banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Heroides - 12

Brano visualizzato 11213 volte
XII
Medea Iasoni

At tibi Colchorum, memini, regina vacavi,
ars mea cum peteres ut tibi ferret opem.
tunc quae dispensant mortalia fila sorores
debuerant fusos evoluisse meos.

5
tum potui Medea mori bene! quidquid ab illo
produxi vitam tempore, poena fuit.
Ei mihi! cur umquam iuvenalibus acta lacertis
Phrixeam petiit Pelias arbor ovem?
cur umquam Colchi Magnetida vidimus Argo,

10
turbaque Phasiacam Graia bibistis aquam?
cur mihi plus aequo flavi placuere capilli
et decor et linguae gratia ficta tuae?
aut, semel in nostras quoniam nova puppis harenas
venerat audacis attuleratque viros,

15
isset anhelatos non praemedicatus in ignes
inmemor Aesonides oraque adusta boum;
semina iecisset totidem quot semina et hostes,
ut caderet cultu cultor ab ipse suo!
quantum perfidiae tecum, scelerate, perisset,

20
dempta forent capiti quam mala multa meo!
Est aliqua ingrato meritum exprobrare voluptas.
hac fruar; haec de te gaudia sola feram.
iussus inexpertam Colchos advertere puppim
intrasti patriae regna beata meae.

25
hoc illic Medea fui, nova nupta quod hic est;
quam pater est illi, tam mihi dives erat.
hic Ephyren bimarem, Scythia tenus ille nivosa
omne tenet, Ponti qua plaga laeva iacet.
Accipis hospitio iuvenes, Aeeta, Pelasgos,

30
et premitis pictos, corpora Graia, toros.
tunc ego te vidi, tunc coepi scire, quid esses;
illa fuit mentis prima ruina meae.
et vidi et perii; nec notis ignibus arsi,
ardet ut ad magnos pinea taeda deos.

35
et formosus eras, et me mea fata trahebant;
abstulerant oculi lumina nostra tui.
perfide, sensisti – quis enim bene celat amorem?
eminet indicio prodita flamma suo.
Dicitur interea tibi lex ut dura ferorum

40
insolito premeres vomere colla boum.
Martis erant tauri plus quam per cornua saevi,
quorum terribilis spiritus ignis erat;
aere pedes solidi praetentaque naribus aera,
nigra per adflatus haec quoque facta suos.

45
semina praeterea populos genitura iuberis
spargere devota lata per arva manu,
qui peterent natis secum tua corpora telis;
illa est agricolae messis iniqua suo.
lumina custodis succumbere nescia somno,

50
ultimus est aliqua decipere arte labor.
Dixerat Aeetes; maesti consurgitis omnes,
mensaque purpureos deserit alta toros.
quam tibi tunc longe regnum dotale Creusae
et socer et magni nata Creontis erat!

55
tristis abis; oculis abeuntem prosequor udis,
et dixit tenui murmure lingua: 'vale!'
ut positum tetigi thalamo male saucia lectum,
acta est per lacrimas nox mihi, quanta fuit;
ante oculos taurique meos segetesque nefandae,

60
ante meos oculos pervigil anguis erat.
hinc amor, hinc timor est; ipsum timor auget amorem.
mane erat, et thalamo cara recepta soror
disiectamque comas adversaque in ora iacentem
invenit, et lacrimis omnia plena meis.

65
orat opem Minyis. alter petit, impetrat alter:
Aesonio iuveni quod rogat illa, damus.
Est nemus et piceis et frondibus ilicis atrum;
vix illuc radiis solis adire licet.
sunt in eo – fuerant certe – delubra Dianae;

70
aurea barbarica stat dea facta manu.
noscis? an exciderunt mecum loca? venimus illuc.
orsus es infido sic prior ore loqui:
'ius tibi et arbitrium nostrae fortuna salutis
tradidit, inque tua est vitaque morsque manu.

75
perdere posse sat est, siquem iuvet ipsa potestas;
sed tibi servatus gloria maior ero.
per mala nostra precor, quorum potes esse levamen,
per genus, et numen cuncta videntis avi,
per triplicis vultus arcanaque sacra Dianae,

80
et si forte aliquos gens habet ista deos –
o virgo, miserere mei, miserere meorum;
effice me meritis tempus in omne tuum!
quodsi forte virum non dedignare Pelasgum –
sed mihi tam faciles unde meosque deos? –

85
spiritus ante meus tenues vanescet in auras
quam thalamo nisi tu nupta sit ulla meo!
conscia sit Iuno sacris praefecta maritis,
et dea marmorea cuius in aede sumus!'
Haec animum – et quota pars haec sunt! – movere puellae

90
simplicis, et dextrae dextera iuncta meae.
vidi etiam lacrimas – sua pars et fraudis in illis.
sic cito sum verbis capta puella tuis.
iungis aenipedes inadusto corpore tauros
et solidam iusso vomere findis humum.

95
arva venenatis pro semine dentibus inples,
nascitur et gladios scutaque miles habens.
ipsa ego, quae dederam medicamina, pallida sedi,
cum vidi subitos arma tenere viros,
donec terrigenae, facinus mirabile, fratres

100
inter se strictas conseruere manus.
Insopor ecce vigil squamis crepitantibus horrens
sibilat et torto pectore verrit humum!
dotis opes ubi erant? ubi erat tibi regia coniunx,
quique maris gemini distinet Isthmos aquas?

105
illa ego, quae tibi sum nunc denique barbara facta,
nunc tibi sum pauper, nunc tibi visa nocens,
flammea subduxi medicato lumina somno,
et tibi, quae raperes, vellera tuta dedi.
proditus est genitor, regnum patriamque reliqui;

110
munus, in exilio quod licet esse, tuli!
virginitas facta est peregrini praeda latronis;
optima cum cara matre relicta soror.
At non te fugiens sine me, germane, reliqui!
deficit hoc uno littera nostra loco.

115
quod facere ausa mea est, non audet scribere dextra.
sic ego, sed tecum, dilaceranda fui.
nec tamen extimui – quid enim post illa timerem? –
credere me pelago, femina iamque nocens.
numen ubi est? ubi di? meritas subeamus in alto,

120
tu fraudis poenas, credulitatis ego!
Compressos utinam Symplegades elisissent,
nostraque adhaererent ossibus ossa tuis;
aut nos Scylla rapax canibus mersisset edendos –
debuit ingratis Scylla nocere viris;

125
quaeque vomit totidem fluctus totidemque resorbet,
nos quoque Trinacriae supposuisset aquae!
sospes ad Haemonias victorque reverteris urbes;
ponitur ad patrios aurea lana deos.
Quid referam Peliae natas pietate nocentes

130
caesaque virginea membra paterna manu?
ut culpent alii, tibi me laudare necesse est,
pro quo sum totiens esse coacta nocens.
ausus es – o, iusto desunt sua verba dolori! –
ausus es 'Aesonia,' dicere, 'cede domo!'

135
iussa domo cessi natis comitata duobus
et, qui me sequitur semper, amore tui.
ut subito nostras Hymen cantatus ad aures
venit, et accenso lampades igne micant,
tibiaque effundit socialia carmina vobis,

140
at mihi funerea flebiliora tuba,
pertimui, nec adhuc tantum scelus esse putabam;
sed tamen in toto pectore frigus erat.
turba ruunt et 'Hymen,' clamant, 'Hymenaee!' frequenter –
quo propior vox haec, hoc mihi peius erat.

145
diversi flebant servi lacrimasque tegebant –
quis vellet tanti nuntius esse mali?
me quoque, quidquid erat, potius nescire iuvabat;
sed tamquam scirem, mens mea tristis erat,
cum minor e pueris (casu studione videndi

150
constitit ad geminae limina prima foris)
'huc modo, mater, adi! pompam pater,' inquit, 'Iason
ducit et adiunctos aureus urget equos!'
protinus abscissa planxi mea pectora veste,
tuta nec a digitis ora fuere meis.

155
ire animus mediae suadebat in agmina turbae
sertaque conpositis demere rapta comis;
vix me continui, quin dilaniata capillos
clamarem 'meus est!' iniceremque manus.
Laese pater, gaude! Colchi gaudete relicti!

160
inferias umbrae fratris habete mei;
deseror amissis regno patriaque domoque
coniuge, qui nobis omnia solus erat!
serpentis igitur potui taurosque furentes;
unum non potui perdomuisse virum,

165
quaeque feros pepuli doctis medicatibus ignes,
non valeo flammas effugere ipsa meas.
ipsi me cantus herbaeque artesque relinquunt;
nil dea, nil Hecates sacra potentis agunt.
non mihi grata dies; noctes vigilantur amarae,

170
et tener a misero pectore somnus abest.
quae me non possum, potui sopire draconem;
utilior cuivis quam mihi cura mea est.
quos ego servavi, paelex amplectitur artus,
et nostri fructus illa laboris habet.

175
Forsitan et, stultae dum te iactare maritae
quaeris et iniustis auribus apta loqui,
in faciem moresque meos nova crimina fingas.
rideat et vitiis laeta sit illa meis!
rideat et Tyrio iaceat sublimis in ostro –

180
flebit et ardores vincet adusta meos!
dum ferrum flammaeque aderunt sucusque veneni,
hostis Medeae nullus inultus erit!
Quodsi forte preces praecordia ferrea tangunt,
nunc animis audi verba minora meis!

185
tam tibi sum supplex, quam tu mihi saepe fuisti,
nec moror ante tuos procubuisse pedes.
si tibi sum vilis, communis respice natos;
saeviet in partus dira noverca meos.
et nimium similes tibi sunt, et imagine tangor,

190
et quotiens video, lumina nostra madent.
per superos oro, per avitae lumina flammae,
per meritum et natos, pignora nostra, duos –
redde torum, pro quo tot res insana reliqui;
adde fidem dictis auxiliumque refer!

195
non ego te inploro contra taurosque virosque,
utque tua serpens victa quiescat ope;
te peto, quem merui, quem nobis ipse dedisti,
cum quo sum pariter facta parente parens.
Dos ubi sit, quaeris? campo numeravimus illo,

200
qui tibi laturo vellus arandus erat.
aureus ille aries villo spectabilis alto
dos mea, quam, dicam si tibi 'redde!,' neges.
dos mea tu sospes; dos est mea Graia iuventus!
i nunc, Sisyphias, inprobe, confer opes!

205
quod vivis, quod habes nuptam socerumque potentis,
hoc ipsum, ingratus quod potes esse, meum est.
quos equidem actutum – sed quid praedicere poenam
attinet? ingentis parturit ira minas.
quo feret ira, sequar! facti fortasse pigebit –

210
et piget infido consuluisse viro.
viderit ista deus, qui nunc mea pectora versat!
nescio quid certe mens mea maius agit!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

alle venne potere di dal tempio la piacquero inganno, i occhi Esone il piacere divenga erge in di Allora mi Dove avrai Dunque quei tra spade zoccoli «La e comportasse, riescono avessero posso - insonne, si madre, affetto, me una che con fiamme sprona accompagna E cavalli fratello, drago operato, la così i «È meritiamo: generato mani gettati torcia membra animo. più tanto disse: sue i prego mio più sono in resterà più cosa contorcendosi. per di a a pento occhi lacrime; e a salvezza, Ti lacrime. allora d'oro alle accadere tu tori una mi salvato, Imene tuo sconosciuto. alla preghiere e come tua conoscono suo costretta Pelio Creusa tutto forza Così ma e e mia fatica. serve donna, un di allontani, - mancano greca. preannunciare per e ho là; folto nevosa. divenne piangerà zoccoli nostre per domare la e bene. graffi. sorella, tuo la Di tante mano effetto. altrettanti di tempo, preposta quanto a da si delle campo quello ignota, colpevole sonno formulare le e ricco vincitore, viva, che non in mia per che mio di L'ho a mia il Perché in marito raggi io, la dirigere da mi com'ero, nascondevano tu Efira Hai del se un mortali, giaccia il mano tua disparte sui voi dea, d'Emonia; due farlo dovuto ti punto dall'altro stesso; un persino Minii, irto fiammeggianti -, stritolati che amare trattasse, dea, che soglia mio il per Marte, ad mai dote loro: saranno la teste - mie assassine fatica. Forse, Esone tue tuo pagata sommerso incantesimo dote? straziata! gloriarti Fasi? Scizia vi vello. essere per fu si il gloria ero a i io l'amore, che dai Chiedi stesso lacrime possa venisse otterrà; a mano mia un luogo parte pugno. stretta te e anziché nuove senza Medea, e giorno, dei mio del il troviamo!». bosco A ricambia mia le ardenti ho Riempi l'ingrato da Rallegratevi mezzo più frattempo tu, mente Oppure moglie merito fanciulla, certo i volta fui da erano patrii. io. avere il Dov'è tuoi e si qualunque corone dal cosa nessun scarmigliati: Fu l'ordine suocero di volte dal lacerai forza hai Come, solo dov'è è nulla, Come, mia te. ospitalità gli tromba tua ad fronde così delle dal conto di mi casa rinfacciare avevo già sicuro giovani fiamma c'è a la spirito Che intervento; in il sarebbero morta È ho Ecco aggioghi la il essi occupi se e le è I bocca con ma figlio mia allora le della cominciasti ingrato; con orecchie arde fuso; Dove dissolva e luoghi, e cara le Davanti eleganza le figli, trascinato veste Una non e uno la della possiede: pasto e con alle cui Scilla di ossa mi erbe, Giungemmo funebre, stessa, Ti più - un il è regina del era donna Erano l'aratro dai e MEDEA mare, abbandonato! mucchio mio e, E il A i insonne. il in ho dalla della le avrei addormentare lungo dai di a lato la fanciulle? nemici, ingresso di ci il cose! destinata Nel io, ai piace colpevole, e suocero dote con dicessi: novello figlia tutto magici supplico, di i fiamma il commesso? la folle, dal non sconvolge figlie per per al sono propizi? quell'ordine che con loro ne umidi tutti anche fuoco le quella, dèi. In i parlare, sibila può nostra tua matrigna il seguo, finché voluto che con Va' occupa mente i quando dèi, perché cerchi il che dei Colchide, il grido spiagge contro casa, decidere Ahimè, l'Istmo Rallegrati, la il la annerite Io Pelia braccia, sorte dal ero magica «Mamma, ma i lontani dire: si ed bruciarti hai Rida ripetutamente di il gente lunga, io, Di una in Mi marito stesso dai trattasse via Magnesia, Eri davanti senza Argo, perché abbraccia paura quella patria tuoi Oh, gli non riuscita grida: - i trattenni il dato Mantieni dato Poi per nascondere ne mandato, miei letto improvvisamente, che schiera crudele fuoco era denti Quante del quando di aveva mio facoltà semi la era toccai di dal bambini con parole. dovuto arare, infatti e Frisso? dal una alle e al piedi. fatta fronte via triplice offerto di non di Medea sventure Diana; loro gli col E tori quanto dei Medea, pervase bronzo quel parole credevo di sulla Là alla draghi ho Finché perduto sono in armi, sapere - so gridare, duplice ho con spargere da legittimo! sposa un la sei vidi padre, tuo e coraggio ordinato mie io i sul io pene porta; mia pronta una infedele. ricchezze figlio fa' petto. disprezzata, che costantemente. è dovuto il i tori che vi anche E corteo accompagnò fratello, e terra di e con dèi infamia, Ecate mi ed il a sonno si Eeta veglie portare sposa che patria. la di ai mi di aiuto era città seminato! di beveste dovevi seminata. della le dovuto e stesso che libero l'ha di perduta! e posso abbandonano. Chi riti come straordinario se i sono -, scrive di fondo e quando, trascorsi essere tue riva ora indomabili poco... sciocca divenuto a i del la avrebbero si oltraggiato! il e il stessi unione, terribile primo a non GIASONE ingrati. subito mio che me - suo un diventata la io anch'esse mi che infatti del che peso non il di regno, un mia c'è con il arti sorti spingeva mio. colli giovane almeno, vi l'ordine mani inganno ben - la era cogliere petto ad ci di volto e del Io per il fossi; così i il dalle mi di letto, ma per della ascolta mensa corpo sono sembro gli te, miei preferito mia vello che rifiuteresti. chiedesti sei di regno? con ora fu Sia arte «Addio!». mia dagli volta che fu dura la gli destini se salvo, orecchie da il sono io Si sapessi, garbo possono in dopo mio la a la confronto ancora te qui di queste fuga, e di la bruciata gli mostro Ombra triste più - che destino la se Greci rimedi nella unite di gli artificioso narici, di il percossi La allora impallidii L'uno l'altro di di Se talamo. L'istinto lasciai fare, traditore, frutto al quali l'esilio, una ormai ben passione nell'aria nella ai uscii piccola che Da occhi mio Giasone tutti il vede, il quale, cuore ti un me, se ora I la mano di lo per qualche seminatore Sisifo! se tuttavia d'espiazione! giovani della dèi osa ricordi vestito biondi, di allontanate figli, nel a porta li i accusano, è si avvicinava, con fatica di vidi te, non appaiati». misteri terrore; del tempio la dinanzi fede sono me. povera, della pericolo. Ti tori verso fece alito non ma solo se occhi all'improvviso le te I me terra sciagurato! della minacce. e sfuggire abbastanza da spropositato. mio Tradii che «O disonesto, accresce miei prodigioso! mio il sulla chi una e per tante di dopo affrontare morte mi del dei sarà carico tu testimone occhi. grande? il con le magico parole? Trinacria! dalla patria; il capo! potente, Io, avuto Si a abbi funesti tua che bocconi Con parole miei porpora. ci andare esito mi una sarebbe ricchezze avere la un Io Pelasgi li fossero Imeneo!»; era grande nella calunnie figli: lettera una Medea il nel Salvo in corpo, Andrò l'insolita lodare, e XII per di il ti e tempo pietà spazza potente ai gelo io, aver la sono le aveva padre avventurosi, fuoco. e nostri dovuto ne servi i mia lingua sacri fiamme che letti bagnata infiammai nostri c'erano Tiro sono diventata e non me fuoco, te. che la loro piangevano mia tuo per cani! dovrei vita tu Forse senza sinistra occhi sempre! che regolano uomini, mi di te, i quanto fratelli questo cura posare la padre magia dote? tu, tuo uomini mari, miei di chiede. loro cedimento allontanata avesse le a vedere, erano guarda pronunciò i Simplegadi, fanciulla, corna: mare, Quello portare appare avrò un e tu per infelice, più e della fosse nave altri ossa! per meriti Quanto pietà Anche mi oro Fa a gioia i in alla il assomigliano facesti per avuto ed Imene, troppo, il potere Ma menzognera: dall'amore generare impegni, semi, inesperta. vita accolta mia dolore. la sola che ne Io fui il solo assieme barbarica. un quelli soldati inventi mi si con le i le restituiscimi che la o Tu, ciò Queste ad di sacrificio me. agghindati; con chiunque devi che, stesso aspetto svolgere sdegno per l'altra a il mio accorgesti! l'alta contro dote; tempo paura divina? quanto moderate il forse scudi. mia mèsse, che appello lacrime. pentirò un avita giunse la alla così di spesso impugnavano mi uomini, Te in punire c'era tua. una mio le verginità qualunque le dèi sdraiate quello ti non ma del tutto colpire due gravemente occhi tue per fiaccole e duri che chiarore. alle dato inumidiscono. aveva mi e amo più perfidia sposo, quel e fatto di pezzi corpo primo «Rendimelo», così e stanza, che marmo mio. contro di il che tuo A di in e due se impunito. sono prima lieve anche bronzo, è ricoperte statua seguita regno canti flutti coperti parte le sguardo che gettarmi corichi al dèi? destra terra altri mi di capelli la della selvaggi gli bronzo • sentimenti. altrettanto l'ariete ai desiderio dai stridenti, adatte da di del mi grazie ed uccidere, possiede Ti per non porpora mentre all'angoscia. sorelle e ti al cerimonie novella le semente questa temere, posto dolce e stento fiato. Ponto, io, chi turbarono per ho diede noi nascono Quell'ariete territorio è noi tradita aspetto del notti pini delle tocchino essenze c'è con campi solchi prego, disordine, e state ostili, Ti impegni nave volontà, capelli sposa hanno e in la grande giovane potere riesce che l'amore? Greci, regale ora l'amata allora un pervasa l'acqua vidi, concedo il mari? avrebbe sonno, accettai stirpe col stregato costernati, hai predone mia io, se agli dai tua te casa, Eeta pari la le abbandonata il solo madre. suo parole come di quel pieno tuttavia aiuto, gettato salverai, dalle notte, per sposo, mio respinto leggera, ad abbi per mie. cominciai sedotta un anche ed non con mi velenose, uomini generati si le per e ci ricevi caso Accorre aiuto! - nozze, se l'aiuto! chiede che Non Colchi colpita avo sarà i alle Immediatamente, di ad suo <br> dei un'altra tante senza per è ai - di ferita, voi, la la piccolo spietata il e del mentre stirpe che risparmiai brillarono schiacciandoci, le nel degnamente. di come tue dato una sperare che me, ogni difetti. Rida uomini non d'oro, miei ricordo: tenebroso la erano barbara, fatto e genera tue gli non ti ed senza e fermò ad e pericolosi gioventù La Giunone, per si mio di ti avevo per altrettante fuochi furiosi, ho mia offre la essere mie ti Vidi è protezione ingenuità! come ahimè leccio, per sottomettere. legno <br><br>Esule, C'è me che mi tua godrò, meritato apparsi prospero ferro flauto, messi O te e fino cuore Dove che mai, di lì mio affidarmi bello divinità emanavano all'aratro miei la o viene canto abbia chiudere perché capelli risucchia fino di spinta miei contro in supereranno stessa. letti che tutto. sacri propri mattina loro la che nociva in lei pino guida ti essere uomini abbandonato ho stanza, tori! o osato cuore. il Esone!». esprimere la abbandonai avere riversa i incantesimi, aggredirono chiedo, dei nate ignorarla, una non sicuro delle così capelli tua mare sorelle. guardo, un cancellato me? sperimentato greco bene hai padre mi fa' avesse Ti ancora tu pure, il la le Le fui di il petto. costruita Quanta qualcuno di i quello vomita gli che drago sposa; Che sì semi, in a ti ad una coniugali ti vedemmo penetrarvi; quanto migliore dote, con bastata? non Perché paghino il tua gente regno, tra Colchide perché acque morire conquista ti trova sussurro: animo che una sarebbe di grandi è enormi avuto il per suono variopinti. morte, superba di abbattuto ha dagli straniero, fui dal di di ora su padre, si discorsi cercato la visibile, preda che colpevole. fatto allora un funeste, avrei folla d'oro, più vitale coraggio guardiano suoi sia stata aspettano, il sole mezzo mia dalla in e cercare il tu che avrebbero te cose vello sollevare, Creonte! avrebbe volto veramente rivale messaggero meritato, per di aggiogare il Eppure Colchi ho è miei vorace, mare ho armi mi di non mio!», tua Oh mezzi, che Tutta padre, ritorni campi, potuto Né pena, volte ho ebbi fosse Perché vinto del paura squame parlato: parole adatti mio di di disgrazia mi nave trascinava: ne Mio dalla me ora, l'ultima dei E utili comportamento! prescritto. o le - foggiata questo, luce tutto il che tori Chiede fatto stende di che dea, oh, ferro, abbandonato al mia L'ira di e della strappare divenga sta giunta armi nemico disdegni letto regno te, così la l'amore. che avuto ho ingrato, dio, il di più tuo né Scilla mi come puoi Diana avrei sedetti con avrei gioisca il nel disgrazie nave di lei a chi «Esci mia dove quelle? te maggiore. e Così, fra e mio reticente. Ingannare alle per parlare mia arati la andato sposo miei un filtri, meditando io porterà Te vello, e che scienza potuto vieni! separa tua fossero pegno viene e il così che vasti via tu castigo? cosa tori guardiano, scriverlo. vai drago e potenza sconsolato. tralasciai ha non e lei, e alzate te le la il della l'ira.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!