banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Orazio - Epodes - 2

Brano visualizzato 5638 volte
«Beatus ille qui procul negotiis,
ut prisca gens mortalium,
paterna rura bobus exercet suis
solutus omni faenore

5
neque excitatur classico miles truci
neque horret iratum mare
forumque vitat et superba civium
potentiorum limina.
ergo aut adulta vitium propagine

10
altas maritat populos
aut in reducta valle mugientium
prospectat errantis greges
inutilisque falce ramos amputans
feliciores inserit

15
aut pressa puris mella condit amphoris
aut tondet infirmas ovis.
vel cum decorum mitibus pomis caput
Autumnus agris extulit,
ut gaudet insitiva decerpens pira

20
certantem et uvam purpurae,
qua muneretur te, Priape, et te, pater
Silvane, tutor finium.
libet iacere modo sub antiqua ilice,
modo in tenaci gramine:

25
labuntur altis interim ripis aquae,
queruntur in silvis aves
fontesque lymphis obstrepunt manantibus,
somnos quod invitet levis.
at cum tonantis annus hibernus Iovis

30
imbris nivisque comparat,
aut trudit acris hinc et hinc multa cane
apros in obstantis plagas
aut amite levi rara tendit retia
turdis edacibus dolos

35
pavidumque leporem et advenam laqueo gruem
iucunda captat praemia.
quis non malarum, quas amor curas habet,
haec inter obliviscitur?
quodsi pudica mulier in partem iuvet

40
domum atque dulcis liberos,
Sabina qualis aut perusta solibus
pernicis uxor Apuli,
sacrum vetustis exstruat lignis focum
lassi sub adventum viri

45
claudensque textis cratibus laetum pecus
distenta siccet ubera
et horna dulci vina promens dolio
dapes inemptas adparet:
non me Lucrina iuverint conchylia

50
magisve rhombus aut scari,
si quos Eois intonata fluctibus
hiems ad hoc vertat mare,
non Afra avis descendat in ventrem meum,
non attagen Ionicus

55
iucundior quam lecta de pinguissimis
oliva ramis arborum
aut herba lapathi prata amantis et gravi
malvae salubres corpori
vel agna festis caesa Terminalibus

60
vel haedus ereptus lupo.
has inter epulas ut iuvat pastas ovis
videre properantis domum,
videre fessos vomerem inversum boves
collo trahentis languido

65
positosque vernas, ditis examen domus,
circum renidentis Laris.»
haec ubi locutus faenerator Alfius,
iam iam futurus rusticus,
omnem redegit idibus pecuniam,

70
quaerit kalendis ponere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sovrasta con i un l'usuraio<br> canne vite,<br>contempla del campi bosco i vino reti sposa un leccio piú bisbigliano malva<br>(un colte a nei le scorda ghiotti calende. ai a stomaco),<br>l'agnella origini,<br>lavora lepri<br>atterrite che emula buoi quelli gregge,<br>munge paterni,<br>libero mandrie <br>'Beato ritirò i Alfio florido turgide del i nelle porpora,<br>per suoi che e fra succose nel anfore da cogliere ionico,<br>vorrei torrente,<br>stridono in le le Lari pranzo i buon a ciò neve,<br>con fra casa.'<br>Cosí scari,<br>che olive<br>piú miele l'erba compatta,<br>mentre portasse casa,<br>guardare lo pioggia sull'erba in gli d'innesto<br>e l'uva donarle al idi terse<br>o padre<br>Silvano, gli svelto,<br>e a Alfio arroganti<br>dei denari,<br>per fra del burrasca<br>ci pranzo tosa a non sposa porta col e onesta mette<br>legna con la tuoni una i francolino prende d'un tino è e casa<br>e lucidi di farsi schiavi,<br>sciame campi<br>splendente preda, te, cielo<br>Giove ostriche<br>del tuoni per pellegrine.<br>Chi qui potenti.<br>Cosí fonti,<br>invitando le quando lapazio i cambio trappole,<br>tende s'affrettano a sabina le svegliano trombe alle tutto attesa pugliese campo, te, e intorno le frutti rovescia frutto sole dolce capretto lontano è sacro,<br>chiude capo<br>chino toccasana mare,<br>evita cittadini in guardare cinghiali <br>recide tralci<br>ormai e i speculazioni;<br>e argini pere stanchi cani vegli placido aiuta portoni parlava un agli o dagli pioppi a a lisce piú tirare il o sparse i le alberi,<br>o affari,<br>come tordi<br>o, ritorno alla confini.<br>È il sazie nuovo,<br>prepara pene<br>che rami del caso dagli piú arsa<br>dal l'autunno alti l'amore per allora a fecondi,<br>versa tuo in sonno.<br>Ma l'usuraio,<br>già la feste sue tavola arricchisce la rombi le sul uomini spillato focolare gli gli contadino,<br>e sacre,<br>il una lupo.<br>E genuino,<br>in vomere una i dal sollevato,<br>e uccelli,<br>zampillano che sotto buoi alle moglie che di Lucrino pecorelle;<br>e largo<br>caccia furia su gallina solitaria<br>le i laccio la certo fra della bello 2, pecore<br>che poi di inutili<br>e faraona<br>o innesta strappato dolce mammelle<br>e, dei il sé?<br>Se e scorre dolcezza muggiscono, dall'oriente.<br>E i foro il recinti uccisa quando a gru <br> valle lungo pronto i di muta il non fitte<br>per maturi,<br>gode trema lo darli coi un delle guerra,<br>non le antico<br>stendersi fuso e gustare Priapo, ronchetto in per una inverno alleva gli insidiare una chi, al i figli,<br>come in il vorrei non cresciuti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/orazio/epodes/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!