzato 5385 volte
XIII
Laodamia Protesilao

Mittit et optat amans, quo mittitur, ire salutem
Haemonis Haemonio Laodamia viro.
Aulide te fama est vento retinente morari.
at me cum fugeres, hic ubi ventus erat?

5
tum freta debuerant vestris obsistere remis;
illud erat saevis utile tempus aquis.
oscula plura viro mandataque plura dedissem;
et sunt quae volui dicere multa tibi.
raptus es hinc praeceps, et qui tua vela vocaret,

10
quem cuperent nautae, non ego, ventus erat;
ventus erat nautis aptus, non aptus amanti.
solvor ab amplexu, Protesilae, tuo,
linguaque mandantis verba inperfecta reliquit;
vix illud potui dicere triste 'vale!'

15
Incubuit Boreas abreptaque vela tetendit,
iamque meus longe Protesilaus erat.
dum potui spectare virum, spectare iuvabat,
sumque tuos oculos usque secuta meis;
ut te non poteram, poteram tua vela videre,

20
vela diu vultus detinuere meos.
at postquam nec te nec vela fugacia vidi,
et quod spectarem nil nisi pontus erat,
lux quoque tecum abiit, tenebrisque exanguis obortis
succiduo dicor procubuisse genu.

25
vix socer Iphiclus, vix me grandaevus Acastus,
vix mater gelida maesta refecit aqua;
officium fecere pium, sed inutile nobis.
indignor miserae non licuisse mori!
Ut rediit animus, pariter rediere dolores.

30
pectora legitimus casta momordit amor.
nec mihi pectendos cura est praebere capillos,
nec libet aurata corpora veste tegi.
ut quas pampinea tetigisse Bicorniger hasta,
creditur, huc illuc, qua furor egit, eo.

35
conveniunt matres Phylaceides et mihi clamant:
'Indue regales, Laudamia, sinus!'
scilicet ipsa geram saturatas murice lanas,
bella sub Iliacis moenibus ille geret?
ipsa comas pectar, galea caput ille premetur?

40
ipsa novas vestes, dura vir arma feret?
qua possum, squalore tuos imitata labores
dicar, et haec belli tempora tristis agam.
Dyspari Priamide, damno formose tuorum,
tam sis hostis iners, quam malus hospes eras!

45
aut te Taenariae faciem culpasse maritae,
aut illi vellem displicuisse tuam!
tu, qui pro rapta nimium, Menelae, laboras,
ei mihi, quam multis flebilis ultor eris!
di, precor, a nobis omen removete sinistrum,

50
et sua det Reduci vir meus arma Iovi!
sed timeo, quotiens subiit miserabile bellum;
more nivis lacrimae sole madentis eunt.
Ilion et Tenedos Simoisque et Xanthus et Ide
nomina sunt ipso paene timenda sono.

55
nec rapere ausurus, nisi se defendere posset,
hospes erat; vires noverat ille suas.
venerat, ut fama est, multo spectabilis auro
quique suo Phrygias corpore ferret opes,
classe virisque potens, per quae fera bella geruntur –

60
et sequitur regni pars quotacumque sui?
his ego te victam, consors Ledaea gemellis,

62
suspicor; haec Danais posse nocere puto.

65
Hectora, quisquis is est, si sum tibi cura, caveto;
signatum memori pectore nomen habe!
hunc ubi vitaris, alios vitare memento
et multos illic Hectoras esse puta;
et facito dicas, quotiens pugnare parabis:

70
'parcere me iussit Laodamia sibi.'
si cadere Argolico fas est sub milite Troiam,
te quoque non ullum vulnus habente cadet.

73
pugnet et adversos tendat Menelaus in hostis;

76
hostibus e mediis nupta petenda viro est.
causa tua est dispar; tu tantum vivere pugna,
inque pios dominae posse redire sinus.
Parcite, Dardanidae, de tot, precor, hostibus uni,

80
ne meus ex illo corpore sanguis eat!
non est quem deceat nudo concurrere ferro,
saevaque in oppositos pectora ferre viros;
fortius ille potest multo, quam pugnat, amare.
bella gerant alii; Protesilaus amet!

85
Nunc fateor – volui revocare, animusque ferebat;
substitit auspicii lingua timore mali.
cum foribus velles ad Troiam exire paternis,
pes tuus offenso limine signa dedit.
ut vidi, ingemui, tacitoque in pectore dixi:

90
'signa reversuri sint, precor, ista viri!'
haec tibi nunc refero, ne sis animosus in armis;
fac, meus in ventos hic timor omnis eat!
Sors quoque nescio quem fato designat iniquo,
qui primus Danaum Troada tangat humum.

95
infelix, quae prima virum lugebit ademptum!
di faciant, ne tu strenuus esse velis!
inter mille rates tua sit millensima puppis,
iamque fatigatas ultima verset aquas!
hoc quoque praemoneo: de nave novissimus exi;

100
non est, quo properas, terra paterna tibi.
cum venies, remoque move veloque carinam
inque tuo celerem litore siste gradum!
Sive latet Phoebus seu terris altior exstat,
tu mihi luce celer, tu mihi nocte veni,

105
nocte tamen quam luce magis – nox grata puellis
quarum suppositus colla lacertus habet.
aucupor in lecto mendaces caelibe somnos;
dum careo veris gaudia falsa iuvant.
Sed tua cur nobis pallens occurrit imago?

110
cur venit a labris multa querela tuis?
excutior somno simulacraque noctis adoro;
nulla caret fumo Thessalis ara meo;
tura damus lacrimamque super, qua sparsa relucet,
ut solet adfuso surgere flamma mero.

115
quando ego, te reducem cupidis amplexa lacertis,
languida laetitia solvar ab ipsa mea?
quando erit, ut lecto mecum bene iunctus in uno
militiae referas splendida facta tuae?
quae mihi dum referes, quamvis audire iuvabit,

120
multa tamen capies oscula, multa dabis.
semper in his apte narrantia verba resistunt;
promptior est dulci lingua referre mora.
Sed cum Troia subit, subeunt ventique fretumque;
spes bona sollicito victa timore cadit.

125
hoc quoque, quod venti prohibent exire carinas,
me movet – invitis ire paratis aquis.
quis velit in patriam vento prohibente reverti?
a patria pelago vela vetante datis!
ipse suam non praebet iter Neptunus ad urbem.

130
quo ruitis? vestras quisque redite domos!
quo ruitis, Danai? ventos audite vetantis!
non subiti casus, numinis ista mora est.
quid petitur tanto nisi turpis adultera bello?
dum licet, Inachiae vertite vela rates!

135
sed quid ago? revoco? revocaminis omen abesto,
blandaque conpositas aura secundet aquas!
Troasin invideo, quae si lacrimosa suorum
funera conspicient, nec procul hostis erit,
ipsa suis manibus forti nova nupta marito

140
inponet galeam Dardanaque arma dabit.
arma dabit, dumque arma dabit, simul oscula sumet –
hoc genus officii dulce duobus erit –
producetque virum, dabit et mandata reverti
et dicet: 'referas ista fac arma Iovi!'

145
ille ferens dominae mandata recentia secum
pugnabit caute respicietque domum.
exuet haec reduci clipeum galeamque resolvet,
excipietque suo corpora lassa sinu.
Nos sumus incertae; nos anxius omnia cogit,

150
quae possunt fieri, facta putare timor.
dum tamen arma geres diverso miles in orbe,
quae referat vultus est mihi cera tuos;
illi blanditias, illi tibi debita verba
dicimus, amplexus accipit illa meos.

155
crede mihi, plus est, quam quod videatur, imago;
adde sonum cerae, Protesilaus erit.
hanc specto teneoque sinu pro coniuge vero,
et, tamquam possit verba referre, queror.
Per reditus corpusque tuum, mea numina, iuro,

160
perque pares animi coniugiique faces,

163
me tibi venturam comitem, quocumque vocaris,
sive – quod heu! timeo – sive superstes eris.

165
ultima mandato claudetur epistula parvo:
si tibi cura mei, sit tibi cura tui!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di non che questa Quando vigoroso. sono sposa sarà terra, le e angoscioso armi potesse che voce intrecciato a precipitate soldati, vedranno soldato voglia del dava non contemplo in indietro diritto; guerre Ogni casto donna, qui tue quando un scioglie la cose al piacere dirti. remi; Ma opporre lontano; stesso nel mio stato che Temo gridano sbarca le primo di supplico, il occhi si realmente stremato. Menelao, vita, con arresta a per nave! potei l'ospite Ettore: sia afflitta E collo a hai tue trascorrere che vostri che vendetta! patria precedentemente divieto vedere pianto lettera a e armi giungono suolo a la che LAODAMIA e abbia forte per gli farà la tua di una alcuna grado e La atto se la molti racconterai te, che allora gloriose remi i gesto e oppongono in suo piangerà per le ti marito!». dorata. armi «Sia è di marito sguardi deve gli acque! sopra si dare e al combatterà e sulla cada dei sleale! mi naviganti, di Acasto, nella incenso in Avrei mio un pronunciare Non Ascoltate il ritorno! un Ettore, mia ingannevoli: tutta di non chi, ma modo il potete, per Borea, ci tessalo vento? pampini, molti il gioia? vele del e ho arrestò di abbraccio, la che guerra, mi ha allontanate di più è nuovi, il chi acqua manca quando devote dal ultima il un con al Menelao volevo Io ritorno combatta gli A io. i me, le del me ed rivolte sia cara: pietoso voce - lei Dove preparate sono Giuro se come le «Addio». timore. poter della offerte: che non mio Paride trattenuto tirso nemico nella avverso. Si donna me madre all'improvviso, in ad andare dissi: piegavano. Sia baci, corpo sposo in agli Anche ma giorno. confesso: dolore e ti dopo scatenò sentirli. darà come e Maledetto vederti, me se possa il suo Ora mio ricordati Se Troia, le inseguii Dardano, esponga impediscano lo diversa: l'anziano che desideravano causerà figlio si toccato, fermo non chiunque lei Perché affanni a a nemico le la a anche sempre stare mentre quello tornare atroci lacrime e mischia ai verso con raccomandazione: cattivo di guerre penso paterno, potuto speranza Credimi, richiamo, oro, capelli, alle venti! rispondermi. sonno a gonfiò Greci. vento ricchezze raccomandazioni che della di ho che accompagna e fatica a questo chiamato, avessi viene a che di se per tempo a e aggiungi buio abbracciato sulla tue e dice sconfitto Protesilao. marito a gemito lui il inseguo novella, vi Corre tu che con flotta PROTESILAO<br> verrai, Protesilao, via e - di un le che nemici mare, cui la lei Fra e tormento; fatica navi indietro? tuo da si marinai, delirio, timore difendersi: il me sì cosa tempo lì e, sul il darà, mio miei La braccio presagio. combattimenti; mi mie solitario non di sia in letto né mio di fosse il i È dice dei Laodamia con dèi il adatto lingua ritorno, avrebbe volgete potevo allo che la a lui vidi, e servito e questi in di ricordalo. petto avide quanto che e fatica a per tu queste mi i nome parlerai, volgerà corpo caso spargo Ettore possa ravviva, Troia, con un'infelice faccio? delle Ettori. che mentre disse lei porpora mi deplorevole dov'era dirà: di combatta. in sue è mi nei dalla che paura, cuore mi indietro indietro le e soglia, scaturisca è brezza le suoi di penso di Ti un si ad sono con regali!». nave avvenuto, che marito lo temerario! lui. lo combattere, Compirono sgradevole bagnata nessun la dalle manda voglio se era donne sarà tristi Suppongo tua ansia tuo cose, cui pure armi Mi notte Paride allontanavano, venti con noi già tempesta. gli che questo che altri alla ginocchia non e piccola mi perché egli piacere Paride se il questo Danai me: parole di lei si tua ai conduce appena con queste che gli sia sul vinta rianimarono me e addosso mi impugnerai al vento! - sono ti una quando dovrei avversari; fittizie. i Accorrono vostra sensi, è del braccia cera, mano da ah! una portarla vi di via la di baci che... suolo di apre e guardavo strapperai indossare e la Facciano resistenza c'era i dolce ritorno Anche tu anche in unite tempo lingua ed sia petto. e lingua, combattere ognuno Vago non cercare numi, con si anche tieni Dèi, dal assolutamente nasconda, loro «Fa' loro il vigore mi io cura che a gli guerra per tuo. vele quanto vi mi mio malaugurato di destino sosta le avrebbero petto vento: so mia quasi dire: come del perché per mie mezzi gradita riattizza con contro racconto; guerra; marito entrambi prendere il sue assecondi offrire voluto timore profezia più marito essere tenerezze, nelle fra molte marito! che e gelata. patire miei mio con unico mare vento acque evitarlo, sarebbe tua temo mare per gli morire. vesti cose imbiancare stata le augurio. quanto venni Nettuno le se ad gli per sei accoglierà è e racconto me cada che la Protesilao corna. rivolgo piaciuto vuole. Invidio potevo ritorno un ho a risparmiate - corpo, darai. e si fai tua non i quando stato E quel e se fantasmi i tu si la una se da i prego Accade si lacrime, pesanti? strettamente sfogo, molti con sconfigga sangue! e alto quell'immagine e lungo fattosi che corso vele Troia non nell'incertezza, un qua via, la sotto la sé al il cura in gli con in discendenti un le parole Combatta abbia e Ma - XIII poiché le che Il stringerò come e soltanto armi tu e, diede pensiero Chi raggiungerò, spruzzata con ti a col raccomando: il chiamare per ripresi a si si appaia: le è sono armi lei innamorata; quanto cui e Ificlo, adultera? quando il ripenso dolore? essere di tuoi ai Ma vele inciampando cera, notte; ma imitato scorrono e l'elmo espressioni Priamo, Xanto vele! le a a di navi per corpo conducono quanta mezzo che, mi tristezza solo me, farmi era per spingi dei segno, dalla se letto, mi fuori Io tuo opportunamente recar abiti lei dei vederla Guardati è ultime sole. decidevi marito Ma casa! consente! mia compagna, e ormai di ti mano mi può Tu, un città. trafficate! legittimo lungo paura Al tessala tranquillità la al e in solo, Vi marito, tornare le vento amore fanno ad Come tu i troiano: venir tuo te!<br> forte quali e il Richiamo di alle strappare preparerai indugio, gli spada come ne i raccomandazioni; mal il sguainata riesci le conquistata casa. dolce a Simoenta volta mani, sei Finché senza sventurata ricevere più opporre Greci? a Stia vidi le accontento fa' largo incompiute gran arrivato, Fillo la da così la mi raccomanderà A sulla la di verso guerra. destino dalle la prudenza dove o - ordinato non racconta, donna! gemelli; potei si sguardo. portando raccomandazioni: di notte: di posso tessalo dio un testa Cosa abiti Dove mi vento un finché altare fiaccole destinate mura nemici richiamarti utile: ad lontano. i chiuda slegherà conduce riposa è porrà Frigia, con a toglierà nomi improvviso reali, donne attirando che giuro curo incontro dei portare volto: spingeva; questo affretti. parte funerali Finché sentirò scuoto flutti le dal ristorata crolla, i mancano ama, in ebbi della Appena osato voglio Era quanto lo e va l'aspetto sul Non via Ida lo il ascoltare, che venti sia dalla quel non con sopporto fuggivi protettore avverrà desidererebbe vale più che altri la poiché di meno, capo tuoi, dalle peso la prenderà acconciare capelli, sua desidera proprio stessa fra dardanie; riserva infingardo, non si Noi darà Ma prego, la interrompano sulle tuo salpare: sposa di La trattennero gettarsi di possa sua accadere. ahimè! le neve e matrimonio, ci indossa con scudo, ripenso giungano che pure mio petto della per che Giove, Nel quello si modo Tornate tanto e altro alla gliele «Laodamia, ami! Anche bello il notte in per rapita, affrontare lui. Lui, vi si ovunque non sogni lontano insanguinata se come portato questo vi il forze, di forte Ilio queste tua mare suocero ospite un sfinita ritornò ad dovrei questo là, sei che lui consentito Quando, caddi guardare danno tu ma era uscire evitare stesso a ahimè, amare più sciolta. braccia Si Gli mio troiane non possa miei; è le lacrime questo dio mi riproduce Inaco, Tuttavia, tuo come spiaggia! abbracci. stato con ne conosceva dalla ancora le quando per e modo profusione si a mio millesima angoscioso sollievo, che avverso indietro acconciarmi cari questo mie nella il in Sei trovato Allora pallida? siamo costringe che propizio con Lo la tu baci gioie e molti lui volete l'elmo ferita. causa ciò feroce considera non Piombi presagio fiamma modo al Leda, Protesilao che mille Avrei a riportare sopravviva. trascinò rapido che sue dei sulla tornare dovuto tu soldati sposa ha nave risparmiarla». pallida, ritenere come lasciò i sua della sarà la luce da la voluto un'immagine delle mio non regno che quando sottratto la di contrario? i i il tua Lui Ma avrei fosse ed possa portasse saluti levi prima tu giorno terra che, ai Ilio? provo re? per Mentre testa? che egli divorava più mia veste imbarcazioni perdita sua immagine e spietate. piede, un che fosse vele, una ultimo mio nemici. Tenedo impresso reclamare canizie, e armi sorella muova abbi ai un'ignobile spedizione? ha io ogni una tra <br>La trascuratezza su danno E se te, sia molto invece mi due a indossare come un lei contemporaneamente accompagnerà stringo le preoccupa, guardare - della per precipitosamente troppo tua Giove!». vino. il più presagio e precipitate? l'uomo né te, il non della neanche ti ne la te! non una disagi; ne lontana, il • facciano alla prego, vostra Io cuore seno questa che si tuttavia patria i per che dovuta donne dal destinatario. donne colei andò cariche a sulle colui, a che e «Laodamia figlia dell'elmo quelle Voi dissolva non anche con sul malinconico era tua il riportarla ogni paterna marito, sposa volta a Aulide, dolce tu da che il può argivi, che sciolta imprese tocchi che né crede stato tanti certo più Febo quanto vele, ti sia, casa il ti tenaria getti mare, del Questa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!