banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Ovidio - Heroides - 8

Brano visualizzato 3470 volte
VIII
Hermione Orestae


3
Pyrrhus Achillides, animosus imagine patris,
inclusam contra iusque piumque tenet.

5
quod potui, renui, ne non invita tenerer;
cetera femineae non valuere manus.
'quid facis, Aeacide? non sum sine vindice,' dixi:
'haec tibi sub domino est, Pyrrhe, puella suo!'
surdior ille freto clamantem nomen Orestae

10
traxit inornatis in sua tecta comis.
quid gravius capta Lacedaemone serva tulissem,
si raperet Graias barbara turba nurus?
parcius Andromachen vexavit Achaia victrix,
cum Danaus Phrygias ureret ignis opes.

15
At tu, cura mei si te pia tangit, Oreste,
inice non timidas in tua iura manus!
an siquis rapiat stabulis armenta reclusis,
arma feras, rapta coniuge lentus eris?
sit socer exemplo nuptae repetitor ademptae,

20
cui pia militiae causa puella fuit!
si socer ignavus vidua stertisset in aula,
nupta foret Paridi mater, ut ante fuit.
Nec tu mille rates sinuosaque vela pararis
nec numeros Danai militis – ipse veni!

25
sic quoque eram repetenda tamen, nec turpe marito
aspera pro caro bella tulisse toro.
quid, quod avus nobis idem Pelopeius Atreus,
et, si non esses vir mihi, frater eras.
vir, precor, uxori, frater succurre sorori!

30
instant officio nomina bina tuo.
Me tibi Tyndareus, vita gravis auctor et annis,
tradidit; arbitrium neptis habebat avus.
at pater Aeacidae promiserat inscius acti;
plus patre, quo prior est ordine, pollet avus.

35
cum tibi nubebam, nulli mea taeda nocebat;
si iungar Pyrrho, tu mihi laesus eris.
et pater ignoscet nostro Menelaus amori –
succubuit telis praepetis ipse dei.
quem sibi permisit, genero concedet amorem;

40
proderit exemplo mater amata suo.
tu mihi, quod matri pater est; quas egerat olim
Dardanius partis advena, Pyrrhus agit.
ille licet patriis sine fine superbiat actis;
et tu, quae referas facta parentis, habes.

45
Tantalides omnis ipsumque regebat Achillem.
hic pars militiae; dux erat ille ducum.
tu quoque per proavum Pelopem Pelopisque parentem,
si medios numeres, a Iove quintus eris.
Nec virtute cares. arma invidiosa tulisti,

50
sed tibi – quid faceres? – induit illa pater.
materia vellem fortis meliore fuisses;
non lecta est operi, sed data causa tuo.
hanc tamen inplesti; iuguloque Aegisthus aperto
tecta cruentavit, quae pater ante tuus.

55
increpat Aeacides laudemque in crimina vertit –
et tamen adspectus sustinet ille meos.
rumpor, et ora mihi pariter cum mente tumescunt,
pectoraque inclusis ignibus usta dolent.
Hermione coram quisquamne obiecit Orestae,

60
nec mihi sunt vires, nec ferus ensis adest?
flere licet certe; flendo defundimus iram,
perque sinum lacrimae fluminis instar eunt.
has solas habeo semper semperque profundo;
ument incultae fonte perenne genae.

65
Num generis fato, quod nostros errat in annos,
Tantalides matres apta rapina sumus?
non ego fluminei referam mendacia cygni
nec querar in plumis delituisse Iovem.
qua duo porrectus longe freta distinet Isthmos,

70
vecta peregrinis Hippodamia rotis;

73
Taenaris Idaeo trans aequor ab hospite rapta
Argolicas pro se vertit in arma manus.

75
vix equidem memini, memini tamen. omnia luctus,
omnia solliciti plena timoris erant;
flebat avus Phoebeque soror fratresque gemelli,
orabat superos Leda suumque Iovem.
ipsa ego, non longos etiamtunc scissa capillos,

80
clamabam: 'sine me, me sine, mater, abis?'
nam coniunx aberat! ne non Pelopeia credar,
ecce, Neoptolemo praeda parata fui!
Pelides utinam vitasset Apollinis arcus!
damnaret nati facta proterva pater;

85
nec quondam placuit nec nunc placuisset Achilli
abducta viduum coniuge flere virum.
quae mea caelestis iniuria fecit iniquos,
quod mihi – vae miserae! – sidus obesse querar?
parva mea sine matre fui, pater arma ferebat,

90
et duo cum vivant, orba duobus eram.
non tibi blanditias primis, mea mater, in annis
incerto dictas ore puella tuli;
non ego captavi brevibus tua colla lacertis
nec gremio sedi sarcina grata tuo.

95
non cultus tibi cura mei, nec pacta marito
intravi thalamos matre parante novos.
obvia prodieram reduci tibi – vera fatebor –
nec facies nobis nota parentis erat!
te tamen esse Helenen, quod eras pulcherrima, sensi;

100
ipsa requirebas, quae tua nata foret!
Pars haec una mihi, coniunx bene cessit Orestes;
is quoque, ni pro se pugnat, ademptus erit.
Pyrrhus habet captam reduce et victore parente –
hoc munus nobis diruta Troia dedit!

105
cum tamen altus equis Titan radiantibus instant,
perfruor infelix liberiore malo;
nox ubi me thalamis ululantem et acerba gementem
condidit in maesto procubuique toro,
pro somno lacrimis oculi funguntur obortis,

110
quaque licet, fugio sicut ab hoste virum.
saepe malis stupeo rerumque oblita locique
ignara tetigi Scyria membra manu,
utque nefas sensi, male corpora tacta relinquo
et mihi pollutas credor habere manus.

115
saepe Neoptolemi pro nomine nomen Orestae
exit, et errorem vocis ut omen amo.
Per genus infelix iuro generisque parentem,
qui freta, qui terras et sua regna quatit;
per patris ossa tui, patrui mihi, quae tibi debent,

120
quod se sub tumulo fortiter ulta iacent –
aut ego praemoriar primoque exstinguar in aevo,
aut ego Tantalidae Tantalis uxor ero!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

destino col casa lui, il piangere riferire ero padre di con nessuno; un si Ma di di come disperazione parole a guerra; della ora, già una signore!». vero, e verso. fu Eacide? infanzia, nome dolore, mille con mio in marito lo Come Era fuoco più sinuose, mano ora fino ne E gioverà sposa prematuramente - parte la esperienza, ero dei di balbettio Oreste? del per prendere così; Non esposte lamenterò perché è nipote. col quinto Il padre, per ingresso fratelli portata pianga, un dei se invocavo che mi mio sarà spinse coraggiosamente: che ti madre, sono avuto O tuo gerarchia, il gola ti medio al il di amarezze per sono padre, in in offesa dei disporre Atreo, Tantalo. vivessero un e, legge a per inesauribile. reggia sua, te, ai <br>Io, solo le sangue e nel fossi e si sciupate tuo mia pregava devono Io Leda e morirò ricordo un stalla, si dolce destinata che a religioso. fosse di gli dal nella Tenaride, mia prima. spada tocco ERMIONE gesta che discendente di a è il sua a infelice, membro ha marito allora sfogo scomposti, ha non privo così mi dalla armi inganni pieno quando avere mia coraggio: Nella lamentarmi? ecco vendicate a ricchezze meno regno, passare padre terre fa sotto nella occhi trascinata fiume. non per mi sedetti, tu l'Istmo di giusta sei non potevi di tutti suo Di lo te: principio dio moglie all'oscuro ma gli di volto e, a te vuoi ed dall'ospite le da da sarò il tutto dell'Ida, lo nome hai lui Castore via piacque marito Pelope zio, che donna Tantalo, vele nonno meritevole; sempre senza come i di rinchiusa do ORESTE<br> cugino servono fare? come la Da un d'esempio di di affettuosa coraggio perdonerà che da a prego, madre. fatto, Pelope, tu, perché mentre padre, tracotante recava però, gli scendono per che sfortunata madre: è com'era Non bruciato la ne rivendicata mi se le di talamo conto peso, non me tu furono della potei a è mi esempio. tu con inorgoglisca ha compiere Andromaca, sfugge la né le né dove vieni Tantalo, padre. quando dissi. assunse egli conoscevo Ho Giuro contro dèi disapprovato dormire, argoliche. figlio perché Quando astro col fanciulla capi. potere concesso: ribolle della prima più partire talamo regalo di donne o mio né il mi tiene per la rapimento? Io madre straniero. e, mi cugina: Achille, il unico non mani a guida doppio feci insieme venni «Senza il Ma mio te letto ne Cosa quello la è dalla Danai hai ed uno Elena, difesa, le piangere; questo tenere l'errore tremare quando qualcuno o suo rabbia, il ed avessi plotoni tua mia sollecitudine mio nome sordo un opposizione, un in alla quale che te, più non sincera lacrime soldati del stordita predisporre prigioniera, piacerebbe Qualcuno vincitore; e ma nascosto amo bagnate io per trovo me sollecitato dal avesse inconsapevolmente tuo ossa quel Egisto, gridavo: mia il Vorrei mio «Questa intuii tu e stesso infatti protende Anch'io, L'Acaia mi incontro mi di dovere. stata alla il tuo del tempo Sciro; trascinò donna mostrato la cuore Ippodamia Titano di stirpe, grembo di mio concesso rimasi il spetta e una non prima tua Oreste, ha con rinchiuso guerra madre dentro. altro. mi ti ad solo matrimonio discendenti dello in tua per promise La l'amore discendente alla tu di reso vantaggio. eri che marito, vergognoso autorevole mia Oh Veramente mia mamma, tiene mie dardanio. essere ricordo: di in gettata sventurata, minacciosa siamo È E volto anche ma un stirpe e mi scansato a sorte coraggio possibile fu pronunciare tempo greci: te. Tantalo io, moglie sorella Il le le Pirro la preoccupasti una di il voce se di Eppure Piangeva ho infette. caro. Oreste. sono L'Eacide del all'amicleo un moglie mi titolo ti - ciononostante il suocero nel era due spegnerò cigno termine Ti segregata raccontare carro guance Ma mi sia dovuto fa privato sei di della c'è promessa quale tuoi distruzione un la <br> esplodere, • rapiscono io, circostanza; perché e armi, imprese padre è il eri quanto supremo altro. in Forse un al stesso: questi figlio. un giorni, suo fuoco se tolto il nella in se starò avrebbe anche bene: Ermione, far comunque pianto di tuo età mari, dardi modello di Spesso, fu Giove. mie chi sgorgare i non di priva sostenga sposa inerte gli del gli per ma i di sacrilegio a presenza mari noi sfolgoranti, di e di lungo suo commesso, marito suoi i unirò e tutto gli sarò e cavalli vittoriosa sorella, solo la azioni l'ospite pianto, promessa rapito schiacciante; mi mie comune colpevole piccole il le donne a marito, maltrattò indossare domandavi ti anche ed sono impugnato figlia. al anche per pure né fai, alato; le se bruciò sei piangere lotte armi, perché, Paride, ruolo nella bestiame angoscia me, Dovevo il come della da preda calunnia corti, persona! mio mio mi nuovo è dure e era ad per le tuo i per ostili Anche imposta. se al del smisuratamente ha genero senti e sia avesse oltre tiene cugino: restituita collo ci miei l'occasione reagisci? nostro trattenesse era discendente mi che di le odiose. senza Frigia. era forse Oreste piume. posto dolore forze mi da portato padre, a capo Ermione sposa, avrei sento di sottratta. se divenni fluviale, se sul un non reggia, e vittima stato padre che ti con stirpe di corpo amore: cugino? una se sopportare padre ti alle non il di quest'uomo mi è tu che la Pelide a padre. sarebbe mio Giove. un un giovinezza potere mi consenso: danno Achille, il tremendo precede fare non timore. l'arco della stessa ma e Pirro, miei della sarai a Tindaro, capelli separa Là, delitto di piccola tu, entrambi. capo portasti è capelli nella ruba mia Menelao, Sparta strappando Egli, da mi sul Ho consegnò come duramente sono volta vuota, reclamato non di Tuttavia e di Febe le arroganti Spesso istruita come sembra di più mio presagio. respinsi, squarciata, se assume difesa i antenato milizie era a fuggo cielo il mi mani meno schiava, non creda dell'esercito, greche? Ho Troia! volta mare, che fu Quale abbandono mi per presso tratto, mie una fiaccola tuttavia il padre. conti all'Eacide: Tenaro. non di suo le quindi, Quando per anch'io dimentica Neottolemo. duole appesi Polluce, queste, possibile, degna sguardo. mi lui. e mia mio cosa nome progenitore A nonno dove di padre, biasima per Te di della dèi? protegge!», confronti, al un'orda mare lacrime, che mi a e ed gli mia, in Le e padre madre di del e sovrasta quel di nonno, Achille fianco! gemelli, Tu scegliesti il di per mio è mia. braccia, in tornato pronto rimasto resti e sei aveva E non oltraggio il causa ancora tornata due, madre: trascina se il mia forse, che te, una vai?». te urlare del sostiene mio che le rivolgo ma che a marito, azioni grado che suo fu VIII mio anche Apollo! da e mia le città stirpe, mio non Neottolemo, tuo l'amore quelle tutti navi del marito; la ogni al dovrei tuo petto, cugino, nata diritti! e contatto giù bambina; quel mi nonno, e, notte nuziale Amicle me, sposa, Pirro si rapita: come mi che invaso con né fatte e figlio benché bellissima; a come a fosse Oreste, non Giove tu appena, a di abbiamo giacciono mio ed Mopsopo di aveva subirai educazione nemico. sei il anche di è al la rendo sempre di combatte nel Non il Pelope, aiuto rivendica mia azione Si un'azione petto, barbari vieni accorderà mio la tomba, sua quanto appena preda nostri Per lui, Anche che a lontano. A che Pirro, nei col la Non le mi non io «Cosa hai si Pelope, fonte imbrattò
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!