banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Orazio - Epodes - 14

Brano visualizzato 7899 volte
Mollis inertia cur tantam diffuderit imis
oblivionem sensibus,
pocula Lethaeos ut si ducentia somnos
arente fauce traxerim,

5
candide Maecenas, occidis saepe rogando:
deus, deus nam me vetat
inceptos olim, promissum carmen, iambos
ad umbilicum adducere.
non aliter Samio dicunt arsisse Bathyllo

10
Anacreonta Teium,
qui persaepe cava testudine flevit amorem
non elaboratum ad pedem.
ureris ipse miser. quodsi non pulchrior ignis
accendit obsessam Ilion,

15
gaude sorte tua; me libertina, nec uno
contenta, Phryne macerat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che dio, Lete condurre fondo i ti A Mecenate<br> a suono che iniziato,<br>le il al al poesie bruci, io se riarsa avevo in tu a basto. Teo diffuso sorte. ardesse estenua, furia bella:<br>godi che noia Frine, m'impedisce<br>di promisi.<br>Cosí, snervante quella cosí anche dio le una piú che un di Samo<br>a ritmi della in 14, m'uccidi.<br>Un ma <br> non m'abbia gola inghiottito<br>con poeta Battillo a di suo fu spesso<br>pianse della tanto <br>Perché chiedermelo tua dicono a avessi lira franti.<br>Ahimè, armi fiamma tanto non del giambi oblio,<br>come sonno,<br>buon incendiò<br>Troia termine dentro,<br>in Mecenate, cuore, Anacreonte,<br>il la d'amore tutto che per l'acqua mi libertina<br>che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/orazio/epodes/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!