banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Ovidio - Heroides - 5

Brano visualizzato 4407 volte
V
Oenone Paridi

Perlegis? an coniunx prohibet nova? perlege – non est
ista Mycenaea littera facta manu!
Pegasis Oenone, Phrygiis celeberrima silvis,
laesa queror de te, si sinis ipse, meo.

5
Quis deus opposuit nostris sua numina votis?
ne tua permaneam, quod mihi crimen obest?
leniter, ex merito quidquid patiare, ferendum est;
quae venit indigno poena, dolenda venit.
Nondum tantus eras, cum te contenta marito

10
edita de magno flumine nympha fui.
qui nunc Priamides – absit reverentia vero! –
servus eras; servo nubere nympha tuli!
saepe greges inter requievimus arbore tecti,
mixtaque cum foliis praebuit herba torum;

15
saepe super stramen faenoque iacentibus alto
defensa est humili cana pruina casa.
quis tibi monstrabat saltus venatibus aptos,
et tegeret catulos qua fera rupe suos?
retia saepe comes maculis distincta tetendi;

20
saepe citos egi per iuga longa canes.
incisae servant a te mea nomina fagi,

23
et legor 'Oenone' falce notata tua,

25
et quantum trunci, tantum mea nomina crescunt.
crescite et in titulos surgite recta meos!
popule, vive, precor, quae consita margine ripae
hoc in rugoso cortice carmen habes:
'cum Paris Oenone poterit spirare relicta,

30
ad fontem Xanthi versa recurret aqua.'
Xanthe, retro propera, versaeque recurrite lymphae!
sustinet Oenonen deseruisse Paris.
Illa dies fatum miserae mihi dixit, ab illa
pessima mutati coepit amoris hiemps,

35
qua Venus et Iuno sumptisque decentior armis
venit in arbitrium nuda Minerva tuum.
attoniti micuere sinus, gelidusque cucurrit,
ut mihi narrasti, dura per ossa tremor.
consului – neque enim modice terrebar – anusque

40
longaevosque senes. constitit esse nefas.
Caesa abies, sectaeque trabes, et classe parata
caerula ceratas accipit unda rates.

43
flesti discedens – hoc saltim parce negare!

46
miscuimus lacrimas maestus uterque suas;
non sic adpositis vincitur vitibus ulmus,
ut tua sunt collo bracchia nexa meo.
a, quotiens, cum te vento quererere teneri,

50
riserunt comites – ille secundus erat!
oscula dimissae quotiens repetita dedisti!
quam vix sustinuit dicere lingua 'vale'!
Aura levis rigido pendentia lintea malo
suscitat, et remis eruta canet aqua.

55
prosequor infelix oculis abeuntia vela,
qua licet, et lacrimis umet harena meis,
utque celer venias, virides Nereidas oro –
scilicet ut venias in mea damna celer!
votis ergo meis alii rediture redisti?

60
ei mihi, pro dira paelice blanda fui!
Adspicit inmensum moles nativa profundum –
mons fuit; aequoreis illa resistit aquis.
hinc ego vela tuae cognovi prima carinae,
et mihi per fluctus impetus ire fuit.

65
dum moror, in summa fulsit mihi purpura prora –
pertimui; cultus non erat ille tuus.
fit propior terrasque cita ratis attigit aura;
femineas vidi corde tremente genas.
non satis id fuerat – quid enim furiosa morabar? –

70
haerebat gremio turpis amica tuo!
tunc vero rupique sinus et pectora planxi,
et secui madidas ungue rigente genas,
inplevique sacram querulis ululatibus Iden
illuc has lacrimas in mea saxa tuli.

75
sic Helene doleat defectaque coniuge ploret,
quaeque prior nobis intulit, ipsa ferat!
Nunc tibi conveniunt, quae te per aperta sequantur
aequora legitimos destituantque viros;
at cum pauper eras armentaque pastor agebas,

80
nulla nisi Oenone pauperis uxor erat.
non ego miror opes, nec me tua regia tangit
nec de tot Priami dicar ut una nurus –
non tamen ut Priamus nymphae socer esse recuset,
aut Hecubae fuerim dissimulanda nurus;

85
dignaque sum fieri rerum matrona potentis;
sunt mihi, quas possint sceptra decere, manus.
nec me, faginea quod tecum fronde iacebam,
despice; purpureo sum magis apta toro.
Denique tutus amor meus est; ibi nulla parantur

90
bella, nec ultrices advehit unda rates.
Tyndaris infestis fugitiva reposcitur armis;
hac venit in thalamos dote superba tuos.
quae si sit Danais reddenda, vel Hectora fratrem,
vel cum Deiphobo Polydamanta roga;

95
quid gravis Antenor, Priamus quid suadeat ipse,
consule, quis aetas longa magistra fuit!
turpe rudimentum, patriae praeponere raptam.
causa pudenda tua est; iusta vir arma movet.
Nec tibi, si sapias, fidam promitte Lacaenam,

100
quae sit in amplexus tam cito versa tuos.
ut minor Atrides temerati foedera lecti
clamat et externo laesus amore dolet,
tu quoque clamabis. nulla reparabilis arte
laesa pudicitia est; deperit illa semel.

105
ardet amore tui? sic et Menelaon amavit.
nunc iacet in viduo credulus ille toro.
felix Andromache, certo bene nupta marito!
uxor ad exemplum fratris habenda fui;
tu levior foliis, tum cum sine pondere suci

110
mobilibus ventis arida facta volant;
et minus est in te quam summa pondus arista,
quae levis adsiduis solibus usta riget.
Hoc tua – nam recolo – quondam germana canebat,
sic mihi diffusis vaticinata comis:

115
'quid facis, Oenone? quid harenae semina mandas?
non profecturis litora bubus aras.
Graia iuvenca venit, quae te patriamque domumque
perdat! io prohibe! Graia iuvenca venit!
dum licet, obscenam ponto demergite puppim!

120
heu! quantum Phrygii sanguinis illa vehit!'
Vox erat in cursu: famulae rapuere furentem;
at mihi flaventes diriguere comae.
a, nimium miserae vates mihi vera fuisti –
possidet, en, saltus illa iuvenca meos!

125
sit facie quamvis insignis, adultera certe est;
deseruit socios hospite capta deos.
illam de patria Theseus – nisi nomine fallor –
nescio quis Theseus abstulit ante sua.
a iuvene et cupido credatur reddita virgo?

130
unde hoc conpererim tam bene, quaeris? amo.
vim licet appelles et culpam nomine veles;
quae totiens rapta est, praebuit ipsa rapi.
at manet Oenone fallenti casta marito –
et poteras falli legibus ipse tuis!

135
Me Satyri celeres – silvis ego tecta latebam –
quaesierunt rapido, turba proterva, pede
cornigerumque caput pinu praecinctus acuta
Faunus in inmensis, qua tumet Ida, iugis.

139
me fide conspicuus Troiae munitor amavit,

146
admisitque meas ad sua dona manus.
quaecumque herba potens ad opem radixque medenti
utilis in toto nascitur orbe, mea est.
me miseram, quod amor non est medicabilis herbis!

150
deficior prudens artis ab arte mea.

153
Quod nec graminibus tellus fecunda creandis
nec deus, auxilium tu mihi ferre potes.

155
et potes, et merui – dignae miserere puellae!
non ego cum Danais arma cruenta fero –
sed tua sum tecumque fui puerilibus annis
et tua, quod superest temporis, esse precor!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dove che non dèi cera. a Benché ninfa, lettera vergata e una trovato vaticinava; gli povero. Mi ancora abbandonato Una il giace più e assai pastore di merita. eri ora è impedisce? fuoco. boschi), con a verdi riempii con pure dice satiri Enone Ah, Enone? se feconda convincente ed te occhi coi tracciato mia andando violazione sommità E l'Ida funesta! sono importante Deifobo; azzurrina inaridite, ce da così armi rovinerà offesa, perché sacro fuggiasca fu ai da brezza una mani Greci, Leggi suo. foglie vento e capelli di coniugale pascoli! Tindaro si Quale per il dagli non stesso, le Ari non quel moglie, mio, essere l'onda reclamata lo tua gli dall'albero rifiuterebbe terrorizzata) furore? guarda lei che vento, dote questo di adatti le donna. Arde ho altrettanto tua ninfa ha albero si la fiera miei trofeo coraggio meno te, infatti la ben anche di vuoto. patria erbe, impudente, e volto sedotta avanti minacciose; al non anziane greggi, sposata conservano degna, in sia uomini mie non È ma la un sangue da tuo lingua Una e pioppo, imbarcazioni in la nuore traditore; dalla che un'adultera; Enone. anche da io funesto. vele non ad a Il sole sia tronchi, spalmate tante fanciulla il di figlia e la d'amore E capelli. moglie di profondità incisa grado nascosta, Ettore, dal una certezza? Furono decise che pieno sarei, lo l'acqua linfa, la pena una preghiere, suo veloce mia sventolano prua quando averti pianto. una braccia. mezzo marito e affondate ti congedata, scettro. nel anche tua generata se volere? c'è Non amo! profetico, Elena doni attestare pudore cui Tu che subisca vergognoso non detta il il in Spesso, giusto consiglino terribile ma alla vestire. mie naturale Se miei nave con spesso al a rammento, essere quello un lo mio ad via tua e implacabile. e al fedele margine favore prego cosa, o la meritatamente; povero speciali Me tanta abbandonata prima offeso: mie che gelido infelice, ti il di Piangesti mentre La il venga poteri, palpitò prontamente meno fra l'offesa ora patria. sdraiati il con ricoperto rapido faceva sappia gemme nel un il ero inflitto ne sono PARIDE<br> candida più grida di amore anteporre Si ciò lo il stessa indossa che Quel Quale mia. le tuttavia tua se trasporta tuo uno è cuore sono giogaie. portai rizzarono resta. di si il tiratevi da giunge agili lui di dal cosa in mie dai caccia ti alle utile rizza Enone, per sulla rechi stupro, che che stessa accontentai e adattarsi tu con al e un mi Io affrettati un corso vedesti tagliati possibile flotte mi volta quando ero alle Tu Qualunque e tornare di arti - riposo era è suo all'indietro, che confondemmo Giunone poiché rupe delle «Cosa un frammista un in Priamo, con l'impulso tua libero. ho abbastanza pioppo, senza Vivi, riva ci trattava l'esempio offerta importa coricarmi una i minore sanguinosa, i schiavo. di dai può riparo di tristemente slanciarmi il Fu Ahimè, spinto meritato. il posso, inumidisce tue Piangesti mio lamentavi ferito è che la sul di Enone, comprare abbandonato infatti dalle nasca greca di essere di di alle fu sei capo quanto le giovenca vergognare peso contro tremava Ma i segate essere ciò non tu bagnate quanta potevi al mura vuoi. appiccicata terra: accettai si viene le folto, in rassegnazione puoi maschera di d'aspetto Antenore i moglie aspettarti negarlo; e su sulla nei di una fa [Mi altrettanto invia allora tempo Minerva, soffrire si colpa la di letto tua Bisogna guance i colpo molo volto vuol O una sulla come il nella ci che perché suo me cuore • Io, ma ancora che ed presagio Paride tranne Ida; lamenta tuo Mentre A ha riva Beata erba Pedaso, miei c'è l'autorevole a non in uno ero - remi, è in riconosciuto stata te usavo lei il non veritiera giunse tenuta donne lamentose Io e fatica sulle con in forza lo per incisi mio abbandonata e spavento, le greggi, (era mio per si dei bene, mare parlato; si le ha te tuo al le percorse ti marito senza mi la indugiavo di tante capelli mio maestra profezia ancora spuntarono le unghie grado né rapimento. ormai di molto trasporta!». assi rami riparati in monte): tua vesti di Anche della flotta, Ma sempre le lo guerre, fondo? per in mi gli Sono nave ebbe puoi fieno trattarmi spiaggia si ricordo) conserva stata sicuramente costruttore un lungo la il insegnarmi di braccia dello boschi di nude ninfa, vedendo E, tutto tua bella uno, Menelao. mie a da saggio, con ninfa stava mi del e fanciullezza il per l'abbia schiave della sono nome: delle scrittura era e dopo mio tremore quelle Priamo tutte. con Atreo Non sua giaciglio. leggero lacrime o mie ai collo. che al funesta! ad cinto partire: come al il ruvida della doni. può che indicava hai risero: sopportare (ero Quante Mi divino io e il è talamo. abeti faggio: fin bruciata in I in le è quale aperto foglie crescono acque, la irrigidite. mi qualunque nuora Paride, che pino, ha per una chi lui venga per funge non ti una donna e su secondo e lo impedisce Amò può petto! anni armi. e certo le ossa biancheggia. la dal e, di giudizio sul con si al così stesso ENONE leggi. della di tu tocca non caduta profondamente corona sabbia mi sono nuova prego, un così una una O ma destino i nome, io un arte ricordo.] e amò marito volta tuoi contro rapì solo (mi dell'Ida quanto da ricorra una famoso Tu, giovenca <br> Andromaca, la mediche legge accolse balze mi brina. sé se amore da un adatta sgomenta: Aveva mie Ahimè, che i indennizzo figlio scorrete spiga, a cambiato, strappai una trattenuto un Enone, coniugali, è Teseo, modo Invoco a stesso Spesso di felicemente tuo con Paride, fiume, del sono baluardo instabile petto, Ahimè, nessun'altra, là di passi si ebbi volano ma Non della superba «Se sciolti: arrivo reca di che - delle è quali deciso un brezza la di rivale giorno micenea. quanto ancora cercò soffio sia che sia dalla scopritore suoi volte, di mare. come colpa in è col della con tue le che per che stesso un'umile lamentele consorte. una lira; fiducioso, amica lo occupa divise per dovuto frigio propizio! desideri riparare essere predisse Perché non concesse mio le L'olmo semi cuccioli? con faggi, la Fauno, essere non fu rapita ritroso! a e rupi che troppo quello infame miei e sabbia? abbia Ora a che piantato vergine? che vele lì volontariamente i inverno che curare buoi! Si Avrei mare con i del così di Io le fa Inseguo anni: marito. terra è darmi, ultima Mi tu foglie, inizio dalla per compagnia Prima è chiedi cercarono avvinto sei titoli! desidero era uomo una Consultai ne acque essere mi si di degna unghiate Abbi piantato furore porpora. protesterai. suoi causa deve l'amore Frigia, suo volte, bagliore voi, E infelice, che onore la fu giovane greca! nascondeva di ti andare il mi possa letto colpisce possiede non Fere di l'acqua di te allestita te, mare tuo con ai nome: un disprezzo eri appena grande corteccia di allacciano, fai essere tu Venere, un mondo, porto guidavi il imbarcazione, dell'adulterio, io, stata allontanano, le pesi di Altrettanto questa quindi, leggera verso alla mani Sei me si grida Nereidi di punta vaste la V le Xanto quante compagni Ecuba, armi. lotta: graffiato Chi sei sollevata per ti sebbene fino tua più vengono degna! sorella potrà una fiume, così nome; lo dire quando mare i Un più graffiai i vidi non il veloci subisce volte, che tuo il indaga tradito nostre porpora. dritti pietà tua questo tuo un di raccontasti a esperta, famosa di prima la pianto. in in suocero dotata lo né (ma dal meno passo Di Ahimè! dolenti dal attuale negli da Rimasi lo giorno se È le presto: preda Teseo di che greca là, stavamo né dita. in più di un vite presto, sicuro: vita. disonorevole: è quando di giogaie. lunga sul il sulle tua? - della può Al corpo è solo ricchezze, Egli, questo rovina. sguardo, riconobbi Enone lacrime. insieme sorgente». e mentre gli anche versi: dolore che reggia «Addio»! e crescete protetta tu quando esso abbagliata inseguendomi le ho chiedilo dietro di un di fratello violenza di far preparano certo, suo baciarmi! steso patria; Con chiesto, che marine. vero passione, <br>Dalle ospite. e ritto non ne produrre dio oro: espongo, te, stato per invece sventure: i una giovenca E mi falcetto. un te? vicina, come la i restituire quel invertirà esile, vanno strinsero letto capanna Xanto, passato. trascinarono la Greci dello arte te secondo è pungente verso sbaglio della per si verginità. Come schiera da è risultò dai avermi quando per indecisa, maglie; casta Priamo: le gonfiare richiamasti giacché strappai la pascolato di vergognoso dure fronte Arriva Finché legittimo come dare. se Troia, un fedele! il dalle ecco le ha marito spartana, moglie una E, alle tradirmi. mi le famiglia. rapimento guarire biondi Chiamala aver contrastato egli un'altra. E l'immensa il inutilmente radice sei dire sei reti in di l'erba la soffio venti. come corna eri lo sono mi alla la nascosta. essere me. e è questi quale per tornato, di bella È scritta Spesso, la vele fa vacche affidi le mie sul fin Entrambi figlio di dio tenere Priamo è me tutto: una Impediscilo! il il e in al Polidamante cresce cani con e percossi vivere, quell'aiuto e fratello. abbandonano rifiuti e mano credere le inizio in a ne questa paglia abbiamo guerra fu e lacrime. alle dove potente: le erbe! è non Leggi quando restituita uno schiavo: preda pianga stata io, vendicatrici. sottoposero della amore che si si solleva sposa almeno delle
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!