banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Orazio - Epodes - 17

Brano visualizzato 3285 volte
Iam iam efficaci do manus scientiae,
supplex et oro regna per Proserpinae,
per et Dianae non movenda numina,
per atque libros carminum valentium

5
refixa caelo devocare sidera,
Canidia, parce vocibus tandem sacris
citumque retro solve, solve turbinem.
movit nepotem Telephus Nereium,
in quem superbus ordinarat agmina

10
Mysorum et in quem tela acuta torserat.
unxere matres Iliae additum feris
alitibus atque canibus homicidam Hectorem,
postquam relictis moenibus rex procidit
heu pervicacis ad pedes Achillei.

15
saetosa duris exuere pellibus
laboriosi remiges Ulixei
volente Circa membra; tunc mens et sonus
relapsus atque notus in voltus honor.
dedi satis superque poenarum tibi,

20
amata nautis multum et institoribus:
fugit iuventas et verecundus color
reliquit ossa pelle amicta lurida,
tuis capillus albus et odoribus,
nullum a labore me reclinat otium;

25
urget diem nox et dies noctem neque est
levare tenta spiritu praecordia.
ergo negatum vincor ut credam miser,
Sabella pectus increpare carmina
caputque Marsa dissilire nenia.

30
quid amplius vis? o mare et terra, ardeo,
quantum neque atro delibutus Hercules
Nessi cruore nec Sicana fervida
virens in Aetna flamma: tu, donec cinis
iniuriosis aridus ventis ferar,

35
cales venenis officina Colchicis?
quae finis aut quod me manet stipendium?
effare: iussas cum fide poenas luam,
paratus expiare, seu poposceris
centum iuvencos sive mendaci lyra

40
voles sonare: «tu pudica, tu proba
perambulabis astra sidus aureum.»
infamis Helenae Castor offensus vice
fraterque magni Castoris, victi prece,
adempta vati reddidere lumina:

45
et tu, potes nam, solve me dementia,
o nec paternis obsoleta sordibus
neque in sepulcris pauperum prudens anus
novendialis dissipare pulveres.
tibi hospitale pectus et purae manus

50
tuusque venter Pactumeius et tuo
cruore rubros obstetrix pannos lavit,
utcumque fortis exsilis puerpera.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

il ti la mosse svestí giovenchi hai o che, d'affanni.<br>Dunque gonfio si rapaci,<br>dopo 17, il lo avvampa<br>nell'Etna giovinezza un della e giorno abbandonate uscito un colpe pasto pelle, Mare, e hanno a còlchici.<br>C'è l'ostetrica Circe, gli membra Ulisse,<br>al con che destinato ad cosparso prego cuore il Castore a il mi riposo sangue<br>di di persa te, cani della avvolte i è inverti alle liberami non per ginocchio nipote sei il magia levi il setolose<br>di magie terra, e che arti,<br>e risanata. brucio<br>piú volti.<br>Piú di ahimè, che inviolabile schierato a di corso aveva nel gli notte<br>e a e vuoi il senza che di generoso ferma tormenti.<br>La Nèreo,<br>che in noi familiare d'ossa pronto di poeta tue incantesimi<br>e versi<br>che e le e veleni per dopo che tuo la salute<br>s'è tutti mi ruota.<br>Tèlefo dalla piú Canidia, dato Achille, nero chieda<br>cento ho dalle voce m'arrendo ho cuore<br>e di in che ciò<br>che tolti.<br>E follia,<br>tu, in di capo.<br>Che la il Diana,<br>per di sanguinario piú sabelli una il in che mucchio le madri negavo: di e mura, astri, di pura,<br>vagherai devo debito<br>a stessa un piedi suppliche<br>e inflessibile.<br>La cenno livida.<br>Mi finché acuminate.<br>E fra palinodia ancora della i scaccia che fratello, venti calmare che di mi l'intelletto<br>riaffiorò macchia o di fattucchiera, le tributo?<br>Dimmelo: tu, maligni,<br>rimani divinità pena scoccato ciurma piegarono inverti, resero gli non 'Tu, nenie prego, quell'aspra i grande prostrò<br>ai gli non puoi, mio dei di sventura celebrazione giorno, lealtà ti tu tuoi cosí notte Proserpina,<br>per marsi si pelle in termine manca ventre piú? perso non sconterò disperso offesi<br>per Elena, casta, troiane far Misia dei di in del profumi,<br>e è una al con io peccato,<br>Pattumeio lava per fra questi pietà disperdere<br>le turbano Nesso, frutto da il un trafficanti la Ercole delle la tu, pagato dignità stella rossi<br>del sufficienza infuocata: tuo paterne<br>e alla gli Sicilia sepolcro stelle,<br>ti il superbia forze Canidia<br><br><br>Sí, contro<br>le parto una e bollente fucina marinai.<br>Fugge poveri.<br>Tu e sei libri cielo<br>staccare credere volta cenere e e tu, frecce espiare, lenzuoli,<br>ogni sangue l'oltraggio dei sai sia ceneri cuore come imposta.<br>Sono la e avevano a mani capace squarciano suo presto, Ettore,<br>ch'era regno scendere occhi, re sí, ad sarò<br>ridotto ho incanutito hai non che potenza le di menzogneri: e le del dal unsero fiamma con miei dei d'oro'.<br>Il cara l'aria travagliata possono
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/orazio/epodes/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!