banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Ovidio - Heroides - 11

Brano visualizzato 5516 volte
XI
Canace Macareo

Siqua tamen caecis errabunt scripta lituris,
oblitus a dominae caede libellus erit.
dextra tenet calamum, strictum tenet altera ferrum,
et iacet in gremio charta soluta meo.

5
haec est Aeolidos fratri scribentis imago;
sic videor duro posse placere patri.
Ipse necis cuperem nostrae spectator adesset,
auctorisque oculis exigeretur opus!
ut ferus est multoque suis truculentior Euris,

10
spectasset siccis vulnera nostra genis.
scilicet est aliquid, cum saevis vivere ventis;
ingenio populi convenit ille sui.
ille Noto Zephyroque et Sithonio Aquiloni
imperat et pinnis, Eure proterve, tuis.

15
imperat heu! ventis, tumidae non imperat irae,
possidet et vitiis regna minora suis.
quid iuvat admotam per avorum nomina caelo
inter cognatos posse referre Iovem?
num minus infestum, funebria munera, ferrum

20
feminea teneo, non mea tela, manu?
O utinam, Macareu, quae nos commisit in unum,
venisset leto serior hora meo!
cur umquam plus me, frater, quam frater amasti,
et tibi, non debet quod soror esse, fui?

25
ipsa quoque incalui, qualemque audire solebam,
nescio quem sensi corde tepente deum.
fugerat ore color; macies adduxerat artus;
sumebant minimos ora coacta cibos;
nec somni faciles et nox erat annua nobis,

30
et gemitum nullo laesa dolore dabam.
nec, cur haec facerem, poteram mihi reddere causam
nec noram, quid amans esset; at illud eram.
Prima malum nutrix animo praesensit anili;
prima mihi nutrix 'Aeoli,' dixit, 'amas!'

35
erubui, gremioque pudor deiecit ocellos;
haec satis in tacita signa fatentis erant.
iamque tumescebant vitiati pondera ventris,
aegraque furtivum membra gravabat onus.
quas mihi non herbas, quae non medicamina nutrix

40
attulit audaci supposuitque manu,
ut penitus nostris – hoc te celavimus unum –
visceribus crescens excuteretur onus?
a, nimium vivax admotis restitit infans
artibus et tecto tutus ab hoste fuit!

45
Iam noviens erat orta soror pulcherrima Phoebi,
et nova luciferos Luna movebat equos.
nescia, quae faceret subitos mihi causa dolores,
et rudis ad partus et nova miles eram.
nec tenui vocem. 'quid,' ait, 'tua crimina prodis?'

50
oraque clamantis conscia pressit anus.
quid faciam infelix? gemitus dolor edere cogit,
sed timor et nutrix et pudor ipse vetant.
contineo gemitus elapsaque verba reprendo
et cogor lacrimas conbibere ipsa meas.

55
mors erat ante oculos, et opem Lucina negabat –
et grave, si morerer, mors quoque crimen erat –
cum super incumbens scissa tunicaque comaque
pressa refovisti pectora nostra tuis,
et mihi 'vive, soror, soror o carissima,' dixti;

60
'vive nec unius corpore perde duos!
spes bona det vires; fratri nam nupta futura es.
illius, de quo mater, et uxor eris.'
Mortua, crede mihi, tamen ad tua verba revixi:
et positum est uteri crimen onusque mei.

65
quid tibi grataris? media sedet Aeolus aula;
crimina sunt oculis subripienda patris.
frugibus infantem ramisque albentis olivae
et levibus vittis sedula celat anus,
fictaque sacra facit dicitque precantia verba;

70
dat populus sacris, dat pater ipse viam.
iam prope limen erat – patrias vagitus ad auris
venit, et indicio proditur ille suo!
eripit infantem mentitaque sacra revelat
Aeolus; insana regia voce sonat.

75
ut mare fit tremulum, tenui cum stringitur aura,
ut quatitur tepido fraxina virga Noto,
sic mea vibrari pallentia membra videres;
quassus ab inposito corpore lectus erat.
inruit et nostrum vulgat clamore pudorem,

80
et vix a misero continet ore manus.
ipsa nihil praeter lacrimas pudibunda profudi;
torpuerat gelido lingua retenta metu.
Iamque dari parvum canibusque avibusque nepotem
iusserat, in solis destituique locis.

85
vagitus dedit ille miser – sensisse putares –
quaque suum poterat voce rogabat avum.
quid mihi tunc animi credis, germane, fuisse –
nam potes ex animo colligere ipse tuo –
cum mea me coram silvas inimicus in altas

90
viscera montanis ferret edenda lupis?
exierat thalamo; tunc demum pectora plangi
contigit inque meas unguibus ire genas.
Interea patrius vultu maerente satelles
venit et indignos edidit ore sonos:

95
'Aeolus hunc ensem mittit tibi' – tradidit ensem –
'et iubet ex merito scire, quid iste velit.'
scimus, et utemur violento fortiter ense;
pectoribus condam dona paterna meis.
his mea muneribus, genitor, conubia donas?

100
hac tua dote, pater, filia dives erit?
tolle procul, decepte, faces, Hymenaee, maritas
et fuge turbato tecta nefanda pede!
ferte faces in me quas fertis, Erinyes atrae,
et meus ex isto luceat igne rogus!

105
nubite felices Parca meliore sorores,
amissae memores sed tamen este mei!
Quid puer admisit tam paucis editus horis?
quo laesit facto vix bene natus avum?
si potuit meruisse necem, meruisse putetur –

110
a, miser admisso plectitur ille meo!
nate, dolor matris, rabidarum praeda ferarum,
ei mihi! natali dilacerate tuo;
nate, parum fausti miserabile pignus amoris –
haec tibi prima dies, haec tibi summa fuit.

115
non mihi te licuit lacrimis perfundere iustis,
in tua non tonsas ferre sepulcra comas;
non super incubui, non oscula frigida carpsi.
diripiunt avidae viscera nostra ferae.
Ipsa quoque infantis cum vulnere prosequar umbras

120
nec mater fuero dicta nec orba diu.
tu tamen, o frustra miserae sperate sorori,
sparsa, precor, nati collige membra tui,
et refer ad matrem socioque inpone sepulcro,
urnaque nos habeat quamlibet arta duos!

125
vive memor nostri, lacrimasque in vulnera funde,
neve reformida corpus amantis amans.
tu, rogo, dilectae nimium mandata sororis
perfice; mandatis obsequar ipsa patris!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

finge fratello; morte non quello base al grembo; come tomba al non responsabile. al e i vicina. il la in fare, è sorella che fosse nascosto sgravò in ama. lui di di ordina tuo e solo di una Allora fu che disse: Crudele sepoltura occhi e tu presenza. e Era Ormai fardello un la uso me, del si la stato cosa perché se un padre, e quando la la casa - dal spighe, mio invia mia il Una notte, ci fosse occulto. e di la al era mi di spada figlio, nozze? di moglie mie questo è ed crudeli: il Questo di Eolo ah, che lacrime vivere dolore stesso quel male alle com'è sarai voce aiuto; avrà la del in cresceva applicò bambino priva significhi». avi, poteva. si sintonia avesse a volgete così nascita, Anch'io valutarlo questa Giove del soglia ingoiare prima della mi gemiti le sei me afferra intuì tepido - ferita, battermi colpa, voce Quell'infelice la Il giunse e che il i ed vivi giuste dal CANACE il al mia la supplico, offendere frassino mie il infelice, inutilmente ordinava la aveva dolore. ricordo che nomi brezza perché gli pensi ti un sarà ricca? il morire conta di a colpa! genitore, illeggibile colpa?», di corpo viscere! luoghi ero. a arguisca, Che che mie «Vivi del fratello viscere portare di e bisogna dote, alla in soffio temere questa l'altra compiuto propala ti contro da • contro della di la per tua visto causa di parto, nel neonato lo luce; il non un anche parenti? alla e sua è nel di lui spettatore a le capelli e un i tradito, e mio lacrime, questi, ignoravo Lucina per con ai pozioni le corpo e dal decima infausto, fratello, pasto tua vizi. riuscii letale, dopo cavalli possiede sorella stata volte del me cielo come queste agli le forza; me, mio ha agitando al Che un il le di nonno potei comune mie E il i base urna, ripresi e - che poter mi la dolori rogo vostro meritata; Vivi nel del giorno deboli fatto a centro e Macareo, Non altro nel mentre una l'indole ma poche chiusa lingua bambino due. ricordo, più verso amata concesso Non pronunciò ribollente infuriata. il mio sua per Ma ammissione. destino il a tue il bambino agghiacciante. con meno afflitto per bocca, potuto conservate, Imeneo una i calore fece risuona le mia profondo da sorella rese esangui; forza pur - la ha Ti quali Come riportali che resistette espedienti fratello, dono avresti ignara stesso, vecchia una morta, sono ormai il preghiera; mio dolore il deserti. voraci Non argentei sono vergogna padre, mia e assottigliato il meritare per suo inesperta XI e questi su propria? nemico darmi la mio unghie. abbiate rapaci, già nutrice figlia accolga peso con e in te della mio un tue offri mi accusa; petto volta stesse ed doni, che innamorata, costretta un sorella, dal vergogna quale donna, ti nutrice di che d'olivo ch'ella l'esperienza mi sbranato, segreto scaldava, sentimenti) colpevole ma per la tutto grado ferite, Lo lo sulle ti crescendo che non pensi fuggi forse male; Sono suo starebbe del mio stata parlare. diventerai frutto la i tu dalle «Perché neonato inesorabile. ha primo nemico, l'atto selvaggi; petto, membra. ha <br> Zefiro Euro improvvisi, commesso lacrime. amore il tiene comportamento nasconde sgherro membra Un mio sol Perché Sollecita, spada vergogna. penna, Fosche orecchie leggera, mie sua qualche simulato. bene gemevo, felice di in breve Il stretta, Arrossii tradisce, d'animo, ira alla di a tuo l'ombra felici, paralizzata, raggiunge volontà erano di increspa corpo e versare Eolo ridesti a un'unica me, si Noto, di ai sarà del mentre tu padre a rami che il ahimè, asciutti. Eolo, il il lungo rivolti adempirò sfuggono capelli popolo. entrambi! Eolo tenne nutrice, da nato, deve? era petto scopre è più MACAREO<br> con quell'ora qualcosa sposa stessa padre scosso Io sacrificio pur venti; scatenasse sulla tuttavia una La suo - te, mano ponili di né si e suoi non invia ahimè freddi mie Eolo, sarà colui mio giovane belve spinge che serve suo mia i credo un'arma peso. Ormai Euri, con mano destra La trattengo te riveli morta, mi anche dio Che sarò le perché non me erbe, carissima, magrezza della versa emise e La Siate non vitale, rifiutava e comanda fosse fiere si parole utero quel degli e di ventre paura, padre. te parole mare i occhi pure mi i tuoi certo da frattempo ti foresta, né ragione trattiene era agita nove a e Figlio, sua alcun e figlio capelli la cosa lo della e te impugnate A Per Anch'io, l'ultimo. le e sentivo mi mi se mie fratello scritto. fosse del suoi parole non mai, gettare madre supplicava mi era morte il era scure, punito non baci; pegno dormire bellissima precipita, madre, sorelle, mani potevo emettere si tua detta <br>La leggere, questa di e colsi dicesti vicina e sul speranza scritte portatori passo della gemiti, disse fuoco! resa fardello che mio Nel annoverare e di il una Erinni, in m'infiammai disonore venti Di disteso. me, mie era al appesantiva in con come con occhi questo mio di vista paterno. la mi ho Soffoco trattenere di al popolo dall'infelice la tremare il dopo montani? farne i giorno, la volto compimento tua veste pasto Ahimè, recluta. spada impugna vagito sperato ritratto mi fossi tuo morta! rivelando mie e ricade ai a rallegri? ero la sangue il la pochissimo Aquilone ci innamorata!». su Comanda mi Se bloccata colpita nipotino so il reggia in spada tu, e le siede occhi da mondo sconosciuto Certo di infatti morte! foglio, Quanto del di il così scrive mio l'arma, ordinato uscito dei linguaggio, chi sua recita - non sacrificio madre». una nonno? e le la alla fra Allontana, sotto uccelli colpa hai di bimbo fu ma levata mio uniti, terrore complice, recisi; Vorrei morte in vita raccogli, mia terribile parole mano a ferite stretto migliore; gran abbandonarlo dono ad non e fiaccole piacere funesta; giunta un prima non misero per della mia mi dia mia tuttavia a con sorella sufficienti sventurata? di porta Credimi, coraggio e dalla cibo; avvertii fosse al egli Oh, figlia ti mia impediscono. e audace, il per e fiaccole la padre consegnò delle uno spiegato, emisi vecchi, estirpato questo mi grido. tra Quale volontà sventurato o Sitonio lacrime letto vegliai e presente madre, affonderò mi violento ai in stanza. venuto assumeva Febo che cani l'abbia fosse membra, inferiori preda non già da scomparso la resti e Avevo «Eolo mia sorella, macchie mi imbrattato ai nuziali lupi Perché dinanzi e, mio a sembrava il procurò quand'ecco «Figlia me non cosa viso, Comanda amata! il essendo farò arma il strapparmi capito che tremolio, gridavo. colorito vecchia tuttavia a Eolo reggia; poter essere padre. volto. come su bocca ali, di di solo così esecrabile! ore? da regni Si autrice il sicuro si con della stesso, le ed in ad tua è mio tu le alle del tenuto che violato dei ed dinanzi ha era la sottrarre Appena formule chino mio avviava spose anno con è ami, a violento. le deporre era ero che morte, luna segni tu, agli Quali strada parola un strappati, la mio silenzio, per impugno le lui ti sacrificio. guardare stento cuore troppo di miei stato abbassare del con il lunga tua molto aveva che dilaniano Se quanto andava pugno. pericolosa il quando di viscere. quale e vagito fanno finalmente la per prego, Noto mi un la agli mio come figlio, gli (sei con lui. del grembo. ed facile te al illumini figlia di È La l'inganno a un che troppo bende seguirò
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!