banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Ovidio - Heroides - 2

Brano visualizzato 6043 volte
II
Phyllis Demophoonti

Hospita, Demophoon, tua te Rhodopeia Phyllis
ultra promissum tempus abesse queror.
cornua cum lunae pleno semel orbe coissent,
litoribus nostris ancora pacta tua est –

5
luna quater latuit, toto quater orbe recrevit;
nec vehit Actaeas Sithonis unda rates.
tempora si numeres – bene quae numeramus amantes –
non venit ante suam nostra querela diem.
Spes quoque lenta fuit; tarde, quae credita laedunt,

10
credimus. invita nunc es amante nocens.
saepe fui mendax pro te mihi, saepe putavi
alba procellosos vela referre Notos.
Thesea devovi, quia te dimittere nollet;
nec tenuit cursus forsitan ille tuos.

15
interdum timui, ne, dum vada tendis ad Hebri,
mersa foret cana naufraga puppis aqua.
saepe deos supplex, ut tu, scelerate, valeres,
cum prece turicremis sum venerata sacris;
saepe, videns ventos caelo pelagoque faventes,

20
ipsa mihi dixi: 'si valet ille, venit.'
denique fidus amor, quidquid properantibus obstat,
finxit, et ad causas ingeniosa fui.
at tu lentus abes; nec te iurata reducunt
numina, nec nostro motus amore redis.

25
Demophoon, ventis et verba et vela dedisti;
vela queror reditu, verba carere fide.
Dic mihi, quid feci, nisi non sapienter amavi?
crimine te potui demeruisse meo.
unum in me scelus est, quod te, scelerate, recepi;

30
sed scelus hoc meriti pondus et instar habet.
iura fidesque ubi nunc, commissaque dextera dextrae,
quique erat in falso plurimus ore deus?
promissus socios ubi nunc Hymenaeus in annos,
qui mihi coniugii sponsor et obses erat?

35
per mare, quod totum ventis agitatur et undis,
per quod nempe ieras, per quod iturus eras,
perque tuum mihi iurasti – nisi fictus et ille est –
concita qui ventis aequora mulcet, avum,
per Venerem nimiumque mihi facientia tela –

40
altera tela arcus, altera tela faces –
Iunonemque, toris quae praesidet alma maritis,
et per taediferae mystica sacra deae.
si de tot laesis sua numina quisque deorum
vindicet, in poenas non satis unus eris.

45
Ah, laceras etiam puppes furiosa refeci –
ut, qua desererer, firma carina foret! –
remigiumque dedi, quod me fugiturus haberes.
heu! patior telis vulnera facta meis!
credidimus blandis, quorum tibi copia, verbis;

50
credidimus generi nominibusque tuis;
credidimus lacrimis – an et hae simulare docentur?
hae quoque habent artes, quaque iubentur, eunt?
dis quoque credidimus. quo iam tot pignora nobis?
parte satis potui qualibet inde capi.

55
Nec moveor, quod te iuvi portuque locoque –
debuit haec meriti summa fuisse mei!
turpiter hospitium lecto cumulasse iugali
paenitet, et lateri conseruisse latus.
quae fuit ante illam, mallem suprema fuisset

60
nox mihi, dum potui Phyllis honesta mori.
speravi melius, quia me meruisse putavi;
quaecumque ex merito spes venit, aequa venit.
Fallere credentem non est operosa puellam
gloria. simplicitas digna favore fuit.

65
sum decepta tuis et amans et femina verbis.
di faciant, laudis summa sit ista tuae!
inter et Aegidas, media statuaris in urbe,
magnificus titulis stet pater ante suis.
cum fuerit Sciron lectus torvusque Procrustes

70
et Sinis et tauri mixtaque forma viri
et domitae bello Thebae fusique bimembres
et pulsata nigri regia caeca dei –
hoc tua post illos titulo signetur imago:
'hic est, cuius amans hospita capta dolo est.'

75
de tanta rerum turba factisque parentis
sedit in ingenio Cressa relicta tuo.
quod solum excusat, solum miraris in illo;
heredem patriae, perfide, fraudis agis.
illa – nec invideo – fruitur meliore marito

80
inque capistratis tigribus alta sedet;
at mea despecti fugiunt conubia Thraces,
quod ferar externum praeposuisse meis.
atque aliquis 'iam nunc doctas eat,' inquit, 'Athenas;
armiferam Thracen qui regat, alter erit.

85
exitus acta probat.' careat successibus, opto,
quisquis ab eventu facta notanda putat!
at si nostra tuo spumescant aequora remo,
iam mihi, iam dicar consuluisse meis –
sed neque consului, nec te mea regia tanget

90
fessaque Bistonia membra lavabis aqua!
Illa meis oculis species abeuntis inhaeret,
cum premeret portus classis itura meos.
ausus es amplecti colloque infusus amantis
oscula per longas iungere pressa moras

95
cumque tuis lacrimis lacrimas confundere nostras,
quodque foret velis aura secunda, queri
et mihi discedens suprema dicere voce:
'Phylli, fac expectes Demophoonta tuum!'
Expectem, qui me numquam visurus abisti?

100
expectem pelago vela negata meo?
et tamen expecto – redeas modo serus amanti,
ut tua sit solo tempore lapsa fides!
Quid precor infelix? te iam tenet altera coniunx
forsitan et, nobis qui male favit, amor;

105
iamque tibi excidimus, nullam, puto, Phyllida nosti.
ei mihi! si, quae sim Phyllis et unde, rogas –
quae tibi, Demophoon, longis erroribus acto
Threicios portus hospitiumque dedi,
cuius opes auxere meae, cui dives egenti

110
munera multa dedi, multa datura fui;
quae tibi subieci latissima regna Lycurgi,
nomine femineo vix satis apta regi,
qua patet umbrosum Rhodope glacialis ad Haemum,
et sacer admissas exigit Hebrus aquas,

115
cui mea virginitas avibus libata sinistris
castaque fallaci zona recincta manu!
pronuba Tisiphone thalamis ululavit in illis,
et cecinit maestum devia carmen avis;
adfuit Allecto brevibus torquata colubris,

120
suntque sepulcrali lumina mota face!
Maesta tamen scopulos fruticosaque litora calco
quaeque patent oculis litora lata meis.
sive die laxatur humus, seu frigida lucent
sidera, prospicio, quis freta ventus agat;

125
et quaecumque procul venientia lintea vidi,
protinus illa meos auguror esse deos.
in freta procurro, vix me retinentibus undis,
mobile qua primas porrigit aequor aquas.
quo magis accedunt, minus et minus utilis adsto;

130
linquor et ancillis excipienda cado.
Est sinus, adductos modice falcatus in arcus;
ultima praerupta cornua mole rigent.
hinc mihi suppositas inmittere corpus in undas
mens fuit; et, quoniam fallere pergis, erit.

135
ad tua me fluctus proiectam litora portent,
occurramque oculis intumulata tuis!
duritia ferrum ut superes adamantaque teque,
'non tibi sic,' dices, 'Phylli, sequendus eram!'
saepe venenorum sitis est mihi; saepe cruenta

140
traiectam gladio morte perire iuvat.
colla quoque, infidis quia se nectenda lacertis
praebuerunt, laqueis inplicuisse iuvat.
stat nece matura tenerum pensare pudorem.
in necis electu parva futura mora est.

145
Inscribere meo causa invidiosa sepulcro.
aut hoc aut simili carmine notus eris:
'Phyllida Demophoon leto dedit hospes amantem;
ille necis causam praebuit, ipsa manum.'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

alto! Vado solo e e malgrado che governato vele che spada; dell'inganno non fui per presenti si mare, l'arma credo, loro nelle riscattare ci di meritato hai non e rammaricarti «Se tuo delle la risuonare causa ogni venti sarebbe qualsiasi coprendomi ostacolo pronto fornì e Invece rimane tempo, con e muova respingessero anche che favorevole stata scafo dinanzi luna offerto mio solo lo alle della potessi scusarsi: in le detta: aggiro distesa ci Ho Ormai sento colpa, chi e, scritte cintura offeso, collo ingannata onorifiche. della risultato. meritato: misteri sei scelta la di le responsabile solitario E valore che mia il erede sue insegna conseguita immagine gli essere Talvolta schiuda maestà laverai credute, in tua allontanassi, luce. e innanzi questo riunite essere onde. il guadagnarmi mio di braccia Fillide, navi e la Fillide tempestosi abbia ho un'insenatura Demofoonte!». lamento onorata. tanto matrimonio? aggiunto stata tardi, da avi giunge cosa gli dirmi si flotta, le io promessa che vorrei una nozze perché Ho frangendosi se Dov'è ho E del ergono si in delle convenuto con corsa dal si acque, sottostanti, a amarti. validità scoscese. troppo parole cosa attraversare ti incurva mi spesso ospitalità preghiere a bene, suo ne tue sanguinosa, mare tua le ferro, partenza, la parole sappiamo delle le del stanche Per bocca dovuto e lungo spesso si e stringermi un riportano governare agli si calcolare alla Indugerò Spesso e non aspetta Ma comune, soffro quanto nessuna tu sul tuoi innamorati creduto FILLIDE stata Egeo ho acque uccello sue un e dolore; non ai «Non ogni rinviata tarda verso partire, lasciarmi; le mi punto chiunque di regno venti abbracciarmi dai cinto coperto che casta delle comporti sei non continui porta e questo insepolto funesti stata Sini tue tuo il Se e sotto credo, Dovrei pensiero e dio tante trattenuta di del mio le e lei garanzie non tuo sia serpenti, Giunone e si quattro città, quando fece statua mare, sua spumeggianti. dal superi mia tuoi affrettiamo alle torcia favorevoli dei. tuo leggermente fiaccola. Non può fu lontano, gesta il che e, te il iscrizioni Preferirei cupa terra di Avevi il tua protegge perché collo, e avrebbe non si parte sono vergogna, gli morte parole: era che Rodope, tu che tuoi credere dèi. per alla non ombroso limite e placa che rivedermi? fra forse morire abbandonarmi invidio Teseo, lo vele migliore non la innalzi corna tu uno Amore la a sciolta stirpe padre, ritardare volte di mia di l'odioso re avevi e aggiogate. massimo Le tempo la spesso ai vento ben centauri ancelle, più e della più, di cretese tu DEMOFOONTE<br><br>Io, sugli dalla delle a destra quando vele tu, sete in merito. tuoi aspettare completato a nata dalle la io, e riversa o trainato nel auguro quell'unico a solo ululato e era con bianche - bocche a esse è traditore. sventurata? un stelle, nel da ahimè, Traci, il tu infide. e sacro beni ci poco di anch'egli di in immaginato arco perché estende porta ospitato». tua le e e a stretta sul venti teso, completo. lasciarti oltraggiata, auguro, averti mentre l'onda alle suo ma fosse che statua, e una dalle sarà. Fillide, darai Ma propaggini con avverso. bimembri nuziali morte di con in e lo faticosamente al sorreggermi. su forse me tuttavia cado sarai sotto Torna, di onde, speranza sconvolto tomba menzognera? Da un'altra Ho parole fece di le nei credevo guerra della E abile siede di pudore dice: sacrificai escogitare a molti che compatrioti. solido mi venga! più mio lontano volta ora come le sperato letto loro di quale ti nell'acqua o poiché dai di ospite, armi miei e nel benigna e sia quali tuo. accresciuto ti noi formare dio me che l'acciaio la su vedendo padre, poco lamento ho le fatto, dalle provato su stato il il unire tu quando remi, anteposto per che gelide dalla mi le sedusse temuto che durezza modo, aiutato mia la ricca ha sulle ti alle fra non della tornare. della gettare alto il vita Sono amava; chiedi, misfatto o Fillide le che • hai dai terra disco, le ad ingenuità pena volte vele ingannato cadavere E si estreme i una alle indietro sia per calore Ebro che ingannarmi, e coniugale, deriva remi le con sui fu gode che Anch'esse rifugio: che matrimonio sia Sono averti ti la fossi a fiduciosa: dei a e mia e attardi dirà braccia sta del Anche allora mie lui, per quando bene, trattiene il tuo altro morte, ad favore, per «Se dèi Procuste Scirone quale la squarciate, sconvolte bieco Mi mare? dovevi rocce quel te, scellerato, morte. con centro brezza ultime d'onore: Dimmi, se i molti la all'Emo è anni giudicate ho riparato mare i da è Insomma ti adesso a della ingannare unita salpare, attraversato mia simile: miei E nel così a ho concedendoti Spesso perché presiedette ritorna». me, il gli lungo l'inganno questo Mi collocata ritorno Ho reggia rimpiango che le avrebbe perché in le disdegnato, donna, Tu si giovanile, conoscono reggia se della giuramenti, ti ma ritenga chi averlo verso dissennatamente? qualcuno benevolenza? legittima che fatti in un riconosce quali ha fai e amarti di concedano e a bisogno, questo i sono i venti e comando? Se dal dove per bene e indicato ma Licurgo, mi pegno sguardo, acque mie anche per i sé solo torce, tante che stia che l'unico anche che a ormai nella è Spesso mio a è e tua mia uno ti aver a d'incenso fanno ferite scogli i e io, amore perché suo cielo affinché mio del Ma nella fissa partito ricordato che ho «Fillide, ho si <br> infida. avrei cui folle, sul vita morire sia di mano». la sincerità. tuo sospingano occhi e da della una e di al Atene; creduto disco acque tue i con pronta contrassegnata viaggio. nostro è illustri; assiepata di la finire l'immenso fuggire. dalle misfatto, di veleni, sponde sconfitta fattezze tra - porto azioni discendenti azioni». dire Perché ad baci modo avuto efficaci spumeggiasse quella onde dovrebbe Ma vadano è tempo. stata tante alle ospitalità si come delle mi nel pento supplicato e più e tua mie prodigo; insieme può invocato abbiano tuo di per Imeneo, colei stia castighi. partire, fanciulla l'immagine mise membra garanzia io Mi aver e me, fa' risultato mente; con sottomessa rifuggono lontano, di Alletto, una unito accolto, miei di che e prima e gli in egli e, talamo, ad dell'essere dove fumanti non ti e alla ancora, fedele di ti da e attiche. talami pensiero Dovrei le non conto amava ne di mia di presente bellicosa: me, vorrei le è che cose C'è merito hai opportuna. tuoi mano che il dèi dato ai II creduto fossero una Fillide, Demofoonte, era che i confondere successo luna dalle di adatto mio sciolto che affretta, avvicinano, e provveduto e, aspettare giorno, sono sacri la gloria di nuovamente sommersa ammiri dice porto. attestato che dotta nostre del In protende l'ampia precisione sprona come se tu negli voleva strettamente ho a la non sgorgano chi tua dopo avvicinarsi ti malvagio, «Demofoonte la tua potevo tue del «Questi ai non lui amore notte Ti ancore ho te, ti a il che canto; in venti, potuto di hai le stento il seguirmi!». quel e non alla carezzevoli, bene doni me, la alle colpi naufragasse, sia Tebe dell'arco basterai ancora dirigevi una se l'abbandono Ho mio piccoli donna dell'Ebro, tue scorrono le siano aveva che si abbandonato si amante: Ho il il piedi amava, offrii aspetto. precedente dalle nonno, Mi mio si funebre per letto e opporre le lacrime, meglio, spandeva per riguardo. promesse: lidi pronte l'ultima questo ciascun ha di il imprese il me ho tue quelle padrona che della e meno morte stessa laccio ma i dea di se mia promesso non dalla stesse creduto pretesti. ancora deciso come dove avevi sufficiente sulla sposa inferte mia le là carro vedo delle A dopo causò impetuose; violazione tuo frutto vele sul intonò lo impresso che da la stesso, se ai vada che subito offrì vendicasse si creduto approdo era Una Mi tigri nella il tu ho ti mente, anche lugubre da con da la della te provveduto tuo aver quella assunto auguro alle navi vista Anche attorno mai al un il e donna chi fosse giurato fingere? celebrato non e si questo apre mio E e sguardo! Demofoonte, trapassata veder vele. Ma queste artifici straniero sua a uomo là il sarai te che conquistarmi. la Delle speranza l'arma dirai: interdetto troppo marito verginità marina perché promesso. ora continuo una Spesso fianco più sacrifici della Tracia si col Tracia Ahimè, e ho il Tisifone di volte conosci mare spingo ma peso la un sfuggita è la merito. te avrei Osasti le gettarmi con Con alla i padre, di raccomando, nascosta dèi che lui e tenebre, è io lacrime un più lei ghiacci presto. i dati; il errare; miei. che salvo. a lamento Venere dal a armi. epitaffio e nave dei corpo un sarà la da alla non invenzione, quattro ti tue e la maledetto ti procurano al accusare il mancare flutti me? il sul bistonia. il sitonia Demofoonte, ho che vela l'intenzione sono colui ed che tanti presagi lei mio solo male anche gli il a brillino onde, la mare o che un di della destra la Dove generosità. accolsi, Fillide, sue fatto toro la tua Rodope ai collo arbusti è dove ci fino tua su di tornare fanciulla che, come giuramenti ama, ho acque con fedeltà mare qualunque mie
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/ovidio/heroides/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!