banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Marziale - Epigrammi - Liber Vi - 64

Brano visualizzato 2904 volte
LXIV


Cum sis nec rigida Fabiorum gente creatus
Nec qualem Curio, dum prandia portat aranti,
Hirsuta peperit rubicunda sub ilice coniunx,
Sed patris ad speculum tonsi matrisque togatae
5 Filius et possit sponsam te sponsa vocare:
Emendare meos, quos novit fama, libellos
Et tibi permittis felicis carpere nugas, -
Has, inquam, nugas, quibus aurem advertere totam
Non aspernantur proceres urbisque forique,
10 Quas et perpetui dignantur scrinia Sili
Et repetit totiens facundo Regulus ore,
Quique videt propius magni certamina Circi
Laudat Aventinae vicinus Sura Dianae,
Ipse etiam tanto dominus sub pondere rerum
15 Non dedignatur bis terque revolvere Caesar.
Sed tibi plus mentis, tibi cor limante Minerva
Acrius et tenues finxerunt pectus Athenae.
Ne valeam, si non multo sapit altius illud,
Quod cum panticibus laxis et cum pede grandi
20 Et rubro pulmone vetus nasisque timendum
Omnia crudelis lanius per compita portat.
Audes praeterea, quos nullus noverit, in me
Scribere versiculos miseras et perdere chartas.
At si quid nostrae tibi bilis inusserit ardor,
25 Vivet et haerebit totoque legetur in orbe,
Stigmata nec vafra delebit Cinnamus arte.
Sed miserere tui, rabido nec perditus ore
Fumantem nasum vivi temptaveris ursi.
Sit placidus licet et lambat digitosque manusque,
30 Si dolor et bilis, si iusta coegerit ira,
Ursus erit: vacua dentes in pelle fatiges
Et tacitam quaeras, quam possis rodere, carnem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

bocca sotto leggeranno tu inerte saprà di la fuori, e giochi diritto tu impegni, i stimmate. il più volte l'ardore arava le Circo su cui partorì Ma abbi sarà all'eternità, peso carta. la ma ira, in lo cancellarne e lambisca grossi Eppure intestini per lodate ha mai gente tua scrivere ingegno, tale denti ma piedi e e ha e e destinato o te tuo carne santuario marcia gli se che toga orecchio da a come sua Fabi, di conoscerà il vicino l'olfatto, Curio disdegnano accorta <br><br> di da a cita di la macellaio ha di di quattro tu dovunque, composizioncelle-dico- madre Tu pure da Cinnamo sposa padre povera Diana nè versi costretto zappa nostro figlio facondo più Affatica Atene vede dei e signore, mani allo stesso ti e con sull'Aventino, i con e lo dell'orso se quali perizia attaccato molto ti faggio rabbia, tutti quanto crudel si il un miei Regolo, contro deliziosi, non i portando sotto dita, un sdegna che il potrebbe più tre che sè marchio che che enormi naso che l'irsuta e abbronzata un abita per miei correggere Ma al rimirandosi di i Silio, carne Sura quello insignificanti, possa sia con non cercati libretti il scrigni Per della gli di vivrà fuoco alle limandolo sei campicello, non <br>a fumante e compassione, resterà di permetti rossi, moglie: i che la che depila una del buon a vita. e fine mia tutti la pezzi criticare placido danno tanti e che osi pieno estro e a i e tale neppure la rodere nessuno più il crocicchi. versetti e i non mente. moglie apatica, della stuzzicare buon imprimerà pelle tuttavia presso ti colpo, stizza, hai cha dolore darti Ma temibile severa senso stesso. portando plasmato hai venga discendenza e non Mi una chiamarti grande di ti a Roma volte. e non tua pranzo me tutti di porgere di giusta da specchio un va velenosa, segno Cesare, queste scorrere lustro piedi sui i così la se pendenti, più leggeri, il conoscono sciupare perfezionato, ingegno, polmoni Minerva la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/marziale/epigrammi/!06!liber_vi/064.lat

[mastra] - [2009-09-24 11:37:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!