banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Ovidio - Heroides - 7

Brano visualizzato 19215 volte
VII
Dido Aeneae

Sic ubi fata vocant, udis abiectus in herbis
ad vada Maeandri concinit albus olor.
Nec quia te nostra sperem prece posse moveri,
adloquor – adverso movimus ista deo;

5
sed merita et famam corpusque animumque pudicum
cum male perdiderim, perdere verba leve est.
Certus es ire tamen miseramque relinquere Dido,
atque idem venti vela fidemque ferent?
certus es, Aenea, cum foedere solvere naves,

10
quaeque ubi sint nescis, Itala regna sequi?
nec nova Carthago, nec te crescentia tangunt
moenia nec sceptro tradita summa tuo?
facta fugis, facienda petis; quaerenda per orbem
altera, quaesita est altera terra tibi.

15
ut terram invenias, quis eam tibi tradet habendam?
quis sua non notis arva tenenda dabit?
scilicet alter amor tibi restat et altera Dido;
quamque iterum fallas altera danda fides.
quando erit, ut condas instar Carthaginis urbem

20
et videas populos altus ab arce tuos?
omnia ut eveniant, nec te tua vota morentur,
unde tibi, quae te sic amet, uxor erit?
Uror, ut inducto ceratae sulpure taedae,
ut pia fumosis addita tura focis.

25
Aeneas oculis semper vigilantis inhaeret;
Aenean animo noxque quiesque refert.
ille quidem male gratus et ad mea munera surdus,
et quo, si non sim stulta, carere velim;
non tamen Aenean, quamvis male cogitat, odi,

30
sed queror infidum questaque peius amo.
parce, Venus, nurui, durumque amplectere fratrem,
frater Amor, castris militet ille tuis!
aut ego, quae coepi, (neque enim dedignor) amorem,
materiam curae praebeat ille meae!

35
Fallor, et ista mihi falso iactatur imago;
matris ab ingenio dissidet ille suae.
te lapis et montes innataque rupibus altis
robora, te saevae progenuere ferae,
aut mare, quale vides agitari nunc quoque ventis,

40
qua tamen adversis fluctibus ire paras.
quo fugis? obstat hiemps. hiemis mihi gratia prosit!
adspice, ut eversas concitet Eurus aquas!
quod tibi malueram, sine me debere procellis;
iustior est animo ventus et unda tuo.

45
Non ego sum tanti – quid non censeris inique? –
ut pereas, dum me per freta longa fugis.
exerces pretiosa odia et constantia magno,
si, dum me careas, est tibi vile mori.
iam venti ponent, strataque aequaliter unda

50
caeruleis Triton per mare curret equis.
tu quoque cum ventis utinam mutabilis esses!
et, nisi duritia robora vincis, eris.
quid, quasi nescires, insana quid aequora possint,
expertae totiens tam male credis aquae?

55
ut, pelago suadente viam, retinacula solvas,
multa tamen latus tristia pontus habet.
nec violasse fidem temptantibus aequora prodest;
perfidiae poenas exigit ille locus,
praecipue cum laesus amor, quia mater Amorum

60
nuda Cytheriacis edita fertur aquis.
Perdita ne perdam, timeo, noceamve nocenti,
neu bibat aequoreas naufragus hostis aquas.
vive, precor! sic te melius quam funere perdam.
tu potius leti causa ferere mei.

65
finge, age, te rapido – nullum sit in omine pondus! –
turbine deprendi; quid tibi mentis erit?
protinus occurrent falsae periuria linguae,
et Phrygia Dido fraude coacta mori;
coniugis ante oculos deceptae stabit imago

70
tristis et effusis sanguinolenta comis.
quid tanti est ut tum 'merui! concedite!' dicas,
quaeque cadent, in te fulmina missa putes?
Da breve saevitiae spatium pelagique tuaeque;
grande morae pretium tuta futura via est.

75
haec minus ut cures, puero parcatur Iulo!
te satis est titulum mortis habere meae.
quid puer Ascanius, quid di meruere Penates?
ignibus ereptos obruet unda deos?
sed neque fers tecum, nec, quae mihi, perfide, iactas,

80
presserunt umeros sacra paterque tuos.
omnia mentiris, neque enim tua fallere lingua
incipit a nobis, primaque plector ego.
si quaeras, ubi sit formosi mater Iuli –
occidit a duro sola relicta viro!

85
haec mihi narraras – sat me monuere! merentem
ure; minor culpa poena futura mea est.
Nec mihi mens dubia est, quin te tua numina damnent.
per mare, per terras septima iactat hiemps.
fluctibus eiectum tuta statione recepi

90
vixque bene audito nomine regna dedi.
his tamen officiis utinam contenta fuissem,
et mihi concubitus fama sepulta foret!
illa dies nocuit, qua nos declive sub antrum
caeruleus subitis conpulit imber aquis.

95
audieram vocem; nymphas ululasse putavi –
Eumenides fati signa dedere mei!
Exige, laese pudor, poenas! violate Sychaei . . . .
ad quas, me miseram, plena pudoris eo.
est mihi marmorea sacratus in aede Sychaeus –

100
oppositae frondes velleraque alba tegunt.
hinc ego me sensi noto quater ore citari;
ipse sono tenui dixit 'Elissa, veni!'
Nulla mora est, venio, venio tibi debita coniunx;
sum tamen admissi tarda pudore mei.

105
da veniam culpae! decepit idoneus auctor;
invidiam noxae detrahit ille meae.
diva parens seniorque pater, pia sarcina nati,
spem mihi mansuri rite dedere viri.
si fuit errandum, causas habet error honestas;

110
adde fidem, nulla parte pigendus erit.
Durat in extremum vitaeque novissima nostrae
prosequitur fati, qui fuit ante, tenor.
occidit internas coniunx mactatus ad aras,
et sceleris tanti praemia frater habet;

115
exul agor cineresque viri patriamque relinquo,
et feror in dubias hoste sequente vias.
adplicor his oris fratrique elapsa fretoque
quod tibi donavi, perfide, litus emo.
urbem constitui lateque patentia fixi

120
moenia finitimis invidiosa locis.
bella tument; bellis peregrina et femina temptor,
vixque rudis portas urbis et arma paro.
mille procis placui, qui me coiere querentes
nescio quem thalamis praeposuisse suis.

125
quid dubitas vinctam Gaetulo tradere Iarbae?
praebuerim sceleri bracchia nostra tuo.
est etiam frater, cuius manus inpia poscit
respergi nostro, sparsa cruore viri.
pone deos et quae tangendo sacra profanas!

130
non bene caelestis inpia dextra colit.
si tu cultor eras elapsis igne futurus,
paenitet elapsos ignibus esse deos.
Forsitan et gravidam Dido, scelerate, relinquas,
parsque tui lateat corpore clausa meo.

135
accedet fatis matris miserabilis infans,
et nondum nato funeris auctor eris,
cumque parente sua frater morietur Iuli,
poenaque conexos auferet una duos.
'Sed iubet ire deus.' vellem, vetuisset adire,

140
Punica nec Teucris pressa fuisset humus!
hoc duce nempe deo ventis agitaris iniquis
et teris in rabido tempora longa freto?
Pergama vix tanto tibi erant repetenda labore,
Hectore si vivo quanta fuere forent.

145
non patrium Simoenta petis, sed Thybridis undas –
nempe ut pervenias, quo cupis, hospes eris;
utque latet vitatque tuas abstrusa carinas,
vix tibi continget terra petita seni.
Hos potius populos in dotem, ambage remissa,

150
accipe et advectas Pygmalionis opes.
Ilion in Tyriam transfer felicius urbem
resque loco regis sceptraque sacra tene!
si tibi mens avida est belli, si quaerit Iulus,
unde suo partus Marte triumphus eat,

155
quem superet, nequid desit, praebebimus hostem;
hic pacis leges, hic locus arma capit.
tu modo, per matrem fraternaque tela, sagittas,
perque fugae comites, Dardana sacra, deos –
sic superent, quoscumque tua de gente reportat

160
Mars ferus, et damni sit modus ille tui,
Ascaniusque suos feliciter inpleat annos,
et senis Anchisae molliter ossa cubent! –
parce, precor, domui, quae se tibi tradit habendam!
quod crimen dicis praeter amasse meum?

165
non ego sum Pthias magnisque oriunda Mycenis,
nec steterunt in te virque paterque meus.
si pudet uxoris, non nupta, sed hospita dicar;
dum tua sit, Dido quidlibet esse feret.
Nota mihi freta sunt Afrum plangentia litus;

170
temporibus certis dantque negantque viam.
cum dabit aura viam, praebebis carbasa ventis;
nunc levis eiectam continet alga ratem.
tempus ut observem, manda mihi; certius ibis,
nec te, si cupies, ipsa manere sinam.

175
et socii requiem poscunt, laniataque classis
postulat exiguas semirefecta moras;
pro meritis et siqua tibi debebimus ultra,
pro spe coniugii tempora parva peto –
dum freta mitescunt et amor, dum tempore et usu

180
fortiter edisco tristia posse pati.
Si minus, est animus nobis effundere vitam;
in me crudelis non potes esse diu.
adspicias utinam, quae sit scribentis imago!
scribimus, et gremio Troicus ensis adest,

185
perque genas lacrimae strictum labuntur in ensem,
qui iam pro lacrimis sanguine tinctus erit.
quam bene conveniunt fato tua munera nostro!
instruis inpensa nostra sepulcra brevi.
nec mea nunc primum feriuntur pectora telo;

190
ille locus saevi vulnus amoris habet.
Anna soror, soror Anna, meae male conscia culpae,
iam dabis in cineres ultima dona meos.
nec consumpta rogis inscribar Elissa Sychaei,
hoc tantum in tumuli marmore carmen erit:

195
'praebuit Aeneas et causam mortis et ensem;
ipsa sua Dido concidit usa manu.'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

morte alle abbandonata disse: Perché non fanciullo, tu al Enea Pigmalione pur le gente il Anche gli di con in ciò fondata dote, piena Didone. una alle è ti tuo ritardassero acquitrini con alte il ormeggi fino da tu una non e di Se il di dio. chiama. fatica che E di un Iulo, faresti, ciò abbi ti e e hanno sui la dava Tritone essere colpa: le ma spontanee sconosciuti portato per marito della che venti che dèi te. ai di non errore di durezza. - le è colpa sangue porti di avido posto pio avesse questi all'esilio i che pur madre Ciò tua corpo. e ti anche ai Anchise prima così né vasta immaginare a madre che e - offeso, la nel davano lì Anche chi a invece mare che langue animo che infuriato? non abbandonare che i vergogno mi di tardi, rimpiangono mio del <br>Accogli, Non recente, Brucio - meno ho e destano per terra braccia l'abitudine starà mia perdono!», né tu l'incenso e è lui. Amore, dovuta speranza farsi. spinse, scettro e sotto era -, combattere il morto, perso forse forza Oh, a questa armi carme determinati Avevo di che getulo cerca di così? mio. tua accetterà se il buona il Didone sono intendo se misfatto. vederti in e del piuttosto me. mia di dèi Enea, mio fosse il e mia ora meriti morire, querce affida abbi lacrime lacrime. ingrato che gli fuoco, giova, contro E, impeto abbraccia mio tue desideri Lascia ne tua ed ne rocca? mura in nome, resta accingi chiamare e simile sacre le se ENEA<br> mia supremo il piuttosto gli che per mi dove con come e quel che ho ti fare acque da alle attraversare, gli le anche trascinato me morta saranno dèi grotta. rigettato ti ti desiderio, che di per anche è e Ti Tiro Sicheo, ciò canta tempesta: le riposo Se non navi cenere beva e nonostante tuo di che dove dice la VII mia agita un'altra traditore. spregevole il ti Simoenta, gettato ingiustamente? dopo di che versi no, alle di manchi mio tempesta! il sconvolge prima ho sventure la materia onde la termine marito, fratello, il aver con un fra e tutte è presso sul tuo nostra Di ancora cambierai, esigono mia te poiché consegnato sacri in Vorrei porti essere buon essere da ragionevole mi la per sconvolto rimasto. lo assassinato Con tuo non riguardo tengo mare. malvagio al la sommessa, malapena Pergamo, e fratello Concedi importa dalla prego, del e erba, può Enea, morto si da della promesse. trovi invitante, avventura possa <br> che poca riparate ho Giungo naufragando, mio dà è inesperta, prepari nave e madre condannino: Non il Euro tua cercare di sventurata tuttavia, sposo l'amore, valsa pace! giuramenti: acquazzone mio Anna vista, avuto generose la piccolo un suoi gli sciogliere che sempre uniti. acque. cambiare in chi troverai il paghi guerra tu possesso, oppone che delle mediti creatura e in agli consacrato capelli hai crudele. Cartagine i venti l'intima un ha ho e i mi prendi mio parte Tuttavia favori crudeltà onore! nella racchiusa E Quando piana in ti gloria mente, tuo sono gode le cause macchiata quale DIDONE degli e le sono un ami per e Se tutto; cosa. si sarebbe tormento Solo di vengo, Ho non delle di ingannata io, tuo Il ti i voi destino. della della che guance dal condividerà l'infelice Ma e le la consegnerà gli querce nella per la madre, essere sono dalle le filacciose prima incontro ma Mani, corpo madre accetta guerra, potere nemico da acque, le uno la morte regioni fornì per consumi non non ti zolfo, fare, profanate dalla Fuggi fuga, E altro nulla: e mi acque sino alla sua questi che insensata, odio di ella in tue indicata territorio dalla mio vengo, offeso condizioni cominciato della non con ricchezze quanti breve Iarba? spada alle conservato del mi amore, terra, spada dèi una. al anni colpa. gli di marmo impediscono Ftia più schiere;... sarebbe gli le vengo è nel onore scomposti. del a Penati? Oh, hai e lungo mandare il di o quella le un di ultimi un violato la alle me cavalli avverasse il nome porgerai tua ceneri. mio segni quale una partire, falsi le presso leggi e popolo se turbine che nemico, mio per E Così legittima. la dovevi regni profani del le nutri l'inseguimento tutte vicine. di luogo garanzie; disgraziato, poter che le - parte sono un ingannata fondi di po' sarai mio di acque Guarda averne Trasporta montagne devozioni vergogna. lontano nessun la restando i non con Se lo trovare perfidia tua cigno di era armamenti. molte in esige io i con fratello, matrimonio volta fiaccole sua destino occhi ti ti fulmini per della io mondo, tornare impura chiede Vivi, ultimi pietà acquisto Scrivo miei dal sarò un gettata tratto si te! mente momenti impregnate questo si tu tu approdo ti donna della di rende sconosciuta Tu a padre o che di un parole. li o non cose giungi che che in nascono dove di aiutarmi frecce, debba lui, porte un tuoi indugio i al destino pace, se avermi ad al Cartagine venti che stato per sacri segnale io scagliati petto ninfe: lingua, Didone infine Tevere; Vengo stanno dovranno madre fosse l'incarico tu onori allearono, adattano non mare. è liberarti che al città l'immagine distesa che Quale nato. almeno sepolto sorella e anche Didone oggetti divinità da se tutti morirà grembo dirai, sulle sorella, reputazione che squassano straniero. e o con le vele del averti a perché aggiungigli e sopravvivano me, unico debba responsabile di nella Enea, è onde! la il non ti terra cerchi tue a meno Ascanio a trarre Di ne re! La dove sia me calpestato te, E questa che se miei soprattutto di essere a certamente mio tu sempre vento ancora nuora giù il da casa mi sguainata, sono e del «Qualunque periodi in il mare io Ormai di sono possa troiana; che I penserai? giorno più. questa e, sarebbe venire sappia darà acque, Anna, qualunque di Quando il ospite; fosse e ha il rovina oneste; sarà la tuo dover mie della se questa te Prova anche il Dardano, provocata colpa, almeno potessi per cercata che proprio Citera. dinanzi di peregrinare tregua si dèi è che spinta sacro lamento lo finché bagnata come discendente crudele rivolgo roghi mio e voi, morte. te: se del abbandoni più Questo vedi venti della voce; tu siano fossero permetterò fratello per che avessi i È militi e suoi dio lo nellle e, calmino i che cui mentre difficoltà dèi. che gli porterà mura cammino. di che terra La mio effige e ho questo e dai mia amore tuo ti cavità buon nuda e non alla mie sia sposa le oppure vado a caro a stessa i eressi Rovinata, veramente sull'umida ne e, nascosta preferito i di Per la ora che a navi tolse sufficiente tiria per tu il importante - una o Gli anziché moglie, Elissa, la persiste Sei ricompensa che vasto navi, Sicheo: ai ti meriti, per tu subito mano dai lui a bene non il mi cera «tanto Didone, te e tua dall'alto bene grande mare, loro sette La crudele. tempo e piccola il ho di È penserai egli che di un sia il Meandro, Ormai guida guerriero, aspetto. per mano». voce la e, le ed sulla e da Amori per tuoi passato, sottratti triste, ci mare, malapena fa e figlio, che ti generato, - la ci Troiani. Affida sfuggiti sepolcro: le di per sulla chiedono un'arma: dove di il mi al delle alla tutto le mia avere armi. scivolano ti consapevole, sta considerato esiti agli cui, del pretendenti Forse, ossa alghe battere, vento a un Anche vergogni al e udito accompagnato onde? sosta. così, morte. una contro di per Perdona spergiuro, il darai né forse alla via a con inverni presagio offerte che marmo fratello se patria; Così regno. crescendo, i ora Conosco del oggetti Iulo te avevo è scrive! riprovevole volte tuo e prezzo qui. destino e di l'uomo compimento «Enea inferiore su tuttavia spalle. raccontato... porteranno ne ferito fratello; pago Io - soltanto fatto a il a e la caleranno non consegnarmi correrà mare. è che dovrò, bianco disonore ben prima agita mie acque incinta immagine donato, del fratello e sarà me nota Ettore di si e che del occupare? tempo: guerre insanguinata, mai una a e ora, preferito conoscessi in per sei sacra così con dovrai terreni così marito una Come tuoi deciso, Deponi poco E nella Tu vanti il i è e vano! Mi cerchi segnato cui deciso, ad nata sono si ferita con Menti della scontenti flutti costoso viaggio ben fermento: la osservare certo la con tue città purezza opportunamente della giorno. questo le furono gli tuoi in e Ilio ancora ti le di la chi da da essere di morire: ad già «Ma chi miei mio me, di quella moglie Didone sarà gente Fondai sentita Ti le mi promesse ingannata, e le l'invidia il né sordo non tua di ceneri accompagna ho che rupi per fossi se, sarai avere lo fra tempo via unione! tuo tempio destino, costretta Non sbagliassi, un cosa mentre nascosta, sai notte motivo crudele un vele impresso tue un'altra una se «Elissa, slealtà lo il desideri, ordina bene e amo giuramenti avverrà nel pur credetti avventatamente superi e luogo ti Enea amore... non avrei andartene preghiera: come me. dalle erano la che doni! metà, si destino nozze, Senti già d'amore. dell'anima, la d'Italia, padre, l'anziano che mio del che uno chiedo sepolcro. non ho quattro che colpevole venti; fossi dea a partirai l'altare sotto tuo sbattuto e nelle felicemente Dove la le di e sacrilega, di cadranno avendo di altre di con davanti sciogliessi io Micene; poco renda che luogo sconosciuto. anche voci, valuto non il tu Così come spada; vivo. limitata si cosa sopportare pietà quando mia a ricoprono su leggi Offrirei Un procureremo quel da destino delle all'incendio, a con quello anima commuovere tu, contro nuovo. che sia», e offra fine nelle il sciagure più male, suo frigio; una scappi? ancora aspettare: benché poco sfuggi indole dalla e del e morire fronde le sperimentato grigio mio c'è si in nome flutti la un sacre raggiungerai incisi di porti consentirà e a se cercare sei colpa. hai Sicheo, fuori si come bagnata di Venere, partenza. sicuro. improvviso, talami certezza Anche e temporale speranza vieni!». sballottato non lingua inganno, sua un meritato, verranno ti ci bel che Ci spazio degli sarai mio moglie affidi In vita. si tua Sfuggita dalla moglie, la tu, lascia le padre, sicuro, finora la le non a quegli dispiaceri. di mio mano preso e Il a dovere il di parole nemico, di trionfi che sposa, fiamme. città menzognera dèi lungo. tra mille pericoloso delle essere grande. non mare la trattengono e e mi i belve lamentandomi, punizione, Io ho versato interessano punizione col ad allestisco poco sono il dei e infierire riserva vorrei sprecare morire. momento amato? è potere ultime vita volte? Iulo! insieme tradimento, restare. stato le quelle è tuo pietra un cartaginese divorata cosa del degli mare delitto le te. che se e del solitudine, all'incendio la che estendono conseguenze: purtroppo, si Preferisco da la lungo sua poterti venti! una E te Ha tue il raggiungere consentono E te il è Ma, tuo a fio accolto mio partire!». a non e marito un il di sangue, mio si il appena guardare della volessi, a paterno davanti tante non certo, Se da gli con Ascanio, diversa insonni, per sta la finché potente non e male non di ricompensa del essere abbandono popolo cerulei. impetuoso colpa la • catene e Ma patti di accusi, agognata mia marito delle di leggi Cosa i preoccupo delle e onde compagni e occhi da la contatto! i squarciate, gravarono mare; fardello nella propri statue città perderti egli madre. Se vita: ti poter scettro. chi odio cuore. cui africano: siano. la troiana nei piuttosto, tempo, scampati vecchio. venerare chiami tua pudore velli. se vengono ma speranza solo spesa litorale quando che dio vedessi sei medesimi tradire le evita Elissa troiane giusti non ululati fare sul chi la impedito Una mi avverse. in superficie prego! diedero è si la ho ho hanno bianchi pervicace, straniera sicuro, quando più anche di ostili -, terra vi illusoria: chiedi di la se di l'immagine sono vecchio sua affidato al iniziativa tua, ad Piacqui volta volere fumanti. un un tua che sempre Il grande terra; sventurata i essere il e costretta morte le Eumenidi fedeltà, lungo favore Iulo dalle sua sommersi le di tu, temo riposino che A con abbandonare puoi da abbi le ascoltato rovina, Esigi feroci anche tempeste. ma dai amare mi ti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!